Freeforumzone mobile

MEDITIAMO LE SCRITTURE (Vol.2)

  • Posts
  • OFFLINE
    Coordinatrice
    00 6/24/2011 7:40 AM
    Paolo Curtaz
    L’aurora luminosa

    Gesù e Giovanni, lo sposo e l'amico, il pieno giorno preceduto dall'aurora, il Verbo e la voce che lo indica, il Maestro e il servo. In questa domenica celebriamo con Solennità la nascita del più grande tra i figli di donna, il più grande tra i profeti, il più grande uomo della Storia, secondo quanto dice Gesù stesso. Giovanni è l'unico santo di cui ricordiamo sia la nascita che la morte, oltre a Maria, la madre di Dio.

    Profeti
    Sono sempre rimasto turbato e affascinato dalla nascita del Battista.
    Due sposi, anziani, sospirano per non avere avuto un bambino in un'epoca in cui l'infertilità era letta come una durissima prova divina. Ormai rassegnati, Zaccaria ed Elisabetta sono scelti per diventare i genitori di Giovanni. L'annuncio a Zaccaria, lo conoscete, avviene durante il servizio liturgico al Tempio. Lo sbalordimento di Zaccaria che riceve la visita dell'angelo mentre offre l'incenso e un leggero tentennamento nella risposta (come biasimarlo?) fanno sì che, per nove mesi, egli resterà muto.
    In questi tempi caotici e agitati mi piace la proposta di vivere l'evento di una nascita come se fosse un ritiro spirituale, nel silenzio che feconda il cuore, dopo avere fecondato il grembo.
    Zaccaria riflette e medita e, nel giorno della circoncisione, riacquista la parola.
    Lo fa dopo avere accettato la proposta dell'angelo riguardo al nome del nascituro.
    Era tradizione chiamare i figli col nome dei genitori o dei nonni.
    Giovanni sarà altro, diverso, consacrato al mondo, capostipite di una nuova famiglia.
    Zaccaria accetta sin dall'inizio di donarlo, di perderlo, di non possederlo. E gli si scioglie la lingua.
    Che mistero questa nascita! (Ogni nascita, ovvio, è mistero.)
    Ma cosa deve avere pensato Elisabetta mentre cullava il suo bambino e sentiva il marito, come un fiume in piena, raccontare l'apparizione e le parole dell'angelo? Cosa avrà pensato quando Zaccaria riportava, inquieto, le parole di Gabriele: «Egli è qui per la salvezza e la rovina di molti in Israele»?
    Giovanni, quindi, sarebbe diventato un profeta. Il profeta.
    E la mente di Elisabetta correva indietro agli ultimi profeti, vissuti molti secoli prima, ai grandi Isaia o Ezechiele o Daniele o... Dio non voglia... Geremia.
    Geremia: il figlio dell'inquietudine, l'uomo che divenne un muro di bronzo per il popolo. O Isaia ed Ezechiele che accompagnarono il popolo in esilio. O Daniele, che vide l'invisibile e la venuta del Messia in mezzo alla guerra e alla violenza.
    Elisabetta stringeva a sè il bambino ignaro. Una fitta le attraversava il cuore.
    (Un'altra fitta avrebbe trafitto un altro cuore di madre, quello di Maria la bella)

    Perché?
    Perché, onnipotente Creatore dell'universo, l'uomo ha bisogno di profeti? Perché non li riconosce mai al momento giusto e li uccide? O li applaude per smorzare la forza delle loro parole che frustano e giudicano? Perché, Signore degli eserciti, hai bisogno di uomini che scavino come un solco il popolo per potere seminare la tua Parola? Perché?
    Israele è stato attraversato da decine di profeti e la profezia è corsa a fiumi in certi momenti.
    I profeti hanno sempre aiutato il popolo a leggere la presenza di Dio nella vita di Israele.
    Hanno scosso, gridato, condiviso, minacciato, pianto il dolore di Dio e la sua gelosia.
    Hanno vissuto, desiderato, sussurrato, manifestato il suo amore senza misura.
    Da secoli, ormai, nessuno sa più profetare.
    Giovanni, ora, sarà l'ultimo profeta.
    Qualche settimana prima Elisabetta aveva visto la piccola Mariam. E i due, bimbi nel pancione l'aurora e il sole, si erano salutati.

    Immenso
    Immenso Giovanni seccato dal vento del deserto. Immenso profeta acido e violento, dai lunghi solchi che scavano le guance, roso dalla propria missione, svuotato dai lunghi digiuni e dalla penitenza! Quando sei andato via di casa per seguire quella voce interiore? Quando hai sentito la derisione dei tuoi compagni che ti prendevano per pazzo? Quanto silenzio assordante hai dovuto sopportare prima di scoprire che tu eri voce? Quante volte hai scrutato i volti tra la folla che giungeva a fiumi e si gettava in ginocchio davanti a te per vedere se – infine – egli fosse giunto?
    Quanto ti è costato dire che tu non eri nulla e che scomparivi davanti a lui, e che lui avrebbe acceso il fuoco che tu stavi preparando? Quanta verità in te, immenso Giovanni, che non hai cavalcato l'entusiasmo, che non hai giocato a fare il Messia o il guru ma sei stato al tuo posto rifiutando ogni corona e ogni gloria?
    Cosa hai provato vedendolo in mezzo ai penitenti – l'immacolato, il senza colpa, il puro – venire a chiederti il battesimo?
    E quanta solitudine e sconcerto hai provato – ultima prova, definitiva prova – quando nel buio di una cella ti sei chiesto se fosse davvero lui il Messia o se ti eri preso un abbaglio?
    Grande Giovanni, grande profeta che hai suscitato l'ammirazione di Dio.

    Scovateli!
    I profeti esistono ancora, sono presenti in mezzo a noi.
    Sono uomini e donne che vivono il Vangelo con tale coinvolgente semplicità e convinzione da diventare un segno di conversione per noi tutti, senza saperlo essi stessi.
    Quella coppia che allarga la propria casa per prendere in affido un bimbo ferito dentro, quel giovane che dedica il pomeriggio a tenere i ragazzi e ad educarli alla vita, quel consacrato che consuma giorni e salute a dare speranza ai disperati... siamo circondati da silenziosi testimoni, da migliaia di profeti che danno testimonianza al Rabbì!
    Propongo di aggiungere ai nostri quotidiani, accanto alla cronaca nera, la cronaca bianca: qualche saggio della luce che l'uomo è ancora capace di sprigionare.
    Accogliere profeti significa scrutare, interrogarsi, non dare per scontate la vita di fede e la fedeltà al Vangelo. Tempi nuovi chiedono modi nuovi di vivere ed annunciare il Vangelo. I profeti hanno faticato e tribolato per scrutare i segni dei tempi.
    Le nostre comunità lo fanno? Lo sanno fare? Lo vogliono fare?
    Siamo chiamati, come comunità di discepoli, a riscoprire il nostro ruolo profetico.
    Non basta inanellare la consueta litania di Messa-sacramenti-devozione per diventare testimoni: è urgente e vitale riappropriarsi del ruolo profetico (scomodo) della Chiesa nel mondo d'oggi.
    Guai ad una Chiesa che è sempre dalla parte del forte! Guai alla Chiesa che si lamenta senza vedere le grandi opere che Dio ancora compie! Guai alla Chiesa che accetta gli applausi e i primi posti nei conviti! Dobbiamo riscoprire la grazia di camminare con i poveri, di denunciare le ingiustizie, per proporre evangelicamente cammini di conversione a partire da noi stessi.
    Ciascuno di noi è chiamato a diventare profeta, a diventare segno là dove vive, ad essere, almeno un poco, trasparenza di Dio.
    Mi viene in mente il sospiro di Mosè che, commentando il fatto che alcuni profetizzavano senza suo permesso, sognava: "Fossero tutti profeti i figli di Israele!".

    Sul sito www.tiraccontolaparola.it, nel settore "Conferenze", trovate una nuova serie di miei interventi su diversi temi (tutto il 2007) scaricabili in mp3 o richiedibili in Cdrom. Don Paolo.

  • OFFLINE
    Coordinatrice
    00 6/30/2011 8:20 AM
    Eremo San Biagio  
    Giovedì della XIII settimana del Tempo Ordinario (Anno II) (04/07/2002)
    Vangelo: Mt 9,1-8   Clicca per vedere le Letture (Vangelo: Mt 9,1-8)

    Dalla Parola del giorno
    Portarono a Gesù un paralitico steso su un letto. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: "Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati".

    Come vivere questa Parola?
    Lo stesso episodio è narrato in Marco (2,1-12) e in Luca (5,17-26), con maggiore ricchezza di particolari. Nella sua essenzialità Matteo però fa emergere due elementi importanti: L'evangelista non dice che Gesù ha notato la fede del paralitico, ma si esprime così: "vista la loro fede". Non è neppure detto chi sono quelli che "portano un paralitico steso su un letto". Sono certo dei credenti: immagine dunque della comunità di coloro che sono Chiesa, la cui preghiera ha forza d'intercessione proprio perché sgorga da cuori uniti nel nome del Signore. Il secondo elemento importante è l'inattesa parola detta da Gesù al paralitico. Ci si aspetterebbe che, richiesto di una guarigione fisica, subito la conceda. Invece no! Gesù sa che la vera paralisi per l'uomo è di ordine spirituale. E' l'impedimento ad amare e dunque a fare il bene che viene da quel blocco che è il peccato. Ecco perché l'esperienza della salvezza è in primo luogo quel sentirsi dire: "Coraggio, ti sono rimessi i tuoi peccati"

    Oggi, nella mia pausa contemplativa, visualizzo tutto l'episodio narrato da Matteo. Vedo anche i malpensanti che si scandalizzano alla parola di Gesù, fino a pensare che Gesù bestemmi. Davvero perdonare può solo Dio. E non è Dio Gesù? Nel mio cuore mi unisco poi all'esperienza di fede dei martiri, dei santi di tutti i tempi. Mi unisco a loro perché la mia fede diventi forte profonda vera: come la loro. E poi, consapevole delle mie "paralisi", dico a Gesù: perdona ogni mia negligenza nell'amare e salvami
    .

    La voce del monachesimo egiziano
    Il maligno inquinò e fece deviare tutto l'uomo, anima e corpo, e lo ricoprì della realtà dell'uomo vecchio, cioè con quella dell'uomo profanato, contaminato, ostile a Dio e ribelle alla sua legge. Preghiamo Dio che ci renda nudi dell'uomo vecchio. Lui solo può liberarci dal peccato. Le forze del male che ci tengono schiavi nel regno del maligno sono più forti di noi; ma il Signore ci ha promesso di liberarci da questa schiavitù.
    Pseudo-Macario

4 / 4