Freeforumzone mobile

FESTIVITA' E RICORRENZE

  • Posts
  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/14/2010 11:28 PM
    Fare MEMORIA di alcuni eventi particolarmente importanti
    nella storia della salvezza, vissuti attraverso le vicende umane del Signore stesso
    o della sua santissima Madre o dei santi e dei martiri,
    ci aiuta a valorizzare meglio non solo gli eventi ricordati
    ma anche ad applicarli efficacemente alla nostra vita personale e comunitaria,
    in quanto inseriti nella stessa economia salvifica.
    [Edited by Credente. 11/22/2010 12:30 PM]
  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/14/2010 11:29 PM

    14 SETTEMBRE: ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE


    La prima Festa in onore della Croce fu celebrata nel 335. Dopo l’editto di Costantino nel 312 il Cristianesimo cominciò ad espandersi serenamente. Si volle onorare la Croce di Gesù con la sua “esaltazione”, anche per il ritrovamento della preziosa reliquia del Golgota.

    Se per il mondo il termine croce assapora l’amaro e la sofferenza, per il Cristianesimo la Croce è il segno di riconoscimento dei seguaci di Cristo, per questo c’è l’elevazione e la celebrazione, si fa l’elogio della Croce e la si porta in trionfo.

    La celebrazione della Croce non è un trionfo astratto, inconsistente o superficiale, al contrario la Croce è per noi come uno specchio, la fonte in cui troviamo le risposte alle nostre sofferenze, alle umiliazioni, alle malattie. La Croce ci dice che la sofferenza accettata con amore è glorificazione, unione con Gesù, condivisione della Passione e della Risurrezione.  

    La Croce non è prettamente un contrassegno, non è un ornamento inutile come vogliono imporre molti anticlericali frustrati e sbandati. Nella Croce troviamo l’Amore di Dio per noi peccatori, la sua infinita misericordia, la pazienza di un Dio che si vede tradito da coloro che aveva beneficato, la forza per resistere a qualunque sofferenza e superarla con la preghiera costante ed umile.

    La Croce è la nostra vittoria sul male, sul demonio, su chi non ci ama e si scontra prima o poi con Dio. È vero che non amiamo le croci che portiamo sulle spalle, ma le sopportiamo con amore. Le croci sono un tormento, la Croce ci spiega come accettarle e sforzarci per vincerle.

    Chi non crede o chi non ha una Fede matura considera le croci come una punizione, invece, chi ha Fede vede nelle croci la possibilità di rientrare in sé e scoprire tutto ciò che non è buono, per cambiare mentalità, comportamenti, linguaggio.

    Molti Santi si sono convertiti a Gesù dopo avere incontrato sofferenze indicibili, nessuno deve quindi pensare che le croci siano una punizione. Le croci non le manda mai Gesù, ricordatelo bene, ma Lui utilizza il male trasformandolo in bene. Occorre la nostra disponibilità, il nostro ritorno a Lui e l’impegno di una vita nuova.

    In molte famiglie toccate dalla sofferenza si ritorna a pregare, dopo una vita condotta nell’indifferenza, curando solo l’apparenza, il benessere e la vita frivola. L’incontro con la sofferenza alle volte spinge una sola persona a pregare, poi con il tempo anche gli altri familiari cominciano a pregare e la famiglia si salva, molto spesso si vince ogni malattia. Perché Gesù può tutto, niente è a Lui impossibile.

    Voi non immaginate quante persone mi hanno detto che benedicono la sofferenza o le loro croci, perché attraverso la sofferenza hanno incontrato Gesù, hanno trovato il senso della vita, sono ritornati a vivere come figli di Dio e non più come figli del Male.

    La Croce di Gesù è trionfo, pace, amore, potenza.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/15/2010 7:23 PM

    15 settembre


    Beata Vergine Maria Addolorata


    Questa Festa della Madonna viene dopo l’esaltazione della Croce, perché sotto il patibolo era presente la Madre Addolorata. Questo momento della sua vita è stato il più doloroso per una madre, e nessuna madre ha mai sofferto nella storia come la Madonna.

    La sua sofferenza è quasi infinita perché Madre di Dio che è infinito, una sofferenza atroce perché ha condiviso moralmente la Passione sanguinosa di suo Figlio Gesù.

    Più la persona è pura e santa, più la sofferenza è straziante, crudele.

    Gesù era Uomo-Dio, la Madonna sotto la Croce era la Madre.

    Gesù inchiodato da grossi chiodi, Maria crocifissa nell’anima.

    Nessuno potrà mai comprendere la sofferenza della Madonna sotto la Croce: prima accetta la morte terribile del Figlio, poi Lo offre al Padre, e condivide nello spirito i suoi dolori.

    Ogni colpo sferrato violentemente sui chiodi e che spappolavano le Carni immacolate di Gesù, erano colpi che penetravano con la stessa intensità, ma spirituale, nel Corpo immacolato di Maria Vergine. L’intensità dei colpi ai chiodi era la stessa intensità che crocifiggeva Maria.

    Si può descrivere la sofferenza della Madre sotto la Croce ancora per molte pagine, voglio farvi notare come la vostra sorpresa può essere notevole, molti conoscono la Madonna per le apparizioni di Medjugorje, pensano che sia una Madre felice, perché in Cielo c’è solamente la gioia. Non è proprio così, la Madonna in Cielo gode la gioia piena, è glorificata in Anima e Corpo, ma allo stesso tempo è preoccupata per la sorte dei suoi figli peccatori. E piange.

    In molte parti del mondo ha lacrimato, nel 1846 apparve a Massimino e Melania a La Salette e mentre parlava, grosse lacrime rigavano il dolce viso, mentre ricordava i peccati commessi dall’umanità. È una Madre preoccupata per tutti noi, questo è il motivo delle prolungate apparizioni a Medjugorje.

    Tutte le madri dovrebbero conoscere bene la Madre Addolorata, comprenderebbero meglio quale vero amore si deve portare ai figli, in che modo si deve accettare con pazienza la sofferenza dei figli sbandati, e la preghiera che deve sgorgare di continuo.

    I vostri figli vivono nel mondo, non sono protetti, sempre esposti a pericoli.

    Oggi questa umanità ha costruito una civiltà senza Dio e si prostra davanti a molti idoli, come il denaro, il piacere, l’orgoglio, la superbia, la violenza e l’impurità. L’impressione è che satana sia dominatore, padrone del regno che si è costruito in questo mondo.

    Il mondo è bisognoso di compassione, solo la Madre Divina può aiutarlo.

    Perché l’Addolorata conosce bene come superare le sofferenze più amare, Ella è la Madre dei dolori, Corredentrice socia dell’unico Redentore eterno. La Madre che ha partecipato alla Passione di Gesù, l’Uomo che assommava su di sé tutto il dolore di ogni uomo esistito.

    La Madonna è stata la perfetta Discepola di Gesù, Colei che davanti all’Arcangelo inviato da Dio aveva risposto: “Eccomi, sono la Serva del Signore, avvenga in me secondo la tua parola”.

    In due circostanze Gesù La chiama “Donna”, e la seconda volta, mentre sta morendo in Croce, La identifica con l’umanità da salvare, e vorrebbe dirle Madre, perché infinito era l’affetto del Figlio per Maria.

    “Donna” detto da Gesù è un grande riconoscimento alla Madre, per la sua intima e profonda partecipazione alla sua sofferenza, e per questo è la Corredentrice del genere umano. Così “Donna” diventa “Madre” a pieno titolo, solo Ella ha potuto accettare una simile morte del proprio Figlio.

    Quando Gesù dice: “Ecco tuo figlio”, indicando Giovanni, in realtà indica se stesso alla Madre, e in Lui indica tutti noi a Maria. Gesù si è offerto al Padre e a noi ha offerto la Madre.

    La maternità della Madonna sotto la Croce è diventata universale, così Lei entra nel nostro mondo e diventa la Corredentrice, la Madre di tutti i figli che vogliono conformarsi a Cristo.

    Oggi Gesù guarda sempre con infinito Amore la Madre e La indica a tutti come la vera Madre. Lo dice a noi, alla Chiesa, all’umanità, a chi soffre e a chi ha smarrito la via del Vangelo.

    A tutti Gesù dice: “Ecco la tua Madre!”.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 9/21/2010 8:22 AM
    21 Settembre   Festa di s. Matteo Apostolo ed evangelista.

    Nel Vangelo odierno Matteo stesso racconta la propria chiamata da parte di Gesù. San Gerolamo osservava che soltanto lui, nel suo Vangelo, indica se stesso con il proprio nome: Matteo; gli altri evangelisti, raccontando lo stesso episodio, lo chiamano Levi, il suo secondo nome, probabilmente meno conosciuto, quasi per velare il suo nome di pubblicano. Matteo invece insiste in senso contrario: si riconosce come un pubblicano chiamato da Gesù, uno di quei pubblicani poco onesti e disprezzati come collaboratori dei Romani occupanti. I pubblicani, i peccatori chiamati da Gesù fanno scandalo.
    Matteo presenta se stesso come un pubblicano perdonato e chiamato, e così ci fa capire in che cosa consiste la vocazione di Apostolo. E prima di tutto riconoscimento della misericordia del Signore.
    Negli scritti dei Padri della Chiesa si parla sovente degli Apostoli come dei "principi"; Matteo non si presenta come un principe, ma come un peccatore perdonato. Ed è qui ripeto il fondamento dell'apostolato: aver ricevuto la misericordia del Signore, aver capito la propria povertà e pochezza, averla accettata come il "luogo" in cui si effonde l'immensa misericordia di Dio: "Misericordia io voglio; non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori".
    Una persona che abbia un profondo sentimento della misericordia divina, non in astratto, ma per se stessa, è preparata per un autentico apostolato. Chi non lo possiede, anche se è chiamato, difficilmente può toccare le anime in profondità, perché non comunica l'amore di Dio, l'amore misericordioso di Dio. ~ vero Apostolo, come dice san Paolo, è pieno di umiltà, di mansuetudine, di pazienza, avendo esperimentato per se stesso la pazienza, la mansuetudine e l'umiltà divina, se si può dire così: l'umiltà divina che si china sui peccatori, li chiama, li rialza pazientemente.
    Domandiamo al Signore di avere questo profondo sentimento della nostra pochezza e della sua grande misericordia; siamo peccatori perdonati. Anche se non abbiamo mai commesso peccati gravi, dobbiamo dire come sant'Agostino che Dio ci ha perdonato in anticipo i peccati che per sua grazia non abbiamo commesso. Agostino lodava la misericordia di Dio che gli aveva perdonato i peccati che per sua colpa aveva commesso e quelli che per pura grazia del Signore aveva evitato. Tutti dunque possiamo ringraziare il Signore per la sua infinita misericordia e riconoscere la nostra povertà di peccatori perdonati, esultando di gioia per la bontà divina.
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 9/23/2010 8:45 AM

    23 settembre


    Oggi si festeggia San Pio da Pietrelcina, un uomo speciale, un eroe, un martire di amore e di sangue. Di Padre Pio ho una venerazione enorme, è stato un esempio straordinario di Sacerdote e di cristiano. Ha vissuto la sua vocazione sacerdotale come una donazione totale a Gesù, rinnegandosi per tutta la vita, avendo fissa nella mente la responsabilità davanti a Dio di aiutare, consigliare e salvare le anime.

    Questo enorme senso di responsabilità che possedeva Padre Pio è segno della sua maturità spirituale sovrumana, concentrando ogni suo gesto ed ogni opera verso Gesù, confrontandosi sempre con il Vangelo, guardando la Madonna come modello da imitare.

    Le persecuzioni e le diffamazioni che patì il Santo sono incalcolabili ed incredibili. Addirittura alcuni frati cappuccini negli anni 60’ piazzarono un microfono nel confessionale e registravano le Confessioni per scoprire la finalità di Padre Pio, che voleva rendere proprietaria la Santa Sede dell’ospedale di San Giovanni Rotondo da Lui fondato. Ma i frati non erano d’accordo, volevano mettere le mani sull’importante struttura.

    Padre Pio fu condannato ben cinque volte dall’ex Sant’Uffizio, ma non c’erano mai prove, solo congetture, messe in piedi da persecutori pieni di odio, invidia, malizia.

    Ed è sempre così, la persona che vuole compiere un serio cammino spirituale, viene colpita da ogni forma di cattiveria e di falsità, è l’unico modo che ha satana per danneggiare quella persona con la prospettiva di spaventarla, farla stancare e fermarla.

    Ma a noi viene in soccorso la Madonna, non solo ci protegge e ci guida, infonde in noi una speranza fiduciosa che addolcisce le pene delle persecuzioni e ci fa vedere nello spirito il futuro pieno di consolazione e di gloria.

    Padre Pio è un grande esempio anche in questo caso: davanti a sofferenze e persecuzioni indicibili, mai si demoralizzò e mai indebolì la sua preghiera. Al contrario, aumentò le penitenze, i sacrifici, le preghiere, le veglie notturne. Da questo comprendete perché Padre Pio è uno dei più grandi Santi della Chiesa.

    Ci sono innumerevoli aspetti della sua vita che meritano di essere vagliati. Ne considero tre: la Messa, la Confessione, la devozione all’Eucaristia.

    La Messa celebrata da Lui durava diverse ore, non ha mai tenuto una sola omelia perché in un convento c’era un solo incaricato per farla. La sua Messa in alcuni periodi durava un po’ meno perché glielo imponevano le condanne che subiva periodicamente.

    Rimaneva per lunghe ore a confessare, a consigliare, a spezzare le catene infernali dei peccati. Milioni di persone andavano da lui e trovavano Gesù ad abbracciarli. Se ne tornavano cambiati, rinati e decisi a pregare ogni giorno.

    Poi, quando non confessava rimaneva davanti l’Eucaristia ad adorare Gesù, ringraziarlo e parlargli dei devoti che chiedevano Grazie o dei peccatori da convertire.

    Molti si sono chiesti perché era perseguitato. Non era la Chiesa a perseguitarlo, ma alcuni uomini di Chiesa che ricoprivano ruoli decisionali, e la mancata conoscenza della santità di Padre Pio era dovuta alla mancata spiritualità, forse a tradimenti a Dio, l’odio verso i veri seguaci di Gesù, l’avversione contro chi pregava intensamente per la salvezza dei peccatori.

    Se ricordate alcune frasi di Papa Benedetto XVI contro quei Vescovi che vivono il ruolo considerando la diocesi come una proprietà ed escludendo Gesù, si comprende bene il motivo delle persecuzioni a Padre Pio.

    Noi vogliamo una Chiesa umile e povera; senza interessi umani e pienamente adoratrice di Dio; non immersa nella politica ed in continua preghiera per i politici soprattutto quelli cattolici; distaccata dalla mondanità vanitosa e vicina alle persone che chiedono la guida spirituale e la Confessione frequente; fedele a Gesù storico e non ad un nuovo Gesù ideale e teorico, molto amato dai modernisti che vogliono affondare e sbriciolare il Cristianesimo.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 9/29/2010 1:37 PM

     SANTI ARCANGELI MICHELE, GABRIELE E RAFFAELE

     

     


    S0929 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Bianco

     
     

    Gli angeli sono esseri misteriosi, e in forma misteriosa ne parla il profeta Daniele nella celebre profezia sul Figlio dell'uomo che la liturgia ci fa leggere oggi:
    "Un fiume di fuoco scendeva dinanzi a lui; mille migliaia lo servivano e diecimila miriadi lo assistevano". Daniele non nomina gli Angeli: parla di fuoco, di migliaia, di miriadi di miriadi... Sono veramente esseri misteriosi. Noi li rappresentiamo come uomini dal viso soave e dolce, nella Scrittura invece appaiono come esseri terribili, che incutono timore, perché sono la manifestazione della potenza e della santità di Dio, che ci aiutano ad adorare degnamente: "A te voglio cantare davanti ai tuoi angeli, mi prostro verso il tuo tempio santo". Come preghiamo nel prefazio di oggi: "Signore, Padre santo, negli spiriti beati tu ci riveli quanto sei grande e amabile al di sopra di ogni creatura". Nella visione di Daniele non sono gli Angeli gli esseri più importanti: vediamo più avanti "uno, simile ad un figlio d'uomo" ed è lui, non gli Angeli, ad essere introdotto fino al trono di Dio, è a lui che egli "diede potere, gloria e regno", è a lui che "tutti i popoli serviranno". La stessa cosa vediamo nel Vangelo: gli Angeli sono al servizio del Figlio dell'uomo. "Vedrete i cieli aperti e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo" dirà Gesù, facendo allusione sia a questa visione di Daniele sia alla visione di Giacobbe, che nel sonno vede gli Angeli salire e scendere sul luogo dove è coricato e che dà il senso della presenza di Dio in tutti i luoghi della terra.
    Gli Angeli di Dio sono dunque al servizio del Figlio dell'uomo, cioè di Gesù di Nazaret; la nostra adorazione non è rivolta agli Angeli, ma a Dio e al Figlio di Dio. Gli Angeli sono servitori di Dio che egli, nella sua immensa bontà, mette al nostro servizio e che ci aiutano ad avere un senso più profondo della sua santità e maestà e contemporaneamente un senso di grande fiducia, perché questi esseri terribili sono al nostro servizio, sono nostri amici.
    Domandiamo al Signore che ci faccia comprendere davvero la sua santità e maestà infinite, perché ci prostriamo con sempre maggiore reverenza alla sua presenza, davanti ai suoi Angeli.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/1/2010 11:04 AM

    30 settembre:  S.Girolamo

    La vita:

    Studiò a Roma. Nel 379, ordinato prete dal vescovo Paolino di Antiochia, si recò a Costantinopoli, dove poté perfezionare lo studio del greco sotto la guida di Gregorio Nazianzeno (uno dei "Padri Cappadoci"). Risalgono a questo periodo le letture dei testi di Origene e di Eusebio.

    Dopo tre anni di vita monastica tornò a Roma, nel 382, dove fu segretario di papa Damaso I, divenendone il più probabile successore. Il rigore morale di Girolamo, però, non era ben visto da buona parte del clero, fortemente schierato su posizioni giovinianiste e decisamente contrario all'eliminazione delle agapete.

      « Oh vergogna, oh infamia ! Cosa orrida, ma vera !
    Donde viene alla Chiesa questa peste delle agapete?
    Donde queste mogli senza marito ?
    E donde in fine questa nuova specie di puttaneggio ?  »
     
    (dalla Lettera ad Eustochio, Sofronio Eusebio Girolamo)

    Alla morte di papa Damaso I, la curia romana contrastò con grande determinazione ed efficacia l'elezione di Girolamo, anche attribuendogli una forte responsabilità nella morte della sua discepola Blesilla. Questa era una nobile ventenne romana, appartenente alla gens Cornelia e rimasta vedova ancor fanciulla, che aveva seguito la madre Paola e la sorella Eustochio nell'abbracciare convintamente le rigide regole di vita cristiana teorizzate da Girolamo, fatte di preghiera, meditazione, astinenza e penitenza, ben presto morendo a causa dei troppi digiuni. Data la singolarità dell'evento e la grande popolarità della famiglia di Blesilla, il caso sollevò un grande clamore. Gli avversari di Girolamo poterono facilmente dimostrare che le mortificazioni corporali teorizzate dal futuro santo, erano semplicemente degli atti di fanatismo, i cui perniciosi effetti avevano portato alla prematura morte di Blesilla. Contro ogni pronostico, sul finire del 384, fu eletto papa Siricio e Girolamo, seguito dai suoi fedeli, tornò in oriente, dove continuò la sua battaglia in favore del celibato clericale e fondò alcuni conventi femminili e maschili, in uno dei quali trascorse gli ultimi anni. Morì nel 420, proprio nell'anno in cui il celibato, dopo essere stato lungamente disatteso, venne imposto al clero da una legge dell'imperatore Onorio.

    [Edited by Coordinatrice 10/1/2010 11:09 AM]
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/1/2010 11:05 AM

    1 ottobre: s.Teresa del Bambin Gesù

    Chi è Teresa di Lisieux?

    Una suora del monastero di Lisieux, il giorno della morte della giovane carmelitana, ebbe a dire a una sua consorella: «Ma chi è morta? Una suora come tante altre!».
    È vero, Santa Teresa di Lisieux è stata una suora come tante, che visse però la sua esistenza e la sua consacrazione al Signore in pienezza.
    Teresa è stata un’umile contemplativa che si è lasciata attirare e infuocare dall’Amore di Dio.
    «Che significa – scrisse Teresa - essere “attirati”, se non l’unirsi intimamente all’oggetto che ci ha catturato il cuore? Se il fuoco e il ferro avessero intelligenza, e quest’ultimo dicesse all’altro: attirami!, non proverebbe che desidera identificarsi col fuoco in modo che esso lo compenetri e lo intrida con la sua essenza bruciante e sembri diventare tutt’uno con lui? … ecco la mia preghiera: chiedo a Gesù di attirarmi nel fuoco del Suo amore, di unirmi a Lui cosi strettamente che in me viva e agisca Lui».
    Questo vivere d’Amore la spinse ad amare gli altri.
    «Signore, lo sai: io non ho altri tesori, se non le anime che a te è piaciuto unire alla mia; questi tesori me li hai affidati Tu. …Sento che quanto più il fuoco dell’amore infiammerà il mio cuore, quanto più dirò: “Attirami!, tanto più le anime che si avvicineranno a me (povero piccolo detrito di ferro inutile, se mi allontanassi dalla fornace divina), correranno anch’esse rapidamente all’effluvio del profumo del loro Amato, poiché un’anima infiammata di amore non sa rimanere inattiva».
    Teresa di Lisieux si è lasciata condurre dal fuoco del suo Amato a grandi intuizioni.
    La “piccola via”, quale strada alla santità; l’amore misericordioso e la tenerezza divina, espressioni dell’Amore di Dio per le sue creature.

    Una Santa che ha qualcosa da insegnare e da indicare all’uomo moderno.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/2/2010 1:54 PM

      Santi Angeli Custodi

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1002 ;
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Bianco

      

    I testi liturgici ci invitano a riflettere sulla nostra relazione con Dio e a prendere coscienza che su di essa è fondata la vera fraternità.
    La prima lettura, un passo dell'Esodo, parla dell'Angelo che il Signore manda davanti al suo popolo come protettore e come guida. "Dice il Signore: "Abbi rispetto della sua presenza, ascolta la sua voce ".
    Subito queste parole suscitano il sentimento della presenza di Dio. Ma il contesto biblico chiarisce che la presenza dell'Angelo indica che la relazione del popolo con Dio è ancora imperfetta, deve progredire. Dio non può rivelarsi pienamente, non può mettere il popolo in relazione immediata con se stesso perché è un popolo peccatore, ribelle, che si trova soltanto all'inizio del lungo cammino che lo condurrà alla Terra promessa, alla diretta presenza di Dio. L'Angelo è come un intermediario, colui che fa camminare verso Dio e che contemporaneamente, in un certo senso, protegge dalla sua terribile presenza, fino a quando il popolo sarà in grado di reggere di fronte alla sua maestà.
    L'Angelo ci fa ascoltare la voce di Dio; secondo la Bibbia la sua presenza accanto a noi non ha altro scopo che di metterci in relazione con lui. E Dio dice: "Ascolta la sua voce, non ribellarti a lui; egli non ti perdonerebbe, perché il mio nome è in lui".
    Se siamo docili a questa voce interiore, che è la voce stessa di Dio, siamo condotti progressivamente a una unione profonda con il Signore, simboleggiata nella Bibbia dalla entrata nella Terra promessa, il paese dove scorrono latte e miele, dove Dio prepara tutti i beni della salvezza.
    Anche il Vangelo di oggi parla del rapporto con Dio: "Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli".
    Gesù stesso ci dice come dobbiamo rapportarci gli uni agli altri e che, per rispettare veramente le persone, per avere rapporti cristiani, dobbiamo anzitutto pensare al loro rapporto con Dio. Avvicinando qualsiasi persona dobbiamo pensare che Dio l'ama, che ha dei progetti su di lei, che l'aiuta a corrispondere a questi progetti. Se ci pensiamo seriamente, il nostro atteggiamento sarà molto più positivo: avremo più pazienza, più comprensione e soprattutto più amore.
    Uno dei primi Gesuiti, il beato Pietro Fabre, che viaggiava molto e doveva incontrare tante persone, avvicinare tante autorità nella sua lotta contro l'eresia protestante, aveva molta devozione agli Angeli. Quando passava nelle città, quando si preparava ad incontrare qualcuno, pregava l'Angelo custode di queste città, di queste persone e otteneva grazie mirabili. Si era messo alla presenza di Dio e questa presenza irraggiava da lui sugli altri. Se ci ispiriamo a questo esempio, ogni nostro rapporto splenderà davvero della luce del Signore, nonostante noi siamo cosi deboli e imperfetti, e camminererno sempre più, con la sua grazia, verso la sua presenza.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/4/2010 4:04 PM

     SAN FRANCESCO D`ASSISI

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1004 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Bianco

    >

    San Francesco ha veramente realizzato il Vangelo che la liturgia ci fa proclamare nella sua festa: ha ricevuto la rivelazione di Gesù con il cuore semplice di un bambino, prendendo alla lettera tutte le parole di Gesù. Ascoltando il passo evangelico nel quale Gesù invia i suoi discepoli ad annunciare il regno, ha sentite rivolte a sé quelle parole, che diventarono la regola della sua vita. Ed anche a quelli che lo seguirono egli non voleva dare altra regola se non le parole del Vangelo, perché per lui tutto era contenuto nel rapporto con Gesù, nel suo amore. Le stimmate che ricevette verso la fine della sua vita sono proprio il segno di questo intensissimo rapporto che lo identificava con Cristo. Francesco fu sempre piccolo, volle rimanere piccolo davanti a Dio e non accettò neppure il sacerdozio per rimanere un semplice fratello, il più piccolo di tutti, per amore del Signore.
    Per lui si sono realizzate in pieno le parole di Gesù: "il mio giogo è dolce e il mio carico leggero". Quanta gioia nell'anima di Francesco, povero di tutto e ricco di tutto, che accoglieva tutte le creature con cuore di fratello, che nell'amore del Signore sentiva dolci anche le pene!
    Anche per noi il giogo del Signore sarà dolce, se lo riceviamo dalle sue mani.
    Nella lettera ai Galati san Paolo ci dà la possibilità di capire meglio alcuni aspetti di questo giogo con due espressioni che sembrano contradditorie ma sono complementari. La prima è: "Portate i pesi gli uni degli altri, così adempirete la legge di Cristo". I pesi degli altri: questo è il giogo del Signore. San Francesco l'aveva capito agli inizi della sua conversione. Raccontò alla fine della vita: "Essendo io in peccato, troppo amaro mi sembrava vedere i lebbrosi, ma lo stesso Signore mi condusse fra loro ed io esercitai misericordia con loro". Ecco il giogo, che consiste nel caricarsi del peso degli altri, anche se farlo ci sembra duro. E continua: "E partendomene, ciò che mi era apparso amaro mi fu convertito in dolcezza nell'anima e nel corpo". Per chi se ne è veramente caricato, il giogo diventa dolce.
    Poche righe più avanti troviamo la seconda frase di san Paolo: "Ciascuno porterà il proprio fardello". Si direbbe in contrasto con la prima, ma nel contesto il significato è chiarissimo: si tratta di non giudicare gli altri, di essere pieni di comprensione per tutti, di non imporre agli altri i nostri modi di vedere e di fare, di guardare ai propri difetti e di non prendere occasione dai difetti altrui per imporre alle persone pesi che non sono secondo il pensiero del Signore. San Francesco si preoccupava di questo e nella sua regola scrive: "Non ritenersi primo fra i fratelli": essere umili; "Non si considerino mai come padroni": non imporre pesi agli altri; e aggiunge: "Chi digiuna non giudichi chi mangia". E la delicatezza della carità, che se vede il fardello degli altri non li critica, non li giudica, ma piuttosto li aiuta.
    Prendiamo così su di noi il giogo di Cristo. Carichiamoci dei pesi degli altri e non pesiamo su di loro con critiche e giudizi privi di misericordia, perché possiamo conoscere meglio il Figlio di Dio che è morto per noi, e in lui conoscere il Padre che è nei cieli, con la stessa gioia di san Francesco.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/7/2010 10:15 AM

     Beata Maria Vergine del Rosario

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1007 ; PO274
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Bianco


    E’ chiaro il motivo che ha ispirato per la festa del Rosario la scelta di questo Vangelo: contiene le prime parole dell'Ave Maria: "Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te", che ripetiamo tante volte quando preghiamo il Rosario. E un modo di metterci alla presenza di Maria e nello stesso tempo alla presenza del Signore, perché "il Signore è con lei", di rimanere in maniera semplice con la Madonna, rivivendo con lei tutti i misteri della vita di Gesù, tutti i misteri della nostra salvezza.
    Il Vangelo dell'annunciazione a prima vista ci presenta un solo mistero, ma se guardiamo bene vi si trovano tutti i misteri del Rosario: l'annunciazione, ma anche la visitazione, perché vi si nomina Elisabetta, e il Natale di Gesù: "Concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù". Anche i misteri gloriosi sono annunciati: "Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore gli darà il trono di Davide suo padre... e il suo regno non avrà fine". E nella risurrezione e ascensione che Gesù riceve la dignità di re messianico, la gloria eterna nel regno del Padre. Dunque, misteri gaudiosi e misteri gloriosi. Sembra che manchino quelli dolorosi, ma troviamo anche quelli, non descritti, ma nel loro principio. Pensiamo alla risposta di Maria all'annuncio dell'Angelo: non è un grido di trionfo, ma una parola di umiltà: "Eccomi, sono la serva del Signore", che la mette in profonda consonanza con il Servo del Signore annunciato da Isaia, il Servo che sarà glorificato, ma prima umiliato, condannato, ucciso, "trafitto per i nostri delitti".
    Maria sa, per ispirazione dello Spirito Santo, che i misteri gloriosi non possono avvenire senza passaggio attraverso l'obbedienza fiduciosa e dolorosa al disegno divino.
    I misteri del Rosario sono una sola unità, ed è importante sapere che in ogni mistero gaudioso ci sono in radice tutti i misteri gloriosi e anche i dolorosi, come via per giungere alla gloria.
    Chiediamo alla Madonna di aiutarci a capire profondamente l'unità del mistero di Cristo, perché esso si possa attuare nei suoi diversi aspetti in tutti gli eventi della nostra vita.
    Mi piace riportare, a proposito della preghiera del Rosario, un piccolo testo che trovai anni fa in una rivista benedettina: "Dì il tuo Rosario dice Dio e non fermarti ad ascoltare gli sciocchi che dicono che è una devozione sorpassata e destinata a morire. Io so che cos'è la pietà, nessuno può dire che non me ne intendo, e ti dico che il Rosario mi piace, quando è recitato bene. I Padre Nostro, le Avemarie, i misteri di mio Figlio che meditate, sono Io che ve li ho dati. Questa preghiera te lo dico io è come un raggio di Vangelo, nessuno me la cambierà. Il Rosario mi piace dice Dio semplice e umile, come furono mio Figlio e sua Madre...".
    Rinnoviamo, se è necessario, la nostra stima per il Rosario. Certo, bisogna pregarlo con rispetto, ed è meglio dirne due decine senza fretta che cinque di corsa. Ma detto con tranquillità è un modo di essere in compagnia di Maria alla presenza di Gesù.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/18/2010 3:37 PM

    SAN LUCA   18 ottobre


     


    S1018 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Rosso

      

    L'evangelista Luca può esserci particolarmente caro perché è l'evangelista della Madonna. Solo da lui ci sono state tramandate l'annunciazione, la visitazione, le scene del Natale, della presentazione al tempio di Gesù. E si può anche dire l'evangelista del cuore di Gesù, perché è Luca che ci rivela meglio la sua misericordia: è l'evangelista della parabola del figlio prodigo un tesoro che troviamo soltanto nel suo Vangelo, della dramma perduta e ritrovata. E' l'evangelista della carità: lui solo ci racconta la parabola del buon samaritano, e parla dell'amore di Gesù per i poveri con accenti più teneri degli altri: ci presenta il Signore che si commuove davanti al dolore della vedova di Nain; che accoglie la peccatrice in casa di Simone il fariseo con tanta delicatezza e le assicura il perdono di Dio; che accoglie Zaccheo con tanta bontà da cambiare il suo esoso cuore di pubblicano in un cuore pentito e generoso.
    San Luca è dunque l'evangelista della fiducia, della pace, della gioia; in una parola possiamo dire che è l'evangelista dello Spirito Santo. Negli Atti degli Apostoli è lui che ha trovato la formula tanto cara alle comunità cristiane: "formare un cuor solo e un'anima sola", che è ripresa anche dall'orazione della Colletta di oggi:
    "Signore Dio nostro, che hai scelto san Luca per rivelare al mondo il mistero della tua predilezione per i poveri, fa' che i cristiani formino un cuor solo e un'anima sola, e tutti i popoli vedano la tua salvezza". E la comunità cristiana, fondata sull'amore di Gesù e anche sull'amore alla povertà: solo persone non attaccate ai beni terreni per amore del Signore possono formare un cuor solo e un'anima sola.
    Il Vangelo di san Luca lo rivela pieno di zelo. Soltanto lui riporta l'invio in missione dei settantadue discepoli (gli esegeti pensano che questo sia un numero simbolico e rappresenti le settantadue nazioni dell'universo) e alcuni particolari di questa missione: "Il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi". San Gregorio Spiega: "Bisogna che i discepoli siano messaggeri della carità di Cristo. Se non sono almeno due la carità non è possibile, perché essa non si esercita verso se stessi, ma è amore per l'altro".
    Ci sono dunque molti tesori nell'opera di san Luca e noi possiamo attingervi con riconoscenza, non dimenticando l'aspetto che l'evangelista sottolinea maggiormente: darci tutti al Signore, essere suoi discepoli pronti a portare la croce ogni giorno con lui. Allora il nostro amore è autentico e porta veramente i frutti dello Spirito: la pace, la gioia, la benevolenza.

    [Edited by Coordinatrice 10/18/2010 3:38 PM]
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 10/28/2010 4:47 PM

    SANTI SIMONE E GIUDA

    28 ottobre

     

     


    S1028 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Rosso

      

    La festa degli Apostoli ci dà l'occasione di acquistare maggiore consapevolezza delle due imprescindibili dimensioni della Chiesa, che è corpo di Cristo e tempio dello Spirito Santo, e non può essere l'uno senza l'altro. E un'illusione credere di poter ricevere lo Spirito Santo senza far parte del corpo di Cristo, perché lo Spirito Santoè lo Spirito di Cristo e si riceve nel corpo di Cristo. La Chiesa come corpo di Cristo ha anche un aspetto visibile: per questo Gesù scelse i Dodici e sceglie nel tempo i loro successori, a formare la struttura visibile del suo corpo, quasi continuazione dell'incarnazione. Appartenendo al suo corpo, possiamo ricevere il suo Spirito ed essere intimamente uniti a lui in un solo corpo e in un solo Spinto.
    La prima lettura, dalla lettera agli Efesini, esprime bene queste due dimensioni. "Siete edificati sopra il fondamento degli Apostoli e dei profeti, avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù": è l'aspetto visibile del corpo di Cristo, che è un organismo con la propria struttura. E in Cristo "la costruzione cresce ben ordinata":
    ogni membro ha la propria funzione e il proprio posto. Scrive Paolo più avanti nella stessa lettera: "E lui (Cristo) che ha stabilito alcuni come Apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori...". Ognuno ha ricevuto la grazia "secondo la misura del dono di Cristo". Ed ecco la seconda dimensione, invisibile: "In lui anche voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio per mezzo dello Spirito".
    Anche nella prima lettera ai Corinzi Paolo mette in evidenza lo stesso concetto: "I vostri corpi sono membra di Cristo... Il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo" (6,15.19).

  • OFFLINE
    Credente.
    00 11/1/2010 5:02 PM

    TUTTI I SANTI   1 novembre

     

     


    S1101 ;
    Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
    Colore liturgico: Bianco

    Scarica il foglietto della Messa >
    Scarica le Letture del Lezionario >

     

    Festeggiare tutti i santi è guardare coloro che già posseggono l’eredità della gloria eterna. Quelli che hanno voluto vivere della loro grazia di figli adottivi, che hanno lasciato che la misericordia del Padre vivificasse ogni istante della loro vita, ogni fibra del loro cuore. I santi contemplano il volto di Dio e gioiscono appieno di questa visione. Sono i fratelli maggiori che la Chiesa ci propone come modelli perché, peccatori come ognuno di noi, tutti hanno accettato di lasciarsi incontrare da Gesù, attraverso i loro desideri, le loro debolezze, le loro sofferenze, e anche le loro tristezze.
    Questa beatitudine che dà loro il condividere in questo momento la vita stessa della Santa Trinità è un frutto di sovrabbondanza che il sangue di Cristo ha loro acquistato. Nonostante le notti, attraverso le purificazioni costanti che l’amore esige per essere vero amore, e a volte al di là di ogni speranza umana, tutti hanno voluto lasciarsi bruciare dall’amore e scomparire affinché Gesù fosse progressivamente tutto in loro. È Maria, la Regina di tutti i Santi, che li ha instancabilmente riportati a questa via di povertà, è al suo seguito che essi hanno imparato a ricevere tutto come un dono gratuito del Figlio; è con lei che essi vivono attualmente, nascosti nel segreto del Padre.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 11/2/2010 7:19 AM

     COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI

    2 novembre)

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1102A ;
    Grado della Celebrazione: COMMEMORAZIONE
    Colore liturgico: Viola

    Scarica il foglietto della Messa >
    Scarica le Letture del Lezionario >
       

    Fino a quando il Signore Gesù verrà nella gloria, e distrutta la morte gli saranno sottomesse tutte le cose, alcuni suoi discepoli sono pellegrini sulla terra, altri che sono passati da questa vita stanno purificandosi, altri infine godono della gloria contemplando Dio. Tutti però comunichiamo nella stessa carità di Dio. L’unione quindi di coloro che sono in cammino con i fratelli morti non è minimamente spezzata, anzi è conservata dalla comunione dei beni spirituali (cfr Conc. Vat. II, Costituzione dommatica sulla Chiesa, «Lumen gentium», 49). La Chiesa fin dai primi tempi ha coltivato con grande pietà la memoria dei defunti e ha offerto per loro i suoi suffragi (ibidem, 50). Nei riti funebri la Chiesa celebra con fede il mistero pasquale, nella certezza che quanti sono diventati con il Battesimo membri del Cristo crocifisso e risorto, attraverso la morte, passano con lui alla vita senza fine. (Cfr Rito delle esequie, 1). Si iniziò a celebrare la Commemorazione di tutti i fedeli defunti, anche a Roma, dal sec. XIV.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 11/22/2010 12:25 PM


    22 novembre

     


    S1122 ; PO341
    s.CECILIA  patrona dei musicisti
    Grado della Celebrazione: Memoria

    Colore liturgico: Rosso


    Cecilia è una delle sette donna martiri di cui si fa menzione nel Canone Romano. Ad essa è dedicata una basilica in Trastevere a Roma (sec. IV). Il suo culto si diffuse dovunque prendendo l’avvio da una «Passione» nella quale viene esaltata come modello di vergine cristiana. Più tardiva è l’interpretazione del suo ruolo di ispiratrice e patrona della musica e del canto sacro. La sua memoria il 22 novembre è già celebrata nell’anno 546, come attesta il «Liber pontificalis» (sec. VI).

  • OFFLINE
    Credente.
    00 11/30/2010 1:53 PM

     SANT'ANDREA

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1130 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Rosso

     
     

    Oggi celebriamo la festa dell'Apostolo Andrea, fratello di Simon Pietro e amico di Giovanni e di Giacomo. Il Vangelo ci narra come Andrea ha ascoltato la parola di Dio che gli era rivolta: ""Seguitemi, vi farò pescatori di uomini". Ed essi subito, lasciate le reti, lo seguirono". E questa adesione pronta che ha permesso agli Apostoli di diffondere la parola, la "buona notizia" della salvezza. La fede viene dall'ascolto e ciò che si ascolta è la parola di Cristo, che anche oggi la Chiesa diffonde fino alle estremità della terra.
    Siamo dunque sollecitati ad ascoltare la parola, ad accoglierla nel cuore. Essa è un rimedio salutare. E una parola esigente, ed è questo il motivo per cui facilmente vorremmo chiudere le orecchie a Dio che ci parla: capiamo che l'ascolto avrà delle conseguenze. Dobbiamo pensare che la parola di Dio è davvero un rimedio, che se qualche volta ci fa soffrire è per il nostro bene, per prepararci a ricevere i doni del Signore.
    Ma la parola non è solo un rimedio, è un cibo, il cibo indispensabile per l'anima. E detto nei profeti che Dio metterà nel mondo una fame, non fame di pane, ma di ascoltare la sua parola. E di questa fame che abbiamo bisogno, perché ci fa continuamente cercare e accogliere la parola di Dio, sapendo che essa ci deve nutrire per tutta la vita. Niente nella vita può avere consistenza, niente può veramente soddisfarci se non è nutrito, penetrato, illuminato, guidato dalla parola del Signore.
    Nello stesso tempo la parola di Dio è una esigenza. Gesù ne parla come di seme che deve crescere e diffondersi Ovunque. Da questa parola viene la fecondità di Ogni apostolato. Se si dicono parole umane, non è il caso di considerarsi apostoli, ma se abbiamo accolto in noi la parola di Dio, essa ci spinge a proclamarla, a diffonderla dappertutto, per mettere gli uomini in comunicazione con Dio.
    Da san Giovanni sappiamo che non è facile ascoltare la parola di Dio, che non è opera umana.
    Gesù rimprovera ai farisei di non essere capaci di ascoltare la sua parola, perché non sono docili a Dio:
    "Chiunque ha udito il Padre e ha imparato da lui, viene a me" (Gv 6,45), dice il Signore: per ascoltare la parola di Dio bisogna essere stati intimamente docili al Padre.
    Infine, questa Parola fa la nostra felicità, perché è mezzo di comunicazione. La parola è sempre mezzo di comunicazione, è il mezzo per eccellenza della comunicazione umana. Senza di essa non potremmo comunicare fra noi, non potremmo capirci, non potremmo lavorare insieme. Ora, la parola di Dio è il mezzo della comunicazione con Dio. Se vogliamo essere in comunione con Dio dobbiamo accogliere in noi la sua parola.
    D'altronde è lui che nella sua bontà e generosità ci dà la sua parola, ci mette in comunicazione, è lui che parla per primo, che ci apre le orecchie perché possiamo ascoltare, come dice un salmo, e ci dà la gioia di parlare con lui. La parola di Dio è anche il mezzo migliore per essere in comunione fra noi. Non facciamoci illusioni: la vera fraternità è possibile soltanto nella parola di Dio. Se noi la rifiutiamo, i più bei desideri, i più bei propositi di essere in comunione con gli altri sono destinati al fallimento, perché manca il vero fondamento, che è la comunione con Dio.
    Domandiamo a sant'Andrea di insegnarci ad ascoltare, ad accogliere la parola di Dio molto generosamente, molto semplicemente, molto fraternamente, per essere in comunione con Dio e gli uni con gli altri.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 12/7/2010 9:09 AM

    Sant'Ambrogio   7 dicembre

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1207 ; EA022
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Bianco


     

    Ambrogio (Treviri, Germania, c. 340 – Milano, 4 aprile 397), di famiglia romana cristiana, governatore delle province del nord Italia, fu acclamato vescovo di Milano il 7 dicembre 374. Rappresenta la figura ideale del vescovo, pastore, liturgo e mistagogo. Le sue opere liturgiche, i commentari delle Scritture, i trattati ascetico-morali restano memorabili documenti del magistero e dell’arte di governo. Guida riconosciuta nella Chiesa occidentale, in cui trasfonde anche la ricchezza della tradizione orientale, estese il suo influsso in tutto il mondo latino. In epoca di grandi trasformazioni culturali e sociali, la sua figura si impose come simbolo di libertà e di pacificazione. Diede particolare risalto pastorale ai valori della verginità e del martirio. Autore di celebri testi liturgici, è considerato il padre della liturgia ambrosiana.

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/8/2010 9:10 AM

     IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA  8 dicembre

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1208 ;
    Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
    Colore liturgico: Bianco

    Scarica il foglietto della Messa >
    Scarica le Letture del Lezionario >

     

    ``Abramo concepì Isacco per la fede nella promessa di Dio “e divenne padre di molti popoli” (cf. Rm 4,18-22). Ugualmente Maria concepì Gesù per mezzo della fede. La concezione verginale di Gesù fu opera dello Spirito Santo, ma per mezzo della fede di Maria. È sempre Dio che opera, ma attraverso la collaborazione dell’uomo. Credere, infatti, è rispondere con fiducia alla parola di Dio, accogliere i suoi piani come se fossero propri e sottomettersi in obbedienza alla sua volontà per collaborarvi. La fede vuole sempre: 1) la fiducia in Dio e 2) la professione di ciò che si crede, poiché “con il cuore si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza” (Rm 10,10). Una volta riconosciuta vera la parola di Dio, Maria credette alla concezione verginale di Gesù e credette pure alla volontà di Dio di salvare gli uomini peccatori, la volle e aderì a quel piano lasciandosi coinvolgere: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto” (Lc 1,38). Dalla sua fede quindi nacque Gesù e pure la Chiesa. Perciò, insieme ad Elisabetta che esclamò: “Beata colei che ha creduto all’adempimento delle parole del Signore” (Lc 1,45), ogni generazione oggi la proclama beata (cf. Lc 1,48). La Chiesa ha il compito di continuare nel mondo la missione materna di Maria, quella di comunicare il Salvatore al mondo. Il cristiano di oggi deve fare proprio il piano di Dio “il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati” (1Tm 2,4), proclamando la propria salvezza e lasciandosi attivamente coinvolgere nel portare la salvezza al prossimo, poiché “in questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli (Gv 15,8).

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/16/2010 1:41 PM

     Santa Lucia   13 dicembre

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1213 ; EA031
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Rosso

        

    Santa Lucia, dal nome evocatore di luce, martirizzata probabilmente a Siracusa sotto Diocleziano (c. 304), fa parte delle sette donne menzionate nel Canone Romano. Il suo culto universalmente diffuso è già testimoniato dal sec. V. Un’antifona tratta dal racconto della sua passione la saluta come «sponsa Christi». La sua «deposizione» a Siracusa il 14 dicembre è ricordata dal martirologio geronimiano (sec. VI).

  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/26/2010 12:58 PM
    “Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia”.
    Soltanto la contemplazione può semplificare la nostra preghiera per arrivare a constatare la profondità della scena e del segno che ci è dato.
    Una mangiatoia, un bambino, Maria in contemplazione, Giuseppe meditabondo: “Veramente tu sei un Dio misterioso!”. Il Padre, il solo che conosce il Figlio, ci conceda di riconoscerlo affinché l’amiamo e lo imitiamo.
    Nessun apparato esteriore, nessuna considerazione, nel villaggio tutto è indifferente. Solo alcuni pastori, degli emarginati dalla società...
    E tutto questo è voluto: “Egli ha scelto la povertà, la nudità.
    Ha disprezzato la considerazione degli uomini, quella che proviene dalla ricchezza, dallo splendore, dalla condizione sociale”. Nessun apparato, nessuno splendore esteriore.
    Eppure egli è il Verbo che si è fatto carne, la luce rivestita di un corpo. Egli si trova nel mondo che egli stesso continuamente crea, ma vi è nascosto. Perché vuole apparirci solo di nascosto?
    Egli fino ad allora era, secondo l’espressione di Nicolas Cabasilas, un re in esilio, uno straniero senza città, ed eccolo che fa ritorno alla sua dimora. Perché la terra, prima di essere la terra degli uomini, è la terra di Dio. E, ritornando, ritrova questa terra creata da lui e per lui.
    “Dio si è fatto portatore di carne perché l’uomo possa divenire portatore di Spirito”,
    dice Atanasio di Alessandria.
    “Il suo amore per me ha umiliato la sua grandezza.
    Si è fatto simile a me perché io lo accolga.
    Si è fatto simile a me perché io lo rivesta”
    (Cantico di Salomone).
    Per capire, io devo ascoltare lui che mi dice:
    “Per toccarmi, lasciate i vostri bisturi...
    Per vedermi, lasciate i vostri sistemi di televisione...
    Per sentire le pulsazioni del divino nel mondo, non
    prendete strumenti di precisione...
    Per leggere le Scritture, lasciate la critica...
    Per gustarmi, lasciate la vostra sensibilità...”
    (Pierre Mounier).
    Ma credete e adorate.
    [Edited by Coordinatrice 12/26/2010 1:02 PM]
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/26/2010 12:59 PM
    Il brano del vangelo ci narra un episodio della vita di una famiglia ebrea, ma l’ambientazione è inusuale per una nascita. Si tratta di una famiglia emarginata socialmente. Eppure il bambino è Dio e la giovane donna l’ha concepito e partorito nella verginità. Alcuni pastori si affrettano, in risposta a un messaggio dal cielo, per riconoscerlo e glorificarlo a loro modo.
    Vi è difficile considerarlo vostro Dio?
    Volgete il pensiero per un attimo al fascino persistente esercitato da sua madre su uomini e donne di ogni ambiente e classe, su persone che hanno conosciuto successi o fallimenti di ogni tipo, su uomini di genio, su emarginati, su soldati angosciati e destinati a morire sul campo di battaglia, su persone che passano attraverso dure prove spirituali.
    Il genio artistico si è spesso consacrato alla sua lode: pensate alla “Pietà” di Michelangelo, al gran numero di Madonne medievali e rinascimentali, alle vetrate incantevoli della cattedrale di Chartres e alla più bella di tutte le icone: la Madonna di Vladimir, che aspetta con pazienza, nel Museo Tretiakov di Mosca, giorni migliori.
    Perché la Madonna ispira tanta umanità?
    Forse perché è, come dicono gli ortodossi, un’icona (= immagine) di Dio?
    Forse perché Dio parla per suo tramite anche se Maria resta sempre una sua creatura, sia pure una creatura unica grazie ai doni ricevuti dal Padre?
    Tutto ciò è stato oggetto di discussioni, spesso accese, quando spiriti grandi cercarono di esprimere in termini umani il mistero di Dio fatto uomo.
    Maria fu definita madre di Dio, “theotokos”, e ciò contribuì a calmare dispute intellettuali. Questo appellativo è particolarmente caro ai cristiani dell’Est, ai nostri fratelli del mondo ortodosso, ed è profondamente radicato nella loro teologia, ripetuto spesso nelle loro belle liturgie, specialmente nella liturgia bizantina, che è stata considerata la “più perfetta” proprio per via delle sue preghiere ufficiali dedicate al culto di Maria.
    Cominciamo l’anno nel segno di questo grande mistero.
    Cerchiamo allora di approfondire la nostra devozione a Maria, Madre di Dio e nostra, eliminandone, però, ogni traccia di sentimentalismo spicciolo.
    Tentiamo di convincere i giovani che si tratta qui di un idealismo rispondente, certo, alle aspirazioni più profonde dello spirito umano, ma che richiede impegno e molto coraggio.
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/27/2010 1:50 PM
    27 dicembre
    Si celebra oggi l’amore di Cristo in uno dei suoi discepoli a lui più vicini. Gesù, che era diventato l’amico più caro di Giovanni e che aveva condiviso con lui le gioie più intense e i dolori più profondi, era quel Dio che, come diceva l’Antico Testamento, non si poteva guardare senza morire. Eppure, giorno dopo giorno, Giovanni aveva guardato Gesù e aveva visto in lui un Dio il cui sguardo e il cui contatto danno la vita. Aveva spesso sentito la sua voce, ascoltato i suoi insegnamenti e ricevuto, per suo tramite, parole provenienti dal cuore del Padre. Aveva mangiato e bevuto con lui, camminato al suo fianco per molti chilometri, spinto da un irresistibile amore, che l’avrebbe portato inevitabilmente non al successo, ma alla morte: eppure, in ogni istante, aveva saputo che era quello il vero cammino di vita.
    Nella lettura del Vangelo di oggi, vediamo il discepolo “che Gesù amava” correre con tutte le forze, spinto proprio da quest’amore, verso il luogo in cui il Signore aveva riposato dopo aver lottato con la morte. Vede le bende e il sudario - oggetti della morte - abbandonati dal Signore della vita: le potenze delle tenebre erano state vinte nella tomba vuota, e nel cuore di Giovanni, che nella risurrezione riconosceva il trionfo dell’amore, spuntava l’alba della fede.
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 12/28/2010 11:49 AM

     SANTI INNOCENTI

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S1228 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Rosso
    28 dicembre

    Ascolta il Vangelo >  

    Da Betlemme si scorge, su una collina, una fortezza in rovina: si tratta della tomba del re Erode. Il luogo di nascita di Cristo, invece, era un’umile grotta. Questi due diversi luoghi ben caratterizzano i due diversi re; dobbiamo scegliere tra loro: l’uno era superbo e crudele, l’altro mite e umile. Erode cercava di eliminare ogni rivale, tanto che nemmeno la sua stessa famiglia era al riparo. Di conseguenza, il suo cuore, indurito da lunghi anni trascorsi nel peccato, non provò pietà alcuna per la sofferenza di bambini innocenti, che oggi commemoriamo.
    La loro morte ci pone di fronte a un paradosso: essi sono morti al posto di Cristo, venuto a morire per loro!
    Cristo, Principe della Pace, era venuto a riconciliare il mondo con Dio, a portare il perdono ai peccatori e a farci partecipare alla sua vita divina. Possiamo dunque essere sicuri che, nonostante non avessero bisogno di perdono, i santi Innocenti, che hanno perso la loro giovane vita per Cristo e per il suo vangelo, sono stati fra i primi a entrare nella gioia della vita eterna.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 1/1/2011 10:36 AM

     MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S0101 ;
    Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
    Colore liturgico: Bianco

      
      

    Il brano del vangelo ci narra un episodio della vita di una famiglia ebrea, ma l’ambientazione è inusuale per una nascita. Si tratta di una famiglia emarginata socialmente. Eppure il bambino è Dio e la giovane donna l’ha concepito e partorito nella verginità. Alcuni pastori si affrettano, in risposta a un messaggio dal cielo, per riconoscerlo e glorificarlo a loro modo.
    Vi è difficile considerarlo vostro Dio?
    Volgete il pensiero per un attimo al fascino persistente esercitato da sua madre su uomini e donne di ogni ambiente e classe, su persone che hanno conosciuto successi o fallimenti di ogni tipo, su uomini di genio, su emarginati, su soldati angosciati e destinati a morire sul campo di battaglia, su persone che passano attraverso dure prove spirituali.
    Il genio artistico si è spesso consacrato alla sua lode: pensate alla “Pietà” di Michelangelo, al gran numero di Madonne medievali e rinascimentali, alle vetrate incantevoli della cattedrale di Chartres e alla più bella di tutte le icone: la Madonna di Vladimir, che aspetta con pazienza, nel Museo Tretiakov di Mosca, giorni migliori.
    Perché la Madonna ispira tanta umanità?
    Forse perché è, come dicono gli ortodossi, un’icona (= immagine) di Dio?
    Forse perché Dio parla per suo tramite anche se Maria resta sempre una sua creatura, sia pure una creatura unica grazie ai doni ricevuti dal Padre?
    Tutto ciò è stato oggetto di discussioni, spesso accese, quando spiriti grandi cercarono di esprimere in termini umani il mistero di Dio fatto uomo.
    Maria fu definita madre di Dio, “theotokos”, e ciò contribuì a calmare dispute intellettuali. Questo appellativo è particolarmente caro ai cristiani dell’Est, ai nostri fratelli del mondo ortodosso, ed è profondamente radicato nella loro teologia, ripetuto spesso nelle loro belle liturgie, specialmente nella liturgia bizantina, che è stata considerata la “più perfetta” proprio per via delle sue preghiere ufficiali dedicate al culto di Maria.
    Cominciamo l’anno nel segno di questo grande mistero.
    Cerchiamo allora di approfondire la nostra devozione a Maria, Madre di Dio e nostra, eliminandone, però, ogni traccia di sentimentalismo spicciolo.
    Tentiamo di convincere i giovani che si tratta qui di un idealismo rispondente, certo, alle aspirazioni più profonde dello spirito umano, ma che richiede impegno e molto coraggio.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 1/6/2011 9:49 AM
    Una stella ha guidato i Magi fino a Betlemme perché là scoprissero “il re dei Giudei che è nato” e lo adorassero.
    Matteo aggiunge nel suo Vangelo: “Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono”.
    Il viaggio dall’Oriente, la ricerca, la stella apparsa ai Magi, la vista del Salvatore e la sua adorazione costituiscono le tappe che i popoli e gli individui dovevano percorrere nel loro andare incontro al Salvatore del mondo. La luce e il suo richiamo non sono cose passate, poiché ad esse si richiama la storia della fede di ognuno di noi.
    Perché potessero provare la gioia del vedere Cristo, dell’adorarlo e dell’offrirgli i loro doni, i Magi sono passati per situazioni in cui hanno dovuto sempre chiedere, sempre seguire il segno inviato loro da Dio.
    La fermezza, la costanza, soprattutto nella fede, è impossibile senza sacrifici, ma è proprio da qui che nasce la gioia indicibile della contemplazione di Dio che si rivela a noi, così come la gioia di dare o di darsi a Dio. “Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia”.
    Noi possiamo vedere la stella nella dottrina e nei sacramenti della Chiesa, nei segni dei tempi, nelle parole sagge e nei buoni consigli che, insieme, costituiscono la risposta alle nostre domande sulla salvezza e sul Salvatore.
    Rallegriamoci, anche noi, per il fatto che Dio, vegliando sempre, nella sua misericordia, su chi cammina guidato da una stella ci rivela in tanti modi la vera luce, il Cristo, il Re Salvatore.
  • OFFLINE
    Credente.
    00 1/21/2011 10:47 AM

     Sant'Agnese

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S0121 ; DO025
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Rosso

      

    Il tesoro per il quale un cristiano deve saper vendere tutto è l'amore di Dio: come san Paolo anche noi siamo certi che nulla potrà separarcene. Santa Agnese ci mostra oggi la vittoria dell'amore. Ma qual è questa vittoria? L'amore di Dio secondo san Paolo è l'amore cristiano cioè mai separato dall'amore del prossimo ed è bellissimo vederlo nei martiri. Malgrado le persecuzioni essi non sono mai venuti meno a questo amore più forte dell'odio. In modo speciale essi hanno riportato la vittoria dell'amore sull'odio non rinunciando mai ad amare i loro persecutori.
    Durante il periodo in cui la guerra infuriava nel Libano io ho avuto modo di leggere una lettera di un giovane cristiano di 22 anni scritta un mese circa prima di essere ucciso. Stava preparandosi al sacerdozio e nella previsione di poter morire, scrisse ai suoi familiari: "Ho una sola cosa da chiedervi: perdonate di cuore a quelli che mi avranno ucciso; domandate con me che il mio sangue serva come riscatto per il Libano, come offerta per la pace, per l'amore che sono scomparsi nel nostro paese e nel mondo; che la mia morte insegni agli uomini la carità. ~ Signore vi consoli. Io non rimpiango questo mondo ma mi rattrista il pensiero della vostra tristezza. Pregate, pregate e amate i vostri nemici".
    È una testimonianza viva della vittoria dell'amore cristiano. Ringraziamo il Signore di farci conoscere che anche oggi i cristiani muoiono come Gesù perdonando chi li uccide; preghiamo per i cristiani che sono tuttora perseguitati e domandiamo di poter essere promotori di unità con la carità che supera ogni odio.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 1/24/2011 1:30 PM

    San Francesco di Sales

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S0124 ; DO031
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Bianco

    c 

    San Francesco di Sales ha reso amabile la Chiesa in un tempo di lotte; è un esempio di dolcezza e ha saputo mostrare che il giogo del Signore è facile da portare e il suo carico leggero, attirando così molte anime.
    E un vero riposo per l'anima contemplare questo santo, leggere i suoi scritti, tale è la carità, la pazienza, l'ottimismo profondo che da essi si sprigiona. Qual è la sorgente di questa dolcezza? Essa viene da una grandissima speranza in Dio. Nella vita di san Francesco di Sales si racconta che nella sua giovinezza visse un periodo di prove terribili in cui si sentiva respinto da Dio e perdeva la speranza di salvarsi. Pregò, fu definitivamente liberato e da allora fu purificato dall'orgoglio e preparato a quella dolcezza che lo contraddistinse. Non faceva conto su di sé: aveva sentito con chiarezza quanto fosse capace di perdersi, come da solo non potesse giungere alla perfezione, all'amore, alla salvezza e questa consapevolezza lo rendeva dolce e accogliente verso tutti. Ma più ancora dell'umiltà quella prova gli insegnò la bontà del Signore, che ci ama, che effonde il suo amore nel nostro cuore.
    San Francesco esultava di gioia al pensiero che tutta la legge si riassume nel comandamento dell'amore e che nell'amare non dobbiamo temere nessun eccesso. Scrisse un lungo Trattato dell'amore di Dio e anche un libro più semplice, ma delizioso: Introduzione alla vita devota. Quest'ultimo lo compose capitolo per capitolo scrivendo lettere ad una giovane donna attirata da Dio. Parlandone a santa Giovanna de Chantal che già conosceva diceva di aver scoperto un'anima che era "tutta d'oro" e che egli cercava di guidare nella vita spirituale.
    E veramente meraviglioso vedere con quale semplicità e anche con quale ricchezza di immagini, di stile, questo vescovo sovraccarico di cure e di preoccupazioni trovava il tempo di esprimersi per rendere amabile la devozione ("La vera devozione diceva non danneggia niente e perfeziona tutto"), per mostrare che Dio non è un padrone duro, ma un Padre pieno di bontà, che quando trova un cuore ben disposto lo riempie di pace, di gioia, di soavità, lo introduce veramente in un paese dove scorrono latte e miele come dice la Scrittura. E proprio l'impressione che si prova leggendo san Francesco di Sales.
    La sua dolcezza non è debolezza, mancanza di energia: egli si donò sempre con vigore straordinario. Prima di essere vescovo aveva già esercitato il ministero nella regione dello Chablais che era tutta passata al protestantesimo ed era riuscito, con fatiche enormi anche fisiche, nei gelidi inverni alpini, superando tutte le difficoltà, a riportare quegli abitanti alla Chiesa cattolica: fu una delle grandi gioie della sua vita.
    Non riuscì però ad estendere il suo apostolato come avrebbe voluto. Non potè mai risiedere a Ginevra sua città episcopale, diventata roccaforte dei calvinisti che gliene proibirono l'accesso sotto pena di morte. Tentò una volta a rischio della vita ma inutilmente. Avrebbe potuto provare dispetto e amarezza di fronte a questo ostacolo insormontabile, ma la sua fiducia e il suo amore lo mantennero nella profonda pace di chi compie l'opera di Dio secondo le proprie possibilità. Anche questo è un trionfo della pazienza e della mitezza: non irrigidirsi, non amareggiarsi davanti a difficoltà che non si riesce a vincere ma continuare a vedere dovunque la grazia del Signore e a rendere amabili le sue vie.
    Domandiamo al Signore che ci faccia assomigliare a questo santo nella sua pazienza, dolcezza, semplicità, fiducia, che lo resero così simile a Gesù mite e umile di cuore.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 1/25/2011 8:16 AM

     CONVERSIONE DI SAN PAOLO APOSTOLO

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S0125 ;
    Grado della Celebrazione: FESTA
    Colore liturgico: Bianco

    Ascolta il Vangelo >  
    Oggi vediamo la potenza di Dio in san Paolo, divenuto da persecutore Apostolo che ha accolto la fede in Cristo e l'ha diffusa, con una fecondità apostolica straordinaria, che non è ancora cessata.
    Ma poiché siamo ancora nella settimana dell'unità, riflettiamo su alcuni aspetti della conversione di Paolo che si possono mettere in relazione con l'unità.
    San Paolo si preoccupava al massimo dell'unità del popolo di Dio. Fu proprio questo il motivo che lo spingeva a perseguitare i cristiani: egli non tollerava neppure il pensiero che degli uomini del suo popolo si staccassero dalla tradizione antica, lui che era stato educato, come egli stesso dice, alla esatta osservanza della Legge dei Padri ed era pieno di zelo per Dio. Ai Giudei che lo ascoltano dopo il suo arresto egli paragona appunto il suo zelo al loro: "... pieno di zelo per Dio, come oggi siete tutti voi".
    E dunque possibile essere pieni di zelo per Dio, ma in modo sbagliato. San Paolo stesso lo dice nella lettera ai Romani: "Essi hanno molto zelo, ma non è uno zelo secondo Dio", è uno zelo per Dio, ma concepito secondo gli uomini (cfr. Rm 10,2).
    Ora, mentre Paolo, pieno di zelo per Dio, usava tutti i mezzi e in particolare quelli violenti per mantenere l'unità del popolo di Dio, Dio lo ha completamente "convertito", rivolgendogli quelle parole che rivelano chiaramente quale sia la vera unità. "Chi sei, o Signore? Mi disse: Io sono Gesù il Nazareno, che tu perseguiti". Nelle tre narrazioni della conversione di Paolo molti dettagli cambiano: alcuni vengono aggiunti, altri scompaiono, ma queste parole si trovano sempre, perché sono veramente centrali. Paolo evidentemente non aveva coscienza di perseguitare Gesù, caricando di catene i cristiani, ma il Signore in questo momento gli rivela l'unità profonda esistente fra lui e i suoi discepoli: "Io sono Gesù il Nazareno, che tu perseguiti". Forse proprio allora Paolo ebbe la prima rivelazione del corpo di Cristo, del quale ha parlato poi nelle sue lettere. Tutti siamo membra di Cristo per la fede in lui: in questo consiste la nostra unità.
    Gesù stesso fonda la sua Chiesa visibile. "Che devo fare, Signore" chiede Paolo, e il Signore non gli risponde direttamente: "Prosegui verso Damasco; là sarai informato di tutto ciò che è stabilito che tu faccia". Lo manda dunque alla Chiesa, non vuole per il suo Apostolo una conversione individualistica, senza alcun rapporto con gli altri discepoli. Egli deve inserirsi nella Chiesa, Corpo di Cristo, al quale deve aderire per vivere nella vera fede.
    Dopo la sua conversione Paolo ha conservato in cuore il desiderio di essere unito al popolo di Israele. Lo scrive nella lettera ai Romani con parole che non si possono leggere senza profonda commozione: "Dico la verità in Cristo, non mentisco, e la mia coscienza me ne dà testimonianza nello Spirito Santo: ho nel cuore un grande dolore e una sofferenza continua. Vorrei infatti essere io stesso anatema, separato da Cristo a vantaggio dei miei fratelli, miei consanguinei secondo la carne. Essi sono Israeliti e possiedono l'adozione a figli, la gloria, le alleanze, la legislazione, il culto, le promesse, i patriarchi; da essi proviene Cristo secondo la carne, egli che è sopra ogni cosa, Dio benedetto nei secoli".
    Ogni cristiano dovrebbe avere questa tristezza continua, che non impedisce di essere gioiosi in Cristo, perché è una tristezza secondo Dio, che ci unisce al cuore di Cristo. E la sofferenza per il popolo di Israele che non riconosce Cristo, per i cristiani che sono divisi e non giungono all'unità che il Signore vuole.
  • ONLINE
    Coordinatrice
    00 1/26/2011 10:21 AM

      Santi Timoteo e Tito

    Le Letture di oggi sono tratte dal Nuovo Lezionario,
    se desideri i testi precedenti clicca qui.

     


    S0126 ;
    Grado della Celebrazione: Memoria
    Colore liturgico: Bianco

       

    Timoteo, di padre pagano e di madre ebreo-cristiana, Eunice, fu discepolo e collaboratore di san Paolo e da lui preposto alla comunità ecclesiale di Efeso.
    Tito, anch’egli compagno di san Paolo nell’attività missionaria, fu posto alla guida della Chiesa di Creta.
    I due discepoli sono destinatari di tre lettere «pastorali» dell’apostolo, che fanno intravedere i primi lineamenti dei ministeri nella Chiesa.