Freeforumzone mobile

2 Tess.2, 7 Cio che ora lo trattiene ..... chi ora lo trattiene

  • Posts
  • ONLINE
    Credente.
    00 4/3/2020 7:02 PM
    Cerchiamo di analizzare questo testo apocalittico in cui si parla dell'anticristo e delle circostanze che connoteranno la sua entrata in scena.
    Il passaggio maggiormente oscuro e su cui si sono fatte tante ipotesi da parte dei tanti commentatori che si sono approcciati a questo testo, riguarda a cosa o a chi si riferisce quel "CIO' CHE LO TRATTIENE" a cui fa da controcanto l'altra affermazione "CHI ORA LO TRATTIENE".
    Ma resta comunque impossibile definire in maniera sicura l'agente che trattiene l'anticristo dal manifestarsi.
    Per cui la nostra è una tra le varie ipotesi e non abbiamo la presunzione di poter dare una risposta certa al quesito bensì solo qualche spunto di valutazione, considerato che molti hanno dato il proprio parere in merito, e non sempre in maniera fondata.
    Rileggiamo l'intero testo in cui si trovano le espressioni sopra evidenziate in cui risulta la prima volta che vi è QUALCOSA che trattiene la manifestazione dell'anticristo, e la seconda volta invece che vi è QUALCUNO che lo trattiene. Ma COSA, o CHI? A cosa o chi si sta riferendo Paolo?

    2Tessalonicesi cap. 2

    Apparizione dell'Anticristo
    (1Ti 4:1; 1Gv 2:18; 4:1-3) Ap 13; 17

    1 Ora, fratelli, circa la venuta del Signore nostro Gesù Cristo e il nostro incontro con lui, vi preghiamo 2 di non lasciarvi così presto sconvolgere la mente, né turbare sia da pretese ispirazioni, sia da discorsi, sia da qualche lettera data come nostra, come se il giorno del Signore fosse già presente. 3 Nessuno vi inganni in alcun modo; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figlio della perdizione, 4 l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto ciò che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e proclamandosi Dio.

    5 Non vi ricordate che quand'ero ancora con voi vi dicevo queste cose? 6 Ora voi sapete ciò che lo trattiene affinché sia manifestato a suo tempo. 7 Infatti il mistero dell'empietà è già in atto, soltanto c'è chi ora lo trattiene, finché sia tolto di mezzo.
    8 E allora sarà manifestato l'empio, che il Signore Gesù distruggerà con il soffio della sua bocca, e annienterà con l'apparizione della sua venuta. 9 La venuta di quell'empio avrà luogo, per l'azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi, 10 con ogni tipo d'inganno e d'iniquità a danno di quelli che periscono perché non hanno aperto il cuore all'amore della verità per essere salvati. 11 Perciò Dio manda loro una potenza d'errore perché credano alla menzogna; 12 affinché tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma si sono compiaciuti nell'iniquità, siano giudicati.
    [Edited by Credente. 4/3/2020 8:42 PM]
  • ONLINE
    Credente.
    00 4/3/2020 7:06 PM

    [Edited by Credente. 4/3/2020 9:22 PM]
  • ONLINE
    Credente.
    00 4/3/2020 9:17 PM
    La nostra ipotesi si basa sul fatto che l'anticristo sostituirà il culto del vero Dio ponendo se stesso come se fosse Dio.
    Questo lo dice esplicitamente Paolo nel verso 4: "4 l'avversario, colui che s'innalza sopra tutto ciò che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e proclamandosi Dio."


    Allora ci chiediamo: COSA o CHI potrebbe fino ad un certo tempo, trattenere l'anticristo dal fare questo, e che ad un certo punto SARA' TOLTO DI MEZZO?

    Abbiamo osservato che il trionfo delle nazioni ostili al popolo di Dio del primo testamento si realizzarono quando riuscirono a porre l'abominazione della desolazione nel tempio, profetizzato già dal profeta Daniele
    (Dan.11,31 Per suo ordine, delle truppe si presenteranno e profaneranno il santuario, la fortezza, sopprimeranno il sacrificio quotidiano e vi collocheranno l'abominazione della desolazione.
    Daniele 12:11
    Dal momento in cui sarà abolito il sacrificio quotidiano e sarà rizzata l'abominazione della desolazione, passeranno milleduecentonovanta giorni.)
    Ora la nostra riflessione ci porta a vedere un possibile parallelo tra questo avvenimento storico della fine di Gerusalemme e del suo Tempio, (avvenuto nel 73 D.C dopo circa 3 anni e mezzo di assedio da parte dei romani), con l'insediamento nel luogo santo da parte dell'anticristo, che rappresenta la massima espressione della ABOMINAZIONE DELLA DESOLAZIONE.
    Riteniamo che l'anticristo riuscirà a seguito della generale apostasia da parte della maggior parte dei cristiani (e per un permesso divino) a TOGLIERE DI MEZZO il sacrificio quotidiano (il sacrificio EUCARISTICO), espressione della divina Presenza di Cristo in mezzo al suo popolo, al fine di potersi sostituire alla sua DIVINITA', rimuovendone il mezzo con cui Cristo, il suo principale antagonista, viene adorato e ricevuto dai fedeli.
    Tale SACRIFICIO EUCARISTICO in cui si RIATTUALIZZA quotidianamente il sacrificio di Cristo sulla croce, è AL TEMPO STESSO QUALCOSA, ed anche e soprattutto QUALCUNO.
    Ecco dunque che in tale SACRIFICIO noi scorgiamo al tempo stesso il CIO' e il CHI, menzionati da Paolo nella sua ermetica espressione.

    Ribadiamo che questa riflessione vuol essere solo un contributo alla comprensione di questo misterioso passaggio che Paolo espresse nella sua lettera ai cristiani di Tessalonica, e che forse per ispirazione divina non fu esplicitato al fine probabilmente di permettere che accada quanto profetizzato.
    Tutto deve accadere e anche se sembrerà che l'anticristo avrà ottenuto ciò che ambiva da sempre (l'adorazione e la gloria da parte degli uomini), al termine del tempo concesso, sarà vinto per sempre dal semplice soffio di Cristo.


    [Edited by Credente. 4/3/2020 9:34 PM]