Freeforumzone mobile

sulla Preghiera

  • Posts
  • OFFLINE
    Marco-credenti
    00 4/14/2017 3:33 PM
    L'essere umano dovrebbe pregare per aprirsi al divino presente in se', in modo che il divino stesso cominci per così dire a pregare in lui. Almeno questo è quanto intende Paolo quando scrive: "E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito di suo Figlio che grida: 'Abbà Padre!" (Gal 4,6).
    La vera preghiera non chiede niente. La vera preghiera è pura dedizione. Nella mistica la preghiera di supplica si trova al livello più basso nel contatto con Dio. In effetti, la mistica neppure conosce la preghiera di supplica. Ecco che Angelo Salesio dice:

    "Uomo, finchè continui a ringraziare Dio per questo e per quest'altro,
    ancora non sei in grado di uscire dai limiti delle tue debolezze"
    "Dio ama e loda se stesso, quanto può
    s'inginocchia e si prostra sempre, si adora da solo".
    "Chi chiede a Dio dei doni, è in una situazione difficile.
    Adora la creatura e non il Creatore".
    "La preghiera più nobile avviene quando l'orante
    si trasforma interiormente in colui davanti al quale si prostra".
  • OFFLINE
    Credente.
    00 4/15/2017 5:53 PM
    Vi sono stati molti grandi maestri di vita spirituale, tra cui Teresa D'Avila, che ha descritto i vari modi per pregare.
    La preghiera è un dialogo di amicizia con Dio che deve essere coltivata con assiduità per poter acquisire una sempre maggiore intimità con Lui.
    I primi passi, quelli di coloro che si accostano inizialmente alla preghiera possono essere le forme di petizione, di ringraziamento, di lode.
    Ma, appunto come tu fai osservare, non ci si dovrebbe fermare a questo, che è la forma più infantile. Occorre andare più a fondo nella amicizia con Dio, , immergendosi in Lui nella contemplazione, fino all'unione con Lui per quanto sia possibile in questa angusta esistenza in cui ci troviamo.
    Ciò prevede anche un cammino di ascesi e di purificazione interiore in cui si fanno tutti quei passi in avanti per entrare in questo rapporto di amore trasformante.

    Beato chi comprende la necessità di percorrere questa strada che apre le porte ad una vita piena e vera.
    Che il Signore ci doni la possibilità di fare questo meraviglioso cammino, che è stato tanto sperimentato e ben descritto da santi quali ad esempio san Giovanni della Croce e santa Teresa D'Avila.