Freeforumzone mobile

io penso che quello che mi è capitato sia un miracolo

  • Posts
  • OFFLINE
    fammicapire
    00 8/21/2016 10:51 AM
    Giovedì 18-8-2016 4 giorni fa decido di togliere una lampada che rischiara la cucina. Prendo una sedia e vi salgo sopra, indossavo le scarpe. Con me c'è mia moglie, che non è credente. Mi dice arrabbiata di scendere dalla sedia perché con le scarpe la sporco, e vedendo che io esito si mette a bestemmiare Dio, io scendo ma lei continua a insultare il Signore alle mie obiezioni sul sporcare la sedia con le scarpe
    non contenta incomincia anche ad insultare la Madonna con parole blasfeme, a questo punto la mia mano sinistra parte automaticamente e le mollo un ceffone, non la avevo mai picchiata in quarant'anni di matrimonio. Lei va da nostro figlio a lamentarsi del mio comportamento e anche mio figlio che non è battezzato e non credente si mette a imprecare contro la Madonna ,poi telefonerà anche a nostra figlia. Quindi minaccia sfracelli, dice che si troverà un appartamento con mobili, che così andrà a vivere per conto suo, che io con quel gesto ho rotto l'ultimo filo che ci teneva legati. Quella notte toglie dal nostro letto matrimoniale il suo materasso e si mette a dormire in cucina, a intendere che con me non dormirà mai più. Io dopo 5 minuti dalla scenata della sedia le avevo chiesto scusa, poi non ho detto più nulla. La notte, prima di dormire ho chiesto scusa alla Madonna per conto di mia moglie e le ho chiesto se poteva provvedere affinché le cose tornassero come prima. Il mattino del venerdì 19, il giorno dopo. Si veste per andare a fare la spesa e io le chiedo se potevo andare con lei mi dice di si. Al supermercato c'è freddezza e capisco che è determinata a mantenere ciò che ha detto. A mezzogiorno prepara la cena, io e mio figlio, che è in casa con noi mangiamo le stesse cose.
    Io in quel momento stavo bene. Però dopo un quarto d'ora venti minuti incomincio a sentire male allo stomaco alla pancia e a sudare, i dolori alla pancia aumentavano e io non ne capivo il motivo durante il pranzo non avevo niente. Penso di andare a fare una camminata per vedere se mi passava, ma fuori faceva troppo caldo. Mi viene sete e bevo, poco dopo sento che sto per vomitare mentre i dolori sono sempre più forti. Mi reco sul water ma non vomito il volto si era fatto pallidissimo mia moglie preoccupatissima mi dice di sdraiarmi sul letto, io lo faccio, dopo 10 minuti riecco il vomito corro in bagno e questa volta sotto gli sguardi preoccupati di mia moglie e di mio figlio vomito tutto,
    ma i dolori non cessano. Mia moglie vuole portarmi al pronto soccorso e insiste perché venga anche nostro figlio, io acconsento, lei è sempre più preoccupata, pensa che sia il cuore. Mentre andiamo al pronto soccorso il dolore allo stomaco e alla pancia scemano fino a sparire del tutto. Io lo dico ma mia moglie insiste perché si vada al pronto soccorso. E così dopo una attesa di 2 ore mi dimettono con la diagnosi di indigestione. Ripeto avevo mangiato le stesse cose di mio figlio. Mia moglie molto apprensiva mi dice che devo curarmi di più andare a camminare e di non stare sempre seduto in casa. Alla fine quella notte lei dorme con me, il dolore era completamente scomparso e sabato mattina lei doveva andare in giro fino a domenica con una amica mi ha pure dato un bacio. Raccomandandomi di mangiare leggero.
    Tutto risolto la Madonna era intervenuta a mettere pace. Io ci credo. Oggi domenica sto benissimo.
  • OFFLINE
    Credente.
    00 8/23/2016 5:36 PM
    Caro Fammicapire
    una bella condivisione quella che hai raccontato. Una esperienza drammatica, non voluta, che è precipitata in brevi istanti, dopo ben quarant'anni di matrimonio.
    Fa riflettere.
    Perchè si può mai essere sicuri delle proprie reazioni. Tanto da parte tua che da parte di tua moglie vi è stato evidentemente un momento in cui ciascuno non è riuscito a mantenere i nervi saldi di fronte alla situazione che di per se' era banale ma ha rischiato di diventare tragica.

    Non finiremo mai di conoscere a fondo l'altro, anche quando si tratta del proprio coniuge.
    Da parte tua in futuro cerca di far capire garbatamente a tua moglie che, anche se lei non crede, dovrebbe perlomeno rispettare la tua sensibilità di credente senza aggredirti verbalmente sapendo di ferirti proprio con il mezzo che maggiormente ti provoca sofferenza. Anche a me darebbe tanto fastidio come nel tuo caso.

    E non so come potrei reagire. Però dobbiamo nostro malgrado evitare di usare un mezzo violento per controbattere perchè sarebbe una controtestimonianza e tu stesso ti sei accorto di aver utilizzato un sistema inappropriato contro le invettive blasfeme di tua moglie.

    Ma anche lei si è poi accorta di aver esagerato con una presa di posizione molto al di là di quelle che erano le sue reali intenzioni. Avrà infatti riflettuto e colto l'occasione del tuo malore per dimostrarti che in fondo ti vuole bene, avendo compreso quanto di sta a cuore la tua fede. Oppure, come tu dici, può essere anche un intervento della Madonna che ha placato il cuore di tua moglie. Forse non lo sapremo mai con certezza, ma la preghiera in ogni caso giova sempre in ogni occasione, sia perchè tutto si svolga naturalmente per il meglio, sia che tutto si svolga soprannaturalmente per il meglio.

    E quindi, grazie a Dio, posso complimentarmi con te per aver potuto superare questa prova difficile e per aver felicemente potuto celebrare i vostri 40 anni di matrimonio. Auguri a te e a tua moglie. Che il Signore vi doni tanta forza e costanza per restare insieme tutto il resto della vostra vita.
  • OFFLINE
    fammicapire
    00 8/24/2016 10:19 AM
    Grazie. Cordiali saluti