Freeforumzone mobile

Il corpo di Gesù fu trafugato dalla tomba?

  • Posts
  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:36 PM

    Il corpo di Gesù Cristo fu trafugato dalla tomba?



     

     


    Non c'è dubbio che la tomba di Gesù Cristo fu misteriosamente vuota. Come ha osservato Paul Althaus, il messaggio della resurrezione "non si sarebbe potuto sostenere a Gerusalemme per un solo giorno, neanche per un'ora, se non fosse stato stabilito con certezza il fatto che la tomba era vuota…"[1] Il dott. Craig ha osservato che "da nessuna parte compaiono tradizioni in conflitto tra loro [riguardo alla tomba vuota], nemmeno nelle polemiche giudaiche". [2]


    Almeno uno scettico (il dott. John Dominic Crossan) ha affermato erratamente che le leggi romane vietavano automaticamente il seppellimento di Gesù, e che di conseguenza deve essere stato gettato anonimamente in una fossa comune. Questa affermazione non è sostenibile. Raymond Brown ha dimostrato che la politica romana riguardo alla sepoltura variava con circostanze diverse e che ammetteva la possibilità di una sepoltura personale di alcuni crocifissi.[3] Questo scenario sarebbe anche in contrasto con le frequenti proteste dei Giudei che il corpo era stato trafugato.[4] Inoltre, i Vangeli non avrebbero potuto inventare con successo come proprietario della tomba una figura così specifica come un membro del Sinedrio giudaico dal nome Giuseppe di Arimatea (Marco 15:43). Se i Vangeli avessero detto il falso su questo punto, non avrebbero potuto reggere contro l'immediata smentita e le beffe dei Giudei.


    Come hanno risposto gli scettici riguardo alla resurrezione di Cristo? Alcuni hanno proposto che qualcuno deve avere trafugato il corpo di Gesù dalla tomba, e che questo ha portato poi alle storie di una resurrezione miracolosa. È possibile ciò?



  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:37 PM

    I giudei e i Romani


    Gerusalemme antica: la porta di Damasco

    Né i capi Giudei né quelli romani, i quali custodirono la tomba (Matteo 27:62 seg.) avrebbero portato via il corpo. Piuttosto entrambi avevano tutti i motivi per tirare fuori pubblicamente il corpo per umiliare i discepoli e distruggere il loro movimento sul nascere. E, dal momento che la scena di questi avvenimenti era proprio lì a Gerusalemme, era sicuramente in loro potere individuare il cadavere, se esisteva ancora. Ma, a loro sconforto, non si riuscì mai a trovare il corpo in questione. Se i Giudei avessero avuto il corpo, l'avrebbero fatto comparire solennemente il giorno della Pentecoste, quando tutta Gerusalemme era in subbuglio per il sermone di Pietro sulla resurrezione di Cristo.


    I seguaci di Cristo


    [Leggete il racconto di Matteo di ciò che accadde realmente]


    Allo stesso modo, è estremamente improbabile che i seguaci di Gesù avrebbero potuto trafugare il corpo quando un plotone di soldati romani custodiva la tomba, che inoltre era chiusa da una grande pietra. E non si può accusarli di aver inventato il racconto delle guardie addormentate, riferito in Matteo 28:11 seg. Quella storia avrebbe servito gli scopi della propaganda apologetica solo se le guardie fossero rimaste sveglie.


    Perché i discepoli (o chiunque altro) avrebbero voluto rischiare la propria vita per rubare il cadavere di Cristo? Il racconto biblico mostra i discepoli impauriti, scoraggiati e sconsolati. L'unico loro scopo poteva essere quello di ingannare. Ma tutto ciò che leggiamo a proposito di quegli uomini indica che erano persone brave e oneste. Come avrebbero potuto vivere il resto della loro vita predicando tutti i giorni che Cristo era risorto dalla morte, pur sapendo che era una menzogna? Avrebbero sofferto tanto e si sarebbero sacrificati per qualcosa che sapevano essere una pura invenzione?


    Sarebbe stato sciocco nascondere il corpo e poi fingere una resurrezione. Le conseguenze della loro fedeltà a Gesù includevano fustigazioni, prigionie, perfino la morte. Nessuna persona sana di mente sceglie tali cose per ciò che sa essere una menzogna. Sotto pressioni del genere, i bugiardi confessano i propri inganni e tradiscono i loro compagni.


    La crescita esplosiva della Chiesa costituisce una forte prova della resurrezione di Gesù. È significativo il fatto che non furono i potenti, ma gente comune, aggravata da ogni possibile ostacolo culturale (1 Corinzi 1:26 seg.), a trasformare pacificamente l'Impero Romano con il loro messaggio della Resurrezione. Chi avrebbe mai previsto un avvenimento così “impossibile”? E invece è accaduto![5]


    Una famiglia ebrea celebra la Pasqua

    Il fatto che il Cristianesimo sia derivato dal Giudaismo[6] è un'ulteriore prova a favore della Resurrezione. Il famoso archeologo William F. Albright ha osservato: "A mio parere, ogni libro del Nuovo Testamento fu scritto da un Giudeo battezzato tra gli anni Quaranta e Ottanta del primo secolo d.C."[7]. Il pregiudizio fra gli Ebrei contro il Gesù del Nuovo Testamento era massiccio. Quale altra prova avrebbe portato degli Ebrei ad accettare un “delinquente” che era stato vergognosamente “appeso” (Galati 3:13) quale il Messia promesso loro, quando avevano cercato invece un liberatore militare? E quale altro fatto avrebbe portato degli Ebrei a modificare la loro convinzioni monoteistiche [8] per adorare Gesù come Dio il Figlio (Giovanni 1:18), o a cambiare il giorno del culto dal Sabato alla domenica (Atti 20:7)? Un semplice mito inventato non avrebbe mai potuto rovesciare simili speranze e tradizioni.



    "Gesù fu talmente diverso dalle aspettative di tutti i Giudei riguardo al Figlio di Davide che i suoi stessi discepoli trovarono quasi impossibile riferire a lui l'idea del Messia"[9] —Millar Burrows.



    Come afferma il Nuovo Testamento, fu la resurrezione di Gesù che da sola vinse tutte queste “impossibilità” (Atti 2:24).


  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:39 PM

    La Conversione Di Saulo


    Inoltre, la conversione di Saulo da Tarso suggerisce un miracolo potente. Inizialmente un nemico acerrimo della Chiesa (Atti 8:3; 9:1, Galati 1:13), egli fu totalmente trasformato per diventare un servo di Gesù. Scegliendo di soffrire per amore di Cristo (2 Corinzi 11:23 seg.), Paolo sacrificò tutto ciò che possedeva, sopportò le persecuzioni e predicò il Vangelo in città dopo città fino a Roma, dove morì infine martire. A lui si attribuisce una maggiore influenza sulle sorti dell'Impero Romano di qualsiasi altro personaggio del primo secolo a eccezione di Cristo stesso.[10] Nulla di meno della resurrezione di Cristo può neanche cominciare a spiegare una simile trasformazione totale.


    Gli Altri Apostoli


    Anche gli altri Apostoli vinsero le loro paure per far fronte alle sofferenze, alla prigionia, perfino la morte, per proclamare la Buona Novella del Cristo risorto in ogni parte del loro mondo. Si può forse pensare che questa gente morisse così gioiosamente per un semplice mito? "Ciascuno dei discepoli, a eccezione di Giovanni, morì martire… perché si aggrappavano con tenacia alle loro convinzioni e i loro proclami", osserva lo studioso Josh McDowell.[11]


    In contrasto con altri che sono morti per una speranza non verificabile di una vita nell'oltretomba (ad es., mistici che cercano una reincarnazione, o militanti islamici che si aspettano di essere premiati da Allah), i discepoli di Gesù vissero e morirono per la loro pretesa storicamente verificabile che la tomba era vuota e che Egli era stato visto di nuovo vivo.


    Il celebre studioso di giurisprudenza dott. Simon Greenleaf, fondatore della Harvard Law School, fa notare che:



    "Propagando questa nuova fede, anche nella maniera più pacifica e inoffensiva, [i cristiani primitivi ricevevano]scherni, opposizioni… e una morte crudele. Eppure propagavano con zelo proprio questa fede, e sopportavano tutte quelle sofferenze senza esitazione, anzi con gioia. Mentre l'uno dopo l'altro veniva messo barbaramente a morte, i sopravvissuti [continuavano] semplicemente la loro opera con accresciuto vigore e determinazione… Le cronache delle guerre militari forniscono a mala pena un esempio di una simile costanza e pazienza eroica e di un tale coraggio invincibile… Anche se fosse moralmente possibile che essi si siano ingannati in materia, ogni motivazione umana cooperava per portarli a scoprire e a riconoscere il loro errore. Da queste [considerazioni] non c'è scampo se non nella perfetta convinzione e ammissione che erano uomini onesti, che testimoniavano di ciò che avevano accuratamente osservato… e che ben sapevano essere la verità".[12]



    Il dott. Greenleaf è da molti considerato come uno dei più grandi cervelli legali nella storia degli Stati Uniti. Era stato in precedenza uno scettico accanito nei confronti del cristianesimo, e si era dato da fare per smentire la deità di Cristo. Alla fine, concluse che la Resurrezione era un fatto vero "al di là di ogni ragionevole dubbio". Greenleaf divenne credente dopo avere studiato le prove per conto suo. Molte fra le più brillanti menti legali sono d'accordo con Greenleaf nell'affermare che, se le prove della morte e della resurrezione fossero presentate davanti a un tribunale, la causa sarebbe indubbiamente vinta. Le pretese del cristianesimo sono benissimo sostenute e dimostrate da prove indipendenti e convergenti.


  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:41 PM

    SEI OBIEZIONI DEGLI SCETTICI fra quelle più spesso sollevate dai critici della resurrezione di Cristo…




    1. La resurrezione di Cristo è un mito, non un fatto storico.




    2. I racconti della Resurrezione sono pieni di contraddizioni.




    3. I miracoli non sono possibili.




    4. La salma fu trafugata.




    5. Gesù era solo svenuto e poi si è ripreso dalle ferite.




    6. I testimoni furono vittime di allucinazioni.




  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:43 PM

    Alcuni definiscono la resurrezione di Cristo un mito, non un fatto storico.
    È possibile che abbiano ragione?

     

    Gesù cade sotto il peso della croce mentre va al Calvario

    Alcuni critici sostengono che i Vangeli abbiano nascosto la figura storica di Gesù di Nazaret dietro numerosi strati di leggende e di miti.[1] Essi pretendono che i racconti biblici della resurrezione di Cristo siano miti, e non fatti storici. Ma ci sono almeno QUATTRO RAGIONI per cui questa interpretazione “mitologica” fallisce.

    1. Gli studi della letteratura comparata hanno dimostrato che ci vogliono diverse generazioni perché un mito possa svilupparsi. Non esistono in altre letterature esempi paralleli di miti che si siano sviluppati e creduti in presenza di testimoni oculari, ed entro il breve lasso di tempo durante il quale si è formato il Nuovo Testamento.[2] (per approfondire)

      Le ricerche storiche confermano il fatto che ci fu subito la convinzione della resurrezione di Gesù. Il “credo” stilato da uno dei primi apostoli include la Resurrezione (1 Corinzi 15:3-9): questo brano è attribuito da molti studiosi a una data entro 3-7 anni dopo la morte e la resurrezione di Cristo.[3] Ciò implica che già prima di allora, la cosa fu creduta in maniera diffusa. Gli studiosi sono d'accordo che le prime lettere scritte dall'apostolo Paolo fecero la loro comparsa entro un massimo di 25 anni dal ministero di Gesù, e i quattro Vangeli tra un minimo di 21 e un massimo di 65 anni.[4] La predicazione degli Apostoli ruotava sempre attorno alla Resurrezione. In uno spazio di tempo molto breve, Giudei devoti sparsi per tutto l'Impero Romano, i quali in precedenza adoravano fedelmente Dio il settimo giorno di ogni settimana, si convertirono al cristianesimo e incominciarono ad incontrarsi piuttosto il primo giorno, per celebrare la resurrezione di Cristo.

      Centinaia di testimoni videro Cristo vivente dopo la sua morte. In un'occasione apparve a 500 persone in una sola volta (1 Corinzi 15:6)!

    2. Molti fra i testimoni oculari del Suo ministero pubblico erano ostili nei confronti del Gesù descritto nei Vangeli (Matteo 12:22 e seg.). Questi avversari avevano sia le motivazioni, sia i mezzi per correggere le eventuali falsità riguardo a Lui, se i primi discepoli avessero provato a diffonderne.[5] Ma da questatunità non scaturì nessuna smentita seria.

    3. I Vangeli non somigliano né a ai miti greci, né alle leggende giudaiche.[6] In contrasto con essi, i Vangeli mancano di enfasi e di dettagli coloriti, e invece includono dettagli che tenderebbero a minare l'invenzione di eroi leggendari. Per esempio, i seguenti sei elementi in Giovanni capitolo 20 sono in contrasto con le tendenze che caratterizzano le leggende:

    4. Con grande contegno, non si fa nessun tentativo di descrivere direttamente la resurrezione.

    5. Maria non riconobbe subito Gesù risorto (l'“eroe”) (Giovanni 20:14)…

    6. …e neanche pensò che ci fosse in lui qualcosa di speciale (Giovanni 20:16).

    7. Infatti, anche alla fine di quella giornata, i discepoli (gli “eroi” secondari) si stavano ancora nascondendo “per timore dei Giudei” (Giovanni 20:19).

    8. E, se i Vangeli fossero la pura invenzione di un pregiudizio paternalistico, come accusano le femministe, sarebbe incredibile che gli autori avessero scelto delle donne come le prime testimoni del Gesù risorto. La testimonianza di una donna non aveva neanche valore legale! [7]

    9. Ma fu proprio il loro coraggio la mattina dopo la Resurrezione a svergognare le paure degli uomini.

    10. I Giudei erano il popolo che meno verosimilmente avrebbe inventato un Cristo mitico. Nessun'altra cultura si è opposta con tanta fermezza come quella giudaica a miti che tenderebbero a confondere la Deità con l'umanità .[8]


  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:44 PM

    È vero che i racconti biblici della resurrezione di Cristo sono pieni di contraddizoni?




    See this page in: inglese (English)


    Certamente ci vuole un piccolo sforzo per riconciliare i racconti contenuti nei diversi Vangeli. Ma questo “problema”, come viene solitamente espresso, è enormemente esagerato.


    Gesù cade sotto il peso della croce mentre va al Calvario

    Spesso si afferma che, dal momento che i Vangeli differiscono in enfasi e nei dettagli, ci devono essere da qualche parte delle invenzioni. Ma un'interpretazione del genere non è necessaria! Quando un avvenimento qualsiasi (secolare o religioso) viene raccontato da diversi testimoni, ognuno di essi, pur rispettando le norme più rigorose di precisione e di integrità, redigerà la propria versione in maniera diversa, tenendo presenti le esigenze del proprio pubblico. Perciò la pretesa rigida degli ipercritici che tutti e quattro i Vangeli dovrebbero essere perfettamente uguali è arbitraria ed artificiale. La dott.sa Sayers afferma:



    "Spesso si rimane sorpresi nello scoprire quante apparenti contraddizioni [nei racconti della Resurrezione contenuti nei Vangeli] risultano niente affatto contraddittori, ma semplicemente supplementari… A prima vista le divergenze appaiono grandissime… Ma rimane il fatto che tutti [i racconti della Resurrezione], senza alcuna eccezione, possono essere inseriti in una sola narrativa ordinata e coerente, senza la pur minima contraddizione o difficoltà e senza alcuna soppressione, invenzione o manipolazione, oltre al piccolo sforzo richiesto per immaginare i comportamenti naturali di un gruppo di persone attonite che corrono avanti e indietro nel crepuscolo dell'alba fra Gerusalemme e il giardino". [1]



    da ChristianAnswers.Net 



  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:45 PM

    "I miracoli non sono possibili", dicono alcuni. È vero questo?




    See this page in: inglese (English)


    Pani e pesci

    Il successo della scienza moderna nel descrivere il mondo in termini di meccanismi cosmici regolari ha portato alcuni ad escludere la possibilità di miracoli, considerati come un concetto antiquato e impossibile. Ma ciò rappresenta un presupposto filosofico ingiustificato, non una conclusione scientifica. La filosofia non può vietare dogmaticamente i miracoli fino a quando non dimostra che non esiste nessuna realtà al di fuori del mondo naturale.


    Una volta ammessa la possibilità dell'esistenza di Dio (e ce ne sono prove in abbondanza, elencate in questo sito), i miracoli non possono essere esclusi a priori. Piuttosto, la questione se si è verificato o meno un determinato miracolo diventa argomento di indagine storica.[1]



  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:46 PM

    È possibile pensare che Gesù non morì, ma che svenne semplicemente sulla croce e poi si riprese dalle ferite?




    See this page in: inglese (English)


    Impressione artistica di Gesù inchiodato in croce dai soldati

    La crocifissione era un'esperienza atroce—infatti, usiamo l'espressione “mettere qualcuno in croce” per esprimere una sofferenza indicibile. Le cause della morte per crocifissione erano molteplici e dolorosissime: comprendevano l'esaurimento fisico, l'asfissia, la disidratazione e il blocco cardiaco.[1]


    Suggerire che Gesù avrebbe potuto sopravvivere a una simile tortura su quella croce romana, per poi trascinarsi fuori dalla tomba con le proprie forze, è già assai improbabile! Che sarebbe poi riuscito a nascondere il proprio aspetto lacerato e gravemente ferito a tal punto da ingannare i discepoli disperati e convincerli che fosse “il Signore della vita risorto” e Vincitore della morte, è davvero assurdo! Un uomo ridotto in quelle condizioni non avrebbe mai potuto essere l'ispirazione dei suoi discepoli. Gesù sarebbe stato esposto al ludibrio come ciarlatano. Solo un Gesù risorto in maniera soprannaturale sarebbe stato capace di guarire i cuori infranti dei discepoli.


    I soldati romani accertarono che Gesù era morto, e lo era davvero. Il miscuglio di sangue e di acqua che emerse dalla ferita che gli fecero nel costato ne è una prova lampante.


    Se gli autori dei Vangeli avessero avuto la tendenza a esagerare, ne sarebbero stati impediti dal fatto che erano ancora in vita tantissime persone che erano state testimoni oculari degli avvenimenti dei quali essi scrivevano. Molti di questi erano loro avversari. Se i discepoli avessero inserito delle inesattezze o esagerazioni, sarebbero stati smentiti da coloro che avevano una conoscenza diretta dei fatti.

    Rappresentazione del pittore Caravaggio della scena della deposizione del corpo di Cristo dalla croce

    Qualcuno oggi potrebbe pensare ingenuamente che il primo secolo d.C. fosse un tempo di credulità estrema ed infantile; che la gente di quei tempi fosse pronta ad attribuire a una causa soprannaturale qualsiasi evento fuori del normale. Ma questo sarebbe un modo distorto di concepire quell'epoca. Gerusalemme era una crocevia del mondo. Già da più di tre secoli gli uomini colti leggevano Aristotele. La filosofia prevalente del periodo era l'epicureismo ("mangiamo, beviamo e godiamo, perché domani moriremo"). Molti nel mondo greco-romano a mala pena ammettevano l'esistenza di un vero Dio e guardarono con il più grande disprezzo l'idea che un dio potesse intervenire negli affari degli uomini. Anche i Giudei erano scettici e razionalisti, dal momento che avevano assorbito le idee filosofiche romane. (Essi infatti facevano parte del mondo romano e vivevano sotto leggi romane e la giustizia romana.)


  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:48 PM

    Alcuni pretendono che i testimoni della resurrezione di Cristo devono essere stati soggetti ad allucinazioni o un isterismo di massa: è possibile?




    See this page in: inglese (English)


    Impressione artistica di Gesù risorto

    Su una cosa praticamente tutti gli studiosi di qualsiasi scuola sono d'accordo: che i primi discepoli, dentro di sé, erano assolutamente convinti di aver visto il Cristo risorto.[1]


    Il messaggio dell'Evangelo cristiano riguardo alla morte e alla resurrezione di Cristo si respira in quasi tutti i documenti del Nuovo Testamento. Dunque, la vera domanda è: come spiegare la loro evidente convinzione? Erano per caso vittime di allucinazioni?


    Mentre a prima vista questa tesi potrebbe apparire plausibile, molti fattori contraddicono una simile idea.[2] Per elencarne solo alcuni:




    1. Il grande numero dei testimoni (erano infatti centinaia: 1 Corinzi 15:5-8)…




    2. …e il fatto che coprono l'intera gamma dei tipi di personalità (ad es., Giovanni cap. 20: Pietro, Tommaso, le due Maria, ecc.), contraddicono la teoria delle allucinazioni, le quali, per definizione, non sono esperienze condivise.




    3. Non esistono visioni che appaiono a una folla. Generalmente esse sono viste da una sola persona alla volta, e quella persona deve essere nell'attesa di vederla e in uno stato altamente emotivo. Come dimostra la Bibbia, nessuno dei seguaci di Gesù si aspettava che egli risorgesse dalla tomba. Luca racconta che quando Gesù apparve ai discepoli, "essi, terrorizzati e pieni di paura, pensavano di vedere uno spirito" (Luca 24:37).




    4. Neanche uno scambio di persona potrebbe essere la spiegazione. Certamente i discepoli avrebbero riconosciuto quella persona che era stata con loro ogni giorno da oltre tre anni!




    5. La trasformazione sostanziale, permanente e positiva dello stile di vita di molti dei convertiti smentisce qualsiasi teoria di allucinazioni. Lo studioso ebreo Dr. Pinchas Lipide ha scritto:



      "Se quella banda spaventata di apostoli poteva improvvisamente cambiare da un giorno all'altro in un'impresa missionaria piena di baldanza… allora nessuna visione o allucinazione è sufficiente per spiegare una simile trasformazione rivoluzionaria".[3]



      Seppure Lipide sia un rabbino ebreo-ortodosso che non accetta Gesù come Messia, egli cede davanti alle prove schiaccianti che Gesù deve essere risorto dalla morte.




    Dunque, che cosa significa tutto questo?



  • OFFLINE
    Credente.
    00 3/26/2016 5:49 PM
    Riferimenti e note

    Il rinomato storico dell'antichità classica presso l'università di Oxford, Michael Grant, afferma: "Questi racconti dimostrano che certe persone erano assolutamente convinte che [Gesù era risorto]." [Michael Grant, Jesus: An Historian's Review of the Gospels (Scribner's, 1977), pag. 176. Perfino lo scettico storico Rudolf Bultmann concede che la certezza dei discepoli è un “fatto” in Kerygma and Myth, Vol. I, (SPCK, 1953), pag. 42. Pure uno scettico ardente come John Shelby Spong ammette: "Il cambiamento [nei discepoli] era misurabile ed obiettivo, anche se la causa di tale cambiamento è discussa. [Esso] faceva parte di quella esplosione di potenza del primo secolo che non può essere negata da chiunque studia la storia". [John Shelby Spong, Resurrection: Myth or Reality? (San Francisco: Harper San Francisco, 1994), pag. 26.] [torna]
    Peter Kreeft e Ronald Tacelli, Handbook of Christian Apologetics (Downer's Grove, Illinois: InterVarsity Press, 1994), pag. 186 seg. Questo volume cita 14 debolezze fatali alla teoria dell'allucinazione. “Apologetica” non significa chiedere scusa, bensì offrire una difesa ragionata (“apologia”) del cristianesimo (1 Pietro 3:15). [torna]
    Pinchas Lipide, The Resurrection of Jesus: A Jewish Perspective (Fortress Press, 1988), pag. 125. [torna]
    Tradotto da Geoffrey Allen
    Autore: Rev. Gary W. Jensen, M.Div. Editor: Paul S. Taylor, Films for Christ. Presentato da Films for Christ.