CREDENTI

1 Tess.4,16 ...con voce d'arcangelo...

  • Posts
  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/4/2013 8:06 PM

    1 Tess.4,16

    Poichè il Signore stesso con potente chiamata,

    con voce d'arcangelo, e con tromba di Dio,

    scenderà dal cielo, ed i morti in Cristo risusciteranno primieramente,

    poi noi i viventi che saremo rimasti, saremo insieme con loro rapiti nelle nuvole ad incontrare il Signore nell'aria.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/4/2013 8:06 PM

    Con voce di arcangelo:

    non dice che Cristo sia un arcangelo come vorrebbero intendere i tdG.

    Andiamo a confrontare i seguenti brani biblici paralleli:

    Mt. 24, 30:

    …Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell'uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell'uomo venire sopra le nubi del cielo con grande potenza e gloria. 31Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all'altro dei cieli.)

    1Cor. 15,52

    in un istante, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba; suonerà infatti la tromba e i morti risorgeranno incorrotti e noi saremo trasformati.

    Significa che il ritorno di Cristo , sarà ACCOMPAGNATO Con  angeli e con squilli di tromba: non è quindi da ritenere che Gesù stesso abbia la voce di un arcangelo o di una tromba. Sarà accompagnato anche dall'arcangelo Michele, ma certamente tale arcangelo non è Gesù Cristo.

    Non è da dimenticare che Cristo anche quando era uomo in alcune occasioni GRIDO’ a gran voce. Quindi, anche ammesso (e non concesso) che egli si manifesterà facendo la voce di un arcangelo per essere udito da tutti, (così come quando era un uomo gridava con voce di uomo per farsi sentire da coloro che gli erano vicini), non vuol dire assolutamente che egli sia un arcangelo.

    Dice infatti Ebrei 1, 5

    Infatti a quale degli angeli Dio ha mai detto:

    Tu sei mio figlio; oggi ti ho generato?

    E ancora:

    Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio?

    6E di nuovo, quando introduce il primogenito nel mondo, dice:

    Lo adorino tutti gli angeli di Dio.

    Questo testo  afferma in modo chiaro che nessun angelo è stato generato da Dio.

    Ma solo il Figlio, al quale è dovuta l’adorazione di tutti gli angeli. E l’adorazione è dovuta a Dio, non a delle creature, di qualsiasi natura essi possano essere, arcangeli compresi.

  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/4/2013 8:07 PM

    Un'accurata lettura del testo, non autorizza assolutamente ad identificare la voce dell'arcangelo con quella di Cristo. Infatti 2 Ts. 1,7 parla di "quando si manifesterà il Signore Gesù dal cielo con gli angeli della sua potenza";(Cfr. La Bibbia di Gerusalemme, ed. Dehoniane, Bologna, XIV edizione, 1996.) pertanto, se Gesù porterà con sé un esercito di potenti angeli, non sarebbe appropriato che un arcangelo, Michele, lo accompagni? In maniera analoga l'espressione "tromba di Dio" di 1 Ts. 4 .16, non significa necessariamente "la tromba di Dio che suona" ma il suono, autorizzato di Dio, della tromba del giudizio.

    La preposizione greca vuole esprimere le circostanze concomitanti del "discendere" (gr. Katabalnein). In simili descrizioni entrano tratti tradizionali delle concezioni e della letteratura apocalittica, che servono a delineare "l'atmosfera" in cui si produrrà la fine, più che a descrivere gli eventi particolari. (G. KITTEL ( a cura di) Grande lessico del Nuovo Testamento, Queriniana, Brescia, 1965, vol. 5°, coli.317-324.) La voce, la tromba, l'ordine, sono elementi caratteristici di ogni teofania

    nella letteratura apocalittica; (cfr. Es. 19,16) "sono probabilmente dei sinonimi che annunciano l'ora della "parusia" e dell'adunata del popolo di Dio".(Grande Commentario Biblico, Queriniana, Brescia, 1974, col. 1 1 25.) Solo un uso distorto della Scrittura può consentire di identificare il Cristo con l'arcangelo Michele.

    (Cfr. S. POLLINA, Il popolo dell'Apocalisse, Movimento Bìblico Cattolico Gris, Casamassima, Bari, 1993, pag. 119.)

  • OFFLINE
    Credente.
    00 9/4/2013 8:08 PM

    Poichè il Signore stesso con potente chiamata, con voce d'arcangelo, e con tromba di Dio, scenderà dal cielo, ed i morti in Cristo risusciteranno primieramente, poi noi i viventi che saremo rimasti, saremo insiem con loro rapiti nelle nuvole ad incontrare il Signore nell'aria.

    Cristo promise ai suoi che sarebbe tornato a prenderli con sè e questa promessa egli l'adempirà colla sua personale venuta in gloria. Non manderà solo i suoi angeli, verrà Egli stesso a completare la salvezza dei redenti. Le tre espressioni indicanti le circostanze che accompagneranno il grande evento della discesa di Cristo dal cielo paiono tolte dagli usi militari. Nel momento decisivo d'una battaglia il comandante imparte un ordine vibrato, quest'ordine è ripetuto dai suoi luogotenenti alle truppe e significato collo squillo delle trombe. Qui l'ordine parte dal Cristo-Re che chiama a sè, svegliandolo dal sonno della, morte, l'esercito dei suoi. La parola keleusma (ordine) è infatti usata per indicare l'ordine dato ad alta voce da un capitano alle sue truppe, da un pilota ai rematori per eccitarli. L'abbiam tradotto: "con potente chiamata"; Diod. porta: "con acclamazion di conforto"; si potrebbe anche rendere: "con un grido di comando". I Vangeli narrano che Gesù, quando risuscitò Lazzaro, "gridò con gran voce. Lazaro, vieni fuori"; nel gran giorno, quel comando che reca con sè la potenza della vita, sarà impartito a tutti quei che dormon nei sepolcri Giovanni 6:28-29 .

    Con voce d'arcangeloperchè l'ordine del Capo è comunicato da coloro che sono chiamati ad eseguirlo come strumenti suoi. Con tromba di Dio ch'è il segnale accompagnante l'ordine e che lo fa echeggiar in ogni luogo. Gli angeli che hanno annunziato con giubilo l'incarnazione del Figlio, parteciperanno, secondo la profezia del Nuovo T., agli eventi coi quali si compirà il regno di Dio; e quanto al suono della tromba divina, oltre al significare che l'ordine sarà eseguito subito, in un attimo, esso può adombrare la partecipazione festante della natura alla glorificazione dei figli di Dio. Si confrontino i fenomeni che accompagnarono la teofania del Sinai Esodo 19; Isaia 27:13; 1Corinzi 15:52Paolo dice: "in un attimo... al sonar dell'ultima tromba; poichè la tromba suonerà e i morti risorgeranno incorruttibili, e noi saremo tramutati". E in Matteo 24:31> Gesù dice: "Manderà i suoi angeli con gran suono di tromba e raduneranno i suoi eletti dai quattro venti, da un'estremità del cielo all'altra". I morti in Cristo sono quelli che si sono addormentati nella fede in Cristo loro Redentore per il tempo e per l'eternità. Cfr. 1Corinzi 15:18; Apocalisse 14:13 .