Freeforumzone mobile

“Ripartiamo dall’Amore”.

  • Posts
  • OFFLINE
    ulisseitaca
    00 10/22/2012 8:35 PM
    Il RnS è un mistero d’amore! Un fiume in piena che “passa”.
    Quanto a me e alla mia casa, vogliamo servire il Signore! (Gs 24, 15 b).
    E’ Dio che ci chiede di “costruire la sua casa” (Ag 1)
    è per questo si interpella alla nostra generosità, al nostro cuore aperto, capace di vedere
    affinché poniamo la sua gloria innanzi ad ogni cosa.
    Eccoci dunque, diventiamo promotori, e nel contempo testimoni, affinché la sua promessa si
    realizzi ed è ancora questo cuore che ogni giorno necessita di dire: ” Signore fammi rinascere
    sulla tua Parola”
    Quando il Signore ha chiamato anche noi anche attraverso il R.N.S nella nostra vita è iniziata
    “un'avventura senza ritorno” deve essere una decisione inderogabile e non dovrebbe
    ammettere “ una seconda volta”
    Molti di noi hanno tanti anni di cammino ma vi è anche chi ha iniziato da poco, tutti però
    dobbiamo ogni giorno metterci in verifica di quanto “l'azione di rinnovamento sia opera di
    santificazione quotidiana” siamo chiamati davvero ad una rigenerazione continua attraverso la
    potenza dello spirito Santo.
    Per incominciare dall'amore non significa “quantità del mio servire” ma ciò che noi dobbiamo
    desiderare è la “qualità con quanto amiamo con quanto gustiamo Dio” affinché il frutto delle
    nostre opere vada sempre pari passo con ciò che le labbra professano.
    "Ama e non avere timore" (cf i Gv 4, 18), S. Giovanni si è ancorato sulle promesse di Dio che
    sono le uniche capaci di farci crescere verso questa perfezione di amore.
    Noi responsabili siamo davvero chiamati a vivere immersi in un amore che deve generare
    ”verità” , abbiamo bisogno di verità per il rinnovamento, nella nostra cura pastorale, per i
    nostri fratelli, per il nostro impegno leale, perché senza verità non avremmo mai comunione e
    non potremo mai generarla.
    Sir 4,28 Lotta sino alla morte per la verità, il Signore Dio combatterà per te
    Pro 23,23 Acquista la verità e non rivenderla, la sapienza, l'educazione e la prudenza.
    Sono nella verità e nell'autenticità del nostro servire potremo generare conversioni ed è questa
    la prima opera dello spirito che ci spinge sulla strada dell'evangelizzazione.
    E’ questo amare che da forza alla nostra spiritualità evangelica, è una forza straordinaria nella
    chiesa ed allora il nostro annuncio sia un comunicare la vita nuova affrontando con occhi
    spirituali tutte le difficoltà che ci trasciniamo, difficoltà che meritano ogni rispetto ma che sono
    per noi anche strumento di misura per superare tutte quelle prove dove lo spirito ci aiuta.
    E’ importante ricordarcelo quanti sacrifici, spostamenti, costi, impegni, e tanto altro ed ognuno
    vi metta tutte le proprie riflessioni tutto questo è gradito a Dio perché offerto con amore e
    siamo certi che per tutto questo una grande ricompensa ci attende, la più bella ci sarà offerta
    dal Padre.

    Che stupore al vedere nuove conversioni quella freschezza, bellezza, dove lo spirito ha appena
    toccato e di questo siamo certi perché davvero “ un tesoro c'è stato donato” tu sei parte di
    questo stupendo tesoro.
    La sfida del futuro è già qui oggi nel presente, tutte le novità dello spirito i segni, i frutti, la
    storia, abbiamo il dovere di portare avanti e di tramandare, dobbiamo allora imparare ad
    avere una grande apertura interiore, la capacità di desiderare ogni giorno le nuove volontà di
    Dio anche attraverso forme che a volte ci appaiono scomode, che ci mandano in crisi, cose
    che magari non riusciamo ad amministrare, a volte cose che ci inchiodano ed è proprio qui che
    il nostro pensiero deve tendere a Gesù.
    Sal 26,2 Scrutami, Signore, e mettimi alla prova, raffinami al fuoco il cuore e la mente.
    Partire con un nuovo amore ci deve far rivedere le opere che a volte noi abbiamo spento o che
    non siamo stati capaci a volte anche per volontà di abbracciare.
    Ecco un atteggiamento nuovo ci deve protendere verso questo futuro un atteggiamento aperto
    e generoso.
    Cosa dobbiamo imparare oggi dalle tante parole che ascolteremo, il desiderio più grande è
    quello di guardare le nostre realtà e di desiderare ardentemente un impegno maggiore di
    ascolto e una maggiore profondità di non fuggire a tentazioni perché non comprendiamo, il
    rinnovamento ha bisogno di te, il Signore questo Tesoro te lo ha consegnato ed ecco dunque
    che la nostra funzione diventi unzione.
    La funzione discende dall'unzione e non il contrario.
    E’ con gran dispiacere che a volte si abbandona il cammino ingiustamente ed è qui che
    dobbiamo insegnare ai nostri fratelli che: “ non c'è nulla che non possa essere rinnovato dalla
    potenza dello spirito”
    Ricordiamo il rimprovero che il Signore ci rivolge per bocca dei profeta Aggeo: «Tu ti prendi
    cura, o popolo mio, della tua casa. Costruisci, invece, la mia casa, prenditi pensiero per la mia
    casa» (cf. Ag 1,9).
    Oggi siamo qui per ricordarci ancora che è grande la responsabilità affidata per coloro che
    amano
    “ ci chiederà conto di ogni pecora che c'è affidata e che gliela consegneremo alla scadenza del
    nostro mandato e fra queste vi sono anche quelle ferite, sbandate, perdute”
    Ger 13,20 Alza gli occhi e osserva; dov'è il gregge che ti è stato consegnato ?
    Ricordiamoci che non abbiamo alcun possesso ma esercitiamo, come ci definisce Gesù, l'opera
    di “ buoni amministratori” consegnandoci e rivestendoci di questo “ diritto di custodia”.
    C’è un altro atteggiamento importante che è testimonianza di amare: dobbiamo rilanciare ogni
    giorno la sfida di andare per edificare nuove mura di questa casa per non correre il rischio di
    preoccuparci solo di “mantenere” il rinnovamento, Gesù percorreva le strade noi dobbiamo
    percorrere ogni strada che c'è posta innanzi per mostrare sempre il suo VOLTO
    “ il gregge ha il volto del pastore” e allora le nostre vere qualità siano in misura della capacità
    di amare, della felicità del fare, della felicità dell'essere.
    Ci attende un cammino con eventi straordinari ed il rinnovamento ha sempre bisogno di
    persone che volontariamente ed in libertà decidono di servire, oggi ancora ti rilanciamo questo
    invito nel ringraziarti del cammino svolto sino ad oggi ma che questo assuma un impegno
    nuovo non nato dai nostri dettami ma dalla testimonianza che noi vi diamo del Cristo e del suovolto, del risorto e delle meraviglie che ci circondano, della bellezza dei fratelli dello splendore
    della Chiesa e di ogni dono che c'è posto.
    Mi piace immedesimare il Rinnovamento nel popolo come quello dell'Esodo,
    dobbiamo sentirci “ Pellegrini tanti ed insieme” ognuno nel suo specifico nel rendere ragione
    della nostra fede ma anche quello di un popolo intero/unità che è incanalato nello stesso
    cammino.
    E’ proprio in questo cammino che noi dobbiamo impegnarci nella condivisione dei progetti
    pastorali, dei progetti di evangelizzazione in tutte le sue forme perché davvero lo spirito
    porterà frutto in quel terreno in apparenza arido che noi neppure immaginiamo possa dare
    frutto.
    Is 44,3 poiché io verserò acqua sul suolo assetato, torrenti sul terreno arido. Verserò il mio
    spirito sulla tua discendenza, la mia benedizione sui tuoi posteri
    Fratelli chiamati nel servizio, servire a nostro modo e con la nostra visione sconnessa dal
    movimento e dei suoi progetti non ci rende idonei. Ricordiamoci che a Gesù va innanzitutto il
    primato, allo Spirito la guida, al Padre la gloria.
    (Riflessione sulla parola nel richiamare i fratelli appesantiti e senza più entusiasmo)
    Isaia 54:5 Poiché tuo sposo è il tuo creatore, tuo redentore è il Santo di Israele, chiamato Dio di tutta la terra.
    Isaia 54:6 Come una donna abbandonata e con l'animo afflitto, ti ha il Signore richiamata. Viene forse ripudiata la
    donna sposata in gioventù? Dice il tuo Dio.
    Isaia 54:7 Per un breve istante ti ho abbandonata, ma ti riprenderò con immenso amore.
    Isaia 54:8 In un impeto di collera ti ho nascosto per un poco il mio volto; ma con affetto perenne ho avuto pietà di te,
    dice il tuo redentore, il Signore.
    Oggi siamo qui per affrontare insieme e con amore questo piano di verifica condotto alla luce
    dello spirito e che apra la strada con umiltà e sincerità attraverso i criteri evangelici alla
    correzione fraterna, a tutela della verità per mezzo della carità.
    Occorre avere e rispettare tre azioni distintive:
    visione- ogni opera appartiene a Dio nasce nella fede e nella sottomissione dello spirito qui c'è
    il nostro rinnovamento.
    Progetto- è un vero proprio cammino con percorsi e programmi che si attualizzino attraverso
    i nostri gruppi e comunità
    Discernimento- è la necessità di decisioni e di condotte unitarie attraverso anche gli organi di
    servizio
    Ognuno è chiamato ad attualizzare tutto questo ma è necessaria una comprensione che ci
    permetta di sentirla, amarla.
    Testimonianza davanti a Dio attraverso questi tre passaggi fondamentali che oggi saranno
    presentati: quello della dimensione carismatica, pastorale, organizzativa per evangelizzare il
    mondo.
    E’ un impegno serio e non qualcosa da fare perché imposto, anche questa è una scelta di
    amore perché il nostro movimento davanti a Dio, alla Chiesa ai nostri fratelli sia ancora più
    bello, perché uniformato e ricondotto al progetto dello autentico dello spirito
    TRE MODALITÀ DI INTENDERE IL RINNOVAMENTO
     Inesatta: Appuntamento settimanale per “la mia gioia”; esperienza religiosa vissuta
    individualmente e ai margini della Chiesa; gruppi di preghiera “devozionali”.
     Incompleta: Un insieme di gruppi di preghiera “fine a se stessi”, senza impegno ecclesiale
    e sociale; identificabile con un ministero (es: guarigione) e con un ambito di vita (es:
    famiglie, giovani).
     Adeguata: “Non si entra nel Rinnovamento ma è il rinnovamento che entra in noi”
    (Cardinal Leo Jozef Suenens). Il Rinnovamento è l’avvento dello Spirito, un’opera di Dio,
    un’iniziativa sovrana dello Spirito
    Andrea Candore
    Fraternità Regionale - 21 ottobre 2012 Caravaggio –
  • OFFLINE
    Luana.O
    00 10/4/2017 8:18 PM
    Ripartiamo dall'amore con Ccristo e con la persona che ci ha affidato?
    Per il potere di S. Cipriano e delle 3 anime che lo affiancano,
    _______________venga adesso in me.
    Fa arrivare ______________a me strisciando, innamorato, pieno d’amore,
    di desiderio e fa che mi chieda perdono se mi ha mentito,
    fa che mi chieda in fidanzamento e dopo in matrimonio,
    il più rapidamente possibile.
    San Cipriano tu che hai il potere fa che dimentichi e lasci in un colpo solo
    qualunque moglie o donna o ragazze che abbia in testa e si dichiari a me
    in modo che tutti lo sappiano. San Cipriano allontana da ________________
    qualunque donna o ragazza e che io possa averlo in ogni momento da oggi e ora,
    che lui desideri stare al mio fianco, che abbia la sicurezza che io sia
    la donna perfetta per lui. Che _____________ non possa vivere
    né stare tranquillo senza di me
    e che ______________ abbia sempre sempre sempre
    la mia immagine nella sua mente
    nel suo cuore nella sua anima.
    Ovunque esso sia e con chiunque il suo pensiero sarà per me.
    e coricandosi mi dovrà sognare e al risveglio pensi a me, non dovrà mangiare
    ma pensare a me, dovrà pensarmi in tutti i momenti della sua vita.
    Che mi possa amare veramente, sentire il mio odore, toccarmi con amore,
    che ___________ voglia abbracciarmi, baciarmi, affiancarmi, proteggermi,
    amarmi 24 ore al giorno ogni giorno, in modo che anche io possa amarlo
    e che lui senta piacere anche solo sentendo la mia voce. San Cipriano
    fa che _____________ senta un desiderio di me fuori dal normale,
    come mai per nessun’altra persona donna ragazza sente e sentirà.
    Che voglia giacere solo con me e che abbia solo desiderio per me,
    che il suo corpo la sua mente i suoi pensieri il suo cuore il suo amore
    la sua anima tutti i suoi sentimenti appartengano solo a me soltanto a me
    e che abbia pace pace solo con me.
    Ti ringrazio San Cipriano per questo lavoro che farai per me e ti offro
    la divulgazione del tuo nome come ricompensa
    per aver addomesticato completamente in tutti i suoi sentimenti ___________
    e averlo fatto innamorare di me,
    facendolo diventare carino, fedele e pieno di desiderio per me.
    così è così sarà così sia.
    Pregare per tre giorni e divulgare in tre posti diversi.
    Dovete avere fede!
  • OFFLINE
    Credente.
    00 10/4/2017 8:43 PM
    Cara Luana,
    ti do' il benvenuto. Condivido pienamente il contenuto del primo post, anche perchè è un testo del RnS di cui sono un simpatizzante e conosco molte persone meravigliose che fanno il cammino in questo movimento.
    Da questo deduco che tu pure faccia questa stessa esperienza.

    Però ti devo dire sinceramente che mi ha creato un certo imbarazzo la lettura del tuo secondo post.
    A mio modesto parere, questa "preghiera" appare come un tentativo di "legatura" forzata della persona amata a se stessi.
    Certamente si può chiedere un aiuto al SIgnore che ci aiuti a realizzare i nostri desideri, sempre comunque subordinati alla sua volontà che non obbliga nessuno a piegarsi per forza a Lui, e quindi neanche a noi.

    Posso capire che in certi casi l'innamoramento è tanto acceso che ogni altro interesse passa in secondo piano e si sarebbe disposti a tutto pur di vedere avverato il sogno della nostra vita.

    E' comprensibile ed umano. Però le formule da usare nella preghiera non possono e non devono comandare, ma richiedere. Non essere finalizzate ad imporre ma ad implorare umilmente. Non a sottomettere l'altrui volontà ma a sottomettersi alla volontà di Dio, che ci aiuterà a superare il nostro momento difficile e a trovare, nella libertà e nel rispetto reciproco quell'amore e quell'affetto di cui ognuno di noi ha bisogno.

    Prego allora con te il SIgnore che aiuti te o chiunque si trovi nella situazione espressa nel tuo post, a far trovare il miglior congiunto per la propria vita.
    [SM=g7479]