COMMENTO DELLA LETTERA AGLI EBREI

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: [1], 2
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:43 PM
PRESENTAZIONE


La Lettera agli Ebrei ha un solo cuore: Cristo Gesù, Vita di ogni vita.
Gesù è la vita dalla quale ogni altra vita nasce, nella quale ogni vita produce frutti di verità e di giustizia, per la quale ogni altra vita vive.
Cristo Gesù è vita: della Parola di Dio, della Grazia di Dio, del credente in Dio, delle vera fede in Dio, dell’adorazione di Dio, della glorificazione di Dio, dell’obbedienza a Dio, della santità di Dio, del culto verso Dio, della carità di Dio, della speranza in Dio.
Ogni relazione con Dio e con gli uomini è vera, è nella vita, nella santità e nella giustizia se è posta in Cristo.
Fuori di Cristo niente ha vita. Fuori di Lui tutto viene avvolto dalla morte, che inesorabilmente consuma ogni cosa, distruggendola e preparandola per la perdizione eterna.
Chi vuole essere nella vita e condurre ogni altro nella verità della sua vita, deve conoscere Cristo Gesù secondo pienezza di verità, di santità, di missione, di opera, di Parola, di annunzio, di testimonianza.
Il grande annunzio della Lettera agli Ebrei è che Cristo non è da Sé. Cristo è da Dio. Cristo Gesù è l’opera di Dio. Cristo Gesù, infatti, è dal Padre.
È dal Padre nell’eternità ed è dal padre nel tempo; è dal Padre nell’Antico Testamento ed è dal Padre nel Nuovo.
Fino alla consumazione dei secoli, per tutta l’eternità, prima del tempo, nel tempo e dopo il tempo, Cristo Gesù è dal Padre.
È dal Padre nella sua generazione eterna; è dal Padre nella sua incarnazione nel tempo; è dal Padre nel suo Sacerdozio; è anche dal Padre nella sua missione.
Il suo essere eterno è dal Padre. Cristo Gesù è la vita del Padre. Nella sua divinità e nella sua umanità, nel suo essere vero Dio e nel suo essere vero uomo Gesù Signore è sempre dal Padre.
In ogni Parola che Lui proferisce è dal Padre. In ogni opera che compie è dal Padre. In ogni incontro è dal Padre. In ogni decisione è dal Padre. In ogni missione è dal Padre.
Esiste dal Padre, nel tempo e nell’eternità, ma anche esiste per il Padre nel tempo e nell’eternità. Cristo Gesù è sempre dalla volontà del Padre per compiere la volontà del Padre.
In questo suo essere eternamente e temporalmente dal Padre è la nostra salvezza. Lui è dal Padre, vive per il Padre. Dal Padre ha ricevuto ogni vita, al Padre dona tutta la sua vita, in una obbedienza di morte di croce, che diviene per il mondo intero causa di salvezza per tutti coloro che gli obbediscono.
Se la salvezza è in Lui, da Lui, per Lui, con Lui e Lui è dal Padre e per il Padre, non si può dare alla salvezza altro significato se non questo: fare nostro il mistero di Cristo, divenire con Lui una cosa sola: lasciarci anche noi “fare” dal Padre, essere l’opera del Padre come Cristo è l’opera eterna del Padre (Lui per generazione consustanziale nell’oggi dell’eternità) e sempre in Cristo, con Cristo, per Cristo, divenire in Lui sacrificio e oblazione per la consegna dell’intera nostra vita al Padre celeste.
Tutto questo passa però attraverso la Parola, alla quale Cristo ha conferito pienezza di vita eterna. L’uomo accoglie la Parola, dalla Parola si lascia fare da Dio, nella Parola si consegna al Signore e da Lui si lascia trasformare in un’opera di salvezza per il mondo intero.
Questi brevissimi cenni sull’essere di Cristo dal Padre sono sufficienti solo per creare nel cuore del discepolo di Gesù il desiderio di conoscere con ogni sapienza di verità e di dottrina il mistero della Redenzione così come viene presentato da questa Lettera agli Ebrei.
Chi la leggerà con attenzione, con amore, cura, in preghiera, meditando ogni Parola nel cuore, attingerà nuova sapienza, nuova intelligenza, nuova scienza sul mistero di Cristo Gesù e tutta la sua vita avrà una svolta, si rimetterà in cammino, si libererà da un mondo di falsità, o di inesattezze, o semplicemente di quell’ignoranza che quotidianamente ci conduce assai lontano dall’imitazione di Cristo Gesù.
Perché la verità di Cristo emergesse in tutto il suo splendore di sapienza e di dottrina, spesso abbiamo citato per intero i Passi Scritturistici di riferimento. Si è scelta questa metodologia, perché l’intero passo dell’Antico Testamento, letto nel contesto della verità di Cristo e dell’intelligenza e sapienza che scaturisce dal suo mistero, dona una luce tutta nuova all’Antica Scrittura.
Il mistero di Cristo è così vasto da abbracciare tutta l’estensione dell’eternità e del tempo. In queste pagine c’è solo un approccio. È come se si intravedesse una luce, una stella, un sole scorgendo un piccolo puntino luminoso da una distanza infinita.
A ciascuno di noi l’obbligo e il dovere di far sì che questo puntino luminoso diventi luce accecante e principio unico di verità per la sua spiritualità.
La Vergine Maria, Madre della Redenzione, dalla quale la Luce Eterna, che è Cristo, è nata, ci aiuti a meditare con frutto il mistero del Figlio Suo Gesù, mirabilmente espresso e contenuto in questa Lettera agli Ebrei.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:44 PM
INTRODUZIONE


La Lettera agli Ebrei introduce Cristo perché sia al centro del cuore credente. Conoscere Cristo è scienza perfetta.
Questa scienza è richiesta ad ogni suo discepolo e per questo è giusto che si impegni, dedicando del tempo ad imparare Cristo.
Cristo è vero nel cuore, se è vero nella mente. Ma anche è vero nella mente, se è vero nel cuore. Imparare Cristo perché sia vero nella mente e nel cuore non è tempo tolto all’azione e alla missione del cristiano; è invece via santa per dare Cristo secondo verità ai nostri fratelli.
Un Cristo falso non serve a nessuno. Dare un Cristo falso è solo perdita peccaminosa del tempo, oltre che profanazione di un così grande dono.
È utile allora che fin da subito ci si chieda: Chi è veramente Cristo secondo l’esposizione che ci offre la Lettera agli Ebrei? Quali sono le sue note peculiari, particolari?
Una risposta puntuale e precisa, esatta, senza equivoci, né ambiguità, ci consentirà di intravedere la straordinaria grandezza del Signore Gesù e l’amore eterno e divino con il quale il Padre nostro celeste ci ha amato.
Cristo Figlio di Dio. La prima verità che la Lettera agli Ebrei ci annunzia è questa: Cristo Gesù è vero Figlio di Dio. Non Figlio per creazione, per adozione, o semplicemente in senso morale e neanche perché il Padre celeste lo ha amato e lo ha eletto, dichiarandolo suo Figlio.
Cristo Gesù è vero Figlio di Dio, perché da Lui è stato generato. Lui è impronta della sua gloria; è irradiazione della sua sostanza. Lui è semplicemente di natura divina. Tutta la natura divina del Padre è nel Figlio, la differenza tra il Padre e il Figlio non è nella natura, che è una e la sola; è invece nella Persona. Il Padre è persona distinta dal Figlio e il Figlio è persona distinta dal Padre, Padre e Figlio sussistono però nell’unica sostanza, o natura divina, nella quale sussiste anche lo Spirito Santo.
Cristo al vertice della creazione. Cristo Gesù è vero e perfetto uomo. È insieme vero Dio e vero uomo. Come vero Dio è consustanziale con il Padre e lo Spirito Santo; come vero uomo è consustanziale con la nostra umanità. Come vero Dio è Autore della stessa creazione. Tutto è stato fatto per mezzo di Lui. Come vero uomo è stato posto da Dio al vertice della creazione. Lui è il punto di incontro tra il creato e l’increato, il divino e l’umano, ciò che esiste nel tempo e ciò che è senza principio nel tempo, perché la sua origine eterna dal Padre è senza origine di tempo, in quanto l’eternità è senza principio e senza fine di creazione.
Creato e increato sono in Cristo la sua natura divina e la sua natura umana, che insieme sono ipostaticamente unite nell’unica Persona del Verbo della vita. La seconda Persona della Santissima Trinità vive tutta in due nature: quella divina e quella umana. E tuttavia la Persona divina non è dalle due nature; essa è preesistente alla stessa incarnazione. È la seconda Persona della Santissima Trinità che si fa uomo. È il Verbo della Vita, che è in principio, che è presso Dio, che è Dio, che si fa carne e viene ad abitare in mezzo a noi.
In quanto “ipostaticamente” unita al Verbo della Vita, la natura umana di Cristo è natura della Seconda Persona della Santissima Trinità e per questo essa è rivestita della stessa gloria che è proprio della Persona. Per questo essa è al sommo della creazione. Essa è vera creazione, ma è posta dal Verbo sopra la stessa creazione.
Non è però la natura creata al vertice o al sommo della creazione, perché la natura umana di Cristo non esiste se non nella Persona divina, è della persona divina. È la Persona divina che è sopra la stessa creazione, perché creatrice di essa. Cristo Gesù, vero e perfetto uomo, è sopra ogni creatura, perché il Verbo di Dio è sopra ogni creatura.
Cristo Autore della Redenzione. Questo Cristo, che è posto da Dio al vertice della creazione in quanto vero e perfetto uomo, è l’Autore della Redenzione.
Dio ha deciso di redimere, salvare, giustificare il mondo per mezzo di Lui.
Tutto ciò che è prima della sua Incarnazione è in vista di Lui, è finalizzato alla sua Incarnazione, al suo farsi vero uomo nel seno della Vergine Maria.
Tutto ciò che è dopo di Lui, guarda a Lui come al suo unico e solo Redentore e Salvatore.
Lui è il vero frutto dell’Antico Testamento. La storia antica è tutta finalizzata a questo frutto. Essa non ha altro scopo se non quello di far sì che fosse possibile l’Incarnazione del Figlio di Dio.
Lui è il nuovo seme di vita dal quale deve sbocciare sulla terra ogni vita. Senza questo seme non c’è alcun frutto di vita sulla nostra terra.
Questa è la verità di Cristo Gesù. Egli è il punto finale dell’Antico Testamento, il punto iniziale del Nuovo. Tutto in Lui confluisce, tutto da Lui parte.
Tutto ciò che non arriva a Lui è falso. Tutto ciò che non prende vita da Lui è anche falso.
Il Redentore dell’Antico Testamento è Cristo Gesù. Il Redentore della storia è Cristo Gesù. Nulla si redime se non in Lui; niente diviene vero, se non in Lui; nulla perde la sua falsità se non per mezzo di Lui; niente genera novità di vita se non in Lui, con Lui, per Lui.
Prima di Cristo non c’è redenzione; senza di Cristo non c’è redenzione; dopo di Cristo, ogni redenzione deve trovare il suo compimento, la sua perfezione, il suo punto di arrivo e di partenza in Cristo Signore.
La sola ed unica redenzione possibile è quella operata da Cristo Gesù. Fuori di Cristo non esiste redenzione, perché non c’è possibilità alcuna di vincere il peccato che milita nelle membra dell’uomo.
Se Cristo è il solo Autore della Redenzione ne consegue che la non conoscenza di Cristo, l’ignoranza di Lui lascia l’uomo nelle tenebre del peccato e della morte.
Da questa verità nasce per la Chiesa l’urgenza, il dovere, la necessità di predicare il Vangelo ad ogni creatura, di dare Cristo ad ogni uomo come sua vera ed unica, sola redenzione.
Cristo superiore ad Angeli e ad uomini. Essendo Cristo Persona divina alla quale sono ipostaticamente unite sia la natura divina che quella umana, poiché la natura umana non vive se non nella Persona del Verbo, come Verbo Incarnato, e non solamente come Verbo, o Unigenito del Padre, Cristo è superiore agli Angeli e agli uomini.
Tutto è sottomesso ai suoi piedi: uomini ed Angeli. Tutta la natura creata è inferiore a Lui, a Cristo Gesù. È inferiore perché Cristo è il Verbo di Dio che si è fatto uomo.
Chi si è fatto uomo è il Verbo del Padre, che ora esiste come Verbo Incarnato e non più semplicemente come Verbo di Dio.
L’Incarnazione porta un cambiamento sostanziale in Dio, non nella natura divina, che è una, immutabile, eterna, non passibile di alcuna variazione, né prima, né dopo la stessa Incarnazione.
Il cambiamento sostanziale è nella Seconda Persona della Santissima Trinità, la quale prima dell’Incarnazione era “semplicemente e puramente” Dio.
Dopo l’incarnazione la Persona non è più “semplicemente e puramente” Dio. È Dio incarnato, è Verbo che si è fatto uomo, è Figlio del Padre vero uomo.
Questo cambiamento per assunzione è vero cambiamento in seno alla Trinità. Prima dell’Incarnazione Dio era Padre, Figlio e Spirito Santo. Ora, dopo l’Incarnazione, Dio è Padre, Verbo Incarnato (o Figlio Incarnato), Spirito Santo.
L’Incarnazione non è un evento accidentale in Dio; è un evento sostanziale ed è per questo evento, che ha mutato l’essere stesso di Dio nella Seconda Persona del Figlio, che è possibile la Redenzione.
È questo evento irreversibile che fa sì che Cristo sia superiore agli Angeli e agli uomini, ad ogni Angelo e ad ogni uomo. È superiore in ragione della Persona divina che si è incarnata, che ha assunto l’umanità, divenendo uomo.
Questa verità che è essenziale in ordine alla conoscenza del vero mistero di Gesù Signore, ha anche un ruolo funzionale, di convincimento, perché tutti comprendano la straordinaria grazia che il Padre ci ha concesso stabilendo che il Suo Verbo Incarnato fosse anche Colui attraverso il quale Egli ha voluto far giungere al mondo intero la conoscenza del suo mistero di misericordia, di grazia, di salvezza, costituendolo portatore nel mondo della sua Parola.
Cristo Gesù, Figlio di Dio, è il Rivelatore del Padre, è Colui attraverso il Quale il Padre ci ha svelato il mistero della salvezza.
Ce lo ha svelato, o rivelato, nella sua forma ultima, definitiva, perfetta, piena. Ce lo ha rivelato come compimento di ogni altra Parola di rivelazione, ma anche come punto di avvio, o inizio per giungere alla pienezza della verità, che è e rimane la conoscenza del suo mistero donato tutto all’umanità con il dono della sua Persona.
Se Cristo è superiore agli Angeli e agli uomini, è anche vero che ogni Angelo e ogni uomo è inferiore a Cristo.
Se è inferiore nell’essere, è anche inferiore nel ministero. Di conseguenza ogni Angelo e ogni uomo deve trovare la pienezza della verità del suo ministero in Cristo Gesù.
Tutti quelli che hanno parlato, parlano, parleranno di Dio devono trovare in Cristo la verità della loro parola, di ogni loro parola.
Se Cristo non li garantisce, ma anche, se Cristo non diviene la loro verità, la conoscenza di Dio e degli uomini che queste parole danno, o insegnano, non è secondo pienezza di verità.
C’è in queste loro parole la falsità ed è falsità tutto ciò che si discosta dall’essenza e dalla sostanza di Cristo Gesù e di ciò che il Signore ha fatto di Lui per la nostra salvezza eterna.
Cristo Mediatore di una Nuova Alleanza. La Nuova Alleanza è quella definitiva, per sempre, eterna, duratura, stabile sulla terra e nel cielo.
La Prima Alleanza, quella che Dio stipulò con il suo popolo, al Sinai era semplicemente segno, figura, non realtà di ciò che il Signore si stava accingendo a fare non solo con il suo popolo, ma con il mondo intero, verso ogni uomo.
Quella, la Prima Alleanza, era solo propedeutica alla Nuova, funzionale ad Essa. Era mezzo, strumento per pervenire alla Nuova ed Eterna Alleanza, che Dio aveva già pensato fin dall’eternità.
Ancora il cielo e la terra non erano stati creati, l’uomo non esisteva e Dio aveva pensato la sua salvezza nel suo Figlio Unigenito Incarnato.
Cristo Gesù non può essere considerato in nessun caso e in nessun modo continuatore dell’Antica Alleanza. Non può perché l’Antica Alleanza era destinata a sparire. Quell’Alleanza doveva lasciare il posto alla Nuova e della Nuova Cristo Gesù è l’Unico, l’Eterno, il Solo Mediatore.
Essendo Cristo il Mediatore di una Nuova Alleanza, tutto ciò che è modalità, forma, essenza, struttura, storia di quell’Alleanza, o Alleanza Antica, non esiste più. Non può esistere. A quell’Alleanza non si può più ritornare perché Dio l’ha abolita per sempre. Da Dio essa è stata dichiarata nulla.
Ciò che Dio dichiara nullo in ogni sua manifestazione, nella sua stessa struttura, finalità, storicità, non può ricevere alcun valore dall’uomo, da nessun uomo.
C’è il prima e c’è il dopo. Il prima è finalizzato al dopo. Una volta che il dopo è avvenuto, si è compiuto, il prima deve cessare di esistere, perché senza alcun valore di salvezza, di redenzione, di giustificazione, di santificazione, di verità.
Avendo Dio stabilito, costituito Cristo Gesù Mediatore della sua Nuova Alleanza, chi vuole conoscerla e viverla secondÿÿverità, maÿÿnche chi vuole entrare nella vita che l’ÿÿÿÿÿÿÿÿÿÿuova ed Eterna promette, dona,ÿÿÿÿrgisce, deve partire da Cristo Gesù. Cristo Gesù deve conoscere in ogni sua parola, pensiero, opera, volontà, segno, comando, desiderio che Lui ha manifestato, operato, compiuto, detto, proferito.
Chi non conosce Cristo, non conosce la verità della sua nuova condizione, non si conosce secondo la verità che Dio ha stabilito per Lui.
Non solo Cristo è Mediatore di una Nuova Alleanza, questa Nuova Alleanza è Lui stesso. L’Alleanza Nuova ed Eterna è Lui, si vive in Lui, con Lui, per Lui, nel suo Corpo.
Questa Nuova Alleanza è il dono della sua vita, della sua grazia, della sua verità, ma è il dono della grazia, della vita, della verità che è Lui stesso.
Dinanzi a Cristo Gesù scompare Mosè, Aronne, l’antico culto, gli antichi sacrifici, le antiche disposizioni, le forme e le modalità. Tutto scompare. Lui è il Nuovo Assoluto, per ogni uomo, di ogni tempo, di ogni luogo.
Guardare indietro è non conoscere Cristo e la Novità del suo Dono.
Cristo Sacerdote al modo di Melchisedek. Della Nuova ed Eterna Alleanza Cristo Gesù è tutto. È sacerdote, vittima e altare, legge, promessa, verità.
Della Nuova Alleanza Lui è l’unica Vittima, l’unico Sacerdote, l’unico Altare. In eterno; per sempre è e sarà così.
Cambia l’Alleanza, cambia anche il Sacerdote. Gesù non è Sacerdote alla maniera di Aronne. Lui è Sacerdote in eterno alla maniera, o al modo di Melchisedek.
Tutto questo è possibile grazie all’eternità di Cristo e della sua Persona divina, che è immortale, eterna. L’eternità appartiene alla Persona di Cristo per natura, perché generato dal Padre prima di tutti i secoli.
Essendo eterno nella Persona, Cristo non ha successori nel suo Sacerdozio. D’altronde neanche ne potrebbe avere. Essendo Lui la vittima, non potendo esistere altra vittima dinanzi al Signore, anche per questo motivo non potrebbe mai esserci successione nel Sacerdozio.
Se ci fosse successione nel sacerdozio, ci sarebbe anche cambio di vittima. Invece in eterno un solo Sacerdote, Cristo Gesù, una sola Vittima, Cristo Gesù, un solo altare, il Corpo di Cristo Gesù.
Volendo Gesù che il suo Sacrificio fosse offerto al Padre per tutti i giorni, fino alla consumazione dei secoli, ha reso partecipe del suo unico sacerdozio i suoi Apostoli e da questi la partecipazione è data per via sacramentale ai loro successori (e in collaborazione con loro anche ai presbiteri che sono veri sacerdoti della Nuova Alleanza, ma Sacerdoti che partecipano l’unico ed eterno sacerdozio di Cristo per offrire l’unica vittima, Cristo Gesù nostro Signore, nell’unico sacrificio che è quello della croce, offerto al Padre una volta per tutte, per la remissione dei peccati).
La natura divina è una, una sola. Tutti i battezzati vengono resi partecipi di questa unica e sola natura divina. Il Sacerdozio di Cristo è uno, uno solo. Tutti i sacerdoti (Apostoli – vescovi e presbiteri) sono resi partecipi secondo gradi diversi dell’unico sacerdozio di Gesù Signore.
Il Sacerdozio della Nuova Alleanza è l’offerta dell’unica vittima, nel nome dell’unico Sacerdote, ma è fatta questa offerta alla maniera di Melchisedek, offrendo il pane e il vino, che diventano corpo e sangue di Cristo, vero sacrificio incruento, che si offre al Padre per la redenzione eterna di ogni uomo.
Volendo riassumere in forma assai sintetica la grandezza della Nuova ed Eterna Alleanza, possiamo abbracciare il tutto in quattro semplici frasi: Cristo abolisce l’Alleanza Antica. Essa è finita per sempre. Cristo vero Sacerdote e unica Vittima. Viene dichiarata abolita ogni altra vittima. Cristo Sacerdote eterno. Non c’è successione nel Suo Sacerdozio. C’è però partecipazione del suo unico, sommo ed eterno Sacerdozio. Un unico Sacerdote, un unico Sacerdozio, un’unica Vittima. E tuttavia coloro che nella Nuova Alleanza esercitano il Sacerdozio di Cristo, sono veri Sacerdoti, anche loro in eterno, al modo di Melchisedek. Lo sono però in Cristo, per Cristo, con Cristo, agendo sempre in Persona Christi.
Cristo Redentore di ogni uomo. Anche questa è differenza sostanziale, essenziale per rapporto all’Antica Alleanza.
L’Antica Alleanza era per il popolo del Signore, cioè per tutti i discendenti di Abramo, per i suoi figli.
Nella Nuova Alleanza non c’è più legame di carne e di sangue. C’è un solo legame: quello con il sangue di Cristo, nel quale veniamo lavati, del quale ci nutriamo, per formare con Cristo un solo corpo.
Nella Nuova Alleanza si entra per mezzo della fede nella Parola di Cristo Gesù. Si predica la Parola, la si accoglie, si crede in essa, ci si lascia battezzare, si diviene nuove creature, si è fatti con Cristo un solo corpo, si entra in possesso della salvezza e di ogni suo bene.
Essendo Cristo Gesù il Redentore dell’uomo, non di un uomo particolare, di un popolo particolare, di una nazione particolare, Egli è Redentore universale, unico, il solo.
Chi vuole entrare nei beni eterni della salvezza deve passare necessariamente per la fede in Lui, fede esplicita, che si fa confessione e conoscenza di Lui, della sua Parola, della sua Verità, della sua Grazia dinanzi ad ogni uomo.
Questa verità è di capitale importanza per tutti coloro che si sono accostati alla fede in Lui.
Retrocedere dalla fede per ritornare nell’Antica Fede dell’Antica Alleanza non solo è vera stoltezza – quell’alleanza non esiste più – ma anche è porsi fuori di ogni altra salvezza. La salvezza è Cristo e solo Lui. Altre salvezze Dio non ne ha date. Se non ne ha date, non esistono.
Abbandonare Cristo è porsi su una via di sicura perdizione eterna. Questo devono sapere tutti coloro che si allontanano da Cristo e si incamminano per altre vie di salvezza. Queste non sono da Dio, non vengono da Lui, perché Dio ha un solo Salvatore, Gesù Cristo Suo Figlio e nostro Signore e non conosce altri, perché altri Lui non ha inviato. Quanti Lui invia, invia perché preparino la strada a Cristo, prima di Lui, con Lui, dopo di Lui.
Cristo nella tenda del Cielo, presso Dio. Altra differenza con l’Antica Alleanza è questa: Aronne e i suoi figli entravano in un santuario fatto da mani d’uomo, dietro una tenda, anch’essa fatta da mani d’uomo. Versano del sangue animale, e per mezzo di esso imploravano Dio perché volesse perdonare i peccati.
Cristo Gesù non entra in una tenda fatta dall’uomo. Entra nella stessa casa di Dio, nella tenda del Cielo, si presenta direttamente dinanzi al Padre Suo e Gli offre il suo sacrificio, impetrando la remissione dei peccati per tutto il genere umano, per i suoi fratelli.
Entra nella tenda del Cielo una volta per sempre e mai più esce da essa. Il suo sacrificio è anche nel Cielo, come memoriale perenne dinanzi al Signore, per la conversione, la giustificazione, la salvezza dell’uomo.
Un solo sacrificio, una sola entrata nel Cielo, una sola offerta, un solo memoriale eterno: l’unico compiuto sulla croce.
Questa è la verità di Cristo. Al di fuori di quest’unico sacrificio, di quest’unica offerta, di quest’unica vittima, di quest’unico sacerdote, di questo solo sacerdozio, nulla è gradito al Signore.
Dio si compiace solo di Cristo Gesù e di quanto viene offerto in Lui, con Lui, per Lui, divenendo in Cristo un solo mistero di offerta, di obbedienza, di santità.
Nella tenda del Cielo Lui è entrato con il suo corpo glorioso, incorruttibile, immortale, spirituale. Nel suo corpo siamo anche noi, siamo tutti i battezzati; nel suo corpo anche noi siamo già nel Cielo.
Dobbiamo raggiungere anche fisicamente il Cielo e non solo misticamente, nel mistero di Cristo. La nostra entrata nella tenda del Cielo avverrà con la nostra morte, se moriamo la stessa morte di Cristo. Altrimenti saremo esclusi per sempre, per tutta l’eternità.
Non entra nel Cielo chi non vive sulla terra la vita di Cristo e non fa del Vangelo la porta stretta che dovrà farlo penetrare nel Santuario eterno di Dio.
Cristo culmine e fonte di ogni vera fede. Per il suo sacerdozio, per la sua offerta, per la sua obbedienza, per la sua Parola Cristo è costituito per tutto il genere umano culmine e fonte di ogni vera fede.
La nostra fede è Cristo, si vive però in Cristo, con Cristo, per Cristo. Si vive secondo la sua Parola, compiendola in ogni sua parte.
Da Cristo si parte per iniziare il cammino della fede. A Cristo si deve pervenire se si vuole dare compimento ad esso.
Si parte da Cristo divenendo suo corpo, sua vita. Si perviene a Cristo divenendo in tutto conforme a Lui nella nostra obbedienza al Padre dei Cieli.
Dicendo che è Cristo la nostra fede, la vera fede, la fede ultima, definitiva di Dio, si vuol dire una sola verità: Cristo è la nostra salvezza, la nostra redenzione, la nostra giustificazione, la nostra santificazione. Cristo è la verità del nostro essere, del nostro operare, del nostro pensare, di ogni nostro relazionarci con Dio e con gli uomini.
Cristo è per noi grazia e verità, salvezza e santità, vita nuova e obbedienza, mistero di croce e di risurrezione, mistero di incarnazione, ma anche di elevazione nel più alto dei Cieli.
La nostra fede è Cristo perché il fine della nostra fede è il compimento della vita di Cristo in noi; è la nostra perfetta conformazione alla sua vita.
È la sua obbedienza al Padre che si fa nostra e la nostra che diviene sua. Una sola obbedienza: quella di Cristo in noi e quella nostra in Cristo.
Una sola Parola: quella di Cristo, che è Parola del Padre, sua Volontà, sua Verità.
Una sola grazia: la partecipazione della divina natura, che è anche partecipazione della santità di Dio, nel dono dello Spirito Santo.
Una fede senza Cristo, fuori di Cristo, non in Cristo, non per Cristo, non con Cristo, nel suo corpo, per il suo corpo, con il suo corpo, non è fede cristiana, non è fede che salva, redime, giustifica; non è fede che conduce alla santità.
Il vero Cristo ci dona il vero Padre, il vero Spirito Santo; ci dona anche il vero uomo, perché ci fa veri in Lui, veri della sua verità, veri nella sua santità, veri nella sua grazia, conformemente alla sua Parola.
Cristo atteso. Attendere Cristo è il fine di tutto l’Antico Testamento. Cristo è il frutto, l’unico frutto vero dell’Antico Testamento, perché esso ha come finalità solo questa: darci Cristo, Messia e Salvatore, Redentore e Santificatore, Giustizia, Sapienza, Saggezza del Padre.
Se l’Antico Testamento non perviene a Cristo, esso è semplicemente falso nella sua comprensione, nella sua interpretazione, nella sua lettura, in ogni altro rapporto con esso.
Chi dopo aver conosciuto Cristo, lo abbandona per ritornare nell’Antico Testamento, sappia costui che il suo viaggio è dalla verità nella falsità, dal bene al non bene, dal giusto al non giusto, da ciò che redime e salva a ciò che non giustifica e non dona vita nuova.
Cristo venuto. L’Antico Testamento si è compiuto tutto in Cristo Gesù. Tutto quanto è stato promesso si è realizzato; niente resta da realizzare.
Essendo l’Antico Testamento tutto e interamente compiuto in Cristo Gesù, esso non deve compiersi più in niente, in nessuna altra parte.
Nulla si deve più attendere, nulla sperare, perché tutto è avvenuto e tutto realizzato in ordine alla nostra salvezza.
La croce di Cristo Gesù e la sua risurrezione sono il punto culmine della storia, ma anche il punto della sua eterna verità.
Cristo è la verità di tutto. Verità del sacerdozio, dell’offerta, della vittima, della Parola, della rivelazione, dell’attesa, della vita, della morte, del singolo, della comunità, dell’intera storia. Cristo è la verità dell’universo. Tutto riceve in Lui e da Lui, per Lui la sua verità. Niente senza di Lui è vero e quanto si distacca da Cristo, ritorna nella sua falsità di un tempo, o nei molteplici peccati che uccidono la sua vita e la rendono vuota dinanzi a Dio e alla storia.
Cristo che verrà. Cristo non solo è stato atteso. Non solo è già venuto. Egli anche verrà.
C’è una differenza sostanziale tra la prima e la seconda venuta di Gesù Signore.
La prima venuta, nella sua carne mortale, nascendo dalla Vergine Maria, è stata per togliere il peccato del mondo e per dare ad ogni uomo, a causa del suo sacrificio sulla croce, la grazia e la verità della sua salvezza.
Quando sarà l’ultimo giorno, Gesù non verrà più per la redenzione dell’umanità, o per la sua santificazione; verrà per il giudizio.
Ogni uomo si presenterà dinanzi al suo cospetto e renderà ragione di ogni opera compiuta quando era nel corpo, sia in bene che in male.
Poiché Egli è stato costituito da Dio giudice dei vivi e dei morti, giudice della terra, ognuno di noi è obbligato a prepararsi il suo giudizio, in modo che Cristo ci accolga nelle sue dimore eterne, nei Cieli.
È sicuro. Egli verrà per il giudizio. Dobbiamo rendere conto a Lui, unico e supremo giudice, anche di ogni parola vana che abbiamo proferito quando eravamo nel corpo, su questa terra.
Cristo crocifisso modello unico del cristiano. Si è detto che Cristo è la fede del cristiano. Non solo Cristo è la fede unica del cristiano, è anche il modello unico, cui perennemente conformarsi.
È modello unico dall’alto della croce, che è il compimento della volontà del Padre anche nella rinuncia del suo corpo, esposto al ludibrio, allo scherno, all’indicibile dolore, all’atroce passione.
La persecuzione non deve far paura al cristiano, perché la vocazione del cristiano è la persecuzione.
Sapendo questo, il cristiano si prepara santamente, imitando in tutto Gesù Signore che si preparò alla passione con la preghiera nell’Orto del Getsemani.
Se il cristiano vuole andare fino in fondo, altro non deve fare che mantenere lo sguardo su Gesù Crocifisso, “autore e perfezionatore della fede”, modello unico di come si glorifica il Padre.
Tutto ciò che è di Cristo è del Padre. Al Padre Egli lo dona, donando l’intera sua vita. Glielo dona svuotando il corpo del suo sangue, perché essendo il sangue la vita, questa vita che il Padre gli ha donato, Egli gliela rende intatta, santa, purissima, perfettissima, perché resa tale dalla grande sofferenza.
Sulla via della croce. Al cristiano non resta che rinnegare se stesso, prendere la croce e iniziare il lungo cammino che dovrà condurlo alla perfetta conformazione, in vita e in morte, nella gioia e nella sofferenza, nell’accoglienza e nel rifiuto, con il suo Maestro e Signore.
La via della croce è però una sola: la piena, perfetta, completa, totale obbedienza al Padre, vivendo secondo la Parola di Cristo Gesù, Parola del Padre, la cui comprensione sempre più piena ci viene donata dallo Spirito Santo.
Chi vive la Parola crocifigge il mondo. Chi crocifigge il mondo, dal mondo sarà crocifisso. Il cristiano che vive di Parola crocifigge spiritualmente il mondo, perché ne dichiara la sua falsità. Il mondo crocifigge il cristiano non solo spiritualmente, ma anche fisicamente. Lo priva della vita per attestare la sua volontà contraria a Dio di restare nella sua superbia e falsità.
Fuori della città, portando il suo obbrobrio. L’obbrobrio di Cristo è la sua croce. Per chi porta la croce di Cristo non c’è posto, né spazio nella Città degli uomini.
Il cristiano lo sa. Prende la croce ed esce fuori della Città degli uomini. Vi esce spiritualmente ed anche fisicamente.
La terra non è spazio idoneo per il cristiano. La terra per lui è solo il viaggio della croce, la via crucis verso il Cielo.
Il cristiano, è vero cristiano, se vive da pellegrino verso il regno dei Cieli, portando la croce di Cristo che è perfetta obbedienza alla verità.
Tutto è dal mistero di Cristo. Cristo è tutto per il cristiano e tutto è in Cristo, per Cristo, con Cristo.
Cristo non è solo tutto per il cristiano. È tutto per ogni uomo. Ad ogni uomo deve essere annunziato. Ogni uomo deve essere chiamato alla conversione e alla fede al Vangelo.
Se è tutto per ogni uomo, a maggior ragione lo dovrà essere per quelli che già credono, ma che sono tentati a cercare altrove ciò che altrove non esiste.
La persecuzione può chiedere la vita al cristiano, ma è proprio la vita che la persecuzione chiede al cristiano il più grande segno della verità di Cristo Gesù.
Si salva, chi rimane in Cristo sempre; si salva chi per rimanere in Cristo esce da se stesso, si spoglia di sé, allo stesso modo che Cristo Gesù per rimanere nel Padre suo si è inchiodato sulla croce e si è spogliato dal suo corpo.
È Cristo nella pienezza del suo mistero il contenuto di questa Lettera agli Ebrei.
Ma è Cristo dono del Padre all’umanità intera per la sua Salvezza.
Cristo è dal Padre, per il Padre, con il Padre, nel Padre. Il Padre lo ha dato a noi per la nostra salvezza.
Se Cristo è il dono eterno di Dio per l’uomo, se Dio è il nostro Dio per questo dono e in questo dono, è illusoria, vana, inefficace, inutile ogni confessione di Dio, compreso anche l’Antico Testamento, che non sfoci in Cristo e da Lui non parta per la santificazione di chiunque crede.
La Vergine Maria, Madre della Redenzione, ci aiuti a credere in Cristo, secondo la Parola di Cristo, che è Parola del Padre.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:45 PM
CAPITOLO PRIMO

PROLOGO

[1]Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti,
Con queste semplicissime parole viene manifestato come il Signore Dio ha rivelato la sua volontà ai padri.
Lo ha fatto, parlando loro, non direttamente, ma indirettamente, servendosi dei profeti.
Lo ha fatto nei tempi antichi, cioè durante tutto il corso della storia passata, fino a Giovanni il Battista.
Lo ha fatto in diversi modi. In verità molte sono le modalità attraverso cui il Signore ha parlato. Possiamo dire che ogni profeta, ogni uomo di Dio, ha un suo modo particolare, una sua peculiare specificità.
Lo ha fatto molte volte. La Parola di Dio ha accompagnato tutto il cammino dell’uomo fino a Cristo, anche se il dono di questa Parola è stato prevalentemente offerto ad un popolo: ai discendenti di Abramo, ai figli di Israele.
Sempre i profeti si sono succeduti nel lungo arco del tempo e ogni tempo ha avuto un suo particolare profeta, ognuno con una sua specifica Parola di Dio.
Tutta la storia di Israele è letta, guidata, interpretata, orientata dalla Parola di Dio fatta udire per mezzo dei profeti.
Non è possibile comprendere questa storia se si prescinde dai profeti e dalla Parola che essi di volta in volta facevano risuonare in mezzo al popolo di Dio.
Questa Parola mentre era finalizzata alla santificazione del presente, portava in sé una speranza sempre più chiara, nitida, a volte dai contorni misteriosi.
Era questa speranza la vita del popolo, specie nei momenti più difficili della sua esistenza.
Questa verità ci fa concludere che la vita del popolo di Dio è tutta dalla Parola e nella Parola. Questa Parola è fatta risuonare sempre viva e vitale da Dio per mezzo dei suoi profeti.
Questa Parola è fatta risuonare in una varietà di forme e di modi attraverso i quali appare con chiarezza inconfutabile che essa può venire solo da Dio e da nessun altro.
Questa Parola ha un unico contenuto, un solo soggetto, una sola speranza, un’unica verità. Essa è l’annunzio di una salvezza che dovrà compiersi per mezzo di un uomo, costituito da Dio suo Messia, suo Servo, suo Liberatore, suo Redentore per portare sulla terra il dono della pace, nella conversione e nella fede.
Questa Parola, che ha accompagnato tutta la storia di Israele fino al presente è una Parola non compiuta in sé, perché è una Parola che attende il suo compimento.
Essa è come un albero che produce un fiore dal quale dovrà nascere il frutto della vita per ogni uomo.
La vita non è nel fiore, ma è nel frutto. Fermarsi al fiore e non cogliere il frutto che il fiore ha maturato, e che è il fine del fiore, è semplicemente follia, stoltezza, grande insipienza.
ultimamente, [2]in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto anche il mondo.
L’Autore della Lettera agli Ebrei non vuole perdere tempo. Quanto Israele ha ascoltato fino a questo momento è solo il fiore.
Il fiore ha già prodotto il frutto. Questo frutto è il Figlio di Dio.
Ultimamente, in questi giorni – sono i giorni di Cristo e della sua vita terrena – Dio ha parlato a noi per mezzo del Figlio.
Noi sappiamo chi è il Figlio attraverso il quale Dio ha parlato: è Gesù di Nazaret.
Da questo versetto dobbiamo trarre alcune conclusioni non minime per la comprensione del pensiero dell’Autore.
Il Figlio, oltre che essere l’Ultima e Definitiva Parola di Dio, Parola piena, completa, perfetta, alla quale nulla si può aggiungere e nulla togliere, è stato costituito erede di tutte le cose.
Dio ha dato tutto al Figlio. Qual è la deduzione di questa verità? Se il Figlio è erede di tutte le cose, tutte le cose di Dio sono ora del Figlio.
Se sono del Figlio, è nel Figlio e dal Figlio che bisogna riceverle, ma è anche nel Figlio che bisogna attingerle.
Dio ha dato tutto al Figlio. Per il Figlio dona ora tutto a noi. Dio non dona se non per mezzo del Figlio.
Questo significa semplicemente che chi vuole i doni di Dio deve attingerli in Cristo e chi non li attinge in Cristo non ha i doni di Dio.
Cristo è Colui che ci dona la Parola, ma anche Colui che ci dona ogni altro dono di Dio, anche i beni promessi, il compimento cioè delle antiche profezie si avvera solo in Cristo, avviene per Lui.
Chi non ha il Figlio non ha i doni divini. Chi rinnega il Figlio rinnega ogni dono di Dio. Senza Cristo non si ha Dio, perché Dio è nella Parola di Cristo e nei Suoi doni. Cristo ci dona Dio e ogni suo dono.
Questa è la prima verità sconvolgente, di esordio di questa Lettera. La seconda verità ci annunzia il grande mistero che precede la stessa creazione, sia delle cose che dello stesso uomo. Cristo Gesù non solo è erede di tutte le cose, erede universale, è anche Colui per mezzo del quale Dio ha fatto il mondo.
Per mezzo del Figlio Dio ha fatto il mondo. Se lo ha fatto per mezzo di Lui, Lui non è stato fatto. Lui non è semplice creatura. Lui è creatore con il Padre. Con il Padre Lui è Dio.
È questa la vera identità di Gesù. Non solo uomo, ma anche Dio. Di Dio però è Figlio: è il Figlio del Padre.
[3]Questo Figlio, che è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza e sostiene tutto con la potenza della sua parola, dopo aver compiuto la purificazione dei peccati si è assiso alla destra della maestà nell'alto dei cieli,
In questo versetto è racchiusa tutta l’essenza, la missione, i frutti e la glorificazione.
Cristo ci è “descritto” prima dell’incarnazione, che opera nella creazione, che compie la redenzione, che viene innalzato di nuovo presso Dio.
È più che opportuno trattare ogni verità con ordine e separatamente, al fine di aiutare una più perfetta e completa comprensione di Lui.
Questo Figlio, che è irradiazione della sua gloria: La gloria di Dio è la sua essenza, la sua natura, la sua vita eterna.
Il Figlio è irradiazione eterna della vita del Padre. Lui è dal Padre, però è anche nel Padre ed è per il Padre.
Dal Padre, nel Padre, per il Padre: rivolto verso di Lui perché in Lui è la sorgente eterna della sua vita.
Non c’è nella creazione alcun elemento che possa farci penetrare, anche superficialmente, il mistero della generazione eterna del Figlio, detta in questo contesto: irradiazione.
Noi conosciamo l’irradiazione del sole: dal suo fuoco si sprigionano i raggi che riscaldano la terra e le danno vita.
Quanto avviene nel sole non può mai avvenire nel Figlio. I raggi del sole, escono dal sole, ma poi lasciano il sole e si perdono nell’universo. Si distaccano da lui.
Cristo è dal Padre, ma è nel Padre e per il Padre, rivolto eternamente verso di Lui di un amore eterno. Questo amore eterno è la vita del Figlio, ma questo amore eterno che dal Padre si riversa tutto nel Figlio e dal Figlio tutto nel Padre, è anche Lui Persona: è lo Spirito Santo, la Terza Persona della Santissima Trinità.
La Chiesa quando ha voluto formulare la sua fede in questo mistero, ha detto semplicemente: “Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre”.
È questo il mistero di Cristo Gesù ed è questa la sua essenza eterna. Lui è uomo e Dio, vero uomo e vero Dio, consustanziale con il Padre nella divinità, consustanziale con l’uomo nell’umanità.
Impronta della sua sostanza: l’irradiazione viene ora specificata e chiarita come “impronta della sua sostanza”.
Anche qui bisogna fare molta attenzione a non separare la sostanza che fa l’impronta e l’impronta fatta.
Dio Padre ha generato Cristo come immagine di Sé, di fronte a Sé, non fuori di sé. È fuori del Padre, Cristo Gesù, come Persona Divina, altra e differente dalla Persona del Padre; non è fuori del Padre come natura divina, essendo la stessa, l’unica natura o sostanza divina.
È questo il mistero della Trinità: un solo Dio, una sola natura o sostanza divina in Tre Persone e Tre persone in una sola sostanza divina.
Dire che il Figlio è impronta della sostanza del Padre, vuol dire una cosa sola: il Figlio è l’immagine perfettissima del Padre. È dal suo essere, dalla sua essenza, ma non fuori del suo essere e della sua essenza, perché è il suo stesso essere e la sua stessa essenza, quanto a natura, senza alcuna differenza.
La differenza è nella Persona, che è distinta, diversa: l’uno è Padre, l’altro è Figlio; l’uno genera, l’altro è generato; l’uno è non principiato, l’altro è principiato, perché il principio del Figlio è il Padre. Principio eterno, non nel tempo. Eterno è il Padre. Eterno è il Figlio. Da sempre e per sempre: Dio è Padre, Figlio e Spirito Santo.
Pur non entrando nella chiarificazione degli elementi del mistero, indicibili e inspiegabili in sé, la Lettera agli Ebrei vuole introdurci in una differenza sostanziale che esiste tra tutti gli inviati di Dio e Cristo.
Cristo è Dio stesso, è il Figlio di Dio che viene a parlarci del Padre.
Come è sostanziale la differenza della Persona, così è anche e sarà sostanziale la rivelazione e l’opera che Lui è venuto a compiere.
Poiché Dio non ha altri Figli, non ha neanche altra rivelazione da fare, o altro dono da offrirci.
In Cristo ci ha detto tutto, ci ha dato tutto. Cristo è il dono ultimo, perfetto, pieno, completo, definitivo di Dio Padre.
Chi rifiuta Cristo, rimane, è rimasto, rimarrà con un’opera di salvezza iniziata, ma non compiuta, accennata, ma non realizzata.
Sostiene tutto con la potenza della sua parola: viene specificato ulteriormente chi è Cristo Gesù, il Figlio del Padre, benedetto nei secoli eterni.
La Parola di Cristo Gesù è creatrice come la Parola del Padre. È Onnipotente come la Parola del Padre. Tutto è nella Parola di Cristo, come tutto è nella Parola del Padre. Tutto è dalla Parola di Cristo come tutto è dalla Parola del Padre.
Non si può fare alcuna distinzione, o differenza, tra la Parola di Cristo e la Parola del Padre. Chi non ha la Parola di Cristo non ha la Parola del Padre e chi ha la Parola del Padre deve avere la Parola di Cristo. Se non ha la Parola di Cristo non ha neanche la vera Parola del Padre.
Creare una distinzione tra la Parola di Cristo e la Parola del Padre significa una cosa sola: essere fuori della Parola di Cristo e fuori della Parola del Padre; è anche non avere né la Parola di Cristo, né la Parola del Padre.
Anzi, c’è da dire molto di più: la Parola di Dio è Cristo. Chi non ha Cristo non ha alcuna vera Parola di Dio.
Dopo aver compiuto la purificazione dei peccati: viene ora definita qual è stata la missione di Gesù sulla nostra terra: quella di compiere la purificazione dei peccati.
È questo in fondo l’argomento di questa Lettera. Si rimanda perciò alla trattazione che la stessa Lettera offre con ogni abbondanza di particolari.
Si è assiso alla destra della maestà divina nell’alto dei cieli: è detto ora cosa è avvenuto di Cristo.
Egli è risuscitato il terzo giorno. È rimasto in terra, in modo visibile, con i suoi per quaranta giorni. Al quarantesimo giorno è salito al cielo e si è assiso alla destra del Padre.
Questa puntualizzazione ha uno scopo ben preciso: insegnare che Dio non ha ripudiato suo Figlio, come hanno fatto gli uomini, né lo ha abbandonato.
La sua morte era espiazione dei nostri peccati. Compiuta la redenzione, Egli è risorto e Dio lo ha accreditato accogliendolo nel Cielo, facendolo sedere alla sua destra.
Ora se Cristo è assiso alla destra della maestà divina, nell’alto dei cieli, ci può essere un solo uomo sulla terra che non lo faccia sedere al centro del suo cuore, della sua mente, della sua volontà, della sua anima?
Ci può essere un solo uomo che abbia il coraggio di ripudiare ciò che Dio ha innalzato accanto a sé nella gloria?
Chi dovesse fare questo, attesta semplicemente la nullità della sua fede e la falsità della sua verità.
[4]ed è diventato tanto superiore agli angeli quanto più eccellente del loro è il nome che ha ereditato.
Il nome ereditato è quello di Figlio, di Signore, di Dio.
Il nome però dice la sostanza.
Gli Angeli sono creature. Sono state fatte per mezzo del Figlio. Il Figlio è il loro Signore, il loro Dio.
Ciò che bisogna puntualizzare in questo contesto è però un’altra verità.
Si è detto che Cristo Gesù è vero Dio e vero uomo.
Il nome di Signore che ha ereditato non è solo per il vero Dio, è anche per il vero uomo. Come vero uomo Gesù è Signore degli Angeli.
Come vero uomo Egli è Signore dell’intero creato. Lui che come vero uomo è parte del creato, perché a sua volta è Lui stesso creatura, come creatura, in ragione del nome che ha ereditato, è superiore allo stesso Creato ed è suo Signore.
La questione è sostanziale, non è semplicemente accidentale, formale.
Questa superiorità sostanziale non è affermata semplicemente per definire l’essere, la sostanza, la Persona, le nature che vivono nell’unica Persona divina, secondo quella fede che la Chiesa ci insegna e che è stata definita a partire dal Concilio di Nicea prima e di Calcedonia dopo.
La questione è teologica, cristologica, ma soprattutto soteriologica, di redenzione e di rivelazione insieme.
Cristo Gesù è la Redenzione del Padre. Cristo Gesù è anche la Rivelazione del Padre. È Colui che opera la redenzione, ma anche colui che dona la rivelazione.
Anche questa tematica sarà sviluppata ampiamente nei capitoli che seguiranno.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:46 PM
CRISTO È SUPERIORE AGLI ANGELI
[5]Infatti a quale degli angeli Dio ha mai detto: Tu sei mio figlio; oggi ti ho generato? E ancora: Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio?
Sono, queste, due citazioni dell’Antico Testamento. La prima citazione è tratta dal Salmo 2, Salmo messianico per eccellenza:
“Perché le genti congiurano perché invano cospirano i popoli? Insorgono i re della terra e i principi congiurano insieme contro il Signore e contro il suo Messia: Spezziamo le loro catene, gettiamo via i loro legami.
Se ne ride chi abita i cieli, li schernisce dall'alto il Signore. Egli parla loro con ira, li spaventa nel suo sdegno: Io l'ho costituito mio sovrano sul Sion mio santo monte. Annunzierò il decreto del Signore. Egli mi ha detto: Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato. Chiedi a me, ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra. Le spezzerai con scettro di ferro, come vasi di argilla le frantumerai. E ora, sovrani, siate saggi istruitevi, giudici della terra; servite Dio con timore e con tremore esultate; che non si sdegni e voi perdiate la via. Improvvisa divampa la sua ira. Beato chi in lui si rifugia”.
La seconda citazione è invece del Secondo Libro di Samuele (7,14). Il Signore promette a Davide un regno eterno, nel Figlio che nascerà da lui.
“Il re, quando si fu stabilito nella sua casa, e il Signore gli ebbe dato tregua da tutti i suoi nemici all'intorno, disse al profeta Natan: Vedi, io abito in una casa di cedro, mentre l'arca di Dio sta sotto una tenda. Natan rispose al re: Va’, fa’ quanto hai in mente di fare, perché il Signore è con te.
Ma quella stessa notte questa parola del Signore fu rivolta a Natan: Va’ e riferisci al mio servo Davide: Dice il Signore: Forse tu mi costruirai una casa, perché io vi abiti? Ma io non ho abitato in una casa da quando ho fatto uscire gli Israeliti dall'Egitto fino ad oggi; sono andato vagando sotto una tenda, in un padiglione. Finché ho camminato, ora qua, ora là, in mezzo a tutti gli Israeliti, ho forse mai detto ad alcuno dei Giudici, a cui avevo comandato di pascere il mio popolo Israele: Perché non mi edificate una casa di cedro?
Ora dunque riferirai al mio servo Davide: Così dice il Signore degli eserciti: Io ti presi dai pascoli, mentre seguivi il gregge, perché tu fossi il capo d'Israele mio popolo; sono stato con te dovunque sei andato; anche per il futuro distruggerò davanti a te tutti i tuoi nemici e renderò il tuo nome grande come quello dei grandi che sono sulla terra. Fisserò un luogo a Israele mio popolo e ve lo pianterò perché abiti in casa sua e non sia più agitato e gli iniqui non lo opprimano come in passato, al tempo in cui avevo stabilito i Giudici sul mio popolo Israele e gli darò riposo liberandolo da tutti i suoi nemici. Te poi il Signore farà grande, poiché una casa farà a te il Signore.
Quando i tuoi giorni saranno compiuti e tu giacerai con i tuoi padri, io assicurerò dopo di te la discendenza uscita dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile per sempre il trono del suo regno. Io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio. Se farà il male, lo castigherò con verga d'uomo e con i colpi che danno i figli d'uomo, ma non ritirerò da lui il mio favore, come l'ho ritirato da Saul, che ho rimosso dal trono dinanzi a te. La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a me e il tuo trono sarà reso stabile per sempre.
Natan parlò a Davide con tutte queste parole e secondo questa visione. Allora il re Davide andò a presentarsi al Signore e disse: Chi sono io, Signore Dio, e che cos'è mai la mia casa, perché tu mi abbia fatto arrivare fino a questo punto? E questo è parso ancora poca cosa ai tuoi occhi, mio Signore: tu hai parlato anche della casa del tuo servo per un lontano avvenire: e questa è come legge dell'uomo, Signore Dio! Che potrebbe dirti di più Davide? Tu conosci il tuo servo, Signore Dio! Per amore della tua parola e secondo il tuo cuore, hai compiuto tutte queste grandi cose, manifestandole al tuo servo. Tu sei davvero grande Signore Dio! Nessuno è come te e non vi è altro Dio fuori di te, proprio come abbiamo udito con i nostri orecchi. E chi è come il tuo popolo, come Israele, unica nazione sulla terra che Dio è venuto a riscattare come popolo per sé e a dargli un nome? In suo favore hai operato cose grandi e tremende, per il tuo paese, per il tuo popolo che ti sei riscattato dall'Egitto, dai popoli e dagli dei. Tu hai stabilito il tuo popolo Israele per essere tuo popolo per sempre; tu, Signore, sei divenuto il suo Dio.
Ora, Signore, la parola che hai pronunciata riguardo al tuo servo e alla sua casa, confermala per sempre e fa’ come hai detto. Allora il tuo nome sarà magnificato per sempre così: Il Signore degli eserciti è il Dio d'Israele! La casa del tuo servo Davide sia dunque stabile davanti a te! Poiché tu, Signore degli eserciti, Dio d'Israele, hai fatto una rivelazione al tuo servo e gli hai detto: Io ti edificherò una casa! perciò il tuo servo ha trovato l'ardire di rivolgerti questa preghiera. Ora, Signore, tu sei Dio, le tue parole sono verità e hai promesso questo bene al tuo servo. Dègnati dunque di benedire ora la casa del tuo servo, perché sussista sempre dinanzi a te! Poiché tu, Signore, hai parlato e per la tua benedizione la casa del tuo servo sarà benedetta per sempre!”.
In queste due citazioni è manifestata la doppia origine di Cristo.
Egli è da Dio e dall’uomo, dall’eternità e dal tempo, è Figlio di Dio e Figlio di Davide. Da Dio è generato nell’oggi dell’eternità; da sempre Egli è Dio; da Davide è generato nel tempo, perché è nato dalla Vergine Maria.
Per la sua generazione eterna, per la sua origine da Dio, perché da Dio generato, e anche per la sua generazione da Davide, Gesù è superiore agli Angeli. Egli degli Angeli è il Signore anche come vero uomo, perché tale Dio lo ha costituito, è il Creatore perché è il loro Dio.
La finalità della superiorità di Gesù sugli Angeli in questo contesto è finalizzata ad affermare la superiorità della Parola che Dio ci ha donato per mezzo di Gesù Cristo.
Questa finalità è manifestata alla fine di questo capitolo ed è in quel contesto che ci si soffermerà a coglierla nei suoi molteplici aspetti.
Ora è giusto non disperderci e proseguire con la dimostrazione dell’Autore finalizzata a manifestare chi è in verità Cristo, o cosa dice la Scrittura, rivelata per mano di Angeli, di Cristo, o semplicemente cosa dicono gli Angeli di Cristo Gesù, del Figlio di Dio.
Se gli Angeli rendono testimonianza a Cristo e alla superiorità che Lui ha su di loro, ci potrà essere sulla terra un solo uomo che non renda testimonianza a Cristo?
Se qualcuno non lo facesse, costui sappia che è fuori anche della testimonianza che gli Angeli rendono a lui di Dio. È fuori perché la testimonianza che loro rendono a lui di Dio attesta chiaramente che Dio ha generato il Figlio e che lo ha costituito erede universale di tutte le cose, assieme a tutte le altre verità che in questo stesso contesto vengono affermate.
[6]E di nuovo, quando introduce il primogenito nel mondo, dice: Lo adorino tutti gli angeli di Dio.
La citazione è tratta dal Salmo 96.
“Il Signore regna, esulti la terra, gioiscano le isole tutte. Nubi e tenebre lo avvolgono, giustizia e diritto sono la base del suo trono. Davanti a lui cammina il fuoco e brucia tutt'intorno i suoi nemici. Le sue folgori rischiarano il mondo: vede e sussulta la terra. I monti fondono come cera davanti al Signore, davanti al Signore di tutta la terra. I cieli annunziano la sua giustizia e tutti i popoli contemplano la sua gloria. Siano confusi tutti gli adoratori di statue e chi si gloria dei propri idoli. Si prostrino a lui tutti gli dei! (Lo adorino tutti gli angeli di Dio: è secondo la versione greca). Ascolta Sion e ne gioisce, esultano le città di Giuda per i tuoi giudizi, Signore. Perché tu sei, Signore, l'Altissimo su tutta la terra, tu sei eccelso sopra tutti gli dei. Odiate il male, voi che amate il Signore: lui che custodisce la vita dei suoi fedeli li strapperà dalle mani degli empi. Una luce si è levata per il giusto, gioia per i retti di cuore. Rallegratevi, giusti, nel Signore, rendete grazie al suo santo nome”.
Anche il Deuteronomio contiene un’affermazione simile (Cfr 32,43, ma sempre secondo la versione greca). È bene conoscere il contenuto di questo capitolo. È presentato Dio nella sua opera di salvezza a favore del suo popolo:
“Ascoltate, o cieli: io voglio parlare: oda la terra le parole della mia bocca! Stilli come pioggia la mia dottrina, scenda come rugiada il mio dire; come scroscio sull'erba del prato, come spruzzo sugli steli di grano. Voglio proclamare il nome del Signore: date gloria al nostro Dio! Egli è la Roccia; perfetta è l'opera sua; tutte le sue vie sono giustizia; è un Dio verace e senza malizia; Egli è giusto e retto.
Peccarono contro di lui i figli degeneri, generazione tortuosa e perversa. Così ripaghi il Signore, o popolo stolto e insipiente? Non è lui il padre che ti ha creato, che ti ha fatto e ti ha costituito? Ricorda i giorni del tempo antico, medita gli anni lontani. Interroga tuo padre e te lo farà sapere, i tuoi vecchi e te lo diranno. Quando l'Altissimo divideva i popoli, quando disperdeva i figli dell'uomo, egli stabilì i confini delle genti secondo il numero degli Israeliti. Perché porzione del Signore è il suo popolo, Giacobbe è sua eredità.
Egli lo trovò in terra deserta, in una landa di ululati solitari. Lo circondò, lo allevò, lo custodì come pupilla del suo occhio. Come un'aquila che veglia la sua nidiata, che vola sopra i suoi nati, egli spiegò le ali e lo prese, lo sollevò sulle sue ali, Il Signore lo guidò da solo, non c'era con lui alcun dio straniero. Lo fece montare sulle alture della terra e lo nutrì con i prodotti della campagna; gli fece succhiare miele dalla rupe e olio dai ciottoli della roccia; crema di mucca e latte di pecora insieme con grasso di agnelli, arieti di Basan e capri, fior di farina di frumento e sangue di uva, che bevevi spumeggiante.
Giacobbe ha mangiato e si è saziato, sì, ti sei ingrassato, impinguato, rimpinzato e ha respinto il Dio che lo aveva fatto, ha disprezzato la Roccia, sua salvezza. Lo hanno fatto ingelosire con dei stranieri e provocato con abomini all'ira. Hanno sacrificato a demoni che non sono Dio, a divinità che non conoscevano, novità, venute da poco, che i vostri padri non avevano temuto. La Roccia, che ti ha generato, tu hai trascurato; hai dimenticato il Dio che ti ha procreato! Ma il Signore ha visto e ha disdegnato con ira i suoi figli e le sue figlie. Ha detto: Io nasconderò loro il mio volto: vedrò quale sarà la loro fine. Sono una generazione perfida, sono figli infedeli.
Mi resero geloso con ciò che non è Dio, mi irritarono con i loro idoli vani; io li renderò gelosi con uno che non è popolo, li irriterò con una nazione stolta. Un fuoco si è acceso nella mia collera e brucerà fino nella profondità degl'inferi; divorerà la terra e il suo prodotto e incendierà le radici dei monti. Accumulerò sopra di loro i malanni; le mie frecce esaurirò contro di loro. Saranno estenuati dalla fame, divorati dalla febbre e da peste dolorosa. Il dente delle belve manderò contro di essi, con il veleno dei rettili che strisciano nella polvere. Di fuori la spada li priverà dei figli, dentro le case li ucciderà lo spavento. Periranno insieme il giovane e la vergine, il lattante e l'uomo canuto.
Io ho detto: Li voglio disperdere, cancellarne tra gli uomini il ricordo! se non temessi l'arroganza del nemico, l'abbaglio dei loro avversari; non dicano: La nostra mano ha vinto, non è il Signore che ha operato tutto questo! Sono un popolo insensato e in essi non c'è intelligenza: se fossero saggi, capirebbero, rifletterebbero sulla loro fine: Come può un uomo solo inseguirne mille o due soli metterne in fuga diecimila? Non è forse perché la loro Roccia li ha venduti, il Signore li ha consegnati? Perché la loro roccia non è come la nostra e i nostri nemici ne sono testimoni. La loro vite è dal ceppo di Sòdoma, dalle piantagioni di Gomorra. La loro uva è velenosa, ha grappoli amari. Tossico di serpenti è il loro vino, micidiale veleno di vipere. Non è questo nascosto presso di me, sigillato nei miei forzieri? Mia sarà la vendetta e il castigo, quando vacillerà il loro piede! Sì, vicino è il giorno della loro rovina e il loro destino si affretta a venire. Perché il Signore farà giustizia al suo popolo e dei suoi servi avrà compassione; quando vedrà che ogni forza è svanita e non è rimasto né schiavo, né libero.
Allora dirà: Dove sono i loro dei, la roccia in cui cercavano rifugio; quelli che mangiavano il grasso dei loro sacrifici, che bevevano il vino delle loro libazioni? Sorgano ora e vi soccorrano, siano il riparo per voi!
Ora vedete che io, io lo sono e nessun altro è dio accanto a me. Sono io che dò la morte e faccio vivere; io percuoto e io guarisco e nessuno può liberare dalla mia mano. Alzo la mano verso il cielo e dico: Per la mia vita, per sempre: quando avrò affilato la folgore della mia spada e la mia mano inizierà il giudizio, farò vendetta dei miei avversari, ripagherò i miei nemici. Inebrierò di sangue le mie frecce, si pascerà di carne la mia spada, del sangue dei cadaveri e dei prigionieri, delle teste dei condottieri nemici! Esultate, o nazioni, per il suo popolo, perché Egli vendicherà il sangue dei suoi servi; volgerà la vendetta contro i suoi avversari e purificherà la sua terra e il suo popolo”.
Mosè venne con Giosuè, figlio di Nun, e pronunziò agli orecchi del popolo tutte le parole di questo canto. Quando Mosè ebbe finito di pronunziare tutte queste parole davanti a tutto Israele, disse loro: Ponete nella vostra mente tutte le parole che io oggi uso come testimonianza contro di voi. Le prescriverete ai vostri figli, perché cerchino di eseguire tutte le parole di questa legge. Essa infatti non è una parola senza valore per voi; anzi è la vostra vita; per questa parola passerete lunghi giorni sulla terra di cui state per prendere possesso, passando il Giordano.
In quello stesso giorno il Signore disse a Mosè: Sali su questo monte degli Abarim, sul monte Nebo, che è nel paese di Moab, di fronte a Gerico, e mira il paese di Canaan, che io dò in possesso agli Israeliti. Tu morirai sul monte sul quale stai per salire e sarai riunito ai tuoi antenati, come Aronne tuo fratello è morto sul monte Or ed è stato riunito ai suoi antenati, perché siete stati infedeli verso di me in mezzo agli Israeliti alle acque di Mèriba di Kades nel deserto di Sin, perché non avete manifestato la mia santità. Tu vedrai il paese davanti a te, ma là, nel paese che io sto per dare agli Israeliti, tu non entrerai!”.
Dio è il Signore. Cristo è il Signore. Dio è il Salvatore. Cristo è il Salvatore. Ciò che è del Padre, è del Figlio. Questa è la nostra verità ed è santissima.
Gli Angeli non sono signori. Sono creature di Dio, suoi servi. Anche questa è verità ed è santa per noi.
[7]Mentre degli angeli dice: Egli fa i suoi angeli pari ai venti, e i suoi ministri come fiamma di fuoco,
Gli Angeli non sono invece signori, perché la Signoria appartiene solo a Dio. Sono ministri di Dio, suoi servi.
Essi sono sempre in ascolto della volontà di Dio per eseguirla in ogni sua parte.
Così parla il salmo 103 (sempre in versione greca) degli Angeli. Lo riportiamo tutto perché ci aiuta a scoprire il posto degli Angeli nell’universo creato da Dio, nel quale ogni creatura ha un suo ruolo definito e preciso:
“Benedici il Signore, anima mia, Signore, mio Dio, quanto sei grande! Rivestito di maestà e di splendore, avvolto di luce come di un manto. Tu stendi il cielo come una tenda, costruisci sulle acque la tua dimora, fai delle nubi il tuo carro, cammini sulle ali del vento; fai dei venti i tuoi messaggeri, delle fiamme guizzanti i tuoi ministri.
Hai fondato la terra sulle sue basi, mai potrà vacillare. L'oceano l'avvolgeva come un manto, le acque coprivano le montagne. Alla tua minaccia sono fuggite, al fragore del tuo tuono hanno tremato. Emergono i monti, scendono le valli al luogo che hai loro assegnato. Hai posto un limite alle acque: non lo passeranno, non torneranno a coprire la terra. Fai scaturire le sorgenti nelle valli e scorrono tra i monti; ne bevono tutte le bestie selvatiche e gli ònagri estinguono la loro sete. Al di sopra dimorano gli uccelli del cielo, cantano tra le fronde.
Dalle tue alte dimore irrighi i monti, con il frutto delle tue opere sazi la terra. Fai crescere il fieno per gli armenti e l'erba al servizio dell'uomo, perché tragga alimento dalla terra: il vino che allieta il cuore dell'uomo; l'olio che fa brillare il suo volto e il pane che sostiene il suo vigore. Si saziano gli alberi del Signore, i cedri del Libano da lui piantati. Là gli uccelli fanno il loro nido e la cicogna sui cipressi ha la sua casa. Per i camosci sono le alte montagne, le rocce sono rifugio per gli iràci. Per segnare le stagioni hai fatto la luna e il sole che conosce il suo tramonto.
Stendi le tenebre e viene la notte e vagano tutte le bestie della foresta; ruggiscono i leoncelli in cerca di preda e chiedono a Dio il loro cibo. Sorge il sole, si ritirano e si accovacciano nelle tane. Allora l'uomo esce al suo lavoro, per la sua fatica fino a sera. Quanto sono grandi, Signore, le tue opere! Tutto hai fatto con saggezza, la terra è piena delle tue creature. Ecco il mare spazioso e vasto: lì guizzano senza numero animali piccoli e grandi. Lo solcano le navi, il Leviatàn che hai plasmato perché in esso si diverta. Tutti da te aspettano che tu dia loro il cibo in tempo opportuno. Tu lo provvedi, essi lo raccolgono, tu apri la mano, si saziano di beni. Se nascondi il tuo volto, vengono meno, togli loro il respiro, muoiono e ritornano nella loro polvere. Mandi il tuo spirito, sono creati, e rinnovi la faccia della terra. La gloria del Signore sia per sempre; gioisca il Signore delle sue opere. Egli guarda la terra e la fa sussultare, tocca i monti ed essi fumano. Voglio cantare al Signore finché ho vita, cantare al mio Dio finché esisto. A lui sia gradito il mio canto; la mia gioia è nel Signore. Scompaiano i peccatori dalla terra e più non esistano gli empi. Benedici il Signore, anima mia.
Non solo è detto che fa delle fiamme guizzanti (gli Angeli secondo la versione greca) i suoi ministri, appare in tutto il contesto che queste fiamme guizzanti sono opera di Dio.
Cristo invece non è opera di Dio. Cristo è generato da Dio, è il Figlio del Padre.
La differenza è grande ed è infinita. Supera l’estensione dell’intero universo. Cristo è nell’universo, ma è anche al di là di tutto l’universo, perché Lui dell’universo è il Creatore in quanto Dio e vero Figlio del Padre, che è Signore e Creatore dal nulla di tutto ciò che esiste.
[8]del Figlio invece afferma: Il tuo trono, Dio, sta in eterno e: Scettro giusto è lo scettro del tuo regno; [9]hai amato la giustizia e odiato l'iniquità, perciò ti unse Dio, il tuo Dio, con olio di esultanza più dei tuoi compagni.
Mentre gli Angeli sono ministri, Gesù invece del Regno di Dio è il Re. Gli Angeli sono a servizio del Gran Re, del Re dei re e del Principe di tutti i regnanti della terra.
Leggiamo l’affermazione nel contesto del Salmo 44. È un Salmo messianico, canta il Messia che verrà:
“Al maestro del coro. Su “I gigli...”. Dei figli di Core. Maskil. Canto d'amore. Effonde il mio cuore liete parole, io canto al re il mio poema. La mia lingua è stilo di scriba veloce. Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, sulle tue labbra è diffusa la grazia, ti ha benedetto Dio per sempre. Cingi, prode, la spada al tuo fianco, nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, avanza per la verità, la mitezza e la giustizia. La tua destra ti mostri prodigi: le tue frecce acute colpiscono al cuore i nemici del re; sotto di te cadono i popoli. Il tuo trono, Dio, dura per sempre; è scettro giusto lo scettro del tuo regno. Ami la giustizia e l'empietà detesti: Dio, il tuo Dio ti ha consacrato con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali. Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; alla tua destra la regina in ori di Ofir. Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre; al re piacerà la tua bellezza. Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui. Da Tiro vengono portando doni, i più ricchi del popolo cercano il tuo volto. La figlia del re è tutta splendore, gemme e tessuto d'oro è il suo vestito. E` presentata al re in preziosi ricami; con lei le vergini compagne a te sono condotte; guidate in gioia ed esultanza entrano insieme nel palazzo del re. Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; li farai capi di tutta la terra. Farò ricordare il tuo nome per tutte le generazioni, e i popoli ti loderanno in eterno, per sempre”.
Da notare come con chiarezza divina il Messia è detto Dio: Dio, il tuo Dio ti ha consacrato con olio di letizia.
Dicendo: il tuo Dio, siamo anche introdotti nel mistero della vera umanità di Cristo Gesù.
Di Cristo Dio è Padre, Padre per generazione. È anche Dio, per creazione, in ragione della sua vera umanità. Dio è Padre di Cristo Gesù ed è anche Suo Dio.
È questo il vero mistero che avvolge Cristo Gesù. Vero Figlio di Dio, vero Figlio di Davide. Non due figli, uno di Dio e l’altro di Davide, ma un solo Figlio: di Dio nell’eternità, di Davide nel tempo.
Tutto questo si può affermare di Cristo perché è la Sua Persona che nasce da Dio e da Davide e la Persona è una sola. Le nature sono due, divina e umana, la Persona è una sola: quella divina che è nata da Dio nell’eternità, da Maria nel tempo. Per questo Gesù è vero Dio e Maria vera Madre di Dio.
[10]E ancora: Tu, Signore, da principio hai fondato la terra e opera delle tue mani sono i cieli. [11]Essi periranno, ma tu rimani; invecchieranno tutti come un vestito. [12]Come un mantello li avvolgerai, come un abito e saranno cambiati; ma tu rimani lo stesso, e gli anni tuoi non avranno fine.
Questi versetti sono tratti dal Salmo 101. In essi sono attestate la Signoria universale di Dio, che è anche di Cristo, e la sua eternità, che è anche di Cristo, dinanzi all’universo intero destinato a perire, ad invecchiare, mentre il Signore rimane in eterno.
Lui non cambia, non muta, non perisce. Così è anche di Cristo Gesù e del suo Regno eterno, che non conoscerà mai fine.
Leggiamo il Salmo:
“Preghiera di un afflitto che è stanco e sfoga dinanzi a Dio la sua angoscia. Signore, ascolta la mia preghiera, a te giunga il mio grido. Non nascondermi il tuo volto; nel giorno della mia angoscia piega verso di me l'orecchio. Quando ti invoco: presto, rispondimi. Si dissolvono in fumo i miei giorni e come brace ardono le mie ossa. Il mio cuore abbattuto come erba inaridisce, dimentico di mangiare il mio pane. Per il lungo mio gemere aderisce la mia pelle alle mie ossa. Sono simile al pellicano del deserto, sono come un gufo tra le rovine. Veglio e gemo come uccello solitario sopra un tetto. Tutto il giorno mi insultano i miei nemici, furenti imprecano contro il mio nome. Di cenere mi nutro come di pane, alla mia bevanda mescolo il pianto, davanti alla tua collera e al tuo sdegno, perché mi sollevi e mi scagli lontano.
I miei giorni sono come ombra che declina, e io come erba inaridisco. Ma tu, Signore, rimani in eterno, il tuo ricordo per ogni generazione. Tu sorgerai, avrai pietà di Sion, perché è tempo di usarle misericordia: l'ora è giunta. Poiché ai tuoi servi sono care le sue pietre e li muove a pietà la sua rovina. I popoli temeranno il nome del Signore e tutti i re della terra la tua gloria, quando il Signore avrà ricostruito Sion e sarà apparso in tutto il suo splendore. Egli si volge alla preghiera del misero e non disprezza la sua supplica. Questo si scriva per la generazione futura e un popolo nuovo darà lode al Signore.
Il Signore si è affacciato dall'alto del suo santuario, dal cielo ha guardato la terra, per ascoltare il gemito del prigioniero, per liberare i condannati a morte; perché sia annunziato in Sion il nome del Signore e la sua lode in Gerusalemme, quando si aduneranno insieme i popoli e i regni per servire il Signore. Ha fiaccato per via la mia forza, ha abbreviato i miei giorni. Io dico: Mio Dio, non rapirmi a metà dei miei giorni; i tuoi anni durano per ogni generazione. In principio tu hai fondato la terra, i cieli sono opera delle tue mani. Essi periranno, ma tu rimani, tutti si logorano come veste, come un abito tu li muterai ed essi passeranno. Ma tu resti lo stesso e i tuoi anni non hanno fine. I figli dei tuoi servi avranno una dimora, resterà salda davanti a te la loro discendenza”.
Come si può constatare le parole riferite a Dio e alla sua eternità di fronte ad ogni cosa che muta, invecchia e perisce, sono espresse in un contesto di speranza.
L’eternità di Dio dona speranza al cuore credente. L’eternità di Cristo deve far nascere la speranza nel cuore di ogni uomo.
Questo Cristo, che è eterno, perché è dall’eternità del Padre, da sempre e per sempre, ci è stato dato perché sia in Lui e in Lui solo la fonte, la sorgente della nostra salvezza.
Lui è lì in eterno dinanzi a noi, quale trono di grazia e di verità, perché in Lui attingiamo la nostra verità, la nostra grazia, per divenire in Lui, con Lui, per Lui grazia e verità. È questa la nostra salvezza ed è tutta in Lui.
[13]A quale degli angeli poi ha mai detto: Siedi alla mia destra, finché io non abbia posto i tuoi nemici sotto i tuoi piedi?
Ancora un’altra citazione. È tratta dal Salmo 109, anch’esso Salmo sul Messia di Dio.
Il Messia di Dio è il Trionfatore, il Vincitore, Colui che vince per vincere ancora, Colui al quale ogni cosa è stata sottomessa.
Anche gli Angeli sono sottomessi a Lui.
Leggiamo il Salmo:
“Di Davide. Salmo. Oracolo del Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi. Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: Domina in mezzo ai tuoi nemici. A te il principato nel giorno della tua potenza tra santi splendori; dal seno dell'aurora, come rugiada, io ti ho generato. Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek. Il Signore è alla tua destra, annienterà i re nel giorno della sua ira. Giudicherà i popoli: in mezzo a cadaveri ne stritolerà la testa su vasta terra. Lungo il cammino si disseta al torrente e solleva alta la testa.
In questo salmo di Cristo Gesù è detto tutto:
Oracolo del Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi. Dio è Signore. Cristo è Signore.
Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: Domina in mezzo ai tuoi nemici. Dio dona lo scettro del regno eterno a Cristo.
A te il principato nel giorno della tua potenza tra santi splendori. Viene ricordato il giorno della incoronazione, o glorificazione di Cristo.
Dal seno dell'aurora, come rugiada, io ti ho generato. È questa la sua generazione eterna.
Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek. Cristo non solo è Re, è anche Sacerdote, non però alla maniera di Aronne, bensì alla maniera di Melchisedek.
Il Signore è alla tua destra, annienterà i re nel giorno della sua ira. Dio è con Cristo e Cristo è con Dio.
Giudicherà i popoli: in mezzo a cadaveri ne stritolerà la testa su vasta terra. Cristo è costituito Giudice universale di tutta la terra.
Gesù stesso si serve di questo passo per confondere la sapienza dei sapienti scribi, farisei e sommi sacerdoti:
In questo capitolo Gesù è il Figlio per il quale il Padre fa il banchetto di nozze. Lo riportiamo tutto, soprattutto per metterci di fronte alla saggezza divina, proprio di Dio, con la quale Gesù argomenta e risponde:
Gesù riprese a parlar loro in parabole e disse: Il regno dei cieli è simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non vollero venire. Di nuovo mandò altri servi a dire: Ecco ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e i miei animali ingrassati sono già macellati e tutto è pronto; venite alle nozze. Ma costoro non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò e, mandate le sue truppe, uccise quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: Il banchetto nuziale è pronto, ma gli invitati non ne erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. Usciti nelle strade, quei servi raccolsero quanti ne trovarono, buoni e cattivi, e la sala si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e, scorto un tale che non indossava l'abito nuziale, gli disse: Amico, come hai potuto entrare qui senz'abito nuziale? Ed egli ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti.
Allora i farisei, ritiratisi, tennero consiglio per vedere di coglierlo in fallo nei suoi discorsi. Mandarono dunque a lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità e non hai soggezione di nessuno perché non guardi in faccia ad alcuno. Dicci dunque il tuo parere: E` lecito o no pagare il tributo a Cesare? Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: Ipocriti, perché mi tentate? Mostratemi la moneta del tributo. Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: Di chi è questa immagine e l'iscrizione? Gli risposero: Di Cesare. Allora disse loro: Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio. A queste parole rimasero sorpresi e, lasciatolo, se ne andarono.
In quello stesso giorno vennero a lui dei sadducei, i quali affermano che non c'è risurrezione, e lo interrogarono: Maestro, Mosè ha detto: Se qualcuno muore senza figli, il fratello ne sposerà la vedova e così susciterà una discendenza al suo fratello. Ora, c'erano tra noi sette fratelli; il primo appena sposato morì e, non avendo discendenza, lasciò la moglie a suo fratello. Così anche il secondo, e il terzo, fino al settimo. Alla fine, dopo tutti, morì anche la donna. Alla risurrezione, di quale dei sette essa sarà moglie? Poiché tutti l'hanno avuta. E Gesù rispose loro: Voi vi ingannate, non conoscendo né le Scritture né la potenza di Dio. Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo. Quanto poi alla risurrezione dei morti, non avete letto quello che vi è stato detto da Dio: Io sono il Dio di Abramo e il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe? Ora, non è Dio dei morti, ma dei vivi. Udendo ciò, la folla era sbalordita per la sua dottrina.
Allora i farisei, udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova: Maestro, qual è il più grande comandamento della legge? Gli rispose: Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti.
Trovandosi i farisei riuniti insieme, Gesù chiese loro: Che ne pensate del Messia? Di chi è figlio? Gli risposero: Di Davide. Ed egli a loro: Come mai allora Davide, sotto ispirazione, lo chiama Signore, dicendo: Ha detto il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io non abbia posto i tuoi nemici sotto i tuoi piedi? Se dunque Davide lo chiama Signore, come può essere suo figlio? Nessuno era in grado di rispondergli nulla; e nessuno, da quel giorno in poi, osò interrogarlo”.
Come si può constatare Gesù stesso si applica il passo della Scrittura. Il Messia è figlio di Davide, ma anche Signore di Davide.
È figlio in ragione della sua origine da Maria. È Signore per la sua origine da Dio. L’origine da Dio è per generazione eterna.
Di nessun Angelo questo è stato mai detto. La Scrittura fa una distinzione netta, precisa tra Dio e le sue creature, ma anche tra il Messia di Dio e ogni altra creatura.
Questa distinzione è costitutiva dell’essere stesso di Cristo, è la sua essenza, la sua natura.
Questa distinzione ci dice con chiarezza che Cristo è Dio. È questa la superiorità di Cristo sugli Angeli.
Non è una superiorità per elevazione morale o per la più grande sua “spiritualità”.
È invece una superiorità che è oltre ogni possibile superiorità che esiste nella creazione.
Tra gli uomini e gli Angeli si può parlare di superiorità di questi ultimi per rapporto ai primi.
Tra Cristo e gli Angeli invece neanche di per sé si potrebbe parlare di superiorità, ma di infinità.
Cristo è infinitamente oltre gli Angeli, perché egli è di natura divina. Egli è il Creatore e il Signore degli Angeli. Non è una differenza all’interno della creazione, è una differenza che nasce dal di fuori della creazione. È la stessa differenza che esiste tra Creato e Increato, tra Creatore e opera fatta.
Se questa è la differenza tra Cristo e gli Angeli, quale non sarà allora la differenza tra le due rivelazioni: quella che ha affidato agli Angeli e quella che lo stesso Dio ha affidato a Cristo Dio?
È questa differenza che l’Autore vuole cogliere in ogni suo particolare ed è anche questo lo scopo della Lettera.
[14]Non sono essi tutti spiriti incaricati di un ministero, inviati per servire coloro che devono ereditare la salvezza?
Con queste chiare parole viene presentata la natura degli Angeli assieme al loro ministero.
Prima di ogni cosa è detto che gli Angeli sono di natura spirituale. Essi, a differenza dell’uomo, non hanno il corpo e quindi non hanno storia, non hanno divenire.
La natura spirituale è tutta se stessa allo stesso tempo, perché lo spirito è senza tempo.
Lo spirito, al pari di ogni altro essere, è creatura di Dio.
Ogni creatura di Dio è stata fatta per un fine. Qual è il fine degli Angeli?
L’Autore lo dice con queste poche parole: sono incaricati di un ministero, inviati per servire coloro che devono ereditare la salvezza.
Se si legge la Scrittura con mente limpida e con cuore puro, ci si accorge che essi sono sempre presentati in relazione all’uomo e alla sua salvezza.
Essi sono a servizio della salvezza dell’uomo. Questo è il loro ministero, il loro ufficio.
Loro servono quelli che devono ereditare la salvezza. Cristo invece è l’autore della salvezza.
La salvezza si compie per mezzo di Lui, ma anche si compie in Lui e con Lui.
Anche in questo la superiorità di Cristo in ordine alla salvezza è eccelsa. È la stessa differenza che esiste tra chi serve coloro che devono ereditare la salvezza e colui che “crea” la salvezza e la dona come il suo più grande dono d’amore.
È grande il mistero di Cristo. Lo si può accogliere solo nella fede, in quella fede che nasce dalla libertà dal peccato e dalla povertà in spirito.
La libertà del peccato fa sì che lo Spirito Santo possa parlare al nostro spirito, al nostro cuore, alla nostra intelligenza, alla nostra volontà.
La povertà in spirito fa sì che il nostro cuore sia vuoto da ogni pensiero della terra, da ogni desiderio, anche da ogni comprensione passata di Cristo. Anche dai vecchi pensieri ci dobbiamo svuotare, liberare, se vogliamo accogliere il Signore che viene per operare salvezza nei nostri cuori.
Dinanzi alla Parola della rivelazione dobbiamo sempre presentarci con la mitezza e l’umiltà. La mitezza ci fa essere sempre disponibile a Dio, l’umiltà ci fa vedere il nostro niente, anche nei pensieri, chiamati ad abbandonare se stessi, perché solo il pensiero di Dio sia l’unico oggetto della nostra mente, del nostro cuore, del nostro spirito, della nostra volontà.
La verità di Cristo è radiosa per se stessa. Essa si coglie in ogni passo della Scrittura.
La coglie però chi si fa libero dal peccato, chi diviene povero in spirito, chi si edifica nella mitezza e nell’umiltà della mente e del cuore.
Il peccato è scudo potente che impedisce ogni penetrazione della verità nella nostra mente e soprattutto nel nostro cuore.
L’uomo nel peccato è come se non avesse mente e non possedesse cuore. A posto della mente e del cuore c’è il peccato. I suoi ragionamenti sono ragionamenti di peccato, i suoi desideri sono desideri di peccato. La sua verità è una verità di peccato.
Cristo è venuto per togliere il nostro peccato. Questa è la potenza della sua grazia.
Anche questa è la superiorità di Cristo per rapporto alla rivelazione che Dio ci ha fatto per mezzo di Angeli. Lo afferma con chiarezza San Giovanni nel suo vangelo: “La legge ci fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità ci vennero per mezzo di Gesù Cristo… Da Lui abbiamo attinto grazia su grazia”.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:47 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Molte volte, in diversi modi, per mezzo dei profeti. Con queste semplici parole viene annunziato il grande mistero della rivelazione. Essa ha la sua origine in Dio. È Lui l’Autore. Lui però si serve di uomini. Questi uomini sono i suoi profeti, coloro cioè che portano ad altri uomini la sua Volontà, la sua Verità, la sua Santità, il suo mistero e il mistero dello stesso uomo. La mediazione nella rivelazione è via ordinaria. Dio si serve di uno per i molti, di uno per tutti. Per mezzo dei profeti Dio ha parlato molte volte e in diversi modi. Dio parla per: rivelazione, manifestazione, ispirazione, visione, segni e parole intimamente connessi. L’Antico Testamento è queste molte volte e i diversi modi attraverso i quali Dio ha parlato, agendo nella storia e guidandola verso il suo compimento di salvezza e di redenzione.
In questi giorni, oggi per mezzo del Figlio. Lo stesso, l’unico, il solo Dio che ha parlato in diversi modi e molte volte nell’Antico Testamento, o un tempo, in questi giorni ha parlato a noi per mezzo del Figlio. Il Figlio è Cristo Gesù. Con Cristo il Padre ci ha manifestato, o detto tutto, ma anche ci ha dato tutto. Non deve più né dirci, né darci qualcosa. Donandoci tutto Cristo, in Cristo ci ha donato tutto, ogni cosa. Ci ha donato la pienezza della rivelazione e della salvezza. Cristo Gesù è l’ultimo dono di Dio. Oltre questo dono, non ha nulla più da darci. Donandoci Cristo Gesù, ha in Lui donato tutto se stesso. Il dono è perfetto, la rivelazione è perfetta, la grazia è perfetta. Assai importante, anzi di vitale importanza è questa verità: l’Autore di tutto è il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, da sempre il Dio che è Padre del Verbo della vita e che dopo il sì della vergine Maria è Padre del Verbo Incarnato, Padre del Messia, Gesù di Nazaret, vero Figlio di Dio, ma anche vero Figlio dell’uomo. L’unicità dell’Autore pone gli ascoltatori dinanzi alla non possibilità di separare il prima e il dopo nella rivelazione, ma di accogliere il dopo in nome del prima, perché il prima è tutto finalizzato al dopo e il dopo è tutto preannunziato nel prima. Chi opera tutto questo è sempre l’unico e solo Dio. Non crede in Dio chi separa in Lui il prima e il dopo, accoglie il prima, rifiuta il dopo. Sono un’unica rivelazione, un unico mistero, una sola salvezza, una sola redenzione, giustificazione, santificazione, liberazione, verità. Sono un unico e solo atto salvifico dell’unico e solo Dio. Appare fin da subito che il problema o la questione cristologica si fa e diviene problema teologico. Da Cristo tutto si sposta in Dio perché Cristo è l’opera di Dio e chi rifiuta Cristo opera di Dio, rifiuta necessariamente il Dio che ha fatto l’opera e il Dio di quest’opera mirabile agli occhi nostri è lo stesso ed unico Dio che l’ha iniziata con la vocazione di Abramo, con la liberazione dalla schiavitù dell’Egitto, con l’introduzione nella Terra Promessa, con la rivelazione fatta ai profeti. È questo il motivo per cui chi non crede in Cristo non crede semplicemente in Dio e chi si rifiuta di conoscere Cristo, si esclude dalla vera conoscenza di Dio. Si esclude semplicemente e puramente dalla salvezza promessa da Dio ai Padri e compiuta tutta nel suo Figlio Unigenito.
Erede di tutte le cose. Fin da subito è detto che Cristo Gesù, il Figlio Unigenito del Padre, il Verbo che si è fatto carne nel seno della Vergine Maria, il Messia atteso e promesso è costituito erede di tutte le cose. Lui è stato fatto da Dio l’unico erede della sua verità e della sua grazia, l’unico erede del Paradiso. Anche questa verità è carica di tremende conseguenze: Se Cristo, o il Figlio, è l’unico e il solo erede, perché erede di tutte le cose, ne consegue che nessuno potrà mai ereditare il Paradiso, la grazia, la verità, nessuno può accedere a questi beni divini, se non divenendo una cosa sola con Cristo. Questo avviene solo credendo nella sua Persona e nella sua missione, nella sua Parola e nel suo Vangelo, in ogni Parola che è uscita dalla sua bocca. La fede in Lui è la via per entrare in possesso di ogni promessa di Dio, fatta non attraverso Cristo Gesù, ma per mezzo dei profeti nell’Antico Testamento. Questo significa semplicemente che: quanti si escludono dal Nuovo Testamento, perché si rifiutano di credere in Cristo, si escludono anche dall’Antico, perché il compimento, la realizzazione, la perfezione dell’Antico Testamento è Cristo Gesù. Non: è in Cristo Gesù, ma: è Cristo Gesù, perché è Cristo la promessa fatta da Dio ad Abramo, a Davide, ai profeti.
Mediatore nella creazione. Mediatore nella Redenzione. Cristo Gesù è mediatore nella Creazione: tutto fu fatto per messo di Lui. È anche mediatore nella Redenzione: tutta la salvezza è stata realizzata da Lui, in virtù del suo sacrificio offerto al Padre sul legno della croce. Non due mediazioni, ma una sola. Prima che fosse mediatore nella creazione, il Padre lo aveva già chiamato ad essere mediatore nella redenzione ed è mediatore nella creazione perché già costituito mediatore nella redenzione. È questo il mistero che avvolge Cristo Gesù, mistero di eternità e di tempo, mistero nel tempo perché già mistero nell’eternità. Il mistero di redenzione da realizzare nel tempo dona origine e compimento al mistero vissuto all’inizio del tempo con la creazione dell’universo visibile ed invisibile per mezzo di Lui e in vista di Lui. Crede in Dio secondo verità chi accoglie e vive in tutta pienezza di verità, di amore, di giustizia, di santità la mediazione del Verbo Incarnato sia in ordine alla creazione che alla redenzione. Dio agisce così e questa modalità non è accidentale, ma essenziale, eterna, nel tempo e nel cielo, prima del tempo, nel tempo e dopo il tempo. Senza Cristo, il Padre non è più nella sua verità di operazione. Senza Cristo, ogni confessione di Dio risulta parziale, incompleta, lacunosa, risulta semplicemente inadeguata, inefficace, povera. Cristo e il Padre sono l’unica e sola opera di salvezza. Se manca questa unicità, non vi è neanche vera salvezza. Quella che si crede di possedere è semplicemente un’idea umana di salvezza, ma in nessun caso è la verità divina della redenzione.
Irradiazione della sua gloria. Chi è Cristo Gesù, il Crocifisso che è il Risorto, Colui che era morto ma che ora è vivo ed è presso Dio, assiso alla sua destra? La prima verità, senza la quale ogni altra diventa falsità, è questa: Cristo Gesù non puramente e semplicemente un uomo. L’essenza di Gesù non è la sua sola umanità. Lui, prima di farsi carne nel seno della Vergine Maria, è Dio, è da Dio, è in Dio. Da vero Dio, esistente prima del tempo, nel tempo si fa, diviene vero uomo. Chi si fa uomo è il Figlio del Padre. Questa la vera essenza di Cristo: Dio che si fa uomo, vero Dio che si fa vero uomo. La divinità gli appartiene per generazione eterna dal Padre. Come Figlio generato dal Padre Lui è non creato, è Creatore; non è stato fatto, è Colui per mezzo del quale esiste tutto ciò che esiste. Neanche Uomo egli è stato fatto; Uomo Egli è divenuto, si è fatto. Ogni uomo è fatto uomo da un altro uomo. Il Verbo della vita si è fatto, è divenuto uomo per opera dello Spirito Santo, nel seno verginale di Maria Santissima, che a giusto titolo è Madre della Persona che da Lei è nata e per questo Ella è vera Madre di Dio. Gesù è gloria dalla gloria del Padre, per questo l’Autore non esita a dire che Gesù è irradiazione della sua gloria. La gloria di Dio è la sua divinità e il Padre, generando il Figlio, lo ha rivestito in eterno, dall’eternità, da sempre, di tutta la sua gloria. Poiché questa generazione è fuori del tempo, essa è anche senza tempo. Da sempre e per sempre, in principio, cioè fuori del tempo, il Verbo è generato dal Padre e da sempre e per sempre Dio esiste nell’unità di una sola natura e nella trinità delle Persone divine. L’irradiazione è eterna, cioè senza principio e senza fine. Il Verbo è dal Padre, ma è eternamente da Lui. Non esiste prima il Padre e poi in successione il Figlio. L’irradiazione dice simultaneità eterna. Esiste il Padre, esiste il Figlio, esiste lo Spirito Santo. La simultaneità è anche unità di natura. Una sola natura divina. È questo il mistero. Da questo mistero bisogna partire se si vuole conoscere chi è Gesù.
Impronta della sua sostanza. L’irradiazione da sola per l’autore non è sufficiente a dire l’essenza di Cristo Gesù. Per coglierla meglio si serve di un’altra parola: impronta della sua sostanza. La sostanza divina è tutta in Cristo Gesù. Non è però una sostanza diversa da quella del Padre. È la stessa sostanza, l’unica e la sola, nella quale sussistono Padre, Figlio e Spirito Santo. Cristo Gesù è di sostanza e natura divina. Questa gli appartiene per generazione eterna. Lui è sostanzialmente Dio. Eternamente Dio. Infinitamente Dio. L’autore, dicendo: impronta della sua sostanza, intende affermare che tutta la sostanza divina del Padre è stata donata al Verbo della Vita. Questa impronta di sostanza non ha però generato una nuova sostanza, anche se divina ed eterna. Generata è stata la Persona del Verbo, la natura è la stessa, la sola, l’unica che è del Padre. Non due sostanze, ma una sola; non due nature, ma una sola nell’eternità. Nel tempo poi il Verbo, facendosi uomo, ha acquisito anche la natura umana completa, è divenuto vero uomo. Anche se l’immagine dell’impronta è debole per rapporto al mistero che essa esprime, o contiene, la verità però non è debole. Potrebbe essere debole la spiegazione, ma il contenuto è forte: Cristo Gesù non è solamente da Dio, Egli è vero Dio, perché la sua natura è divina, la sua sostanza è eterna, la sua impronta è dalla sostanza e nella sostanza del Padre. Egli è tutto questo per generazione etera, prima del tempo, prima della creazione.
Sostiene tutte le cose con la potenza della sua parola. Il Verbo della vita, ora Verbo della vita incarnato è Colui che dona vita a tutte le cose. Egli è fuori delle cose, ma è dentro l’umanità. Da dentro l’umanità e anche fuori della stessa creazione, Egli dona sussistenza ad ogni realtà esistente, visibile e invisibile. Ogni cosa esiste per Lui, ma anche in vista di Lui. Senza di Lui nulla esiste di ciò che esiste. Senza di Lui non c’è vita né naturale, né soprannaturale. Egli è semplicemente la vita dell’universo sia nell’ordine della natura che della grazia, sia della creazione che della redenzione. Ogni vita è in Cristo, è per Cristo, è da Cristo, si vive con Cristo.
La purificazione dei peccati. L’autore rivela uno dei fini dell’incarnazione: la purificazione dei peccati. Sappiamo che essa fu compiuta per espiazione vicaria. Lui è pertanto il Giusto che si è offerto per gli ingiusti, perché fossero cancellati i loro peccati. Non c’è purificazione dei peccati se non per mezzo di Lui e nessun peccato verrà mai cancellato se non per Lui, per l’espiazione che Lui ha fatto sulla croce.
Assiso alla destra del Padre. È manifestata qual è la vita attuale di Cristo Gesù dopo la sua Passione, Morte, Risurrezione. Egli è asceso al Cielo e siede alla destra del Padre. Egli è presso Dio. Dio non lo ha abbandonato nel sepolcro. Non lo ha lasciato sulla nostra terra per sempre. Ha voluto che sedesse nei Cieli alla sua destra. Chi è assiso alla destra del Padre è il Verbo Incarnato nella gloria della sua umanità, trasformata dalla risurrezione che ha reso il suo corpo tutto spirituale, incorruttibile, immortale, glorioso.
Superiore agli Angeli. Gli Angeli sono esseri spirituali. Esistono come puri spiriti, senza bisogno del corpo materiale. È questo il loro mistero. Per creazione gli Angeli sono superiori agli uomini. Questa verità è attestata dalla Scrittura Antica. Cristo Gesù invece, Verbo Incarnato, nello splendore della sua umanità è superiore agli Angeli. Anche questa verità attesta la superiorità di Cristo, ma è anche funzionale alla rivelazione. Se si accoglie la rivelazione che Dio ha fatto per mezzo degli Angeli (AT), tanto più si deve accogliere la rivelazione fatta da chi agli Angeli è superiore. Se è superiore chi fa la rivelazione, superiore è anche la rivelazione fatta. Il Nuovo Testamento ha una superiorità per rapporto all’Antico non solo per il suo contenuto di salvezza, ma anche per Colui che l’ha fatta e chi l’ha fatta è superiore agli Angeli.
Oggi ti ho generato. Tu sei mio figlio. È questa l’essenza eterna del Crocifisso che è il Risorto. Egli è vero Figlio di Dio, vero Figlio per generazione eterna. Dio l’ha generato prima del tempo, prima della creazione. Questa verità fa la vera differenza tra Cristo ed ogni altro uomo. Ogni altro uomo è stato fatto per mezzo di Cristo. Cristo non è stato fatto. È stato, anzi è, generato dal Padre, oggi, nell’eternità. Tutti gli altri prima di Cristo, da Abramo fino a Malachia, compresi gli Angeli, scompaiono dinanzi a Lui. Tutti costoro sono da Lui, per Lui. Lui invece è dal Padre, per il Padre. Ogni uomo è da Lui e per Lui. Non solo per redenzione deve essere da Lui e per Lui, quanto anche per creazione è da Lui e per Lui. Abramo è da Cristo e per Cristo, come anche Mosè, i profeti, tutti i giusti dell’Antico Testamento, ogni uomo di ogni razza, popolo e lingua. Anche ogni fondatore di Religione è da Cristo ed è per Cristo. Ogni suo discepolo, dopo Cristo, deve passare a Cristo, perché ogni uomo è per Cristo e da Cristo.
Gli Angeli adorano Cristo. Gli Angeli non sono Signori. È questa una verità tratta dalla Scrittura Antica. Gli Angeli non sono Signori, perché loro sono creature del Signore. Signore è uno solo: Dio. Dio è il Signore del creato. È Signore per creazione, perché Lui l’ha fatto e a Lui appartiene, a Lui obbedisce in tutto. In quanto fattura di Cristo Gesù, gli Angeli riconoscono Cristo come il loro Autore e come loro Autore lo adorano e prestano l’ossequio della loro obbedienza. L’obbedienza è l’adorazione. L’obbedienza si da a chi è Superiore e Cristo è Superiore non perché tale è stato fatto, ma perché in se stesso è Dio.
Cristo è giudice. Cristo è Dio. Cristo è eterno. L’eternità e la divinità appartengono a Cristo per generazione eterna. Il giudizio invece gli appartiene sia perché vero Dio, ma anche perché vero Uomo. Dinanzi al Crocifisso che è il Risorto si piegherà ogni ginocchio, confesserà che Cristo Gesù è il suo Dio e Signore, il suo giudice che lo giudicherà con giudizio eterno. Ogni uomo, nessuno escluso; ogni uomo, chi lo ha confessato, chi lo ha ignorato, chi lo ha combattuto; ogni uomo, chi lo ha accolto e chi lo ha crocifisso; ogni uomo, chi lo ha adorato e chi lo ha rinnegato, maltrattato, venduto, umiliato, schernito, ucciso.
Cristo è alla destra del Padre. Cristo è Signore. Come Dio il Verbo è Signore. Come Dio il Verbo è eternamente assiso alla destra del Padre. Chi è Signore e chi è assiso alla destra del Padre non è il Verbo eterno che non esiste più come solo Verbo eterno del Padre. Dopo il sì della Vergine Maria, il Verbo eterno esiste solo ed unicamente come Verbo Eterno Incarnato, Morto e Risorto. L’incarnazione è stato un divenire irreversibile. È questa anche l’unione ipostatica. Come Verbo Eterno Incarnato, Morto e Risorto è alla destra del Padre ed è Signore.
Cristo è Sacerdote. Il Verbo della Vita è Sacerdote perché ha offerto a Dio, in espiazione dei peccati del mondo, la sua stessa vita, immolandosi nel suo corpo mortale sulla croce. Si badi bene: non è il corpo che Lui ha offerto al Padre. Al Padre ha offerto tutto se stesso. È il Figlio che è stato inchiodato sulla croce, non solo il corpo; è il Figlio che muore in croce, non solo l’umanità. Si offre il Figlio, ma nella sua umanità, nel suo corpo. È il corpo la materia del sacrificio, ma chi si offre è il Figlio. Chi è il Figlio? Il Verbo Eterno Incarnato, divenuto carne per compiere l’espiazione dei peccati.
Cristo è Figlio. Cristo Gesù non è figlio di Dio come ogni uomo: per creazione, o per adozione. Cristo è Figlio del Padre per generazione eterna. Lui è il solo, l’unico che Dio ha generato dalla sua sostanza divina. Lui è il solo che è Luce da Luce, Dio vero da Dio vero. Lui è il solo Figlio generato e non creato. Il Padre è Padre perché ha generato Cristo. È nostro Padre perché ci dona la figliolanza di Cristo, ci fa suoi figli di adozione in Cristo, con Cristo, per Cristo. Questa unicità è solo di Cristo Gesù. Questa verità fa la differenza tra Cristo ed ogni altro uomo. Ogni altro è creatura. Cristo Gesù invece non è creatura, è vero Figlio del Padre.
Cristo è Figlio di Davide ed è Signore di Davide. Poiché Creatore di Davide, di Davide Cristo Gesù è Signore. In quanto però Verbo Eterno Incarnato nel seno della Vergine Maria, Cristo è figlio di Davide, perché da Maria, che è carne di Davide, è nata la Persona divina nella sua vera umanità. Poiché è la Persona divina che nasce, Cristo Dio è vero Figlio di Davide, vero Figlio di Maria. È questa la ragione teologica per cui Maria è vera Madre di Dio, ma anche perché anche di Maria Gesù è il suo Dio e Signore.
Gli Angeli incaricati di un ministero di salvezza. L’autore specifica qual è la relazione che intercorre tra gli Angeli e gli uomini. Gli Angeli sono incaricati di un ministero di salvezza. Non sono loro gli autori della salvezza. Cristo Gesù non è incaricato di un ministero di salvezza. Cristo Gesù è la stessa salvezza; è l’Autore di essa. Se per l’Antico Testamento sono grandi gli Angeli, quanto più grande è Cristo Gesù.
Tutto è dalla Scrittura. Dicendo che tutto è dalla Scrittura si vuole affermare una sola verità. Tutta la Scrittura Antica conduce a Cristo. Lui essa vede. A Lui prepara la strada. Di Lui parla. Lui annunzia. Lui profetizza. Di Lui tratteggia i lineamenti. Di Lui dice ogni cosa. Se la Scrittura è questa verità, nessuno che legge la Scrittura secondo verità può non approdare a Cristo Gesù. Chi non approda a Cristo Gesù non legge la Scrittura secondo verità. Di sicuro la leggerà in modo distorto, sbagliato, erroneo, falso. La leggerà secondo criteri e principi umani, non di certo secondo vera esegesi, autentica ermeneutica, vera saggezza e intelligenza nello Spirito Santo. La legge con mentalità religiosa distorta, frutto spesso del peccato che oscura la mente, accecandola. L’autore apparentemente compone un’opera cristologica, in verità la sua argomentazione è una possente opera di teologia. L’Autore di Cristo, per generazione eterna e per incarnazione nel tempo, è Dio. È lo stesso e l’unico Dio che ha chiamato Abramo, Mosè, i Profeti, ogni altro saggio e giusto perché annunziassero e preparassero il suo popolo ad accogliere il Salvatore e Signore che Lui avrebbe inviato un giorno. La non fede in Cristo non è non fede in Cristo Gesù, è semplicemente non fede in Dio e nella sua opera di salvezza. Chi non crede non è Cristo che in fondo rinnega, rinnega e sconfessa quel Dio nel quale pensa di credere. In realtà non crede perché rifiuta, rigetta, rinnega l'opera, la sola opera per la quale ogni altra cosa è stata pensata, voluta, attuata. Cristo è l’opera di Dio. Chi rinnega Cristo, rinnega Dio che ha “operato” Cristo. Ma se Cristo è l’opera di salvezza di Dio, l’unica opera di salvezza, rinnegando Cristo, Dio non ha altra salvezza da offrire. L’uomo rimane nella sua morte eterna. Cristo Gesù può essere “compreso” solo partendo da Dio. È la sua opera. Dio però si può comprendere solo partendo dall’opera. È l’opera che rivela il suo Autore. Senza Cristo non si conosce Dio. Ma anche senza Dio non si conosce Cristo. Il vero Dio ci dona il vero Cristo, il vero Cristo ci dona il vero Dio. Il Dio che non ci dona Cristo non è il vero Dio. Il Cristo che non ci dona il vero Dio, non è il vero Cristo. La Lettera agli Ebrei ci dona il vero Dio che ci dona il vero Cristo e ci dona il vero Cristo che ci dona il vero Dio.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:48 PM
CAPITOLO SECONDO





NON RICUSIAMO LA SALVEZZA
[1]Proprio per questo bisogna che ci applichiamo con maggiore impegno a quelle cose che abbiamo udito, per non andare fuori strada.
Viene indicata in questo versetto una regola metodologica dal valore perenne, che mai tramonta; una regola che sempre si deve applicare, se si vuole pervenire alla conoscenza della verità.
Chiunque dovesse disattenderla, immancabilmente verrebbe a trovarsi in un istante fuori della verità, nella falsità più buia, nell’errore più nero. In una parola: sarebbe già fuori della stessa salvezza.
Questa regola purtroppo sovente è disattesa, dimenticata, non applicata, ignorata, vilipesa, contraffatta, presupposta.
È questo uno dei motivi, se non il motivo, di tanta falsità e dei molteplici errori che regnano e imperano nella mente di molti credenti.
Questa regola si può così formulare, o sintetizzare: la via della conoscenza della verità è la Parola.
La Parola dell’Antico Testamento non è tutta la verità, essa però conduce alla Persona che è la nostra verità.
Questa regola la si può formulare anche in senso contrario: Cristo è la verità, la via, la vita. Questa è la sua storia. Dallo studio della Parola dell’Antico Testamento è possibile con facilità pervenire a Cristo verità, via e vita dell’uomo.
Perché allora non si perviene? Il motivo è presto detto: non ci si applica con l’impegno dovuto.
L’impegno dovuto non è solo quello per così dire “fisico” , o “spirituale” dello studio.
Esso è prima di tutto volontà di pervenire alla verità, desiderio di ricercare la verità, amore per la verità che ci conduce di verità in verità, fino alla pienezza della verità che è Cristo Gesù.
L’impegno dovuto è pertanto nella volontà e nel cuore. Esso è volontà di rinnegare noi stessi, la nostra gloria terrena, ogni altra relazione che ci è di ostacolo nella conoscenza della verità tutta intera.
Dal Vangelo sappiamo e conosciamo che gli ostacoli maggiori sono due:
il peccato che inquina il cuore. Si toglie il peccato con la conversione e la fede nella Parola;
la ricerca della gloria degli uomini, o la non libertà dinanzi agli uomini.
Chi cade in questa trappola, è difficile che possa abbracciare la verità. Il rispetto umano gli farà sempre da freno, impedimento, muro.
Per quanto attiene invece al primo ostacolo, il peccato, è giusto osservare che esso è trasgressione dei comandamenti e i comandamenti non hanno nulla a che vedere con la “difficoltà” di credere in Cristo verità di Dio.
Uno potrebbe anche avere difficoltà nell’accogliere Cristo, ma qual è la difficoltà per un credente per non accogliere i comandamenti, se proprio sulla base dei comandamenti si fonda e si sancisce l’alleanza con Dio?
Qual è la difficoltà per un credente di non vivere la legge della carità, o praticare la regola d’oro, se proprio questa legge è a fondamento della sua esistenza di cristiano?
Il problema non è allora la verità impossibile da conoscere, è solamente il cuore che non si vuole rendere puro.
È questo il motivo per cui chi rifiuta la verità ha nel suo cuore o un vizio di peccato, o un vizio di fede e spesso ci sono l’uno e l’altro.
Lo si è già detto: il peccato è il grande ostacolo verso la verità. Il peccato oscura la mente e priva lo spirito di ogni spiraglio di luce soprannaturale.
Altro aspetto, e non per nulla minimo, di questa regola è il seguente: poiché verso la verità bisogna sempre camminare e il cammino non si esaurisce mai, è obbligo ogni giorno applicarsi attraverso lo studio, la meditazione, la lettura della Parola e far sì che la conoscenza del mistero sia sempre più illuminata dalla Rivelazione.
Un cristiano non può trascorrere neanche un solo giorno senza il quotidiano confronto, la giornaliera applicazione nella conoscenza della Rivelazione. È in questa applicazione la sua buona crescita e il suo cammino verso l’acquisizione della verità tutta intera, che è sì dono dello Spirito Santo, ma anche frutto della nostra decisione e del nostro impegno.
Se questo non avviene, ben presto si è fuori strada, essendo o fuori semplicemente della verità, o fuori della conoscenza della verità tutta intera.
Chi interrompe il cammino verso la verità tutta intera, interrompe anche il cammino verso la pienezza della santità. Santità e verità camminano insieme. Il Santo è vero e il Vero è santo. Né santità senza verità, né verità senza santità.
[2]Se, infatti, la parola trasmessa per mezzo degli angeli si è dimostrata salda, e ogni trasgressione e disobbedienza ha ricevuto giusta punizione,
Con questo versetto l’Autore riprende il filo del discorso là dove lo aveva interrotto, apportandovi nuovi elementi di convincimento sulla necessità e urgenza di accogliere la Rivelazione operata da Cristo Gesù.
La prima verità è questa: nessuna Parola di Dio è caduta a vuoto. Ogni Parola di Dio si è compiuta a suo tempo, in ogni sua promessa, sia in bene che in male, sia in benedizione che in maledizione.
La verità della Parola di Dio è a fondamento di tutto l’Antico Testamento ed è anche profezia di tutto il Nuovo.
Questa verità è incontrovertibile. Nessuno può dubitare di essa. Verità e Parola in Dio sono una cosa sola. Verità e compimento sono una cosa sola. Parola e compimento sono una cosa sola.
Questa coscienza avevano gli uomini di Dio dell’Antico Testamento. Questa coscienza avrebbero voluto creare nel popolo i Profeti. Questa stessa coscienza vuole formare Gesù nel Vangelo.
Basta fra tutti ricordare l’insegnamento di Giosuè, dopo la conquista della Terra Promessa. Riportiamo integralmente il suo insegnamento (Gs 24,1-33):
“Giosuè radunò tutte le tribù d'Israele in Sichem e convocò gli anziani d'Israele, i capi, i giudici e gli scribi del popolo, che si presentarono davanti a Dio. Giosuè disse a tutto il popolo: Dice il Signore, Dio d'Israele: I vostri padri, come Terach padre di Abramo e padre di Nacor, abitarono dai tempi antichi oltre il fiume e servirono altri dei. Io presi il padre vostro Abramo da oltre il fiume e gli feci percorrere tutto il paese di Canaan; moltiplicai la sua discendenza e gli diedi Isacco. Ad Isacco diedi Giacobbe ed Esaù e assegnai ad Esaù il possesso delle montagne di Seir; Giacobbe e i suoi figli scesero in Egitto.
Poi mandai Mosè e Aronne e colpii l'Egitto con i prodigi che feci in mezzo ad esso; dopo vi feci uscire. Feci dunque uscire dall'Egitto i vostri padri e voi arrivaste al mare. Gli Egiziani inseguirono i vostri padri con carri e cavalieri fino al Mare Rosso. Quelli gridarono al Signore ed egli pose fitte tenebre fra voi e gli Egiziani; poi spinsi sopra loro il mare, che li sommerse; i vostri occhi videro ciò che io avevo fatto agli Egiziani. Dimoraste lungo tempo nel deserto. Io vi condussi poi nel paese degli Amorrei, che abitavano oltre il Giordano; essi combatterono contro di voi e io li misi in vostro potere; voi prendeste possesso del loro paese e io li distrussi dinanzi a voi.
Poi sorse Balak, figlio di Zippor, re di Moab, per muover guerra a Israele; mandò a chiamare Balaam, figlio di Beor, perché vi maledicesse; ma io non volli ascoltare Balaam; egli dovette benedirvi e vi liberai dalle mani di Balak. Passaste il Giordano e arrivaste a Gerico. Gli abitanti di Gerico, gli Amorrei, i Perizziti, i Cananei, gli Hittiti, i Gergesei, gli Evei e i Gebusei combatterono contro di voi e io li misi in vostro potere. Mandai avanti a voi i calabroni, che li scacciarono dinanzi a voi, com'era avvenuto dei due re amorrei: ma ciò non avvenne per la vostra spada, né per il vostro arco. Vi diedi una terra, che voi non avevate lavorata, e abitate in città, che voi non avete costruite, e mangiate i frutti delle vigne e degli oliveti, che non avete piantati. Temete dunque il Signore e servitelo con integrità e fedeltà; eliminate gli dei che i vostri padri servirono oltre il fiume e in Egitto e servite il Signore.
Se vi dispiace di servire il Signore, scegliete oggi chi volete servire: se gli dei che i vostri padri servirono oltre il fiume oppure gli dei degli Amorrei, nel paese dei quali abitate. Quanto a me e alla mia casa, vogliamo servire il Signore. Allora il popolo rispose e disse: Lungi da noi l'abbandonare il Signore per servire altri dei! Poiché il Signore nostro Dio ha fatto uscire noi e i padri nostri dal paese d'Egitto, dalla condizione servile, ha compiuto quei grandi miracoli dinanzi agli occhi nostri e ci ha protetti per tutto il viaggio che abbiamo fatto e in mezzo a tutti i popoli fra i quali siamo passati. Il Signore ha scacciato dinanzi a noi tutti questi popoli e gli Amorrei che abitavano il paese. Perciò anche noi vogliamo servire il Signore, perché Egli è il nostro Dio.
Giosuè disse al popolo: Voi non potrete servire il Signore, perché è un Dio santo, è un Dio geloso; Egli non perdonerà le vostre trasgressioni e i vostri peccati. Se abbandonerete il Signore e servirete dei stranieri, Egli vi si volterà contro e, dopo avervi fatto tanto bene, vi farà del male e vi consumerà. Il popolo disse a Giosuè: No! Noi serviremo il Signore.
Allora Giosuè disse al popolo: Voi siete testimoni contro voi stessi, che vi siete scelto il Signore per servirlo!. Risposero: Siamo testimoni!
Giosuè disse: Eliminate gli dei dello straniero, che sono in mezzo a voi, e rivolgete il cuore verso il Signore, Dio d'Israele! Il popolo rispose a Giosuè: Noi serviremo il Signore nostro Dio e obbediremo alla sua voce! Giosuè in quel giorno concluse un'alleanza con il popolo e gli diede uno statuto e una legge a Sichem. Poi Giosuè scrisse queste cose nel libro della legge di Dio; prese una grande pietra e la rizzò là, sotto il terebinto, che è nel santuario del Signore. Giosuè disse a tutto il popolo: Ecco questa pietra sarà una testimonianza per noi; perché essa ha udito tutte le parole che il Signore ci ha dette; essa servirà quindi da testimonio contro di voi, perché non rinneghiate il vostro Dio.
Poi Giosuè rimandò il popolo, ognuno al proprio territorio. Dopo queste cose, Giosuè figlio di Nun, servo del Signore, morì a centodieci anni e lo seppellirono nel territorio di sua proprietà a Timnat-Serach, che è sulle montagne di Efraim, a settentrione del monte Gaas. Israele servì il Signore per tutta la vita di Giosuè e tutta la vita degli anziani che sopravvissero a Giosuè e che conoscevano tutte le opere che il Signore aveva compiute per Israele.
Le ossa di Giuseppe, che gli Israeliti avevano portate dall'Egitto, le seppellirono a Sichem, nella parte della montagna che Giacobbe aveva acquistata dai figli di Camor, padre di Sichem, per cento pezzi d'argento e che i figli di Giuseppe avevano ricevuta in eredità. Poi morì anche Eleazaro, figlio di Aronne, e lo seppellirono a Gàbaa di Pincas, che era stata data a suo figlio Pincas, sulle montagne di Efraim.
Ogni Parola di Dio debitamente si compie. Questa è la fede di Israele. Per questo non si può servire il Signore, perché ogni promessa si rivela contro di noi, se non prestiamo fede alla Parola che abbiamo accolto di osservare.
Il punto forte è però questo: sempre secondo l’insegnamento allora vigente in Israele si riteneva che fossero stati gli Angeli i mediatori della Legge, o della Parola.
La conclusione non può essere che una sola: se Dio compie ogni Parola data per mezzo di Angeli, cosa non farà per compiere la Parola data per mezzo di Suo Figlio, del Suo Figlio unigenito?
Questa Parola non è come quella portata sulla terra dagli Angeli. Questa Parola è pienezza di grazia e di verità, compimento di ogni altra Parola di Dio. Questa Parola è semplicemente la salvezza dell’uomo, di ogni uomo. L’Autore vuole che ognuno consideri seriamente, con saggezza e intelligenza, questa conclusione, applicandosi con ogni sapienza e verità.
[3]come potremo scampare noi se trascuriamo una salvezza così grande? Questa infatti, dopo essere stata promulgata all'inizio dal Signore, è stata confermata in mezzo a noi da quelli che l'avevano udita, [4]mentre Dio testimoniava nello stesso tempo con segni e prodigi e miracoli d'ogni genere e doni dello Spirito Santo, distribuiti secondo la sua volontà.
Se la punizione si abbatté su quanti hanno trascurato la salvezza che era stata offerta per mezzo degli Angeli e non era una salvezza piena, definitiva, compiuta, perché era una salvezza nella speranza della venuta della vera salvezza sulla nostra terra, può, chi trascura una salvezza così grande, la salvezza che Dio ci ha dato nel suo Figlio unigenito, scampare alla punizione, al castigo, alla stessa morte eterna?
La risposta è no. È no, non però in relazione alla salvezza, ma al modo in cui questa salvezza ci viene offerta.
La risposta è no in ragione di Cristo, che è il mediatore e l’autore della salvezza. Cristo è il promulgatore, ma anche l’oggetto della salvezza; è il soggetto e l’oggetto insieme della Rivelazione.
Cristo è Dio stesso, è il Signore, è il Figlio Unigenito del Padre.
È importante seguire l’Autore nel suo ragionamento perché ora ci insegna una regola anch’essa valevole per ogni tempo e ogni luogo, per ogni missionario ed evangelizzatore, per ognuno che in qualche modo ha una qualche relazione con la Parola da annunziare.
L’annunzio, la promulgazione, la predicazione della Parola avviene in tre momenti distinti, ma non in successione; differenti, ma nell’unità di una sola offerta, o di un solo dono della Parola.
La Parola deve essere insieme: promulgata, confermata, testimoniata. Questa triplice opera è fatta da tre soggetti differenti: Cristo Gesù, gli Apostoli, il Signore Dio.
Cristo e il Padre operano sempre, se sempre c’è l’opera degli Apostoli, o di coloro che l’hanno udita e quindi ne danno conferma.
Analizziamo i tre momenti:
Questa infatti, dopo essere stata promulgata all'inizio dal Signore: La Parola della salvezza ci è stata data da Cristo nella sua forma ultima, definitiva, piena. La promulgazione è avvenuta una volta per sempre e non ce ne sono altre: né di ieri, né di oggi, né di domani. Con Cristo Dio ci ha dato tutto. Niente più ci potrà donare. Questa verità deve essere creduta. Essa è a fondamento della nostra fede.
È stata confermata in mezzo a noi da quelli che l'avevano udita: è giusto domandarsi come avviene la conferma da pare di coloro che l’hanno ascoltata. La conferma avviene in due modi: testimoniando l’evento storico, l’avvenimento stesso di Cristo, attestando quanto essi hanno visto, ascoltato, udito. Mostrando la verità di essa attraverso i frutti di conversione e di santificazione che essa produce. Questo lavoro di conferma deve avvenire ogni giorno. La Chiesa ha questo unico ministero nel mondo: confermare la Parola promulgata da Cristo Gesù, insegnandola ad ogni uomo, garantendo sulla sua verità attraverso la verità della propria vita trasformata dalla Parola che essa conferma. La verità di Cristo passa per la verità della Chiesa. Una Chiesa non vera non può confermare la verità della Parola di Cristo, perché quella di Cristo è una Parola che si compie in chi la crede. La conferma è nella fede e per la fede. Nella fede di chi dice la Parola per far nascere la fede in chi la Parola ascolta.
Mentre Dio testimoniava nello stesso tempo con segni e prodigi e miracoli d'ogni genere e doni dello Spirito Santo, distribuiti secondo la sua volontà: Quando c’è la fede di chi annunzia la Parola, di chi cioè la conferma, Dio interviene e testimonia la verità di Cristo e della Chiesa. Dio testimonia in un solo modo: compiendo segni e prodigi, miracoli d’ogni genere e doni dello Spirito Santo, distribuendoli secondo la sua volontà. La Parola creduta che opera tutto questo in chi la crede – sempre per un intervento puntuale, personale, libero di Dio – rende testimonianza a Cristo dinanzi al mondo. Questi, se vuole, può credere che la Parola è vera, perché si compie in chi la dice e opera prodigi in chi l’ascolta, accogliendola nel suo cuore.
Sulla conferma è sufficiente ascoltare San Giovanni nella sua prima Lettera; sulla testimonianza illuminante è San Marco. Ecco quanto essi ci riferiscono:
“Ciò che era fin da principio, ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi abbiamo veduto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che le nostre mani hanno toccato, ossia il Verbo della vita – poiché la vita si è fatta visibile, noi l'abbiamo veduta e di ciò rendiamo testimonianza e vi annunziamo la vita eterna, che era presso il Padre e si è resa visibile a noi – quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi. La nostra comunione è col Padre e col Figlio suo Gesù Cristo. Queste cose vi scriviamo, perché la nostra gioia sia perfetta. Questo è il messaggio che abbiamo udito da lui e che ora vi annunziamo: Dio è luce e in lui non ci sono tenebre. Se diciamo che siamo in comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, mentiamo e non mettiamo in pratica la verità. Ma se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato. Se diciamo che siamo senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi” (1Gv 1,1-10).
“Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato. Gesù disse loro: Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno. Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l'accompagnavano” (Mc 16,14-20).
Inutile precisare che Cristo e Dio ci sono sempre nella Parola, chi non sempre c’è sovente è l’uomo incaricato di rendere testimonianza alla Parola.
Senza l’opera dell’uomo, l’opera di Cristo e di Dio sarebbe vana e per questo loro non la pongono in essere. Non la pongono, perché manca la conferma da parte della Chiesa.
Infine è giusto ricordare che l’intento dell’Autore in questi due versetti è chiaro, preciso. Non può essere né disatteso, né ignorato.
Nessuno può ignorare la via della salvezza che Dio ha tracciato per noi in Cristo Gesù. Non la può ignorare per ragioni divine e per ragioni storiche, per testimonianza del cielo e per conferma della terra.
Cielo e terra, Dio e l’uomo, il Padre e il Figlio insieme attestano la verità della salvezza offertaci da Cristo. Dinanzi a così divini testimoni e uomini trasformati dalla salvezza alla quale rendono testimonianza, nessuno senza grave colpa, può tirarsi indietro.
Il suo peccato sarebbe veramente grande. Peccherebbe contro il cielo e contro la terra.
Se questa poi è l’unica modalità esatta di dare la salvezza, dobbiamo dire che oggi la salvezza non è data perché manca la conferma della Chiesa. Molti uomini di Chiesa non confermano la parola promulgata da Cristo, donano invece loro pensieri e loro teorie di salvezza.
La salvezza, ognuno se lo ricordi, è solo nella conferma della Parola e dell’opera di Cristo. Altre vie non sono consentite. Altre vie salvezza non ne danno.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:50 PM
CRISTO È IL SALVATORE
[5]Non certo a degli angeli egli ha assoggettato il mondo futuro, del quale parliamo.
Il mondo futuro è la vita eterna. Cristo è l’erede della vita eterna. Non solo è erede, Lui stesso è la nostra vita eterna, perché Lui è la vita.
Lui è la vita. La vita è in Lui. È data per mezzo di Lui. Si vive oggi e nell’eternità in Lui, con Lui, per Lui, nel suo corpo glorioso e immortale, incorruttibile e spirituale. Anche la nostra risurrezione è nella sua, per la sua, ad immagine perfetta di essa.
Gli Angeli di tutto questo mistero che si compie in Cristo sono dei fruitori, ma non attori. Anche loro fruiscono nella gioia la gloria che si espande nel Cielo dalla risurrezione di Cristo Gesù e dalla Sua Signoria. Non sono attori, perché loro non sono eredi, non sono né la vita eterna, né la fonte di questa vita.
Anche loro sono creature e come ogni altra creatura, ricevono la vita da Cristo, perché anche per loro Cristo è la vita e la luce della loro eternità.
Tutto è stato fatto per mezzo di Cristo, ma anche per Cristo, per Lui. Gli Angeli sono parte di questo tutto, assieme agli uomini.
Gli Angeli quindi non sono gli eredi di Dio, il mondo futuro non è stato loro assoggettato. Questa verità serve all’Autore per mettere ancora una volta in risalto la differenza sostanziale che esiste tra Cristo e gli Angeli.
Cristo è fonte, sorgente, autore, erede della vita eterna. Gli Angeli godono di questa vita perché la ricevono in dono. Tutto in loro è per dono. Tutto in Cristo è per sorgente eterna.
[6]Anzi, qualcuno in un passo ha testimoniato: Che cos'è l'uomo perché ti ricordi di lui o il figlio dell'uomo perché tu te ne curi? [7]Di poco l'hai fatto inferiore agli angeli, di gloria e di onore l'hai coronato [8]e hai posto ogni cosa sotto i suoi piedi. Avendogli assoggettato ogni cosa, nulla ha lasciato che non gli fosse sottomesso. Tuttavia al presente non vediamo ancora che ogni cosa sia a lui sottomessa.
È questo il Salmo 8, che così recita per intero: “Al maestro di coro. Sul canto: I Torchi.... Salmo. Di Davide. O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra: sopra i cieli si innalza la tua magnificenza. Con la bocca dei bimbi e dei lattanti affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, per ridurre al silenzio nemici e ribelli. Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cosa è l'uomo perché te ne ricordi e il figlio dell'uomo perché te ne curi? Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato: gli hai dato potere sulle opere delle tue mani, tutto hai posto sotto i suoi piedi; tutti i greggi e gli armenti, tutte le bestie della campagna; Gli uccelli del cielo e i pesci del mare, che percorrono le vie del mare. O Signore, nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la terra”.
Il Salmista osserva la creazione e vede che essa è stata posta sotto la signoria dell’uomo.
Questa è la grandezza, la vera grandezza dell’uomo. Tuttavia quest’uomo elevato in una così eccelsa dignità, è visto fatto poco meno degli Angeli. Questi sono superiori agli uomini.
L’Autore cita questo salmo non tanto per magnificare la grandezza dell’uomo, quanto per affermare che tutti gli uomini sono inferiori agli Angeli, mentre il solo Cristo è superiore a loro.
Cristo è sopra gli Angeli non solo in ragione della sua divinità, per la quale Egli è il loro Creatore, Signore, Dio. Ma anche in ragione della sua umanità, elevata sopra i cori degli Angeli e fatta sedere alla destra della Maestà divina.
[8]Avendogli assoggettato ogni cosa, nulla ha lasciato che non gli fosse sottomesso. Tuttavia al presente non vediamo ancora che ogni cosa sia a lui sottomessa.
Tutto è di Cristo. Ogni cosa che esiste è stata sottomessa a Cristo, assoggetta a Lui. Questa sottomissione a Cristo vale anche per gli Angeli.
Il ragionamento dell’Autore è sottile. Non dobbiamo mai dimenticare qual è il suo intento: quello di affermare la superiorità della Parola di Cristo rispetto a quella degli Angeli; o se si preferisce: della superiorità della Sua rivelazione per rapporto ad ogni rivelazione precedente.
Con la conseguente deduzione: se gli Ebrei hanno accolto la rivelazione che Dio ha fatto loro per mezzo degli Angeli, quanto più essi non dovranno accogliere la Parola della salvezza, Parola di Dio ultima e definitiva dataci per mezzo di Cristo Signore?
La presente economia della salvezza non si è ancora conclusa nella sua definitività escatologica. Viviamo nel tempo, siamo in cammino verso la pienezza e ancora siamo con gli occhi della carne e non vediamo ancora come ogni cosa è già stata sottomessa a Cristo Signore.
La presente economia si vive nella fede e la fede è nella Parola, in tutto ciò che la Parola ci dice. La fede non è visione di una realtà che si compie. La fede è invece accoglienza di una Parola che deve compiersi tutta in noi e per mezzo nostro nel mondo intero.
Quando saremo nel mondo della realtà celeste, solo allora vedremo la verità di ogni parola del Vangelo, scopriremo che realmente ogni cosa è stata sottomessa a Cristo Signore.
La fede è tutta riposta in Dio che parla, non nell’uomo che vede. La fede è data a Dio. La Parola è di Dio, alla Parola si concede la fede. La visione è dell’uomo, alla visione non si concede fede, perché ciò che è visto non è più oggetto di fede.
Pietro non crede in Gesù, lo vede. Crede nella Parola di Gesù che ascolta, ma che non vede ancora realizzata. Crede perché sa che solo nella Parola di Gesù è la vita eterna per ogni uomo. “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna”. È questa la fede.
[9]Però quel Gesù, che fu fatto di poco inferiore agli angeli, lo vediamo ora coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha sofferto, perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a vantaggio di tutti.
Questo versetto ci annunzia due verità:
- Quel Gesù, che fu fatto di poco inferiore agli angeli, lo vediamo ora coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha sofferto,
perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a vantaggio di tutti.
È questa l’esaltazione della sua umanità, conformemente a quanto ci insegna San Paolo nella Lettera ai Filippesi (cfr. 2,5-11): “Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù, il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l'ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre”.
Cristo, nella morte dona tutto se stesso al Padre. Nella risurrezione il Padre dona a Cristo tutta la sua gloria eterna. Lo riveste di sé.
Questo innalzamento pone Cristo Gesù, come vero uomo, oltre che vero ed eterno Dio, al di sopra di tutto l’universo creato. Angeli e demoni, peccatori e giusti, salvati e dannati piegano le ginocchia dinanzi alla sua gloria e lo proclamano loro Signore, Dio, Giudice.
Fino a questo momento si è parlato solo di rivelazione – in questi ultimi tempi Dio ha parlato per mezzo del Figlio Suo – ora viene introdotto il tema centrale della Lettera: la redenzione operata sulla croce e tutto ciò che con essa è connesso.
La prima verità è questa: la morte di Cristo è per noi tutti. L’Autore dice: “Perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a vantaggio di tutti”.
Con queste parole l’Autore legge la morte di Cristo secondo il mistero della espiazione vicaria, manifestata in modo mirabile dal profeta Isaia (cfr. 52,13-53,12):
“Ecco, il mio servo avrà successo, sarà onorato, esaltato e molto innalzato. Come molti si stupirono di lui tanto era sfigurato per essere d'uomo il suo aspetto e diversa la sua forma da quella dei figli dell'uomo così si meraviglieranno di lui molte genti; i re davanti a lui si chiuderanno la bocca, poiché vedranno un fatto mai ad essi raccontato e comprenderanno ciò che mai avevano udito.
Chi avrebbe creduto alla nostra rivelazione? A chi sarebbe stato manifestato il braccio del Signore? E` cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida. Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia, era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.
Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato. Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà  salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti.
Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca. Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua sorte? Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per l'iniquità del mio popolo fu percosso a morte. Gli si diede sepoltura con gli empi, con il ricco fu il suo tumulo, sebbene non avesse commesso violenza né vi fosse inganno nella sua bocca. Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori. Quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore. Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce e si sazierà della sua conoscenza; il giusto mio servo giustificherà molti, egli si addosserà la loro iniquità. Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha consegnato se stesso alla morte ed è stato annoverato fra gli empi, mentre egli portava il peccato di molti e intercedeva per i peccatori”.
L’Autore ci dice anche che tutto questo è stato possibile per grazia e la grazia è di Dio.
Quest’ultima verità ci deve convincere che non solo la missione è grazia, è grazia la vocazione e anche il compimento di essa secondo pienezza di perfezione e di attuazione.
Se è grazia, a Dio bisogna chiederla, da Lui impetrarla con preghiera costante, assidua, ininterrotta.
È Dio che deve operare in noi il volere e l’agire, i pensieri e la volontà devono essere perennemente affidati a Lui.
Ora ci interessa sapere che la morte di Gesù è stata vissuta per noi assieme all’altra verità che tutto ciò è stato possibile solo per grazia di Dio. Sarà l’Autore a dirci ogni altra cosa a suo tempo, seguendo la forza del suo ragionamento.

Perché Cristo ha sofferto
[10]Ed era ben giusto che colui, per il quale e del quale sono tutte le cose, volendo portare molti figli alla gloria, rendesse perfetto mediante la sofferenza il capo che li ha guidati alla salvezza.
Questo versetto merita alcune puntualizzazioni.
Tutto ciò che avviene in Cristo è per noi ed è dato solo per grazia. Niente ci è dovuto da Lui per giustizia, per merito, per acquisizione.
Perché allora l’Autore parla di cosa giusta, o semplicemente: perché dalla legge della carità passa a quella della giustizia?
Il soggetto di questo verso è Dio Padre.
Dio Padre è colui per il quale e dal quale sono tutte le cose. Ogni cosa che esiste Dio l’ha fatta per se, perché manifestasse nel creato la sua gloria.
Ogni cosa creata viene da Lui. Lui è il solo Signore, il solo Creatore, il solo ed unico Dio di tutto ciò che esiste.
Così inizia il nostro credo: “Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, Creatore di tutte le cose visibili e invisibili”.
L’Autore continua, dicendo che era ben giusto che Dio “volendo portare molti figli alla gloria, rendesse perfetto mediante la sofferenza il capo che li ha guidati alla salvezza”.
Era giusto cosa? Perché?
La risposta a questa domanda ci aiuta a comprendere secondo verità il mistero di Cristo e ad amarlo con vero amore.
Il Figlio del Padre incarnandosi si è fatto Figlio dell’uomo, vero uomo, in tutto a noi simile, tranne che nel peccato.
Ogni uomo deve a Dio il dono della sua obbedienza, del suo amore, del suo rispetto. Ogni uomo deve compiere tutta e solo la volontà di Dio.
La prima verità è questa: Dio vuole portare i suoi figli alla gloria, li vuole cioè portare nella sua eternità, nella sua vita, nella sua santità. Questa è la gloria che Dio vuole donare alla creatura fatta a sua immagine e somiglianza.
La seconda verità dice che: Cristo Gesù, il Figlio di Dio fattosi Figlio dell’uomo, di questa salvezza è il capo.
Capo è da intendere qui in un duplice senso: di mediatore, e anche di testa. Lui, Gesù, del corpo che è la Chiesa è il capo dal quale fluisce ogni vita; Lui della Chiesa è anche il Salvatore, il Redentore. In tal senso è Colui che non solo procura la salvezza per il suo sacrificio, ma anche la dona.
Tutto è per Cristo, tutto è in Cristo, tutto è con Cristo, ma anche tutto da Cristo, come origine, fonte. Cristo è capo dell’umanità nuova, perché è la fonte, la sorgente della nuova umanità.
È capo dei figli di Dio, quindi loro fratello. È il fratello tra i molti fratelli. È il fratello Capo, ma anche il fratello Mediatore, il Fratello fonte e sorgente, il Fratello dal cui sacrificio la salvezza ha origine.
Ancora però non si è data risposta alla domanda: “era ben giusto che rendesse perfetto mediante la sofferenza il capo che li ha guidati alla salvezza”.
La perfezione è nell’obbedienza, non nella sofferenza. La perfezione è nell’amore, non nel dolore.
La sofferenza, il dolore, la passione, la croce di Cristo si interpongono tra Lui e il Padre come ostacolo, impedimento, tentazione all’obbedienza e all’amore.
Fino a che punto il Figlio dell’uomo è capace di amare il Suo Dio e Signore, il Padre Suo? Qual è il grado di obbedienza che Egli potrà raggiungere?
La risposta è una sola: ogni obbedienza, ogni amore, sino alla fine, sino alla morte di croce.
Questa è la perfezione di Cristo: l’obbedienza sino alla morte di croce, fino all’annientamento di sé. Lui si è annientato nell’obbedienza.
In questa obbedienza è divenuto modello, esempio per il mondo intero. Lui, vero uomo, ha amato il Padre sino alla morte di croce. Questa perfezione di obbedienza e di amore Egli chiede ad ogni altro uomo.
Chi vuole amare il Padre suo lo deve amare secondo questa intensità di obbedienza. Se questa obbedienza non è sino alla fine, non è neanche perfetta, o semplicemente non è più obbedienza. Manca ad essa la perfezione e quando l’obbedienza manca nella perfezione, non è più obbedienza, perché è sottrazione della nostra volontà al Padre celeste. Questa è la verità di Cristo, alla cui perfezione anche noi siamo chiamati. Chi non raggiunge questa verità, non è perfetto nell’amore, semplicemente non ama il Signore con l’intensità e la perfezione di obbedienza di Cristo. Il suo è un amore incapace di donare salvezza.
[11]Infatti, colui che santifica e coloro che sono santificati provengono tutti da una stessa origine; per questo non si vergogna di chiamarli fratelli,
Chi santifica è Cristo. Santifica perché è Capo, Fonte, Origine, Mediatore dell’unica salvezza del Padre.
I santificati sono tutti coloro che dopo aver accolto la Parola di vita, si sono lasciati immergere nelle acque del battesimo e sono nati da acqua e da Spirito Santo.
Con una puntualizzazione: la santità iniziale, quella battesimale, deve trasformarsi in santità di fede, di obbedienza, di amore, deve divenire offerta della nostra vita al Padre, in una obbedienza perfetta alla Sua volontà.
A questa santificazione per mezzo della fede, dell’ascolto, delle opere ogni battezzato è chiamato.
Senza la santificazione per mezzo della fede, che è ascolto ed obbedienza, la santità battesimale non conduce alla gloria del cielo, nel Paradiso, perché viene perduta con il primo peccato mortale, con ogni altra grave disobbedienza alla Legge del Signore.
Chi santifica e chi è santificato proviene dalla stessa origine. L’origine è duplice: da Dio e dall’uomo.
Ogni uomo è creatura di Dio. Ogni uomo è figlio di Adamo. Anche Cristo Gesù è figlio di Adamo, divenuto figlio di Abramo, figlio di Davide, ma prima che figlio di Davide e di Abramo, è figlio di Adamo.
In quanto figlio di Adamo è il Salvatore di ogni altro figlio di Adamo, cioè di ogni suo fratello, perché ogni uomo è figlio di Adamo.
Questa verità è mirabilmente espressa nel Vangelo secondo Luca, che fa risalire la genealogia di Cristo Gesù fino a Dio, anche in quanto uomo (cfr. Lc 3,23-38):
“Gesù quando incominciò il suo ministero aveva circa trent'anni ed era figlio, come si credeva, di Giuseppe, figlio di Eli, figlio di Mattàt, figlio di Levi, figlio di Melchi, figlio di Innài, figlio di Giuseppe, figlio di Mattatìa, figlio di Amos, figlio di Naum, figlio di Esli, figlio di Naggài, figlio di Maat, figlio di Mattatìa, figlio di Semèin, figlio di Iosek, figlio di Ioda, figlio di Ioanan, figlio di Resa, figlio di Zorobabèle, figlio di Salatiel, figlio di Neri, figlio di Melchi, figlio di Addi, figlio di Cosam, figlio di Elmadàm, figlio di Er, figlio di Gesù, figlio di Elièzer, figlio di Iorim, figlio di Mattàt, figlio di Levi, figlio di Simeone, figlio di Giuda, figlio di Giuseppe, figlio di Ionam, figlio di Eliacim, figlio di Melèa, figlio di Menna, figlio di Mattatà, figlio di Natàm, figlio di Davide, figlio di Iesse, figlio di Obed, figlio di Booz, figlio di Sala, figlio di Naàsson, figlio di Aminadàb, figlio di Admin, figlio di Arni, figlio di Esrom, figlio di Fares, figlio di Giuda, figlio di Giacobbe, figlio di Isacco, figlio di Abramo, figlio di Tare, figlio di Nacor, figlio di Seruk, figlio di Ragau, figlio di Falek, figlio di Eber, figlio di Sala, figlio di Cainam, figlio di Arfàcsad, figlio di Sem, figlio di Noè, figlio di Lamech, figlio di Matusalemme, figlio di Enoch, figlio di Iaret, figlio di Malleèl, figlio di Cainam, figlio di Enos, figlio di Set, figlio di Adamo, figlio di Dio”.
È la vera figliolanza e discendenza da Adamo che fa sì che Cristo Gesù sia nostro vero fratello.
È questa figliolanza che lo costituisce nostro vero Salvatore. Cristo, vero uomo, è vero Salvatore di ogni altro uomo e solo Lui, perché solo Lui è Capo, solo Lui è anche Dio e nessun altro.
[12]dicendo: Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli, in mezzo all'assemblea canterò le tue lodi;
Questo versetto è tratto dal Salmo 21. È il Salmo della sofferenza del giusto. Ma è anche il Salmo dell’Evangelizzazione della salvezza e dell’opera che Dio compie proprio in virtù della sofferenza del giusto.
Il giusto sofferente loda il Signore perché lo ha “glorificato” e “liberato” dalla sofferenza, facendolo però passare attraverso di essa.
Ma anche annunzia ai fratelli il grande mistero dell’amore di Dio che libera e che salva. La sofferenza non è morte per l’uomo, bensì inizio della vera vita.
“Al maestro del coro. Sull'aria: Cerva dell'aurora. Salmo. Di Davide. Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Tu sei lontano dalla mia salvezza: sono le parole del mio lamento. Dio mio, invoco di giorno e non rispondi, grido di notte e non trovo riposo. Eppure tu abiti la santa dimora, tu, lode di Israele. In te hanno sperato i nostri padri, hanno sperato e tu li hai liberati; a te gridarono e furono salvati, sperando in te non rimasero delusi.
Ma io sono verme, non uomo, infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo. Mi scherniscono quelli che mi vedono, storcono le labbra, scuotono il capo: Si è affidato al Signore, lui lo scampi; lo liberi, se è suo amico. Sei tu che mi hai tratto dal grembo, mi hai fatto riposare sul petto di mia madre. Al mio nascere tu mi hai raccolto, dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio. Da me non stare lontano, poiché l'angoscia è vicina e nessuno mi aiuta.
Mi circondano tori numerosi, mi assediano tori di Basan. Spalancano contro di me la loro bocca come leone che sbrana e ruggisce. Come acqua sono versato, sono slogate tutte le mie ossa. Il mio cuore è come cera, si fonde in mezzo alle mie viscere. E` arido come un coccio il mio palato, la mia lingua si è incollata alla gola, su polvere di morte mi hai deposto. Un branco di cani mi circonda, mi assedia una banda di malvagi; hanno forato le mie mani e i miei piedi, posso contare tutte le mie ossa. Essi mi guardano, mi osservano: si dividono le mie vesti, sul mio vestito gettano la sorte. Ma tu, Signore, non stare lontano, mia forza, accorri in mio aiuto. Scampami dalla spada, dalle unghie del cane la mia vita. Salvami dalla bocca del leone e dalle corna dei bufali. Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all'assemblea. Lodate il Signore, voi che lo temete, gli dia gloria la stirpe di Giacobbe, lo tema tutta la stirpe di Israele; perché egli non ha disprezzato né sdegnato l'afflizione del misero, non gli ha nascosto il suo volto, ma, al suo grido d'aiuto, lo ha esaudito.
Sei tu la mia lode nella grande assemblea, scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli. I poveri mangeranno e saranno saziati, loderanno il Signore quanti lo cercano: Viva il loro cuore per sempre. Ricorderanno e torneranno al Signore tutti i confini della terra, si prostreranno davanti a lui tutte le famiglie dei popoli. Poiché il regno è del Signore, egli domina su tutte le nazioni. A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra, davanti a lui si curveranno quanti discendono nella polvere. E io vivrò per lui, lo servirà la mia discendenza. Si parlerà del Signore alla generazione che viene; annunzieranno la sua giustizia; al popolo che nascerà diranno: Ecco l'opera del Signore!”.
Ciò che è importante per la trattazione in oggetto è proprio il tema dell’evangelizzazione della grazia di Dio e della sua opera ai fratelli.
Chi sono evangelizzati sono i fratelli. Cristo Gesù non è un estraneo. È il fratello. È il fratello che ci annuncia la salvezza del Padre.
Ce l’annunzia passando Lui attraverso la sofferenza e venendo liberato dal Padre. Ora ogni fratello di Cristo lo sa: Dio, il Padre, è Colui che libera dalla sofferenza facendo passare attraverso la sofferenza.
Verità importante è anche questa: fratello di Cristo è ogni uomo, anche i discendenti di Abramo sono fratelli di Cristo, non sono estranei a Lui, né loro devono considerarlo un estraneo.
È il loro fratello, il Capo, che deve guidare alla salvezza e che ora annunzia loro la via della salvezza che Dio ha compiuto nella sua sofferenza.
[13]e ancora: Io metterò la mia fiducia in lui; e inoltre: Eccoci, io e i figli che Dio mi ha dato.
Questo versetto è tratto da Isaia (cfr. 8,1-23):
“Il Signore mi disse: Prenditi una grande tavoletta e scrivici con caratteri ordinari: A Mahèr-salàl-cash-baz. Io mi presi testimoni fidati, il sacerdote Uria e Zaccaria figlio di Iebarachìa. Poi mi unii alla profetessa, la quale concepì e partorì un figlio. Il Signore mi disse: Chiamalo Mahèr-salàl-cash-baz, poiché, prima che il bambino sappia dire babbo e mamma, le ricchezze di Damasco e le spoglie di Samaria saranno portate davanti al re di Assiria.
Il Signore mi disse di nuovo: Poiché questo popolo ha rigettato le acque di Siloe, che scorrono piano, e trema per Rezìn e per il figlio di Romelia, per questo, ecco, il Signore gonfierà contro di loro le acque del fiume, impetuose e abbondanti: cioè il re assiro con tutto il suo splendore, irromperà in tutti i suoi canali e strariperà da tutte le sue sponde.
Penetrerà in Giuda, lo inonderà e lo attraverserà fino a giungere al collo. Le sue ali distese copriranno tutta l'estensione del tuo paese, Emmanuele. Sappiatelo, popoli: sarete frantumati; ascoltate voi tutte, nazioni lontane, cingete le armi e sarete frantumate. Preparate un piano, sarà senza effetti; fate un proclama, non si realizzerà, perché Dio è con noi.
Poiché così il Signore mi disse, quando mi aveva preso per mano e mi aveva proibito di incamminarmi nella via di questo popolo: Non chiamate congiura ciò che questo popolo chiama congiura, non temete ciò che esso teme e non abbiate paura.
Il Signore degli eserciti, lui solo ritenete santo. Egli sia l'oggetto del vostro timore, della vostra paura. Egli sarà laccio e pietra d'inciampo e scoglio che fa cadere per le due case di Israele, laccio e trabocchetto per chi abita in Gerusalemme. Tra di loro molti inciamperanno, cadranno e si sfracelleranno, saranno presi e catturati. Si chiuda questa testimonianza, si sigilli questa rivelazione nel cuore dei miei discepoli.
Io ho fiducia nel Signore, che ha nascosto il volto alla casa di Giacobbe, e spero in lui. Ecco, io e i figli che il Signore mi ha dato, siamo segni e presagi per Israele da parte del Signore degli eserciti, che abita sul monte Sion. Quando vi diranno: Interrogate gli spiriti e gli indovini che bisbigliano e mormorano formule. Forse un popolo non deve consultare i suoi dei? Per i vivi consultare i morti?, attenetevi alla rivelazione, alla testimonianza. Certo, faranno questo discorso che non offre speranza d'aurora. Egli si aggirerà nel paese oppresso e affamato, e, quando sarà affamato e preso dall'ira, maledirà il suo re e il suo dio. Guarderà in alto e rivolgerà lo sguardo sulla terra ed ecco angustia e tenebre e oscurità desolante. Ma la caligine sarà dissipata, poiché non ci sarà più oscurità dove ora è angoscia. In passato umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano e la curva di Goim”.
Dinanzi alla non fede generale, che trova soluzioni di salvezza non in Dio, Isaia annunzia la grande verità: la fiducia è solo nel Signore. Di questa fiducia di salvezza lui e i suoi figli sono un segno.
In ordine al tema che l’Autore sta trattando, la citazione di questo capitolo di Isaia ha un solo importante significato: affermare che non ci sono altre salvezze, perché l’unica salvezza è quella evangelizzata da Cristo Signore, compiuta da Lui.
In questa salvezza tutti i figli di Abramo devono porre lo loro fiducia. Non si devono comportare come i loro padri, che posero la fiducia fuori di Dio e della sua santissima volontà.
Ancora una volta è ribadita la vera figliolanza di Cristo da Adamo, oltre che da Dio.
[14]Poiché dunque i figli hanno in comune il sangue e la carne, anch'egli ne è divenuto partecipe, per ridurre all'impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo,
La comune figliolanza è anche comunione di carne e di sangue.
Cristo con l’umanità intera partecipa il sangue e la carne. La carne e il sangue di Cristo sono carne e sangue della natura umana.
Essendo in tutto partecipe della nostra carne e del nostro sangue, tranne che nel peccato, ed essendo anche Egli in grado di portare alla perfezione la sua carne e il suo sangue, quelli propri della sua natura, egli può ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo.
È detto espressamente che il Figlio di Dio può ridurre all’impotenza il diavolo che ha il potere sulla morte proprio in ragione del suo essere figlio dell’uomo, perché degli uomini partecipa la carne e il sangue che sono soggetti alla morte, il cui potere è ora nelle mani del diavolo.
Portando, mediante la morte sofferta, la sua carne e il suo sangue nell’obbedienza al Padre, il peccato non ha potere su di Cristo. Non avendo potere il peccato, neanche il diavolo ha il potere e se non ha potere il diavolo neanche la morte.
L’obbedienza di Cristo, o la morte di Cristo vissuta nella perfezione di obbedienza al Padre, ha liberato la sua carne e il suo sangue dal potere del diavolo e nella sua carne e nel suo sangue ogni altra carne e ogni altro sangue vengono liberati.
Vengono liberati dal potere del diavolo, che è il peccato. Liberi dal peccato, sono anche liberi dalla vera morte che è quella eterna. Dalla morte nel tempo non siamo liberati, perché quella bisogna viverla alla maniera di Cristo Gesù, cioè nella perfetta obbedienza al Padre, per essere eternamente liberati dal potere del diavolo e dalla morte eterna che è sotto il potere del diavolo.
È quanto viene affermato con chiarezza nel versetto seguente:
[15]e liberare così quelli che per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita.
Ora è giusto che ci chiediamo come avviene questa liberazione e cosa comporta.
Prima di tutto è giusto precisare che sotto il dominio della schiavitù del peccato e della morte è ogni uomo. Ogni uomo è figlio di Adamo. Ogni uomo ha ereditato la morte.
Da questa schiavitù e da questo timore nessuno si può liberare da sé. La liberazione è per dono, per grazia, per misericordia di Dio.
Tutti devono essere liberati da Cristo. Tutti si devono lasciare liberare da Lui. Tutti devono accogliere la liberazione che Cristo ha loro procurato.
L’universalità della morte e della grazia è la verità della nostra fede. Senza questa verità la nostra fede non sarebbe assoluta, non sarebbe neanche fede.
La fede è fede perché è universale, è per tutti, per ogni uomo, indistintamente, di ogni razza e tribù. È universale perché riguarda l’uomo e non un uomo, riguarda tutti gli uomini e non degli uomini particolari.
La liberazione avviene per grazia, cioè per dono di Dio. Questo dono lo ha meritato Cristo Gesù per noi. Dio, generandoci a suoi figli adottivi in Cristo, ci dona il merito e il frutto dell’obbedienza di Cristo.
Come la prima nascita, quella secondo la carne, conferisce ad ogni uomo il demerito e la disubbidienza di Adamo, lo fa cioè erede della sua morte e della sua disobbedienza, per cui ogni uomo nasce nel peccato, con le conseguenze del peccato che sono la concupiscenza e l’inclinazione al male, così la seconda nascita, quella da acqua e da Spirito Santo, in Cristo, per mezzo di Cristo, conferisce l’obbedienza di Cristo e la vittoria sul peccato di Cristo, assieme alla forza di Cristo perché anche noi come Lui possiamo vincere la concupiscenza e debellare il peccato nella nostra carne.
Debellando il peccato, vinciamo anche la morte. Quella del corpo non è più morte, ma un addormentarsi nel Signore in attesa di essere in Lui risuscitati nell’ultimo giorno ed entrare in corpo ed anima nella gloria del Cielo.
Così l’uomo passa dall’eredità di Adamo all’eredità di Cristo, deve passare però attraverso la nascita e senza nascita non c’è il dono dell’eredità di Cristo e l’uomo vive solo la prima eredità, quella del peccato e della morte.
Questa verità ci conduce ad un’altra verità. La nascita da acqua e da Spirito Santo non è facoltativa, è obbligatoria per ricevere l’eredità di Cristo. Nessuna eredità è possibile senza questa nascita spirituale, o rigenerazione per mezzo della fede.
Questa seconda nascita è finalizzata a vivere secondo l’eredità di Cristo, perché questa è la vera salvezza. L’eredità di Cristo è una sola: la vittoria sul peccato e sulla morte.
Un cristiano che non vive di vittoria sul peccato, non vive neanche di vittoria sulla morte. È un cristiano non cristiano. È uno che ha ricevuto l’eredità di Cristo, ma non vive secondo questa eredità.
Chi non vive secondo l’eredità di Cristo, di sicuro vive secondo l’eredità di Adamo; vive nel peccato e nella sua concupiscenza di un tempo, per consumare i suoi giorni nell’idolatria, nella fragilità, nella non vittoria sul peccato e sulla morte.
È questa la più grave tra tutte le eresie che sono nate nel lungo corso della storia della Chiesa. È una eresia così subdola, così sottile, così perniciosa che non solo ha invaso la coscienza dei semplici e di coloro che hanno una conoscenza assai povera della nostra fede, quanto si è fatta strada nella mente dei sapienti e degli intelligenti, anche nei maestri del sapere teologico e questi la insegnano con disinvoltura, rinnegando così la verità sull’eredità secondo Cristo.
È necessario affermare questa verità con fermezza, con decisione. Non c’è fede se non si crede che l’eredità di Cristo è data per vincere l’eredità secondo Adamo, per distruggere l’uomo vecchio che si corrompe dietro le passioni ingannatrici in modo che solo l’uomo nuovo viva in noi, l’uomo nato secondo Cristo e la sua eredità, che è eredità di obbedienza sino alla morte e alla morte di croce, per il compimento pieno e perfetto della volontà del Padre.
Questa eredità Cristo l’ha guadagnata per se stesso con la sua obbedienza sulla croce. È infatti sulla croce che egli ha sconfitto il peccato in modo definitivo, per sempre, nel suo corpo e nella sua vita.
A tutti coloro che credono nel suo nome e accolgono la sua Parola, egli ne fa dono, introducendoli nel mistero della sua stessa vita. Un uomo è libero quando vive la vita di Cristo, se non vive questa vita in nessun modo potrà dirsi libero. Egli è nella schiavitù del peccato e della morte. La redenzione per Lui è stata data vanamente, per nulla.
Il versetto parla di quelli che “per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita”. Costoro libera Gesù. Costoro sono tutti gli uomini. Lo si è già detto: la liberazione è per ogni uomo, per tutti gli uomini indistintamente.
È giusto chiedersi: perché proprio per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita?
La spiegazione non può essere che una sola: la morte è il frutto del peccato. Questa morte non è solamente la separazione dell’anima dal corpo, cioè la morte fisica, è anche la separazione che avviene all’interno dell’uomo tra le sue facoltà spirituali con il conseguente loro indebolimento e fragilità.
Questo indebolimento ha portato l’uomo a non pensare secondo verità; addirittura lo ha portato al non pensiero, alla non razionalità, alla non intelligenza.
Lo ha portato fino all’idolatria che è la negazione assoluta della verità dell’uomo stesso e non soltanto di Dio.
Il versetto si potrebbe così spiegare: volendo l’uomo vincere ad ogni costo la morte (per timore della morte) si è consegnato ad ogni genere di idolatria e di peccato e questo altro non ha fatto se non aumentare la propria morte spirituale. Ciò che lui pensava via per liberarsi dalla morte diveniva strada per immergersi sempre più profondamente in essa, senza alcuna possibilità di poterne uscire.
È impossibile uscire da se stessi dalla morte ereditata da Adamo. Questa impossibilità si moltiplica nel momento in cui un uomo commette un peccato personale. Si passa in questo caso dall’eredità di Adamo all’eredità personale. Si cammina di morte in morte e dal peccato originale si passa al peccato attuale, che comporta la personale responsabilità dinanzi a Dio.
Il timore della morte che porta l’uomo di peccato in peccato lo rende ancora più fortemente schiavo del peccato e della morte.
Da tutto questo ci libera il Signore, donandoci la sua eredità, facendoci nascere secondo la fede, generandoci in Lui alla grazia e alla verità.
[16]Egli infatti non si prende cura degli angeli, ma della stirpe di Abramo si prende cura.
Viene affermato in questo versetto che la redenzione di Cristo è solo per la stirpe di Abramo, non per gli Angeli.
Dicendo che Gesù si prende cura della stirpe di Abramo non si vuole delimitare il campo di azione della redenzione, ma semplicemente operare una distinzione netta tra gli angeli e l’uomo.
Cristo è venuto per l’uomo, non per gli angeli; è venuto per ogni uomo in particolare, indistintamente per tutti, nessuno escluso. Egli è il Salvatore dell’uomo. Questa è la verità su Cristo Gesù e sulla sua missione di liberazione e di salvezza.
L’angelo non può essere redento, per due motivi: perché non ha discendenza, essendo ognuno creato direttamente da Dio – negli angeli non c’è generazione – e anche perché loro non hanno storia, non hanno divenire. Il loro peccato fu eterno, come eterno fu il loro superamento della prova.
Cristo può essere nostro Salvatore proprio in virtù della carne che ha assunto. La sua carne è la nostra carne. La carne che ha peccato è la carne che supera ora la tentazione e vive un’obbedienza a Dio fino al dono totale di sé.
Ma qui entriamo nel mistero più profondo della salvezza, il cui fondamento supremo ultimo è la giustizia.
Non c’è salvezza senza giustizia. La carne di Cristo rende giustizia a Dio e può cancellare l’altra ingiustizia, commessa dalla stessa carne in Adamo.
Man mano che la trattazione si fa più chiara, puntuale ed esplicita saranno offerti altri elementi di riflessione per una comprensione più grande possibile ad una mente umana del mistero della redenzione, perché di vero mistero si tratta.
Quanti hanno perso il senso del mistero della redenzione altro non fanno che dire una moltitudine di parole vane che non danno né verità, né salvezza e lasciano l’uomo nella morte della disobbedienza e del peccato.
Se invece si ha una idea chiara del mistero, si comprende anche perché non c’è redenzione senza pentimento e non c’è giustificazione senza obbedienza, come anche non c’è liberazione dalla morte se non nella conversione e nella fede.
Queste molteplici verità sono come scomparse dalla mente credente, da qui la grande confusione e soprattutto l’impossibilità che la redenzione di Cristo possa divenire vera redenzione dell’uomo.
[17]Perciò doveva rendersi in tutto simile ai fratelli, per diventare un sommo sacerdote misericordioso e fedele nelle cose che riguardano Dio, allo scopo di espiare i peccati del popolo.
La similitudine di Cristo a noi in tutto è necessaria per l’espiazione dei peccati dell’umanità intera.
L’espiazione non è per un popolo, ma del popolo, cioè di ogni uomo. Questa è la prima verità.
Questa espiazione non può essere fatta se non dalla carne che ha peccato. La carne pecca, la carne espia.
Ma la carne che ha peccato non può espiare, perché è nella morte, nel peccato, nella disobbedienza.
Chi è nella disobbedienza, nel peccato, nella morte non può espiare. Lui stesso ha bisogno di espiazione, di liberazione dal peccato.
Questa è verità fondamentale. Chi è nella morte non può espiare né per sé né per gli altri.
Da qui la “nuova creazione” di Dio, o l’Incarnazione del Figlio dell’Altissimo. Per l’espiazione di Cristo, Dio fa sì che la Vergine Maria sia concepita senza peccato, Immacolata, purissima.
Dalla carne purissima di Maria nasce nella carne purissima il Figlio dell’Altissimo, nasce senza peccato, senza macchia, senza colpa. Nasce con una carne capace di espiazione, di liberare il mondo dal peccato.
In questo versetto è detto che è per la carne che il Figlio di Dio può diventare sommo sacerdote.
Il sommo sacerdote aveva come mansione, ministero, proprio quello di espiare i peccati del suo popolo.
Cristo nasce con il ministero di espiare i peccati del mondo. Questa è già una prima differenza.
La seconda differenza è nel modo attraverso cui l’espiazione si compie: non attraverso il sangue dei tori e dei vitelli, ma per mezzo del proprio sangue.
Ora ci interessa solo annunziare questa seconda differenza. Nei capitoli che seguiranno essa sarà oggetto di una trattazione lunga e particolareggiata.
Vengono annunziate due caratteristiche di Cristo sommo sacerdote: egli è misericordioso e fedele nelle cose che riguardano Dio.
Per la sua misericordia, il suo amore egli si sostituisce a noi, a ciascuno di noi in particolare. Cristo Gesù ha preso il posto di ciascuno di noi. È come se in Lui ognuno di noi si fosse offerto nella sua carne al Padre per la propria redenzione.
È questa la misericordia di Gesù Signore. La seconda caratteristica, o qualità di Cristo è la sua fedeltà nelle cose che riguardano Dio.
Riguarda Dio una cosa sola: la conoscenza e l’insegnamento della sua volontà assieme al compimento perfetto di essa.
Gesù fedelmente insegna la volontà di Dio, fedelmente la conosce, fedelmente la vive. In ogni sua parte la conosce, in ogni sua parte la insegna, in ogni sua parte la vive.
Da sempre l’uomo in questa fedeltà si trova in difetto. È un difetto tanto grande che arriva al punto o dell’annullamento della volontà di Dio, o della sostituzione totale, completa, tutta intera.
È verità: nessuno può portare salvezza in questo mondo se manca della fedeltà nelle cose che riguardano Dio.
È verità: nessuno può portare salvezza se non si veste di misericordia, di carità. È misericordioso e caritatevole chi è capace di prendere il posto dell’altro ed espiare per lui ogni sua colpa e ogni suo peccato.
La conclusione non può essere che una sola: la salvezza in questo mondo la può compiere chi conosce, dona e vive tutta la Parola di Dio e in questo dono totale prende il posto dell’altro ed espia il suo peccato in una carne santa.
Nessuna salvezza sarà mai possibile da una carne che non è santa, pienamente santa, libera anche dai più piccoli peccati, anche quelli invisibili ad occhio umano, ma che la coscienza sa che sono in noi e dai quali urge liberarsi, proprio a motivo dell’alto ministero che ci è stato affidato di portare salvezza in questo mondo in Cristo, con Cristo, per Cristo, alla maniera di Gesù Signore, il solo ed unico Salvatore e Redentore dell’umanità.
[18]Infatti proprio per essere stato messo alla prova ed avere sofferto personalmente, è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova.
In questo versetto ancora siamo nei preliminari. Non si è entrati nella trattazione vera e propria del tema dell’espiazione vicaria, o della purificazione dei peccati attraverso l’offerta sacrificale della propria vita al Padre.
La salvezza viene vista ora in senso morale, o di carità. Precisamente: il Figlio di Dio è vero uomo. La verità della sua umanità è dato essenziale nella confessione della sua identità.
Se Cristo non fosse vero uomo, in nessun modo avrebbe potuto aiutarci e così ci sarebbe stato inutile se non fosse vero Dio. La salvezza è dal vero Dio che si fa vero uomo, ma anche dal vero uomo che vive da vero uomo.
Chi vive da vero uomo? Chi stabilisce un rapporto di vera obbedienza con Dio.
L’umanità è vera nell’atto della confessione della sua origine da Dio e del suo essere da Dio sempre. Si è da Dio se si è dalla sua Parola, oggi, in ogni istante, in ogni tempo.
Chi non è dalla Parola di Dio, non è neanche dalla vita di Dio, dalla sua verità e quindi rimane nella falsità della sua umanità. È una umanità falsa, bugiarda, erronea, non veritiera quella che non è oggi, in questo istante, dalla Parola di Dio.
Non solo bisogna pensarsi dalla volontà di Dio, il pensiero deve divenire atto, realizzazione, compimento della volontà di Dio. Nel compimento di sé da Dio, si è in Dio, si è per il Signore.
Gesù, vero uomo, rimane nella verità della sua umanità. Vi rimane perché è sempre dal compimento della volontà del Padre. Lui vive nella volontà del Padre per il compimento della volontà del Padre.
Avendo sperimentato su di sé la grande sofferenza della croce al fine di rimanere nella volontà del Padre, è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova.
Gesù sa quanto è dura la prova della fedeltà. Per Lui è stata dura una morte di croce, tra supplizi e ogni genere di sofferenza sia fisica che morale.
Sapendo questo, viene in aiuto alla “sua carne”, ai “suoi fratelli”, donando loro la sua forza, il suo aiuto, il suo Santo Spirito, la sua grazia.
Tutto dona di sé ai suoi fratelli: la sua morte per l’espiazione dei loro peccati; la sua vita per la loro vittoria sul peccato e sulla morte.
Fa tutto questo per il suo grande amore, la sua misericordia, la sua compassione.
Fa tutto questo perché è in grado di poterlo fare. Lo può fare a motivo del frutto di grazia e di verità che Lui ha maturato per noi sulla croce. Lo si è già detto: la carne che ha sofferto sulla croce è la nostra carne. Nella sua carne santissima la nostra è stata già redenta e santificata.
Si tratta ora di fare propria ognuno, attraverso la conversione e la fede, questa redenzione e santificazione e produrre anche noi frutti di verità e di grazia nella santità della vita.
In questo versetto preme cogliere una sola verità: Cristo può venire in nostro aiuto a motivo della sofferenza.
Da puntualizzare però che non è la sofferenza in sé che salva. Salva quella sofferenza che è generata nella sua carne dalla più pura e più perfetta obbedienza al Padre.
Tutta la sofferenza di Cristo nasce da questa obbedienza. Senza obbedienza non c’è sofferenza redentrice.
Prova di obbedienza, obbedienza alla volontà di Dio, sofferenza per il compimento della volontà di Dio nella fedeltà assoluta, compimento della volontà di Dio attraverso e nella nostra carne santa: sono questi gli elementi che permettono che si possa parlare di redenzione.
Se uno solo di questi elementi manca, nessuna redenzione sarà mai possibile.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:50 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Applicarsi con maggiore impegno. Impegno fisico. Impegno della volontà. Impegno del cuore. Nelle cose di Dio, sia nella conoscenza che nel compimento della volontà del Signore occorre ogni giorno un impegno maggiore, o come dice l’Autore: ci si deve applicare con maggiore impegno. Ogni giorno bisogna crescere in sapienza e in grazia, in conoscenza e in realizzazione della Parola di Dio. Tutto l’uomo deve impegnarsi: corpo, volontà, cuore, spirito, anima. Tutto l’uomo deve mettere tutto se stesso con sempre più grande intensità. La crescita quotidiana è la regola, è la sola regola. Chi non cresce, decresce e chi non aumenta diminuisce fino a morire ad ogni conoscenza e ad ogni realizzazione della Volontà di Dio.
Gli ostacoli della fede: peccato e gloria dell’uomo, non libertà dagli uomini. Gli ostacoli che impediscono sia di accedere alla retta fede che di crescere in essa sono: il peccato, la ricerca della propria gloria, la non libertà dagli uomini. Con il peccato si uccide la grazia nell’anima. È come se si privasse il corpo della sua vita. Un corpo morto non cresce. Un’anima morta non matura alcun frutto di retta e vera fede. Con la ricerca della propria gloria si incammina su un sentiero opposto alla retta e vera fede che è sola ed esclusiva ricerca della gloria di Dio. Nella non libertà dagli uomini si è come in una trappola. Si vorrebbe andare verso Dio, ma si vuole conservare la loro stima e la loro considerazione, la loro amicizia. Chi non è libero da se stesso e dagli altri non può accedere mai alla retta e pura fede, non può perché non vive la prima delle beatitudini che è la povertà in spirito. La fede inizia dalla povertà in spirito e chi non si fa povero in spirito, libero anche da un’amicizia terrena, non può camminare di fede in fede. Chi non si fa povero in spirito ha una fede morta e chi possiede una fede morta è morto alla vera fede.
Volontà di Dio e santità: una cosa sola. La santità è nel compimento perfetto della volontà di Dio. Chi vuole la santità deve volere la volontà di Dio, tutta, interamente, in ogni sua parte. Chi non vuole la volontà di Dio non vuole neanche la santità. Chi separa santità e volontà di Dio, neanche costui giunge alla santità. Non può, perché manca dell’oggetto proprio della santità che è il compimento della volontà di Dio.
La Parola si compie tutta e sempre. È verità: la Parola di Dio si compie tutta e in ogni sua parte. Il compimento della parte visibile attesta il compimento della parte invisibile. Come visibilmente si è compiuta in una parte, così si compirà nell’altra. Il compimento della sua parte visibile diviene segno per il cristiano della verità dell’altra parte, quella che dice le cose invisibili.
Parola e verità, verità e compimento, Parola e compimento: una cosa sola. Parola, verità, compimento sono una cosa sola perché esse dicono ciò che Dio ha fatto, fa e farà. Tutto è da Dio. Dio dice e le cose sono. Dio vuole e le cose avvengono. Dio parla e tutto viene creato. Tutto però si compie ed avviene secondo l’interiore verità della Parola, non secondo le possibili, buone o cattive nostre interpretazioni. La verità è della Parola, non della sua interpretazione umana. Questa potrebbe anche essere falsa e inadeguata. Quella invece – la verità contenuta nella Parola – è la sola verità della Parola e secondo quella verità interiore essa si compie. La Parola contiene la verità. Si compie la verità contenuta nella Parola. Uno degli errori più gravi per i cristiani è proprio questo: donano alla Parola una loro “verità” e poi vorrebbero che questa verità donata da loro si compisse. Dio non ha garantito le nostre interpretazioni. Dio garantisce solo la sua Parola, secondo la sua Verità. In questo errore è giusto che nessuno di noi cada, ma anche è giusto aiutare gli altri a non cadere.
Parola data per mezzo degli Angeli: AT. Parola data per mezzo del Figlio: NT. È questa la differenza abissale – si prescinde in questa riflessione dal contenuto che è perfetto compimento per superamento della stessa immaginazione dell’uomo – che esiste tra il Nuovo e l’Antico Testamento in ordine alle modalità della trasmissione della Parola. Nell’Antico Testamento Dio ha parlato per mezzo di creature (Angeli o uomini), nel Nuovo Testamento ha parlato per mezzo del Figlio, che è Dio, è presso Dio, è in Dio, è nel seno del Padre e ci parla dal seno del Padre.
Compimento di ogni Parola di Dio: AT e NT. È questa la nostra fede: tutto ciò che il Signore ha proferito sia nell’Antico Testamento che nel Nuovo si compirà per noi. L’Antico già si è compiuto in ogni sua parte. Il Nuovo si dovrà anch’esso compiere tutto in ogni sua affermazione. Lo si è già detto: si compie la Parola di Dio secondo la verità che Dio ha posto in essa e non secondo le nostre umane interpretazioni. Il compimento è vero. Le modalità sono sempre oltre la portata immaginativa dell’uomo, di ogni uomo. La verità di Dio contenuta nella sua Parola è sempre, infinitamente sempre oltre ogni mente creata. L’uomo di Dio che sa, questo vive camminando di verità in verità, fino alla pienezza della verità, verso cui lo conduce lo Spirito del Signore. Nessuna modalità esaurisce la verità contenuta nella Parola.
La Parola è: promulgata, confermata, testimoniata. Perché vi sia vero annunzio del Vangelo è necessario che la Parola sia insieme: promulgata, confermata, testimoniata. La parola si promulga annunziandola, dicendola. Chi deve ora promulgare la Parola sono gli Apostoli. Ad essi spetta il compito, o ministero, di dirla, o di farla conoscere ad ogni uomo. Assieme alla promulgazione, è necessario che essi attestino la sua verità. Diano cioè conferma della sua verità. Non basta dire il Vangelo perché vi sia annunzio di salvezza. Il Vangelo bisogna confermarlo nella sua assoluta unicità di salvezza. Se manca questa conferma, il Vangelo non è più annunzio di salvezza. È una parola come tutte le altre parole. In questo è necessario che il ministro della Parola impegni tutta la sua fede. Come si impegna tutta la fede? Testimoniando con la propria vita la verità del Vangelo. Ciò avviene vivendo solo e tutto il Vangelo, compiendolo in ogni sua Parola nella propria vita. Questo significa una cosa sola: che bisogna parlare da dentro il Vangelo, divenendo Parola vivente di Vangelo, come Dio parla dall’intimo di Se Stesso dicendo la Parola che è Lui stesso. Il ministro della Parola dicendo la Parola si deve dire, o deve dire se stesso. Se manca di questa identità più profonda, lui non dice secondo verità la Parola. Parla, ma non annunzia; dice ma non evangelizza; proclama, ma non profetizza nel nome del Signore.
Come la Chiesa conferma la Parola. La salvezza è solo nella conferma che la Chiesa fa della Parola. La Chiesa conferma la Parola divenendo essa stessa Parola di Dio e diviene Parola di Dio trasformandosi in Parola di Dio. Se manca questa trasformazione nella Parola, essa parlerà sempre dal di fuori della Parola e mai potrà attestare la sua verità. La salvezza è solo in questa conferma e da questa conferma, perché il mondo è messo in condizione di vedere la verità della Parola annunziata, proclamata, profetizzata dalla Chiesa. Senza la visione la fede manca del segno della verità della Parola annunziata e ognuno potrà prendere, o considerare la Parola degli Apostoli come una parola uguale a tutte le altre che si dicono o si proferiscono in questo mondo. Gli Apostoli devono attestare al mondo intero la verità di quanto essi dicono. Quanto essi dicono è verità perché Dio lo ha detto. Questa è la prima conferma. È anche verità perché la Parola si è compiuta tutta nella loro vita. Essi confermano la verità della Parola e su questa conferma appongono il sigillo del loro sangue, della vita versata per confermare che l’unica Parola vera e che dona salvezza è quella che da loro è stata annunziata. La salvezza è tutta da Dio, ma essa è stata posta interamente nelle mani della Chiesa, nella sua fede e nella sua vita, nella sua carne e nel suo sangue.
Differenza tra Cristo e gli Angeli. Cristo come vero uomo è superiore agli Angeli. Sull’argomento si è già detto tutto. È opportuno ricordare una sola verità: Se gli Ebrei hanno creduto ad una Parola che Dio ha dato loro per mano degli Angeli, non dovrebbero molto di più credere nella Parola che Dio ha dato per mezzo del Figlio Suo Unigenito? Se si accetta la testimonianza di una creatura, non si dovrebbe accettare con maggiore fede e accoglienza la testimonianza dello stesso Creatore dell’uomo? Perché si crede agli Angeli e non a Dio. Non è forse Dio che ha dato la Parola agli Angeli? L’intento dell’Autore è uno solo: convincere gli Ebrei che è a Dio che loro non credono. Perché prima hanno creduto e ora non più? La ragione certamente non è in Dio. È in loro che bisogna cercarla. Trovarla è obbligo per pervenire alla retta fede, alla fede che salva e santifica la loro vita.
Cosa è la fede. Fede tra Passato, presente, futuro. Fede e visione. La fede è accoglienza della Parola di Dio e costruire su di essa il proprio edificio umano e spirituale, terreno e celeste, personale e di relazione. Poiché la fede nasce dalla Parola, la Parola ha un passato, un presente, un futuro. Il passato della Parola diviene certezza del presente, ma anche speranza del futuro. È la verità del passato della Parola il fondamento della verità del presente e della speranza del futuro. Questa verità per noi è una sola: la morte e la risurrezione di Cristo Gesù. Questa verità è certezza della nostra risurrezione a vita nuova oggi, ma è anche speranza della risurrezione nell’ultimo giorno, in Cristo, per Cristo, con Cristo. Ogni cristiano deve poter fondare la verità del suo presente sulla verità del suo passato e il passato non deve essere nella Parola, deve essere in lui, cioè nel suo essere divenuto ciò che la Parola gli ha annunziato, creandolo in lui. Poiché la fede nasce dalla Parola ed è la Parola che crea la realtà del cristiano, dove non c’è Parola non c’è neanche fede. La visione, per divenire esperienza di fede, deve essere necessariamente accompagnata, preceduta, o seguita dalla Parola. Sarebbe sufficiente convincersi di questa verità e si eviterebbero tante forme distorte di pensare, o di servire la fede.
La gloria di Gesù vero uomo. La gloria è di Dio. Solo Sua e di nessun altro. Ogni gloria vera è per partecipazione della gloria eterna di Dio. In Quanto Dio, Cristo ha la gloria propria della divinità. In quanto uomo possiede la pienezza della gloria eterna di cui è stata resa partecipe la sua umanità. Questa partecipazione di gloria è proporzionata alla nostra obbedienza, al compimento della volontà di Dio nella nostra vita. Cristo è stato reso partecipe della gloria di Dio nella sua umanità nel modo più alto possibile in ragione del dono totale che ha fatto al Padre della sua vita sulla croce. Cristo ha dato tutto se stesso per glorificare il Padre, il Padre ha dato tutto se stesso al Figlio per la sua glorificazione. Questa gloria consiste nell’essere stato esaltato ed innalzato al di sopra di ogni creatura. Di ogni creatura egli è il Signore e il Giudice, il Re, il Salvatore, il Redentore. Tutto egli è di ogni creatura ed è tutto nella sua umanità. Gloria più grande non può esistere e questa gloria è solo di Cristo Gesù e di nessun altro.
La morte a vantaggio di tutti. Cristo non è morto per un solo uomo, per un solo popolo, per una sola nazione. Cristo è morto per ogni uomo, di ogni popolo, di ogni nazione, di ogni tempo, di ogni luogo. Cristo è il Salvatore dell'uomo ed è l'unico e il solo salvatore di tutti gli uomini. Questa verità è assoluta. Non c’è salvezza se non in Cristo, per Cristo, con Cristo. Non c’è redenzione se non in Lui, con Lui, per Lui. L’universalità della salvezza in Cristo, con Cristo, per Cristo è essenza stessa della nostra fede. È la nostra fede. L’universalità di fede genera l’universalità della missione evangelizzatrice. Cristo deve essere fatto conoscere ad ogni uomo, perché di ogni uomo è il Salvatore, il Redentore, il Signore.
Tutto è per grazia. Tutto è grazia, perché tutto è da Dio ed è per dono di Dio. La grazia deve però produrre in noi un frutto di vita eterna. Questo frutto non può essere prodotto senza la fede. La perfezione della fede è nell’obbedienza. L’obbedienza è alla Parola del Vangelo. A Dio bisogna ritornare non con la grazia ricevuta, bensì con la grazia fruttificata. La gloria del Cielo è proporzionata alla grazia ricevuta e che noi abbiamo saputo fruttificare. Come anche l’esclusione dal Cielo è dovuta alla grazia ricevuta, ma non fatta fruttificare.
La figliolanza di Gesù. La figliolanza di Gesù è duplice: Lui è vero Figlio di Dio, ma anche vero Figlio della Vergine Maria. Nasce da Dio, per generazione eterna, prima della creazione; nasce dalla Vergine Maria, per generazione nel tempo, dopo il sì detto da Maria all’Angelo Gabriele che le recava il lieto annunzio di essere stata scelta per essere la Madre del Figlio dell’Altissimo. Gesù è il solo che è nella sua Persona divina vero Figlio di Dio e vero Figlio dell’uomo, consustanziale a Dio nella divinità, consustanziale all’uomo nell’umanità.
Gesù evangelizzatore dei suoi fratelli. Anche i figli di Abramo sono fratelli di Gesù. Essendo consustanziale agli uomini in ragione della sua vera, perfetta umanità, Gesù è fratello di ogni uomo. Poiché è fratello di ogni uomo, ogni uomo da Lui è stato redento, giustificato, salvato. Egli è venuto per portare ad ogni uomo il lieto messaggio della salvezza. La sua opera però non agisce indipendentemente dall’uomo. Agisce nella fede dell’uomo e per questo è necessario che la Chiesa promulghi, confermi, testimoni la Parola di Gesù, allo stesso modo che Gesù ha promulgato, confermato, testimoniato la Parola del Padre. L’annunzio dona la Parola secondo le giuste modalità. La Parola fa nascere la fede. La fede genera la salvezza. La salvezza diviene santità perfetta. L’annunzio deve essere fatto ad ogni uomo.
La fiducia nel Signore è fiducia in Cristo. La fiducia nel Signore è fiducia in Cristo, perché Cristo è l’inviato del Padre per compiere la nostra salvezza. Chi non ha fiducia in Cristo, inviato del Padre, non ha neanche fiducia in Dio che ha inviato Cristo Gesù. Il Padre e il Figlio sono una sola volontà di salvezza. La volontà del Padre si è fatta volontà del Figlio, ma anche la volontà del Figlio si è fatta volontà del Padre. Separare il Figlio dal Padre e il Padre dal Figlio è porsi fuori della salvezza del Padre compiuta nel Figlio. È Cristo la salvezza di Dio e fuori di Cristo Dio non opera alcuna salvezza.
La liberazione dal potere del diavolo. Cristo ci salva dal potere del diavolo che è potere di falsità e di menzogna. Ci libera dalla sua falsità e ci introduce nella verità del Padre. Oggi il mondo è sotto il potere del diavolo perché immerso nella falsità: falsità su Dio, falsità sull’uomo, falsità sul presente, falsità sull’eternità. Falsità sulla vita e falsità sulla morte. La verità genera vita e libertà. La falsità genera morte e schiavitù spirituale e anche fisica. Libera il mondo dal potere del diavolo chi lo introduce nella verità di Cristo Gesù. La verità di Gesù è il Suo Vangelo. Finché un uomo non entra nel Vangelo, egli è schiavo del diavolo, è sotto il suo potere di falsità.
La fede: o è universale, o non è fede. Si è detto che la fede nasce dalla Parola. La Parola è il Vangelo. Non si può separare nel Vangelo parola da parola, verità da verità, frase da frase, concetto da concetto. Tutta la Parola, o Tutto il Vangelo dice la fede. Una sola verità del Vangelo esclusa, rende tutta la fede falsa. Chi esclude il Vangelo dalla fede, si esclude semplicemente dalla fede.
Dall’eredità di Adamo all’eredità di Cristo. Qual è l’eredità di Cristo. L’eredità di Adamo è la morte, il peccato. L’eredità di Cristo è la vita, la grazia, la luce eterna, il Paradiso, la risurrezione gloriosa nell’ultimo giorno. In una sola parola: l’eredità di Cristo è il Padre e tutto ciò che è del Padre. Tutto il Padre si è dato tutto a Cristo. Tutto Cristo si è dato tutto al Padre. Chi si dona tutto a Cristo, riceve tutto il Padre. È questa l’eredità che attende coloro che si consegnano a Cristo nella sua Parola, in una obbedienza perfetta alla sua volontà. La salvezza è questo passaggio: dalla morte alla vita, dal peccato alla grazia, dal padre di morte Adamo al Padre di ogni vita che è Dio.
Gesù Salvatore degli uomini, non degli Angeli. Gesù è Salvatore degli uomini a motivo della sua consustanzialità con la natura umana. Non è Salvatore degli Angeli, né mai lo potrà divenire, essendo gli Angeli nature separate, distinte, ognuna creata per se stessa da Dio. La natura umana espia per se stessa. È questo il grande mistero dell’Incarnazione. L’Angelo non ha generazione. Non ha comunicazione della sua natura.
Mistero della salvezza e giustizia. Espiare i peccati del mondo. Espiazione vicaria. Fedeltà a Dio, espiazione per l’uomo. La salvezza non è un dono gratuito, un condono puro e semplice del peccato. Essa è un frutto di giustizia offerto al Padre da Cristo Gesù per noi. In tal senso la salvezza avviene per espiazione vicaria. Gesù prende il nostro posto e si offre al Padre per noi. Egli compie l’espiazione vicaria a causa della sua fedeltà al Padre suo. Egli vive per compiere la volontà del Padre, per realizzare un’obbedienza perfettissima. Questa obbedienza produce per Lui un frutto di risurrezione gloriosa. Il Signore gli dona un corpo spirituale, incorruttibile, immortale, glorioso. Il Padre dona a noi, sempre per l’opera di obbedienza del Figlio non solo il perdono dei peccati, ma la stessa relazione che il Figlio ha con Lui e la relazione è di figliolanza assieme a tutti i beni divini che possiede il Figlio. Siamo purificati da ogni peccato, ma anche elevati alla dignità di figli adottivi e resi partecipi della divina natura. Questo è il frutto di giustizia che ci salva. Questa verità deve insegnarci che chi vuole operare salvezza in questo mondo, deve anche lui come Cristo produrre frutti di giustizia e questi non si producono se non attraverso la nostra perfetta obbedienza alla volontà del Padre. Non sono le opere che noi facciamo che redimono il mondo, sono invece le opere di obbedienza, il compimento della volontà del Padre, l’osservanza pura e semplice di ogni Parola del Vangelo. È il Vangelo la via della salvezza, ma è il Vangelo osservato in ogni sua parte, messo in pratica in ogni sua prescrizione, ma come obbedienza perfetta sempre al Signore Dio nostro. Chi vuole cooperare con Cristo alla redenzione dei suoi fratelli, deve portare la sua vita tutta nel Vangelo.
Redenzione, pentimento, giustificazione, obbedienza, conversione, fede. Con la sua espiazione vicaria Cristo ci ha redenti. La redenzione operata da Cristo non è ancora salvezza per noi. La redenzione è salvezza quando si accoglie la Parola della predicazione, ci si pente dei propri peccati, ci si lascia battezzare nel nome di Cristo Gesù, si diviene giustificati. Il nostro peccato è cancellato. Noi siamo rigenerati a vita nuova ed eterna. La giustificazione non è ancora compimento della salvezza. La salvezza avviene per noi nella santità e la santità è compimento in ogni sua parte della Volontà del Padre, in una obbedienza ad ogni Parola del Vangelo. Si obbedisce al Vangelo nella fede. Per fede si crede che il Vangelo è l’unica via della salvezza. Al Vangelo quotidianamente ci si converte. Il Vangelo si vive. Vivendo di verità in verità, progredendo di fede in fede, ma sempre nella Parola, il cristiano compie il cammino della sua santificazione e raggiunge la salvezza definitiva nel Regno eterno di Dio che è il Paradiso. È salvo chi entra in Paradiso. Chi viene escluso dal Paradiso, anche se ha iniziato con la salvezza, ora termina la sua vita nella perdizione eterna. Ecco perché siamo invitati ad attendere alla nostra salvezza con timore e tremore. Questo avviene se conserviamo la nostra vita solo e sempre nel Vangelo di nostro Signore Gesù Cristo.
Vero uomo messo alla prova. Cristo è vero e perfetto uomo. Come tale anche Lui deve andare a Dio attraverso l’obbedienza, l’ascolto della sua volontà. Lui ha compiuto la volontà del Padre fino alla morte di croce. Tutto ha dato di sé al Padre, niente gli resta da dare. È questa prova la causa della nostra salvezza. La prova di Cristo Gesù è un’obbedienza per il dono della propria vita. Avendo Lui superato la prova, può venire in nostro soccorso, in aiuto, avendo conoscenza della sofferenza che sovente accompagna la nostra prova. Ma anche è in grado di sentire compassione per i peccati di molti. La compassione si trasforma in Lui in preghiera e in intercessione perché non solo siano cancellati i nostri peccati, ma anche perché la grazia del Padre sostenga il nostro cammino e lo renda perfetto compimento della Sua volontà.
Obbedienza, volontà di Dio, sofferenza di obbedienza, compimento della volontà di Dio nella carne santa: redenzione. La sofferenza che salva l’uomo non è quella che nasce dal peccato. Questa serve unicamente per espiare il nostro peccato, al fine di liberare la nostra anima dalle pene temporali dovute ai peccati. Quella di Cristo è una sofferenza di obbedienza, di compimento della volontà del Padre fatta da Lui in una carne santissima, giusta, tutta ricolma di grazia e di verità. È la santità nel compimento della volontà del Padre che redime il mondo. È la perfetta giustizia di Cristo che fa della sua opera di obbedienza un atto di redenzione e di salvezza. Dove manca la santità non c’è obbedienza e dove non c’è obbedienza non c’è redenzione, perché non si può compiere l’espiazione vicaria. Giusto per gli ingiusti, santo per i non santi, fedele per gli infedeli, amico di Dio per tutti i nemici del Padre. Questo è lo specifico dell’opera di Gesù Signore. Monito per noi che siamo coinvolti nell’opera di redenzione e di giustificazione del mondo. Se non entriamo in una giustizia perfetta, non possiamo cooperare con Cristo né per la redenzione, né per la salvezza. Siamo esclusi dalla redenzione perché noi non viviamo da redenti, da giustificati, semplicemente da santi. Dobbiamo tutti entrare in questa visione e verità di fede, altrimenti il rischio è uno solo: vanificare ogni nostra opera, rendere infruttuoso, quanto alla salvezza, ogni nostro lavoro nella Vigna del Signore. La redenzione è obbedienza. L’obbedienza è alla Volontà di Dio. La volontà di Dio è il Vangelo. La salvezza nasce dalla nostra vita tutta portata nel Vangelo. La prima obbedienza a Dio non è forse quella di accogliere Cristo come l’Inviato di Dio per compiere la nostra redenzione e salvezza? Non è forse vivere la sua Parola come vera Parola del Padre? Ci può essere obbedienza di salvezza e di redenzione per coloro che escludono la volontà attuale di Dio nell’opera della propria santificazione? Cristo Gesù è la Volontà di Dio per noi. Chi accoglie Lui accoglie la volontà di Dio ed entra nel mistero della vera salvezza, della giustificazione, della santificazione. Ma anche la verità tutta intera verso cui conduce lo Spirito Santo deve essere obbedienza a Dio. Fermare la storia alla verità di Dio di ieri, senza aggiungere la pienezza di verità che oggi lo Spirito rivela alla sua Chiesa, è già porsi fuori della vera obbedienza a Dio. Si è fuori della redenzione e della giustificazione. L’obbedienza è a Dio che ha parlato ieri, sia attraverso i profeti che per mezzo di Gesù Cristo, ma è anche a Dio che parla oggi sia mediante il Suo Santo Spirito muovendo i cuori, o illuminando la mente conducendola verso la verità tutta intera, come anche manifestandosi a persone particolari e indicando loro la via da seguire sia per loro stessi che per altri. Non c’è vera obbedienza a Dio senza l’ascolto del Signore che parla oggi alla sua Chiesa. Senza vera obbedienza nessuna redenzione sarà mai possibile. Senza obbedienza, si lavora, ma invano; ci si affatica, ma inutilmente.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:52 PM
CAPITOLO TERZO

CRISTO È SUPERIORE A MOSÈ
[1]Perciò, fratelli santi, partecipi di una vocazione celeste, fissate bene lo sguardo in Gesù, l'apostolo e sommo sacerdote della fede che noi professiamo,
I “fratelli santi” sono i cristiani. Sono santi, perché santificati dal sangue di Cristo, purificati nelle acque del Battesimo e rigenerati dallo Spirito Santo.
Sono santi perché sono stati resi partecipi della santità di Dio. Questa la loro altissima dignità.
Di questa dignità ogni cristiano deve prendere coscienza. Di questa dignità è sommamente responsabile. Questa sua nuova dignità deve attestare dinanzi al mondo intero con una condotta santa di vita.
I cristiani sono santi per dono di grazia, devono essere santi in ogni singolo atto della loro vita, la quale, in ogni più piccola sua manifestazione o espressione, deve attestare questa nuova dignità, ricevuta per grazia, non certo per merito.
I cristiani sono partecipi “di una vocazione celeste”. Qual è questa vocazione celeste? Anche se l’Autore non lo dice in questo contesto con parole esplicite, essa si può facilmente desumere.
La vocazione celeste del cristiano è quella di essere figlio di Dio per adozione e quindi di essere erede del Cielo.
Il cristiano è chiamato al Cielo, al Paradiso, alla vita eterna, alla comunione con Dio, ad essere suo figlio di adozione e ad abitare per sempre nella sua casa.
La vocazione celeste è anche quella di essere “corpo di Cristo”, “tempio dello Spirito Santo”, “casa di Dio” sulla terra.
La vocazione celeste è la sua elevazione alla “divinizzazione”: “Voi siete dei”, “Dei” per generazione spirituale da Dio, per partecipazione della sua divina natura.
Questa è la più alta vocazione concessa mai ad una creatura: essere resa partecipe della divina natura.
Di questa vocazione il cristiano deve prendere coscienza, deve essere responsabile, deve produrre ogni frutto di santità, di grazia, di verità, di giustizia e di pace secondo questa sua nuova vocazione e anche nuova natura, perché in Cristo realmente ha ricevuto una nuova natura, realmente è stato rigenerato, realmente è nato a nuova vita, è stato fatto figlio di Dio, è stato reso partecipe della natura divina.
Dopo aver richiamato il cristiano a considerare la sua nuova, altissima dignità, la sua nuova, altissima vocazione, l’Autore lo invita a fissare bene lo sguardo su Gesù.
Il cristiano si comprende se guarda Cristo, se fissa lo sguardo su di Lui. Deve fissare lo sguardo di Gesù per conoscerlo, per sapere chi Lui è secondo pienezza di verità.
Ogni errore su Cristo immancabilmente, irrimediabilmente diviene un errore sul cristiano e in modo più generale sull’uomo.
L’uomo si comprende da Cristo, si conosce da Lui. Si sa chi è l’uomo guardando e fissando lo sguardo su Gesù.
Chi non guarda Cristo non sa chi lui è, non sa neanche chi è l’uomo, perché esiste, qual è la sua vocazione, quale il suo futuro.
Tutto è da Cristo. Niente è senza di Cristo, fuori di Cristo, lontano da Lui.
Per questo motivo è necessario conoscere Cristo e conoscerlo secondo pienezza di verità, di dottrina, di scienza, di sapienza, di intelligenza, di ogni altro genere di conoscenza.
Questa conoscenza non può avvenire se non nello Spirito Santo. Ma lo Spirito Santo agisce nella preghiera del cristiano, nella sua applicazione di meditazione e di riflessione, nella sua crescita in santità.
La vera conoscenza di Cristo è dono dello Spirito Santo e lavoro ininterrotto da parte dello stesso cristiano. Questi cresce nella conoscenza vera di Cristo, se cresce in grazia. Se non cresce in grazia, neanche può crescere in conoscenza.
La grazia aiuta la conoscenza; la conoscenza aiuta la grazia.
Chi è Cristo, su cui bisogna fissare bene lo sguardo? In questo primo versetto viene definito “l’apostolo e sommo sacerdote della fede che noi professiamo”.
Gesù è colui che dona la vera fede. Gesù è colui che serve la vera fede. La dona e la serve. La dice e la insegna. L’annunzia e la spiega.
È apostolo perché inviato dal Padre. L’apostolo non è da sé. Se fosse da sé non sarebbe apostolo.
L’apostolo è da “altri”. Gesù è dal Padre, da Dio.
Viene manifestata la missione celeste di Cristo. Egli è apostolo della nostra fede non per sua volontà, ma per volontà di Colui che lo ha inviato, che lo ha chiamato, che lo ha costituito.
Così dicasi anche dell’altra espressione: “sommo sacerdote”. Anche il “sacerdote” non è da sé, è da Dio. È Dio che sceglie e che costituisce; è Dio che chiama e che consacra; è Dio che suscita e che eleva.
Dicendo l’Autore che Gesù è “l’apostolo e il sommo sacerdote della fede che noi professiamo”, dice una verità assai gravida di responsabilità: la fede che noi professiamo non viene dalla terra, viene dal Cielo, viene da Dio.
Viene da Dio perché Cristo Gesù viene da Dio, è da Dio. L’origine di Cristo è da Dio. Se è da Dio, dobbiamo chiederci perché Dio ha voluto così, ma prima ancora: se crediamo in Dio dobbiamo accogliere colui che Dio ci ha inviato per manifestarci la sua volontà.
Il problema cristologico si fa immediatamente teologico. La risposta su Cristo la si trova in Dio, non in Cristo.
Cristo è dalla volontà del Padre, dal volere di Dio. Cristo è in mezzo a noi perché così Dio ha deciso, voluto, stabilito, attuato.
Spostando il problema da Cristo a Dio si entra nel mistero insondabile della libertà di Dio.
La volontà di Dio si può accogliere, si può rifiutare. Chi l’accoglie, accoglie la vita; chi la rifiuta, percorre vie di morte.
Da puntualizzare che uno dei compiti, anzi il compito per eccellenza del Sacerdote era quello dell’insegnamento della Legge. Prima che un offerente il Sacerdote era un insegnante, uno che dava, spiegava, insegnava, applicava al popolo la Legge del Dio Altissimo.
Due citazioni bastano da sole a confermare questa verità (cfr. Lev. 10,8-11
“Il Signore parlò ad Aronne: Non bevete vino o bevanda inebriante né tu né i tuoi figli, quando dovete entrare nella tenda del convegno, perché non moriate; sarà una legge perenne, di generazione in generazione; questo perché possiate distinguere ciò che è santo da ciò che è profano e ciò che è immondo da ciò che è mondo e possiate insegnare agli Israeliti tutte le leggi che il Signore ha date loro per mezzo di Mosè” (Lev. 10.8-11).
In Osea è mostrato tutto il disastro spirituale del popolo, perché carente dell’insegnamento del Sacerdote. È bene leggere tutto il capitolo 4.
“Ascoltate la parola del Signore, o Israeliti, poiché il Signore ha un processo con gli abitanti del paese. Non c'è infatti sincerità né amore del prossimo, né conoscenza di Dio nel paese. Si giura, si mentisce, si uccide, si ruba, si commette adulterio, si fa strage e si versa sangue su sangue.
Per questo è in lutto il paese e chiunque vi abita langue insieme con gli animali della terra e con gli uccelli del cielo; perfino i pesci del mare periranno. Ma nessuno accusi, nessuno contesti; contro di te, sacerdote, muovo l'accusa. Tu inciampi di giorno e il profeta con te inciampa di notte e fai perire tua madre. Perisce il mio popolo per mancanza di conoscenza. Poiché tu rifiuti la conoscenza, rifiuterò te come mio sacerdote; hai dimenticato la legge del tuo Dio e io dimenticherò i tuoi figli.
Tutti hanno peccato contro di me; cambierò la loro gloria in vituperio. Essi si nutrono del peccato del mio popolo e sono avidi della sua iniquità. Il popolo e il sacerdote avranno la stessa sorte; li punirò per la loro condotta, e li retribuirò dei loro misfatti. Mangeranno, ma non si sazieranno, si prostituiranno, ma non avranno prole, perché hanno abbandonato il Signore per darsi alla prostituzione. Il vino e il mosto tolgono il senno.
Il mio popolo consulta il suo pezzo di legno e il suo bastone gli dà  il responso, poiché uno spirito di prostituzione li svia e si prostituiscono, allontanandosi dal loro Dio. Sulla cima dei monti fanno sacrifici e sui colli bruciano incensi sotto la quercia, i pioppi e i terebinti, perché buona è la loro ombra. Perciò si prostituiscono le vostre figlie e le vostre nuore commettono adulterio. Non punirò le vostre figlie se si prostituiscono, né le vostre nuore se commettono adulterio; poiché essi stessi si appartano con le prostitute e con le prostitute sacre offrono sacrifici; un popolo, che non comprende, va a precipizio. Se ti prostituisci tu, Israele, non si renda colpevole Giuda. Non andate a Gàlgala, non salite a Bet-Avèn, non giurate per il Signore vivente. E poiché come giovenca ribelle si ribella Israele, forse potrà pascolarlo il Signore come agnello in luoghi aperti? Si è alleato agli idoli Efraim, si accompagna ai beoni; si son dati alla prostituzione, han preferito il disonore alla loro gloria. Un vento li travolgerà con le sue ali e si vergogneranno dei loro sacrifici”.
[2]il quale è fedele a colui che l'ha costituito, come lo fu anche Mosè in tutta la sua casa.
Gesù è l’inviato di Dio. La domanda giusta che ognuno potrebbe farsi è questa: Gesù è stato fedele a Dio, a colui che lo ha costituito “apostolo e sommo sacerdote della fede”?
La risposta è affermativa, senza ombra di dubbio: Gesù è stato fede al pari di Mosè.
Come Mosè fu costituito a capo della casa di Dio, cioè del suo popolo, e fu trovato fedele, così anche Cristo Gesù, costituito da Dio a capo della sua casa, del suo popolo, è stato trovato fedele in tutto.
Di questo fatto si parla nel Libro dei Numeri. Leggendo il capitolo 12 si ha una chiara comprensione di chi è stato veramente Mosè per il Signore:
“Maria e Aronne parlarono contro Mosè a causa della donna etiope che aveva sposata; infatti aveva sposato una Etiope. Dissero: Il Signore ha forse parlato soltanto per mezzo di Mosè? Non ha parlato anche per mezzo nostro? Il Signore udì. Ora Mosè era molto più mansueto di ogni uomo che è sulla terra.
Il Signore disse subito a Mosè, ad Aronne e a Maria: Uscite tutti e tre e andate alla tenda del convegno. Uscirono tutti e tre. Il Signore allora scese in una colonna di nube, si fermò all'ingresso della tenda e chiamò Aronne e Maria. I due si fecero avanti. Il Signore disse: Ascoltate le mie parole! Se ci sarà un vostro profeta, io, il Signore, in visione a lui mi rivelerò, in sogno parlerò con lui. Non così per il mio servo Mosè: egli è l'uomo di fiducia in tutta la mia casa. Bocca a bocca parlo con lui, in visione e non con enigmi ed egli guarda l'immagine del Signore. Perché non avete temuto di parlare contro il mio servo Mosè?
L'ira del Signore si accese contro di loro ed Egli se ne andò; la nuvola si ritirò di sopra alla tenda ed ecco Maria era lebbrosa, bianca come neve; Aronne guardò Maria ed ecco era lebbrosa. Aronne disse a Mosè: Signor mio, non addossarci la pena del peccato che abbiamo stoltamente commesso, essa non sia come il bambino nato morto, la cui carne è già mezzo consumata quando esce dal seno della madre. Mosè gridò al Signore: Guariscila, Dio! Il Signore rispose a Mosè: Se suo padre le avesse sputato in viso, non ne porterebbe essa vergogna per sette giorni? Stia dunque isolata fuori dell'accampamento sette giorni; poi vi sarà di nuovo ammessa. Maria dunque rimase isolata, fuori dell'accampamento sette giorni; il popolo non riprese il cammino, finché Maria non fu riammessa nell'accampamento. Poi il popolo partì da Caserot e si accampò nel deserto di Paran”.
In questo versetto si afferma la prima fondamentale verità su Cristo: Egli è stato fedele a Dio al pari di Mosè. Ma anche: Egli, al pari di Mosè, è stato costituito da Dio uomo di fiducia sulla sua casa.
Se la fedeltà è uguale, le persone non sono uguali. Cristo e Mosè non sono uguali. Qual è dunque la differenza che fa distinguere Cristo da Mosè e Mosè da Cristo?
[3]Ma in confronto a Mosè, egli è stato giudicato degno di tanta maggior gloria, quanto l'onore del costruttore della casa supera quello della casa stessa.
La differenza è detta attraverso una similitudine che merita tutta la nostra attenzione, ma soprattutto la nostra intelligenza per comprenderla nel suo vero significato di rivelazione.
La casa è per l’uomo, non l’uomo per la casa. Mosè è per la casa. La casa è di Dio. La casa è per il Signore. Mosè è per il Signore, perché Lui è per la casa del Signore.
La casa è di Dio e Mosè in questa casa è l’uomo di fiducia di Dio. La casa non è di Mosè.
Mosè non è né il padrone, né il signore della casa. Lui è il servitore della casa.
Affiora e si manifesta la prima differenza tra Mosè e Cristo. La gloria di Mosè è quella di essere stato servitore della casa di Dio.
La gloria di Cristo è molto più grande. La sua è la stessa gloria del Padrone, del Signore della casa.
Gesù è il costruttore della casa, Mosè è il servo. La casa è di Cristo, Mosè è servo di Cristo.
Mosè è per Cristo, è in funzione di Cristo, è a servizio di Cristo.
Se fu grande la gloria di Mosè, più grande, divinamente più grande dovrà essere la gloria di Gesù.
Se la gloria di Mosè era reputata più grande della gloria degli Angeli, quale non sarà mai la gloria di Cristo, Creatore e Signore degli stessi Angeli?
Mosè, al pari degli Angeli, è una creatura di Dio, anche se investita di una missione particolare, singolare, unica.
Cristo non è solo creatura, perché vero uomo, è anche Creatore, perché vero Dio. Questa differenza non può essere nascosta, taciuta, sminuita, contraffatta, alterata. Questa differenza deve essere evidenziata in tutta chiarezza di verità e di dottrina. Lo esige la fede, di cui Gesù è apostolo e sommo sacerdote; lo esige la verità che Lui è venuto ad annunziare al mondo intero; lo richiede il Vangelo che Lui è venuto a proclamare ad ogni uomo.
[4]Ogni casa infatti viene costruita da qualcuno; ma colui che ha costruito tutto è Dio.
Viene ribadita la verità già evidenziata.
Ogni casa viene costruita da qualcuno. Mosè non è il costruttore della casa di Dio. Mosè è solo il custode fedele.
Costruttore della casa è Dio. Anzi qui Dio viene detto “costruttore di tutto”.
Dicendo che Dio è costruttore di tutto si vuole affermare una verità che va oltre ogni attesa.
Prima di tutto si mette la coscienza del cristiano dinanzi a Dio, alla sua volontà, alla sua opera.
La coscienza del cristiano non deve relazionarsi con Cristo. Cristo non è da sé. Se fosse da sé, sarebbe giusto che ci relazionassimo con Lui.
Ma Cristo non è da sé, è da Dio e quindi è giusto che ci relazioniamo con Dio.
Qual è la verità che supera ogni attesa? È proprio questa: lo spostamento dell’asse di coscienza da Cristo a Dio.
L’autore afferma la verità delle verità: Cristo è “costruito da Dio”, dal momento che “costruttore di tutto è Dio”.
Se Cristo è stato “costruito da Dio”, è giusto che ci chiediamo perché Dio lo ha costruito?
La coscienza che si pone davanti a Dio riguardo a Cristo, deve porsi anche davanti a Dio nei confronti di Mosè.
Mosè è costruito da Dio. Cristo è costruito anche da Dio. Perché Dio ha costruito Mosè? Perché ha costruito Cristo?
Se accettiamo Mosè, perché non dovremmo accettare Cristo, dal momento che Autore di entrambi è Dio?
È possibile accogliere Mosè e rifiutare Cristo, o rifiutare Cristo in nome di Mosè, dal momento che il punto di riferimento della coscienza non è né Mosè, né Cristo, ma Dio?
Questa metodologia per spostamento dell’asse della coscienza non vale solo per rapporto a Cristo e a Mosè, vale per ogni altro intervento di Dio sulla nostra terra.
Se è Dio che costruisce tutto, che ha costruito tutto, la prima domanda che dobbiamo porre al nostro spirito è questa: ciò che è dinanzi ai nostri occhi è vera costruzione di Dio?
Se cogliamo dalla Scrittura che è vera costruzione di Dio, l’asse si sposta ancora una volta e va dalla nostra intelligenza alla sapienza eterna di Dio e alla sua volontà che è imperscrutabile.
Noi abbiamo il dovere di cogliere la verità di un’opera di Dio, partendo dalla Scrittura, non abbiamo il potere di conoscerne il perché. Questo non ci è dovuto, come non è dovuto al servo sapere il perché di una costruzione del Padrone, o perché il Padrone usa quella forma anziché quell’altra, oppure quelle persone, anziché altre.
Verità e mistero, volontà e intelligenza non sono la stessa cosa. La volontà è del Signore. L’opera è del Signore. Le persone sono del Signore.
A noi appartiene cogliere la verità. Il resto non ci è dato, perché non è nostro. È di Dio e lo è in modo assoluto.
[5]In verità Mosè fu fedele in tutta la sua casa come servitore, per rendere testimonianza di ciò che doveva essere annunziato più tardi;
In questo versetto vengono annunciate due verità: chi è Mosè, qual è stata la missione di Mosè.
Mosè è il servitore in tutta la casa di Dio. Nel suo servizio fu trovato fedele.
La sua missione però non finiva in se stessa, nella sua persona.
Il suo servizio era finalizzato a preparare le cose future, ciò che il Signore avrebbe annunziato più tardi.
Così definita e compresa la missione di Mosè, è un servizio e una missione che preparano a Cristo.
Mosè è in funzione di Cristo. Mosè è servo di Cristo, servo cioè della sua missione, che egli in qualche modo deve preparare, anche se remotamente, in tempi assai lontani.
Che la missione non finisce in Mosè, non finisce con Mosè lo attesta la stessa promessa fatta da Dio allo stesso Mosè. Leggiamo infatti nel Deuteronomio, al capitolo 18, 15-19:
“Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, fra i tuoi fratelli, un profeta pari a me; a lui darete ascolto. Avrai così quanto hai chiesto al Signore tuo Dio, sull'Oreb, il giorno dell'assemblea, dicendo: Che io non oda più la voce del Signore mio Dio e non veda più questo grande fuoco, perché non muoia. Il Signore mi rispose: Quello che hanno detto, va bene; io susciterò loro un profeta in mezzo ai loro fratelli e gli porrò in bocca le mie parole ed egli dirà loro quanto io gli comanderò. Se qualcuno non ascolterà le parole, che egli dirà in mio nome, io gliene domanderò conto”.
Mosè stesso guarda molto in avanti, in un futuro assai lontano dai suoi occhi di carne. Ciò vuol dire una cosa sola: non è lui la salvezza definitiva del popolo di Dio; non è in Lui che questa salvezza si compie.
Tuttavia c’è da dire una verità: l’Autore può affermare questo perché sa leggere la Storia della Salvezza in tutto il suo arco di preparazione. Il fondamento di quanto egli sta dicendo di Mosè lo si trova nella Scrittura, in tutta la Scrittura.
Nessuno pensi che lui faccia il ragionamento opposto: che parta cioè dalla storia di Gesù, dalla sua missione, per affermare l’incompiutezza dell’opera di Mosè o la sua finalizzazione a Cristo Signore.
Se avesse fatto questo, la sua sarebbe interpretazione, rivelazione e non dimostrazione.
Invece l’Autore ha un solo fine nella sua trattazione: dimostrare attraverso la Scrittura – e per Scrittura intende e si deve intendere l’Antico Testamento e solo Esso – che quanti hanno preceduto Cristo, dal più piccolo al più grande, passando per Abramo, Mosè, Davide, i Profeti, i Giusti e i Saggi della storia di Israele, tutti costoro hanno guardato assai lontano dai loro occhi.
Tutta la Scrittura Antica guarda verso Colui che deve venire e chi deve venire è solo il Messia di Dio, che non è nessuno tra tutti coloro che lo annunziano ed essi stessi lo attendono.
Anche Mosè guardava lontano, assai lontano, allo stesso modo di Abramo, di Isacco, di Giacobbe e di ogni altro uomo di Dio.
Questa è verità constatabile, verificabile, evidente. È sufficiente aprire la Scrittura Antica ed ogni sua pagina invita a guardare oltre se stessa.
[6]Cristo, invece, lo fu come figlio costituito sopra la sua propria casa. E la sua casa siamo noi, se conserviamo la libertà e la speranza di cui ci vantiamo.
Dalla stessa Scrittura Antica sappiamo, dobbiamo pervenire alla vera conoscenza di Cristo Gesù.
La prima verità su Cristo è questa: Egli non è nella casa di Dio come servitore. Non così lo ha costituito il Signore.
Gesù è stato costituito figlio e la casa è anche sua. È figlio nella sua propria casa.
La prima differenza con Mosè è nella figliolanza. Cristo è vero Figlio di Dio, figlio generato, figlio che è da Lui, che è della sua stessa natura.
Questa identità naturale, per generazione, è solo di Gesù e di nessun altro uomo, né prima Mosè, né dopo Mosè, e nemmeno dopo lo stesso Cristo. Gesù è il solo, è l’unico, è eternamente così. Prima della stessa creazione del cielo e della terra Lui è figlio del Padre.
La seconda differenza è la stessa relazione con la casa di Dio. La casa di Dio è casa di Cristo; è propria di Dio, come è propria di Cristo.
È propria di Cristo, perché Lui è il Figlio del Padre ed essendo Figlio del Padre è suo tutto ciò che è del Padre.
Non dimentichiamoci che l’Autore ha iniziato la sua trattazione su Cristo dicendo che Lui è stato costituito da Dio suo erede universale. Tutto ciò che è del Padre è suo. Sua è anche la casa da salvare, il popolo da redimere, l’umanità da condurre alla salvezza.
Viene anche precisato chi è “la casa di Dio”, la “sua propria casa”. Questa casa sono tutti coloro che hanno creduto, credono e crederanno in Cristo Gesù.
Si diviene casa di Dio per la fede in Cristo e rinascendo da acqua e da Spirito Santo. Ma il divenire casa, non significa rimanere per sempre casa di Dio, casa di Cristo.
Rimane casa di Dio e di Cristo chi conserva la libertà e la speranza che ha ricevuto il giorno in cui è divenuto credente e di cui si vanta.
La libertà del cristiano è la sua verità. La sua verità è Cristo Gesù. Anche la speranza del cristiano è Cristo. È la vittoria sulla morte che lo avvolgerà nell’ultimo giorno, ma prima ancora è la certezza di abitare già fin dal momento della morte nel Cielo, presso Dio, in comunione con gli Angeli e con i Santi.
La speranza è il frutto della libertà, mentre la libertà è frutto della verità. La verità è il frutto della conoscenza santa della Parola di Cristo.
Chi si distacca dalla Parola di Cristo, si distacca da Cristo, perde la Parola, la verità, la libertà, la speranza, ritorna nella sua vecchia schiavitù del peccato, delle tenebre, dell’errore, del vizio, del male.
È questo il motivo per cui bisogna conservare la libertà e la speranza di Cristo, perché sono questi i beni che Gesù è venuto a creare in noi, ma li crea non separatamente da Lui, dalla sua Parola, dal Suo Vangelo. Li crea invece in Lui, attraverso la Sua Parola, che si fa verità in noi, libertà, speranza.
Anche in questo vi è una grandissima differenza con Mosè. La Parola di Mosè era Parola di Dio, non era parola sua. Quella di Cristo è insieme Parola di Dio e Parola di Cristo. È una sola Parola: di Cristo e di Dio.
È questa Parola la fonte della libertà e della speranza, perché Cristo è la fonte di questi beni divini.
Tutto questo è per l’Autore desumibile dalla Scrittura Antica ed in verità è proprio così.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:53 PM
ESORTAZIONE ALLA FEDELTÀ
[7]Per questo, come dice lo Spirito Santo: Oggi, se udite la sua voce, [8]non indurite i vostri cuori come nel giorno della ribellione, il giorno della tentazione nel deserto, [9]dove mi tentarono i vostri padri mettendomi alla prova, pur avendo visto per quarant'anni le mie opere. [10]Perciò mi disgustai di quella generazione e dissi: Sempre hanno il cuore sviato. Non hanno conosciuto le mie vie. [11]Così ho giurato nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo.
Questi versetti sono tratti dal Salmo 94, che così recita:
“Venite, applaudiamo al Signore, acclamiamo alla roccia della nostra salvezza. Accostiamoci a lui per rendergli grazie, a lui acclamiamo con canti di gioia. Poiché grande Dio è il Signore, grande re sopra tutti gli dei. Nella sua mano sono gli abissi della terra, sono sue le vette dei monti. Suo è il mare, egli l'ha fatto, le sue mani hanno plasmato la terra. Venite, prostràti adoriamo, in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati. Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, il gregge che egli conduce. Ascoltate oggi la sua voce: Non indurite il cuore, come a Meriba, come nel giorno di Massa nel deserto, dove mi tentarono i vostri padri: mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere. Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, non conoscono le mie vie; perciò ho giurato nel mio sdegno: Non entreranno nel luogo del mio riposo”.
La professione di fede in Dio deve divenire necessariamente ascolto della sua voce.
Dio è il pastore del gregge. Israele è il popolo del suo pascolo. Tra Pastore e gregge c’è una sola legge possibile: l’ascolto della voce del Pastore. Altre leggi non sono di vita, bensì di morte.
È successo invece che tra il popolo del suo pascolo e il Signore quasi sempre ha regnato la legge del non ascolto, della ribellione.
Ecco i due episodi per cui il Signore decide che la generazione uscita dall’Egitto mai avrebbe messo piedi nella Terra Promessa. Anche Mosè, a causa del Popolo, fu condannato alla stessa pena. Sono due esempi paradigmatici di non ascolto (cfr. Numeri cc.14 e 20)
Numeri 14: “Allora tutta la comunità alzò la voce e diede in alte grida; il popolo pianse tutta quella notte. Tutti gli Israeliti mormoravano contro Mosè e contro Aronne e tutta la comunità disse loro: Oh! fossimo morti nel paese d'Egitto o fossimo morti in questo deserto! E perché il Signore ci conduce in quel paese per cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri bambini saranno preda. Non sarebbe meglio per noi tornare in Egitto? Si dissero l'un l'altro: Diamoci un capo e torniamo in Egitto. Allora Mosè e Aronne si prostrarono a terra dinanzi a tutta la comunità riunita degli Israeliti. Giosuè figlio di Nun e Caleb figlio di Iefunne, che erano fra coloro che avevano esplorato il paese, si stracciarono le vesti e parlarono così a tutta la comunità degli Israeliti: Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese molto buono. Se il Signore ci è favorevole, ci introdurrà in quel paese e ce lo darà: è un paese dove scorre latte e miele. Soltanto, non vi ribellate al Signore e non abbiate paura del popolo del paese; è pane per noi e la loro difesa li ha abbandonati mentre il Signore è con noi; non ne abbiate paura.
Allora tutta la comunità parlò di lapidarli; ma la Gloria del Signore apparve sulla tenda del convegno a tutti gli Israeliti. Il Signore disse a Mosè: Fino a quando mi disprezzerà questo popolo? E fino a quando non avranno fede in me, dopo tutti i miracoli che ho fatti in mezzo a loro? Io lo colpirò con la peste e lo distruggerò, ma farò di te una nazione più grande e più potente di esso. Mosè disse al Signore: Ma gli Egiziani hanno saputo che tu hai fatto uscire questo popolo con la tua potenza e lo hanno detto agli abitanti di questo paese. Essi hanno udito che tu, Signore, sei in mezzo a questo popolo, e ti mostri loro faccia a faccia, che la tua nube si ferma sopra di loro e che cammini davanti a loro di giorno in una colonna di nube e di notte in una colonna di fuoco. Ora se fai perire questo popolo come un solo uomo, le nazioni che hanno udito la tua fama, diranno: Siccome il Signore non è stato in grado di far entrare questo popolo nel paese che aveva giurato di dargli, li ha ammazzati nel deserto. Ora si mostri grande la potenza del mio Signore, perché tu hai detto:
Il Signore è lento all'ira e grande in bontà, perdona la colpa e la ribellione, ma non lascia senza punizione; castiga la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione. Perdona l'iniquità di questo popolo, secondo la grandezza della tua bontà, così come hai perdonato a questo popolo dall'Egitto fin qui.
Il Signore disse: Io perdono come tu hai chiesto; ma, per la mia vita, com'è vero che tutta la terra sarà piena della gloria del Signore, tutti quegli uomini che hanno visto la mia gloria e i prodigi compiuti da me in Egitto e nel deserto e tuttavia mi hanno messo alla prova già dieci volte e non hanno obbedito alla mia voce, certo non vedranno il paese che ho giurato di dare ai loro padri. Nessuno di quelli che mi hanno disprezzato lo vedrà; ma il mio servo Caleb che è stato animato da un altro spirito e mi ha seguito fedelmente io lo introdurrò nel paese dove è andato; la sua stirpe lo possiederà. Gli Amaleciti e i Cananei abitano nella valle; domani tornate indietro, incamminatevi verso il deserto, per la via del Mare Rosso.
Il Signore disse ancora a Mosè e ad Aronne: Fino a quando sopporterò io questa comunità malvagia che mormora contro di me? Io ho udito le lamentele degli Israeliti contro di me. Riferisci loro: Per la mia vita, dice il Signore, io vi farò quello che ho sentito dire da voi. I vostri cadaveri cadranno in questo deserto. Nessuno di voi, di quanti siete stati registrati dall'età di venti anni in su e avete mormorato contro di me, potrà entrare nel paese nel quale ho giurato di farvi abitare, se non Caleb, figlio di Iefunne, e Giosuè figlio di Nun. I vostri bambini, dei quali avete detto che sarebbero diventati una preda di guerra, quelli ve li farò entrare; essi conosceranno il paese che voi avete disprezzato. Ma i vostri cadaveri cadranno in questo deserto. I vostri figli saranno nòmadi nel deserto per quarant'anni e porteranno il peso delle vostre infedeltà, finché i vostri cadaveri siano tutti quanti nel deserto. Secondo il numero dei giorni che avete impiegato per esplorare il paese, quaranta giorni, sconterete le vostre iniquità per quarant'anni, un anno per ogni giorno e conoscerete la mia ostilità. Io, il Signore, ho parlato. Così agirò con tutta questa comunità malvagia che si è riunita contro di me: in questo deserto saranno annientati e qui moriranno.
Gli uomini che Mosè aveva mandati a esplorare il paese e che, tornati, avevano fatto mormorare tutta la comunità contro di lui diffondendo il discredito sul paese, quegli uomini che avevano propagato cattive voci su quel paese, morirono colpiti da un flagello, davanti al Signore. Ma di quelli che erano andati a esplorare il paese rimasero vivi Giosuè, figlio di Nun, e Caleb, figlio di Iefunne. Mosè riferì quelle parole a tutti gli Israeliti; il popolo ne fu molto turbato. La mattina si alzarono presto per salire verso la cima del monte, dicendo: Eccoci qua; noi saliremo al luogo del quale il Signore ha detto che noi abbiamo peccato. Ma Mosè disse: Perché trasgredite l'ordine del Signore? La cosa non vi riuscirà. Poiché il Signore non è in mezzo a voi, non salite perché non siate sconfitti dai vostri nemici! Perché di fronte a voi stanno gli Amaleciti e i Cananei e voi cadrete di spada; perché avete abbandonato il Signore, il Signore non sarà con voi. Si ostinarono a salire verso la cima del monte, ma l'arca dell'alleanza del Signore e Mosè non si mossero dall'accampamento. Allora gli Amaleciti e i Cananei che abitavano su quel monte scesero, li batterono e ne fecero strage fino a Corma”.
Numeri 20: “Ora tutta la comunità degli Israeliti arrivò al deserto di Sin il primo mese e il popolo si fermò a Kades. Qui morì e fu sepolta Maria. Mancava l'acqua per la comunità: ci fu un assembramento contro Mosè e contro Aronne. Il popolo ebbe una lite con Mosè, dicendo: Magari fossimo morti quando morirono i nostri fratelli davanti al Signore! Perché avete condotto la comunità del Signore in questo deserto per far morire noi e il nostro bestiame? E perché ci avete fatti uscire dall'Egitto per condurci in questo luogo inospitale? Non è un luogo dove si possa seminare, non ci sono fichi, non vigne, non melograni e non c'è acqua da bere.
Allora Mosè e Aronne si allontanarono dalla comunità per recarsi all'ingresso della tenda del convegno; si prostrarono con la faccia a terra e la gloria del Signore apparve loro. Il Signore disse a Mosè: Prendi il bastone e tu e tuo fratello Aronne convocate la comunità e alla loro presenza parlate a quella roccia, ed essa farà uscire l'acqua; tu farai sgorgare per loro l'acqua dalla roccia e darai da bere alla comunità e al suo bestiame.
Mosè dunque prese il bastone che era davanti al Signore, come il Signore gli aveva ordinato. Mosè e Aronne convocarono la comunità davanti alla roccia e Mosè disse loro: Ascoltate, o ribelli: vi faremo noi forse uscire acqua da questa roccia? Mosè alzò la mano, percosse la roccia con il bastone due volte e ne uscì acqua in abbondanza; ne bevvero la comunità e tutto il bestiame.
Ma il Signore disse a Mosè e ad Aronne: Poiché non avete avuto fiducia in me per dar gloria al mio santo nome agli occhi degli Israeliti, voi non introdurrete questa comunità nel paese che io le dò.
Queste sono le acque di Mèriba, dove gli Israeliti contesero con il Signore e dove Egli si dimostrò santo in mezzo a loro. Mosè mandò da Kades messaggeri al re di Edom per dirgli: Dice Israele tuo fratello: Tu sai tutte le tribolazioni che ci sono avvenute: come i nostri padri scesero in Egitto e noi in Egitto dimorammo per lungo tempo e gli Egiziani maltrattarono noi e i nostri padri. Noi gridammo al Signore ed egli udì la nostra voce e mandò un angelo e ci fece uscire dall'Egitto; eccoci ora in Kades, che è città ai tuoi estremi confini. Permettici di passare per il tuo paese; non passeremo né per campi, né per vigne e non berremo l'acqua dei pozzi; seguiremo la via Regia, senza deviare né a destra né a sinistra, finché avremo oltrepassati i tuoi confini. Ma Edom gli rispose: Tu non passerai sul mio territorio; altrimenti uscirò contro di te con la spada. Gli Israeliti gli dissero: Passeremo per la strada maestra; se noi e il nostro bestiame berremo la tua acqua, te la pagheremo; lasciaci soltanto transitare a piedi. Ma quegli rispose: Non passerai! Edom mosse contro Israele con molta gente e con mano potente. Così Edom rifiutò a Israele il transito per i suoi confini e Israele si allontanò da lui. Tutta la comunità degli Israeliti levò l'accampamento da Kades e arrivò al monte Cor. Il Signore disse a Mosè e ad Aronne al monte Cor, sui confini del paese di Edom: Aronne sta per essere riunito ai suoi antenati e non entrerà nel paese che ho dato agli Israeliti, perché siete stati ribelli al mio comandamento alle acque di Mèriba. Prendi Aronne e suo figlio Eleazaro e falli salire sul monte Cor. Spoglia Aronne delle sue vesti e falle indossare a suo figlio Eleazaro; in quel luogo Aronne sarà riunito ai suoi antenati e morirà. Mosè fece come il Signore aveva ordinato ed essi salirono sul monte Cor, in vista di tutta la comunità. Mosè spogliò Aronne delle sue vesti e le fece indossare a Eleazaro suo figlio; Aronne morì in quel luogo sulla cima del monte. Poi Mosè ed Eleazaro scesero dal monte. Quando tutta la comunità vide che Aronne era morto, tutta la casa d'Israele lo pianse per trenta giorni”.
Sono questi momenti drammatici del non ascolto del Signore, ma tutto il cammino dei figli di Israele nel deserto, nei lunghi quaranta anni fu drammatico, segnato sempre dal non ascolto e dalla non fede nella Parola del Signore.
Il pericolo è uno solo, lo stesso che segnala Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi:
“Non voglio infatti che ignoriate, o fratelli, che i nostri padri furono tutti sotto la nuvola, tutti attraversarono il mare, tutti furono battezzati in rapporto a Mosè nella nuvola e nel mare, tutti mangiarono lo stesso cibo spirituale, tutti bevvero la stessa bevanda spirituale: bevevano infatti da una roccia spirituale che li accompagnava, e quella roccia era il Cristo. Ma della maggior parte di loro Dio non si compiacque e perciò furono abbattuti nel deserto. Ora ciò avvenne come esempio per noi, perché non desiderassimo cose cattive, come essi le desiderarono. Non diventate idolàtri come alcuni di loro, secondo quanto sta scritto: Il popolo sedette a mangiare e a bere e poi si alzò per divertirsi. Non abbandoniamoci alla fornicazione, come vi si abbandonarono alcuni di essi e ne caddero in un solo giorno ventitremila. Non mettiamo alla prova il Signore, come fecero alcuni di essi, e caddero vittime dei serpenti. Non mormorate, come mormorarono alcuni di essi, e caddero vittime dello sterminatore. Tutte queste cose però accaddero a loro come esempio, e sono state scritte per ammonimento nostro, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi. Quindi, chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere. Nessuna tentazione vi ha finora sorpresi se non umana; infatti Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d'uscita e la forza per sopportarla. Perciò, o miei cari, fuggite l'idolatria” (Cfr. 1Cor 10 1-14).
L’idolatria è dare valore divino ai pensieri umani, alla volontà umana, ai desideri umani, ai progetti umani, ad ogni opera dell’uomo.
Si è sempre nell’idolatria quando la parola dell’uomo, la sua scienza, la sua intelligenza, la sua dottrina, la sua teologia prende il posto della Parola di Dio.
[12]Guardate perciò, fratelli, che non si trovi in nessuno di voi un cuore perverso e senza fede che si allontani dal Dio vivente.
L’ammonimento, fatto alla luce di quanto è avvenuto ai padri nel deserto, è carico di tragiche responsabilità.
Ognuno è avvisato, santamente messo in guarda da ogni forma di idolatria.
Ma qual è l’idolatria, quale la non fede per uno che viveva nei tempi di Cristo Gesù?
L’idolatria e la non fede è rimanere ancorati alla dottrina e alla Parola dell’Antico Testamento e non passare all’insegnamento e alla Verità del Nuovo.
È idolatria, è non fede restare ancorati alla Legge di Mosè, mentre ora la voce di Dio, la voce che parla oggi, ci annunzia la grazia e la verità per mezzo di Gesù Cristo.
In fondo si chiede di fare il passaggio che il Vangelo secondo Giovanni esprime chiaramente nel Prologo (cfr. Gv 1,1-18):
“In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Egli era in principio presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno accolta. Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe. Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto. A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza e grida: Ecco l'uomo di cui io dissi: Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me. Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia. Perché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo. Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato”.
Chiunque non fa questo passaggio dalla Legge alla Grazia e alla Verità che Dio ci ha donato per mezzo di Gesù Cristo, vive da idolatra, rimane con un cuore perverso, resta senza la vera fede. Il suo è un cuore che si allontana da Dio.
Perché questo cuore è perverso? È perverso perché giudica l’agire del Signore. È perverso perché è lui che decide ciò che è buono da ciò che è cattivo, ciò che è verità da ciò che non lo è, ciò che è Parola di Dio da ciò che non è parola di Dio; ciò che bisogna accogliere da ciò che non bisogna accogliere, ciò che si deve vivere da ciò che non è opportuno, giusto che si viva.
Questo cuore è perverso perché è idolatra ed è idolatra chiunque rimane fuori della Parola di Gesù, fuori della sua Grazia e della sua Verità, fuori del suo Vangelo, semplicemente fuori di Cristo. Essere lontani dal Dio vivente equivale ora ad essere lontani dal Cristo vivente.
Tutti devono mettere ogni attenzione, ogni vigilanza a non allontanarsi da Cristo Gesù. È Lui ora l’apostolo e il sommo sacerdote della fede e quindi della Parola e della Verità del Padre.
[13]Esortatevi piuttosto a vicenda ogni giorno, finché dura quest'oggi, perché nessuno di voi si indurisca sedotto dal peccato.
L’oggi che dura è il tempo della misericordia di Dio, il tempo del suo amore, il tempo del dono della sua Parola, della sua Grazia, della sua Verità. L’oggi è il tempo della compassione di Cristo, che va alla ricerca della pecorella smarrita.
La domanda da porre al nostro spirito è una sola: quanto dura quest’oggi?
La Scrittura, sia nel Nuovo che nell’Antico Testamento, insegna che Dio è ricco di pietà e di misericordia, ma anche che è lento all’ira. Ci insegna che c’è un limite non superabile dall’uomo nel peccato.
Il Nuovo Testamento pone questo limite nel peccato contro lo Spirito Santo, che non è solo il combattimento contro la verità di Dio e di Cristo, ma anche la presunzione di salvarsi senza merito, senza cioè accogliere la Parola di Cristo e vivere secondo ogni suo insegnamento.
Quest’oggi dura finché l’uomo non si indurisce sotto il suo peccato, finché il suo cuore non sarà divenuto tutto di pietra, di bronzo, di ferro.
È questo il momento del non ritorno.
Nessuno deve tentare il Signore, sfidare la sua misericordia, abusare della sua grazia, restando senza fede e camminando di peccato in peccato, lontano dalla verità e dalla grazia di Cristo.
Pur non conoscendo il mistero del dono della grazia e della verità di Dio per ogni singolo cuore, dobbiamo però confessare una verità con timore e con tremore. La verità è questa: il tempo della misericordia può finire, finisce.
Sapendo questo, comprendiamo il significato del versetto (13) che stiamo trattando: bisogna che ognuno si faccia carico dell’anima di suo fratello e con ogni esortazione lo convinca dell’urgenza di rimanere ancorato in Cristo Gesù e nella Nuova Via da Lui istituita per attraversare il deserto della vita fino al raggiungimento del Cielo.
Questa opera di amore, di carità, di compassione, che si fa aiuto vicendevole, sostegno reciproco, non deve essere fatta una volta e poi basta; deve essere opera quotidiana, giornaliera.
Ogni giorno ci si deve esortare alla fede, alla fedeltà, all’ascolto, alla messa in pratica della Parola di Gesù.
Più si cresce nella fede e più grande è la certezza di rimanere ancorati in essa, lontani da ogni peccato.
Per questo è urgente l’opera di tutti verso tutti. È questo il vero stile della comunità del Signore. Non uno verso tutti. Non ce la farebbe. Ma tutti verso tutti.
Qual è il fine di questa universale e quotidiana reciproca esortazione? Quello di far sì che nessuno cada nel peccato dell’idolatria e nessuno in questo peccato indurisca il suo cuore, fino al punto del non ritorno.
È questa una regola divina. È la vera regola che deve regnare in ogni comunità cristiana. Ognuno è chiamato a farsi carico della vita spirituale dei suoi fratelli. Le modalità devono essere quelle della discrezione, della dolcezza, della grande carità, del silenzio, della preghiera, del saggio consiglio, della prudenza, della circospezione nel fare l’esortazione, nella grande umiltà di chi vuole solo il bene dell’altro e per questo sta lontano da ogni superbia, vanagloria, arroganza, presunzione, fariseismo e peccati del genere.
Le forme potrebbero essere quelle indicate da San Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi, Inno della carità (c. 13) e nella Lettera ai Romani, il vero culto spirituale (c. 12).
Queste regole vengono riportate per ottenere una convinzione immediata sulla loro grande opportunità, in modo che il nostro amore non vada perduto e l’altro si indurisca sotto il peso del peccato a causa della nostra poca accortezza in amore e in carità.
Prima lettera ai Corinzi (13,1-13): “Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova. La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell'ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno; il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà. La nostra conoscenza è imperfetta e imperfetta la nostra profezia. Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. Quand'ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto uomo, ciò che era da bambino l'ho abbandonato. Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch'io sono conosciuto. Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità!”
Lettera ai Romani (12,1-21): “Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spirituale. Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto. Per la grazia che mi è stata concessa, io dico a ciascuno di voi: non valutatevi più di quanto è conveniente valutarsi, ma valutatevi in maniera da avere di voi una giusta valutazione, ciascuno secondo la misura di fede che Dio gli ha dato. Poiché, come in un solo corpo abbiamo molte membra e queste membra non hanno tutte la medesima funzione, così anche noi, pur essendo molti, siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri. Abbiamo pertanto doni diversi secondo la grazia data a ciascuno di noi. Chi ha il dono della profezia la eserciti secondo la misura della fede; chi ha un ministero attenda al ministero; chi l'insegnamento, all'insegnamento; chi l'esortazione, all'esortazione. Chi dá, lo faccia con semplicità; chi presiede, lo faccia con diligenza; chi fa opere di misericordia, le compia con gioia. La carità non abbia finzioni: fuggite il male con orrore, attaccatevi al bene; amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda.
Non siate pigri nello zelo; siate invece ferventi nello spirito, servite il Signore. Siate lieti nella speranza, forti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, solleciti per le necessità dei fratelli, premurosi nell'ospitalità. Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono nella gioia, piangete con quelli che sono nel pianto. Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri; non aspirate a cose troppo alte, piegatevi invece a quelle umili. Non fatevi un'idea troppo alta di voi stessi. Non rendete a nessuno male per male. Cercate di compiere il bene davanti a tutti gli uomini. Se possibile, per quanto questo dipende da voi, vivete in pace con tutti. Non fatevi giustizia da voi stessi, carissimi, ma lasciate fare all'ira divina. Sta scritto infatti: A me la vendetta, sono io che ricambierò, dice il Signore. Al contrario, se il tuo nemico ha fame, dagli da mangiare; se ha sete, dagli da bere: facendo questo, infatti, ammasserai carboni ardenti sopra il suo capo. Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male”.
Seguendo queste regole di amore, l’esortazione di sicuro produrrà frutti di vera crescita nella fede e di autentico sostegno nel cammino nella Parola di Gesù.
[14]Siamo diventati infatti partecipi di Cristo, a condizione di mantenere salda sino alla fine la fiducia che abbiamo avuta da principio.
La fede cristiana vive di due momenti essenziali, di cui l’uno non può esistere senza l’altro.
Questi due momenti sono: la nuova realtà che viene generata dalla fede; il cammino nella fede perché la nuova realtà generata dalla fede porti frutti.
Quando un uomo, una donna, un bambino, un adulto credono alla Parola che viene loro annunziata e si lasciano battezzare, loro acquisiscono una nuova realtà.
Questa realtà è chiamata in modi diversi, che indicano però una cosa sola: il dono che Dio ha fatto di sé a colui che ha creduto e che lo ha trasformato nella natura.
L’Autore chiama questa nuova realtà: “partecipi di Cristo”. San Pietro dice la stessa cosa : “partecipi della divina natura”.
Cristo è diventato parte di noi e noi parte di Cristo. San Paolo dice tutto questo con un'altra parola: “Corpo di Cristo”. Il cristiano è corpo di Cristo. Cristo è il Capo, noi siamo le membra.
San Giovanni nel suo Vangelo, parla di “vite e di tralci”. Cristo è la vite, noi siamo i tralci. Traiamo la linfa vitale da Lui e per Lui produciamo.
Questa nuova realtà ci è data però a modo di seme. Come il seme viene affidato alla terra perché lo faccia germogliare e produrre, fino alla completa maturazione del frutto, così è la nuova realtà che Dio, Cristo, lo Spirito Santo creano in noi.
Essa viene seminata nel nostro cuore, nella nostra vita, nella nostra natura. Dal momento in cui viene seminata, fino all’ultimo giorno della nostra esistenza sulla terra essa ci viene affidata perché noi la facciamo crescere e fruttificare.
Qual è la via giusta, l’unica via che ci consente di fare questo?
La risposta dell’Autore è assai esplicita e semplice allo stesso tempo: a condizione di mantenere salda sino alla fine la fiducia che abbiamo avuta da principio.
Qual è la fiducia che abbiamo avuto fin da principio? È senz’altro la fede risposta nella Parola.
A noi è stata annunziata la Parola di Gesù. In questa Parola abbiamo creduto. In questa Parola ci siamo lasciati battezzare. Per questa Parola creduta siamo divenuti partecipi di Cristo.
Se usciamo dalla Parola, usciamo da Cristo, non siamo più partecipi di Lui, perché cadiamo nella morte e chi è nella morte è privo sia della vita che della grazia di Gesù Signore.
Realizza la nuova realtà, la porta a compimento solo colui che persevera nella Parola.
Ritornando all’argomento della Lettera: qual è la Parola che dobbiamo osservare?
La risposta è una sola: quella di Cristo Gesù. Ora la via della vita è nella Parola di Gesù. Chi non mantiene fede alla Parola di Gesù, esce dalla via della vita e ritorna in una via di morte, senza alcuna possibilità di salvezza, di redenzione di vita eterna.
Chi separa i due momenti non ha Cristo. Chi non compie i due momenti non ha Cristo. Chi sceglie solo il primo momento non ha Cristo.
Cristo è all’inizio, durante e dopo, sempre. È prima, durante, dopo se è nella Parola. Cristo e Parola non si possono separare, come non si possono separare Dio e Parola.
La Parola di Dio è la Parola di Cristo Gesù. Non ha la Parola di Dio chi si distacca dalla Parola di Cristo Gesù.
Ricordiamoci l’inizio della Lettera: prima Dio ha parlato per mezzo dei Profeti. Ora ci parla per mezzo del Figlio.
Il Figlio è ora, in quest’oggi, la Parola di Dio. È questa la verità che dona salvezza. Su questa verità bisogna mantenere salda la fiducia che si ha avuta fin da principio.
Avere un solo dubbio sulla verità di Cristo significa non avere più fiducia e senza più fiducia non si è più partecipi di Cristo.
[15]Quando pertanto si dice: Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori come nel giorno della ribellione, [16]chi furono quelli che, dopo aver udita la sua voce, si ribellarono? Non furono tutti quelli che erano usciti dall'Egitto sotto la guida di Mosè? [17]E chi furono coloro di cui si è disgustato per quarant'anni? Non furono quelli che avevano peccato e poi caddero cadaveri nel deserto? [18]E a chi giurò che non sarebbero entrati nel suo riposo, se non a quelli che non avevano creduto?
In questi versetti viene illustrato, attraverso il riferimento esplicito all’Antico Testamento, quanto affermato circa il legame inscindibile, di vita, tra le due realtà: il prima e il dopo.
L’Autore vede un rischio latente nella comunità degli Ebrei, tra quanti cioè erano venuti alla fede in Cristo dal Giudaismo.
Il rischio è questo: abbandonare la Parola di Gesù per ritornare alla vecchia fede, o alle vecchie credenze.
Questo rischio si vince, o si supera mantenendo la fiducia accordata da principio alla Parola.
Perché questa fiducia venga accordata sempre, l’Autore dona un aiuto leggendo la storia passata, dalla quale si evince che non c’è salvezza senza perseveranza nell’ascolto.
Chi non entrò nella Terra Promessa? Tutti coloro che, usciti dall’Egitto, non prestarono più fede alla Parola di Dio.
A che cosa ci si ribella, se non alla Parola che Dio faceva udire “oggi” per mezzo di Mosè?
Ma chi è uscito dall’Egitto se non chi aveva prestato fede alla Parola di Dio?
La Parola di Dio aveva condotto fuori dall’Egitto. La stessa Parola avrebbe dovuto introdurli nella Terra Promessa.
La Parola che libera dall’Egitto è detta “oggi”, nel giorno della liberazione. Ma anche la Parola che introduce nella Terra Promessa è detta “oggi”, nel giorno del nuovo cammino.
Una volta che c’è una ribellione nella Parola detta “oggi”, c’è anche una interruzione nel cammino, che potrebbe essere momentanea, se si ritorna nella fede e quindi nell’ascolto di ciò che è stato proferito, oppure il cammino si perde per sempre e non si entra nella “terra”.
La verità che l’Autore ci insegna è questa: nessuno compie l’opera della liberazione che è stata generata dalla Parola se non persevera nell’ascolto della Parola sino alla fine.
È valso per quanti sono usciti dall’Egitto, vale per quanti sono stati resi partecipi di Cristo.
La conclusione è duplice: ognuno si può escludere da sé dal cammino della vita, decidendo di mettersi fuori della Parola per sempre.
Ma c’è l’altra verità: Dio potrebbe decidere di escludere qualcuno a motivo del suo peccato.
Lo si è già detto: ognuno stia attento a non arrivare al punto del non ritorno nella grazia. Questo punto è il peccato contro lo Spirito Santo.
Questo peccato esclude dalla vita eterna già su questa terra. Uno non deve attendere il momento della morte per essere nella morte eterna; nella morte eterna si è già in vita. Si vive, ma è come se fossimo già morti e questo a motivo dell’esclusione che Dio ha sanzionato per noi.
Mistero tremendo! Mistero vero! Mistero della volontà dell’uomo e della sua responsabilità eterna!
[19]In realtà vediamo che non vi poterono entrare a causa della loro mancanza di fede.
In questo versetto è detto in modo chiaro, esplicito, senza alcuna possibilità di fraintendimento che la non entrata nella Terra Promessa avvenne per la loro mancanza di fede.
Il concetto è già stato precisato. Si tratta ora di puntualizzarlo in vista della verità che l’Autore ci vuole insegnare.
Chiediamoci: qual è la verità che sta molto a cuore all’Autore e che in ogni modo sta cercando di mettere in evidenza?
Essa può essere così sistematicizzata, o presentata:
Dio non ha parlato ai Padri una volta sola e basta. Dio parlava ai Padri. La Parola di Dio quotidianamente scendeva dal Cielo.
Se vogliamo fare un paragone, essa può essere paragonata alla manna. Come la manna cadeva ogni giorno, così cade ogni giorno la Parola di Dio dal Cielo.
Come i figli di Israele raccoglievano la manna, così avrebbero dovuto raccogliere la Parola, per nutrirsi della vita divina e poter proseguire il viaggio fino al raggiungimento della vera Terra Promessa, che è il Paradiso.
Dio parla, non ha semplicemente parlato: è questa la verità dell’Autore.
A Dio che parla si risponde con la fede. Dio parla oggi. Oggi bisogna porre tutta la nostra fede nella sua Parola. Se questo non avviene e si rimane nella non fede, la vera Terra Promessa non si raggiunge.
Senza la Parola di Dio siamo privi della sua vita divina in noi e ogni forza ci manca per continuare il viaggio verso la vita eterna.
In questo dono della Parola, Cristo Gesù occupa il primo posto, più che Mosè, più che gli Angeli, più che ogni altro profeta dell’Antico Testamento.
Gesù è il Figlio del Padre che ci porta la Parola ultima, definitiva del Padre, ci dona la sua volontà di salvezza e di redenzione, ci indica il sentiero per il raggiungimento della vita eterna.
Chi non crede che Cristo è l’apostolo e il sommo sacerdote della Parola di Dio cade dalla fede, viene a trovarsi privo della Parola della vita.
È senza vita, perché è senza la Parola di Dio. Essendo senza vita, è già nella morte. È in tutto simile ai suoi padri che sono morti nel deserto a causa della loro non fede nella Parola che Dio quotidianamente faceva giungere loro per mezzo del suo servo Mosè.
Non è sufficiente aver accolto un tempo la Parola, nella Parola bisogna perseverare sino alla fine dei nostri giorni. La vita è nella Parola. Dio la dona, l’uomo la raccoglie, la mangia, vive per essa.
Poiché la vita dell’uomo è dalla Parola ed è nella Parola, c’è un’altra verità che bisogna mettere in evidenza, in risalto, sul candelabro.
Noi che crediamo nella Parola abbiamo l’altro grave obbligo di camminare nella Parola verso la verità tutta intera, verità che la Parola contiene, che però solo lo Spirito Santo può rendere chiara ed esplicita alla nostra mente e al nostro cuore.
Come incorreva nella morte chi uscito dall’Egitto smetteva di ascoltare la Parola di Dio, così incorre nella morte, non fa un buon cammino spirituale, anzi non lo fa affatto, anche chi quotidianamente non si lascia condurre dallo Spirito Santo verso la verità tutta intera.
La Chiesa vive se ascolta lo Spirito Santo. Questa è la sua verità, questa deve essere la nostra verità, perché Chiesa è ognuno di noi chiamato a lasciarsi condurre dallo Spirito verso la verità tutta intera per entrare in possesso della vita eterna, oggi e nell’eternità beata.
La conclusione non può essere che una sola: è nella morte chi non ascolta la Parola che Dio fa risuonare oggi per mezzo di Cristo; è nella morte chi non cammina verso la verità tutta intera cui oggi conduce lo Spirito del Signore.
Chi vuole la vita deve camminare nell’oggi di Cristo e nell’oggi dello Spirito Santo.
Proviamo ora a leggere le parole iniziali del capitolo, di sicuro le comprenderemo assai meglio:
“Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori come nel giorno della ribellione, il giorno della tentazione nel deserto, dove mi tentarono i vostri padri mettendomi alla prova, pur avendo visto per quarant'anni le mie opere. Perciò mi disgustai di quella generazione e dissi: Sempre hanno il cuore sviato. Non hanno conosciuto le mie vie. Così ho giurato nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo”.
Il Signore ci conceda di ascoltare sempre la voce dello Spirito Santo che parla alla nostra intelligenza, al nostro cuore, alla nostra volontà per condurci alla verità tutta intera oggi, domani, sempre, per tutti i giorni della nostra vita.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:54 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Fratelli santi. I cristiani sono fratelli santi perché santificati dal sangue di Cristo Gesù, dal suo sacrificio, dalla sua obbedienza. Sono santi perché resi partecipi della santità di Dio in Cristo Gesù, con il quale formano un solo corpo, una sola vita, ma anche una sola santità, a condizione che rimangano sempre nell’obbedienza alla parola di vita contenuta nel Vangelo. La santità battesimale deve divenire santità obbedienziale, compimento perfetto di ogni Parola del Vangelo. È questo il cammino del cristiano e deve compierlo fino all’ultimo giorno della sua vita. Niente di ciò che è Vangelo deve essere tralasciato da lui. Tutto invece deve essere operato per una crescita in santità sempre più grande, sempre più carica di frutti di vera fede, carità e speranza.
Vocazione celeste. La vocazione è celeste perché viene dal Cielo, da Dio. Ma anche perché ci chiama al Cielo, a Dio. Non è l’uomo che si dona la vocazione. Se è l’uomo a donarsi la vocazione, questa non è vocazione. La vocazione può venire solo dal Signore. Solo Lui può stabilire di una vita perché ogni vita è sua. Se Lui è il solo Signore di ogni vita ciò significa che ogni vita gli appartiene, è sua e Lui può fare ciò che vuole e per questo chiama. Il cristiano è chiamato dal cielo per andare al cielo. Questa la sua vocazione primaria. Le altre vocazioni sono tutte in funzione di questa e senza questa le altre vocazioni sono senza finalità.
Gesù apostolo e sommo sacerdote della fede. Gesù è apostolo della fede perché Lui è la Parola della Fede e l’Annunciatore di essa. Lui è disceso dal Cielo per rivelarci tutta la volontà del Padre, ma anche per insegnarci come concretamente si obbedisce al Padre. Della fede è anche sommo sacerdote perché è proprio del sacerdote formare il popolo del Signore nella conoscenza della Parola di Dio. Cristo è la Parola del Padre, dona la Parola, sulla Parola ammaestra, la Parola insegna, spiega, annunzia, dona, predica. Il sacerdote è l’uomo della Parola e non soltanto della grazia. È l’uomo della grazia e della verità. È l’uomo della fede. Lui è insieme fede e via della fede. È Lui la Parola della fede e dona se stesso come unica Parola della fede, per ogni uomo di ogni tempo e luogo. Chi non crede in Lui, rimane escluso in eterno dalla fede. Chi abbandona Lui, abbandona semplicemente la via della salvezza. Altre vie non esistono. Altre vie sono state costituite dagli uomini, ma non da Dio. Dio ha costituito quest’unica e sola via.
L’uomo si comprende comprendendo Cristo. Cristo è l’Uomo vero. La verità dell’uomo è Lui. Chi vuole conoscere secondo verità chi è l’uomo, deve necessariamente conoscere Cristo. Chi conosce Cristo secondo verità, conosce se stesso secondo verità. Chi non conosce Cristo neanche si conosce. Ogni conoscenza che lui produce di se stesso è una conoscenza o incompleta, o erronea, o falsa, o ambigua, o semplicemente nulla. Questa verità ci dice quanto sia urgente dare Cristo al mondo intero affinché ogni uomo possa conoscere se stesso, conoscendo il mistero di Gesù Signore. Questa verità ci insegna anche che a nulla serve dare la grazia se si omette di dare la retta, santa, giusta conoscenza di Gesù Signore. Il mistero dell’uomo è tutto racchiuso nel mistero di Cristo. È il mistero di Cristo che ogni uomo è chiamato a realizzare, se vuole realizzare se stesso secondo verità.
La comprensione della verità è dalla crescita in grazia. Ogni vera comprensione del mistero di Cristo, della sua verità è per dono dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo opera nello stato di grazia dell’uomo. Più l’uomo cresce in grazia, più si eleva in santità, più dona spazio allo Spirito del Signore perché lo faccia crescere nella conoscenza del mistero di Cristo Gesù. Ogni peccato, ogni vizio, anche il più piccolo, ogni imperfezione limita l’azione dello Spirito Santo e Questi non può operare secondo l’immensità divina della sua azione. Ogni peccato, ogni vizio, ogni imperfezione diviene nell’uomo un ostacolo affinché possa consegnarsi interamente allo Spirito del Signore che deve formare Cristo e la sua verità in lui.
Il problema cristologico si fa teologico: è Dio che costituisce. La questione è stata già accennata. Chi è fonte di tutto è Dio Padre. Chi opera tutto è Dio Padre. Chi vuole tutto è Dio Padre. Cristo Gesù è dal Padre. È dal Padre nell’eternità ed è dal Padre nel tempo; è dal Padre nel suo essere divino ed anche nella sua missione terrena. Se è dal Padre, tutto diviene e si fa questione teologica. Non c’è Dio e poi Cristo che si dice inviato di Dio. È Dio stesso che “dice” il Suo Figlio. Lo “dice” nell’eternità, generandolo; lo “dice” nel tempo, indicandolo come il Suo Messia, il Figlio Suo Diletto, Colui nel quale Egli si è compiaciuto. La nostra fede non è quindi in Cristo, è nel Padre che ci dona Cristo. Chi non crede in Cristo, non crede semplicemente in Dio che ci dona Cristo, che costituisce Cristo proclamandolo suo Figlio diletto.
Il sacerdote: insegnante prima, offerente dopo. Tutto nella nostra fede è finalizzato al compimento della volontà del Padre. È il compimento della volontà del Padre la nostra salvezza. È il compimento della volontà del Padre la vera adorazione, la vera glorificazione di Dio. Il Sacerdote è il ministro della Parola. In quanto ministro della Parola è anche ministro della grazia. Diviene ministro della grazia, producendo un frutto di grazia vivendo tutta la Parola. Cristo Gesù ci ha salvato per aver vissuto tutta la volontà del Padre. La grazia che ci dona salvezza è il suo perfetto compimento della volontà del Padre. La grazia è il frutto dell’obbedienza. L’obbedienza è la vita secondo la Parola. Il sacerdote dona la Parola, vive la Parola, insegna la Parola, si fa ministro di grazia per il mondo intero. Si dona come frutto di grazia per i suoi fratelli. Non vedere la grazia come il frutto dell’obbedienza e l’obbedienza come la vita secondo la Parola è il più grande oscuramento della nostra fede.
Fedele e uomo di fiducia. Gesù è fedele al Padre perché compie in ogni cosa solo la volontà del Padre. È l’uomo di fiducia di tutta la casa di Dio, perché a Lui il Signore Dio gli ha affidato l’opera della salvezza. Lui è il testimone fedele del Padre: è fedele nell’obbedienza; è fedele nel servizio; è fedele nella custodia della casa della salvezza del Padre. In Lui il Padre si compiace, perché egli agisce in tutto secondo la Sua Volontà.
Mosè servo. Cristo Signore, Servo e Costruttore. Per rapporto a Dio, Mosè è servo nella Casa del Padre. Cristo Signore invece è Servo e Costruttore. È Lui l’Autore della Casa della salvezza, ma anche Colui che serve questa Casa compiendo la salvezza a beneficio del mondo intero. Mosè è in funzione di Cristo. Egli è servo in vista di Cristo. Fermarsi a Mosè e non passare a Cristo, è fermarsi a colui che vive tutto in funzione di Cristo, che opera in vista di Cristo, il solo cui il Signore Dio ha affidato la Costruzione della Casa della salvezza del mondo. Fermarsi a Mosè è rimanere fuori di questa Casa di salvezza. Mosè è l’Antico Testamento, è la Legge. L’Antico Testamento non è la Casa della Salvezza di Dio. L’Antico Testamento guarda a Cristo e lo attende come il suo vero compimento, la sua vera perfezione.
Dio costruttore di tutto. L’asse della coscienza si sposta da Cristo a Dio. Mosè è stato costituito da Dio. Anche Cristo è stato costituito da Dio. L’uno però è servo, mentre Cristo è Figlio e Autore della Salvezza, costruttore della Casa della salvezza di Dio. Chi vuole conoscere Cristo secondo verità, deve partire da ciò che Dio ha fatto di Lui. Ciò che Dio ha fatto di Lui è tutto scritto nell’Antico Testamento. Tutto l’Antico Testamento parla di Cristo, annunzia Cristo, vede Cristo. L'Antico Testamento non è di Cristo, è del Padre, è di Dio. Se Cristo è il vero frutto di Dio, chi non riconosce questo vero frutto, non riconosce neanche l’Autore del frutto. La verità di Dio conduce alla verità di Cristo, la verità di Cristo necessariamente deve portare alla verità di Dio. Chi non riconosce Cristo, non riconosce l’Autore di Cristo. Il suo Dio non è il vero Dio, perché il vero Dio è l’Autore di Cristo, è il Padre di Cristo, è colui che ha costituito Cristo e lo ha inviato nel mondo. Cristo è dal Padre sempre nel cielo e sulla terra, nell’essere e nella missione.
Relazione tra mistero, verità, volontà, intelligenza. Il mistero viene rivelato, annunziato, proclamato, predicato. Il mistero è portatore di una verità eterna che riguarda direttamente Dio e l’uomo, fatto ad immagine e a somiglianza del suo Dio e Signore. La verità è affidata all’intelligenza perché ne penetri la profondità, l’altezza e la larghezza, per quanto è consentito ad una creatura. L’intelligenza affida la verità compresa alla volontà perché la realizzi nella propria vita, faccia della verità conosciuta la propria esistenza . È questo un processo che deve durare per tutta la vita. Mai deve essere interrotto. Chi lo interrompe, interrompe la vita di se stesso e del mondo intero.
Metodologia: dalla Scrittura a Cristo. La Scrittura Antica invita a guardare oltre se stessa. La Scrittura Antica non è fine a se stessa. Essa è tutta finalizzata, orientata al dono di Cristo. Chi la legge con spirito di libertà, di sicuro troverà in essa Cristo, a Cristo passerà. Se la Scrittura Antica dona Cristo, non passare a Cristo sarebbe la più grande forma di tradimento di essa. La si dichiarerebbe semplicemente falsa. Tutti coloro che si fermano all’Antico Testamento senza passare a Cristo, non si fermano al Dio che esso contiene, al vero Dio che indica Cristo e ce lo dona. Tutti costoro sono falsi lettori di esso. Cristo è il fine della Scrittura Antica. Privare un’opera del suo fine, è dichiararla semplicemente inutile, vana, sterile, inoperosa. Questa Scrittura semplicemente non serve.
Cristo Figlio nella Casa. La Casa siamo noi. Viene ribadita la differenza tra Cristo e Mosè in ordine alla Casa di Dio. Cristo è il Figlio, Mosè è il servo. Mosè indica Cristo, guarda a Cristo, prepara la strada a Cristo. Anche Lui attende la salvezza dal Figlio, anche Lui è servo di quella Casa nella quale Cristo solo è il Figlio del Padre. La Casa di Dio siamo noi. La Casa di Dio sono tutti coloro che attraverso la fede si aprono a Cristo e vivono secondo la sua Parola. In questa Casa si entra per la fede in Cristo, si rimane per la fede in Cristo, si progredisce per la fede in Cristo.
Conservare la speranza e la libertà. Si è nella Casa di Cristo se si conserva la speranza e la libertà. La speranza riguarda la salvezza piena che Cristo ci ha portato e che si compirà per noi in Paradiso. La libertà invece è la fede piena nella sua Parola. Senza la Parola di Cristo accolta e vissuta non c’è né speranza e né libertà. Si conserva la speranza e la libertà mantenendo ferma la nostra professione di fede, senza vacillare in essa.
Il cuore perverso e senza fede. Il cuore è perverso e senza fede, quando abbandona la via di Cristo e della sua Parola e si attacca all’Antica Scrittura, a Mosè. Si rinnega Cristo, per fermarsi a Colui che ci indica Cristo, ma senza il Cristo che Lui, Mosè, ci indica. Chi fa questo manifesta al mondo semplicemente che il suo cuore è perverso e senza fede.
Cosa è in verità l’idolatria? L’idolatria è: il non passaggio dalla Legge alla Grazia e alla Verità di Gesù. Il non passaggio dalla dottrina alla Parola. Essere fuori del Cristo Vivente. Ogni forma di teismo. Ogni religione che non professa la Beata Trinità e l’Incarnazione del Verbo della vita. Ogni indurimento che nasce dal peccato. Tutto questo è idolatria perché è esclusione di Cristo e della sua Parola come unica via di salvezza, di redenzione, di giustificazione, di santificazione per il mondo intero. È idolatria ogni vanità di pensiero e di opera. Anche la teologia rischia di essere opera di idolatria, se chiude se stessa nei suoi sistemi e non si apre alla perenne novità dello Spirito Santo, che guida la Chiesa verso la verità tutta intera.
Esortazione: tutti verso tutti. La fede nasce, cresce, si purifica, produce veri frutti di salvezza se essa viene portata avanti da un’azione corale. Tutti sono responsabili della fede di tutti. Se uno solo si assopisce, interrompe l’opera della sua responsabilità, il cammino della fede si arresta, si interrompe e molti ritornano nel buio, nelle tenebre, nel peccato.
Quanto dura l’oggi della grazia divina? Da parte di Dio durerà fino alla consumazione del mondo. Da parte dell’uomo finisce l’oggi della grazia nello stesso momento in cui cade nel peccato contro lo Spirito Santo. Questa verità deve essere per tutti un severo monito a non lasciare cadere invano la grazia di Dio. Chi non accoglie con prontezza la grazia del Signore, indebolisce la propria natura e questa andando di peccato in peccato, potrebbe anche giungere al peccato contro lo Spirito Santo ed è la fine della sua salvezza.
Partecipi di Cristo. È questa la più grande grazia della salvezza. Dio ci ha elevato alla grande dignità di renderci partecipi di Cristo, della sua vita, dei suoi doni, della sua verità, della sua grazia, della sua morte, della sua risurrezione, della sua eternità. Lui ci ha fatto una cosa sola in Cristo, ci ha fatto suo corpo. In Lui ci ha fatti anche suoi figli di adozione. In Lui ci dona l’eredità eterna. A causa di questa partecipazione di Cristo, la questione della santità non è più morale, ma ontologica. Siamo chiamati a divenire Cristo. Siamo Cristo. Viviamo la vita di Cristo. Cristo e noi, noi in Cristo, Cristo in noi siamo una sola vita. Non due vite, ma una sola vita. Questa sola vita deve essere santa, perché Cristo è santo.
Saldi nella fiducia dell’inizio. La fede è sempre esposta a tentazione. Ognuno è chiamato a conservare integra, pura la fiducia riposta in Cristo fin dall’inizio, quando è divenuto credente. Può conservare integra e pura questa fiducia, può essere saldo in essa, chi quotidianamente cresce nella conoscenza della verità di Cristo e si irrobustisce nella grazia. Quando vi è perdita di fiducia, quando non si è più saldi in essa, è il segno che si è caduti dalla grazia e dalla conoscenza. Si è interrotto il cammino della crescita e il vento del male sta per sradicarci dalla fonte della nostra salvezza. Chi vuole restare ancorato a Cristo, deve crescere in Cristo, nella sua grazia e nella sua verità. Questa è la legge della fede e della vita. Questa legge mai potrà essere disattesa. Chi la disattende inesorabilmente cade, si perde.
Il Figlio è la Parola di Dio. Il Figlio è la Parola ultima, definitiva di Dio in ordine alla fede e alla salvezza dell’umanità intera. Da puntualizzare: il Figlio non è Parola di salvezza accanto all’altra Parola, quella che Dio ha proferito nell’Antico Testamento, o in concomitanza con essa. Il Figlio è la Parola eterna di Dio. Dio non parla se non per indicarci il Figlio, non ci parla se non attraverso il Figlio, non ha altra parola da dirci se non il suo Figlio diletto. La conclusione non può essere che una sola: Chi esclude il Figlio, si esclude dalla Parola di Dio. Senza il Figlio, Dio per lui è muto. Senza il Figlio, chi adora Dio, adora un Dio muto. Questa è vera idolatria. La vita di Dio è nella Parola di Dio che è Cristo Gesù. Questa è la verità eterna della nostra fede.
Salva la Parola detta oggi. Oggi il Signore parla. Oggi si deve ascoltare. Si deve ascoltare oggi, perché oggi il Signore manifesta la sua volontà. Il mistero è uno. Il mistero è Dio. La Parola ci manifesta la volontà di Dio. Ci dice come il Signore vuole che ognuno di noi storicamente compia il mistero, lo realizzi nella sua vita. Il mistero da realizzare è uno. Le vie e i modi sono tanti, molti. La salvezza diviene così compimento del mistero secondo la volontà attuale di Dio sulla singola persona. Il cristiano deve per questo preparare il suo cuore, la sua mente, la sua volontà, il suo spirito ad ascoltare il Signore che parla. Raggiunge la perfetta santità chi è capace di ascoltare il Signore e di mettere in pratica ogni sua Parola, ogni manifestazione della sua volontà.
La Parola dono attuale di Dio. La verità dono attuale dello Spirito Santo. La Parola diviene così dono attuale di Dio. Dono fatto alla persona in un tempo determinato per una realizzazione della divina volontà secondo indicazioni puntuali, precise. La Parola del Signore, portatrice di una verità eterna viene resa comprensibile alla nostra intelligenza dallo Spirito Santo, che ci conduce verso la verità tutta intera. Verità tutta intera nella comprensione dell’unico mistero, ma anche verità tutta intera della Parola del Signore che nel corso della storia ci manifesta la divina volontà da attuare e da realizzare.
L’oggi di Cristo è l’oggi dello Spirito Santo. L’oggi di Cristo è l’oggi dello Spirito Santo perché è lo Spirito Santo che ci dona la comprensione sia del mistero di Dio che di ogni parola storica che ci guida verso la sua realizzazione nella vita personale di ogni singolo credente. Senza lo Spirito Santo non c’è vera comprensione e l’uomo rimane ancorato ad un passato che non è la sua vita. Perché lo Spirito ci guidi e ci conduca di verità in verità è necessario che noi lo invochiamo, ma anche che viviamo in perenne stato di grazia santificante. La santità è il cammino del credente nella perenne attualità dello Spirito del Signore.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:55 PM
CAPITOLO QUARTO

SENZA TIMORE
[1]Dobbiamo dunque temere che, mentre ancora rimane in vigore la promessa di entrare nel suo riposo, qualcuno di voi ne sia giudicato escluso.
Per l’Autore il discorso non può dirsi ancora concluso. Ritiene giusto passare dall’implicito all’esplicito, dalla trattazione indiretta al coinvolgimento diretto dei destinatari della Lettera.
C’è un timore che deve avvolgere ogni cuore ed è questo: è possibile non entrare nel riposo di Dio. È possibile venirne esclusi.
Chi? Non gli Ebrei di ieri, ma proprio quelli di oggi. Anzi proprio quelli che hanno già creduto in Cristo. Proprio costoro sono esposti alla perdizione eterna.
È giusto allora che ognuno si chieda perché regni questo grave pericolo. La risposta non può essere che una sola: finché si è su questa terra, nessuno ha raggiunto il riposo promesso da Dio.
Siamo tutti in cammino, nessuno vi è ancora arrivato, né mai potrà dirsi nel riposo di Dio chi è su questa terra.
Il riposo di Dio si raggiunge con la morte e finché si è in vita si cammina verso di esso.
Chi alla fine potrà essere giudicato non degno di entrare nel riposo di Dio? Tutti coloro che sono caduti dalla fede, che non hanno perseverato in essa.
Ma in quale fede avrebbero dovuto perseverare tutti costoro? Nell’ascolto della Parola che Dio aveva fatto risuonare loro per mezzo di Cristo Gesù, Parola dallo stesso Gesù consegnata allo Spirito perché introducesse i credenti nella pienezza della sua verità.
Cadere dalla fede è facile. È sufficiente distaccarsi da una sola Parola del Vangelo e si è già senza più fede nel cuore.
Questo rischio è sempre dinanzi ai nostri occhi. Anche la teologia e i suoi molteplici e complessi sistemi di interpretazione del mistero potrebbero essere una vera caduta dalla fede.
È caduta dalla fede perché si lascia la Parola di Dio e ci si affida a dei sistemi di comprensione che mai potranno esaurire il contenuto di verità e di sapienza che emana da essa.
Il cristiano deve vigilare perché questo mai accada. Deve porre ogni attenzione non solo a rimanere nella Parola, ma anche a crescere nella sua verità, oggi. Tutto ciò che è stato ieri, è di ieri e deve rimanere di ieri. Oggi la Parola parla al cuore; oggi lo Spirito conduce verso la verità tutta intera. Oggi è giusto che ci si lasci parlare dalla Parola; oggi è cosa santa che ci si lasci guidare dallo Spirito verso la verità tutta intera.
È questo il timore dell’Autore ed è ben fondato. Basta un niente e si è già fuori della vera fede. Chi si pone fuori della fede corre il rischio di non entrare nel riposo del Signore.
[2]Poiché anche a noi, al pari di quelli, è stata annunziata una buona novella: purtroppo però ad essi la parola udita non giovò in nulla, non essendo rimasti uniti nella fede a quelli che avevano ascoltato.
La buona novella è la nostra vocazione eterna: Dio ci chiama accanto a sé nella gloria del Cielo, rivestiti della spiritualità che rifulge ora nel corpo di Cristo.
Il Vangelo che viene annunziato è la porta, la via attraverso cui bisogna inoltrarsi per raggiungere la gloria promessa.
La verità che viene ora proclamata in questo versetto è questa: Il Vangelo si annunzia, nel Vangelo bisogna rimanere. Si rimane nel Vangelo, rimanendo uniti nella fede a quelli che lo annunziano.
Se si perde la fede nella Parola annunciata, se ci si separa da coloro che lo annunciano, cioè gli Apostoli, non si è più nel Vangelo, si è fuori della via che conduce all’eredità eterna, siamo semplicemente senza salvezza.
In altre parole: Dio non parla direttamente ai cuori, Dio non spiega direttamente la sua verità alle menti e alle intelligenze.
C’è la mediazione sia nel dono della Parola che nell’insegnamento e nella comprensione di essa.
Nel Vangelo non c’è autonomia né di comprensione, né d’interpretazione, né di lettura, né di spiegazione.
Nel Vangelo c’è solamente ascolto: ascolto di annunzio, ascolto di insegnamento, unità di verità e unità di fede; legame di comprensione e di interpretazione.
Questo significa che l’elemento che dona vita alla Parola è il mediatore della Parola e il mediatore è l’Apostolo del Signore.
Nella Chiesa si ascolta il mediatore, si segue l’insegnamento dell’Apostolo, in una comunione di fede, di verità, di dottrina, di comprensione.
Questa comunione non è facoltativa, è obbligatoria se si vuole rimanere nella verità della salvezza, se si vuole percorrere la via che conduce alla gloria eterna, che è la nostra vocazione.
Questo ci deve anche condurre ad affermare che quanti sono senza l’Apostolo, il mediatore della Parola, sono anche senza la retta fede nel Vangelo. La parola che costoro danno o che vivono non è per quanti la vivono garanzia di verità, certezza di cammino sicuro.
Chi non entrò nella Terra Promessa tra quanti sono usciti dall’Egitto? Tutti coloro che non hanno ascoltato la Parola che veniva loro annunziata per mezzo del Mediatore Mosè. Mosè era la voce di Dio in mezzo a loro. L’unione di fede con Mosè era garanzia di verità, sicurezza nel cammino verso la Terra, certezza di realizzare ogni buona e santa promessa di Dio.
Chi non entrerà nella gloria del Cielo? Tutti coloro che si distaccano, si sono distaccati e si distaccheranno da Coloro che Dio ha costituiti Mediatori della Sua Volontà di Salvezza, Portatori agli uomini della Sua Verità, Annunciatori del Suo Vangelo, Suoi ministri per indicare la via del Cielo ad ogni uomo.
Non bisogna mai dimenticare che una delle note costitutive della Chiesa è proprio l’ascolto dell’insegnamento degli Apostoli. Questa verità la troviamo sia negli Atti degli Apostoli, che nel Credo.
Atti degli Apostoli cap. 2,42: “Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere.
E nel Credo: Credo la Chiesa una, santa, cattolica, apostolica.
L’apostolicità della Chiesa è proprio in ordine al dono attuale della Verità, assieme all’altro dono della grazia. Grazia e verità vengono dall’Apostolo e senza Apostolo non c’è verità, non c’è grazia di Cristo Gesù.
[3]Infatti noi che abbiamo creduto possiamo entrare in quel riposo, secondo ciò che egli ha detto: Sicché ho giurato nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo! Questo, benché le sue opere fossero compiute fin dalla fondazione del mondo.
Il riposo di Dio è quello eterno. È il Paradiso. Verso questo riposo deve camminare il cristiano.
La via è la fede nella Parola. La fede nella Parola si conserva rimanendo uniti a coloro che sono i Ministri e i Mediatori sulla terra della Parola di Dio.
La fede inizia nel momento in cui si ascolta la Parola e la si accoglie nel cuore.
La fede rimane, finché rimane nel cuore la Parola assieme alla comunione con coloro che sono gli Strumenti del dono della Parola.
Per gli Ebrei il “riposo” iniziale era il possesso della Terra Promessa. Per i cristiani, per tutti coloro che sono dopo di Cristo, il riposo è la vita eterna nel Paradiso.
È questa anche la preghiera della Chiesa verso coloro che sono morti. Per loro chiede il riposo eterno: “L’eterno riposo dona loro, Signore, e splenda ad essi la luce perpetua. Riposino in pace”.
Il riposo eterno, la pace eterna, la luce perpetua regnano solo nel Paradiso. La terra è luogo di travaglio, di cammino, di fatica, di sofferenza, di croce, di dolore, di affanno, di inquietudine, di morte.
Il Paradiso è luogo di gioia, di pace, di riposo, di tranquillità, di non affanno, di non più lacrime, di serenità eterna.
Verso questa eternità di gioia e di pace, di serenità e di amore il cristiano deve camminare lungo tutto il cammino della sua vita e il cammino deve farlo nella fede. Questa è la nostra verità. Ogni altro insegnamento contrario è falsità, errore, idolatria, menzogna, pensiero dell’uomo, non certo insegnamento di Cristo, trasmesso secondo verità da coloro che Lui stesso ha costituito suoi ministri e amministratori dei suoi misteri.
L’argomentazione si fa delicata, anzi sottile. Per comprenderla non dobbiamo dimenticarci che l’Autore sta parlando agli Ebrei.
Chi sono gli Ebrei? Sono i discendenti di Abramo, ai quali il Signore aveva promesso la Terra calpestata da Abramo.
Domanda: questa Terra era la realtà ultima, o solo figura di ciò che il Signore avrebbe un giorno dato a tutti quelli che avrebbero vissuto secondo la fede di Abramo?
Per l’Autore non ci sono dubbi. L’eredità di Abramo è Cristo Signore. L’eredità dei figli di Israele non è quella cui li ha condotti Mosè, è invece quella cui li conduce Cristo Gesù.
Qual è la conclusione? Gli Ebrei non sono ancora entrati nel luogo del loro riposo. Loro vi entreranno se ascolteranno la Parola di Cristo e ad essa rimarranno uniti ascoltando coloro che Gesù ha posto e costituito Mediatori della sua grazia e della sua verità.
Con questo versetto e con quelli che seguono immediatamente dopo, l’Autore sposta il luogo del riposo: dalla Terra Promessa alla Gloria Celeste.
Non è lui in realtà che lo sposta, è la stessa Scrittura, che lui legge alla luce dello Spirito Santo.
Infatti: Se si collega l’ultima frase di questo versetto con quanto segue, si comprende ogni cosa con molta facilità. Proviamoci:
Benché le sue opere fossero compiute fin dalla fondazione del mondo. [4]Si dice infatti in qualche luogo a proposito del settimo giorno: E Dio si riposò nel settimo giorno da tutte le opere sue.
Dopo che Dio ha creato il mondo (benché le sue opere fossero compiute fin dalla fondazione del mondo), finisce per il Signore il lavoro e Lui entra nel suo riposo.
Lo afferma con ogni chiarezza la Genesi (cc1,1-2-4), nei quali è descritta tutta la Creazione di Dio, che finisce con l’affidamento del Creato all’uomo e con il riposo del Signore. Finisce l’opera di Dio, inizia quella dell’uomo. Qual è l’opera dell’uomo? Quella di portare se stesso in Dio, nella sua gloria, secondo l’Autore della Lettera agli Ebrei.
Ora però ci interessa sapere che Dio è entrato nel suo risposo al termine del lavoro e che l’uomo entrerà anche lui nel riposo di Dio al termine del suo lavoro. Leggiamo:
“In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. Dio disse: Sia la luce! E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno.
Dio disse: Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamò il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina: secondo giorno.
Dio disse: Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto. E così avvenne. Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie. E così avvenne: la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: terzo giorno.
Dio disse: Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra. E così avvenne: Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno.
Dio disse: Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo. Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. Dio li benedisse: Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra. E fu sera e fu mattina: quinto giorno.
Dio disse: La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie. E così avvenne: Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra. Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra. Poi Dio disse: Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde. E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno.
Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto”.
Qual è il lavoro che l’uomo dovrà fare? Esso è uno solo: entrare e rimanere nella Parola di Dio.
La Parola di Dio che lo ha fatto, la stessa Parola lo nutre, lo conduce, lo guida, lo sostiene, lo protegge, lo conserva in vita, lo porta nel luogo del riposo di Dio.
Entrare e non rimanere non dona vita. La vita è nell’entrare e nel rimanere.
Si entra ascoltando la predicazione degli Apostoli. Si rimane ascoltando l’insegnamento degli Apostoli.
La Parola della vita è di Cristo Gesù. Cristo l’ha donata agli Apostoli. Gli Apostoli la danno non una volta per sempre. La danno insegnandola, la insegnano donandola, oggi, in quest’ora storica, in questo momento del lavoro dell’uomo.
[5]E ancora in questo passo: Non entreranno nel mio riposo!
Questo versetto – lo si è già citato in tutto il contesto del salmo 94 – viene qui riportato con un solo intento.
Anche questa verità è già stata annunziata: è il passaggio dalla Terra Promessa alla Promessa dei Cieli Nuovi e della Terra Nuova.
Il viaggio sia degli Ebrei che di ogni altro uomo è questa vocazione ad incamminarsi verso i Cieli Nuovi e la Terra Nuova.
La Terra Promessa è solo figura; se è figura di una realtà più grande, divina, anche gli Ebrei sono chiamati a cambiare l’oggetto della loro speranza e quindi la fonte della loro fede.
Non si può cambiare l’oggetto della Speranza se non si cambia la fonte della fede.
La fonte della fede è Cristo. Cristo ha costituito strumenti della Sua Fonte gli Apostoli nella Chiesa.
Ascoltando la Parola degli Apostoli si accoglie la Nuova Promessa, perché Nuova è la Parola della Fede.
Si può comprendere tutto questo, se si puntualizza una piccolissima verità: la fede che noi professiamo non è in Dio. La fede è nella Parola di Dio. La fede è nella Parola che Dio ci dona oggi.
Poiché Dio oggi parla, oggi dona la Parola, oggi noi dobbiamo credere nella Parola che Lui ci dona.
Se rimaniamo ancorati alla Parola di ieri, siamo fuori della retta fede. La fede di ieri era per ieri. La fede di oggi è per oggi. Oggi Dio parla per oggi. Domani parlerà per domani.
Dio, per mezzo di Mosè, ha parlato in Egitto. Si è compiuta la liberazione. Quella Parola serviva al faraone per lasciare partire il suo popolo.
Il popolo è partito. C’è un mare da attraversare, c’è un deserto da percorrere. Dio quotidianamente deve parlare. La fede è nella Parola quotidiana di Dio.
Israele è entrato nella Terra Promessa. Questo possesso è solo figura, non realtà della sua vera vocazione.
La realtà della sua vocazione Dio l’annunzia, preparandola, con i profeti. La compie in Cristo. L’annunzia attraverso la Parola di Cristo.
Chi non ascolta la Parola di Cristo rimane fuori della realtà. Resta nella figura, ma la figura non è il compimento della promessa di Dio.
In altre parole: il riposo di Dio non è la Terra, bensì il Cielo. Il Cielo non è manifestato dalla Parola di Mosè, ma da quella di Cristo Gesù.
La Parola della fede è ora quella di Cristo Gesù. Chi ci dona questa parola e come essa ci viene donata?
Questa Parola ce la donano gli Apostoli oggi attraverso l’annunzio e l’insegnamento.
Finché dura il cammino verso il Cielo, chi vuole pervenire ed entrare in esso, deve ascoltare Parola ed insegnamento degli Apostoli.
[6]Poiché dunque risulta che alcuni debbono ancora entrare in quel riposo e quelli che per primi ricevettero la buona novella non entrarono a causa della loro disobbedienza, [7]egli fissa di nuovo un giorno, oggi, dicendo in Davide dopo tanto tempo: Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori!
Qui l’Autore fa un altro passaggio, in verità già presentato, anche se non ancora con tutta la chiarezza che ora merita che gli venga donata.
Ci sono due Parole di Dio. È su questa “duplice” Parola di Dio che tutta l’argomentazione dell’Autore si fonda.
La prima Parola Dio l’ha detta nel deserto. Lì Egli promise che quanti non avevano ascoltato la sua voce non sarebbero entrati nel luogo del suo riposo.
Il riposo contenuto in questa “prima” Parola di Dio è la Terra Promessa, figura, non realtà, della vera e definitiva promessa di Dio.
Quanti hanno creduto sono entrati nel riposo di Dio. Sono entrati però nella figura, non nella realtà del riposo.
Nella realtà del riposo, che è il Cielo, sarebbero dovuti entrare, ma per questo avrebbero dovuto iniziare ad ascoltare nuovamente il Signore che con sapienza e saggezza infinita li stava conducendo.
Avvenne invece che il popolo si concentrò tutto sulla terra già conquistata, pensando che questo fosse il luogo definitivo del suo riposo.
Su questo errore cominciò ad interpretare ogni nuova Parola di Dio. Così operando altro non faceva se non portare sempre e continuamente la sua vecchia storia, il suo vecchio riposo, la figura nella nuova realtà di Dio, anziché la nuova realtà di Dio nella sua vecchia storia e nel suo vecchio riposo.
In fondo Israele commise lo stesso errore di molti uomini di Chiesa: anziché portare tutto l’Antico Testamento nella realtà nuova di Cristo, hanno portato la realtà nuova di Cristo nella vecchia struttura dell’Antico Testamento.
Qual è il risultato? Ci si taglia fuori del cammino verso il riposo verso cui Dio sta conducendo ogni uomo.
Questo accade quando ci si dimentica che la fede non è in Dio, ma nella sua Parola; e per noi: quando ci dimentichiamo che la fede non è solo nella Parola di Dio, ma anche nella Verità tutta intera cui conduce lo Spirito del Signore, mediante l’Apostolo di Cristo Gesù.
Anche ogni sistema teologico deve essere considerato e visto come una fotografia, che blocca la verità in quell’attimo in cui il sistema viene pensato. Una fotografia non è la verità tutta intera della Parola. È un momento di essa. Da aggiungere che lo stesso “soggetto” può essere visto da angolazioni differenti ed ecco nello stesso tempo, nello stesso luogo, diverse sfaccettature, che altro non sono che un insieme di fotogrammi dell’unica verità in quel medesimo ed unico tempo.
Questo vuol dire una cosa sola: la storia di ieri, tutta la storia della santità cristiana, deve essere considerata come una fotografia della verità tutta intera cui fino a quel momento ha condotto lo Spirito Santo. Quella storia però non è la verità tutta intera. Oggi lo Spirito parla alla sua Chiesa, oggi bisogna porsi all’ascolto dello Spirito Santo, come domani, come sempre.
[8]Se Giosuè infatti li avesse introdotti in quel riposo, Dio non avrebbe parlato, in seguito, di un altro giorno.
Viene ancora una volta affermato con chiarezza il mistero della promessa di Dio. Viene detto che la vera terra non è la Terra di Canaan, bensì quella del Cielo.
In effetti è così. Se la Terra Promessa fosse l’oggetto della rivelazione di Dio, con l’entrata del Popolo del Signore in quella Terra, la rivelazione si sarebbe potuta considerare conclusa.
Dio ha chiamato Abramo, gli ha promesso la Terra, ora che la promessa è stata realizzata, tutto si sarebbe potuto dichiarare finito.
Invece nulla di tutto questo: lo sguardo di Dio è perennemente oltre ogni conquista già acquisita e ogni promessa già realizzata, compiuta.
Lo sguardo di Dio è verso un’altra promessa, un’altra salvezza, un’altra liberazione, un altro popolo, un’altra conquista.
È quest’altra cosa che interessa al Signore ed è per essa che Lui lavora, opera.
Se Israele non comprende questo, nulla ha compreso della sua vocazione, nulla ha compreso di Dio, nulla sa di se stesso.
Dio è infinitamente oltre lo stesso senso letterale della sua Parola, di ogni sua Parola.
Ogni Parola di Dio è carica di mistero, che nessuna realizzazione, nessun compimento potrà mai esaurire.
Dio vuole attrarre al suo mistero che è infinito, eterno, incommensurabile, oltre ogni possibile comprensione.
Verso questo mistero egli conduce l’uomo, se questi si lascia condurre.
Per lasciarsi condurre, l’uomo deve porgere l’orecchio ad ogni Parola che Dio fa udire nell’oggi della storia.
Se Lui ha parlato prima con Mosè e poi con Davide, la Parola detta per bocca di Davide e l’altra detta per bocca di Mosè non sono la stessa cosa. Non lo sono perché la storia è cambiata, l’uomo è cambiato.
L’uomo a cui parla Mosè è uno. L’uomo a cui parla Davide è un altro. Ciò che Dio dice per bocca di Mosè non è ciò che dice per bocca di Davide.
Chi non porge ascolto a ciò che Dio veramente vuole dire, rimarrà sempre nella più nera delle confusioni e nessuna verità potrà mai farsi strada nel suo cuore.
Ogni Parola di Dio ha un suo significato particolare ed è questo significato che ci conduce verso la pienezza del mistero che Dio vuole realizzare attraverso noi.
La Parola di Davide rivela dunque che c’è una Terra oltre la Terra Promessa; ci dice che la Terra Promessa non è la Terra di Dio, quella ultima e definitiva.
Ci dice anche che c’è la reale possibilità che questa Terra non venga raggiunta, se oggi non si pone ascolto alla Voce del Signore.
L’Autore non ha dubbi, leggendo la Scrittura: Dio parla oggi. La vera saggezza dell’uomo è sapere e volere ascoltare il Dio che parla oggi.
L’oggetto della fede non è la Parola di ieri, è la Parola di oggi. È questa Parola che ci introduce verso la Terra oltre ogni terra già conquistata.
[9]E` dunque riservato ancora un riposo sabatico per il popolo di Dio.
Anche questo riposo sabatico è oltre il riposo sabatico, o dell’anno giubilare allora vissuto.
Cosa è in verità l’anno sabatico e l’altro anno: quello del grande giubileo? Leggiamo in Levitico 25:
Circa l’Anno sabatico (Lev 25,1-7): “Il Signore disse ancora a Mosè sul monte Sinai: Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando entrerete nel paese che io vi dò, la terra dovrà avere il suo sabato consacrato al Signore. Per sei anni seminerai il tuo campo e poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti; ma il settimo anno sarà come sabato, un riposo assoluto per la terra, un sabato in onore del Signore; non seminerai il tuo campo e non poterai la tua vigna. Non mieterai quello che nascerà spontaneamente dal seme caduto nella tua mietitura precedente e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata; sarà un anno di completo riposo per la terra. Ciò che la terra produrrà durante il suo riposo servirà di nutrimento a te, al tuo schiavo, alla tua schiava, al tuo bracciante e al forestiero che è presso di te; anche al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese servirà di nutrimento quanto essa produrrà”.
Circa l’Anno del giubileo (Lev. 25,8-28): “Conterai anche sette settimane di anni, cioè sette volte sette anni; queste sette settimane di anni faranno un periodo di quarantanove anni. Al decimo giorno del settimo mese, farai squillare la tromba dell'acclamazione; nel giorno dell'espiazione farete squillare la tromba per tutto il paese. Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nel paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non farete né semina, né mietitura di quanto i campi produrranno da sé, né farete la vendemmia delle vigne non potate. Poiché è il giubileo; esso vi sarà sacro; potrete però mangiare il prodotto che daranno i campi.
In quest'anno del giubileo, ciascuno tornerà in possesso del suo. Quando vendete qualche cosa al vostro prossimo o quando acquistate qualche cosa dal vostro prossimo, nessuno faccia torto al fratello. Regolerai l'acquisto che farai dal tuo prossimo in base al numero degli anni trascorsi dopo l'ultimo giubileo: egli venderà a te in base agli anni di rendita. Quanti più anni resteranno, tanto più aumenterai il prezzo; quanto minore sarà il tempo, tanto più ribasserai il prezzo; perché egli ti vende la somma dei raccolti.
Nessuno di voi danneggi il fratello, ma temete il vostro Dio, poiché io sono il Signore vostro Dio. Metterete in pratica le mie leggi e osserverete le mie prescrizioni, le adempirete e abiterete il paese tranquilli. La terra produrrà frutti, voi ne mangerete a sazietà e vi abiterete tranquilli. Se dite: Che mangeremo il settimo anno, se non semineremo e non raccoglieremo i nostri prodotti?, io disporrò in vostro favore un raccolto abbondante per il sesto anno ed esso vi darà frutti per tre anni. L'ottavo anno seminerete e consumerete il vecchio raccolto fino al nono anno; mangerete il raccolto vecchio finché venga il nuovo.
Le terre non si potranno vendere per sempre, perché la terra è mia e voi siete presso di me come forestieri e inquilini. Perciò, in tutto il paese che avrete in possesso, concederete il diritto di riscatto per quanto riguarda il suolo. Se il tuo fratello, divenuto povero, vende una parte della sua proprietà, colui che ha il diritto di riscatto, cioè il suo parente più stretto, verrà e riscatterà ciò che il fratello ha venduto. Se uno non ha chi possa fare il riscatto, ma giunge a procurarsi da sé la somma necessaria al riscatto, conterà le annate passate dopo la vendita, restituirà al compratore il valore degli anni che ancora rimangono e rientrerà così in possesso del suo patrimonio. Ma se non trova da sé la somma sufficiente a rimborsarlo, ciò che ha venduto rimarrà in mano al compratore fino all'anno del giubileo; al giubileo il compratore uscirà e l'altro rientrerà in possesso del suo patrimonio”.
Si è già detto che bisogna andare oltre tutto l’esistente. C’è qualcosa che si deve compiere e ciò che si è compiuto è solamente una pallidissima figura.
Il riposo sabatico è quello eterno. Sarà nel cielo che l’uomo smetterà di lavorare. Ora, fino a quel giorno, dovrà sempre lavorare e il suo lavoro consiste in una sola opera: condurre se stesso nel Regno dei Cieli, accogliendo e rimanendo nella Parola che Dio oggi dona all’uomo.
Questo riposo sabatico inizia accogliendo l’anno di grazia, o il giubileo che Cristo Gesù è venuto ad annunziare, proclamare, bandire.
Esso dona la remissione di ogni peccato, l’espiazione di ogni debito, la cancellazione di ogni pena dovuta alle colpe, in modo che ogni uomo possa iniziare come nuova creatura il suo nuovo cammino che lo porterà nella nuova terra.
Nuova creatura, nuovo cammino, nuova Parola, nuova Terra, nuovo riposo, nuova vita: vita eterna che è posta tutta nella Parola nuova che Gesù è venuto a portare sulla nostra terra e che gli Apostoli hanno iniziato a predicare per tutto il mondo, offrendo ad ognuno la grazia e la verità che sono in Cristo Gesù.
Anche gli Ebrei devono passare dal vecchio anno sabatico al nuovo e dal vecchio giubileo al nuovo. Chi non fa questo passaggio, rimane nella vecchia Parola e quella non dona più salvezza, perché ora la Parola di Dio è Cristo Gesù ed è data per mezzo dei suoi Apostoli.
È l’Antico Testamento che invita ad andare oltre se stesso. Guai a fermarsi ad esso. Non è più strumento di vera vita.
Così è per il Nuovo Testamento. Anche Esso ci invita ad andare sempre oltre, a non fermarsi alla sua Lettera, perché la Lettera deve essere letta e spiegata dallo Spirito Santo.
Tutti i guai nella Chiesa nascono nel momento in cui ci si ferma a ieri: alla Parola di ieri, alla comprensione di ieri, alla teologia di ieri, alla spiritualità di ieri, al Movimento di ieri, al Gruppo di ieri, all’Associazione di ieri, all’Ordine di ieri, alla Congregazione di ieri.
Lo Spirito non può essere fermato a “ieri”. Lo Spirito oggi parla alla Chiesa, all’uomo, alle comunità, alle Chiese, ad ogni associazione ed è oggi che bisogna ascoltarlo, perché bisogna andare sempre oltre, infinitamente oltre, oltre fino al raggiungimento della pienezza della verità: pienezza di ieri che non può essere più pienezza di oggi. Ad ogni giorno la sua pienezza, ad ogni giorno il superamento di ieri.
Questa è la struttura della via eterna: il cammino nell’oggi dello Spirito Santo.
[10]Chi è entrato infatti nel suo riposo, riposa anch'egli dalle sue opere, come Dio dalle proprie.
Dio ha cessato dalle opere compiute non appena ebbe finito la creazione del cielo, della terra, dell’uomo.
Ha cessato dopo aver affidato l’universo alle cure e alla custodia dell’uomo.
L’uomo, quando entrerà nel suo riposo? Entrerà dopo aver finito il completamento del suo cammino, dopo aver percorso tutta la via che lo conduce nella Nuova Terra e nei Nuovi Cieli.
Quello dell’uomo è un cammino inverso a quello di Dio. Dio si riposò dopo aver compiuto un’opera fuori di sé. L’uomo si riposa dopo aver portato a compimento l’opera dentro di sé.
Come porta a compimento quest’opera? Accogliendo ogni Parola che Dio proferisce oggi, o di cui oggi dona il suo vero significato e realizzandola nella sua carne, nel suo spirito, nella sua anima.
Con la Parola Dio crea l’universo fuori di sé. Con la stessa Parola che è fuori di Sé, perché è da Dio, l’uomo crea l’universo di Dio dentro di sé e l’universo di Dio è la vita eterna.
Dal momento che l’uomo ancora non è entrato nel suo riposo è segno che ancora deve lavorare. Gli Ebrei, poiché a loro è indirizzata la Lettera, non sono nel riposo ultimo, definitivo, completo. Non sono neanche sulla giusta via. Per loro il primo passo da fare è quello di passare dalla Parola di Dio alla Parola di Cristo e dall’insegnamento dei loro Rabbini all’insegnamento degli Apostoli.
È attraverso questa via nuova che si entra nella vita nuova e si potrà raggiungere il riposo ultimo, definitivo, vero, eterno.
In conclusione: L’Antico Testamento, Mosè, i Profeti, la Legge, le Istituzioni, lo stesso culto, la moralità, la fede sono incompleti. Tutto è incompleto.
L’Antico Testamento ha il suo compimento in Cristo, la sua Verità in Cristo, il suo Culto in Cristo, la sua vita in Cristo. Tutto è in Cristo e chi non passa a Cristo rimane in una religione bloccata in se stessa, finita per sempre.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:56 PM
LA PAROLA DI DIO
[11]Affrettiamoci dunque ad entrare in quel riposo, perché nessuno cada nello stesso tipo di disobbedienza.
Se è vero – ed è vero – quanto l’Autore ha dimostrato, argomentando con l’Antica Scrittura, o Antico Testamento, nasce una urgenza per ogni coscienza.
La verità obbliga per se stessa. Una volta attestata, dimostrata, desunta, argomentata, essa necessariamente deve essere accolta. Lo esige la natura razionale dell’uomo.
Se non accetta la verità, non è più questione di razionalità, bensì di volontà. Non è più per incapacità di comprendere, ma per cattiva volontà che non si abbraccia la verità, non la si accoglie.
Nasce l’appello alla volontà. È per volontà che l’uomo può affrettarsi ad entrare nel riposo che Dio gli offre, gli dona in Cristo Gesù.
Se la volontà si sottrae, non c’è alcuna argomentazione che possa valere. Ogni parola risulterà inutile, vana, inefficace.
La volontà può soffocare la verità e la soffoca quando è nell’ingiustizia, nel peccato, nella chiusura della mente e del cuore.
San Paolo ha una bellissima argomentazione su questa tematica della relazione tra verità, volontà, ingiustizia, soffocamento della verità. La troviamo nella Lettera ai Romani (c. 1):
“Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per vocazione, prescelto per annunziare il vangelo di Dio, che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture, riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti, Gesù Cristo, nostro Signore. Per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia dell'apostolato per ottenere l'obbedienza alla fede da parte di tutte le genti, a gloria del suo nome; e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo. A quanti sono in Roma diletti da Dio e santi per vocazione, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo. Anzitutto rendo grazie al mio Dio per mezzo di Gesù Cristo riguardo a tutti voi, perché la fama della vostra fede si espande in tutto il mondo. Quel Dio, al quale rendo culto nel mio spirito annunziando il vangelo del Figlio suo, mi è testimone che io mi ricordo sempre di voi, chiedendo sempre nelle mie preghiere che per volontà di Dio mi si apra una strada per venire fino a voi. Ho infatti un vivo desiderio di vedervi per comunicarvi qualche dono spirituale perché ne siate fortificati, o meglio, per rinfrancarmi con voi e tra voi mediante la fede che abbiamo in comune, voi e io.
Non voglio pertanto che ignoriate, fratelli, che più volte mi sono proposto di venire fino a voi ma finora ne sono stato impedito per raccogliere qualche frutto anche tra voi, come tra gli altri Gentili. Poiché sono in debito verso i Greci come verso i barbari, verso i dotti come verso gli ignoranti: sono quindi pronto, per quanto sta in me, a predicare il vangelo anche a voi di Roma. Io infatti non mi vergogno del vangelo, poiché è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede, del Giudeo prima e poi del Greco. E` in esso che si rivela la giustizia di Dio di fede in fede, come sta scritto: Il giusto vivrà mediante la fede. In realtà l'ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell'ingiustizia, poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l'intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità; essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa.
Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti e hanno cambiato la gloria dell'incorruttibile Dio con l'immagine e la figura dell'uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili. Perciò Dio li ha abbandonati all'impurità secondo i desideri del loro cuore, sì da disonorare fra di loro i propri corpi, poiché essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del creatore, che è benedetto nei secoli. Amen. Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s'addiceva al loro traviamento. E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d'una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d'invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa”.
L’Autore è esplicito, formalmente esplicito nella sua affermazione. Alla Parola di Dio si risponde con l’ascolto, con l’obbedienza totale.
L’obbedienza è cambiamento di vita secondo la Parola ascoltata, allo stesso modo che era cambiamento di cammino la Parola ascoltata durante l’Esodo, o il viaggio nel deserto. Se non si cambia vita – e il cambiamento di vita è uno solo: il passaggio dall’Antico al Nuovo Testamento, dall’Antica Parola di Dio alla Nuova Parola di Dio – ci si mette nella disobbedienza e questa ha un solo risultato: il non raggiungimento del riposo eterno di Dio.
Affrettarsi vuol dire non tergiversare, non rimandare, non ritardare e soprattutto non giocare con il Signore, o peggio con il proprio peccato, la propria ingiustizia.
Chi non crede nella Nuova Parola di Dio e non si affretta difficilmente compirà l’attraversamento del deserto della vita. Morirà nella sua ingiustizia, nella sua idolatria, nella sua empietà.
[12]Infatti la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell'anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore.
Ancora una volta l’Autore rinvia alla Parola. Non alla Parola del Vangelo. Alla Parola dell’Antico Testamento.
Quanto dice della Parola dell’Antico Testamento si applica per contenuto anche a quella del Nuovo.
Ma lui non parte dalla Parola del Nuovo per dimostrare la verità della Parola del Vecchio. Fa il ragionamento contrario: parte dalla Parola del Vecchio per attestare che Essa non si esaurisce in se stessa. La forza della Parola dell’Antico Testamento è proprio quella di condurre a quella del Nuovo.
Se non conduce a quella del Nuovo, è una Parola già morta, inutile per tutti coloro che si affidano ad essa.
La salvezza non è in essa. La salvezza è altrove. È altrove che noi dobbiamo cercarla. L’altrove dell’Antico Testamento è Cristo Signore, è la sua grazia, è la sua verità.
I Versetti 12 e 13 sono un inno alla Parola, un canto alla sua verità.
È giusto che ogni affermazione sulla Parola venga compresa per se stessa. Le molteplici comprensioni, singolarmente offerte, nell’insieme ci riveleranno tutta la fede dell’Autore nella Parola di Dio.
Ecco l’esame dettagliato:
Infatti la parola di Dio è viva: La prima nota, o caratteristica della Parola di Dio è l’affermazione che essa è viva. È viva perché Dio è vivo e la ricolma della sua vita. È viva perché ha la forza in sé di rigenerarsi, di togliere da sé ciò che è vecchio, ciò che era di ieri, e aggiungere ciò che è di oggi, che appartiene all’ora presente della storia. È viva perché in essa opera lo Spirito Santo che la ricolma con la vita della sua verità tutta intera. È viva perché ha la forza di rendere vecchio ogni sistema teologico, ogni comprensione di Dio, ogni forma di relazionarsi a Lui, ogni religione, ogni idea, ogni pensiero. Tutto rende antiquato la Parola di Dio.
Per questo motivo è giusto, anzi doveroso non solo annunziare ogni giorno la Parola di Dio, quanto anche ogni giorno insegnarla spiegandola, donando il suo significato, quello che lo Spirito Santo detta alla mente e allo spirito di colui che si piega sulla Scrittura per trarre ogni verità di salvezza, di redenzione, di giustificazione, di vita eterna.
Lo Spirito Santo è nella Parola e solo in Essa. Ogni altra verità bisogna comprenderla partendo dalla Parola, lasciandosi giudicare da Essa.
È questo l’unico metodo e il solo, se si vuole portare verità e salvezza in questo mondo.
Gesù diede come comando ai suoi Apostoli di andare per il mondo e di annunziare la Sua Parola. Annunziando, spiegandola, facendola comprendere nella sua verità sempre più piena verso cui conduce lo Spirito del Signore, essi donano ad ogni uomo la possibilità di essere salvati.
Efficace: Poiché è viva, essa produce salvezza. È questa l’efficacia della Parola. Quando essa viene accolta in un cuore, lo smuove, lo rimuove, lo libera dal peccato, lo apre alla grazia, lo spinge verso la santità.
È efficace perché essa opera sempre un giudizio di approvazione o di condanna di ogni azione dell’uomo.
Qual è, però, l’efficacia che è nella Parola? Essa non è efficacia sacramentale. Questo genere di efficacia produce gli effetti, al di là della santità di chi amministra il sacramento.
L’efficacia della Parola è subordinata alla santità di chi l’annunzia e alla fede di chi l’ascolta.
Nella santità di chi l’annunzia dimora lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo è nella Parola annunziata perché è nel cuore di chi l’annunzia. Con la Parola annunziata scende nel cuore di chi l’accoglie con fede e lo apre a Cristo, al suo mistero, alla sua verità, alla sua grazia, alla sua santità.
In un cuore pieno di peccato, la Parola non abita nella sua vita e non se non vive in noi, neanche può essere efficace. È una parola morta quella che si dona.
Va da sé che una parola morta donata non può mai generare vita. Da qui la sua inefficacia, la sua vanità, la sua inefficienza, il suo nulla.
Tutti i fallimenti della pastorale risiedono in questa parola morta in noi che si dona agli altri. È morta in noi, perché il nostro cuore è morto alla verità e alla grazia di Cristo Gesù.
La parola morta è anche senza contenuti di verità. Essa è priva di ogni forza vitale. Con essa il mondo resta quello che è: nel suo peccato e nella sua falsità.
In ordine all’argomento della Lettera, queste due prime note della Parola si rivestono di un significato ben preciso, che possiamo così sintetizzare:
Come ogni organismo che vive, vive pienamente compiuto nel presente, ma anche la compiutezza nel presente è incompiutezza per rapporto al futuro. La Parola di Dio che è viva, si deve cogliere nella vita del giorno. Oggi per oggi, domani per domani. Mosè parlò ai figli di Israele nel deserto. I Profeti parlano ai figli di Israele nella Terra Promessa. Cristo Gesù parlò alle pecore perdute della casa di Israele. Gli Apostoli dovranno parlare ogni giorno al mondo intero. Oggi Dio parla per mezzo degli Apostoli. Sono oggi loro che ci danno la Parola di Dio, quella vera. Oggi per oggi. Domani per domani.
L’efficacia della Parola, oggi, non è quella di Mosè, non è quella dei Profeti, neanche è quella proferita da Gesù Signore. L’efficacia, oggi è data da Colui che la Parola proferisce. Se proferisce la Parola di Dio, questa diviene efficace. Se non proferisce la Parola di Dio, la parola dell’uomo non ha alcuna efficacia. L’efficacia è della Parola di Dio viva ed è viva la Parola di Dio detta oggi dagli Apostoli e questa Parola è efficace.
Nasce per tutti l’obbligo di stringersi in comunione di verità e di fede con gli Apostoli, perché sono loro i portatori nel mondo della Parola viva ed efficace del Dio vivente.
La Parola è viva in loro, se è vivo lo Spirito di Cristo in loro. Per questo in loro deve essere grande la santità.
E più tagliente di ogni spada a doppio taglio: la spada serve a separare. La Parola di Dio separa bene e male, giusto ed ingiusto, sacro e profano, santità e peccato, bontà e cattiveria, pensiero di Dio e pensiero dell’uomo, vie di Dio e vie dell’uomo.
Chi vuole sapere cosa è bene e cosa è male, giusto ed ingiusto, opportuno e non opportuno, conveniente e non conveniente, non può desumerlo dai suoi pensieri; deve attingerlo nella Parola di Dio.
Questa verità obbliga ognuno che parla in nome di Dio a dire la Parola di Dio e solo quella. Per questo deve offrire all’altro la più alta garanzia che ciò che dice non è suo pensiero, sua volontà, sua decisione, suo desiderio, ma è solo Parola di Dio.
Anche la più semplice delle deduzioni o argomentazioni, tratte dalla Parola, devono essere perennemente verificate dalla Parola, se si vuole tagliare netto bene e male, vie di Dio e vie degli uomini.
A questo non ci siamo. C’è una sostituzione capillare della volontà di Dio facendo infiltrare in essa i nostri pensieri e ogni desiderio del nostro cuore.
Quando ognuno di noi avrà tanta onesta, tanta cura, tanta attenzione di non aggiungere e di non togliere niente alla Parola di Dio, solo allora sarà un buon amministratore nella sua casa.
È cosa disonesta aggiungere, o togliere alla Parola e dire che il risultato è Parola di Dio, o Volontà di Dio, o Desiderio di Dio. L’attenzione in questo non sarà mai sufficiente, mai troppa, mai abbastanza.
Tutta la pastorale è inficiata dalla sostituzione della Volontà di Dio con i nostri desideri o le nostre vie.
Essa penetra fino al punto di divisione dell'anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla:
Quando la Parola viene annunziata, proclamata, proferita, detta, predicata, insegnata, essa non lascia il cuore indifferente. Tutto l’uomo viene penetrato dalla Parola e messo in questione, in discussione.
Dinanzi alla Parola di Dio non esiste indifferenza. O la si accoglie, o la si rifiuta. Se la si accoglie essa produce un frutto di vita; se la si rifiuta genera un frutto di morte. Ognuno deve rendere conto a Dio del perché ha rifiutato la Parola ascoltata.
Non può dire: non sapevo che era tua Parola, oppure non l’ho riconosciuta come tua Parola.
La Parola di Dio si fa riconoscere per se stessa, basta pronunciarla, proclamarla. È questa la sua forza, questa la sua vita, questa la sua efficacia.
Perché allora molti non la riconoscono come Parola di Dio? Perché quella che ascoltano spesso non è Parola di Dio. È un miscuglio di parole umane, imbevute o intrise di qualche Parola di Dio, ma non è Parola di Dio.
La Parola di Dio, per essere Parola di Dio, deve essere libera da qualsiasi parola umana, o pensiero umano, o desiderio umano.
Questa totalità esige la Parola, questa totalità dobbiamo darle. La Parola di Dio è santa e non può essere inquinata da nessuna parola umana.
Detta e proferita nella sua santità, la Parola penetra nel cuore, nella mente, arriva fino alle giunture e alle midolla. Tutto l’uomo, anche nelle sue parti più inaccessibili, viene compenetrato di Parola del Signore.
E scruta i sentimenti e i pensieri del cuore: Anche i sentimenti e i pensieri del cuore vengono scrutati dalla Parola di Dio, per appurare la loro verità, la loro falsità, la loro confusione, la loro tenebra, la loro luce.
Niente che è nell’uomo rimane estraneo dinanzi alla forza della Parola e alla potenza della sua luce che penetra in lui.
Questo accade, però, se quella che diciamo è Parola di Dio. Se non è Parola di Dio nulla accade. Il cuore rimane freddo e l’anima nel suo sonno spirituale.
[13]Non v'è creatura che possa nascondersi davanti a lui: Quanto finora detto non vale solo per un uomo. Vale per tutti gli uomini indistintamente, di ogni razza, popolo, lingua, tempo, luogo.
Fino alla consumazione dei secoli, finché ci sarà un solo uomo sulla terra, se posto dinanzi alla verità e alla santità della Parola non potrà restare insensibile.
La Parola che penetra nel suo intimo lo scuote, lo muove, lo attira a sé, lo salva.
Perché allora tanto scetticismo dinanzi al parola annunziata? Perché spesso quella che diciamo non è la Parola di Dio, quella che doniamo non è la verità di Dio. Sono o parole, o sistemi di pensiero, o vie che Dio non ha scelto, non ha voluto, non ci ha comandato né di dire, né di fare.
Questo implica che c’è un dovere costante in noi, chiamati a dare la vera Parola di Dio: quello di liberarci da ogni pensiero umano, ma anche da ogni forma e da ogni struttura nella quale abbiamo calato la Parola di Dio.
La Parola di Dio può assumere ogni forma, ma senza identificarsi con nessuna di esse. Può assumere anche ogni pensiero, ma restando sempre fuori di esso.
Dio è tutto in ogni cosa, ma è sempre fuori di ogni cosa. Ha una sua identità Personale, anzi tripersonale, essendo Lui Padre, Figlio e Spirito Santo nell’unità di una sola natura, o sostanza divina.
Così deve essere detto della sua Parola: è in ogni pensiero, ma deve essere fuori di ogni pensiero; è in ogni forma, ma deve essere fuori di ogni forma.
Essa deve verificare ogni pensiero, ogni forma, ogni via, ogni struttura, ogni rito, ogni culto, sempre, in ogni tempo, in ogni luogo.
ma tutto è nudo e scoperto agli occhi suoi: La Parola di Dio è luce eterna, divina che brilla nelle nostre tenebre con chiarore più splendente di mille miriadi di soli, di stelle, di galassie.
Tutto essa porta alla luce. Nulla rimane nascosto dinanzi ad essa.
Sorge una considerazione: se questa è la potenza della Parola, perché ci arrabattiamo a dire parole umane? Non sarebbe più saggio, più intelligente, più sapiente dire solamente Parole di Dio?
A questa considerazione ci risponde Cristo Gesù: la bocca parla della pienezza del cuore. Se Dio è nel cuore, la bocca parla Parole di Dio. Se c’è il peccato, la bocca dice parole di peccato, di tenebra, di buio, di menzogna (cfr. Mt 12,22-37):
“In quel tempo gli fu portato un indemoniato, cieco e muto, ed egli lo guarì, sicché il muto parlava e vedeva. E tutta la folla era sbalordita e diceva: Non è forse costui il figlio di Davide? Ma i farisei, udendo questo, presero a dire: Costui scaccia i demòni in nome di Beelzebùl, principe dei demòni. Ma egli, conosciuto il loro pensiero, disse loro: Ogni regno discorde cade in rovina e nessuna città o famiglia discorde può reggersi. Ora, se satana scaccia satana, egli è discorde con se stesso; come potrà dunque reggersi il suo regno?
E se io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl, i vostri figli in nome di chi li scacciano? Per questo loro stessi saranno i vostri giudici. Ma se io scaccio i demòni per virtù dello Spirito di Dio, è certo giunto fra voi il regno di Dio. Come potrebbe uno penetrare nella casa dell'uomo forte e rapirgli le sue cose, se prima non lo lega? Allora soltanto gli potrà saccheggiare la casa. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.
Perciò io vi dico: Qualunque peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. A chiunque parlerà male del Figlio dell'uomo sarà perdonato; ma la bestemmia contro lo Spirito, non gli sarà perdonata né in questo secolo, né in quello futuro. Se prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono; se prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo: dal frutto infatti si conosce l'albero. Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? Poiché la bocca parla dalla pienezza del cuore. L'uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone, mentre l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae cose cattive. Ma io vi dico che di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato”.
Chi vuole parlare Parole di Dio deve avere il cuore pieno di Dio. Questa verità però ne dice un’altra: poiché è facile perdere Dio dal cuore, è anche facile perdere la Parola di Dio dalle nostre labbra. Se non c’è la stabilità nella grazia: oggi si parla di Dio e domani del diavolo; oggi si invita al bene e domani al male; oggi si risponde alla tentazione e domani la si accoglie.
E a lui noi dobbiamo rendere conto: Dobbiamo rendere conto di ogni Parola di Dio ascoltata e di come essa è stata messa a frutto.
La Parola di Dio è come il talento della Parabola. Chi la riceve deve farla fruttificare. Essa è un dono divino e non può restare infruttuosa.
Anche questa verità è insegnata da Gesù con divina chiarezza. Leggiamo in due passi distinti:
Vangelo secondo Matteo cap. 11,16-24: “Ma a chi paragonerò io questa generazione? Essa è simile a quei fanciulli seduti sulle piazze che si rivolgono agli altri compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto. E` venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e hanno detto: Ha un demonio. E` venuto il Figlio dell'uomo, che mangia e beve, e dicono: Ecco un mangione e un beone, amico dei pubblicani e dei peccatori. Ma alla sapienza è stata resa giustizia dalle sue opere. Allora si mise a rimproverare le città nelle quali aveva compiuto il maggior numero di miracoli, perché non si erano convertite: Guai a te, Corazin! Guai a te, Betsàida. Perché, se a Tiro e a Sidone fossero stati compiuti i miracoli che sono stati fatti in mezzo a voi, già da tempo avrebbero fatto penitenza, ravvolte nel cilicio e nella cenere. Ebbene io ve lo dico: Tiro e Sidone nel giorno del giudizio avranno una sorte meno dura della vostra. E tu, Cafarnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se in Sòdoma fossero avvenuti i miracoli compiuti in te, oggi ancora essa esisterebbe! Ebbene io vi dico: Nel giorno del giudizio avrà una sorte meno dura della tua!”.

Vangelo secondo Matteo cap. 25, 14-30: “Avverrà come di un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità, e partì.
Colui che aveva ricevuto cinque talenti, andò subito a impiegarli e ne guadagnò altri cinque. Così anche quello che ne aveva ricevuti due, ne guadagnò altri due. Colui invece che aveva ricevuto un solo talento, andò a fare una buca nel terreno e vi nascose il denaro del suo padrone.
Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò, e volle regolare i conti con loro. Colui che aveva ricevuto cinque talenti, ne presentò altri cinque, dicendo: Signore, mi hai consegnato cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque. Bene, servo buono e fedele, gli disse il suo padrone, sei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone. Presentatosi poi colui che aveva ricevuto due talenti, disse: Signore, mi hai consegnato due talenti; vedi, ne ho guadagnati altri due. Bene, servo buono e fedele, gli rispose il padrone, sei stato fedele nel poco, ti darò autorità su molto; prendi parte alla gioia del tuo padrone. Venuto infine colui che aveva ricevuto un solo talento, disse: Signore, so che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso; per paura andai a nascondere il tuo talento sotterra; ecco qui il tuo. Il padrone gli rispose: Servo malvagio e infingardo, sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l'interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. Perché a chiunque ha sarà dato e sarà nell'abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. E il servo fannullone gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti.
Deve rendere conto a Dio chi è stato incaricato di annunziare la Parola e non lo ha fatto, come anche colui al quale la Parola è stata annunziata e non l’ha fatta fruttificare.
Il vero credente nella Parola di Dio è Giona. Lui si rifiuta di recarsi a Ninive perché sapeva che se avesse proferito la Parola di Dio nella città, questa si sarebbe convertita e per questo fugge lontano dal Signore.
Giona cc. 3 e 4: “Fu rivolta a Giona una seconda volta questa parola del Signore: Alzati, va’ a Ninive la grande città e annunzia loro quanto ti dirò. Giona si alzò e andò a Ninive secondo la parola del Signore. Ninive era una città molto grande, di tre giornate di cammino. Giona cominciò a percorrere la città, per un giorno di cammino e predicava: Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta. I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, dal più grande al più piccolo. Giunta la notizia fino al re di Ninive, egli si alzò dal trono, si tolse il manto, si coprì di sacco e si mise a sedere sulla cenere. Poi fu proclamato in Ninive questo decreto, per ordine del re e dei suoi grandi: Uomini e animali, grandi e piccoli, non gustino nulla, non pascolino, non bevano acqua. Uomini e bestie si coprano di sacco e si invochi Dio con tutte le forze; ognuno si converta dalla sua condotta malvagia e dalla violenza che è nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si impietosisca, deponga il suo ardente sdegno sì che noi non moriamo? Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si impietosì riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece”.
“Ma Giona ne provò grande dispiacere e ne fu indispettito. Pregò il Signore: Signore, non era forse questo che dicevo quand'ero nel mio paese? Per ciò mi affrettai a fuggire a Tarsis; perché so che tu sei un Dio misericordioso e clemente, longanime, di grande amore e che ti lasci impietosire riguardo al male minacciato. Or dunque, Signore, toglimi la vita, perché meglio è per me morire che vivere! Ma il Signore gli rispose: Ti sembra giusto essere sdegnato così? Giona allora uscì dalla città e sostò a oriente di essa. Si fece lì un riparo di frasche e vi si mise all'ombra in attesa di vedere ciò che sarebbe avvenuto nella città.
Allora il Signore Dio fece crescere una pianta di ricino al di sopra di Giona per fare ombra sulla sua testa e liberarlo dal suo male. Giona provò una grande gioia per quel ricino. Ma il giorno dopo, allo spuntar dell'alba, Dio mandò un verme a rodere il ricino e questo si seccò. Quando il sole si fu alzato, Dio fece soffiare un vento d'oriente, afoso. Il sole colpì la testa di Giona, che si sentì venir meno e chiese di morire, dicendo: Meglio per me morire che vivere. Dio disse a Giona: Ti sembra giusto essere così sdegnato per una pianta di ricino? Egli rispose: Sì, è giusto; ne sono sdegnato al punto da invocare la morte! Ma il Signore gli rispose: Tu ti dai pena per quella pianta di ricino per cui non hai fatto nessuna fatica e che tu non hai fatto spuntare, che in una notte è cresciuta e in una notte è perita: e io non dovrei aver pietà di Ninive, quella grande città, nella quale sono più di centoventimila persone, che non sanno distinguere fra la mano destra e la sinistra, e una grande quantità di animali?”.
È questo il conto che dobbiamo rendere a Dio. È un conto eterno: di vita, o di morte, di Paradiso, o di inferno.
[14]Poiché dunque abbiamo un grande sommo sacerdote, che ha attraversato i cieli, Gesù, Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della nostra fede.
Con questo versetto si entra nel vivo della Lettera e della sua argomentazione. Ora viene annunciato Cristo, la Sua Persona, la Sua Opera, il Suo Sacrificio, i Frutti di esso. Il tutto ci viene offerto nella sua distinzione e differenza con quanto di analogo avveniva nell’Antico Testamento.
Chi è Cristo Gesù? La prima risposta è: un grande sommo sacerdote.
Ma chi era il sommo sacerdote? Era colui che compiva il grande rito di espiazione per il popolo. Ecco come ce lo presenta il Libro del Levitico (cfr. Lev. 16,1-34).
“Il Signore parlò a Mosè dopo che i due figli di Aronne erano morti mentre presentavano un'offerta davanti al Signore. Il Signore disse a Mosè: Parla ad Aronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualunque tempo nel santuario, oltre il velo, davanti al coperchio che è sull'arca; altrimenti potrebbe morire, quando io apparirò nella nuvola sul coperchio. Aronne entrerà nel santuario in questo modo: prenderà un giovenco per il sacrificio espiatorio e un ariete per l'olocausto. Si metterà la tunica sacra di lino, indosserà sul corpo i calzoni di lino, si cingerà della cintura di lino e si metterà in capo il turbante di lino. Sono queste le vesti sacre che indosserà dopo essersi lavato la persona con l'acqua.
Dalla comunità degli Israeliti prenderà due capri per un sacrificio espiatorio e un ariete per un olocausto. Aronne offrirà il proprio giovenco in sacrificio espiatorio e compirà l'espiazione per sé e per la sua casa. Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all'ingresso della tenda del convegno e getterà le sorti per vedere quale dei due debba essere del Signore e quale di Azazel. Farà quindi avvicinare il capro che è toccato in sorte al Signore e l'offrirà in sacrificio espiatorio; invece il capro che è toccato in sorte ad Azazel sarà posto vivo davanti al Signore, perché si compia il rito espiatorio su di lui e sia mandato poi ad Azazel nel deserto. Aronne offrirà dunque il proprio giovenco in sacrificio espiatorio per sé e, fatta l'espiazione per sé e per la sua casa, immolerà il giovenco del sacrificio espiatorio per sé.
Poi prenderà l'incensiere pieno di brace tolta dall'altare davanti al Signore e due manciate di incenso odoroso polverizzato; porterà ogni cosa oltre il velo. Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, perché la nube dell'incenso copra il coperchio che è sull'arca e così non muoia. Poi prenderà un po’ di sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il coperchio dal lato d'oriente e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al coperchio.
Poi immolerà il capro del sacrificio espiatorio, quello per il popolo, e ne porterà il sangue oltre il velo; farà con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del giovenco: lo aspergerà sul coperchio e davanti al coperchio. Così farà l'espiazione sul santuario per l'impurità degli Israeliti, per le loro trasgressioni e per tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda del convegno che si trova fra di loro, in mezzo alle loro impurità.
Nella tenda del convegno non dovrà esserci alcuno, da quando egli entrerà nel santuario per farvi il rito espiatorio, finché egli non sia uscito e non abbia compiuto il rito espiatorio per sé, per la sua casa e per tutta la comunità d'Israele. Uscito dunque verso l'altare, che è davanti al Signore, compirà il rito espiatorio per esso, prendendo il sangue del giovenco e il sangue del capro e bagnandone intorno i corni dell'altare. Farà per sette volte l'aspersione del sangue con il dito sopra l'altare; così lo purificherà e lo santificherà dalle impurità degli Israeliti. Quando avrà finito l'aspersione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare, farà accostare il capro vivo.
Aronne poserà le mani sul capo del capro vivo, confesserà sopra di esso tutte le iniquità degli Israeliti, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li riverserà sulla testa del capro; poi, per mano di un uomo incaricato di ciò, lo manderà via nel deserto. Quel capro, portandosi addosso tutte le loro iniquità in una regione solitaria, sarà lasciato andare nel deserto. Poi Aronne entrerà nella tenda del convegno, si toglierà le vesti di lino che aveva indossate per entrare nel santuario e le deporrà in quel luogo. Laverà la sua persona nell'acqua in luogo santo, indosserà le sue vesti e uscirà ad offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo e a compiere il rito espiatorio per sé e per il popolo. E farà ardere sull'altare le parti grasse del sacrificio espiatorio.
Colui che avrà lasciato andare il capro destinato ad Azazel si laverà le vesti, laverà il suo corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo. Si porterà fuori del campo il giovenco del sacrificio espiatorio e il capro del sacrificio, il cui sangue è stato introdotto nel santuario per compiere il rito espiatorio, se ne bruceranno nel fuoco la pelle, la carne e gli escrementi. Poi colui che li avrà bruciati dovrà lavarsi le vesti e bagnarsi il corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo. Questa sarà per voi una legge perenne: nel settimo mese, nel decimo giorno del mese, vi umilierete, vi asterrete da qualsiasi lavoro, sia colui che è nativo del paese, sia il forestiero che soggiorna in mezzo a voi. Poiché in quel giorno si compirà il rito espiatorio per voi, al fine di purificarvi; voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti al Signore. Sarà per voi un sabato di riposo assoluto e voi vi umilierete; è una legge perenne. Il sacerdote che ha ricevuto l'unzione ed è rivestito del sacerdozio al posto di suo padre, compirà il rito espiatorio; si vestirà delle vesti di lino, delle vesti sacre. Farà l'espiazione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare; farà l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della comunità. Questa sarà per voi legge perenne: una volta all'anno, per gli Israeliti, si farà l'espiazione di tutti i loro peccati. E si fece come il Signore aveva ordinato a Mosè”.
La prima differenza che qui viene affermata è questa: Gesù grande sommo sacerdote non entra nella tenda del convegno, né nel tempio costruito dall’uomo, anche se luogo della presenza di Dio.
Gesù entra nel cieli, li attraversa. Il Cielo è il luogo della dimora di Dio. Gesù va direttamente presso Dio, non sulla terra, ma nel Cielo. Lui entra nel Santuario del Cielo.
Perché entra nel Santuario del Cielo? Per compiere il sacrificio di espiazione per i peccati del popolo. Ma non di un popolo. Di ogni uomo.
La “liturgia” con Gesù si sposta dalla terra al cielo, dal tempio costruito da mani d’uomo, ad un tempio eterno, dimora eterna di Dio.
Cristo entra nel cielo. Accede direttamente al trono della gloria eterna di Dio. A Lui direttamente offre il sacrificio per il perdono dei peccati.
Ora interessa affermare questa prima differenza, che non è solo accidentale, è sostanziale. Gesù è Colui che può accedere al trono eterno di Dio nel Cielo. È Colui che può vedere Dio faccia a faccia e faccia a faccia può pregarlo, invocarlo, come un uomo fa con un altro uomo.
Mosè non vide mai la faccia di Dio. Né mai è salito al Cielo. Mosè ha incontrato il Signore sul monte e gli parlava dalla nube.
Anche questa è differenza sostanziale tra Cristo e Mosè. Se è sostanziale la differenza, sostanziale è anche la differenza con la Persona sia di Mosè che del sommo sacerdote.
Questa differenza è già stata presentata dall’Autore: tutti gli altri sono servi, ministri, strumenti. Gesù è il Figlio di Dio. Per questo può entrare nei Cieli, li può attraversare. Entra come Figlio. Li attraversa come Figlio. Si presenta al Padre come Figlio. Figlio non creato, ma generato, della stessa sostanza del Padre e questa generazione è eterna, prima della creazione del mondo.
Questa verità esige che noi manteniamo ferma la professione della nostra fede.
Qual è questa professione di fede? Quella accolta al momento in cui si è divenuti credenti?
Quale era allora questa professione di fede? Quella annunziata da Pietro negli Atti: “Non c’è altro nome nel quale è stabilito che possiamo essere salvati se non nel nome di Gesù Cristo il Nazareno”.
Gesù è l’unico Salvatore, il solo Redentore. Perché? Perché è l’unico sommo sacerdote che ha attraversato i Cieli per compiere per noi presso il Padre l’espiazione dei nostri peccati.
Chi non mantiene fede a questa professione di fede, ritornerà nella ritualità di un tempo, ai sommi sacerdoti di un tempo. Ma questi non danno salvezza, non offrono redenzione. Chi cade della fede, ritorna semplicemente nell’idolatria ed è idolatria ogni parola antica di Dio che non conduce alla nuova Parola di Dio, detta a noi in Cristo Gesù, compiuta per noi da Lui e in Lui.
[15]Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato.
In questo versetto viene affermata la vera umanità di Gesù. Egli è Figlio di Dio, ma anche Figlio dell’uomo, vero Dio e vero uomo.
Come vero uomo egli è stato provato in ogni cosa, a somiglianza di noi. L’unica cosa che Lui non ha conosciuto della nostra umanità è il peccato.
Egli è rimasto sempre nella Volontà di Dio, sempre nella Legge del Padre, in ogni cosa.
Lui sa cosa è la tentazione, sa cosa è la fame, la nudità, la povertà, il dolore, la persecuzione, ogni genere di sofferenza fisica e spirituale, del corpo e dell’anima.
In ogni prova egli è rimasto fedele a Dio. In ogni prova però ha sperimentato l’infermità della natura umana. Lui sa per esperienza personale di che cosa è fatto l’uomo, anche se lo sa attraverso una natura non concepita nel peccato originale. La sua è vera esperienza, come vera è la sua umanità.
Essendo Lui vero uomo al pari di noi, egli può venire in nostro soccorso. Ci può compatire, sa compatirci, proprio a motivo delle prove che egli ha subito per rimanere fedele a Dio.
Compatire le nostre infermità, o saper compatire le nostre infermità non deve significare “giustificare il nostro peccato”.
Il peccato non si giustifica, si scusa, si perdona, si espia, mai però si giustifica. Giustificare il peccato è dare ad esso il diritto di essere commesso come cosa buona, giusta, santa.
Mentre il peccato rimane sempre peccato, atto ingiusto dinanzi a Dio e agli uomini, azione di male, opera che è contro Dio e contro l’uomo, che distrugge la natura dell’uomo e la conduce nella morte.
Compatire le nostre infermità deve avere un solo significato: Gesù ci compatisce espiando per noi, ma anche donandoci la sua stessa forza perché noi non pecchiamo più.
Il compatimento diviene allora soffrire al posto nostro, espiare in vece nostra, ma per entrare noi nella grazia, nella verità, nella forza divina per crescere come Lui in grazia e in verità sino alla fine dei nostri giorni.
Lui è vero uomo. Conosce le difficoltà della nostra infermità. Anche Lui ha sperimentato la debolezza della carne. Anche Lui ha chiesto che si pregasse un poco insieme a Lui nell’orto degli ulivi.
Sapendo questo, egli soffre per noi, in vece nostra; ci dona la sua forza, la sua grazia, il suo Santo Spirito per renderci impeccabili, come Lui, dinanzi a Dio e agli uomini. A causa della sua compassione, per quello che Lui ha fatto per noi, la nostra natura, se lo vuole, può divenire impeccabile, può veramente vivere tutta e sempre nella Legge santa di Dio. Questa è la vera compassione di Cristo Gesù; questo il suo vero amore per noi, per tutti noi, per ogni uomo di ogni tempo e di ogni luogo.
La sua è una compassione che deve condurci all’impeccabilità, alla più alta santità. Altre interpretazioni non sono consentite. Verrebbero a contraddire intrinsecamente la compassione di Cristo, o la sua morte subita per noi, al posto nostro.
[16]Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno.
La compassione di Cristo diviene e si specifica come un trono di grazia. Ancora l’Autore non ci ha detto come tutto ciò sia avvenuto. Ci dice però il frutto del sacrificio di Cristo, o se si preferisce – per restare nel suo linguaggio, o più semplicemente in quello che ci ha insegnato fino a questo momento – qual è il frutto che l’azione di Cristo, che penetra nei cieli quale grande sommo sacerdote, ha prodotto per noi.
Entrando nei cieli, quale grande sommo sacerdote, Gesù è come se si fosse seduto sopra un trono di grazia. Presso di Lui ognuno può ricorrere per ricevere misericordia, per ottenere grazia, per essere aiutato al momento opportuno.
A questo trono di grazia però bisogna accostarsi, recarsi, andare, rivolgersi.
Come ci si reca e come ci si rivolge? Le vie sono due: con la fede in Cristo grande sommo sacerdote. Con la preghiera fiduciosa, che penetra nel cielo e muove il cuore di Cristo Gesù a compassione e a pietà.
A questo punto è giusto precisare due verità, che stanno molto a cuore all’Autore.
La grazia bisogna attingerla sempre, attimo per attimo, in ogni momento. Non c’è autonomia del cristiano da Cristo. Chi pensasse diversamente, si troverebbe fuori del cammino della salvezza.
La grazia si attinge perseverando nella fede, mai venendo meno in essa. Si accosta a questo trono della grazia chi ha fede; chi cade dalla fede non può accostarsi.
Come si può constatare, riappare sempre, anche se non in modo esplicito, il tema centrale della Lettera: Salva la fede in Cristo. Cristo è la nostra fede. Da questa fede non si può retrocedere, pena il fallimento della nostra esistenza terrena e la morte eterna.
Questa fede bisogna che ogni giorno venga rinsaldata nel cuore, nella mente, nello spirito, nell’anima, nello stesso corpo.
Questa fede bisogna respirare come l’aria. Anzi, più che l’aria. Questa fede deve crescere, maturare, fruttificare, raggiungere la sua più alta maturità ed espressività.
Questa fede deve trasformare tutta la nostra vita, fino a farla divenire ad immagine di essa. Poiché questa fede è Cristo ed è in Cristo, essa matura se la nostra vita diviene tutta simile a quella di Gesù Signore. È questa la vera maturità della nostra fede: divenire noi in tutto simili a Cristo, nella vita, nella morte, nella gloria, sulla terra, nel cielo.
Tutto però discende come grazia, misericordia, aiuto da Cristo, perché tutto è in Cristo non fuori di Lui.
A Lui allora bisogna accostarsi con piena fiducia, nella certezza di amore che Lui non potrà deluderci in niente. Il suo amore sarà sempre più grande del nostro e saprà venire incontro ad ogni nostra richiesta di un amore più grande, di un amore in noi simile al suo.
La ragione ultima della fiducia non è in noi, è in Cristo. È nel suo amore che si fa sacrificio per noi, senza che nessuno di noi lo chiedesse.
La fiducia trova la sua sorgente di verità nella carità del Padre che previene ogni nostra richiesta di salvezza e nell’amore di Cristo che si dona al Padre per la nostra redenzione eterna.
È questa la grandezza divina della fiducia del cristiano: l’amore di Dio che non delude perché è stato riversato tutto nei nostri cuori.
Dio ci ha dato tutto donandoci il Figlio. Il Figlio ci ha dato tutto, donandosi. Al Padre che dona il Figlio e al Figlio che dona se stesso non si può andare se non con fiducia. È il suo amore il trono della grazia, cui ci dobbiamo accostare con fiducia.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:57 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Il timore di essere esclusi. Si è esclusi dalla salvezza quando ci si esclude dalla fede. La salvezza è dalla fede. Chi si esclude dalla fede, si esclude anche dalla salvezza. Ognuno pertanto è chiamato a rimanere saldo, ancorato nella fede al fine di rimanere saldo e ancorato nella salvezza. La fede è in Cristo Gesù e nella sua Parola.
Relazione tra oggi, ieri, domani. La fede è accoglienza del mistero di Cristo Gesù, di tutto il suo mistero. Il mistero è stato compiuto in ogni sua parte da Gesù Signore e in ogni sua parte è stato annunziato. Il mistero che si è compiuto tutto, una volta per sempre, tutto non è stato ancora annunziato, o non è stato ancora annunziato tutto a tutti. La Chiesa ha l’obbligo di annunziarlo tutto a tutti, senza alcuna alterazione, cambiamento, o trasformazione. La Chiesa riceve il mistero dal passato, lo annunzia e lo vive tutto oggi, lo trasmette a quanti succedono nella storia, perché anche loro si lascino trasformare da quest’unico e solo mistero di vita. Senza il passato non c’è vero presente. Se il passato viene alterato, anche il presente viene trasformato. Ma se si trasforma, o si altera il passato, anche il presente risulterà alterato e diverrà un presente non salvato, non salvabile. Se il presente è alterato, anche il futuro sarà di conseguenza alterato e neanche esso potrà essere un futuro di salvezza per quanti lo riceveranno. Nasce per tutti l’urgenza, ma anche la grande responsabilità di trasmettere la fede integra, pura, nella santità più splendente. La salvezza è dalla fede. La fede è nella purezza del mistero. La purezza del mistero è nella purezza della Parola che lo annunzia. La purezza di domani è nella purezza di oggi e solo chi sa conservare pura e integra la fede oggi, potrà aiutare il domani a realizzarsi nella santità più pura e più santa.
Uniti nella fede. Uniti a chi? La fede si vive in unione e in comunione con ogni altro cristiano, si vive in unità con gli altri. C’è una unità di conforto e di sostegno ed è l’unità tra i cristiani che si incoraggiano e si stimolano a vicenda nella vita secondo la fede. Ma anche c’è una unità che è a fondamento della stessa fede. Questa unità è la comunione gerarchica con quanti nella Chiesa sono i ministri della Parola. La comunione e l’unità con loro è necessaria, anzi indispensabile, al fine di non rischiare di correre invano, di lavorare ma inutilmente. Sono i ministri della Parola, ognuno secondo la sua responsabilità che nasce dal Sacramento dell’ordine, a dare verità alla nostra fede e santità al nostro cammino.
Mediazione nel dono, nell’insegnamento, nella comprensione. Sono i ministri della Parola i mediatori di essa. La Parola ci è data per mezzo del loro ministero. La mediazione è nel dono: la Parola è data a loro perché siano loro a consegnarla a noi integra e pura, santa e immacolata così come è uscita dalla bocca e dal cuore di Gesù Signore. La mediazione è nell’insegnamento: sono loro che devono insegnarcela secondo la verità del mistero che la Parola contiene. La mediazione è anche nella comprensione: sono loro che devono aiutarci ad avere una corretta, esatta, perfetta comprensione di ogni Parola che Dio ha fatto risuonare tra noi per mezzo di Gesù Signore. Questa triplice mediazione nella Chiesa è affidata agli Apostoli e, in comunione gerarchica con loro, è affidata anche ai loro collaboratori nell’ordine episcopale che sono i sacerdoti. Il ministro della Parola dona la Parola, insegna secondo la Parola, ci offre ogni comprensione contenuta nella Parola. Se una sola di queste mediazioni viene omessa, non si esercita secondo pienezza di verità il ministero della Parola. Questo ministero fa la Parola vera, ma anche fa la Parola falsa. Questo ministero genera vita nel mondo, ma anche morte. Ogni ministro della Parola è responsabile di ogni morte che il tradimento del suo ministero genera nel mondo.
La verità della Parola è nel Mediatore di essa. Dicendo che la verità della Parola è nel Mediatore di essa si vuole dire che tutto è nell’opera e dall’opera del Mediatore. Se il Mediatore rimane nella verità della triplice mediazione (dono, insegnamento, comprensione) il mondo viene rischiarato dalla sua luce e la Parola brilla in tutto il suo splendore di verità. Se invece il Mediatore cade nella falsità, anche in una sola delle sue mediazioni, tutto il mondo sprofonda nella falsità. La Parola non cammina senza mediazione. La mediazione è il veicolo perenne della Parola. Sapendo questo, il Mediatore porrà ogni attenzione a che nessun elemento impuro si introduca nell’esercizio del suo triplice ministero di mediazione. Intere generazioni vengono contagiate da un insegnamento falso. Se questo insegnamento falso è dato ad altri che a loro volta dovranno essere mediatori della Parola, il danno sarà veramente incalcolabile ed irreparabile. Possiamo convincerci di questa verità pensando a tutto il male che una sola menzogna ha introdotto nel mondo: quella che il serpente disse ad Eva nel Giardino dell’Eden.
Apostolo: dono attuale della verità. Come la Parola non cammina da sola, ma attraverso il Mediatore costituito da Cristo Gesù, così anche la verità della Parola non cammina da sola, bensì mediante lo stesso Mediatore della Parola. La missione dell’Apostolo è proprio questa: dare ad ogni uomo sia la Parola nella sua più alta purezza e integrità, come anche la verità contenuta nella Parola nella sua attualità più pura e più santa. Potrà svolgere l’uno e l’altro ministero, se vivrà in perfetta santità e perennemente si lascerà guidare dallo Spirito del Signore, il solo che può mantenere nel cuore dell’Apostolo sia integra e pura la Parola, sia attuale la Verità che è tutta contenuta nella Parola.
L’eredità di Abramo è Gesù. Dicendo che Gesù è l’eredità di Abramo si vuole insegnare una sola verità: tutto il Nuovo Testamento è l’eredità dell’Antico. Se l’Antico Testamento non approda tutto nel Nuovo, in Cristo, esso è senza eredità. Se è senza eredità, è finito in se stesso, è morto. La sua vita è finita per sempre, in eterno. La verità dell’Antico Testamento è il Nuovo. Senza il Nuovo, l’Antico Testamento è senza verità. Quella che possiede non è la sua verità, perché la sua Verità è solo una: Cristo Gesù.
Il riposo di Dio è il vero riposo dell’uomo. Dalla terra promessa al cielo promesso. Il riposo nel quale il Signore vuole introdurre l’uomo non è l’antica Terra Promessa. Il risposo del Signore è il suo cielo, il suo paradiso. L’uomo entrerà nel riposo di Dio solo quando avrà raggiunto il Paradiso. Fino a quel momento dovrà camminare, senza mai fermarsi, per raggiungerlo. Fino al momento della morte non c’è riposo per l’uomo nel cammino della sua santità, nella verità e nella grazia; come anche non c’è riposo nell’acquisizione della verità o nella crescita in sapienza e grazia. Non c’è riposo né nella comprensione del mistero, né nella sua attuazione, o realizzazione sia come comunità che come singola persona. Chi si ferma a ieri, o anche ad oggi, si pone fuori del cammino verso il riposo eterno, nel Cielo.
Entrare e rimanere nella fede. Si entra ascoltando la Parola degli Apostoli. Si rimane ascoltando l’insegnamento degli Apostoli. Nella fede si entra e si rimane. Si entra per rimanere. Si rimane per crescere in essa. Si entra, ascoltando la Parola degli Apostoli. Si rimane ascoltando ancora una volta la Parola degli Apostoli. Si cresce di fede in fede ascoltando l’insegnamento degli Apostoli che hanno il mandato da parte di Cristo Gesù di aiutarci a crescere in una comprensione della fede sempre più grande. È questo il cammino di verità in verità, fino al possesso per noi della verità tutta intera. Ognuno ha un cammino personale nella verità ed è questa personalizzazione della verità la bellezza e la santità del cammino comunitario della fede.
La fede è nella Parola. La fonte della fede: Cristo. La fede nasce dalla Parola. Dove non c’è Parola, non c’è neanche fede. La Parola della fede è solo quella di Cristo Gesù. Dove non c’è la Parola di Cristo Gesù, neanche c’è fede. Cristo ha consegnato se stesso, la sua vita, la sua grazia, la sua verità agli Apostoli. Dove non c’è l’Apostolo del Signore, lì non c’è Cristo. Dove non c’è Cristo non c’è Parola di Cristo. Dove non c’è Parola di Cristo, lì non c’è semplicemente fede. Dove non c’è fede, ci sono solo credenze, ma la credenza non è fede, non è verità di fede e quindi non salva l’uomo.
Il principio diventa vera speranza: la Parola di Gesù. Non c’è speranza fuori della Parola di Dio e di Cristo Gesù, perché non c’è altra Parola creatrice, che crea quanto dice e realizza quanto promette. C’è speranza nella Parola di Gesù perché Dio e Cristo hanno garantito la loro Parola con la loro Onnipotenza creatrice dal nulla di ogni cosa. È questo il motivo per cui il ministro della Parola deve proferire solo la Parola di Cristo secondo la verità che Cristo ha messo nella Parola. Dio non garantisce nessuna parola d’uomo, neanche se detta nel suo nome. Dio si è reso garante, si rende garante, si renderà garante sempre è solo della sua Parola.
La fede è nella Parola e nell’insegnamento dell’Apostolo. Poiché Cristo Gesù si è consegnato tutto ai suoi Apostoli, non può esserci altra fede se non quella che nasce dalla Parola degli Apostoli, né altra comprensione della Parola se non quella che oggi gli Apostoli fanno risuonare per il mondo intero. L’apostolicità della fede è nota essenziale della stessa fede e dove non c’è l’apostolicità nella fede, lì semplicemente non c’è fede.
Portare la figura (AT) nella Realtà (NT), non la realtà (NT) nella figura (AT). La realtà, il compimento, la verità della fede è Cristo Gesù. Se tutto si compie in Cristo, tutto deve ricevere la sua verità da Cristo. Questo significa che dobbiamo sempre leggere l’Antico Testamento a partire dal Nuovo perché è il Nuovo la verità dell’Antico. Così anche dobbiamo aggiornare l’Antico Testamento sul Nuovo e non invece portare il Nuovo Nell’Antico. Questo vale per la Liturgia, per le forme di culto, per ogni preghiera. Tutto è reso vero da Cristo Gesù e fuori di Cristo Gesù non c’è verità. Ogni altra verità deve trovare la sua consistenza, la sua verifica, il suo discernimento in Cristo.
Fede nella Parola di Dio. Fede nella verità tutta intera. La fede che l’Autore chiede non è direttamente in Cristo, è fede nella Parola di Dio. Quale Parola di Dio? Quella proferita per mezzo di Mosè e dei Profeti. È quella Parola che annunzia Cristo, verso Cristo orienta, Cristo attende, in Cristo spera. È quella Parola che promette Cristo. Si chiede la fede in Cristo, ma come “contenuto”, o “verità” della Parola di Dio. Si chiede la fede in Cristo perché la Parola dice Cristo, si identifica con Cristo. Si crede in tutta la Parola e in tutta la verità che la Parola contiene, sia nella sua promessa che nel suo compimento. È questa la via della fede. È questa la vera questione da affrontare ed è, come spesso si è ripetuto, questione teologica. In quanto questione teologica si fa e diviene questione cristologica.
Oltre, verso il mistero. La Parola domanda di andare sempre oltre se stessa. Chiede di fissare lo sguardo nel mistero che essa annunzia e che anche si compie. C’è la Parola e c’è il mistero. Il mistero è infinitamente oltre ogni Parola perché il mistero riguarda Dio nella sua natura e nella trinità delle Persone divine. La Parola dice il mistero. La comprensione però non è affidata alla Parola, ma allo Spirito Santo, che deve condurre i credenti nella Chiesa verso la verità tutta intera. Deve condurli verso l’intelligenza piena del mistero divino, anche se questo mistero rimane sempre oltre, infinitamente oltre ogni possibile comprensione di mente creata.
Dio parla oggi. Dio è nella Parola, ma è anche fuori della Parola. Dio è trinità di Persone, unità di natura. Poiché Trinità di Persone, poiché Persone divine, è la Persona divina che entra in comunione con la persona umana, anche se lo fa attraverso la Parola. La Parola della Scrittura contiene tutto il mistero di Dio. Ci dice chi è Dio e cosa ha fatto per la nostra salvezza. Ci dice chi è Dio e chi è l’uomo. Cosa vuole Dio e cosa deve fare l’uomo. Ma quella Parola non è limitativa nei confronti del Signore. Dio ha parlato ieri, parla oggi. Parla non per dirci un altro mistero, o per aggiungere qualcosa a quel mistero che è Lui stesso e che ha tutto rivelato agli uomini, parla perché Persona che si intrattiene con altre persone. Parla per introdurre ogni uomo in una comunione sempre più intensa, più viva con Sé. Dio non ha finito di parlare, perché non ha finito di entrare in comunione con gli uomini. Parla con alcuni uomini per manifestare l’immensità di quell’amore e di quella verità che è tutta contenuta nella Parola storica che egli ha proferito e che è tutta contenuta nella Scrittura Santa (NT e AT). È sempre da una Parola proferita oggi da Dio che la vita di verità e di grazia ricomincia a fiorire sulla terra con più slancio, più vigore, più energia.
Verso la terra oltre ogni terra già conquistata. La Parola di Dio ha un unico fine, un solo scopo: condurre ogni uomo a Dio, inserendolo nel suo mistero di verità e di grazia, di santità, di carità. Questo inserimento sarà perfetto solo quando il cristiano raggiungerà la gloria del Paradiso. Fino a quell’istante l’uomo dovrà sempre camminare verso Dio. Mai dovrà, o potrà dire di essere pervenuto al raggiungimento del suo fine. Anche nella conoscenza e nella comprensione del mistero dovrà sempre crescere. Nessuno mai potrà dire: conosco Dio. Non ho bisogno di ulteriori conoscenze. Dio è infinito. L’uomo è finito. Il finito mai potrà esaurire in sé l’infinito. Il finito può sempre inoltrarsi verso l’infinito. In questo cammino, però, mai raggiungerà la fine. Questo cammino è sempre agli inizi.
Oltre l’Antico Testamento. Oltre la lettera del Nuovo. Bisogna andare oltre l’Antico Testamento, perché oltre l’Antico c’è il Nuovo. Chi non giunge al Nuovo Testamento e si ferma all’Antico non ha la vera conoscenza di Dio. Semplicemente non conosce Dio. Bisogna andare oltre la Lettera del Nuovo Testamento, perché la Lettera del Nuovo è portatrice di un mistero, di una verità che sono stati affidati allo Spirito perché ce li faccia comprendere nella loro più piena verità. La Chiesa cammina nella verità, ma cammina sempre verso la verità tutta intera. Ciò che conosce oggi è sempre poco per rapporto a ciò che è chiamata a conoscere della verità del suo Signore e Dio. Per questo ognuno deve volersi mettere quotidianamente in cammino, condotto dallo Spirito del Signore, verso la verità tutta intera. Nessuno potrà mai arrestare il cammino verso la verità tutta intera. Non potrà arrestarlo, perché nessuno potrà mai arrestare lo Spirito del Signore. È lo Spirito Santo il custode divino della verità di Dio. È Lui il Maestro che quotidianamente illumina le menti che a Lui si consegnano, perché la verità di Dio risplenda sulla terra con uno splendore sempre più intenso e sempre più luminoso.
Non fermare lo Spirito a “ieri”. La verità è sempre in cammino, perennemente in cammino verso la sua pienezza. Se la verità è in cammino, anche la comprensione di essa è in cammino. Chi conduce il cammino è lo Spirito del Signore. Fermare la verità a “ieri”, significa fermare lo Spirito a “ieri”. Questo non sarà mai possibile. Lo Spirito cammina e anche il cristiano deve camminare. Se non cammina, commette un grave peccato di omissione. Si rende responsabile di vivere una verità di ieri, anche di dare una verità di ieri, ad un uomo che vive oggi, che vuole camminare oggi con lo Spirito del Signore.
La religione bloccata. La religione viene bloccata quando il cammino della verità viene bloccato. Nessun teologo, nessun uomo di Dio, nessuna comprensione della verità, nessuna pratica religiosa è la fede, è la verità tutta intera verso cui conduce lo Spirito. Se ci convinciamo di questa verità, inizieremo a riprendere il cammino, a lasciare ciò che fu di ieri, perché oggi lo Spirito del Signore possa parlare ai nostri cuori e indicarci la via della verità e della vita cui vuole condurci il Padre nostro che è nei Cieli. Ognuno si ricordi: anche una sola pratica religiosa di ieri può bloccare il cammino della verità e della fede. Anche l’identificazione della fede con una pratica religiosa ferma la fede alla pratica di ieri e blocca il cammino della verità.
La Parola di Dio è viva. Partire sempre dalla Parola. La Parola di Dio è viva perché in essa c’è un germe di vita eterna, di verità, di santità e di giustizia che deve svilupparsi, crescere, produrre ogni frutto di verità, di carità, di fede, di speranza. Ognuno di noi, in modo particolare ogni ministro della Parola, è sempre dalla Parola che deve partire, la Parola deve dare, la Parola deve spiegare, la Parola annunziare, la Parola far comprendere. Ogni comprensione della verità è sempre una comprensione storica. Serviva per ieri, non può servire per oggi. Oggi l’uomo vive ed oggi lo Spirito deve parlare attraverso la Parola a quest’uomo storico, che vive qui ed ora in questo contesto e in questa realtà. Se dimentichiamo questo principio, diciamo verità che non lo interessano e se non lo interessano, non ci ascolta e se ne va, costruendosi lui stesso una sua parola, la quale, non essendo più la Parola di Cristo, diviene una parola che non lo salva, anzi lo conduce in una falsità ancora più grande. Ma di questo sono responsabili coloro che sono ministri della Parola. Il ministro della Parola deve dire sempre la verità tutta intera cui oggi lo ha condotto lo Spirito Santo. Per questo lui e lo Spirito Santo devono essere una sola verità, una sola comunione, una sola vita.
La Parola di Dio è efficace. La Parola di Dio è efficace perché è di Dio che è Onnipotente. È efficace la Parola di Dio secondo la verità tutta intera cui conduce lo Spirito Santo. Se l’uomo la sostituisce con la sua parola, o con una sua comprensione, la Parola di Dio non è più efficace. Non è più efficace perché non è più Parola di Dio. È semplicemente parola d’uomo. Dio garantisce solo la sua Parola secondo la sua attuale verità. Dio opera attraverso la sua Parola nella sua attuale verità più piena.
La parola di Dio è tagliente. La parola di Dio è tagliente, perché separa il bene dal male, taglia la storia, la vita in due: da una parte il bene e dall’altra parte il male, da una parte la luce e dall’altra le tenebre, da una parte la santità e dall’altra il peccato. La parola dell’uomo non è tagliente perché anziché separare il bene dal male, li confonde, anzi dice il male bene e il bene male. Questa è la differenza abissale che esiste tra la Parola di Dio e la parola dell’uomo.
La Parola di Dio penetra nei cuori. La Parola di Dio penetra nel cuore e lo mette in stato di conversione perché in essa opera ed agisce lo Spirito del Signore. Essendo essa portatrice di una verità assoluta, della stessa verità che è scritta nella natura dell’uomo, la Parola di Dio ognuno la può riconoscere nella sua verità. La Parola di Dio porta in se stessa il principio della sua verità. Essa è l’unica Parola che non deve cercare fuori di sé il principio della sua interiore verità e neanche ha bisogno di dimostrazione, poiché è lo Spirito Santo che la rende credibile al nostro cuore e intelligibile alla nostra intelligenza. Per questo motivo nessuno può nascondersi dinanzi ad essa. Chi si nasconde, lo fa in ragione della sua cattiva volontà. Non vuole abbandonare la via della falsità che percorre e per questo non solo si nasconde dalla Parola, ma anche la combatte. Vuole la sua distruzione per poter continuare a vivere nel proprio peccato, nella propria falsità, nel proprio errore.
La Parola assume, non si identifica. La Parola di Dio essendo all’origine di ogni verità, essendo anche il fondamento e il principio di ogni verità di salvezza e di redenzione, assume ogni realtà per condurla nella salvezza e nella santità di Dio, ma non si identifica con nessuna realtà assunta e con nessuna forma storica che l’ha precedentemente incarnata. Essa è dentro le cose assunte, ma anche fuori di esse. Anche quelle che sono fuori di essa è necessario che entrino in essa, senza però avere la pretesa di esaurire la forza vitale della Parola che precede sempre ogni cosa, ma anche segue sempre ogni cosa. La Parola di Dio è realtà soprannaturale, divina, santa. Essa è purissima trascendenza che non si identifica con nessuna immanenza. Ogni santità è nella Parola e dalla Parola, ma nessuna santità esaurisce la Parola, o la santità che nasce dalla Parola. Chi cammina con questo principio di fede saprà sempre che tutto è dinanzi a sé e che niente è dietro di sé.
Stabilità di grazia, stabilità di parola. Chi vuole camminare nella verità della Parola, deve iniziare un vero cammino di santità. Santità e verità camminano insieme. Chi non cammina nella santità non cammina neanche nella verità e chi non cammina nella verità attuale dello Spirito del Signore neanche si può santificare, perché la santità altro non è che la verità conosciuta nell’oggi dello Spirito del Signore realizzata in ogni sua parte nella nostra vita. La stabilità nella grazia e il nostro cammino in essa dice anche stabilità della nostra permanenza nella verità della Parola e cammino in essa. Chi non cresce in santità attesta che non è cresciuto in verità, ma anche chi non cresce in verità attesta di non essere cresciuto in santità.
Vero esempio di fede nella Parola: Giona. Nella Scrittura Antica Giona è vero esempio di fede nella Parola di Dio perché lui si rifiuta di andare a predicare a Ninive perché credeva che se lui si fosse recato e avesse proferito la Parola di Dio, così come il Signore l’aveva detta a lui, tutta la Città si sarebbe convertita e Dio avrebbe perdonato loro ogni peccato. Cosa che in verità è avvenuta. Giona predicò, la Città si convertì, Dio perdonò i loro peccati.
Grande sommo sacerdote che attraversa i cieli. La Parola annunzia che Cristo è il sommo sacerdote, perché tale è stato costituito da Dio. Cristo Gesù non è entrato però in un santuario fatto da mano d’uomo. Cristo Gesù è entrato direttamente nel Cielo. È nel Cielo, quale sommo sacerdote della Nuova Alleanza, che intercede perché siano perdonati i nostri peccati. Cristo è vero sommo sacerdote. La sua è vera intercessione. Il suo è vero sacrificio.
Mantenere ferma la professione della fede. Chi vuole entrare nella salvezza di Dio, deve mantenere ferma la professione della fede. Qual è la professione della fede? Essa è una sola: Non c’è salvezza se non per mezzo del sacerdozio di Cristo Gesù. Chi non mantiene ferma questa professione di fede, chi retrocede da essa, chi abbandona Cristo, abbandona semplicemente la via della salvezza e ritorna nel suo peccato.
La Parola e l’idolatria che scaturisce da essa. La Parola di Dio è verità. Se si accoglie la Parola, ma non la verità tutta intera verso cui conduce lo Spirito Santo, prima o poi il cristiano diventa idolatra. È idolatra perché crede in una Parola senza verità, senza salvezza. È idolatra perché crede in una Parola vana. È vana ogni Parola di Dio che è senza la verità attuale dello Spirito del Signore.
Ha sperimentato l’infermità della natura umana. Quella che ha rivestito Cristo è vera umanità. Questa umanità egli ha condotto nella più alta e perfetta obbedienza, fino alla morte di croce. Avendo egli sperimentato tutta la fragilità della natura umana, egli è in grado di provare compassione per noi. La compassione si trasforma in un dono più grande di grazia perché anche noi possiamo percorrere il suo stesso cammino di obbedienza, fino al dono pieno della vita al Signore nel compimento della sua volontà.
Compatire non è giustificare. La vera compassione di Gesù. Compassione per la nostra impeccabilità. La compassione di Cristo non è giustificazione della nostra fragilità. È invece dono della sua vita al Padre perché il Padre ci conceda ogni grazia per il superamento della nostra fragilità. La compassione di Cristo non è perché noi continuiamo a peccare. È invece perché noi non pecchiamo più in eterno. Lui ci ricolma della sua grazia, della sua verità, del suo Santo Spirito e noi diveniamo impeccabili. Siamo impeccabili perché Lui ha avuto compassione di noi e per noi è morto ed è risorto. Questa è la vera compassione di Cristo. Altre forme, o modi di comprendere la compassione di Cristo, tutti finalizzati alla giustificazione del nostro stato peccaminoso, non sono vere. Sono frutti del nostro cuore perverso che di tutto si serve, anche delle cose più sante, a giustificazione della propria falsità e cattiveria. Molti sono coloro che cadono in questo errore. Moltissimi coloro che si giustificano in ogni loro trasgressione facendo appello alla loro fragilità umana.
La grazia si attinge con la fede. La grazia della salvezza, che è frutto della giusta, vera, santa compassione di Cristo Gesù, viene data all’uomo per mezzo della fede. Lui crede in Cristo suo Salvatore e Redentore, crede nella Parola della salvezza e della Redenzione, si converte ad essa, vive in essa, e da questa vita e da questa fede ogni abbondanza di grazia si riversa su di lui per la sua redenzione eterna. Tutto si compie in noi per mezzo della fede. Niente avviene per chi si pone fuori della fede. Senza fede non possiamo accedere al trono della grazia di Dio. La prima fede da possedere è questa: la Parola di Dio è vera e si compie in ogni sua parte. Si compie perché Dio l’ha detta e ciò che Dio dice è anche capace di realizzarlo. Lui è Onnipotente, Signore del cielo e della terra, Lui è il Creatore di tutto ciò che esiste. La seconda fede invece è: tutto Dio compie per amore di colui che lo ama. Ama Dio chi osserva la sua Parola. Dio compie la parola di chi lo invoca, perché chi lo invoca compie la Parola di Dio. La terza fede è questa: Dio compie ogni cosa secondo la sua eterna scienza, intelligenza, sapienza. Ogni grazia è in questa triplice fede e da questa triplice fede. È fede: tutto è grazia. Tutto si attinge in Dio. Tutto si deve chiedere nella fede per mezzo della preghiera.
Tutto è in Cristo, non fuori di Lui. Ogni grazia che il Padre ci dona, ce la dona in Cristo, con Cristo, per mezzo di Cristo. Tutto infatti Egli ha dato al Figlio suo Diletto e tutto deve donarci per Lui, in Lui, con Lui. Chi vuole accedere al trono della grazia di Dio deve essere in Cristo, vivere di perfetta comunione con il suo corpo mistico, chiedere a Cristo Gesù che si faccia sua voce presso il Padre, perché il Padre non conosce altra voce se non quella di suo Figlio Gesù. Solo così si prega per mezzo di Lui. È questo il grande mistero della preghiera e della mediazione di Cristo Gesù, ma è anche questo il grande mistero della comunione all’interno del corpo mistico di Cristo. Se prega Cristo, non prega solo una cellula di Cristo, prega tutto il corpo di Cristo. Se prega Cristo non prega solo per una parte del suo corpo, prega per tutto il corpo. Tutto il corpo prega per tutto il corpo, ma prega perché corpo del Signore Gesù. È questa verità la forza della preghiera cristiana. È in questa verità che dovremmo portare ogni preghiera nella Chiesa. È da questa verità che dovremmo sempre pregare.
La ragione della fiducia non è in noi, ma in Cristo. Noi possiamo accedere a Dio Padre con fiducia di essere esauditi. La fiducia però non è da fondare in noi stessi, nei nostri meriti, o nella nostra santità. La fiducia bisogna fondarla su Cristo e su di Lui solamente. È Lui l’unico che il Padre ascolta. È in Lui che ogni preghiera viene ascoltata, ma è anche per mezzo di Lui che ogni preghiera deve essere elevata. Chi vive santamente questa regola, chi ha fede in Cristo e vive con Lui una relazione di perfetto ascolto della sua Parola, chi mette in pratica il Vangelo, solo costui ha fiducia nella preghiera di Cristo Gesù, solo costui può avere fiducia. Chi non vive la sua Parola non può avere fiducia, perché lui è fuori di Cristo, non è in Cristo, non vive con Cristo, né per Lui. La Parola vissuta è il fondamento della fiducia nell’esaudimento di ogni nostra preghiera.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 12:59 PM
CAPITOLO QUINTO


CRISTO VERO PONTEFICE
[1]Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati.
Viene definito in questo versetto qual è il ministero del sommo sacerdote.
Prima di tutto viene affermato che ogni sommo sacerdote è preso fra gli uomini. Egli è uomo fra gli uomini, fratello tra i fratelli, figlio di Adamo tra i figli di Adamo.
Viene qui espressa la sua appartenenza alla natura umana, che è il dato costitutivo del suo essere sommo sacerdote.
Nessuno si fa sommo sacerdote. Il sommo sacerdote viene fatto. Anche questo è dato essenziale del suo essere.
Precisate queste due verità – vera umanità e vera chiamata, o elezione – è detto cosa fa un sommo sacerdote.
Egli vive il suo ministero per il bene degli uomini. Il suo è ministero non a servizio, o a beneficio della Sua persona, bensì per il bene dei suoi fratelli. Egli vive in funzione dei suoi fratelli. Egli è per gli altri, non per se stesso.
Questa verità primaria della sua vocazione e del suo ministero. La sua è una vita consacrata al bene dei fratelli.
Qual è il bene dei fratelli? Non certo quello materiale. È invece il bene spirituale. È il bene nelle cose che riguardano Dio.
Lui è per questo bene. Altri si dedicheranno ad ogni altro bene. Lui non può, non deve, perché è costituito per il bene dei fratelli nelle cose che riguardano Dio.
Ora viene indicato uno di questi beni. Non è l’unico, non è l’esclusivo, ma è essenziale: offrire sacrifici e olocausti per i peccati.
Egli è chiamato ad essere strumento di riconciliazione tra Dio e l’uomo. A Dio deve offrire il sacrificio espiatorio per il perdono dei peccati; all’uomo deve offrire da parte di Dio il suo perdono, la sua misericordia, la sua benevolenza.
Egli è visto in questo primo versetto come un intercessore, uno che sta di fronte a Dio in favore del popolo.
C’è un Salmo che ci presenta un’immagine viva di questa intercessione. È una intercessione di preghiera ed è di Mosè, che non è sacerdote, ma vive una particolare mediazione di salvezza.
Così il Salmo 105: “Alleluia. Celebrate il Signore, perché è buono, perché eterna è la sua misericordia. Chi può narrare i prodigi del Signore, far risuonare tutta la sua lode? Beati coloro che agiscono con giustizia e praticano il diritto in ogni tempo. Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo, visitaci con la tua salvezza, perché vediamo la felicità dei tuoi eletti, godiamo della gioia del tuo popolo, ci gloriamo con la tua eredità. Abbiamo peccato come i nostri padri, abbiamo fatto il male, siamo stati empi. I nostri padri in Egitto non compresero i tuoi prodigi, non ricordarono tanti tuoi benefici e si ribellarono presso il mare, presso il mar Rosso. Ma Dio li salvò per il suo nome, per manifestare la sua potenza. Minacciò il mar Rosso e fu disseccato, li condusse tra i flutti come per un deserto; li salvò dalla mano di chi li odiava, li riscattò dalla mano del nemico. L'acqua sommerse i loro avversari; nessuno di essi sopravvisse.
Allora credettero alle sue parole e cantarono la sua lode. Ma presto dimenticarono le sue opere, non ebbero fiducia nel suo disegno, arsero di brame nel deserto, e tentarono Dio nella steppa. Concesse loro quanto domandavano e saziò la loro ingordigia.
Divennero gelosi di Mosè negli accampamenti, e di Aronne, il consacrato del Signore. Allora si aprì la terra e inghiottì Datan, e seppellì l'assemblea di Abiron. Divampò il fuoco nella loro fazione e la fiamma divorò i ribelli.
Si fabbricarono un vitello sull'Oreb, si prostrarono a un'immagine di metallo fuso; scambiarono la loro gloria con la figura di un toro che mangia fieno. Dimenticarono Dio che li aveva salvati, che aveva operato in Egitto cose grandi, prodigi nel paese di Cam, cose terribili presso il mar Rosso. E aveva già deciso di sterminarli, se Mosè suo eletto non fosse stato sulla breccia di fronte a lui, per stornare la sua collera dallo sterminio.
Rifiutarono un paese di delizie, non credettero alla sua parola. Mormorarono nelle loro tende, non ascoltarono la voce del Signore. Egli alzò la mano su di loro giurando di abbatterli nel deserto, di disperdere i loro discendenti tra le genti e disseminarli per il paese. Si asservirono a Baal-Peor e mangiarono i sacrifici dei morti, provocarono Dio con tali azioni e tra essi scoppiò una pestilenza. Ma Finees si alzò e si fece giudice, allora cessò la peste e gli fu computato a giustizia presso ogni generazione, sempre.
Lo irritarono anche alle acque di Meriba e Mosè fu punito per causa loro, perché avevano inasprito l'animo suo ed egli disse parole insipienti. Non sterminarono i popoli come aveva ordinato il Signore, ma si mescolarono con le nazioni e impararono le opere loro. Servirono i loro idoli e questi furono per loro un tranello. Immolarono i loro figli e le loro figlie agli dei falsi. Versarono sangue innocente, il sangue dei figli e delle figlie sacrificati agli idoli di Canaan; la terra fu profanata dal sangue, si contaminarono con le opere loro, si macchiarono con i loro misfatti. L'ira del Signore si accese contro il suo popolo, ebbe in orrore il suo possesso; e li diede in balìa dei popoli, li dominarono i loro avversari, li oppressero i loro nemici e dovettero piegarsi sotto la loro mano. Molte volte li aveva liberati; ma essi si ostinarono nei loro disegni e per le loro iniquità furono abbattuti. Pure, egli guardò alla loro angoscia quando udì il loro grido. Si ricordò della sua alleanza con loro, si mosse a pietà per il suo grande amore. Fece loro trovare grazia presso quanti li avevano deportati. Salvaci, Signore Dio nostro, e raccoglici di mezzo ai popoli, perché proclamiamo il tuo santo nome e ci gloriamo della tua lode. Benedetto il Signore, Dio d'Israele da sempre, per sempre. Tutto il popolo dica: Amen”.
Nel Siracide (cap. 45) si dice invece sempre a proposito di Mosè e di Aronne in particolare: “Da lui fece sorgere un uomo di pietà, che riscosse una stima universale e fu amato da Dio e dagli uomini: Mosè, il cui ricordo è benedizione. Lo rese glorioso come i santi e lo rese grande a timore dei nemici. Per la sua parola fece cessare i prodigi e lo glorificò davanti ai re; gli diede autorità sul suo popolo e gli mostrò una parte della sua gloria. Lo santificò nella fedeltà e nella mansuetudine; lo scelse fra tutti i viventi. Gli fece udire la sua voce; lo introdusse nella nube oscura e gli diede a faccia a faccia i comandamenti, legge di vita e di intelligenza, perché spiegasse a Giacobbe la sua alleanza, i suoi decreti a Israele.
Egli innalzò Aronne, santo come lui, suo fratello, della tribù di Levi. Stabilì con lui un'alleanza perenne e gli diede il sacerdozio tra il popolo. Lo onorò con splendidi ornamenti e gli fece indossare una veste di gloria. Lo rivestì con tutta la magnificenza, lo adornò con paramenti maestosi: calzoni, tunica e manto. All'orlo della sua veste pose melagrane, e numerosi campanelli d'oro all'intorno, che suonassero al muovere dei suoi passi, diffondendo il tintinnio nel tempio, come richiamo per i figli del suo popolo. L'ornò con una veste sacra, d'oro, violetto e porpora, capolavoro di ricamo; con il pettorale del giudizio, con i segni della verità, e con tessuto di lino scarlatto, capolavoro di artista; con pietre preziose, incise come sigilli, su castoni d'oro, capolavoro di intagliatore, quale memoriale con le parole incise secondo il numero delle tribù di Israele. Sopra il turbante gli pose una corona d'oro con incisa l'iscrizione sacra, insegna d'onore, lavoro stupendo, ornamento delizioso per gli occhi.
Prima di lui non si erano viste cose simili, mai un estraneo le ha indossate; esse sono riservate solo ai suoi figli e ai suoi discendenti per sempre. I suoi sacrifici vengono tutti bruciati, due volte al giorno, senza interruzione. Mosè lo consacrò e l'unse con l'olio santo. Costituì un'alleanza perenne per lui e per i suoi discendenti, finché dura il cielo: quella di presiedere al culto ed esercitare il sacerdozio e benedire il popolo nel nome del Signore. Il Signore lo scelse tra tutti i viventi perché gli offrisse sacrifici, incenso e profumo come memoriale e perché compisse l'espiazione per il suo popolo. Gli affidò i suoi comandamenti, il potere sulle prescrizioni del diritto, perché insegnasse a Giacobbe i decreti e illuminasse Israele nella sua legge.
Contro di lui insorsero uomini estranei e furono gelosi di lui nel deserto; erano gli uomini di Datan e di Abiron e quelli della banda di Core, furiosi e violenti. Il Signore vide e se ne indignò; essi finirono annientati nella furia della sua ira. Egli compì prodigi a loro danno per distruggerli con il fuoco della sua fiamma.
E aumentò la gloria di Aronne, gli assegnò un patrimonio, gli riservò le primizie dei frutti, dandogli innanzi tutto pane in abbondanza. Si nutrono infatti delle vittime offerte al Signore che egli ha assegnato ad Aronne e ai suoi discendenti. Tuttavia non ha un patrimonio nel paese del popolo, non c'è porzione per lui in mezzo al popolo, perché il Signore è la sua parte e la sua eredità. Pincas, figlio di Eleazaro, fu il terzo nella gloria per il suo zelo nel timore del Signore per la sua fermezza quando il popolo si ribellò, egli infatti intervenne con generoso coraggio e placò Dio in favore di Israele. Per questo fu stabilita con lui un'alleanza di pace, perché presiedesse al santuario e al popolo; così a lui e alla sua discendenza fu riservata la dignità del sacerdozio per sempre. Ci fu anche un'alleanza con Davide, figlio di Iesse, della tribù di Giuda; la successione reale dal padre a uno solo dei figli, la successione di Aronne, a tutta la sua discendenza. Vi infonda Dio sapienza nel cuore per governare il popolo con giustizia, perché non scompaiano le virtù dei padri e la loro gloria nelle varie generazioni”.
Possiamo così riassumere le cose che riguardano Dio:
il dono della Legge e il suo insegnamento;
l’espiazione dei peccati;
la preghiera di intercessione a favore del popolo.
Tra Dio e il popolo c’è un uomo. Quest’uomo deve curare gli interessi di Dio in mezzo al popolo. Deve curare gli interessi del popolo dinanzi a Dio.
È il grande mistero della mediazione.
Il Libro del Levitico, nella prima parte, è tutta una descrizione di come si compiva il sacrificio, presentando singolarmente e con esattezza di particolari ogni tipo sacrificio. Al di là del fatto puramente rituale, o storico, attesta una verità: Dio è Santo e la santità si addice ai suoi figli. “Siate Santi, perché io, il Signore Dio vostro, sono santo”.
Le cose che riguardano Dio sono la manifestazione della sua santità nel popolo attraverso la santificazione di ogni singola persona.
Il sacerdote è l’uomo della santità. Questo è il suo ministero: fare santi, ad immagine del Dio tre volte santo, tutti gli uomini, il mondo intero.
[2]In tal modo egli è in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell'ignoranza e nell'errore, essendo anch'egli rivestito di debolezza;
Si è detto che il sommo sacerdote è uomo tra gli uomini, affermando così la verità della sua natura umana.
Proprio partendo da questa natura, l’Autore dice cosa deve fare il sacerdote, o cosa è in grado di fare.
Egli si deve vestire di compassione, deve essere l’uomo della compassione, della misericordia, della pietà, della grande carità.
Lui è uomo. Sente dentro di sé la debolezza della natura umana, la sua fragilità. Egli deve portare questa debolezza e questa fragilità alla santità, nella verità di Dio. Non solo la sua debolezza e fragilità, ma la debolezza e la fragilità di ogni uomo, dell’intero popolo, deve condurre alla santità, nella verità di Dio.
Per questo egli deve sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore. Deve fare suoi sia l’ignoranza che l’errore e avere per gli altri tanta compassione e tanta misericordia come per se stesso, anzi più che per se stesso.
L’ignoranza e l’errore sono nelle cose che riguardano Dio. L’ignoranza è ignoranza della verità, che nasce dalla non conoscenza della Legge di Dio.
La giusta compassione vuole che egli si pieghi su questa ignoranza e la estirpi con ogni saggezza e sapienza di dottrina, con ogni insegnamento.
Se non fa questo, egli non sente giusta compassione. Perché non è compassione condannare l’ignoranza; è giusta compassione togliere l’ignoranza e questa si toglie in un solo modo: giorno per giorno annunziando, insegnando, spiegando, ammaestrando, impartendo lezioni sulla Legge del Signore.
Il sacerdote deve essere un esperto conoscitore della Legge di Dio. Egli deve vivere in funzione della Legge e solo per essa: per la sua conoscenza e per il suo insegnamento.
L’amore per la legge fa di un sacerdote un uomo di vera, giusta, santa compassione.
L’altra compassione è per l’errore. L’errore è ogni trasgressione della Legge, fatta sia con coscienza, sia per incoscienza, o non conoscenza, sia per cattiveria, o malvagità che per fragilità, sia con volontà, sia senza volontà, per abitudine, per vizio, per qualunque altra causa, o motivo.
Non c’è motivo alcuno che giustifichi la trasgressione della Legge del Signore. Questa è la prima e fondamentale verità.
Il Sacerdote, con tutta la compassione che nasce dal suo cuore, deve insegnare come si osserva la Legge del Signore in ogni sua parte, anche la più piccola ed insignificante per la coscienza di un uomo. Deve altresì riparare ogni trasgressione, ogni violazione, ogni peccato, ogni errore.
Lo deve fare offrendo i sacrifici per i peccati, lo deve fare con la sua personale intercessione.
La giusta compassione del sacerdote si vive nella sua quotidiana intercessione.
L’intercessione consta di due opere: l’impetrazione del perdono, la richiesta di ogni grazia perché il peccato non si commetta.
[3]proprio a causa di questa anche per se stesso deve offrire sacrifici per i peccati, come lo fa per il popolo.
Si è detto che il sommo sacerdote è scelto tra gli uomini e che lui è rivestito di vera umanità. Essendo vera umanità, anche egli è rivestito di fragilità.
La fragilità porta anche lui a peccare. Lui non è impeccabile per ministero, per ufficio. Lui dovrà divenire impeccabile per grazia, per dono dall’Alto.
A causa della fragilità della sua natura umana, allo stesso modo che sente giusta compassione per gli altri, deve sentirla anche per se stesso e per questo anche per i suoi peccati è giusto che offra il sacrificio di espiazione, di purificazione, come lo fa per il popolo.
Questa verità ci fa vedere un uomo immerso nell’umanità, che è parte di questa umanità, che santifica l’umanità santificandosi, espia il peccato degli altri espiando il proprio, insegna la Legge di Dio ai fratelli insegnandola a sé stesso in una ricerca costante di elevazione, di santificazione, di purificazione.
Il più grande e tremendo errore che un sacerdote può commettere è proprio questo: separarsi dagli altri, considerarsi appartenente ad un’altra natura, porsi fuori della legge della fragilità che avvolge la natura umana.
Questo si può fare in due modi:
Attraverso il peccato della superbia e della presunzione che gli va vedere santa la sua umanità e peccatrice l’umanità degli altri, dinanzi ai quali si pone con la sufficienza e l’alterigia del giudice implacabile che emette sentenze di condanna, di rimprovero, di accusa, senza alcuna pietà e commiserazione.
Attraverso il chiudersi nel suo mondo fatto di sola sacralità, ignorando e dimenticandosi del tutto della giusta compassione che deve portarlo ad eliminare tra il popolo ogni ignoranza e ogni errore.
Un sacerdote così non serve a Dio, non serve all’uomo. A Dio e agli uomini serve un sacerdote che vive la piena appartenenza a questa umanità fragile e peccatrice, ignorante e trasgreditrice dei comandamenti di Dio, della Sua santissima Legge e che con ogni impegno purifica se stesso e aiuta i suoi fratelli a crescere in sapienza e grazia come lui stesso cresce ogni giorno.
Il sacerdote è colui che quotidianamente estirpa il peccato dalla sua natura umana perché possa aiutare i suoi fratelli a fare altrettanto.
Giusta compassione mai deve significare compatimento del peccato dei fratelli o sua giustificazione. La giusta compassione espia, elimina, toglie, purifica, perdona, santifica, eleva. Ogni altra forma di relazionarsi con il peccato degli uomini non è forma santa, voluta da Dio. Ogni altra forma deve essere bandita, eliminata.
[4]Nessuno può attribuire a se stesso questo onore, se non chi è chiamato da Dio, come Aronne.
Viene ora chiarita la prima verità annunziata, quando si è definito il ruolo e il ministero del sommo sacerdote. Rileggiamo: “Ogni sommo sacerdote, preso fra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati”.
È detto: preso fra gli uomini, viene costituito.
È preso da Dio e da Dio è costituito. La legge del sacerdozio non la stabilisce l’uomo, nessun uomo, neanche la Chiesa può stabilirla. La legge del sacerdozio la stabilisce Dio e solo Lui e Lui l’ha stabilita prima con Aronne, poi con Cristo Gesù.
La prima legge è questa: è Dio che chiama al Sacerdozio. È Lui che prende. È Lui che sceglie. È Lui che suscita nel cuore il desiderio. È Lui che determina la volontà. Tutto è da Lui. Ma anche tutto è per Lui.
L’onore del sacerdozio nessuno se lo può attribuire, né altri lo possono attribuire, al di fuori della legge di Dio. Questa è verità eterna e tale deve rimanere nei secoli.
Nell’Antica Alleanza il Sacerdozio, per Legge divina, apparteneva solo ad Aronne e alla sua discendenza. A nessun altro.
Nell’Esodo al capitolo 28 viene manifestata non solo la scelta di Dio che cade su Aronne e sui suoi figli, sulla sua discendenza, ma anche la cura dei particolari nella modalità e nella forma di essere sacerdoti dinanzi a Dio e al suo popolo:
“Tu fa’ avvicinare a te tra gli Israeliti, Aronne tuo fratello e i suoi figli con lui, perché siano miei sacerdoti; Aronne e Nadab, Abiu, Eleazaro, Itamar, figli di Aronne. Farai per Aronne, tuo fratello, abiti sacri, che esprimano gloria e maestà. Tu parlerai a tutti gli artigiani più esperti, ai quali io ho dato uno spirito di saggezza, ed essi faranno gli abiti di Aronne per la sua consacrazione e per l'esercizio del sacerdozio in mio onore. Ed ecco gli abiti che faranno: il pettorale e l'efod, il manto, la tunica damascata, il turbante e la cintura. Faranno vesti sacre per Aronne tuo fratello e per i suoi figli, perché esercitino il sacerdozio in mio onore.
Essi dovranno usare oro, porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso. Faranno l'efod con oro, porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto, artisticamente lavorati. Avrà due spalline attaccate alle due estremità e in tal modo formerà un pezzo ben unito. La cintura per fissarlo e che sta sopra di esso sarà della stessa fattura e sarà d'un sol pezzo: sarà intessuta d'oro, di porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto. Prenderai due pietre di ònice e inciderai su di esse i nomi degli Israeliti: sei dei loro nomi sulla prima pietra e gli altri sei nomi sulla seconda pietra, in ordine di nascita. Inciderai le due pietre con i nomi degli Israeliti, seguendo l'arte dell'intagliatore di pietre per l'incisione di un sigillo; le inserirai in castoni d'oro. Fisserai le due pietre sulle spalline dell'efod, come pietre che ricordino presso di me gli Israeliti; così Aronne porterà i loro nomi sulle sue spalle davanti al Signore, come un memoriale.
Farai anche i castoni d'oro e due catene d'oro in forma di cordoni, con un lavoro d'intreccio; poi fisserai le catene a intreccio sui castoni. Farai il pettorale del giudizio, artisticamente lavorato, di fattura uguale a quella dell'efod: con oro, porpora viola, porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto. Sarà quadrato, doppio; avrà una spanna di lunghezza e una spanna di larghezza. Lo coprirai con una incastonatura di pietre preziose, disposte in quattro file. Una fila: una cornalina, un topazio e uno smeraldo: così la prima fila. La seconda fila: un turchese, uno zaffìro e un berillo. La terza fila: un giacinto, un'àgata e un'ametista. La quarta fila: un crisòlito, un ònice e un diaspro. Saranno inserite nell'oro mediante i loro castoni. Le pietre corrisponderanno ai nomi degli Israeliti: dodici, secondo i loro nomi, e saranno incise come sigilli, ciascuna con il nome corrispondente, secondo le dodici tribù. Poi farai sul pettorale catene in forma di cordoni, lavoro d'intreccio d'oro puro. Farai sul pettorale due anelli d'oro e metterai i due anelli alle estremità del pettorale. Metterai le due catene d'oro sui due anelli alle estremità del pettorale. Quanto alle due altre estremità delle catene, le fisserai sui due castoni e le farai passare sulle due spalline dell'efod nella parte anteriore.
Farai due anelli d'oro e li metterai sulle due estremità del pettorale sul suo bordo che è dalla parte dell'efod, verso l'interno. Farai due altri anelli d'oro e li metterai sulle due spalline dell'efod in basso, sul suo lato anteriore, in vicinanza del punto di attacco, al di sopra della cintura dell'efod. Si legherà il pettorale con i suoi anelli agli anelli dell'efod mediante un cordone di porpora viola, perché stia al di sopra della cintura dell'efod e perché il pettorale non si distacchi dall'efod. Così Aronne porterà i nomi degli Israeliti sul pettorale del giudizio, sopra il suo cuore, quando entrerà nel Santo, come memoriale davanti al Signore per sempre.
Unirai al pettorale del giudizio gli urim e i tummim. Saranno così sopra il cuore di Aronne quando entrerà alla presenza del Signore: Aronne porterà il giudizio degli Israeliti sopra il suo cuore alla presenza del Signore per sempre. Farai il manto dell'efod, tutto di porpora viola con in mezzo una scollatura per la testa; il bordo attorno alla scollatura sarà un lavoro di tessitore come la scollatura di una corazza, che non si lacera.
Farai sul suo lembo melagrane di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto, intorno al suo lembo, e in mezzo porrai sonagli d'oro: un sonaglio d'oro e una melagrana, un sonaglio d'oro e una melagrana intorno all'orlo del manto. Esso rivestirà Aronne nelle funzioni sacerdotali e se ne sentirà il suono quando egli entrerà nel Santo alla presenza del Signore e quando ne uscirà; così non morirà. Farai una lamina d'oro puro e vi inciderai, come su di un sigillo: Sacro al Signore. L'attaccherai con un cordone di porpora viola al turbante, sulla parte anteriore. Starà sulla fronte di Aronne; Aronne porterà il carico delle colpe che potranno commettere gli Israeliti, in occasione delle offerte sacre da loro presentate. Aronne la porterà sempre sulla sua fronte, per attirare su di essi il favore del Signore.
Tesserai la tunica di bisso. Farai un turbante di bisso e una cintura, lavoro di ricamo. Per i figli di Aronne farai tuniche e cinture. Per essi farai anche berretti a gloria e decoro. Farai indossare queste vesti ad Aronne, tuo fratello, e ai suoi figli. Poi li ungerai, darai loro l'investitura e li consacrerai, perché esercitino il sacerdozio in mio onore.
Farai loro inoltre calzoni di lino, per coprire la loro nudità; dovranno arrivare dai fianchi fino alle cosce. Aronne e i suoi figli li indosseranno quando entreranno nella tenda del convegno o quando si avvicineranno all'altare per officiare nel santuario, perché non incorrano in una colpa che li farebbe morire. E` una prescrizione rituale perenne per lui e per i suoi discendenti”.
Era un sacerdozio per discendenza secondo la carne. Questa Legge Dio la cambierà un giorno, quando anche tra i figli dei pagani si prenderà Sacerdoti e Leviti. Ciò che il profeta Isaia annunzia è veramente inaudito, in certa misura anche incomprensibile per la mentalità dei figli di Israele.
Isaia cap 66: “Così dice il Signore: Il cielo è il mio trono, la terra lo sgabello dei miei piedi. Quale casa mi potreste costruire? In quale luogo potrei fissare la dimora? Tutte queste cose ha fatto la mia mano ed esse sono mie oracolo del Signore. Su chi volgerò lo sguardo? Sull'umile e su chi ha lo spirito contrito e su chi teme la mia parola. Uno sacrifica un bue e poi uccide un uomo, uno immola una pecora e poi strozza un cane, uno presenta un'offerta e poi sangue di porco, uno brucia incenso e poi venera l'iniquità.
Costoro hanno scelto le loro vie, essi si dilettano dei loro abomini; anch'io sceglierò la loro sventura e farò piombare su di essi ciò che temono, perché io avevo chiamato e nessuno ha risposto, avevo parlato e nessuno ha ascoltato. Hanno fatto ciò che è male ai miei occhi, hanno preferito quello che a me dispiace.
Ascoltate la parola del Signore, voi che venerate la sua parola. Hanno detto i vostri fratelli che vi odiano, che vi respingono a causa del mio nome: Mostri il Signore la sua gloria, e voi fateci vedere la vostra gioia! Ma essi saranno confusi. Giunge un rumore, un frastuono dalla città, un rumore dal tempio: è la voce del Signore che paga il contraccambio ai suoi nemici. Prima di provare i dolori, ha partorito; prima che le venissero i dolori, ha dato alla luce un maschio.
Chi ha mai udito una cosa simile, chi ha visto cose come queste? Nasce forse un paese in un giorno; un popolo è generato forse in un istante? Eppure Sion, appena sentiti i dolori, ha partorito i figli. Io che apro il grembo materno, non farò partorire? dice il Signore. Io che faccio generare, chiuderei il seno? dice il tuo Dio. Rallegratevi con Gerusalemme, esultate per essa quanti la amate. Sfavillate di gioia con essa voi tutti che avete partecipato al suo lutto. Così succhierete al suo petto e vi sazierete delle sue consolazioni; succhierete, deliziandovi, all'abbondanza del suo seno. Poiché così dice il Signore: Ecco io farò scorrere verso di essa, come un fiume, la prosperità; come un torrente in piena la ricchezza dei popoli; i suoi bimbi saranno portati in braccio, sulle ginocchia saranno accarezzati. Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati. Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore, le vostre ossa saran rigogliose come erba fresca.
La mano del Signore si farà manifesta ai suoi servi, ma si sdegnerà contro i suoi nemici. Poiché, ecco, il Signore viene con il fuoco, i suoi carri sono come un turbine, per riversare con ardore l'ira, la sua minaccia con fiamme di fuoco. Con il fuoco infatti il Signore farà giustizia su tutta la terra e con la spada su ogni uomo; molti saranno i colpiti dal Signore. Coloro che si consacrano e purificano nei giardini, seguendo uno che sta in mezzo, che mangiano carne suina, cose abominevoli e topi, insieme finiranno oracolo del Signore con le loro opere e i loro propositi. Io verrò a radunare tutti i popoli e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria. Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti alle genti di Tarsis, Put, Lud, Mesech, Ros, Tubal e di Grecia, ai lidi lontani che non hanno udito parlare di me e non hanno visto la mia gloria; essi annunzieranno la mia gloria alle nazioni.
Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutti i popoli come offerta al Signore, su cavalli, su carri, su portantine, su muli, su dromedari al mio santo monte di Gerusalemme, dice il Signore, come i figli di Israele portano l'offerta su vasi puri nel tempio del Signore. Anche tra essi mi prenderò sacerdoti e leviti, dice il Signore. Sì, come i nuovi cieli e la nuova terra, che io farò, dureranno per sempre davanti a me oracolo del Signore così dureranno la vostra discendenza e il vostro nome. In ogni mese al novilunio, e al sabato di ogni settimana, verrà ognuno a prostrarsi davanti a me, dice il Signore. Uscendo, vedranno i cadaveri degli uomini che si sono ribellati contro di me; poiché il loro verme non morirà, il loro fuoco non si spegnerà e saranno un abominio per tutti”.
Il Signore che aveva stabilito per la prima Alleanza che solo i discendenti di Aronne sarebbero stati suoi sacerdoti, quando Lui verrà a radunare tutti i popoli e tutte le lingue, in quel giorno anche tra essi prenderà sacerdoti e leviti.
Questo avverrà il giorno di Pentecoste e da quel giorno finirà il sacerdozio secondo Aronne, inizierà il sacerdozio secondo la Nuova Alleanza.
Una Nuova Alleanza un Nuovo Sacerdozio. Ma è sempre il Signore che si prenderà sacerdoti e leviti. L’onore del Sacerdozio è per scelta di Dio e solo sua.
Verità fondamentale è questa: Dio che si prende sacerdoti e leviti, ma anche Lui dice perché se li prende e cosa devono fare. Nella scelta e nella missione non possono entrare elementi dell’uomo, di nessun uomo.
Il sacerdozio è per costituzione divina nella scelta e nella missione; è per mediazione umana nella trasmissione dei poteri. Questo sì che è per mezzo degli uomini di Dio.
Essi esaminano i requisiti perché vi sia vera scelta da parte di Dio e una volta constatato che essi ci sono trasmettono il potere sacerdotale, assieme alla missione.
Questo è chiaramente manifestato ed espresso nel Vangelo secondo Giovanni, quanto alla trasmissione dei poteri: “come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi”. Mentre negli Atti e nel resto del Nuovo Testamento vengono indicati i requisiti che un candidato deve possedere prima di essere accolto e consacrato come Sacerdote nella Casa di Dio, nella Sua Chiesa.
Che sia Dio che elegge appare chiaro dagli Atti degli Apostoli (cfr. 1,15-26):
“In quei giorni Pietro si alzò in mezzo ai fratelli (il numero delle persone radunate era circa centoventi) e disse: Fratelli, era necessario che si adempisse ciò che nella Scrittura fu predetto dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, che fece da guida a quelli che arrestarono Gesù. Egli era stato del nostro numero e aveva avuto in sorte lo stesso nostro ministero. Giuda comprò un pezzo di terra con i proventi del suo delitto e poi precipitando in avanti si squarciò in mezzo e si sparsero fuori tutte le sue viscere. La cosa è divenuta così nota a tutti gli abitanti di Gerusalemme, che quel terreno è stato chiamato nella loro lingua Akeldamà, cioè Campo di sangue. Infatti sta scritto nel libro dei Salmi: La sua dimora diventi deserta, e nessuno vi abiti, il suo incarico lo prenda un altro. Bisogna dunque che tra coloro che ci furono compagni per tutto il tempo in cui il Signore Gesù ha vissuto in mezzo a noi, incominciando dal battesimo di Giovanni fino al giorno in cui è stato di tra noi assunto in cielo, uno divenga, insieme a noi, testimone della sua risurrezione.
Ne furono proposti due, Giuseppe detto Barsabba, che era soprannominato Giusto, e Mattia. Allora essi pregarono dicendo: Tu, Signore, che conosci il cuore di tutti, mostraci quale di questi due hai designato a prendere il posto in questo ministero e apostolato che Giuda ha abbandonato per andarsene al posto da lui scelto. Gettarono quindi le sorti su di loro e la sorte cadde su Mattia, che fu associato agli undici apostoli”.
Divina saggezza di Pietro, che deve sempre accompagnare la Chiesa nella consacrazione dei suoi sacerdoti. Non è l’uomo che sceglie. È Dio che deve farlo. L’uomo di Dio deve però richiedere i requisiti, sempre secondo la volontà di Dio.
La santità della Chiesa è in questa libertà di Dio di agire nel suo seno, sempre.
[5]Nello stesso modo Cristo non si attribuì la gloria di sommo sacerdote, ma gliela conferì colui che gli disse: Mio figlio sei tu, oggi ti ho generato. [6]Come in un altro passo dice: Tu sei sacerdote per sempre, alla maniera di Melchìsedek.
L’Autore applica a Cristo Gesù la Legge di Dio circa il sacerdozio: “È Dio che si prende sacerdoti e leviti. È Dio che se li prende ma non necessariamente dalla discendenza di Aronne, secondo il sacerdozio di Aronne”.
Dio sceglie Cristo come suo sacerdote. Quando lo sceglie?
Se lo sceglie nell’Eternità, nel Cielo; se lo sceglie al momento stesso della sua generazione eterna. Generandolo, Dio lo ha costituito suo Sacerdote. Ancora il cielo e la terra non esistevano, e Dio aveva scelto Cristo come suo sommo sacerdote.
Lo costituisce sommo sacerdote, però, non alla maniera di Aronne, bensì alla maniera di Melchisedek.
Ecco i passi biblici sui cui l’Autore fonda la sua argomentazione. Sono i Salmi 2 e 109:
Salmo 2: “Perché le genti congiurano perché invano cospirano i popoli? Insorgono i re della terra e i principi congiurano insieme contro il Signore e contro il suo Messia: Spezziamo le loro catene, gettiamo via i loro legami. Se ne ride chi abita i cieli, li schernisce dall'alto il Signore. Egli parla loro con ira, li spaventa nel suo sdegno: Io l'ho costituito mio sovrano sul Sion mio santo monte. Annunzierò il decreto del Signore. Egli mi ha detto: Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato. Chiedi a me, ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra. Le spezzerai con scettro di ferro, come vasi di argilla le frantumerai. E ora, sovrani, siate saggi istruitevi, giudici della terra; servite Dio con timore e con tremore esultate; che non si sdegni e voi perdiate la via. Improvvisa divampa la sua ira. Beato chi in lui si rifugia”.
In questo Salmo 2 viene chiaramente affermato che il Messia è Figlio di Dio e che la sua generazione avviene nell’oggi dell’eternità.
Viene altresì affermata la missione universale del Messia di Dio: non solo verso il suo popolo, ma verso ogni uomo: ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra.
Gli elementi essenziali di questo Salmo sono quindi:
Il Figlio di Dio è il Messia.
Il Figlio di Dio è generato nei giorni dell’eternità.
Il Figlio di Dio e investito di una missione universale: per tutte le genti e i confini della terra.
Salmo 109: “Di Davide. Salmo. Oracolo del Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi. Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: Domina in mezzo ai tuoi nemici. A te il principato nel giorno della tua potenza tra santi splendori; dal seno dell'aurora, come rugiada, io ti ho generato. Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek. Il Signore è alla tua destra, annienterà i re nel giorno della sua ira. Giudicherà i popoli: in mezzo a cadaveri ne stritolerà la testa su vasta terra. Lungo il cammino si disseta al torrente e solleva alta la testa”.
In questo Salmo 109, assieme ai primi tre elementi essenziali (Messia, generazione eterna, missione universale), troviamo il legame che mancava, cioè quello di Messia e di Sacerdote. Inoltre vi è l’affermazione “principe”, quella, cioè, secondo la quale il Messia non è solamente un uomo, è anche Dio, è il Signore.
Proviamo a mettere in successione le affermazioni di questo Salmo 109:
Oracolo del Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi (Dio e Messia. Signore e Cristo).
Dal seno dell’aurora, come rugiada, io ti ho generato (generazione eterna, Figlio eterno del Padre).
Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek (sacerdote per sempre, ma non secondo Aronne, bensì secondo e alla maniera di Melchisedek).
Il Figlio di Dio è Messia e Sacerdote. Non è sacerdote alla maniera di Aronne. È Sacerdote per sempre alla maniera di Melchisedek.
Aronne fu spogliato delle sue vesti sacerdotali. Cristo non sarà mai spogliato del suo sacerdozio.
Queste due citazioni della Scrittura su Aronne e su Melchisedek servono a chiarire in ogni particolare quanto affermato fin ora dall’Autore:
“Tutta la comunità degli Israeliti levò l'accampamento da Kades e arrivò al monte Cor. Il Signore disse a Mosè e ad Aronne al monte Cor, sui confini del paese di Edom: Aronne sta per essere riunito ai suoi antenati e non entrerà nel paese che ho dato agli Israeliti, perché siete stati ribelli al mio comandamento alle acque di Mèriba. Prendi Aronne e suo figlio Eleazaro e falli salire sul monte Cor. Spoglia Aronne delle sue vesti e falle indossare a suo figlio Eleazaro; in quel luogo Aronne sarà riunito ai suoi antenati e morirà. Mosè fece come il Signore aveva ordinato ed essi salirono sul monte Cor, in vista di tutta la comunità. Mosè spogliò Aronne delle sue vesti e le fece indossare a Eleazaro suo figlio; Aronne morì in quel luogo sulla cima del monte. Poi Mosè ed Eleazaro scesero dal monte. Quando tutta la comunità vide che Aronne era morto, tutta la casa d'Israele lo pianse per trenta giorni” (Cfr. Num. 20,22-29).
Di Melchisedek si parla in un solo episodio e per di più avvolto dal mistero. Leggiamo in Genesi 14,17-24:
“Quando Abram fu di ritorno, dopo la sconfitta di Chedorlaomer e dei re che erano con lui, il re di Sòdoma gli uscì incontro nella Valle di Save, cioè la Valle del re. Intanto Melchisedek, re di Salem, offrì pane e vino: era sacerdote del Dio altissimo e benedisse Abram con queste parole: Sia benedetto Abram dal Dio altissimo, creatore del cielo e della terra, e benedetto sia il Dio altissimo, che ti ha messo in mano i tuoi nemici. Abram gli diede la decima di tutto”.
Tutto ciò che si conosce di Melchisedk è in questo brano. Poi Melchisedek scompare. Nell’Antico Testamento è ricordato solo nel Salmo 109, ora citato. Nel Nuovo Testamento ricorre per ben 8 volte, ma solo in questa Lettera (5,6; 5.10; 6,20; 7,1; 7,10; 7,11; 7,15; 7,17).
È giusto che vengano puntualizzate una per una le affermazioni su Melchisedek:
Melchisedek, re di Salem.
Offrì pane e vino.
Era sacerdote del Dio altissimo.
Benedisse Abram con queste parole: Sia benedetto Abram dal Dio altissimo, creatore del cielo e della terra, e benedetto sia il Dio altissimo, che ti ha messo in mano i tuoi nemici.
Abram gli diede la decima di tutto.
Volendo chiarire ulteriormente:
Melchisedek è Re e Sacerdote.
Offre pane e vino.
Lo offre al Dio altissimo.
Benedice Abramo.
Abramo gli dona la decima.
Come si può constatare è superiore ad Abramo (lo benedice. Abramo gli dona la decima di tutto il bottino)
È insieme Re e Sacerdote (in Israele le funzioni erano separate. Fu questo uno dei motivi per cui Saul fu scartato come Re di Israele).
È Sacerdote del Dio altissimo, al quale offre pane e vino (il sacerdozio di Aronne offriva animali).
Cristo è Re, Sacerdote e Profeta del Dio Altissimo.
Il pane e vino che Lui offre è il sacramento dell’offerta del Suo corpo e del Suo sangue. È il memoriale del suo sacrificio cruento sulla croce.
È Lui la benedizione di Dio sul mondo intero.
Sono, tutti questi, elementi che l’Autore analizzerà uno per uno. Ora ci interessa sapere una cosa sola:
Cristo è stato scelto e consacrato da Dio quale suo sommo sacerdote, non alla maniera di Aronne, bensì alla maniera di Melchisedek.
Cristo unisce in sé la regalità e il sacerdozio. È Messia e Sacerdote del Dio altissimo.
[7]Proprio per questo nei giorni della sua vita terrena egli offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito per la sua pietà;
Viene ora presentato Cristo nell’esercizio del suo sacerdozio.
La prima verità che dobbiamo affermare è questa: l’esercizio non è fuori di Lui, è in Lui, nella Sua Persona.
Tutto avviene in Lui. Niente avviene fuori di Lui. Se comprendiamo questo, capiremo una volta per tutte qual è la nuova natura del sacerdozio secondo Cristo, differente per forma e per essenza sia da quello di Aronne come anche da quello di Melchisedek.
La differenza con quello di Aronne consiste nell’abolizione per sempre della vittima animale. Gesù non offre il sangue dei tori e dei vitelli; Gesù non sacrifica né capri, né arieti e non offre nessun’altra cosa che appartenga al mondo vegetale.
Lui offre al Padre preghiere e suppliche, fatte con forti grida e lacrime. È questo attestato dalla preghiera fatta sia nell’Orto degli Ulivi che sulla croce, testimoniata dai Vangeli.
Leggiamo nel Vangelo secondo Luca:
“Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: Pregate, per non entrare in tentazione. Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e, inginocchiatosi, pregava: Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all'angoscia, pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza” (cfr Lc 22, 39-45).
Mentre nel Vangelo secondo Matteo è detto:
“Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio su tutta la terra. Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: Elì, Elì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: Costui chiama Elia. E subito uno di loro corse a prendere una spugna e, imbevutala di aceto, la fissò su una canna e così gli dava da bere. Gli altri dicevano: Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo! E Gesù, emesso un alto grido, spirò” (cfr Mt 27, 45-50).
È giusto chiedersi qual è l’offerta fatta nella preghiera. La risposta non può essere che una sola: il dono della sua volontà al Padre.
Tutto è di Dio: la vita e la morte, la gioia e il dolore, il presente, il passato, il futuro, le cose, l’intero universo. Poiché tutto è di Dio a Lui niente si può offrire.
Una cosa sola appartiene all’uomo: la volontà. Solo questa si può offrire. Solo questa Cristo Gesù ha offerto al Padre. Gliel’ha consegnata per amore.
Dio avrebbe potuto liberarlo dalla morte, non lo liberò a motivo dell’offerta. Per la pietà di Cristo Gesù, cioè per il suo amore, il Padre accolse il dono e permise che Cristo andasse incontro alla morte.
Lui lo avrebbe liberato non appena si fosse consumato il dono della volontà, cioè una volta che il sacrificio fosse stato presentato.
È questo l’esaudimento di Dio: accogliere il sacrificio e poi rispondere con tutta la potenza del suo amore.
È questo il motivo per cui tutto è in Cristo e niente è fuori di Lui e in questo senso il sacerdozio di Cristo si differenzia sostanzialmente con quello di Melchisedek.
Melchisedek offriva pane e vino. Gesù offre la sua volontà. È simile solo nella forma esterna con quello di Melchisedek, nel senso che anche nel sacrificio di Cristo c’è il pane e il vino ma solo come la materia del sacramento, perché l’essenza e il contenuto è l’unico ed eterno sacrificio offerto al Padre della sua volontà.
L’offerta di Cristo ci conduce a rivedere ogni nostra relazione con Dio. Lui gradisce da noi una cosa sola: il dono della nostra volontà. Solo questo dono Lui vuole, solo questo dono dobbiamo offrirgli, togliendo la nostra volontà dal nostro spirito e mettendo la sua, facendo in tutto secondo il suo volere.
Questo dono però è nella sofferenza e nel dolore, perché è un dono che si può fare solo nel rinnegamento di noi stessi e nel prendere la croce per portarla fino in fondo. Questo sacrificio, questa offerta è in noi, non fuori di noi. Per questa offerta scaturisce il dono della salvezza del mondo, se fatta in Cristo, con Cristo, per Cristo.
La pietà è la relazione filiale tra il Padre e il Figlio, governata solo dall’amore, esclusivamente dall’amore e l’amore è il dono della vita del Figlio al Padre, nel dono della propria volontà.
È quanto ci insegna il Salmo 39:
“Al maestro del coro. Di Davide. Salmo. Ho sperato: ho sperato nel Signore ed egli su di me si è chinato, ha dato ascolto al mio grido. Mi ha tratto dalla fossa della morte, dal fango della palude; i miei piedi ha stabilito sulla roccia, ha reso sicuri i miei passi. Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, lode al nostro Dio. Molti vedranno e avranno timore e confideranno nel Signore. Beato l'uomo che spera nel Signore e non si mette dalla parte dei superbi, né si volge a chi segue la menzogna. Quanti prodigi tu hai fatto, Signore Dio mio, quali disegni in nostro favore: nessuno a te si può paragonare. Se li voglio annunziare e proclamare sono troppi per essere contati.
Sacrificio e offerta non gradisci, gli orecchi mi hai aperto. Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa. Allora ho detto: Ecco, io vengo. Sul rotolo del libro di me è scritto, che io faccia il tuo volere. Mio Dio, questo io desidero, la tua legge è nel profondo del mio cuore. Ho annunziato la tua giustizia nella grande assemblea; vedi, non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai. Non ho nascosto la tua giustizia in fondo al cuore, la tua fedeltà e la tua salvezza ho proclamato. Non ho nascosto la tua grazia e la tua fedeltà alla grande assemblea. Non rifiutarmi, Signore, la tua misericordia, la tua fedeltà e la tua grazia mi proteggano sempre, poiché mi circondano mali senza numero, le mie colpe mi opprimono e non posso più vedere. Sono più dei capelli del mio capo, il mio cuore viene meno.
Degnati, Signore, di liberarmi; accorri, Signore, in mio aiuto. Vergogna e confusione per quanti cercano di togliermi la vita. Retrocedano coperti d'infamia quelli che godono della mia sventura. Siano presi da tremore e da vergogna quelli che mi scherniscono. Esultino e gioiscano in te quanti ti cercano, dicano sempre: Il Signore è grande, quelli che bramano la tua salvezza. Io sono povero e infelice; di me ha cura il Signore. Tu, mio aiuto e mia liberazione, mio Dio, non tardare”.
[8]pur essendo Figlio, imparò tuttavia l'obbedienza dalle cose che patì
L’obbedienza costa il sacrificio di se stessi. È sacrificio di sé, perché essa si vive oggi nella condizione della natura umana che è nel peccato.
A questa obbedienza il Figlio si sottomette. Va incontro ad essa fino alla morte e alla morte di croce. Questo è il valore del suo sacrificio.
Tuttavia in questo versetto è annunziata una verità che merita una speciale considerazione.
Chi obbedisce è il Figlio eterno del Padre. Si è detto che l’obbedienza è nel dono della propria volontà. Poiché la volontà è la vita, l’obbedienza è nel dono della vita.
Non dono simbolico, ma reale; non apparente, ma vero; non per un attimo, o fino ad un certo punto, ma per sempre sino alla fine.
Cosa è l’obbedienza se non il ritorno della nostra vita a Dio, in una relazione di purissimo amore.
Questa obbedienza il Figlio l’ha fatta come Dio e come uomo, come vero Dio e vero uomo.
Come vero Dio ha ricevuto nell’oggi eterno la vita dal Padre. Nell’eternità egli vive donando la vita al Padre, in un movimento eterno d’amore, che mai si consuma, mai viene meno, perché è eterno. Cristo vive nell’eternità donandosi al Padre. Il Padre vive donandosi al Figlio. Questo dono è nello Spirito Santo, la Comunione d’amore eterno tra il Padre e il Figlio.
Nell’eternità, questo dono è purissima e intensissima vita. Lì siamo nella verità, nella santità, lì non c’è né il dolore e né la sofferenza nel dono.
Sulla terra non c’è dono se non nella morte di se stessi, nella vittoria completa sul peccato.
Questo dono si può fare solo rimanendo sempre nel dono, senza mai uscire da esso e si esce ogni qualvolta si commette anche il più piccolo, o insignificante peccato di pensiero, o di parola, o di omissione, o di azione.
Ecco perché Gesù nella sua passione è santissimo. Lui non conobbe mai il peccato. Se lo avesse conosciuto si sarebbe in qualche modo appropriato della sua volontà.
Sulla terra l’obbedienza è nella sofferenza. Il male si abbatte contro l’uomo di Dio, vuole schiacciarlo, annientarlo. L’uomo di Dio resta nel bene, perché risponde al male con il bene. È questa la sofferenza dell’uomo di Dio. È sofferenza perché è dolore fisico, morale, spirituale.
In questa sofferenza si resta sempre nell’amore: amore verso Dio, amore verso l’uomo; dono della vita a Dio, dono della vita all’uomo per la sua salvezza.
Questo è il grande mistero dell’obbedienza.
[9]e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono,
In questo versetto vengono offerte tre verità che meritano ognuna si essere trattata singolarmente:
Reso perfetto: La sofferenza rende perfetto Cristo. In che senso?
Nel senso che il dono è fatto interamente, tutto. Niente Cristo Gesù tiene per sé. Tutto offre a Dio e agli uomini.
La sua vita è dono totale, pieno, fino all’ultima goccia di sangue, fino all’ultimo respiro. È perfetto, Cristo Gesù, perché sulla croce non conobbe il peccato neanche in una piccolissima parola vana.
Fu tutto di Dio e degli uomini, sempre, pienamente, completamente, totalmente.
Niente di Lui è per Lui; tutto di Lui è per il Padre, perché la sua volontà di salvezza trovasse attuazione universale.
Divenne causa di salvezza eterna: la sua offerta, l’offerta della sua volontà al Padre genera un frutto di salvezza eterna per ogni uomo.
Dio dona la grazia, la verità, lo Spirito di Cristo ad ogni uomo. In virtù della sua obbedienza perfetta il Padre cancella i nostri peccati, ci genera a suoi figli adottivi, manda su di noi il Suo Santo Spirito, che è Spirito di comunione, di verità, di santità, di fortezza.
La nuova vita nasce dal sacrificio di Cristo, dalla sua obbedienza. Siamo salvati per Lui, per la Sua morte, il Suo sacrificio, il dono di Sé stesso al Padre.
Per questa ragione è causa di salvezza. Ma è una causa non fuori di sé, ma dentro di sé. Tutto è in Cristo, niente è fuori di Cristo. Né la redenzione oggettiva, né quella soggettiva. È tutto in Cristo, perché si attinge divenendo una cosa sola con Lui, si vive restando una cosa sola con Lui. Questa è la specificità della salvezza eterna che Dio ci dona in Gesù Suo Figlio.
Per coloro che gli obbediscono: Gesù è causa di salvezza eterna per ogni uomo, per il mondo intero. Diventano però partecipi di essa tutti coloro che ascoltano la sua Parola e sul suo esempio offrono la vita al Padre.
Viene qui chiarito e specificato che l’obbedienza non è più alla Parola del Padre è invece alla Parola del Figlio.
È la Parola del Figlio la via della salvezza ed è nell’obbedienza perfetta ad essa, allo stesso modo che obbedì Cristo e divenne perfetto attraverso le cose che patì.
Questo ci indirizza vero un’altra verità che ci consente di aggiungere un altro tassello a quanto l’Autore sta dimostrando.
Si è detto che tutto l’Antico Testamento tende a Cristo e che Cristo è il frutto cui guarda tutta l’Antica Scrittura. Ora si dice che è finito il tempo in cui l’Antica Scrittura aveva valore di alleanza e di salvezza. Questo valore non ce lo ha più. Ora il valore dell’alleanza è tutto nella Parola di Cristo Gesù.
L’obbedienza passa ora dalla Parola Antica alla Nuova, da quella che il Signore ha detto in tanti modi e molte volte ai Padri alla Parola che ora ci dice per mezzo di Gesù Signore.
Fermarsi alla Parola dell’Antico Testamento non dona salvezza. Questo Israele deve sapere. C’è un passaggio obbligatorio che lui è chiamato a fare e questo passaggio è alla Parola di Cristo, è all’obbedienza a Lui.
Senza questo passaggio non c’è salvezza. Si rimane vincolati o legati ad una Parola di Dio che non dona vita, perché la vita è tutta nella Parola di Gesù Signore.
Questo vale per oggi, domani, sempre. Vale per ogni uomo e per tutti gli uomini.
Sbagliano, sono fuori strada tutti quei falsi predicatori della Parola di Dio che annunziano una salvezza senza l’obbedienza a Cristo, senza cioè il dono della propria volontà a Cristo perché si compia l’offerta della propria vita, alla maniera e nella forma di Gesù Signore.
Lo affermiamo con fermezza di verità e di dottrina: senza obbedienza non c’è salvezza, perché la salvezza dell’uomo è il suo ritorno nell’obbedienza. Questa è la salvezza: la capacità riconquistata di donare tutta intera la nostra volontà a Dio fino alla morte e alla morte di croce.
[10]essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote alla maniera di Melchìsedek.
Questo versetto apparentemente potrebbe sembrare inutile. Invece è il sigillo a quanto finora detto.
Perché l’Autore si preoccupa di ricordare che Gesù è sommo sacerdote alla maniera di Melchisedek?
La ragione la più semplice è questa: la mentalità ebraica non concepiva nessuna espiazione se non nel versamento del sangue animale. Se Gesù non ha versato il sangue animale, non è entrato nel tempio, come può aver ottenuto la purificazione dei peccati.
Lui l’ha attenuta, perché non era sacerdote alla maniera di Aronne (sangue animale), ma alla maniera di Melchisedek (pane e vino, materia del sacramento della sua passione, morte, risurrezione).
Chi ha fatto Cristo sommo sacerdote alla maniera di Melchisedek non è stato un uomo, è stato il Padre. È stato lo stesso Dio che aveva istituito il sacerdozio alla maniera di Aronne.
Come vero sacerdote, Gesù compie il sacrificio dell’espiazione, entra nei cieli, ci asperge con il suo sangue, ci purifica da ogni peccato, ci introduce in una vita nuova.
Tutto ciò che avviene in Cristo, è per volontà del Padre, di Dio.
Se è Dio che governa ogni cosa e anche il modo di andare a Lui, chi è l’uomo che possa impedire che ogni cosa avvenga secondo la sua divina volontà?
Ma se è Dio che ha voluto tutto questo, se è il Dio di Abramo e di Giacobbe, di Isacco e di Mosè, di Davide e dei Profeti, chi crede veramente in Lui, deve credere in ogni sua volontà manifestata.
Una sola volontà manifestata non creduta, pone fuori della fede; non della fede presente, ma della fede, di tutta la fede.
È senza vera fede chi non crede nell’ultima volontà manifestata di Dio. Il suo Dio non è il vero Dio, perché il vero Dio è il Dio dell’ultima sua volontà manifestata, rivelata, fatta pervenire agli uomini come via di salvezza eterna.
La via della salvezza è Cristo ed è l’obbedienza alla sua Parola. È questa ora l’unica forma ed essenza della vera fede nel Dio di Abramo, di Isacco, Giacobbe.
La fede dell’Antico Testamento è il Nuovo e chi non ha il Nuovo inutile che creda nell’Antico. Dio non è più nell’Antico, perché è nel Nuovo. È questa la verità da accogliere per chi vuole gustare la salvezza che Dio ci ha donato in Cristo Gesù.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 1:01 PM
VELATO RIMPROVERO
[11]Su questo argomento abbiamo molte cose da dire, difficili da spiegare perché siete diventati lenti a capire.
L’argomento è il sacerdozio di Cristo, ma anche la nuova e vera fede tutta da costruire ed edificare in Lui.
Le cose da dire su Cristo sono molte, tante. L’Autore avverte però una qualche difficoltà a spiegarle come si conviene.
Questo, non perché Lui non sappia spiegarle, ma perché loro, i destinatari della Lettera sono diventati lenti a capire.
Le cose da dire sono molte perché il mistero di Cristo e del suo sacerdozio è l’essenza, la finalità, il compimento di tutta la Scrittura. Ogni pagina della Scrittura parla di Cristo, guarda a Cristo, attende Cristo, spera in Cristo.
Questo vorrebbe fare l’Autore. Lui è pronto. Non sono pronti coloro ai quali deve spiegare il mistero di Cristo Gesù.
Perché costoro sono diventati lenti a capire? Non certo per questioni di intelligenza, bensì per motivi di volontà.
In loro c’è una volontà debole, fragile che già li ha distaccati dalla vera fede, li ha ricondotti nei loro vecchi pensieri.
Finché la volontà non diviene nuovamente forte, coraggiosa da estirpare questi pensieri dal cuore, ogni altra verità sarà difficile che possa penetrare in esso; se vi penetra, lo fa con molta lentezza, con tanta difficoltà.
Ma è sempre una verità che potrà aderire e crescere con tanta difficoltà. I vecchi pensieri potranno in ogni momento soffocarla, farla seccare, perdendo così ogni consistenza di muovere il cuore e la mente verso la pienezza del mistero della salvezza che si realizza in Cristo Signore.
Questo ci deve far comprende che chi governa l’uomo spesso non è la mente, bensì la volontà e se la volontà non resta ancorata alla verità, tutto l’uomo da essa è condotto nella menzogna, nell’errore, nella falsità, in una forma di vita dove non splende la luce di Dio, perché lì c’è posto solo per le tenebre.
La volontà è fragile, debole, incapace di lasciarsi attrarre dalla verità, quando nel cuore inizia a farsi strada il peccato, il quale a sua volta produce stanchezza, rilassamento spirituale, abbandono della retta via.
Le difficoltà che nascono dalla mente si possono tutte superare. È sufficiente un po’ di amore e di applicazione. Quelle che nascono invece dalla volontà quasi sempre è impossibile vincerle. Non si possono vincere perché l’uomo non vuole. Potrebbe, ma non lo vuole.
Si può, ma non si vuole: è questa la condizione dell’uomo che cade nel peccato e persevera in esso.
[12]Infatti, voi che dovreste essere ormai maestri per ragioni di tempo, avete di nuovo bisogno che qualcuno v'insegni i primi elementi degli oracoli di Dio e siete diventati bisognosi di latte e non di cibo solido.
Per l’Autore chi abbraccia la fede, deve anche camminare di fede in fede, fino a divenire esperto, maestro nella verità della salvezza.
Non è concepibile che uno trascorra anni e anni di vita cristiana e non cresca nella retta e santa conoscenza dei misteri nei quali egli crede.
Quando non si cresce nella fede, non si cresce o perché nessuno aiuta a crescere, o perché si abbandonano le vie che consentono una crescita armoniosa nella verità della salvezza.
Sovente non c’è chi insegni le cose di Dio. Questo può capitare e di fatto capita. Non solo non c’è chi insegna le cose di Dio, spesso coloro che sono preposti ad insegnarle, le insegnano anche male, inculcando l’errore e non la verità, dicendo parole di uomini invece che Parola di Dio.
Spesso succede anche che, pur essendoci colui che insegna le cose secondo pienezza di verità, non si cresce nella fede a motivo della cattiva volontà, perché manca l’impegno personale, l’applicazione del singolo nel fruttificare e nel maturare frutti di vera dottrina nei misteri della salvezza.
La mancata crescita nella verità di Dio e di Cristo fa sì che il cristiano resti bambino, viva da bambino, si comporti da bambino, cioè senza alcuna consistenza, stabilità, decisione di piena testimonianza.
A chi rimane bambino, quasi un neonato, di certo non si possono offrire elementi solidi, bisogna dargli ancora il latte. Ma un cristiano non può rimanere sempre al latte, deve passare al nutrimento solido e questo può essergli donato solo se cresce nella fede, nella verità, nella dottrina.
La crescita nelle verità della fede avviene per volontà, per applicazione, per desiderio.
La Chiesa tutto può fare, tutto può donare, ma se il singolo non mette il suo impegno, la sua opera, tutto alla fine risulterà vano.
La volontà deve essere una sola: conoscere Cristo per divenire come Cristo, conoscere Cristo per amare come Cristo; conoscere Cristo per obbedire al Padre come Cristo.
La conoscenza di Cristo si ha attraverso la conoscenza delle Scritture, nelle quali è rivelato, contenuto.
Alla conoscenza che si ha per mezzo delle Scritture occorre aggiungere l’altra che si ha per “illuminazione interiore” dello Spirito Santo e che si ottiene per grazia e per preghiera.
Oggi il mondo non conosce secondo verità Cristo Gesù, non lo conosce perché non conosce la Sua Parola.
Ignorando la Parola, ignora anche Cristo, non lo ama, non lo serve. Non servendo Cristo secondo verità, non si serve neanche l’uomo secondo verità, essendo ogni servizio vero all’uomo servizio secondo verità a Cristo.
Bisogna portare ogni uomo nella vera conoscenza della Parola di Cristo, del Suo Vangelo.
Questa è l’opera che Dio si attende da noi tutti. Quest’opera, ognuno secondo la sua ministerialità e il suo carisma, deve compiere.
Il ritorno e il dimorare dell’uomo nella verità di Cristo dipende interamente dall’opera del ricordo e dell’annunzio della Sua Parola.
Altra annotazione da fare è questa: fallisce ogni forma di vita cristiana nella quale quotidianamente non si progredisce verso la pienezza della verità. Fallisce tutto quanto è fondato sul non dono, o sull’assenza, o sulla non accoglienza della Parola.
Chi vuole una forma forte di vita cristiana deve alimentarla di Parola di Vangelo, deve irrorarla di Verità rivelata, deve purificarla perennemente con la vera e santa conoscenza di Cristo Gesù. Chi non fa questo, lavora per il niente spirituale, perché vi è solo il niente spirituale, dove non c’è la crescita di Cristo secondo la Sua Parola, nella Verità rivelata.
È questa la formazione che manca oggi. Manca la formazione dei cuori, delle menti, delle coscienze in Cristo e nella Sua Parola.
[13]Ora, chi si nutre ancora di latte è ignaro della dottrina della giustizia, perché è ancora un bambino.
La dottrina della giustizia è il complesso e l’armonia delle verità della fede, rivelate da Dio e insegnate dagli Apostoli.
È la conoscenza di questa dottrina della giustizia che consente ad un uomo di pensare come Cristo, vedere come Cristo, volere come Cristo, muoversi come Cristo, obbedire come Cristo, amare come Cristo.
Questa conoscenza rende un cristiano adulto, cioè responsabile, capace di decisioni secondo Dio, impegnato nella testimonianza della propria fede nel mondo pagano che lo circonda.
Alla dottrina della giustizia nessuno potrà mai dire di essere arrivato; verso questa dottrina bisogna ogni giorno camminare, avanzare, progredire.
Ad essa ogni giorno occorre aggiungere verità e concetti, pensieri e parole sempre più veri e perfetti, più puri e più corrispondenti al pensiero che Dio ha posto nella Sua Parola, rivelandola.
L’impegno non sarà mai abbastanza, mai troppo, mai sufficiente. C’è il Salmo 1 che così dice di colui che medita la Parola di Dio:
“Beato l'uomo che non segue il consiglio degli empi, non indugia nella via dei peccatori e non siede in compagnia degli stolti; ma si compiace della legge del Signore, la sua legge medita giorno e notte. Sarà come albero piantato lungo corsi d'acqua, che darà frutto a suo tempo e le sue foglie non cadranno mai; riusciranno tutte le sue opere. Non così, non così gli empi: ma come pula che il vento disperde; perciò non reggeranno gli empi nel giudizio, né i peccatori nell'assemblea dei giusti. Il Signore veglia sul cammino dei giusti, ma la via degli empi andrà in rovina”.
Il Salmo 118 invece è tutta una riflessione e anche una preghiera sulla Legge Santa di Dio:
“Alleluia. Alef. Beato l'uomo di integra condotta, che cammina nella legge del Signore. Beato chi è fedele ai suoi insegnamenti e lo cerca con tutto il cuore. Non commette ingiustizie, cammina per le sue vie. Tu hai dato i tuoi precetti perché siano osservati fedelmente. Siano diritte le mie vie, nel custodire i tuoi decreti. Allora non dovrò arrossire se avrò obbedito ai tuoi comandi. Ti loderò con cuore sincero quando avrò appreso le tue giuste sentenze. Voglio osservare i tuoi decreti: non abbandonarmi mai.
Bet. Come potrà un giovane tenere pura la sua via? Custodendo le tue parole. Con tutto il cuore ti cerco: non farmi deviare dai tuoi precetti. Conservo nel cuore le tue parole per non offenderti con il peccato. Benedetto sei tu, Signore; mostrami il tuo volere. Con le mie labbra ho enumerato tutti i giudizi della tua bocca. Nel seguire i tuoi ordini è la mia gioia più che in ogni altro bene. Voglio meditare i tuoi comandamenti, considerare le tue vie. Nella tua volontà è la mia gioia; mai dimenticherò la tua parola.
Ghimel. Sii buono con il tuo servo e avrò vita, custodirò la tua parola. Aprimi gli occhi perché io veda le meraviglie della tua legge. Io sono straniero sulla terra, non nascondermi i tuoi comandi. Io mi consumo nel desiderio dei tuoi precetti in ogni tempo. Tu minacci gli orgogliosi; maledetto chi devìa dai tuoi decreti. Allontana da me vergogna e disprezzo, perché ho osservato le tue leggi. Siedono i potenti, mi calunniano, ma il tuo servo medita i tuoi decreti. Anche i tuoi ordini sono la mia gioia, miei consiglieri i tuoi precetti.
Dalet. Io sono prostrato nella polvere; dammi vita secondo la tua parola. Ti ho manifestato le mie vie e mi hai risposto; insegnami i tuoi voleri. Fammi conoscere la via dei tuoi precetti e mediterò i tuoi prodigi. Io piango nella tristezza; sollevami secondo la tua promessa. Tieni lontana da me la via della menzogna, fammi dono della tua legge. Ho scelto la via della giustizia, mi sono proposto i tuoi giudizi. Ho aderito ai tuoi insegnamenti, Signore, che io non resti confuso. Corro per la via dei tuoi comandamenti, perché hai dilatato il mio cuore. He. Indicami, Signore, la via dei tuoi decreti e la seguirò sino alla fine. Dammi intelligenza, perché io osservi la tua legge e la custodisca con tutto il cuore. Dirigimi sul sentiero dei tuoi comandi, perché in esso è la mia gioia. Piega il mio cuore verso i tuoi insegnamenti e non verso la sete del guadagno. Distogli i miei occhi dalle cose vane, fammi vivere sulla tua via. Con il tuo servo sii fedele alla parola che hai data, perché ti si tema. Allontana l'insulto che mi sgomenta, poiché i tuoi giudizi sono buoni. Ecco, desidero i tuoi comandamenti; per la tua giustizia fammi vivere.
Vau. Venga a me, Signore, la tua grazia, la tua salvezza secondo la tua promessa; a chi mi insulta darò una risposta, perché ho fiducia nella tua parola. Non togliere mai dalla mia bocca la parola vera, perché confido nei tuoi giudizi. Custodirò la tua legge per sempre, nei secoli, in eterno. Sarò sicuro nel mio cammino, perché ho ricercato i tuoi voleri. Davanti ai re parlerò della tua alleanza senza temere la vergogna. Gioirò per i tuoi comandi che ho amati. Alzerò le mani ai tuoi precetti che amo, mediterò le tue leggi.
Zain. Ricorda la promessa fatta al tuo servo, con la quale mi hai dato speranza. Questo mi consola nella miseria: la tua parola mi fa vivere. I superbi mi insultano aspramente, ma non devìo dalla tua legge. Ricordo i tuoi giudizi di un tempo, Signore, e ne sono consolato. M'ha preso lo sdegno contro gli empi che abbandonano la tua legge. Sono canti per me i tuoi precetti, nella terra del mio pellegrinaggio. Ricordo il tuo nome lungo la notte e osservo la tua legge, Signore. Tutto questo mi accade perché ho custodito i tuoi precetti.
Het. La mia sorte, ho detto, Signore, è custodire le tue parole. Con tutto il cuore ti ho supplicato, fammi grazia secondo la tua promessa. Ho scrutato le mie vie, ho rivolto i miei passi verso i tuoi comandamenti. Sono pronto e non voglio tardare a custodire i tuoi decreti. I lacci degli empi mi hanno avvinto, ma non ho dimenticato la tua legge. Nel cuore della notte mi alzo a renderti lode per i tuoi giusti decreti. Sono amico di coloro che ti sono fedeli e osservano i tuoi precetti. Del tuo amore, Signore, è piena la terra; insegnami il tuo volere.
Tet. Hai fatto il bene al tuo servo, Signore, secondo la tua parola. Insegnami il senno e la saggezza, perché ho fiducia nei tuoi comandamenti. Prima di essere umiliato andavo errando, ma ora osservo la tua parola. Tu sei buono e fai il bene, insegnami i tuoi decreti. Mi hanno calunniato gli insolenti, ma io con tutto il cuore osservo i tuoi precetti. Torpido come il grasso è il loro cuore, ma io mi diletto della tua legge. Bene per me se sono stato umiliato, perché impari ad obbedirti. La legge della tua bocca mi è preziosa più di mille pezzi d'oro e d'argento.
Iod. Le tue mani mi hanno fatto e plasmato; fammi capire e imparerò i tuoi comandi. I tuoi fedeli al vedermi avranno gioia, perché ho sperato nella tua parola. Signore, so che giusti sono i tuoi giudizi e con ragione mi hai umiliato. Mi consoli la tua grazia, secondo la tua promessa al tuo servo. Venga su di me la tua misericordia e avrò vita, poiché la tua legge è la mia gioia. Siano confusi i superbi che a torto mi opprimono; io mediterò la tua legge. Si volgano a me i tuoi fedeli e quelli che conoscono i tuoi insegnamenti. Sia il mio cuore integro nei tuoi precetti, perché non resti confuso.
Caf. Mi consumo nell'attesa della tua salvezza, spero nella tua parola. Si consumano i miei occhi dietro la tua promessa, mentre dico: Quando mi darai conforto? Io sono come un otre esposto al fumo, ma non dimentico i tuoi insegnamenti. Quanti saranno i giorni del tuo servo? Quando farai giustizia dei miei persecutori? Mi hanno scavato fosse gli insolenti che non seguono la tua legge. Verità sono tutti i tuoi comandi; a torto mi perseguitano: vieni in mio aiuto. Per poco non mi hanno bandito dalla terra, ma io non ho abbandonato i tuoi precetti. Secondo il tuo amore fammi vivere e osserverò le parole della tua bocca.
Lamed. La tua parola, Signore, è stabile come il cielo. La tua fedeltà dura per ogni generazione; hai fondato la terra ed essa è salda. Per tuo decreto tutto sussiste fino ad oggi, perché ogni cosa è al tuo servizio. Se la tua legge non fosse la mia gioia, sarei perito nella mia miseria. Mai dimenticherò i tuoi precetti: per essi mi fai vivere. Io sono tuo: salvami, perché ho cercato il tuo volere. Gli empi mi insidiano per rovinarmi, ma io medito i tuoi insegnamenti. Di ogni cosa perfetta ho visto il limite, ma la tua legge non ha confini.
Mem. Quanto amo la tua legge, Signore; tutto il giorno la vado meditando. Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, perché sempre mi accompagna. Sono più saggio di tutti i miei maestri, perché medito i tuoi insegnamenti. Ho più senno degli anziani, perché osservo i tuoi precetti. Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, per custodire la tua parola. Non mi allontano dai tuoi giudizi, perché sei tu ad istruirmi. Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: più del miele per la mia bocca. Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, per questo odio ogni via di menzogna.
Nun. Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino. Ho giurato, e lo confermo, di custodire i tuoi precetti di giustizia. Sono stanco di soffrire, Signore, dammi vita secondo la tua parola. Signore, gradisci le offerte delle mie labbra, insegnami i tuoi giudizi. La mia vita è sempre in pericolo, ma non dimentico la tua legge. Gli empi mi hanno teso i loro lacci, ma non ho deviato dai tuoi precetti. Mia eredità per sempre sono i tuoi insegnamenti, sono essi la gioia del mio cuore. Ho piegato il mio cuore ai tuoi comandamenti, in essi è la mia ricompensa per sempre.
Samech. Detesto gli animi incostanti, io amo la tua legge. Tu sei mio rifugio e mio scudo, spero nella tua parola. Allontanatevi da me o malvagi, osserverò i precetti del mio Dio. Sostienimi secondo la tua parola e avrò vita, non deludermi nella mia speranza. Sii tu il mio aiuto e sarò salvo, gioirò sempre nei tuoi precetti. Tu disprezzi chi abbandona i tuoi decreti, perché la sua astuzia è fallace. Consideri scorie tutti gli empi della terra, perciò amo i tuoi insegnamenti. Tu fai fremere di spavento la mia carne, io temo i tuoi giudizi.
Ain. Ho agito secondo diritto e giustizia; non abbandonarmi ai miei oppressori. Assicura il bene al tuo servo; non mi opprimano i superbi. I miei occhi si consumano nell'attesa della tua salvezza e della tua parola di giustizia. Agisci con il tuo servo secondo il tuo amore e insegnami i tuoi comandamenti. Io sono tuo servo, fammi comprendere e conoscerò i tuoi insegnamenti. E` tempo che tu agisca, Signore; hanno violato la tua legge. Perciò amo i tuoi comandamenti più dell'oro, più dell'oro fino. Per questo tengo cari i tuoi precetti e odio ogni via di menzogna.
Pe. Meravigliosa è la tua alleanza, per questo le sono fedele. La tua parola nel rivelarsi illumina, dona saggezza ai semplici. Apro anelante la bocca, perché desidero i tuoi comandamenti. Volgiti a me e abbi misericordia, tu che sei giusto per chi ama il tuo nome. Rendi saldi i miei passi secondo la tua parola e su di me non prevalga il male. Salvami dall'oppressione dell'uomo e obbedirò ai tuoi precetti. Fa’ risplendere il volto sul tuo servo e insegnami i tuoi comandamenti. Fiumi di lacrime mi scendono dagli occhi, perché non osservano la tua legge.
Sade. Tu sei giusto, Signore, e retto nei tuoi giudizi. Con giustizia hai ordinato le tue leggi e con fedeltà grande. Mi divora lo zelo della tua casa, perché i miei nemici dimenticano le tue parole. Purissima è la tua parola, il tuo servo la predilige. Io sono piccolo e disprezzato, ma non trascuro i tuoi precetti. La tua giustizia è giustizia eterna e verità è la tua legge. Angoscia e affanno mi hanno colto, ma i tuoi comandi sono la mia gioia. Giusti sono i tuoi insegnamenti per sempre, fammi comprendere e avrò la vita.
Kof. T'invoco con tutto il cuore, Signore, rispondimi; custodirò i tuoi precetti. Io ti chiamo, salvami, e seguirò i tuoi insegnamenti. Precedo l'aurora e grido aiuto, spero sulla tua parola. I miei occhi prevengono le veglie per meditare sulle tue promesse. Ascolta la mia voce, secondo la tua grazia; Signore, fammi vivere secondo il tuo giudizio. A tradimento mi assediano i miei persecutori, sono lontani dalla tua legge. Ma tu, Signore, sei vicino, tutti i tuoi precetti sono veri. Da tempo conosco le tue testimonianze che hai stabilite per sempre.
Res. Vedi la mia miseria, salvami, perché non ho dimenticato la tua legge. Difendi la mia causa, riscattami, secondo la tua parola fammi vivere. Lontano dagli empi è la salvezza, perché non cercano il tuo volere. Le tue misericordie sono grandi, Signore, secondo i tuoi giudizi fammi vivere. Sono molti i persecutori che mi assalgono, ma io non abbandono le tue leggi. Ho visto i ribelli e ne ho provato ribrezzo, perché non custodiscono la tua parola. Vedi che io amo i tuoi precetti, Signore, secondo la tua grazia dammi vita. La verità è principio della tua parola, resta per sempre ogni sentenza della tua giustizia. Sin. I potenti mi perseguitano senza motivo, ma il mio cuore teme le tue parole. Io gioisco per la tua promessa, come uno che trova grande tesoro. Odio il falso e lo detesto, amo la tua legge. Sette volte al giorno io ti lodo per le sentenze della tua giustizia. Grande pace per chi ama la tua legge, nel suo cammino non trova inciampo. Aspetto da te la salvezza, Signore, e obbedisco ai tuoi comandi. Io custodisco i tuoi insegnamenti e li amo sopra ogni cosa. Osservo i tuoi decreti e i tuoi insegnamenti: davanti a te sono tutte le mie vie.
Tau. Giunga il mio grido fino a te, Signore, fammi comprendere secondo la tua parola. Venga al tuo volto la mia supplica, salvami secondo la tua promessa. Scaturisca dalle mie labbra la tua lode, poiché mi insegni i tuoi voleri. La mia lingua canti le tue parole, perché sono giusti tutti i tuoi comandamenti. Mi venga in aiuto la tua mano, poiché ho scelto i tuoi precetti. Desidero la tua salvezza, Signore, e la tua legge è tutta la mia gioia. Possa io vivere e darti lode, mi aiutino i tuoi giudizi. Come pecora smarrita vado errando; cerca il tuo servo, perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti”.
Quest’uomo pio, fedele è modello ed esempio di come si cresce nella conoscenza della dottrina della giustizia.
Lui è nella Legge, vive per la Legge, la Legge cerca, medita, comprende. Perché la sua comprensione sia sempre più perfetta prega, chiede aiuto al Signore. Perché la possa osservare in ogni sua prescrizione chiede la forza a Dio.
Questa stessa attenzione, intensità di amore, passione per la verità deve possedere chiunque vuole smettere di essere bambino nelle cose di Dio per diventare adulto.
Questo impegno personale è richiesto ad ogni cristiano. È questo il motivo per cui all’impegno dei ministri della Parola deve seguire quello personale, quotidiano, perenne. Senza questo impegno ogni altro sarà vano, perché manca della personale interiorizzazione e crescita nella dottrina della giustizia.
[14]Il nutrimento solido invece è per gli uomini fatti, quelli che hanno le facoltà esercitate a distinguere il buono dal cattivo.
Ancora l’Autore tiene a ribadire il concetto finora espresso. I destinatari della Lettera sono bambini. Sarebbero dovuti essere già adulti nella fede, invece ancora non conoscono neanche le verità più elementari.
Quando si finisce di essere bambini e si comincia ad essere adulti?
Per l’Autore la differenza la fa la capacità di discernere il buono dal cattivo, ma anche il vero dal falso, il giusto dall’ingiusto, ciò che è secondo Dio da ciò che è invece solo pensiero dell’uomo.
La differenza la fa anche la capacità acquisita di nutrirsi con nutrimento solido. Quando un cristiano è incapace di accogliere le verità centrali della fede è il segno che lui è ancora bambino, non è cresciuto, non ha cambiato niente nella sua formazione dottrinale e spirituale.
Ora la crescita in sapienza e grazia deve essere di tutti e solo chi cresce in sapienza e grazia raggiunge la perfezione della sua fede in Cristo Gesù.
Ognuno pertanto esaminandosi sulla dottrina della giustizia che possiede nel suo cuore, può stabilire con precisione se è bambino, oppure adulto, se ha ancora bisogno di latte, oppure di nutrimento sempre più solido e sempre più sostanzioso.
Ognuno è chiamato a porre riparo a questo stato infantile di percepire e di vivere la fede in Cristo Gesù.
Una fede infantile infatti è sempre esposta al rischio della sua perdita. È sufficiente una qualche tentazione e subito si cade da essa.
È quanto avviene oggi nel cristianesimo. C’è una diaspora dei suoi figli verso le più grandi falsità che la mente umana mai prima d’ora aveva concepito.
Questo distacco, che è arretramento culturale, oltre che religioso, totale perdita di fede, è dovuto a due cause: la prima è la mancata formazione, l’insegnamento non dato per tanti e tanti anni da parte di coloro che hanno ricevuto il ministero della Parola.
La seconda causa è la non crescita nella fede personale da parte di coloro che pur avendo ricevuto l’insegnamento del catechismo, si sono fermati a quel tempo e a quell’età, senza progredire personalmente nella conoscenza della dottrina della giustizia.
Se la fede non passa per l’elaborazione della coscienza, essa è sempre dipendente dagli altri e una fede dipendente è la cosa più fragile che possa esistere.
È sufficiente far cadere in discredito colui dal quale la nostra fede dipende, e la stessa fede cade in discredito, si perde.
Il rimedio non può essere che uno solo: far sì che ognuno passi dalla fede dipendente ad una fede personale, fondata sul proprio convincimento.
Per questo è più che urgente avere un punto comune dal quale partire sia chi insegna, sia chi ascolta e questo punto non può essere che la Rivelazione, il Vangelo, letto, interpretato, compreso, accolto, meditato, studiato attraverso un dialogo ed un confronto dove ognuno è obbligato a lasciare ciò che Vangelo non è per radicarsi solo ed esclusivamente nella sua verità e nella sua dottrina.
Chi vuole una fede adulta negli altri, deve creare il distacco dalla propria fede e dalla propria verità, facendo sì che ogni fondamento non sia sulla persona che dice la fede, ma sulla Parola che viene annunziata e la Parola è fuori di chi l’annunzia e di chi la riceve.
Poiché è di fronte ad entrambi, entrambi si possono confrontare con essa, lasciare ciò che ad essa non appartiene, per radicarsi e fondarsi solo in ciò che è dalla Parola, nasce dalla Parola, la Parola insegna, la Parola contiene. È questa una metodologia che deve sempre accompagnare il ministro della Parola. Se Lui non fa questo, avrà dinanzi a sé sempre delle persone dalla fede dipendente dalla sua. Crolla lui, si perde il credito in lui, si perde e crolla anche la fede di cui lui era assertore, datore, annunziatore.
Oggi il pericolo più grave per la fede è la sostituzione della Parola di Dio con la parola degli uomini, del sentire di Dio con il sentire della terra che è avvenuta in molti ministri della Parola.
Questo è avvenuto perché la Parola non vogliamo che rimanga fuori di noi, dinanzi a noi, per confrontarci con lealtà e purezza di cuore sempre e solo con essa.
Questo ci fa dire e concludere che oggi, in molti strati di popolazione cristiana neanche si possa parlare di fede bambina, ma semplicemente di non fede.
È la scristianizzazione del cristiano. Questo è il fenomeno con il quale dovremo fare ben presto i conti, se non mettiamo mano all’aratro per iniziare a seminare nel solchi dei cuori solo ed esclusivamente la Parola del Signore.

TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Preso fra gli uomini. Il sacerdote è un uomo preso tra gli uomini. È questa la verità divina che regola la legge sul sacerdozio. Questo significa che il sacerdote deve essere un figlio di Adamo. Chi non è figlio di Adamo non può essere sacerdote. Anche Gesù, per essere nostro vero sacerdote, si è sottoposto a questa legge: si è fatto figlio di Adamo. Da Figlio di Dio, consustanziale con il Padre, si è fatto figlio di Adamo, consustanziale con gli uomini. Essendo vero uomo, può essere preso da Dio per essere da Lui costituito suo Sommo Sacerdote della Nuova Alleanza.
Per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio. È questa la seconda verità che delimita l’esercizio del ministero sacerdotale. Uomo tra gli uomini, il sacerdote non si deve occupare delle cose degli uomini che riguardano le cose terrene, mondane. Il bene che lui deve cercare è nelle cose che riguardano direttamente Dio. Le cose di Dio sono la sua Gloria, la sua Signoria, la sua Parola, la sua Grazia, la sua Verità, il suo Regno, la sua Eternità. Il bene che lui deve portare ai suoi fratelli è Dio stesso, la sua Verità, la sua Giustizia, la sua Santità, la sua Parola, il suo Amore, la sua Misericordia. Egli deve portare l’uomo a Dio, portando Dio ad ogni uomo.
Per offrire doni e sacrifici per i peccati. Viene ora specificata una delle cose principali che riguardano Dio: il perdono dei peccati, la loro remissione, la loro espiazione. Il Sacerdote è colui che offre doni e sacrifici al Signore per i peccati, perché il peccato non solo venga perdonato, ma anche espiato. Il ministero del sacerdote si vive come offerta di doni e di sacrifici per i peccati. Dopo però che Cristo è morto per togliere il peccato del mondo, dopo che Lui ha offerto se stesso al Padre in espiazione, ogni altro ministero sacerdotale deve essere vissuto alla maniera di Cristo Gesù. Ogni sacerdote deve offrire se stesso in Cristo, con Cristo, per Cristo, al Padre, perché il peccato venga purificato e tolto, cancellato ed espiato, perdonato e rimesso dal cuore degli uomini. L’offerta del Sacerdote da offrire al Padre è Cristo. Offrendo Cristo, deve però offrire se stesso con una vita consacrata tutta alla gloria del Padre. L’offerta che il Sacerdote deve offrire al Padre è l’esercizio nella santità del suo ministero sacerdotale, in tutto come ha fatto Cristo Gesù.
Per lui, per gli altri, fuori di lui. Nell’Antica Legge il Sacerdote offriva per se stesso e per gli altri con una vittima che era fuori di lui, che non era lui. Il sacerdote nell’Antica Legge offriva sacrifici animali, portava dinanzi a Dio il sangue dei tori e dei vitelli. Nella Nuova Legge Cristo Gesù non offre qualcosa che è fuori di sé, ma offre se stesso. Entra nel Santuario del Cielo, presso Dio con il proprio sangue. Cristo offre se stesso. Offre se stesso, ma non per se stesso. Offre se stesso per noi. È questa la grande novità del suo sacrificio. Con esso viene abolita per sempre l’Antica Legge e ogni Antico Sacrificio. Ora il Sacrificio è uno solo: Cristo Gesù. In questa offerta ogni cristiano deve farsi offerta, sacrificio. Questa offerta ogni sacerdote ordinato deve offrire al Padre, ma in questa offerta anche offrirsi per se stesso e per il mondo intero.
Nessuno si fa. Viene fatto. L’onore del sacerdozio nessuno può attribuirselo da solo. Sacerdote nessuno si può fare da sé. Tutti sono fatti da Dio, tutti sono da Lui costituiti. È Dio che ha fatto, che ha costituito Gesù suo Sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek . Dio non solo lo ha costituito. Gli ha indicato anche la modalità, secondo la quale egli avrebbe dovuto esercitare il culto. Ancora una volta la questione cristologica si fa e diviene questione teologica. Se è questione teologica la sua soluzione è da trovare e risolvere alla luce dell’Antico Testamento, letto però con mente libera, cuore puro, coscienza non alterata dal peccato, spirito sincero, volontà di pervenire alla verità di Dio e solo ad essa. Questa metodologia, seguita e applicata con somma diligenza, conduce alla verità che libera e introduce nella vera vita.
Le cose che riguardano Dio: Legge, espiazione, preghiera. I compiti del Sacerdote nelle cose che riguardano Dio sono: il dono al popolo della Legge di Dio e il suo insegnamento secondo perfetta verità, o corrispondenza con la divina volontà, il culto nella sua duplice via di preghiera e di sacrificio. Con la preghiera si intercede, si invoca da Dio la benedizione sul popolo dell’Alleanza; con l’espiazione si offre il sacrificio per l’espiazione dei peccati. Come si può constatare il ministero sacerdotale è finalizzato a far entrare e a far permanere l’uomo nella volontà di Dio per un suo compimento sempre più perfetto. Quando lo si separa da questa finalità, il suo è un esercizio, o una ministerialità vana. È vano ogni esercizio del ministero sacerdotale che non fa crescere la santità nel popolo del Signore. Nessuna santità sarà mai possibile senza l’insegnamento della Legge, senza il dono della verità che la Legge contiene.
Portare ignoranza ed errore nella santità. Il Sacerdote è chiamato a portare ogni ignoranza, ogni errore, ogni falsità, ogni idolatria, ogni ambiguità, ogni cattiva comprensione della Legge nella santissima verità della Volontà di Dio che la Legge esprime e contiene. Se il Sacerdote lascia, o permette, consapevolmente o anche inconsapevolmente, che un solo errore, una sola falsità, o alcunché di impuro guasti la pienezza e la purezza della verità divina, che lui è chiamato a preservare anche pagando il prezzo del suo sangue, lui si fa responsabile di tutto il male che si compie in seno al popolo di Dio a motivo di quell’errore o di quella falsità che Lui ha lasciato, o permesso, o concesso, che si intromettesse nella verità di Dio e la rendesse falsità. Il Sacerdote è il ministro della verità di Dio, prima che di ogni altra cosa. È la verità di Dio insegnata in pienezza che conduce alla santità. Dove non si insegna la verità, nessuna santità sarà mai possibile. Di questo però responsabile è il solo Sacerdote.
Il ministro della santità di Dio. Il Sacerdote è anche ministro della santità di Dio. Egli deve condurre il popolo del Signore nella santità del suo Dio e per questo deve abolire il peccato che toglie la santità dell’anima, inquina il cuore, deturpa la mente, conduce nella morte l’uomo. Per questo egli è anche l’uomo dell’intercessione, della preghiera, dell’offerta, del sacrificio, dell’espiazione. Lui deve sempre operare in vista del ritorno degli uomini nella santità di Dio e per questo deve portare la santità di Dio sulla terra. Deve farlo offrendo se stesso, facendo della sua vita un sacrificio, un olocausto al Signore affinché la santità di Dio riempia il mondo. Egli dovrà fare di ogni peccatore un santo e di ogni nemico di Dio un amico fedele, che percorre le vie della giustizia e della verità per tutti i giorni della sua vita.
L’uomo della giusta compassione. Il Sacerdote è l’uomo della giusta compassione, perché la sua compassione non è semplicemente umana, cioè rivolta all’uomo per le cose della terra. La sua è rivolta all’uomo, ma per le cose del cielo. La sua compassione tende a strappare l’uomo dalle tenebre, dalla falsità per portarlo nello splendore della verità di Dio; ma anche toglierlo dal peccato e dalla morte per rivestirlo della veste candida della grazia e della carità che sono dono di Dio per la salvezza di chiunque crede. La sua deve essere sempre compassione per le cose di Dio, non per quelle della terra. Mai si deve lasciare tentare dalla compassione per le cose della terra. Queste gli fanno perdere la vera finalità del suo ministero, senza la quale regnano solo tenebre, falsità e peccato.
Esperto conoscitore della Legge e della Santità di Dio. Per poter svolgere con potenza di grazia e di verità il Sacerdote deve essere lui stesso un esperto conoscitore sia della Legge, o della verità di Dio, che della sua Santità. Questo avviene portando se stesso nella più alta verità e nella più grande santità. Egli deve attrarre nella verità dalla verità che è diventata la sua vita, ma anche deve attrarre nella santità del suo Signore dalla pienezza di santità che avvolge la sua anima. Egli deve essere per tutti vero modello di verità, di santità, di sana conoscenza, di pura carità, di ogni altra virtù che adorna l’anima e lo costituisce esperto nelle cose che riguardano Dio. Santità e verità devono essere la luce che brilla perennemente sul volto del sacerdote.
Gli errori spirituali del Sacerdote. L’errore spirituale del Sacerdote è essenzialmente uno. Da questo errore ogni altro viene generato. Il Sacerdote non ha alcuna autonomia né nella verità, né nella santità. Il Sacerdote deve attenersi esclusivamente alla Rivelazione e dare Dio secondo pienezza di rivelazione sia per quanto attiene alla verità che per quanto riguarda la grazia. Ogni intromissione di pensiero umano, si trasformerà in un errore che impedisce l’uso santo del suo ministero. Quando l’uso del suo ministero non è santo, esso non può generare santità. Ognuno è obbligato a liberare l’uso e la modalità del suo sacerdozio da ogni indebita intromissione.
La legge della giusta compassione. Per il Sacerdote la giusta compassione è una sola: attenersi al dono della verità e della grazia. La sua giusta compassione è preservare il suo ministero nella finalità che ad esso ha donato il Signore nell’atto stesso di costituirlo suo Sacerdote. Le tentazioni del Sacerdote sono tutte rivolte a che lui sia distratto da questa unica finalità. Persa la finalità si perde anche l’essenza del sacerdozio. Quanto si opera non è più giusta compassione, bensì è compassione falsa, bugiarda, iniqua. È iniqua perché frutto di peccato e di morte del ministero sacerdotale.
La legge del sacerdozio è di origine divina, non può essere di origine ecclesiale. Il Sacerdozio è stato costituito da Dio all’interno del suo popolo. Dio lo ha costituito, Dio ne ha legiferato anche l’essenza, le finalità, le modalità, le forme. Essendo Dio l’Autore, nessun altro può legiferare su di esso. Non può perché non è Autore. Essendo il Sacerdozio di origine divina, di origine divina deve sempre rimanere. Neanche la storia lo può condizionare, o asservire ad essa. Se la Chiesa vuole ritrovare splendore nel suo seno, deve mettere ogni impegno a che il Sacerdozio brilli nel suo seno in tutta la verità e la santità di cui il Signore lo ha adornato. Tutte le tentazioni mirano a distruggere il Sacerdote nella sua origine divina. Distrutto il Sacerdote in questa sua divina origine, tutto il popolo di Dio va alla deriva. Tutto è dal Sacerdote, perché tutto Dio è dal Sacerdote. Ucciso il Sacerdote, si priva di Dio ogni uomo e tutto il popolo. Questa è verità. Questa è la verità.
Con Mosè la prima legge sul sacerdozio. La prima legislazione sul Sacerdozio Dio l’ha data per mezzo di Mosè. Potevano essere Sacerdoti al suo cospetto solo i discendenti maschi di Aronne. Quanti non erano discendenti di Aronne, non potevano essere ammessi a questo ministero. Nessuna donna poteva esercitare il ministero sacerdotale. Tutti i discendenti maschi di Levi erano addetti al culto nel Santuario, ma non all’esercizio del sacerdozio.
Con Isaia Dio cambia la legge. Con Isaia Dio cambia la legge sul Sacerdozio. Con la Nuova Alleanza non solo tra i figli di Aronne, ma ogni altro figlio poteva divenire sacerdote al suo cospetto, sia tra i discendenti di Abramo che fra le Nazioni. Dio si sarebbe presi Sacerdoti e Leviti da ogni popolo e nazione. Questa profezia è una vera rivoluzione. È la rivoluzione per eccellenza. Isaia annunzia il cambiamento di una parte della legge sul Sacerdozio, solo per quella parte riguardante la discendenza. Non si pronunzia sul cambiamento del culto. Questo cambiamento è stato introdotto da Cristo Gesù.
La legge è di Cristo. Con Cristo non solo la legge sul Sacerdozio è Sua, ma è Lui stesso la legge del Sacerdozio. Ogni Sacerdote che vuole conoscere qual è la legge che governa e regola il suo Sacerdozio deve tenere fisso lo guardo perennemente su Cristo Gesù. Oltre la forma e la via di Cristo nessuna forma e nessuna via. Oltre la modalità di Cristo nessuna modalità. Oltre l’essenza di Cristo nessuna essenza. Oltre la finalità di Cristo nessuna finalità. Tutto è Cristo, tutto si definisce da Cristo, tutto si comprende da Cristo, tutto si aggiorna su Cristo, tutto si spiega da Cristo, tutto si conduce a Cristo, tutto parte da Cristo, ma anche tutto deve sempre ritornare a Cristo perché riceva il sigillo della verità, della santità sia nelle modalità che nella finalità. Cristo è l’essenza eterna del Sacerdozio della Nuova Alleanza. Anzi Cristo è il solo Sacerdote della Nuova Alleanza. Ogni altro Sacerdozio è partecipazione dell’unico ed eterno suo Sacerdozio. Secondo questa verità ogni Sacerdote deve considerarsi, comprendersi, relazionarsi. Il suo Sacerdozio è da Cristo, ma anche in Cristo, con Cristo, per Cristo.
La Chiesa può determinare i requisiti, ma non la legge. La Chiesa non ha alcun potere sul Sacerdozio di Cristo. Esso è interamente da Dio. La Chiesa però può intervenire sui requisiti da chiedere per ogni chiamato al Sacerdozio. I requisiti sono la forma dell’uomo senza la quale il Sacerdozio viene esposto o al fallimento, o a nullità. I requisiti sono come i mezzi storici attraverso i quali il Sacerdozio può essere esercitato con frutto. Nella scelta e nella missione nessun elemento della terra dovrà mai introdursi. Lo esige la verità e la santità del Sacerdozio di Cristo Gesù.
La mediazione umana è nella trasmissione dei poteri. La Chiesa è stata costituita da Dio “mediatrice” nella trasmissione dei poteri sacerdotali. È mediatrice nei suoi Apostoli e nei loro successori, i Vescovi. Solo loro sono stati rivestiti della pienezza del Sacerdozio di Cristo e solo loro possono conferire ad un altro i poteri sacerdotali, secondo ordine e grado diversi. Dove non c’è vera successione apostolica, lì non c’è alcuna mediazione valida. Dove non c’è vera successione apostolica, lì non ci sono veri sacerdoti.
È Dio che sceglie Cristo. È Dio che dona a Cristo la missione. Cristo: sacerdote per sempre. Alla maniera di Melchisedek. Cristo è da Dio. La sua origine da Dio non è però nel tempo. È nell’eternità per l’eternità. È da sempre per sempre. Cristo è il solo Sacerdote della Nuova Alleanza. Gli altri lo sono perché sono resi partecipi del suo unico, eterno Sacerdozio. Il Sacerdozio di Cristo Gesù non è però alla maniera di Aronne, ma alla maniera di Melchisedek. Cambia l’ordine, cambia anche la modalità, cambia il sacrificio, cambia la legge. Tutto cambia con Cristo. Tutto cambia, anche l’Alleanza, dall’Antica si passa alla Nuova. Se tutto questo avviene per volontà di Dio, non per volontà di Cristo, chi vuole rimanere nella volontà di Dio, deve operare un passaggio anch’esso sostanziale. Deve passare dalla volontà di Dio manifestata per mezzo di Mosè alla volontà di Dio manifestata per mezzo dei Profeti e compiuta interamente da Cristo Gesù. Questo cambiamento di volontà di Dio è sostanza e modalità del Sacerdozio di Cristo. In questa volontà ognuno è chiamato ad entrare. Chi non entra in questa volontà, non è semplicemente nella volontà di Dio. La volontà di Dio manifestata a Mosè non è la pienezza della volontà di Dio. Non è quindi la volontà di Dio nella quale Dio ha posto la sua salvezza.
Tutto avviene in Cristo, niente fuori di Lui. Nel Sacerdozio alla maniera di Cristo, tutto avviene in Cristo; niente fuori di Lui. Tutto avviene in Cristo, perché l’esercizio del Sacerdozio di Cristo consiste nell’offerta a Dio della propria volontà. È questo l’unico e solo sacrificio che il Signore vuole: l’offerta della volontà. Cristo gliela dona per intero, sempre, tutta, in ogni sua parte, in ogni suo desiderio, in ogni sua manifestazione. Niente ha fatto Cristo che non fosse la Volontà del Padre. Per fare tutta la Volontà del Padre ha dovuto annientarsi, rinnegarsi, annichilirsi nella sua volontà umana. È questo l’unico sacrificio gradito al Padre.
Obbedienza e patimenti. L’obbedienza di Cristo non è senza la sofferenza. Il dono della volontà nella sofferenza, nel grande patimento fa di questo dono un sacrificio, un’offerta, un olocausto. Nella situazione di morte e di peccato nel quale l’uomo si è collocato a causa della colpa antica, non c’è dono della volontà a Dio se non nella morte per rimanere fedeli a Dio. La sofferenza nasce dal fatto che il male non libera l’uomo dalla sua schiavitù se non facendolo passare attraverso la morte. La sofferenza è morte alla propria volontà, al proprio cuore, alla propria mente, a tutto il proprio essere. Chi non passa attraverso questa morte attesta che la sua volontà è ancorata alla propria schiavitù. La sofferenza altro non è che la consegna della propria vita del corpo al male di questo mondo perché l’anima possa essere tutta e solo di Dio. Il male si prende la nostra vita uccidendola, crocifiggendola, insultandola, rinnegandola. Poiché la nostra vita non è fatta per queste cose, specie per la morte, essa vive di sofferenza, di dolore, di angoscia, di ogni sorta di patimento prima dell’anima e poi anche del corpo, o del corpo e dell’anima insieme.
Perfezione e causa di salvezza. La sofferenza offerta tutta al Signore – e può essere offerta al Signore solo quella sofferenza che è vissuta nella più grande santità e purezza di sentimenti, nella libertà da ogni male – produce un frutto di perfezione in chi la subisce e la offre. La perfezione consiste nell’essere interamente e in ogni cosa del Signore. Che si è interamente del Signore lo attesta il dono della nostra vita a lui nella più grande tribolazione, che raggiunge spesso anche la morte. Questa sofferenza che è perfezione per noi, è anche merito, frutto di salvezza per gli altri. Nel caso di Cristo Gesù è causa di salvezza per il mondo intero. Dio gli dona la salvezza del mondo a causa dell’offerta che Cristo ha fatto di se stesso a Lui. Questo deve significare per noi una sola verità: non c’è redenzione del mondo se non in questa offerta, in questo dono. Questo dono deve essere fatto in Cristo, per Cristo, con Cristo.
La Salvezza è nell’obbedienza. La salvezza è nell’obbedienza perché solo nell’obbedienza si compie tutta la volontà del Padre; solo nell’obbedienza ci si consegna interamente a Lui. L’uomo dona tutto se stesso a Dio. Dio dona tutto se stesso all’uomo, ma donandosi all’uomo, non si dona solo per chi ha fatto l’offerta, si dona all’uomo perché l’uomo lo doni ad ogni altro. È in questo dono di Dio al mondo che si compie la salvezza. In altre parole: la salvezza si compie nel momento in cui Dio viene dato all’anima. Nessuno può dare Dio ad un’anima, se Dio non si è dato all’uomo perché lo dia alle anime. Quando Dio si dona ad un uomo? Quando l’uomo si dona tutto a Dio. L’uomo si dona nell’obbedienza tutto al Signore, il Signore si dona tutto all’anima, per la propria santificazione, ma anche perché l’anima lo dia al mondo intero per la sua salvezza. Più intensamente l’uomo si dona a Dio, più totalmente Dio si dona all’anima, all’uomo, più totalmente e intensamente l’uomo lo potrà dare ai suoi fratelli. Se invece l’uomo non si dona a Dio, neanche Dio si dona all’uomo. Questi può anche andare dai suoi fratelli, ma andrà solo pieno di se stesso, ma non di Dio, al quale non si è dato. Senza il dono di Dio non c’è salvezza, non c’è redenzione, non c’è giustificazione. C’è solo un incontro e una relazione da uomo a uomo, ma non da uomo di Dio ricolmo tutto di Dio per donare Dio al mondo intero. Questo è il fallimento della nostra pastorale. Si fa all’uomo senza Dio, perché a Dio non si è consegnata tutta intera la vita per compiere il suo volere, per fare la sua volontà.
L’obbedienza è a Cristo. Con Mosè, con i Profeti l’obbedienza era alla Parola che Dio diceva attraverso di loro. Con l’Incarnazione del Verbo, Dio non ha altre parole da dirci se non quelle proferite da Cristo Gesù. In tal senso l’obbedienza è solo a Cristo, perché Cristo è la Parola definitiva, ultima di Dio per il mondo intero. Dio non ha altre parole da dirci. Egli ci ha detto e ci ha dato tutto in Cristo Gesù. Per questo motivo l’obbedienza è solo a Cristo Signore, perché in Lui il Padre si è compiaciuto e Lui ci ha detto di ascoltare. Cristo Gesù è il dono totale, pieno, perfetto, come Parola e come Sacrificio, che il Padre ha fatto all’umanità e l’ha fatto una volta per tutte e per sempre.
Cosa è la salvezza? La salvezza in sé è il ritorno dell’uomo nell’obbedienza a Dio, è il ritorno sotto la Signoria di Dio. La salvezza è liberazione da ogni peccato, anche veniale; è vita secondo la verità e la carità che Cristo Gesù è venuto a portare sulla nostra terra. Tutto questo avviene per grazia e non per merito dell’uomo e si realizza mediante la fede in Cristo Gesù, unico Salvatore e Redentore dell’uomo.
Il Dio dell’ultima parola rivelata. Dio parla all’uomo. L’uomo deve sempre ascoltare il Signore che parla oggi al suo cuore. C’è la rivelazione del mistero e questa rivelazione è avvenuta una volta per tutte. Dio non ha altri misteri da rivelarci e sul mistero che ci ha rivelato ha detto tutto. Ora però bisogna vivere in pienezza il mistero della salvezza. Per aiutarci a vivere nel mistero, Dio, Padre di bontà e di misericordia, sempre viene in aiuto alla nostra fragilità e in molti modi ci parla e ci introduce nella vita del mistero secondo pienezza di verità, di carità, di speranza. Poiché Dio parla all’uomo, l’uomo deve avere la disponibilità del cuore, la leggerezza della mente, la duttilità dell’intelligenza di ascoltare sempre l’ultima parola di Dio e metterla in pratica con ogni obbedienza pronta, sollecita, immediata.
Non si cresce per volontà e neanche per intelligenza nella conoscenza del mistero. Alla volontà dell’uomo è richiesto di aprirsi al mistero. All’intelligenza di accoglierlo. Però né la volontà, né l’intelligenza ci aiutano a crescere nella comprensione del mistero di Dio. Chi ci aiuta è lo Spirito del Signore ed ogni crescita avviene in noi per grazia. Senza lo Spirito Santo che opera dentro di noi, ogni conoscenza di Cristo è conoscenza sterile, inutile, vuota, vana. È una conoscenza della mente che non trasforma il cuore né lo aiuta a crescere secondo Dio e in Dio. Questa conoscenza è frutto di tanta preghiera unitamente alla crescita in grazia che avviene nel nostro cuore e nella nostra anima.
Come si progredisce di fede in fede? Prima di tutto si cresce mettendosi in ascolto dello Spirito Santo. Lui bisogna imparare ad ascoltare. Per ascoltarlo, è necessario, prima ancora, invocarlo. Lo si prega con continua preghiera, ma anche con una disponibilità sempre più grande di affidarci alla sua misericordia e al suo aiuto. Si progredisce ancora servendoci con santità di tutti quei mezzi che il Signore ha messo a nostra disposizione. Questi mezzi sono l’ascolto dell’insegnamento degli Apostoli, ma anche il confronto quotidiano con la Scrittura Santa e con la sana dottrina che la Chiesa ci insegna di giorno in giorno.
Si conosce per Scrittura. La Scrittura è la fonte di ogni nostra vera conoscenza su Cristo Gesù. La Scrittura però bisogna che venga letta con la fede della Chiesa, nella Chiesa, con la Chiesa. La Parola da Gesù è stata affidata agli Apostoli e sono loro che devono insegnarcela con ogni sapienza e dottrina. Perché il loro insegnamento penetri nei nostri cuori, è necessario da parte nostra la preghiera, molta preghiera, affinché il Signore ci renda docili all’ascolto, ma anche alla messa in pratica di ogni parola ascoltata. La conoscenza della Scrittura secondo la fede e la sana dottrina della Chiesa è aiuto indispensabile per conoscere Dio e Cristo secondo verità.
Si conosce per illuminazione. La conoscenza solo per Scrittura non è sufficiente, non basta. Cristo Gesù spesso si serve del dono diretto della conoscenza del suo mistero. Questo dono non è fatto ad ogni uomo. È fatto ad anime particolari, che Lui stesso sceglie e invia nel mondo per portare ad ogni uomo la luce del suo Vangelo, libero da ogni fraintendimento umano.
Nella vera conoscenza di Cristo è ogni vero servizio verso l’uomo. Chi vuole servire secondo verità e giustizia ogni uomo, deve andare a Lui con una sana, vera, giusta, perfetta conoscenza di Gesù Signore e del mistero dello stesso Dio. Se manca in noi la vera conoscenza di Cristo, non possiamo parlare di Cristo secondo verità. Se il nostro Cristo è falso, o non vero, tutta la vita cristiana sarà sottoposta a falsità, o a non verità. Chi ama l’uomo deve presentarsi a Lui con una santa, giusta, vera conoscenza di Gesù. È Gesù che salva l’uomo, lo salva però nella sua vera, santa conoscenza. Ogni falsità che viene introdotta su Cristo allontana sempre più dalla conoscenza, e quindi dalla libertà.
Il complesso e l’armonia delle verità della fede: dottrina della giustizia. La fede è un complesso ben compaginato e connesso di una miriade di verità. Ognuno è obbligato a conoscere di questo complesso le verità più essenziali, quelle che servono per la sua vita eterna e per raggiungere una più grande santità. La dottrina della giustizia è quel complesso e quell’armonia delle verità della fede che aiutano l’uomo a strapparlo al regno delle tenebre e a condurlo nel regno della verità e della santità di Dio. Ognuno è obbligato a possedere questo complesso e questa armonia, poiché ognuno è chiamato alla santità e senza la dottrina della giustizia è difficile, anzi impossibile pervenire ad una sempre più grande santificazione.
Adulti si diventa con la capacità di discernimento. Un uomo è adulto nella fede prima di tutto quando è nella vera, reale capacità di discernere il bene dal male, tutto il bene da tutto il male. Questo conferisce lo stato di adulto a livello di conoscenza. Ma c’è anche l’altro livello ed è quello della grazia. Un uomo è adulto nella grazia, quando è nelle reali possibilità di superare il male con il bene, di evitare tutto il male e di fare ogni bene. Quando si è capaci di operare un sano discernimento e di vivere secondo verità e giustizia, allora si è adulti nella fede, nella verità. In questo cammino poi non ci si può fermare. Bisogna giungere alla piena maturità in Cristo e questo può avvenire solo in una grande santificazione, nella perfezione dell’obbedienza a Gesù Signore. Oggi abbiamo bisogno di fede adulta, matura, sana, giusta, santa. Questo può avvenire solo in una santità sempre più grande.
Fede dipendente. La fede è dipendente quanto all’origine. Essa è dalla Parola che ci danno gli Apostoli, annunziandola e insegnandola. In questo dono bisogna essere sempre dipendenti. Non c’è Parola interamente data e santamente interpretata se non per mezzo degli Apostoli. La fede non deve essere dipendente quanto alla sua realizzazione e alla sua vita. In questo il cristiano deve liberare la vita della sua fede dalla vita di fede degli altri. Ognuno è obbligato a vivere la sua fede, anche se tutto il mondo vi rinunziasse.
Vera metodologia di crescita. Una vera, santa metodologia di crescita nella fede vuole un duplice contatto: con gli Apostoli del Signore e con il Sacro Testo. Inoltre accorre una esemplarità a prova di pienezza di Parola vissuta. Se una sola di queste tre cose manca, si arresta ogni crescita nella fede, oppure si fa un cammino assai lento, quasi impossibile.
La Parola è fuori di chi l’annunzia e di chi l’ascolta. La fede nasce dalla Parola. La Parola è fuori di chi l’annunzia e di chi l’ascolta. La Parola è il punto di riferimento oggettivo della fede. Essa è garanzia per chi annunzia e per chi ascolta. È vero punto di confronto per chi annunzia e per chi ascolta. Tutti possono confrontarsi con essa e se sono uomini di buona volontà, sinceri, onesti con se stessi, prima che con Dio e con i fratelli, possono giungere alla verità, anche perché chi cerca il Signore con cuore semplice, puro, dal Signore è cercato, dalla verità è attratto e condotto nel regno di Dio. Essendo fuori di chi l’annunzia e di chi l’ascolta, la Parola conserva sempre la più pura libertà dagli uomini. Nessuno potrà mai ridurla in schiavitù. Essa è libera della stessa libertà di Dio.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 11:04 PM
CAPITOLO SESTO





I DANNI DELL’APOSTASIA
[1]Perciò, lasciando da parte l'insegnamento iniziale su Cristo, passiamo a ciò che è più completo, senza gettare di nuovo le fondamenta della rinunzia alle opere morte e della fede in Dio, [2]della dottrina dei battesimi, dell'imposizione delle mani, della risurrezione dei morti e del giudizio eterno.
Per procedere con ordine e senza sbandamenti, è più che giusto entrare nel pensiero dell’Autore e puntualizzarlo con la più grande precisione possibile.
Ci sono alcune cose che lui ritiene non dover affrontare e che quindi è più che opportuno omettere di trattare.
Ora lui lascia da parte l’insegnamento iniziale su Cristo. Noi però non sappiamo in che cosa consistesse questo insegnamento iniziale.
Possiamo solamente immaginarlo, partendo dalle forme di annunzio contenute negli Atti degli Apostoli: è la presentazione di Cristo come vero Messia di Dio, unico Salvatore del mondo, morto per i nostri peccati, risorto per la nostra giustificazione, asceso alla destra del Padre, costituito Giudice dei vivi e dei morti.
In ogni annunzio di Pietro e di Paolo, questo insegnamento è sempre dato. È sufficiente per questo leggere il primo discorso di Pietro, subito dopo la discesa dello Spirito Santo, in Atti 2, 22-41:
“Uomini d'Israele, ascoltate queste parole: Gesù di Nazaret uomo accreditato da Dio presso di voi per mezzo di miracoli, prodigi e segni, che Dio stesso operò fra di voi per opera sua, come voi ben sapete, dopo che, secondo il prestabilito disegno e la prescienza di Dio, fu consegnato a voi, voi l'avete inchiodato sulla croce per mano di empi e l'avete ucciso. Ma Dio lo ha risuscitato, sciogliendolo dalle angosce della morte, perché non era possibile che questa lo tenesse in suo potere. Dice infatti Davide a suo riguardo: Contemplavo sempre il Signore innanzi a me; poiché egli sta alla mia destra, perché io non vacilli. Per questo si rallegrò il mio cuore ed esultò la mia lingua; ed anche la mia carne riposerà nella speranza, perché tu non abbandonerai l'anima mia negli inferi, né permetterai che il tuo Santo veda la corruzione. Mi hai fatto conoscere le vie della vita, mi colmerai di gioia con la tua presenza.
Fratelli, mi sia lecito dirvi francamente, riguardo al patriarca Davide, che egli morì e fu sepolto e la sua tomba è ancora oggi fra noi. Poiché però era profeta e sapeva che Dio gli aveva giurato solennemente di far sedere sul suo trono un suo discendente, previde la risurrezione di Cristo e ne parlò: questi non fu abbandonato negli inferi, né la sua carne vide corruzione. Questo Gesù Dio l'ha risuscitato e noi tutti ne siamo testimoni. Innalzato pertanto alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo che egli aveva promesso, lo ha effuso, come voi stessi potete vedere e udire. Davide infatti non salì al cielo; tuttavia egli dice: Disse il Signore al mio Signore: siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici come sgabello ai tuoi piedi. Sappia dunque con certezza tutta la casa di Israele che Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso!
All'udir tutto questo si sentirono trafiggere il cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: Che cosa dobbiamo fare, fratelli? E Pietro disse: Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati; dopo riceverete il dono dello Spirito Santo. Per voi infatti è la promessa e per i vostri figli e per tutti quelli che sono lontani, quanti ne chiamerà il Signore Dio nostro. Con molte altre parole li scongiurava e li esortava: Salvatevi da questa generazione perversa. Allora coloro che accolsero la sua parola furono battezzati e quel giorno si unirono a loro circa tremila persone”.
Senza dubbio è questo l’insegnamento iniziale su Cristo Gesù. Sono le verità principali sul suo mistero, sulla sua missione, sulla sua Persona, sulla sua storia.
Tralascia tutto questo per passare a ciò che è più completo e ciò che è più completo nel contesto della Lettera è con sicura certezza il suo sacerdozio.
Questa tematica diverrà pertanto l’unico argomento. Gli altri entreranno nella trattazione, solo se saranno ritenuti utili, o necessari per dare maggiore valore e più ampio respiro “a ciò che è più completo”.
Per questo motivo omette anche di gettare di nuovo le fondamenta:
della rinunzia alle opere morte e della fede in Dio
della dottrina del battesimo,
dell’imposizione delle mani,
della risurrezione dei morti
del giudizio eterno.
Come si può constatare non sono tematiche secondarie. Esse riguardano il fondamento stesso del nostro essere cristiani: conversione e santificazione (rinunzia alle opere morte), battesimo, confermazione, risurrezione finale, giudizio eterno di Dio. E prima ancora fede in Dio.
Tutto questo deve essere tralasciato per una ragione di fede. A che serve conoscere queste verità, se la verità prima della nostra santa fede non è conosciuta secondo ogni pienezza?
La verità prima è il sacerdozio di Cristo, perché è per mezzo di esso che la salvezza e la santificazione si compiono e ogni altro dono di grazia ci è donato.
Per l’Autore niente conserva il suo valore, se si smarrisce la verità sul Sacerdozio di Gesù Signore, dal quale ogni altra verità riceve la sua consistenza e ogni suo vero contenuto di verità e di dottrina. Niente rimane puro nella fede, se la fede in Cristo Sommo Sacerdote della Nuova Alleanza diventa impura, meno pura, macchiata da qualche imperfezione sia nella formulazione che nella comprensione.
Ha visto bene l’Autore, a differenza di noi che vediamo male, tanto male da escludere Cristo dal nostro annunzio in nome di un valore morale insito nella coscienza e che l’uomo è invitato ad osservare senza la fede in Cristo e la sua grazia.
La visione di vera fede dell’Autore è uno schiaffo morale a tutti noi impelagati e traviati da una questione morale nella quale non c’è posto né per Cristo, né per la Sua Parola.
Questi due primi versetti sono la condanna esplicita, formale di tutta una pastorale nella quale il mistero di Cristo è scomparso, in nome di un’antropologia da salvare senza il suo unico e solo Salvatore.
L’Autore sceglie bene, perché sceglie la sorgente dalla quale scaturisce ogni verità, ogni dottrina, ogni grazia, ogni relazione con Dio e con gli uomini.
L’Autore sceglie bene, perché non si lascia governare dalla speranza di un risultato immediato, di una toppa messa dinanzi ad una grande falla. Lui sceglie di sanare ogni cosa partendo dalla radice, dalla quale ogni altra cosa riceve la sua verità e la sua falsità.
Questa sua scelta implica un rischio: di perdere qualche anima, anziché perderle tutte.
Noi abbiamo deciso di perderle tutte, perché abbiamo scelto una pastorale che si accontenta di colmare qualche falla, lasciando però che tutta la nave affondi, perché sommersa dalle onde della falsità e dell’errore.
L’Autore vede bene perché ha deciso di mettere la vera Cristologia a fondamento di tutto il suo insegnamento.
La vera Cristologia è la via dell’unica pastorale percorribile, oggi, domani, sempre.
[3]Questo noi intendiamo fare, se Dio lo permette.
L’Autore è intenzionato a parlare solo di Cristo per dire di Lui ciò che è più completo.
Questo è il suo intendimento. La realizzazione di ogni cosa non è però nelle sole mani dell’uomo, è anche nella volontà di Dio, nella sua permissione, nel suo aiuto, nella sua grazia.
Se Dio lo permette può avere pertanto una molteplicità di significati:
Se Dio mi aiuta, mi sostiene, mi dà la forza.
Se Dio vuole che questo sia fatto. Se vuole altro, farò di certo altro.
Se Dio mi illumina e mi dona l’intelligenza per capire il mistero di Cristo Gesù secondo completezza e pienezza di verità.
Se Dio ha pietà di noi tutti e ci concede questa ulteriore grazia di conversione e di santificazione mediante la conoscenza più completa di Cristo Gesù e del suo altissimo e unico mistero di redenzione.
Tanti possono essere i significati della frase dell’Autore. Ognuno può cogliere altre sfumature, una cosa però deve essere chiara ad ogni mente: chi scrive vive di vera, autentica, mentalità di fede. Costui sa che nulla un uomo può fare senza l’aiuto, il sostegno, la grazia di Dio.
Tutto è da Dio, ma anche tutto è per il Signore ed è per il Signore se è secondo la Sua santissima volontà.
La fede si trasforma in preghiera per chiedere al Signore tutti quegli aiuti di grazia e di verità perché possa trasformare la sua intenzione in un concreto aiuto perché i suoi fratelli di fede non solo rimangano nella verità, ma producano anche frutti di grazia e di verità.
[4]Quelli infatti che sono stati una volta illuminati, che hanno gustato il dono celeste, sono diventati partecipi dello Spirito Santo
L’illuminazione avviene e si compie nel sacramento del Battesimo.
È in esso che un uomo viene liberato dal potere delle tenebre ed introdotto nel regno della luce.
La luce è Cristo. La luce di Cristo è la sua verità. La verità di Cristo è la sua Parola, che dona all’uomo la vera conoscenza di Dio e dell’uomo.
È in questo sacramento che l’uomo viene trasformato in un essere di luce, per questo il Vangelo di Matteo non teme di chiamare i discepoli di Cristo “Luce del mondo e sale della terra” (Cfr. Mt 5,13-16).
“Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli”.
Se leggiamo questo passo del Vangelo secondo Matteo alla luce di quanto avviene nel battesimo, dobbiamo concludere che l’appellativo di “luce e di sale”, non è solamente morale, è prima di tutto ontico, investe cioè tutto l’essere dell’uomo.
È il suo essere che è trasformato in luce e in sale. Poiché la sua nuova natura è luce e sale, egli deve produrre secondo la luce che è in lui. Da qui l’altra affermazione di Cristo Gesù (cfr. Mt 6,22-23):
“La lucerna del corpo è l'occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!”.
Il battesimo non è solo il sacramento della rigenerazione dell’uomo nuovo, della nascita dell’uomo luce, del figlio della luce, in esso si compiono altri grandi misteri.
In esso si gusta il dono celeste – dice l’Autore –. Ma qual è questo dono celeste?
Il dono celeste è prima di tutto il Signore. Il cristiano è divenuto sale, è trasformato in “sapienza” da Dio, di sapienza viene ricolmato.
Ora è proprio della sapienza il gusto della verità, della santità, della bellezza, della maestà di Dio, di Dio stesso nel suo mistero e nella manifestazione della sua gloria.
Gustando Dio, si gusta anche ogni suo altro dono, si gusta tutto il cielo e tutta la terra, perché la si vede come opera sua.
Chi gusta Dio e le sue opere si allontana da ogni gusto peccaminoso, di male, delle cose di questo mondo.
Il fatto che l’uomo oggi corre affannosamente verso il gusto delle cose di questo mondo e per di più aggiungendoci orrendi e tristi peccati, alcuni dei quali portano alla sua degradazione e distruzione, è segno che nel suo cuore si è perso totalmente il gusto di Dio.
Dio non è nel cuore, perché il peccato e il male si sono impossessati di esso per condurlo nelle tenebre e nel gusto del peccato e della morte.
Il Salmo 33 ci mostra in modo chiaro ed inequivocabile la gioia che nasce dal cuore, pensando e cercando il Signore:
“Di Davide, quando si finse pazzo in presenza di Abimelech e, da lui scacciato, se ne andò.
Alef Benedirò il Signore in ogni tempo, sulla mia bocca sempre la sua lode.
Bet Io mi glorio nel Signore, ascoltino gli umili e si rallegrino.
Ghimel Celebrate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome.
Dalet Ho cercato il Signore e mi ha risposto e da ogni timore mi ha liberato.
He Guardate a lui e sarete raggianti, non saranno confusi i vostri volti.
Zain Questo povero grida e il Signore lo ascolta, lo libera da tutte le sue angosce.
Het L'angelo del Signore si accampa attorno a quelli che lo temono e li salva.
Tet Gustate e vedete quanto è buono il Signore; beato l'uomo che in lui si rifugia.
Iod Temete il Signore, suoi santi, nulla manca a coloro che lo temono.
Caf I ricchi impoveriscono e hanno fame, ma chi cerca il Signore non manca di nulla.
Lamed Venite, figli, ascoltatemi; v'insegnerò il timore del Signore.
Mem C'è qualcuno che desidera la vita e brama lunghi giorni per gustare il bene?
Nun Preserva la lingua dal male, le labbra da parole bugiarde.
Samech Sta’  lontano dal male e fa’ il bene, cerca la pace e perseguila.
Ain Gli occhi del Signore sui giusti, i suoi orecchi al loro grido di aiuto.
Pe Il volto del Signore contro i malfattori, per cancellarne dalla terra il ricordo.
Sade Gridano e il Signore li ascolta, li salva da tutte le loro angosce.
Kof Il Signore è vicino a chi ha il cuore ferito, egli salva gli spiriti affranti.
Res Molte sono le sventure del giusto, ma lo libera da tutte il Signore. Sin Preserva tutte le sue ossa, neppure uno sarà spezzato.
Tau La malizia uccide l'empio e chi odia il giusto sarà punito. Il Signore riscatta la vita dei suoi servi, chi in lui si rifugia non sarà condannato”.
Tutto è nel Signore. Il battesimo è il sacramento del dono che il Signore fa di sé stesso ad un uomo. Tutto Dio si dona ad un uomo, in tutta la sua vita.
Questo dono gusta il battezzato e in questo gusto deve crescere per tutti i giorni della sua vita.
All’Illuminazione si aggiunge il gusto di Dio, al gusto di Dio l’essere divenuti partecipi dello Spirito Santo.
Chi legge la Scrittura sa che il dono dello Spirito veniva dato a tutti coloro che erano stati chiamati da Dio a compiere la sua opera di salvezza in favore del suo popolo, di ogni uomo.
Lo Spirito del Signore è dato in ordine al compimento dell’opera di salvezza, per dimorare nella volontà di Dio e per condurre ogni altro nella stessa volontà divina.
È nella misura in cui si resta nello Spirito di Dio che si diviene capaci di compire l’opera della salvezza di Dio.
Essere divenuti partecipi dello Spirito Santo si riveste di un duplice significato:
il cristiano ha ricevuto lo Spirito di Dio con il quale può e deve compiere tutto il cammino della propria santificazione;
ma anche: il cristiano può e deve compiere la stessa missione di Cristo Gesù. Divenendo partecipe dello Spirito di Cristo, egli diviene partecipe della sua missione. Può e deve compierla allo stesso modo del Signore Gesù: offrendo al Padre la sua vita in riscatto per la remissione dei peccati del mondo.
Il cristiano è missionario per il fatto stesso di aver ricevuto il battesimo, perché in esso è divenuto partecipe dello Spirito Santo.
È questo il grande dono che Dio gli ha fatto, ma anche la grande missione di cui lo ha investito.
Egli è chiamato ad essere santo e a santificare il mondo intero.
[5]e hanno gustato la buona parola di Dio e le meraviglie del mondo futuro.
Vengono ancora enumerati come doni battesimali: il dono della Parola e l’eredità del Paradiso.
Si gusta la buona parola di Dio, gustando la bontà di Dio che dona la sua Parola.
La Parola di Dio è tutto per l’uomo credente. È sufficiente leggere il Salmo 18 per comprendere quanta bontà è nascosta nella Parola che il Signore fa risuonare tra noi.
“Al maestro del coro. Salmo. Di Davide. I cieli narrano la gloria di Dio, e l'opera delle sue mani annunzia il firmamento. Il giorno al giorno ne affida il messaggio e la notte alla notte ne trasmette notizia. Non è linguaggio e non sono parole, di cui non si oda il suono. Per tutta la terra si diffonde la loro voce e ai confini del mondo la loro parola. Là pose una tenda per il sole che esce come sposo dalla stanza nuziale, esulta come prode che percorre la via. Egli sorge da un estremo del cielo e la sua corsa raggiunge l'altro estremo: nulla si sottrae al suo calore.
La legge del Signore è perfetta, rinfranca l'anima; la testimonianza del Signore è verace, rende saggio il semplice. Gli ordini del Signore sono giusti, fanno gioire il cuore; i comandi del Signore sono limpidi, danno luce agli occhi. Il timore del Signore è puro, dura sempre; i giudizi del Signore sono tutti fedeli e giusti, più preziosi dell'oro, di molto oro fino, più dolci del miele e di un favo stillante. Anche il tuo servo in essi è istruito, per chi li osserva è grande il profitto. Le inavvertenze chi le discerne? Assolvimi dalle colpe che non vedo. Anche dall'orgoglio salva il tuo servo perché su di me non abbia potere; allora sarò irreprensibile, sarò puro dal grande peccato. Ti siano gradite le parole della mia bocca, davanti a te i pensieri del mio cuore. Signore, mia rupe e mio redentore”.
L’Autore conosce la magnificenza nascosta nella Parola e ne celebra le lodi nel suo cuore. Il battesimo donando il gusto di Dio al cristiano, dona anche il gusto della buona parola di Dio.
In questo gusto però è giusto che lui cresca ogni giorno, altrimenti con il peccato lo si può anche perdere e smarrire per sempre, lasciandosi conquistare da altri gusti che non appartengono al cristiano.
Lui deve ormai vivere gustando solo il Signore e quanto è suo dono. La Parola di Dio è dono del Signore e in questa Parola lui si deve deliziare ogni giorno.
Dalla Parola nasce la vita per lui, la vita della verità e quella della grazia.
Altro dono del battesimo è il gusto delle meraviglie del mondo futuro, di ciò che ci attende nel cielo.
Il Signore lo ha rivestito di una speranza nuova, che non riguarda più le cose della terra, bensì quelle del cielo, quelle future che si compiranno per lui dopo la sua morte.
Anche questa speranza è persa oggi dal cristiano. La sua attesa è solo per le cose di questo mondo.
Ciò ha un solo significato e una sola possibile lettura: il cristiano è caduto dal “gusto” del suo Dio. Verso di Lui non cammina, Lui non ama più, Lui non cerca, Lui non desidera come unico bene dell’anima sua.
Manca nel cristiano di oggi la ricerca del Volto di Dio sulla terra che si compirà nel cielo, quando lo vedrà faccia a faccia.
Gli manca quanto è descritto nel Salmo 41:
“Al maestro del coro. Maskil. Dei figli di Core. Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. L'anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: quando verrò e vedrò il volto di Dio? Le lacrime sono mio pane giorno e notte, mentre mi dicono sempre: Dov'è il tuo Dio? Questo io ricordo, e il mio cuore si strugge: attraverso la folla avanzavo tra i primi fino alla casa di Dio, in mezzo ai canti di gioia di una moltitudine in festa. Perché ti rattristi, anima mia, perché su di me gemi? Spera in Dio: ancora potrò lodarlo, lui, salvezza del mio volto e mio Dio. In me si abbatte l'anima mia; perciò di te mi ricordo dal paese del Giordano e dell'Ermon, dal monte Misar. Un abisso chiama l'abisso al fragore delle tue cascate; tutti i tuoi flutti e le tue onde sopra di me sono passati. Di giorno il Signore mi dona la sua grazia di notte per lui innalzo il mio canto: la mia preghiera al Dio vivente. Dirò a Dio, mia difesa: Perché mi hai dimenticato? Perché triste me ne vado, oppresso dal nemico? Per l'insulto dei miei avversari sono infrante le mie ossa; essi dicono a me tutto il giorno: Dov'è il tuo Dio? Perché ti rattristi, anima mia, perché su di me gemi? Spera in Dio: ancora potrò lodarlo, lui, salvezza del mio volto e mio Dio”.
I beni futuri, o le meraviglie del mondo futuro, sono gustati nella speranza, attesi con vivo desiderio, con ardente zelo.
Di questa attesa esempio mirabile è San Paolo (cfr Fil 3,1-21):
“Per il resto, fratelli miei, state lieti nel Signore. A me non pesa e a voi è utile che vi scriva le stesse cose: guardatevi dai cani, guardatevi dai cattivi operai, guardatevi da quelli che si fanno circoncidere! Siamo infatti noi i veri circoncisi, noi che rendiamo il culto mossi dallo Spirito di Dio e ci gloriamo in Cristo Gesù, senza avere fiducia nella carne, sebbene io possa vantarmi anche nella carne.
Se alcuno ritiene di poter confidare nella carne, io più di lui: circonciso l'ottavo giorno, della stirpe d'Israele, della tribù di Beniamino, ebreo da Ebrei, fariseo quanto alla legge; quanto a zelo, persecutore della Chiesa; irreprensibile quanto alla giustizia che deriva dall'osservanza della legge. Ma quello che poteva essere per me un guadagno, l'ho considerato una perdita a motivo di Cristo. Anzi, tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo e di essere trovato in lui, non con una mia giustizia derivante dalla legge, ma con quella che deriva dalla fede in Cristo, cioè con la giustizia che deriva da Dio, basata sulla fede.
E questo perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la partecipazione alle sue sofferenze, diventandogli conforme nella morte, con la speranza di giungere alla risurrezione dai morti. Non però che io abbia già conquistato il premio o sia ormai arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perché anch'io sono stato conquistato da Gesù Cristo. Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la mèta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù.
Quanti dunque siamo perfetti, dobbiamo avere questi sentimenti; se in qualche cosa pensate diversamente, Dio vi illuminerà anche su questo. Intanto, dal punto a cui siamo arrivati continuiamo ad avanzare sulla stessa linea. Fatevi miei imitatori, fratelli, e guardate a quelli che si comportano secondo l'esempio che avete in noi. Perché molti, ve l'ho già detto più volte e ora con le lacrime agli occhi ve lo ripeto, si comportano da nemici della croce di Cristo: la perdizione però sarà la loro fine, perché essi, che hanno come dio il loro ventre, si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi, tutti intenti alle cose della terra. La nostra patria invece è nei cieli e di là aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, in virtù del potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose”.
La speranza nuova è stata versata, il gusto di essa anche. È questa la novità grande che si è compiuta nel battesimo.
Questa speranza, virtù teologale, dono infuso nel cuore dallo Spirito Santo nelle acque del Battesimo, dallo stesso Spirito dovrà ogni giorno essere alimentata.
Questo avviene se cresce in noi lo Spirito e lo Spirito cresce se noi cresciamo nell’ascolto e nell’osservanza della Parola di Dio.
Tutto è nella vita secondo la Parola e senza la Parola non c’è vita nei cuori. Chi cade dalla Parola, cade anche dalla speranza teologale. In lui si estingue ogni anelito di eternità.
Tutto ricomincia a vivere nel momento in cui ritorna a vivere la Parola in noi. La Parola è la vita e la via della vita.
[6]Tuttavia se sono caduti, è impossibile rinnovarli una seconda volta portandoli alla conversione, dal momento che per loro conto crocifiggono di nuovo il Figlio di Dio e lo espongono all'infamia.
L’affermazione dell’Autore merita un’attenzione tutta particolare. Oggi è proprio su questa affermazione che è avvenuto lo sfacelo non solo in campo strettamente teologico, quanto anche morale, spirituale, ascetico.
Oggi si afferma una salvezza senza l’osservanza della Parola. L’osservanza del Vangelo – si dice – non serve alla salvezza, dal momento che tutti siamo salvati.
L’Autore invece dice esattamente il contrario. Anzi, dice l’opposto e tante cose in più, che richiedono di essere considerate, vagliate con maggiore rigore.
Seguiamolo nel suo ragionamento, che per noi è anche rivelazione, in quanto testo ispirato.
Attraverso la predicazione, lo Spirito Santo tocca il cuore e lo muove a conversione, immettendo in esso il dono della fede nella verità della Parola ascoltata.
All’inizio di questo capitolo – cosa che è stata trattata con molta dovizia di particolari – ci ha rivelato tutti i beni spirituali che vengono a noi mediante la rigenerazione nelle acque del Battesimo.
Tutti questi doni producono frutti di vera santità in noi – la santità è lo sviluppo e la crescita in noi della fede, della speranza, della carità – se noi rimaniamo nella Parola, se la Parola osserviamo in ogni sua più piccola manifestazione della volontà di Dio.
Cadendo dalla Parola, cadiamo anche dai doni divini. Essi sono in noi, ma rimangono in uno stato di “letargo”, di “sonno spirituale”. Ci sono, ma non operano. Non possono operare perché la nostra anima è nella morte a causa del peccato nel quale siamo caduti e si cade sempre in peccato quando si abbandona la via della Parola di Gesù Signore.
L’Autore ora dice: “Tutti quelli che furono una volta illuminati [...] e che tuttavia sono caduti, è impossibile rinnovarli una seconda volta portandoli alla conversione”. E aggiunge: “dal momento che per loro conto crocifiggono di nuovo il Figlio di Dio e lo espongono all’infamia”
La prima affermazione deve essere interpretata a partire dalla seconda.
Chi cade dalla Parola crocifigge di nuovo il Figlio di Dio e lo espone all’infamia.
In questa situazione di crocifissione di Cristo e di esposizione all’infamia diventa impossibile poterli di nuovo portare alla conversione per essere rinnovati una seconda volta.
Chi è morto da sé non può ritornare in vita. Né esiste sulla terra qualcuno che possa aiutarlo perché ritorni nella condizione di un tempo.
Umanamente questo è impossibile. Per lui si aprono le porte della dannazione eterna, a motivo dei peccati nei quali ha condotto e conduce la sua vita.
Questa verità è assoluta, non ammette deroghe. Tutti sono soggetti ad essa.
Non c’è allora più possibilità di salvezza, di giustificazione, di redenzione.
La possibilità della salvezza c’è, ma non nell’uomo. Essa è solo nella misericordia di Dio e qui entriamo però nel mistero della grazia e del suo dono che conosce solo Dio e nessun altro.
A noi non resta che pregare con intensità perché il Signore si mostri compassionevole, lento all’ira e conceda la grazia della conversione.
Assieme alla preghiera deve essere aggiunta una predicazione forte, sostanziosa, ricca di verità, di ammonimento, di richiamo al peccatore perché anche lui invochi il Signore, anzi perché tutta la comunità insieme a lui invochino il Signore perché si mostri compassionevole, ricco di pietà e di misericordia e conceda una seconda grazia di giustificazione, di redenzione, di salvezza.
Tutti gli errori della pastorale odierna risiedono in questo equivoco: rimanere nel peccato e pensarsi già salvi.
È questa la più grave e la più disastrosa di tutte le eresie che sono nate in seno alla Chiesa.
Essa distrugge ogni germe di vita morale nei cuori e anche ogni incipiente sentimento di conversione nello spirito.
Essa giustifica ogni peccato, ogni trasgressione, perché li avvalora con una parola falsa, di uomo, non certo di Dio.
Questo avveniva anche con i falsi profeti di un tempo. Ce ne dona un saggio il profeta Ezechiele (cfr. 13, 1-23). È una parola forte che merita di essere ascoltata:
“Mi fu rivolta ancora questa parola del Signore: Figlio dell'uomo, profetizza contro i profeti d'Israele, profetizza e dì a coloro che profetizzano secondo i propri desideri: Udite la parola del Signore: Così dice il Signore Dio: Guai ai profeti stolti, che seguono il loro spirito senza avere avuto visioni. Come sciacalli fra le macerie, tali sono i tuoi profeti, Israele. Voi non siete saliti sulle brecce e non avete costruito alcun baluardo in difesa degli Israeliti, perché potessero resistere al combattimento nel giorno del Signore. Hanno avuto visioni false, vaticini menzogneri coloro che dicono: Oracolo del Signore, mentre il Signore non li ha inviati. Eppure confidano che si avveri la loro parola! Non avete forse avuto una falsa visione e preannunziato vaticini bugiardi, quando dite: Parola del Signore, mentre io non vi ho parlato?
Pertanto dice il Signore Dio: Poiché voi avete detto il falso e avuto visioni bugiarde, eccomi dunque contro di voi, dice il Signore Dio. La mia mano sarà sopra i profeti dalle false visioni e dai vaticini bugiardi; non avranno parte nell'assemblea del mio popolo, non saranno scritti nel libro d'Israele e non entreranno nel paese d'Israele: saprete che io sono il Signore Dio, poiché ingannano il mio popolo dicendo: Pace! e la pace non c'è; mentre egli costruisce un muro, ecco essi lo intonacano di mota.
Dì a quegli intonacatori di mota: Cadrà! Scenderà una pioggia torrenziale, una grandine grossa, si scatenerà un uragano ed ecco, il muro è abbattuto. Allora non vi sarà forse domandato: Dov'è la calcina con cui lo avevate intonacato? Perciò dice il Signore Dio: Con ira scatenerò un uragano, per la mia collera cadrà una pioggia torrenziale, nel mio furore per la distruzione cadrà grandine come pietre; demolirò il muro che avete intonacato di mota, lo atterrerò e le sue fondamenta rimarranno scoperte; esso crollerà e voi perirete insieme con esso e saprete che io sono il Signore. Quando avrò sfogato l'ira contro il muro e contro coloro che lo intonacarono di mota, io vi dirò: Il muro non c'è più e neppure gli intonacatori, i profeti d'Israele che profetavano su Gerusalemme e vedevano per essa una visione di pace, mentre non vi era pace. Oracolo del Signore. Ora tu, figlio dell'uomo, rivolgiti alle figlie del tuo popolo che profetizzano secondo i loro desideri e profetizza contro di loro. Dirai loro: Dice il Signore Dio: Guai a quelle che cuciono nastri magici a ogni polso e preparano veli per le teste di ogni grandezza per dar la caccia alle persone. Pretendete forse di dare la caccia alla gente del mio popolo e salvare voi stesse? Voi mi avete disonorato presso il mio popolo per qualche manciata d'orzo e per un tozzo di pane, facendo morire chi non doveva morire e facendo vivere chi non doveva vivere, ingannando il mio popolo che crede alle menzogne.
Perciò dice il Signore Dio: Eccomi contro i vostri nastri magici con i quali voi date la caccia alla gente come a uccelli; li strapperò dalle vostre braccia e libererò la gente che voi avete catturato come uccelli. Straccerò i vostri veli e libererò il mio popolo dalle vostre mani e non sarà più una preda in mano vostra; saprete così che io sono il Signore. Voi infatti avete rattristato con menzogne il cuore del giusto, mentre io non l'avevo rattristato e avete rafforzato il malvagio perché non desistesse dalla sua vita malvagia e vivesse. Per questo non avrete più visioni false, né più spaccerete incantesimi: libererò il mio popolo dalle vostre mani e saprete che io sono il Signore”.
È questa la tragedia di un popolo senza verità, perché senza la Parola vera di Dio. Chi vuole la salvezza del popolo, sappia che essa è nella Parola da donare, spiegare, insegnare, ammaestrare.
Dalla Parola è la vita, perché la vita è nella Parola annunziata, proclamata, evangelizzata, accolta, creduta, vissuta.
Da puntualizzare un’altra verità: il cristiano che commette il peccato continua a crocifiggere il Figlio di Dio e lo espone all’infamia.
Lo crocifigge perché il peccato è generatore di morte. Lo espone all’infamia perché il peccato del cristiano rende non credibile Cristo Gesù e quindi lo fa deridere dal mondo intero.
Questa esposizione all’infamia è oggi, come ieri, come sempre, una delle più grandi cause del rallentamento del cammino della fede nel mondo.
A che serve credere in Cristo, se coloro che vi credono commettono peccati più grandi di coloro che non credono? È questo il grande peccato dello scandalo, che diviene crocifissione e contro testimonianza.
Il peccato non si ferma mai in chi lo commette; esso travalica i confini personali del trasgressore e raggiunge il mondo intero. Le sue conseguenze sono inarrestabili.
[7]Infatti una terra imbevuta della pioggia che spesso cade su di essa, se produce erbe utili a quanti la coltivano, riceve benedizione da Dio;
La similitudine è facile da capire, semplice da comprendere.
La pioggia è la grazia di Dio. Questa grazia è donata spesso, cioè in continuazione.
Da quando Gesù è morto ed è risorto, la Chiesa altro non fa che seminare nei cuori la verità e la grazia di Cristo Gesù.
Se a questa abbondante semina corrisponde un raccolto ricco di frutti, Dio risponde con la sua benedizione e la benedizione arricchisce la persona della capacità di produrre un nuovo raccolto ancora più abbondante.
La benedizione di Dio è tutto per un uomo. La benedizione è vita, è la vita di Dio che si fa vita dell’uomo.
[8]ma se produce pruni e spine, non ha alcun valore ed è vicina alla maledizione: sarà infine arsa dal fuoco!
Se la stessa terra, irrorata di grazia e di verità, produce pruni e spine, cioè peccato e trasgressione della legge, diviene senza valore. È una terra inutile, che provoca solo dispendio di energia preziosa.
Questa terra è vicina alla maledizione: la maledizione è morte. La morte è quella eterna. Questo significa: “sarà arsa dal fuoco”.
Se la Parola di Dio non genera vita, essa produce morte. O benedizione, o maledizione. Non c’è un terreno neutro, senza né vita, né morte.
Ognuno pertanto è obbligato ad esaminarsi se è nella vita, o benedizione, o se nella morte, o maledizione, pronto ad essere arso con il fuoco.
Sia il libro del Levitico, che quello del Deuteronomio, come anche il profeta Isaia insegnano quali frutti produce la benedizione, la maledizione, la Parola del Signore.
Anche se alcuni passi sono lunghi, penso che ne valga proprio la pena riportarli, perché vengano da tutti meditati con attenzione.
Il Signore mai parla invano. Leggiamo, ma con grande fede:
Dal Levitico 26,1-46: “Non vi farete idoli, né vi erigerete immagini scolpite o stele, né permetterete che nel vostro paese vi sia pietra ornata di figure, per prostrarvi davanti ad essa; poiché io sono il Signore vostro Dio. Osserverete i miei sabati e porterete rispetto al mio santuario. Io sono il Signore.
Se seguirete le mie leggi, se osserverete i miei comandi e li metterete in pratica, io vi darò le piogge alla loro stagione, la terra darà prodotti e gli alberi della campagna daranno frutti. La trebbiatura durerà per voi fino alla vendemmia e la vendemmia durerà fino alla semina; avrete cibo a sazietà e abiterete tranquilli il vostro paese. Io stabilirò la pace nel paese; nessuno vi incuterà terrore; vi coricherete e farò sparire dal paese le bestie nocive e la spada non passerà per il vostro paese. Voi inseguirete i vostri nemici ed essi cadranno dinanzi a voi colpiti di spada. Cinque di voi ne inseguiranno cento, cento di voi ne inseguiranno diecimila e i vostri nemici cadranno dinanzi a voi colpiti di spada. Io mi volgerò a voi, vi renderò fecondi e vi moltiplicherò e confermerò la mia alleanza con voi. Voi mangerete del vecchio raccolto, serbato a lungo, e dovrete metter via il raccolto vecchio per far posto al nuovo. Stabilirò la mia dimora in mezzo a voi e io non vi respingerò. Camminerò in mezzo a voi, sarò vostro Dio e voi sarete il mio popolo. Io sono il Signore vostro Dio, che vi ho fatto uscire dal paese d'Egitto; ho spezzato il vostro giogo e vi ho fatto camminare a testa alta.
Ma se non mi ascolterete e se non metterete in pratica tutti questi comandi, se disprezzerete le mie leggi e rigetterete le mie prescrizioni, non mettendo in pratica tutti i miei comandi e infrangendo la mia alleanza, ecco che cosa farò a voi a mia volta: manderò contro di voi il terrore, la consunzione e la febbre, che vi faranno languire gli occhi e vi consumeranno la vita. Seminerete invano il vostro seme: se lo mangeranno i vostri nemici. Volgerò la faccia contro di voi e voi sarete sconfitti dai nemici; quelli che vi odiano vi opprimeranno e vi darete alla fuga, senza che alcuno vi insegua. Se nemmeno dopo questo mi ascolterete, io vi castigherò sette volte di più per i vostri peccati. Spezzerò la vostra forza superba, renderò il vostro cielo come ferro e la vostra terra come rame. Le vostre energie si consumeranno invano, poiché la vostra terra non darà prodotti e gli alberi della campagna non daranno frutti. Se vi opporrete a me e non mi ascolterete, io vi colpirò sette volte di più, secondo i vostri peccati. Manderò contro di voi le bestie selvatiche, che vi rapiranno i figli, stermineranno il vostro bestiame, vi ridurranno a un piccolo numero e le vostre strade diventeranno deserte. Se nonostante questi castighi, non vorrete correggervi per tornare a me, ma vi opporrete a me, anch'io mi opporrò a voi e vi colpirò sette volte di più per i vostri peccati. Manderò contro di voi la spada, vindice della mia alleanza; voi vi raccoglierete nelle vostre città, ma io manderò in mezzo a voi la peste e sarete dati in mano al nemico.
Quando io avrò spezzato le riserve del pane, dieci donne faranno cuocere il vostro pane in uno stesso forno, ve lo riporteranno a peso e mangerete, ma non vi sazierete. Se, nonostante tutto questo, non vorrete darmi ascolto, ma vi opporrete a me, anch'io mi opporrò a voi con furore e vi castigherò sette volte di più per i vostri peccati. Mangerete perfino la carne dei vostri figli e mangerete la carne delle vostre figlie. Devasterò le vostre alture di culto, distruggerò i vostri altari per l'incenso, butterò i vostri cadaveri sui cadaveri dei vostri idoli e io vi avrò in abominio.
Ridurrò le vostre città a deserti, devasterò i vostri santuari e non aspirerò più il profumo dei vostri incensi. Devasterò io stesso il vostro paese e i vostri nemici, che vi prenderanno dimora, ne saranno stupefatti. Quanto a voi, vi disperderò fra le nazioni e vi inseguirò con la spada sguainata; il vostro paese sarà desolato e le vostre città saranno deserte. Allora la terra godrà i suoi sabati per tutto il tempo in cui rimarrà desolata e voi sarete nel paese dei vostri nemici; allora la terra si riposerà e si compenserà dei suoi sabati. Finché rimarrà desolata, avrà il riposo che non le fu concesso da voi con i sabati, quando l'abitavate. A quelli che fra di voi saranno superstiti infonderò nel cuore costernazione, nel paese dei loro nemici: il fruscìo di una foglia agitata li metterà in fuga; fuggiranno come si fugge di fronte alla spada e cadranno senza che alcuno li insegua. Precipiteranno uno sopra l'altro come di fronte alla spada, senza che alcuno li insegua. Non potrete resistere dinanzi ai vostri nemici. Perirete fra le nazioni: il paese dei vostri nemici vi divorerà.
Quelli che tra di voi saranno superstiti nei paesi dei loro nemici, si consumeranno a causa delle proprie iniquità; anche a causa delle iniquità dei loro padri periranno. Dovranno confessare la loro iniquità e l'iniquità dei loro padri: per essere stati infedeli nei miei riguardi ed essersi opposti a me; peccati per i quali anche io mi sono opposto a loro e li ho deportati nel paese dei loro nemici. Allora il loro cuore non circonciso si umilierà e allora sconteranno la loro colpa. Io mi ricorderò della mia alleanza con Giacobbe, dell'alleanza con Isacco e dell'alleanza con Abramo e mi ricorderò del paese.
Quando dunque il paese sarà abbandonato da loro e godrà i suoi sabati, mentre rimarrà deserto, senza di loro, essi sconteranno la loro colpa, per avere disprezzato le mie prescrizioni ed essersi stancati delle mie leggi. Nonostante tutto questo, quando saranno nel paese dei loro nemici, io non li rigetterò e non mi stancherò di essi fino al punto d'annientarli del tutto e di rompere la mia alleanza con loro; poiché io sono il Signore loro Dio; ma per loro amore mi ricorderò dell'alleanza con i loro antenati, che ho fatto uscire dal paese d'Egitto davanti alle nazioni, per essere il loro Dio. Io sono il Signore. Questi sono gli statuti, le prescrizioni e le leggi che il Signore stabilì fra sé e gli Israeliti, sul monte Sinai, per mezzo di Mosè.
Dal libro del Deuteronomio 28,1-69: Se tu obbedirai fedelmente alla voce del Signore tuo Dio, preoccupandoti di mettere in pratica tutti i suoi comandi che io ti prescrivo, il Signore tuo Dio ti metterà sopra tutte le nazioni della terra; perché tu avrai ascoltato la voce del Signore tuo Dio, verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste benedizioni:
Sarai benedetto nella città e benedetto nella campagna. Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo suolo e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore.
Benedette saranno la tua cesta e la tua madia. Sarai benedetto quando entri e benedetto quando esci. Il Signore lascerà sconfiggere davanti a te i tuoi nemici, che insorgeranno contro di te: per una sola via verranno contro di te e per sette vie fuggiranno davanti a te. Il Signore ordinerà alla benedizione di essere con te nei tuoi granai e in tutto ciò a cui metterai mano; ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti.
Il Signore ti renderà popolo a lui consacrato, come ti ha giurato, se osserverai i comandi del Signore tuo Dio e se camminerai per le sue vie; tutti i popoli della terra vedranno che porti il nome del Signore e ti temeranno.
Il Signore tuo Dio ti concederà abbondanza di beni, quanto al frutto del tuo grembo, al frutto del tuo bestiame e al frutto del tuo suolo, nel paese che il Signore ha giurato ai tuoi padri di darti. Il Signore aprirà per te il suo benefico tesoro, il cielo, per dare alla tua terra la pioggia a suo tempo e per benedire tutto il lavoro delle tue mani; così presterai a molte nazioni, mentre tu non domanderai prestiti.
Il Signore ti metterà in testa e non in coda e sarai sempre in alto e mai in basso, se obbedirai ai comandi del Signore tuo Dio, che oggi io ti prescrivo, perché tu li osservi e li metta in pratica, e se non devierai né a destra né a sinistra da alcuna delle cose che oggi vi comando, per seguire altri dei e servirli.
Ma se non obbedirai alla voce del Signore tuo Dio, se non cercherai di eseguire tutti i suoi comandi e tutte le sue leggi che oggi io ti prescrivo, verranno su di te e ti raggiungeranno tutte queste maledizioni: sarai maledetto nella città e maledetto nella campagna. Maledette saranno la tua cesta e la tua madia. Maledetto sarà il frutto del tuo seno e il frutto del tuo suolo; maledetti i parti delle tue vacche e i nati delle tue pecore. Maledetto sarai quando entri e maledetto quando esci.
Il Signore lancerà contro di te la maledizione, la costernazione e la minaccia in ogni lavoro a cui metterai mano, finché tu sia distrutto e perisca rapidamente a causa delle tue azioni malvage per avermi abbandonato. Il Signore ti farà attaccare la peste, finché essa non ti abbia eliminato dal paese, di cui stai per entrare a prender possesso. Il Signore ti colpirà con la consunzione, con la febbre, con l'infiammazione, con l'arsura, con la siccità, il carbonchio e la ruggine, che ti perseguiteranno finché tu non sia perito. Il cielo sarà di rame sopra il tuo capo e la terra sotto di te sarà di ferro. Il Signore darà come pioggia al tuo paese sabbia e polvere, che scenderanno dal cielo su di te finché tu sia distrutto. Il Signore ti farà sconfiggere dai tuoi nemici: per una sola via andrai contro di loro e per sette vie fuggirai davanti a loro; diventerai oggetto di orrore per tutti i regni della terra. Il tuo cadavere diventerà pasto di tutti gli uccelli del cielo e delle bestie selvatiche e nessuno li scaccerà. Il Signore ti colpirà con le ulcere d'Egitto, con bubboni, scabbia e prurigine, da cui non potrai guarire.
Il Signore ti colpirà di delirio, di cecità e di pazzia, così che andrai brancolando in pieno giorno come il cieco brancola nel buio. Non riuscirai nelle tue imprese, sarai ogni giorno oppresso e spogliato e nessuno ti aiuterà. Ti fidanzerai con una donna, un altro la praticherà; costruirai una casa, ma non vi abiterai; pianterai una vigna e non ne potrai cogliere i primi frutti. Il tuo bue sarà ammazzato sotto i tuoi occhi e tu non ne mangerai; il tuo asino ti sarà portato via in tua presenza e non tornerà più a te; il tuo gregge sarà dato ai tuoi nemici e nessuno ti aiuterà. I tuoi figli e le tue figlie saranno consegnati a un popolo straniero, mentre i tuoi occhi vedranno e languiranno di pianto per loro ogni giorno, ma niente potrà fare la tua mano. Un popolo, che tu non conosci, mangerà il frutto della tua terra e di tutta la tua fatica; sarai oppresso e schiacciato ogni giorno; diventerai pazzo per ciò che i tuoi occhi dovranno vedere.
Il Signore ti colpirà alle ginocchia e alle cosce con una ulcera maligna, della quale non potrai guarire; ti colpirà dalla pianta dei piedi alla sommità del capo. Il Signore deporterà te e il re, che ti sarai costituito, in una nazione che né tu né i padri tuoi avete conosciuto; là servirai dei stranieri, dei di legno e di pietra; diventerai oggetto di stupore, di motteggio e di scherno per tutti i popoli fra i quali il Signore ti avrà condotto. Porterai molta semente al campo e raccoglierai poco, perché la locusta la divorerà. Pianterai vigne e le coltiverai, ma non berrai vino né coglierai uva, perché il verme le roderà. Avrai oliveti in tutto il tuo territorio, ma non ti ungerai di olio, perché le tue olive cadranno immature.
Genererai figli e figlie, ma non saranno tuoi, perché andranno in prigionia. Tutti i tuoi alberi e il frutto del tuo suolo saranno preda di un esercito d'insetti. Il forestiero che sarà in mezzo a te si innalzerà sempre più sopra di te e tu scenderai sempre più in basso. Egli presterà a te e tu non presterai a lui; egli sarà in testa e tu in coda.
Tutte queste maledizioni verranno su di te, ti perseguiteranno e ti raggiungeranno, finché tu sia distrutto, perché non avrai obbedito alla voce del Signore tuo Dio, osservando i comandi e le leggi che egli ti ha dato. Esse per te e per la tua discendenza saranno sempre un segno e un prodigio.
Poiché non avrai servito il Signore tuo Dio con gioia e di buon cuore in mezzo all'abbondanza di ogni cosa, servirai i tuoi nemici, che il Signore manderà contro di te, in mezzo alla fame, alla sete, alla nudità e alla mancanza di ogni cosa; essi ti metteranno un giogo di ferro sul collo, finché ti abbiano distrutto.
Il Signore solleverà contro di te da lontano, dalle estremità della terra, una nazione che si slancia a volo come aquila: una nazione della quale non capirai la lingua, una nazione dall'aspetto feroce, che non avrà riguardo al vecchio né avrà compassione del fanciullo; che mangerà il frutto del tuo bestiame e il frutto del tuo suolo, finché tu sia distrutto, e non ti lascerà alcun residuo di frumento, di mosto, di olio, dei parti delle tue vacche e dei nati delle tue pecore, finché ti avrà fatto perire. Ti assedierà in tutte le tue città, finché in tutto il tuo paese cadano le mura alte e forti, nelle quali avrai riposto la fiducia. Ti assedierà in tutte le tue città, in tutto il paese che il Signore tuo Dio ti avrà dato.
Durante l'assedio e l'angoscia alla quale ti ridurrà il tuo nemico, mangerai il frutto delle tue viscere, le carni dei tuoi figli e delle tue figlie, che il Signore tuo Dio ti avrà dato.
L'uomo più raffinato tra di voi e più delicato guarderà di malocchio il suo fratello e la sua stessa sposa e il resto dei suoi figli che ancora sopravvivono, per non dare ad alcuno di loro le carni dei suoi figli delle quali si ciberà; perché non gli sarà rimasto più nulla durante l'assedio e l'angoscia alla quale i nemici ti avranno ridotto entro tutte le tue città.
La donna più raffinata e delicata tra di voi, che per delicatezza e raffinatezza non si sarebbe provata a posare in terra la pianta del piede, guarderà di malocchio il proprio marito, il figlio e la figlia e si ciberà di nascosto di quanto esce dai suoi fianchi e dei bambini che deve ancora partorire, mancando di tutto durante l'assedio e l'angoscia alla quale i nemici ti avranno ridotto entro tutte le tue città.
Se non cercherai di eseguire tutte le parole di questa legge, scritte in questo libro, avendo timore di questo nome glorioso e terribile del Signore tuo Dio, allora il Signore colpirà te e i tuoi discendenti con flagelli prodigiosi: flagelli grandi e duraturi, malattie maligne e ostinate.
[Farà tornare su di te le infermità dell'Egitto, delle quali tu avevi paura, e si attaccheranno a te. Anche ogni altra malattia e ogni flagello, che non sta scritto nel libro di questa legge, il Signore manderà contro di te, finché tu non sia distrutto. Voi rimarrete in pochi uomini, dopo essere stati numerosi come le stelle del cielo, perché non avrai obbedito alla voce del Signore tuo Dio.
Come il Signore gioiva a vostro riguardo nel beneficarvi e moltiplicarvi, così il Signore gioirà a vostro riguardo nel farvi perire e distruggervi; sarete strappati dal suolo, che vai a prendere in possesso. Il Signore ti disperderà fra tutti i popoli, da un'estremità fino all'altra; là servirai altri dei, che né tu, né i tuoi padri avete conosciuti, dei di legno e di pietra. Fra quelle nazioni non troverai sollievo e non vi sarà luogo di riposo per la pianta dei tuoi piedi; là il Signore ti darà un cuore trepidante, languore di occhi e angoscia di anima.
La tua vita ti sarà dinanzi come sospesa a un filo; temerai notte e giorno e non sarai sicuro della tua vita. Alla mattina dirai: Se fosse sera! e alla sera dirai: Se fosse mattina!, a causa del timore che ti agiterà il cuore e delle cose che i tuoi occhi vedranno. Il Signore ti farà tornare in Egitto, per mezzo di navi, per una via della quale ti ho detto: Non dovrete più rivederla! e là vi metterete in vendita ai vostri nemici come schiavi e schiave, ma nessuno vi acquisterà.
Queste sono le parole dell'alleanza che il Signore ordinò a Mosè di stabilire con gli Israeliti nel paese di Moab, oltre l'alleanza che aveva stabilito con loro sull'Oreb.
Da libro del profeta Isaia 55,1-13: O voi tutti assetati venite all'acqua, chi non ha denaro venga ugualmente; comprate e mangiate senza denaro e, senza spesa, vino e latte. Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro patrimonio per ciò che non sazia? Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti. Porgete l'orecchio e venite a me, ascoltate e voi vivrete. Io stabilirò per voi un'alleanza eterna, i favori assicurati a Davide. Ecco l'ho costituito testimonio fra i popoli, principe e sovrano sulle nazioni. Ecco tu chiamerai gente che non conoscevi; accorreranno a te popoli che non ti conoscevano a causa del Signore, tuo Dio, del Santo di Israele, perché egli ti ha onorato.
Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino. L'empio abbandoni la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri; ritorni al Signore che avrà misericordia di lui e al nostro Dio che largamente perdona. Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie oracolo del Signore. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.
Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme al seminatore e pane da mangiare, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata. Voi dunque partirete con gioia, sarete condotti in pace. I monti e i colli davanti a voi eromperanno in grida di gioia e tutti gli alberi dei campi batteranno le mani. Invece di spine cresceranno cipressi, invece di ortiche cresceranno mirti; ciò sarà a gloria del Signore, un segno eterno che non scomparirà.
La mentalità religiosa e di fede è sicuramente quella dell’Antico Testamento. La verità invece contenuta nei passi riferiti travalica tempi e luoghi e raggiunge il cuore di ogni uomo. La verità è una sola: nella Parola di Dio osservata c’è la vita; nella parola dell’uomo non c’è vita, c’è solo morte, perché la vita è solo nella Volontà di Dio.
Possiamo leggere tutto questo anche trasferendolo nella mentalità di fede del Nuovo Testamento. La parabola del figliol prodigo riportata da Luca (cfr c. 15) ci dice quale morte si abbatte sul figlio che si allontana dalla casa del Padre. Leggiamo il passo centrale dove vengono descritte le due fasi: della morte – lontano da Dio; della vita - con il ritorno nella casa del Padre. (Cfr. Lc 15, 11-24):
“Disse ancora: Un uomo aveva due figli. Il più giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni.
Partì e si incamminò verso suo padre. Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. E cominciarono a far festa.
Ognuno preghi il Signore perché gli dia l’intelligenza di scoprire la verità rivelata e nascosta in questa sua Parola. Le modalità storiche cambiano, le mentalità religiose si modificano, ciò che non cambia e non si modifica è la verità nascosta nella Parola di Dio.
Due verità devono essere affermate con sicurezza:
Chi cade dalla Parola non è nella vita.
Chi cade dalla Parola ritorna in vita nella conversione alla Parola.
Questa conversione è per dono di Dio, non per volontà dell’uomo.
Il dono di Dio è ridonato ascoltando la Parola della predicazione e pregando che Dio abbia misericordia di chi è caduto.
Si rimane nella Parola crescendo ogni giorno in ogni genere di frutti di Parola.
Anche la crescita è un dono di Dio che bisogna ottenere nella preghiera.
Tutto è grazia e tutto è dalla grazia e tutto è per grazia.
La grazia si accoglie e si fa fruttificare. Questo appartiene alla volontà dell’uomo.
Ultima puntualizzazione è questa: la benedizione è oggi nella Parola che Cristo Gesù ha fatto risuonare per noi, Parola che ci annunzia il suo mistero, che ci rivela la Sua Persona e la Sua Missione, che ci annunzia nella Sua morte e nella Sua risurrezione la nostra salvezza eterna.
Si compie così la promessa che Dio ha fatto ad Abramo, chiamandolo dalla Terra di Ur dei Caldei:
“Il Signore disse ad Abram: Vàttene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò. Farò di te un grande popolo e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e diventerai una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra. Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore, e con lui partì Lot. Abram aveva settantacinque anni quando lasciò Carran” (cfr. Gn 12,1-4).
In te significa: nella Tua discendenza. La discendenza di Abramo è Cristo Gesù.
Ce lo dice Gesù stesso nel Vangelo secondo Giovanni:
“Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti; chi pretendi di essere? Rispose Gesù: Se io glorificassi me stesso, la mia gloria non sarebbe nulla; chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: "E` nostro Dio!", e non lo conoscete. Io invece lo conosco. E se dicessi che non lo conosco, sarei come voi, un mentitore; ma lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e se ne rallegrò. Gli dissero allora i Giudei: Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo? Rispose loro Gesù: In verità, in verità vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono. Allora raccolsero pietre per scagliarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio” (cfr. Gv 8,53-59).
Chi esce da questa visione di fede, nulla ha compreso dell’Antico Testamento, nulla comprende del Nuovo: la Parola di Cristo è la via della vita, perché in essa Dio ha posto la nostra benedizione. Chi vuole vivere, oggi lo potrà, ascoltando, convertendosi, credendo al Vangelo, compiendo ogni Parola che è uscita dalla bocca di Cristo Gesù.
Questo ci insegna Cristo Gesù nella parabola della Casa costruita sulla roccia, la roccia è la sua Parola:
“Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome? Io però dichiarerò loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi operatori di iniquità. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia.
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande” Quando Gesù ebbe finito questi discorsi, le folle restarono stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità e non come i loro scribi” (Cfr. Mt 21-29).
Entra nel regno dei cieli colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
Chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli? Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica.
La “volontà del Padre mio” è la “Parola di Gesù Signore”. La Parola di Gesù Signore è oggi la benedizione di Dio per ogni uomo.
Questa è la verità che dona salvezza sulla terra e nel cielo.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 11:06 PM
NUOVA ESORTAZIONE
[9]Quanto a voi però, carissimi, anche se parliamo così, siamo certi che sono in voi cose migliori e che portano alla salvezza.
Fin qui l’Autore ha annunziato un principio di ordine generale: chi cade dalla fede deve sapere che non può ritornare in essa senza una seconda grazia di Dio.
Non si ritorna nella fede per volontà dell’uomo, si ritorna per grazia del Signore.
Questo principio lui però non lo applica ai destinatari della Lettera. Perché?
Il motivo ce lo indica lui stesso: quanto a voi, però, anche se parliamo così = anche se vi abbiamo annunziato un principio di ordine generale, questo principio non si applica.
Da noi non viene applicato al vostro caso perché siamo certi che sono in voi cose migliori e che portano alla salvezza = ci sono in voi delle opere fatte che sono per voi come un memoriale di grazia e di misericordia presso Dio.
In altre parole: Dio non dimentica il bene fatto da voi e se voi non perseverate nell’errore, nella falsità, nell’inganno, se voi avete il desiderio di ritornare nella retta fede, Lui vi concede la grazia della conversione e del vostro ritorno nella verità piena.
La verità che l’Autore rivela è questa: c’è la tentazione, la fragilità, la miseria dell’uomo che lo conducono ad abbandonare la retta fede professata.
L’amore di un tempo, la misericordia e la carità vissute, le opere buone compiute, il Vangelo annunziato con purezza di intenzione, non vanno mai perduti dinanzi al Signore.
Sono come un memoriale alla Sua presenza. Lui vede le opere di bene compiute e si ricorda di noi. Il ricordo di Dio è sempre di bontà e di compassione.
Se l’uomo non si ostina nella cattiva fede e nella falsità, se con umiltà riconosce il suo errore e l’abbandono della retta fede, il Signore lo ricolma di grazia e lo salva.
Non è forse questo l’insegnamento che Cristo stesso ci ha donato attraverso la Parabola del Figliol prodigo?
Il Padre non accoglie forse il figlio perduto e morto perché nella sua grande umiltà e pentimento decise di far ritorno nella casa del Padre? Ma non è stato forse il Padre ad aiutarlo con la sua grazia in questo cammino di conversione?
L’umiltà di un uomo è la sua vera grandezza. L’opera buona è vero memoriale dinanzi a Dio, nel Cielo. È questo il motivo per cui dobbiamo riempire i nostri giorni di queste opere. Esse mai vanno perdute dinanzi al Signore.
Le cose migliori sono le opere buone compiute e queste opere buone conducono alla salvezza, sempre però che nel cuore dell’uomo vi sia l’umiltà di ritornare al Signore.
La Lettera che l’Autore sta scrivendo loro con tanto amore e dedizione non è forse una seconda grazia di Dio?
[10]Dio infatti non è ingiusto da dimenticare il vostro lavoro e la carità che avete dimostrato verso il suo nome, con i servizi che avete reso e rendete tuttora ai santi.
Qui viene messo in luce il rapporto che esiste tra grazia di Dio e opere buone.
Questo rapporto è di giustizia.
Di giustizia però non per rapporto alla prima grazia: quella è solo pura misericordia e carità, purissimo amore gratuito.
La grazia della giustificazione e della partecipazione della divina natura è per merito di Cristo, non nostro. Noi eravamo morti a causa dei nostri peccati.
Risorti a vita nuova in Cristo, se nello Spirito Santo, abbiamo iniziato a portare a compimento la verità di cui il Signore ci ha fatto dono, producendo ogni opera di giustizia, di carità, nella santità del corpo e dell’anima, noi abbiamo fruttificato un merito dinanzi a Dio.
Su questo merito si fonda la nostra giustizia di essere nuovamente aiutati da Dio, sempre per grazia, a rientrare nella verità, rientrando nella Parola di Suo Figlio Gesù, per viverla in ogni sua parte.
Altra verità che l’Autore rivela in questo versetto è questa: uno cade dalla fede, per tentazione, per fragilità, per debolezza.
Può succedere e di fatto succede spesso. Una cosa però cui deve fare molta attenzione è questa: non cadere mai dalla carità, mai dall’amore. Non si cade dall’amore e dalla carità se si continua a perseverare nel compimento delle opere buone.
Queste opere buone rendono gloria al Signore e il Signore non può dimenticarle. Non le dimentica aggiungendo grazia su grazia perché presto possa compiersi il miracolo del ritorno pieno nella fede e nella verità di Cristo Gesù.
In tal senso Dio non è ingiusto: al bene risponde con il bene e il suo bene è una più grande elargizione di grazia perché colui che è caduto dalla fede possa ritornare in essa.
Uno sa ora come costruirsi un ponte perenne per raggiungere l’altra riva della retta fede: rimanere seÿÿÿÿÿÿÿÿÿÿ opere buone, da compiere ogni gÿÿrno verso tutti.
È questo l’insegnamento della Scrittura (At e NT), che ci dice che la carità copre una moltitudine di peccati.
La carità ha un grande valore presso Dio. Essa è via sicura di salvezza. Dio è carità e chi ama veramente otterrà sempre misericordia da parte di Dio.
D’altronde Gesù non ha proclamato la beatitudine della misericordia? “Beati i misericordiosi perché otterranno misericordia”.
L’uomo è misericordioso con i suoi fratelli; Dio al momento opportuno sarà misericordioso con lui. È questa la grande giustizia di Dio: concedere misericordia a chi vive di misericordia; essere pietoso verso chi ha pietà dei suoi fratelli. Questo è il Vangelo.
Dio è giusto perché non dimentica “il vostro lavoro e la carità che avete dimostrato verso il suo nome, con i servizi che avete reso e rendete tuttora ai santi”.
[11]Soltanto desideriamo che ciascuno di voi dimostri il medesimo zelo perché la sua speranza abbia compimento sino alla fine,
Il pericolo della perdizione, quando si cade dalla fede, rimane ed è questo: non avere la forza spirituale e morale di ritornare nella verità di un tempo.
Invece la forza di andare ogni giorno avanti aumenta e si ingrandisce se il credente vive con zelo sempre più crescente la sua appartenenza a Cristo e, perseverando sino alla fine, raggiunga la meta della sua speranza, che si compie solo nel cielo.
Lo zelo è virtù dell’anima che incendia e consuma tutte le energie spirituali di un uomo, fino al perseguimento della vita eterna in Paradiso.
Il primo zelo deve essere per tutti un desiderio ardente di crescere nella fede e nella verità in modo da poter amare il Signore sempre in perfetta obbedienza alla sua volontà.
Il secondo zelo è quello di trasformare la fede in carità, in amore verso Dio, in ascolto di ogni sua Parola e in messa in pratica di tutta la sua volontà.
Il terzo zelo, ma solo per ordine, è quello di avere un fuoco dentro che ci spinge verso il raggiungimento di Cristo, per essere trasformati in Lui nella Sua risurrezione gloriosa.
Questo zelo deve essere visibile. Tutti devono poterlo percepire. Tutti devono accorgersi che noi crediamo nella Parola di Gesù, la trasformiamo in opere di amore e di carità, siamo liberi dalla terra e dalle sue preoccupazioni perché il nostro pensiero, assieme al nostro spirito, è nel Cielo, con Cristo, in Dio.
Vivendo così la tentazione difficilmente potrà avere presa nel nostro cuore. La vita secondo la fede è infatti il primo e il più potente baluardo contro il male.
L’Autore dice questo perché c’è in lui una seria preoccupazione: vede in loro un lassismo veritativo, o addirittura una caduta dalla verità, che non fa presagire nulla di buono.
Quando si cade dalla verità, ben presto si abbandona la retta fede, si vive secondo i propri pensieri, viene meno la legge dell’obbedienza e quindi del vero amore e ci si inabissa in una immoralità grande. Sempre si diventa immorali, quando la verità e la fede non sono forti in noi. Sempre c’è un rilassamento morale quando c’è un rilassamento nella fede e nella verità.
La cosa più strana, cui è dato di assistere nel mondo cristiano, è questa: si pretende abolire il lassismo morale, o il suo rilassamento, annunziando solo una morale.
La morale cristiana nasce dalla Parola. Alla Parola si crede o non si crede. La Parola creduta fa la nostra morale. La Parola non creduta ci fa immorali, perché ci priva di ogni punto vero di riferimento per tutti i nostri comportamenti.
La forza morale del cristiano è la sua fede. Se questa è forte, lui è forte anche nella morale. Se è debole, lui è moralmente debole, se non immorale del tutto.
Oggi che nel mondo cristiano non c’è fede, non c’è neanche morale. Alcuni vorrebbero partire da una morale minima per giungere alla fede. È questo di sicuro un processo sbagliato, erroneo.
Bisogna sempre partire dalla fede per giungere alla morale. La fede dice riferimento esclusivo alla Parola di Dio rivelata oggi in Cristo Gesù.
La Chiesa è obbligata a predicare la sua morale fondandola sulla fede. La fede deve essere fondata sulla Parola. La Parola va predicata a tutti, perché si convertano. La conversione è a Cristo nella Sua Parola.
[12]e perché non diventiate pigri, ma piuttosto imitatori di coloro che con la fede e la perseveranza divengono eredi delle promesse.
La pigrizia è un vizio brutto. Attraverso di essa ci si abbandona all’ignavia e questa sovente finisce nell’accidia spirituale.
La pigrizia è prima di tutto della mente, poi del cuore. Cuore e mente impigriscono la volontà. Volontà, cuore e mente intorpidiscono tutto il corpo che si abbandona al vizio, ad ogni vizio.
La pigrizia, quando prende radice in un uomo, ne priva la vita di ogni vera finalità.
L’Autore invece vuole, o desidera, che quanti hanno abbracciato la fede nella Parola di Gesù Signore, poiché sono di origine Ebraica, diventino imitatori di coloro che con la fede e la perseveranza divengono eredi delle promesse.
Costoro sono i santi, i giusti, gli uomini di Dio non solo del Nuovo Testamento, quanto piuttosto dell’Antico.
Lo attesta il suo elogio sugli uomini di fede che possiamo leggere sempre in questa Lettera a partire dal capitolo 11.
L’imitazione è nella fede e nella perseveranza. Fede e perseveranza ci costituiscono eredi delle promesse.
La fede è nella Parola di Cristo. La perseveranza è il cammino nella Parola di Gesù. La Parola accolta e vissuta ci dona la vita eterna oggi sulla terra e domani nella sua forma compiuta nel Paradiso.
Si chiede di essere imitatori di chi? Di Noè, di Abramo, di Giacobbe, di Mosè, dei Giudici, di Samuele, di Davide, dei Profeti, di tutti i giusti dell’Antico Testamento, ma anche di quanti ogni giorno sotto i loro occhi venivano esposti al martirio e loro si lasciavano uccidere per mantenere ferma la professione della loro fede in Gesù Signore.
Di tutto questo si parlerà a suo tempo, quando saranno commentate le parole dello stesso Autore.
Ora preme affermare una importante verità: l’esemplarità nella fede non solo è cosa buona, è anche necessaria.
Un solo esempio di retta fede vissuta può trascinare molte persone non solo a perseverare nella fede, quanto anche ad abbracciarla.
La perseveranza di uno può divenire forza per un altro. Questa scienza e questa convinzione deve farsi largo nel nostro cuore.
Vale anche il discorso contrario: la pigrizia nella fede e la caduta da essa producono spesso disastri incalcolabili, ma anche irreparabili.
L’esemplarità nella perseveranza ci dice che è possibile andare fino in fondo e dona coraggio, speranza, consistenza veritativa al nostro cammino.
Con la fede e la perseveranza si diviene eredi delle promesse. Le promesse sono quelle di Dio nell’Antico Testamento e che hanno per oggetto “la benedizione nella discendenza di Abramo”.
Sono anche quelle di Cristo nel Vangelo e che possiamo trovare tutte nelle Beatitudini.
L’Autore in questo contesto, però, non sembra interessarsi alle promesse di Gesù secondo il Nuovo Testamento.
Il fine e lo scopo di ogni suo interessamento, attualmente è uno solo: convincere i destinatati della sua Lettera che le promesse di Dio, la sua vera ed unica eredità è Cristo Signore, è la benedizione in Cristo, è la salvezza in Cristo.
È giusto che lo si segua nel suo ragionamento, o argomentazione.
[13]Quando infatti Dio fece la promessa ad Abramo, non potendo giurare per uno superiore a sé, giurò per se stesso, [14]dicendo: Ti benedirò e ti moltiplicherò molto.
Leggiamo prima le esatte parole della promessa e poi si azzarderà qualche parola di commento, per una più perfetta comprensione:
La prima parola della promessa la troviamo in Gn c. 17: “Quando Abram ebbe novantanove anni, il Signore gli apparve e gli disse: Io sono Dio onnipotente: cammina davanti a me e sii integro. Porrò la mia alleanza tra me e te e ti renderò numeroso molto, molto. Subito Abram si prostrò con il viso a terra e Dio parlò con lui: Eccomi: la mia alleanza è con te e sarai padre di una moltitudine di popoli. Non ti chiamerai più Abram ma ti chiamerai Abraham perché padre di una moltitudine di popoli ti renderò. E ti renderò molto, molto fecondo; ti farò diventare nazioni e da te nasceranno dei re. Stabilirò la mia alleanza con te e con la tua discendenza dopo di te di generazione in generazione, come alleanza perenne, per essere il Dio tuo e della tua discendenza dopo di te. Darò a te e alla tua discendenza dopo di te il paese dove sei straniero, tutto il paese di Canaan in possesso perenne; sarò il vostro Dio.
Disse Dio ad Abramo: Da parte tua devi osservare la mia alleanza, tu e la tua discendenza dopo di te di generazione in generazione. Questa è la mia alleanza che dovete osservare, alleanza tra me e voi e la tua discendenza dopo di te: sia circonciso tra di voi ogni maschio. Vi lascerete circoncidere la carne del vostro membro e ciò sarà il segno dell'alleanza tra me e voi. Quando avrà otto giorni, sarà circonciso tra di voi ogni maschio di generazione in generazione, tanto quello nato in casa come quello comperato con denaro da qualunque straniero che non sia della tua stirpe. Deve essere circonciso chi è nato in casa e chi viene comperato con denaro; così la mia alleanza sussisterà nella vostra carne come alleanza perenne. Il maschio non circonciso, di cui cioè non sarà stata circoncisa la carne del membro, sia eliminato dal suo popolo: ha violato la mia alleanza.
Dio aggiunse ad Abramo: Quanto a Sarai tua moglie, non la chiamerai più Sarai, ma Sara. Io la benedirò e anche da lei ti darò un figlio; la benedirò e diventerà nazioni e re di popoli nasceranno da lei.
Allora Abramo si prostrò con la faccia a terra e rise e pensò: Ad uno di cento anni può nascere un figlio? E Sara all'età di novanta anni potrà partorire? Abramo disse a Dio: Se almeno Ismaele potesse vivere davanti a te! E Dio disse: No, Sara, tua moglie, ti partorirà un figlio e lo chiamerai Isacco. Io stabilirò la mia alleanza con lui come alleanza perenne, per essere il Dio suo e della sua discendenza dopo di lui. Anche riguardo a Ismaele io ti ho esaudito: ecco, io lo benedico e lo renderò fecondo e molto, molto numeroso: dodici principi egli genererà e di lui farò una grande nazione. Ma stabilirò la mia alleanza con Isacco, che Sara ti partorirà a questa data l'anno venturo. Dio terminò così di parlare con lui e, salendo in alto, lasciò Abramo.
Allora Abramo prese Ismaele suo figlio e tutti i nati nella sua casa e tutti quelli comperati con il suo denaro, tutti i maschi appartenenti al personale della casa di Abramo, e circoncise la carne del loro membro in quello stesso giorno, come Dio gli aveva detto. Ora Abramo aveva novantanove anni, quando si fece circoncidere la carne del membro. Ismaele suo figlio aveva tredici anni quando gli fu circoncisa la carne del membro. In quello stesso giorno furono circoncisi Abramo e Ismaele suo figlio. E tutti gli uomini della sua casa, i nati in casa e i comperati con denaro dagli stranieri, furono circoncisi con lui.
Questa parola della promessa è stata proferita quando l’Alleanza con Abramo era già stata stipulata (cfr. Gen. 15,1-21):
“Dopo tali fatti, questa parola del Signore fu rivolta ad Abram in visione: Non temere, Abram. Io sono il tuo scudo; la tua ricompensa sarà molto grande. Rispose Abram: Mio Signore Dio, che mi darai? Io me ne vado senza figli e l'erede della mia casa è Eliezer di Damasco. Soggiunse Abram: Ecco a me non hai dato discendenza e un mio domestico sarà mio erede.
Ed ecco gli fu rivolta questa parola dal Signore: Non costui sarà il tuo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede. Poi lo condusse fuori e gli disse: Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle e soggiunse: Tale sarà la tua discendenza. Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia.
E gli disse: Io sono il Signore che ti ho fatto uscire da Ur dei Caldei per darti in possesso questo paese. Rispose: Signore mio Dio, come potrò sapere che ne avrò il possesso? Gli disse: Prendimi una giovenca di tre anni, una capra di tre anni, un ariete di tre anni, una tortora e un piccione. Andò a prendere tutti questi animali, li divise in due e collocò ogni metà di fronte all'altra; non divise però gli uccelli. Gli uccelli rapaci calavano su quei cadaveri, ma Abram li scacciava.
Mentre il sole stava per tramontare, un torpore cadde su Abram, ed ecco un oscuro terrore lo assalì. Allora il Signore disse ad Abram: Sappi che i tuoi discendenti saranno forestieri in un paese non loro; saranno fatti schiavi e saranno oppressi per quattrocento anni. Ma la nazione che essi avranno servito, la giudicherò io: dopo, essi usciranno con grandi ricchezze. Quanto a te, andrai in pace presso i tuoi padri; sarai sepolto dopo una vecchiaia felice. Alla quarta generazione torneranno qui, perché l'iniquità degli Amorrei non ha ancora raggiunto il colmo. Quando, tramontato il sole, si era fatto buio fitto, ecco un forno fumante e una fiaccola ardente passarono in mezzo agli animali divisi. In quel giorno il Signore concluse questa alleanza con Abram: Alla tua discendenza io do questo paese dal fiume d'Egitto al grande fiume, il fiume Eufrate; il paese dove abitano i Keniti, i Kenizziti, i Kadmoniti, gli Hittiti, i Perizziti, i Refaim, gli Amorrei, i Cananei, i Gergesei, gli Evei e i Gebusei”.
Del giuramento si parla in Gn c. 22: “Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: Abramo, Abramo! Rispose: Eccomi! Riprese: Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, va’ nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò.
Abramo si alzò di buon mattino, sellò l'asino, prese con sé due servi e il figlio Isacco, spaccò la legna per l'olocausto e si mise in viaggio verso il luogo che Dio gli aveva indicato. Il terzo giorno Abramo alzò gli occhi e da lontano vide quel luogo. Allora Abramo disse ai suoi servi: Fermatevi qui con l'asino; io e il ragazzo andremo fin lassù, ci prostreremo e poi ritorneremo da voi. Abramo prese la legna dell'olocausto e la caricò sul figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutt'e due insieme. Isacco si rivolse al padre Abramo e disse: Padre mio! Rispose: Eccomi, figlio mio. Riprese: Ecco qui il fuoco e la legna, ma dov'è l'agnello per l'olocausto? Abramo rispose: Dio stesso provvederà l'agnello per l'olocausto, figlio mio! Proseguirono tutt'e due insieme; così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l'altare, collocò la legna, legò il figlio Isacco e lo depose sull'altare, sopra la legna. Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio. Ma l'angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: Abramo, Abramo! Rispose: Eccomi! L'angelo disse: Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio.
Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l'ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio. Abramo chiamò quel luogo: Il Signore provvede, perciò oggi si dice: Sul monte il Signore provvede. Poi l'angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta e disse: Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio, io ti benedirò con ogni benedizione e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. Saranno benedette per la tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce. Poi Abramo tornò dai suoi servi; insieme si misero in cammino verso Bersabea e Abramo abitò a Bersabea.
Cosa dobbiamo desumere da queste Parole della Scrittura in ordine al pensiero che l’Autore è impegnato a dimostrare?
La prima verità è questa: Dio giura per se stesso. Giurando per se stesso, giura sulla sua verità, sulla sua natura, sulla sua essenza divina.
La verità di Dio è eterna come eterna è la sua Persona. Il suo giuramento è eterno. Se è eterno, è anche incancellabile, irrevocabile.
L’oggetto del giuramento non è direttamente Abramo, è la sua discendenza.
La discendenza di Abramo è Cristo. Cristo è il vero contenuto della promessa di Dio.
È Cristo l’eredità vera di Abramo. Cristo bisogna conseguire, verso Cristo camminare, Cristo accogliere, Cristo ascoltare, Cristo ereditare.
Se è Cristo il contenuto della promessa di Dio, o l’eredità di Abramo, Egli è il “contenuto” di tutta la Rivelazione. Tutta la Rivelazione di Dio parla di Lui, o direttamente, o indirettamente.
La Verità della Scrittura diviene così la Verità di Cristo e la Verità di Cristo è la Verità della Scrittura.
Se la lettura e la comprensione della Scrittura non porta a Cristo, essa è una lettura e una comprensione erronea, falsa, menzognera.
È falsa perché letta e compresa da un cuore che è nella falsità. Non solo è nella falsità, non vuole neanche venire nella verità. È un cuore che rifiuta la verità.
Solo chi rifiuta la verità non proviene a Cristo attraverso la lettura, lo studio, la meditazione, la riflessione della Scrittura.
Chi giura per se steso è Dio. Dio non può né ingannarsi, né ingannare. Dio è verità eterna, assoluta, piena.
Poiché la benedizione di Dio è nella discendenza di Abramo e Cristo è questa discendenza, l’unica, la sola, chi vuole la benedizione deve accogliere Cristo, ascoltare Cristo, adorare Cristo, “inginocchiarsi dinanzi a Cristo”, oggi. Ci si inginocchia dinanzi a Lui, accogliendo nel cuore la Sua Persona, il Suo Mistero, la Sua Missione, comprendendola secondo intelligenza di Spirito Santo e vivendola in ogni suo più piccolo significato di salvezza per noi.
È questa unità di Verità, di Cristo e di Scrittura che consente all’Autore di pervenire al vero insegnamento su Cristo, in modo che i destinatari della sua Lettera si svuotino di ogni dubbio e accolgano Cristo in pienezza di fede, di amore, di verità, di ascolto.
[15]Così, avendo perseverato, Abramo conseguì la promessa.
Quale fu la perseveranza di Abramo? Quella di ascoltare ogni “nuova” Parola di Dio.
Abramo è il Padre nella fede di tutti i credenti, perché lui ci insegna attraverso la sua vita che Dio non si ascolta una volta per tutte. Si ascolta in ogni sua Parola, si ascolta nella Parola che Lui oggi rivolge alle nostre orecchie, o al nostro cuore, o al nostro spirito.
Dio si ascolta in ogni sua rivelazione, diretta o indiretta, fatta a noi per noi e per gli altri, o fatta agli altri per gli altri e per noi.
Se usciamo da questa visione di fede, blocchiamo il cammino di Dio con noi.
Che Dio sarebbe mai il nostro che cammina con noi, se poi non ha più facoltà di parlarci, perché ci ha parlato una volta per tutte?
Può Dio parlare una volta per tutte e poi lasciare alla mente dell’uomo la libertà di interpretare e di comprendere la sua Parola, che partecipa del suo mistero eterno, nel quale mai mente umana ha potuto fissare solamente lo sguardo?
Chi legge la storia di Abramo sa che essa è tutta ed interamente mossa dalla Parola di Dio.
È mossa da Dio la sua uscita dalla terra di Ur dei Caldei. Soprattutto è mossa da Dio l’alleanza che lo costituisce Padre di una moltitudine. È mossa da Dio anche nelle più piccole questioni del quotidiano, specie nella “faccenda” con Ismaele ed Agar. Soprattutto è mossa da Dio quando si trattò di offrire Isacco in sacrificio a Lui sul monte.
Dio parla ed Abramo ascolta, obbedisce, esegue. Dio vuole ed Abramo fa. Dio decide e Abramo realizza, spera, aspetta, attende il compimento della Parola che Dio gli aveva proferito oggi.
Una cosa Abramo ci insegna e dovrà insegnarla ad ogni uomo che viene su questa terra: Non c’è contraddizione nella Parola di Dio. Mai una Parola di Dio nega l’altra, anche se nell’apparenza potrebbe sembrare che sia così.
In questa verità eterna ed assoluta della Parola di Dio e in questa non contraddizione, o non negazione, o abolizione è il fondamento dell’obbedienza di Abramo.
Così Abramo è un esempio per tutti noi della verità di tutta la Parola di Dio e di ogni singola sua Parola. Ma anche è esempio di come si obbedisce sempre all’ultima Parola che Dio ha pronunciato su di noi, sapendo che nessuna delle altre è falsa, o decaduta, o non più realizzabile da parte di Dio. Chi arriva a questa fede è perfetto, perché nell’ultima Parola di Dio è la verità di ogni altra Parola ed è l’ultima Parola che ci dona il vero significato di tutte le altre Parole che Dio ha pronunziato per noi.
Non è facile entrare in questa visione di fede e di verità. Ma bisogna pur impegnarsi ad entrarvi, perché è in questa verità la vita della Parola e la vita della nostra fede nella Parola.
Questo principio vale anche per la Lettura nello Spirito Santo di ogni Parola di Cristo Gesù e di Dio Padre (At e NT).
L’ultima ispirazione dello Spirito, che è sempre in ordine ai tempi e ai luoghi, dona l’ultima pienezza di verità, che non contraddice le altre ispirazioni, ma dona loro compimento più grande, più vero, più autenticamente celeste e divino.
Questo cammino dell’Ispirazione – che è cammino verso la verità tutta intera – dura fino a che l’ultimo uomo sulla terra non avrà reso lo spirito a Dio.
Dall’ispirazione passeremo allora alla visione, ma neanche la visione sarà mai completa, piena. Dio è infinito per ogni creatura e tale resterà per tutta l’eternità. Mai mente creata, neanche per visione, potrà comprendere l’infinità di Dio.
Per tutta l’eternità ci si inabisserà nel suo mistero e sarà sempre nuovo per noi. Questa è la verità di Dio nel tempo e nell’eternità.
Applicando a noi questo principio, si perviene a due verità:
Ogni Parola antica di Dio (VT) parla di Cristo.
Ogni Parola traccia una visione di Lui.
Messe tutte insieme ci danno già un bellissimo quadro della sua Persona e della sua Missione.
Questo quadro però è senza vita. Bisogna aggiungervi tutto il Nuovo Testamento, cioè bisogna guardare quel quadro secondo il “quadro vivente” che è Cristo Gesù e allora anche quel “quadro” comincerà a vivere, perché è Cristo la verità di quel “quadro”, non quel “quadro” la verità di Cristo.
È ciò che fa l’Autore in questa Lettera: possiede il “quadro” di Cristo secondo l’Antico testamento, lo legge secondo “il quadro vivente” che è Cristo della storia e del Nuovo Testamento e quel “quadro” dell’Antica Storia si riempie di vita, diviene anche lui vivente.
La stessa cosa deve operare sempre la Chiesa con l’altro quadro di Cristo che è dalla Sua Tradizione. Essa deve sempre aggiornare il quadro dell’Antico Testamento e del Nuovo, aggiungendo la lettura e la comprensione di ogni tratto che ci dona lo Spirito Santo, oggi, nell’ora attuale dell’uomo.
Così Cristo è vero per ieri, secondo la lettura dello Spirito di Dio; deve essere però anche vero per oggi. Oggi bisogna aggiungervi la lettura e la comprensione secondo lo Spirito di oggi, se vogliamo rimanere nella piena verità di Cristo Gesù.
Fermare la comprensione di Cristo a “ieri” è già non possedere il vero Cristo di oggi, perché oggi lo Spirito di Dio parla, oggi conduce verso la verità tutta intera, oggi bisogna mettersi alla sua scuola, oggi bisogna invocarlo perché ci dia la pienezza della verità su Cristo, perché è in essa la nostra vera vita, la nostra benedizione, la nostra salvezza.
Abramo camminava oggi con Dio. Questo è il suo più grande insegnamento. Questa verità avrebbe voluto Dio insegnare ai suoi figli, sempre rivolti verso il passato a pensare alle cipolle e ai porri dell’Egitto.
È questo l’ammonimento che egli fa giungere loro per mezzo del Profeta Isaia, assieme all’altra verità che annunzia che Dio è con il suo popolo e cammina con esso:
“Ora così dice il Signore che ti ha creato, o Giacobbe, che ti ha plasmato, o Israele: Non temere, perché io ti ho riscattato, ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni. Se dovrai attraversare le acque, sarò con te, i fiumi non ti sommergeranno; se dovrai passare in mezzo al fuoco, non ti scotterai, la fiamma non ti potrà bruciare; poiché io sono il Signore tuo Dio, il Santo di Israele, il tuo salvatore. Io do l'Egitto come prezzo per il tuo riscatto, l'Etiopia e Seba al tuo posto.
Perché tu sei prezioso ai miei occhi, perché sei degno di stima e io ti amo, do uomini al tuo posto e nazioni in cambio della tua vita. Non temere, perché io sono con te; dall'oriente farò venire la tua stirpe, dall'occidente io ti radunerò. Dirò al settentrione: Restituisci, e al mezzogiorno: Non trattenere; fa’ tornare i miei figli da lontano e le mie figlie dall'estremità della terra, quelli che portano il mio nome e che per la mia gloria ho creato e formato e anche compiuto. Fa’ uscire il popolo cieco, che pure ha occhi, i sordi, che pure hanno orecchi. Si radunino insieme tutti i popoli e si raccolgano le nazioni. Chi può annunziare questo tra di loro e farci udire le cose passate? Presentino i loro testimoni e avranno ragione, ce li facciano udire e avranno detto la verità.
Voi siete i miei testimoni oracolo del Signore miei servi, che io mi sono scelto perché mi conosciate e crediate in me e comprendiate che sono io. Prima di me non fu formato alcun dio né dopo ce ne sarà. Io, io sono il Signore, fuori di me non v'è salvatore. Io ho predetto e ho salvato, mi son fatto sentire e non c'era tra voi alcun dio straniero. Voi siete miei testimoni oracolo del Signore e io sono Dio, sempre il medesimo dall'eternità. Nessuno può sottrarre nulla al mio potere; chi può cambiare quanto io faccio? Così dice il Signore vostro redentore, il Santo di Israele: Per amor vostro l'ho mandato contro Babilonia e farò scendere tutte le loro spranghe, e quanto ai Caldei muterò i loro clamori in lutto. Io sono il Signore, il vostro Santo, il creatore di Israele, il vostro re.
Così dice il Signore che offrì una strada nel mare e un sentiero in mezzo ad acque possenti che fece uscire carri e cavalli, esercito ed eroi insieme; essi giacciono morti: mai più si rialzeranno; si spensero come un lucignolo, sono estinti. Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete? Aprirò anche nel deserto una strada, immetterò fiumi nella steppa. Mi glorificheranno le bestie selvatiche, sciacalli e struzzi, perché avrò fornito acqua al deserto, fiumi alla steppa, per dissetare il mio popolo, il mio eletto. Il popolo che io ho plasmato per me celebrerà le mie lodi. Invece tu non mi hai invocato, o Giacobbe; anzi ti sei stancato di me, o Israele. Non mi hai portato neppure un agnello per l'olocausto, non mi hai onorato con i tuoi sacrifici. Io non ti ho molestato con richieste di offerte, né ti ho stancato esigendo incenso. Non mi hai acquistato con denaro la cannella, né mi hai saziato con il grasso dei tuoi sacrifici. Ma tu mi hai dato molestia con i peccati, mi hai stancato con le tue iniquità. Io, io cancello i tuoi misfatti, per riguardo a me non ricordo più i tuoi peccati. Fammi ricordare, discutiamo insieme; parla tu per giustificarti. Il tuo primo padre peccò, i tuoi intermediari mi furono ribelli. I tuoi principi hanno profanato il mio santuario; per questo ho votato Giacobbe alla esecrazione, Israele alle ingiurie. (cfr. Is 43,1-28).
È questo il mistero del nostro Dio: Lui è oggi il creatore della nostra vita nella verità, nella grazia, in Cristo, per opera dello Spirito Santo.
[16]Gli uomini infatti giurano per qualcuno maggiore di loro e per loro il giuramento è una garanzia che pone fine ad ogni controversia.
Viene ora precisato cosa è un giuramento. È una garanzia di credibilità fondata non su se stessi, ma su di un altro che è credibile per se stesso.
Giurare su se stessi non ha senso. Basterebbe in questo caso la loro sola parola.
Si giura per chiamare a testimone della verità che si dice una persona che faccia da vero garante, alla quale non si può mentire, perché essa non è ingannabile.
Quando si chiama Dio a testimone, egli non solo è garante della verità, ma è anche vindice della falsità.
In fondo il giuramento è una ricerca di garanzia di verità sulla parola che uno pronuncia. Non essendo l’uomo degno di fiducia per se stesso, perché sovente è un mentitore, si ha bisogno che qualcun altro garantisca per noi, altrimenti non siamo creduti e siamo rifiutati nella parola che proferiamo.
Gesù nel Vangelo vuole che il cristiano non giuri. Perché? Perché vuole che lui sia degno di fiducia per ogni parola che esce dalla sua bocca.
La ragione, o il motivo di questa garanzia che è lui stesso, non si trova in lui, bensì in Dio.
Con il battesimo il cristiano è divenuto partecipe della natura divina. Ora la natura divina è verità. Il cristiano partecipa della verità di Dio per nuova natura generata in lui.
Che partecipazione di natura divina sarebbe la sua se la sua bocca proferisse parole di falsità, di inganno, di menzogna, di errore e di quanto nuoce al fratello?
Se questo avvenisse, sarebbe il suo un vero ritorno nella sua vecchia natura, che è partecipazione della natura di Adamo e non più di quella di Dio.
“Avete anche inteso che fu detto agli antichi: Non spergiurare, ma adempi con il Signore i tuoi giuramenti; ma io vi dico: non giurate affatto: né per il cielo, perché è il trono di Dio; né per la terra, perché è lo sgabello per i suoi piedi; né per Gerusalemme, perché è la città del gran re. Non giurare neppure per la tua testa, perché non hai il potere di rendere bianco o nero un solo capello. Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno” (cfr. Mt 5,33-37).
Tuttavia è giusto fare osservare che la “verità” che il cristiano è divenuto, grazie alla sua partecipazione della natura divina, si vive rimanendo nella “verità” che Cristo Gesù ci ha lasciato nella sua Parola.
La verità ontica diviene verità operativa attraverso il compimento di ogni Parola che è uscita dalla bocca di Dio.
La tentazione è proprio questa: far uscire l’uomo dal compimento della Parola perché esca dalla sua verità e ritorni nella falsità di un tempo.
È questo il motivo per cui il cristiano deve garantire sulla sua parola, che è manifestazione, attestazione della verità che è in Lui verità ontica e verità di Parola.
[17]Perciò Dio, volendo mostrare più chiaramente agli eredi della promessa l'irrevocabilità della sua decisione, intervenne con un giuramento [18]perché grazie a due atti irrevocabili, nei quali è impossibile che Dio mentisca, noi che abbiamo cercato rifugio in lui avessimo un grande incoraggiamento nell'afferrarci saldamente alla speranza che ci è posta davanti.
Viene ora puntualizzato perché il Signore intervenne con un giuramento. Dio giurò per se stesso per mostrare più chiaramente agli eredi della promessa l’irrevocabilità della sua decisione.
Qual è questa sua decisione? Quella di benedire in Abramo tutte le genti.
Nell’eredità di Abramo è la benedizione di Dio per ogni uomo e questa promessa è irrevocabile.
Della promessa di Dio e delle forme storiche attraverso le quali essa è stata fatta si è già abbondantemente parlato in precedenza, adducendo anche le testimonianze della Scrittura.
Ora è giusto che ci fermiamo alla verità che l’Autore vuole annunziare ai destinatari della sua Lettera.
La verità è questa:
Dio non mentisce.
La Parola di Dio è vera.
La Parola di Dio è irrevocabile.
Se la Parola di Dio è vera ed è irrevocabile, noi possiamo fondare la nostra speranza su di essa.
L’Autore annunzia una verità che penso sia necessario esplicitare un po’, perché è su di essa che si fonda tutta l’argomentazione della Lettera. Anche di questa verità si è già in qualche modo parlato in precedenza.
Non dobbiamo dimenticare che l’Autore della promessa irrevocabile è Dio.
È lo stesso Dio che ha accreditato Cristo Gesù, il compimento della promessa.
Non c’è un Dio che accredita la promessa e poi Cristo Gesù che annunzia una sua salvezza, o che si proclama come il Salvatore di Israele e del mondo. Chi annunzia la promessa con giuramento irrevocabile e chi garantisce accreditando Cristo Gesù è il solo ed unico Dio.
Chi accredita Cristo è lo stesso Dio che ha parlato ad Abramo, a Giacobbe, a Mosè, a Davide, ai Profeti, a tutti i giusti dell’Antico Testamento.
La fede in Cristo non è fede in Cristo, ma è fede in Dio. Non è fede nel Dio che Cristo ci annunzia, è fede nel Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe. È fede nel Dio di tutto l’Antico Testamento.
La questione cristologica diviene questione teologica in ordine alla fede in Cristo Gesù. In ordine invece alla verità di Dio la questione teologica si fa questione cristologica, perché è da Cristo che si conosce secondo verità il Padre.
Viene così spiegato perché l’Autore dice: “[Perché] noi che abbiamo cercato rifugio in lui avessimo un grande incoraggiamento nell'afferrarci saldamente alla speranza che ci è posta davanti”.
Si parla chiaramente di rifugio in Dio. Dio giura in nostro favore e questo giuramento ci dona un grande incoraggiamento nell’affermarci saldamente alla speranza che ci è posta davanti.
Qual è la speranza che ci è posta davanti? Essa è una sola: la promessa della benedizione nella discendenza di Abramo, che poi diverrà discendenza di Davide, Gesù Cristo nostro Signore. Non per nulla lo stesso Matteo che scrive il suo Vangelo per gli Ebrei inizia la narrazione partendo dalla genealogia che risale, o meglio comincia proprio da Abramo:
“Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esròm, Esròm generò Aram, Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmòn, Salmòn generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide. Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asàf, Asàf generò Giòsafat, Giòsafat generò Ioram, Ioram generò Ozia, Ozia generò Ioatam, Ioatam generò Acaz, Acaz generò Ezechia, Ezechia generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosia, Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia. Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatiel, Salatiel generò Zorobabèle, Zorobabèle generò Abiùd, Abiùd generò Elìacim, Elìacim generò Azor, Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato Cristo. La somma di tutte le generazioni, da Abramo a Davide, è così di quattordici; da Davide fino alla deportazione in Babilonia è ancora di quattordici; dalla deportazione in Babilonia a Cristo è, infine, di quattordici. (cfr. Mt 1,1-17).
La conclusione non può essere che una sola: Cristo è la nostra speranza. Cristo è posto dinanzi ai nostri occhi. A Cristo dobbiamo ora rivolgere ogni nostra attenzione, perché è Lui la benedizione, la promessa, la speranza, la salvezza. È in Lui che ogni Parola di Dio trova compimento, realizzazione.
Chi non fa questo passaggio rimane fuori, totalmente fuori, della vera fede nel Dio di Abramo, perché il Dio di Abramo è il Dio di Gesù Cristo, non perché Gesù Cristo abbia scelto di essere del Dio di Abramo, ma perché il Dio di Abramo ha chiamato Gesù Cristo eleggendolo a suo Messia, a sua Benedizione in mezzo agli uomini.
[19]In essa infatti noi abbiamo come un’ancora della nostra vita, sicura e salda, la quale penetra fin nell'interno del velo del santuario,
La promessa di Dio fatta ad Abramo è l’ancora della nostra vita. È questa un’ancora sicura e salda.
Chi si aggrappa ad essa, supererà ogni tempesta e condurrà la sua nave nel porto del cielo.
Penetra fin nel porto del cielo, perché quest’ancora è già penetrata nel santuario, è già nel cielo.
Per questo la promessa è salda ed è sicura, perché Cristo, che è l’oggetto e il contenuto della promessa, che è la promessa di Dio per ogni uomo, è già nel cielo.
L’immagine dell’ancora sicura e salda che penetra fin nell’interno del velo del santuario è tratta da una delle funzioni del sommo sacerdote, il quale poteva, lui solo, entrare nel santo dei santi, dove si riteneva abitasse Dio sulla terra e proprio nel tempio di Gerusalemme, per compiere il grande rito dell’espiazione.
Perché ognuno possa avere un’idea molto chiara a riguardo, citiamo un breve passaggio, partendo proprio dal grande giorno dell’espiazione, che avveniva una volta l’anno:
“Il Signore parlò a Mosè dopo che i due figli di Aronne erano morti mentre presentavano un'offerta davanti al Signore. Il Signore disse a Mosè: Parla ad Aronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualunque tempo nel santuario, oltre il velo, davanti al coperchio che è sull'arca; altrimenti potrebbe morire, quando io apparirò nella nuvola sul coperchio.
Aronne entrerà nel santuario in questo modo: prenderà un giovenco per il sacrificio espiatorio e un ariete per l'olocausto. Si metterà la tunica sacra di lino, indosserà sul corpo i calzoni di lino, si cingerà della cintura di lino e si metterà in capo il turbante di lino. Sono queste le vesti sacre che indosserà dopo essersi lavato la persona con l'acqua. Aronne offrirà dunque il proprio giovenco in sacrificio espiatorio per sé e, fatta l'espiazione per sé e per la sua casa, immolerà il giovenco del sacrificio espiatorio per sé. Poi prenderà l'incensiere pieno di brace tolta dall'altare davanti al Signore e due manciate di incenso odoroso polverizzato; porterà ogni cosa oltre il velo. Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, perché la nube dell'incenso copra il coperchio che è sull'arca e così non muoia. Poi prenderà un po’ di sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il coperchio dal lato d'oriente e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al coperchio. Poi immolerà il capro del sacrificio espiatorio, quello per il popolo, e ne porterà il sangue oltre il velo; farà con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del giovenco: lo aspergerà sul coperchio e davanti al coperchio.
Così farà l'espiazione sul santuario per l'impurità degli Israeliti, per le loro trasgressioni e per tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda del convegno che si trova fra di loro, in mezzo alle loro impurità.
Nella tenda del convegno non dovrà esserci alcuno, da quando egli entrerà nel santuario per farvi il rito espiatorio, finché egli non sia uscito e non abbia compiuto il rito espiatorio per sé, per la sua casa e per tutta la comunità d'Israele. Uscito dunque verso l'altare, che è davanti al Signore, compirà il rito espiatorio per esso, prendendo il sangue del giovenco e il sangue del capro e bagnandone intorno i corni dell'altare. Farà per sette volte l'aspersione del sangue con il dito sopra l'altare; così lo purificherà e lo santificherà dalle impurità degli Israeliti” (cfr Lev 16, 1-3.11-19).
Gesù non entrò nel santuario della terra, anche se luogo santissimo della presenza di Dio.
Egli entrò nel santuario del Cielo, si presentò personalmente presso il Padre suo.
Questa è la differenza tra Aronne e Cristo Signore. È differenza sostanziale perché sostanzialmente differente è già il “luogo” nel quale entra Cristo da quello in cui entrano Aronne e tutti i suoi discendenti.
È questo il motivo per cui bisogna ancorarsi alla promessa ed è anche questo il motivo per cui essa è ben salda, sicura.
Questa promessa ci ancora al Cielo, perché nel Cielo ci introduce in Cristo. Se Cristo è nel cielo e se solo la fede in Lui ci conduce nel cielo, se noi ci distacchiamo da Cristo Gesù, chi ci introdurrà nel Cielo?
Nessuno. Il sacerdozio alla maniera di Aronne non ha questa missione: quella cioè di ancorare ciascuno di noi in Cielo, presso Dio.
Il sacerdozio di Aronne era solo per l’espiazione dei peccati, ma l’uomo rimaneva sempre sulla terra, nella sua vecchia e antica natura, quella ereditata da Adamo.
[20]dove Gesù è entrato per noi come precursore, essendo divenuto sommo sacerdote per sempre alla maniera di Melchìsedek.
In questo versetto viene annunziata una verità di fede, mentre un’altra verità è ricordata a suo fondamento e giustificazione.
La verità è questa, anzi sono due:
Cristo è entrato per noi nel cielo.
È entrato come precursore.
Anche in questo c’è una differenza con il sacerdozio alla maniera di Aronne. Aronne entrava anche per sé, per l’espiazione dei propri peccati, per la purificazione di ogni sua colpa. Entrando per sé, entrava anche per il popolo, per compiere il rito dell’espiazione, per implorare da Dio il perdono delle colpe commesse dai figli di Israele.
Altra differenza è questa: Aronne entrava ed usciva. Entrava secondo la Legge e secondo la Legge usciva.
Cristo Gesù e vi rimane in eterno, per sempre. Entra e non esce. Entra per esercitare il suo sacerdozio eterno presso il Padre.
Entra però come nostro precursore, per attrarre presso Dio, o per condurre presso il Padre ciascuno di noi.
Anche questa è differenza sostanziale con il sacerdozio secondo Aronne.
È questo anche il motivo per cui è citato il Salmo 109.
È citato non solo per dire che Gesù è vero sacerdote, perché tale lo ha costituito, lo ha voluto il Signore.
In più è citato per dirci che Gesù non è sacerdote alla maniera di Aronne.
Infine è soprattutto citato per ricordarci che Gesù da Dio è stato fatto sacerdote per sempre.
È questa eternità di Cristo e del suo sacerdozio che dona valore nuovo alla promessa e alla speranza riposta nella promessa.
Si manifesta ancora una volta – ove ce ne fosse bisogno – che la fonte di Cristo è Dio.
È Dio che lo ha costituito sacerdote. È Dio che lo ha valuto alla maniera di Melchisedek. È Dio che lo ha rivestito di un sacerdozio eterno.
È questo il vero motivo per cui senza questa teologia non può esistere vera cristologia.
La prima verità su Cristo è questa: Egli è dal Padre nel Cielo e sulla terra, nel tempo e nell’eternità, nella missione e nelle opere.
Chi crede nel Padre necessariamente deve credere in Cristo, perché Cristo è dal Padre.
La prima, o le prime due verità (entrato nel cielo – come precursore) sono annunzio, Vangelo, testimonianza.
Egli si prefigge ora di “dimostrare” attraverso la Scrittura che queste due verità non sono contro la Scrittura Antica. Sono invece il suo “naturale” frutto, o compimento.
Dimostrata questa intima e vitale connessione, in tutto simile a quella che esiste tra l’albero e il suo frutto, è senza alcuna scusa chi non crede in Cristo, pur continuando a credere nella verità dell’Antico Testamento. È sufficiente lasciarsi condurre dalla “verità dell’Antico Testamento” per approdare alla verità di tutto il Nuovo. La verità di tutto il Nuovo è Cristo Signore.
È all’accoglienza di questa fede che l’Autore vuole condurre i destinatari della Lettera, adoperandosi con ogni argomentazione e deduzione.
La conclusione di questo capitolo non può essere se non questa: chi è caduto dalla fede in Cristo che ritorni in essa.
È Cristo la promessa e la benedizione di Dio.
È Cristo colui che deve introdurci nel Cielo, perché Lui ora è nel Cielo, vi è entrato come Sacerdote Eterno per noi, come precursore, per attrarre ognuno di noi presso il Padre suo.
Credente.
00Wednesday, January 11, 2012 11:09 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Insegnamento iniziale su Cristo = insegnamento fondamentale, primario, di base? Le verità fondamentali della retta fede in Cristo. L’insegnamento iniziale, primario, o le verità fondamentali sono quelle riguardanti la sua morte per i nostri peccati, la sua risurrezione per la nostra giustificazione, la sua gloriosa ascensione al cielo, il suo essere stato costituito da Dio giudice dei vivi e dei morti. Sono, in altre parole, tutte quelle verità che ci conducono nella salvezza, ci fanno rimanere in essa, ci aiutano a raggiungere la gloria del Cielo. È sufficiente leggere la prima “predica di Pietro” (Atti 2) e si ha una visione completa del primo insegnamento, o insegnamento iniziale. La verità delle verità è questa: “Non è dato altro nome sotto il cielo nel quale è stabilito che possiamo essere salvati, se non nel nome di Gesù Cristo il Nazareno”. È evidente che questo insegnamento iniziale non è tutto. Esso deve essere completato, portato a perfezione, se si vuole che non venga distrutto nei cuori dal primo vento della falsità che si abbatte nella comunità dei credenti.
Conoscere in pienezza la verità prima della nostra fede: il Sacerdozio di Cristo. Per l’Autore della Lettera agli Ebrei la verità sulla quale tutta la fede cristiana si poggia è il Sacerdozio di Cristo Gesù. Chi ha la retta, sana, giusta, santa verità sul sacerdozio di Cristo potrà conservare la fede e crescere in essa. Mai le verrà rapita. Chi invece non ha una fede vera sul sacerdozio di Cristo è esposto ad ogni falsità. La sua fede è assai fragile. Difficilmente saprà resistere agli attacchi della menzogna e della falsità che scateneranno contro di lui i nemici della croce di Gesù Signore.
Antropologia senza Cristo. Cristo è l’immagine del vero uomo. Cristo è il vero uomo, ad immagine del quale ogni altro uomo dovrà farsi, o lasciarsi fare da Dio, per opera dello Spirito Santo. Chi non conosce secondo perfezione di verità Cristo Gesù, neanche se stesso conosce secondo pienezza di verità e quindi non si può realizzare secondo verità. Questo ci insegna che mai potrà esistere una vera antropologia senza la conoscenza di Cristo. Ma anche: nessun uomo si potrà fare vero uomo fuori di Cristo, senza di Cristo, contro di Cristo. Ogni antropologia senza Cristo, fuori di Cristo è semplicemente o lacunosa, o falsa.
La vera cristologia a fondamento di ogni verità di fede. Non solo l’antropologia, ma ogni verità di fede, per essere pienamente vera, deve partire dalla vera, santa, piena, perfetta conoscenza del mistero di Cristo Gesù. Chi non parte da una conoscenza vera di Cristo, non ha, non possiede secondo verità nessuna altra conoscenza secondo la fede. Cristo fa vera ogni conoscenza. Ogni vera conoscenza di Dio e dell’uomo, del presente, del passato, del futuro è solo dalla sana e giusta conoscenza di Gesù Signore.
Sanare ogni cosa partendo dalla radice. Quando non si possiede una retta e santa conoscenza su qualche mistero della fede, questo avviene perché lacunosa è la conoscenza del mistero di Cristo Gesù. Chi vuole sanare la sua conoscenza, deve partire da Cristo. Se non parte da Cristo, lavora invano, per il vuoto, per il niente. Nessuna fede potrà mai reggersi se la si fonda, o la si costruisce sulla falsità, sulla parzialità, sulla lacuna, sull’errore. Nessuna fede resisterà alla tentazione, se è già caduta nella tentazione della falsità, della parzialità, dell’errore.
Se Dio lo permette. Questa frase esprime il possesso di una vera mentalità di fede. Tutto è da Dio come grazia, il tempo e ogni altro dono necessario alla nostra vita secondo il corpo. Nessuno può fare una cosa, anche la più santa, senza questi doni preziosi di Dio. L’Autore sa questo e si consegna a Dio, a Lui affida ogni suo progetto. Affidandolo a Dio, lo consegna anche a se stesso e vi mette ogni impegno per la realizzazione di quanto propostosi, sapendo però che tutto è anche e soprattutto nelle mani di Dio.
L’illuminazione cristiana. L’illuminazione cristiana è il battesimo. Attraverso questo sacramento, il primo, l’uomo viene reso partecipe della luce di Cristo, della luce che è Cristo. In Cristo, viene costituito luce del mondo per illuminare tutti coloro che camminano nelle tenebre e nell’ombra di morte. Questa è la straordinaria grazia che ci conferisce il battesimo. L’uomo viene strappato dalle tenebre, portato nel regno della luce, fatto luce in Cristo, con Cristo, per Cristo, per strappare quanti ancora giacciono immersi nelle tenebre dell’errore, del peccato, della morte.
Luce per ontologia, non per morale nuova. Rendendoci partecipi della luce che è Cristo, siamo nella natura trasformati in luce di Cristo, per natura siamo luce e quindi per cambiamento ontologico. Essendo fatti luce nel Signore dalla luce del Signore, dobbiamo vivere come veri figli della luce. Dobbiamo brillare nel mondo di luce vera, santa, giusta. La morale cristiana è lo sviluppo, o la fruttificazione di ciò che uno è divenuto nel battesimo. La nostra morale non è una veste che l’uomo indossa e che può smettere e svestire a suo piacimento. La morale cristiana è il cambiamento di essere dell’uomo. Essa è vita secondo la nuova natura di luce e di verità, della luce e della verità di Cristo, in Cristo, per Cristo, con il quale il cristiano è ora una cosa sola.
Gustare il Signore è pienezza di vita. Gustare la buona Parola di Dio. Gustare le meraviglie del mondo futuro. La fede è gusto spirituale. Chi non gusta spiritualmente le realtà della fede, semplicemente non ha fede. Il gusto è il coinvolgimento di tutto lo spirito dell’uomo nelle realtà della fede. È come se le realtà divine, presenti e future, lo impregnassero di esse, in qualche modo lo trasformassero nelle stesse realtà divine. Gusta chi si immerge pienamente in queste realtà e le fa divenire essenza della sua vita, vita della sua vita, anzi fa divenire queste realtà la sua stessa vita. Chi gusta non vive se non per queste realtà e più si immerge in esse e più desidera immergersi di nuovo fino al suo completo “inebriamento”. Quando si gusta il Signore, la sua bontà, la sua misericordia, la sua verità, la sua vita, il suo dono, come si fa a ritornare indietro, ad abbandonare la via della fede? Si ritorna indietro se si smette di gustare il Signore e a poco a poco si inizia a gustare un’altra realtà: il male e il peccato. Il nemico della fede è il peccato, generato in noi dalla falsità accolta e gustata. È buona regola di fede conservare sempre la grazia di Dio nel cuore e crescere in essa. Chi cresce in grazia, gusterà sempre la bontà del Signore. Mai si discosterà dalla retta fede. Anzi crescerà di fede in fede fino a raggiungere la sua completa maturazione.
Partecipi dello Spirito Santo. Lo Spirito è per la missione. Quando siamo divenuti credenti, il Signore ci ha resi partecipi della sua divina natura, se siamo partecipi della natura divina, siamo anche partecipi delle Persone divine. Siamo partecipi del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo, che è comunione di eterno amore tra il Padre e il Figlio, inserisce il credente in questa comunione eterna e può amare secondo verità non solo Dio, ma anche i fratelli. Chi è stato reso partecipe dello Spirito Santo, partecipa dello Spirito del Signore verità, carità, amore, giustizia, santità. Dallo Spirito di Dio è anche mosso non solo per compiere tutta e sempre la volontà di Dio, ma anche per rendere partecipi a sua volta ogni altro uomo della Parola di Gesù e quindi della salvezza che è in Cristo Signore. La missione cristiana non è un’aggiunta al suo essere e alla sua vita. La missione è frutto della partecipazione dello Spirito Santo che è stata operata in lui. Lui ora è nella comunione del Padre e del Figlio, per opera dello Spirito Santo; per opera dello Spirito Santo è testimone e missionario di Cristo Gesù. È lo Spirito il Testimone e il Missionario di Cristo Gesù nel mondo. Se lo Spirito Santo è nel cristiano, il cristiano diviene anche lui nello Spirito Santo, ciò che lo Spirito Santo è per rapporto a Cristo Gesù.
La virtù teologale della speranza. Speranza teologale e parola. La speranza teologale è l’attesa del compimento eterno di ogni Parola di Dio. Senza Parola di Dio non c’è speranza teologale. La speranza cristiana non si fonda però sulla Parola in sé, ma sul suo Autore. Autore della Parola è Dio e Dio può compiere ogni sua Parola. Nulla è impossibile a Dio e tutto quanto Egli dice è anche in grado di portarlo a compimento. Il cristiano accoglie nella fede la Parola di Dio, vive in conformità ad essa, attende che ogni promessa di Dio, contenuta nella Parola, si compia. Non solo vive nella Parola, nella Parola cammina, sicuro e certo nella fede che niente resterà incompiuto.
L’impossibilità umana della conversione. La conversione è dono di Dio. Nessuno con le sue sole forze può sperare di convertirsi, o di convertire un’altra persona. Ognuno deve credere che la conversione è possibile solo per grazia. Credendo questo, offre tutta intera la sua vita a Cristo Gesù, perché la trasformi in grazia di conversione e di salvezza per il mondo intero. Questo può avvenire però solo nella santificazione. Si toglie la vita dal peccato e dalla profanità, la si mette tutta nella volontà di Dio, la si vive per compiere la volontà di Dio, la si offre in sacrificio al Signore e il Signore trasforma tutto in grazia di conversione e di salvezza. È questa la fede che il cristiano deve possedere: la conversione è solo possibile per grazia. Ma è anche questa la fede che deve animarlo: offrire interamente la sua vita alla santità per la conversione dei propri fratelli. La grazia è di Cristo. Alla grazia di Cristo deve essere aggiunta la grazia di ogni membro del suo corpo.
Le vie umane della seconda grazia. La prima grazia è il dono della conversione e della fede al Vangelo in seguito alla predicazione della Parola, fatta dagli Apostoli e dai Messaggeri Santi del Vangelo. Chi cade dalla conversione e ritorna nel peccato, ha bisogno di una seconda grazia. Questa grazia non è in chi è caduto nel peccato. Questa grazia nasce ancora una volta dal seno della Chiesa e in modo particolare dal seno della Comunità nella quale vive chi è caduto dalla grazia. La Comunità quando vede un suo figlio che se ne ritorna nel peccato e nella morte, deve elevarsi ancora di più in santità, deve crescere in grazia nel suo seno, grazia che dovrà essere offerta al Signore per la conversione dei suoi figli. Ognuno pertanto è obbligato a crescere in grazia, se vuole veramente cooperare al ritorno dei figli del Padre nella sua casa. Chi non cresce in grazia, non ha alcun desiderio di salvezza. La salvezza è frutto della grazia; chi non produce grazia, non genera neanche salvezza. Chi non produce grazia, è semplicemente uno che non ama né Cristo, né i fratelli, né ama se stesso, anche lui incamminato verso la caduta dalla grazia e dalla fede. Il primo frutto della grazia che si produce è il nostro progresso e la nostra crescita in sapienza e grazia.
Le conseguenze cosmiche del peccato. Le conseguenze del peccato sono cosmiche, perché nessuno può arrestare il frutto del peccato in se stesso. Il peccato esce da colui che lo compie e genera un male in tutto l’universo. A volte basta una parola falsa, menzognera per distruggere un’intera comunità. La Chiesa è stata sempre divisa dalla menzogna dei suoi figli. Le eresie, che sono falsità su Cristo, sono tutte nate dal seno della Chiesa, dai suoi figli. Queste eresie hanno portato un grande male, un male incommensurabile. Tanti uomini, tante donne sono ora nella perdizione eterna a causa di una sola parola falsa. Il primo peccato non è forse iniziato da una parola falsa, di menzogna? Questo primo peccato ha avuto una conseguenza non solo cosmica, ma anche divina. Non è forse costato la vita a Dio stesso nel suo Figlio Unigenito? Se pensassimo questo, rifletteremmo prima di dire anche la più piccola delle falsità.
La grazia è simile alla pioggia. La grazia di Dio è simile alla pioggia. Essa rende fecondo anche il terreno più duro. Più duro è il terreno è più pioggia occorre perché sia reso fecondo. Più induriti sono i cuori e più grazia di conversione e di salvezza occorre riversare su di loro. Più grazia da riversare dice però più grande santità da realizzare in noi. La santità è l’unica e sola via per la conversione dei cuori e il loro ritorno nella carità e nella verità di Cristo Gesù.
Cosa è la benedizione. Cosa è la maledizione. Si cade dalla Parola (morte – maledizione). Si ritorna nella Parola (vita – benedizione). La benedizione è comunione con la vita divina, vita di Dio, che ci fa bene, che è il solo nostro bene. La maledizione invece è l’esclusione dalla vita divina e senza vita divina si è nella morte e si rimane in essa per tutta l’eternità. La via per partecipare della vita divina è la Parola di Dio. Chi entra nella Parola, entra nella vita. Chi cade dalla Parola, o si pone fuori di essa, sceglie di restare nella morte. Durante il tempo, benedizione e maledizione non sono condizioni stabili dell’uomo. Dalla benedizione si può passare, cadendo dalla Parola, nella maledizione; ma anche dalla maledizione, credendo e accogliendo la Parola, si può passare o ritornare nella benedizione. Nell’eternità invece maledizione e benedizione sono eterne. La morte sigilla la nostra eternità nella maledizione o nella benedizione. È l’uomo che sceglie per sé benedizione e maledizione; è anche l’uomo che può divenire fonte di benedizione per i suoi fratelli, ma anche trasformarsi in una tentazione e quindi cooperare a che i suoi fratelli scelgano anche loro la via della non vita, della morte, nel tempo e anche nell’eternità. Ognuno ha la grave responsabilità dinanzi a Dio di scegliere per sé la benedizione, ma anche di divenire fonte e via di salvezza per il mondo intero. Tutti devono salvarsi per mezzo nostro. Nessuno deve perdersi per causa nostra. È questo il desiderio che ci deve animare.
La Parola della vita è quella di Cristo. Nella Parola di Gesù è la vita, la benedizione. La Parola che dona vita, salvezza, benedizione è una: quella di Cristo Gesù. Questa Parola da Cristo Gesù è stata affidata ai suoi Apostoli perché la facciano risuonare per il mondo intero. È stata consegnata anche allo Spirito Santo perché la insegni alla sua Chiesa conducendola verso la verità tutta intera. Fuori della Chiesa una, santa, cattolica, apostolica non c’è la vera Parola di Cristo Gesù, perché non c’è la verità tutta intera in essa contenuta. È una Parola che non dona pienezza di salvezza. Dona salvezza per quanta verità vi è in essa.
L’amore vissuto principio di altra grazia. L’amore come memoriale davanti al Signore. Carità e umiltà. Non cadere dalla carità. L’amore cristiano è obbedienza, ascolto e messa in pratica della Parola. La Parola vissuta si fa sacrificio, memoriale di grazia davanti al Signore per noi e per il mondo intero. Chi vuole aiutare il mondo a ritornare a Dio deve vivere l’amore di Cristo nel modo più sommo, più alto, più perfetto. Deve prestare alla Parola un’obbedienza piena, totale, senza riserve. Per questo gli occorre la virtù dell’umiltà che è consegna della propria vita solo ed esclusivamente alla Parola. Chi cade dalla carità non può più essere di giovamento ai fratelli. Deve lui per primo ritornare nell’amore di Cristo se vuole divenire principio di altra grazia da riversare nel mondo per la sua salvezza.
Giustizia di Dio in Dio. La giustizia di Dio in Dio è la fedeltà alla sua Parola. Dio è giusto perché agisce sempre conformemente alla sua natura che è tutta manifestata e rivelata nella sua Parola. In tal senso la giustizia di Dio è Cristo, dato per la nostra salvezza, offerto per la nostra redenzione. Cristo però deve essere accolto. In Cristo bisogna vivere se si vuole entrare in possesso della giustizia di Dio che ci fa salvi. Chi non accoglie Cristo si esclude dalla giustizia di Dio e rimane nell’ingiustizia del suo peccato.
Beati i misericordiosi perché otterranno misericordia: questa è la giustizia di Dio. Dio promette di riversare ogni misericordia su coloro che sono misericordiosi. Chi vuole l’abbondanza della misericordia di Dio deve riversare nel mondo intero l’abbondanza della sua misericordia. Questa è vera giustizia di Dio, perché vera fedeltà alla Parola data. Chi non è misericordioso, chi non vive per la misericordia, chi non perdona, chi non ama, non può pretendere di trovare perdono e misericordia da parte del Signore. La salvezza eterna è frutto anche della misericordia dell’uomo e non solamente dono della misericordia di Dio, al di fuori di ogni misericordia da parte dell’uomo.
Zelo e speranza. La speranza che è cammino nella Parola di Dio non può compiersi senza il nostro zelo, il nostro impegno, senza la partecipazione di tutta la nostra volontà, che affronta ogni sacrificio per portare a compimento quanto il Signore ha stabilito per noi. La speranza, come ogni altra virtù, non si compie senza la partecipazione della nostra volontà. Lo zelo è il dono di tutta la nostra volontà per la conquista secondo pienezza di verità non solo della speranza, ma di ogni altra virtù cristiana. Senza zelo nessuna virtù sarà mai conquistata. Senza zelo l’uomo rimane sempre ai margini del suo cammino spirituale.
Lassismo veritativo diviene lassismo morale. Chi non cresce nella conoscenza della verità, chi non cammina verso la verità tutta intera, avrà sempre una vita morale lassa, fatta di molti vizi, di poche virtù; tanti peccati, tantissima insipienza, grande stoltezza, frutto della falsità che abita e governa il suo cuore, la sua mente, il suo spirito. Quando c’è lassismo nella verità, c’è sempre lassismo nella morale. Chi vuole sradicare il lassismo morale, deve impiegare ogni energia per sradicare il lassismo veritativo. Il cammino del cristiano è nella verità. Se non cammina nella verità, di sicuro camminerà nel peccato, andrà di peccato in peccato, e la sua vita si consumerà nella morte eterna.
La morale è dalla verità. Predicazione, Parola, fede, morale. La morale cristiana è la conformazione della vita alla verità. Non c’è verità cristiana se non quella contenuta nella Parola, secondo l’insegnamento pieno che ci dona lo Spirito del Signore nella Sua Chiesa. Gli Apostoli predicano la Parola. Alla Parola ci si converte. Al Vangelo predicato si crede. La Parola ascoltata si vive: è questa la vera, santa, giusta, perfetta morale cristiana. Dove non c’è Parola predicata, annunziata, lì non c’è neanche verità tutta intera e quindi neanche la morale è quella che il Signore vuole che noi viviamo. Alla Chiesa nei suoi ministri della Parola la responsabilità di annunziare la Parola. All’uomo quella di accoglierla, o di rifiutarla. Gesù lo dice con chiarezza: “Chi crederà sarà battezzato, sarà salvo. Chi non crederà sarà condannato”.
Pigrizia spirituale. È pigrizia spirituale il lasciarsi andare, abbandonandosi a se stessi, lasciando che la fragilità e la debolezza della carne prenda il sopravvento sulla volontà per condurre la nostra vita di fede in fede e di grazia in grazia. La pigrizia spirituale è il più grande danno che possa abbattersi su di un’anima. A poco a poco la pigrizia conduce all’accidia, cioè alla completa insensibilità dinanzi al bene ed al male.
Imitare quanti divennero eredi della promessa. Come? Qual è la vera promessa? Gli eredi della promessa sono tutti i giusti dell’Antico Testamento. Essi ereditarono la promessa perché rimasero sempre saldi nella fede. Costoro hanno sempre camminato secondo l’ultima Parola che Dio ha fatto udire loro e per questo sono ora nella pienezza della verità. La promessa di Dio è una sola: Cristo Gesù, il Suo Messia, mandato da Lui per manifestarci la Sua Volontà nella sua interezza e anche per realizzare la salvezza in pienezza di rivelazione e di opera. Imita questi eredi della promessa chi non si ferma all’Antico Testamento, ma accoglie la Parola di Cristo Gesù come vera Parola di salvezza, di redenzione, di giustificazione, di santità. Chi non accoglie la Parola di Cristo Gesù non imita gli eredi della promessa. Questi l’hanno ereditata proprio in ragione dell’ascolto dell’ultima (sempre dell’ultima) Parola che Dio faceva udire loro.
Cristo è la verità della Scrittura. Se la Scrittura non conduce a Cristo, la sua comprensione è falsa. Poiché Cristo Gesù è verità della Scrittura, chi leggendo la Scrittura non perviene alla conoscenza di Cristo e alla sua pienezza di grazia e di verità, costui legge non secondo verità la Parola di Dio di tutto l’Antico Testamento. Chiunque non ha il Cristo del Nuovo Testamento, non ha neanche il Dio dell’Antico. Il Dio dell’Antico Testamento guarda a Cristo, annunzia Cristo, prepara a Cristo, ci dona Cristo. Se quel Dio non ci dona Cristo, perché la nostra lettura della sua Parola non ci dona Cristo, è il segno che la nostra comprensione della sua Parola è falsa; se è falsa la comprensione della sua Parola e anche falsa la comprensione della verità su di Lui. Chi non giunge alla verità di Cristo è senza la verità di Dio. il Cristo vero attesta che il nostro Dio è vero. La verità del nostro Dio ci conduce alla verità di Cristo Gesù. La verità dell’Uno esige la verità dell’Altro; la verità dell’Uno non può coesistere con la falsità dell’Altro. O Tutti e due veri, o Tutti e due falsi. Chi non ha il vero Cristo non ha il vero Dio.
La perseveranza è in ogni nuova Parola di Dio. Nell’Antico Testamento si perseverava nella fede ascoltando ogni nuova Parola di Dio. La nuovissima Parola di Dio è quella che Lui ci ha fatto udire per mezzo di Cristo Gesù. Persevera nella fede del Dio di Abramo chi accoglie la Parola che Lui stesso ci ha indirizzato per mezzo del suo Figlio Unigenito. Nella Chiesa invece la perseveranza nella fede si compie ascoltando la perenne novità, o pienezza di verità, cui conduce lo Spirito del Signore. Chi si ferma alla comprensione di ieri, arresta il cammino della sua fede, si pone fuori della mozione dello Spirito che oggi dice al cristiano la via da seguire per camminare in perfezione di verità.
Non c’è contraddizione nella Parola di Dio. L’ultima Parola di Dio dona significato alle altre. Non c’è alcuna contraddizione nella Parola di Dio. L’ultima Parola del Signore dona significato pieno a tutte le altre Parole pronunciate prima. Gesù, ultima Parola di Dio, non abolisce, non contraddice le Parole dette dal Padre Suo prima di Lui, porta invece a compimento la Legge e i Profeti. Dona loro la pienezza della verità, della carità, della santità, della vita.
L’ultima ispirazione dello Spirito. La verità tutta intera alla Parola di Cristo Gesù è lo Spirito che la conferisce. Questo cammino è inarrestabile. Esso dura fino alla consumazione dei secoli. Fino a quel giorno la Chiesa vive ascoltando lo Spirito che parla al suo cuore.
Oggi di Dio. L’oggi di Dio è Cristo e solo Lui. A Lui deve essere condotto ogni uomo. Oltre Cristo non c’è altro nome nel quale è stabilito che possiamo essere salvati. Questa verità è assoluta. Essa è per ogni uomo di ogni tempo.
Dio è il creatore della nostra vita. Chi crea la nostra vita è Dio. Dio la crea per mezzo di Cristo Gesù. Come l’ha creata per mezzo di Cristo, così anche la redime per mezzo di Cristo e la riporta nella pienezza della verità. Cristo Gesù opera la salvezza, o mette la sua vita nei cuori, per opera dello Spirito Santo nella mediazione della Chiesa.
Il giuramento. Il Dio che annunzia con giuramento Cristo e lo stesso Dio che lo accredita. Dio conferma ogni sua Parola giurando su se stesso. Dio si fa così verità di se stesso. Poiché Lui è verità immutabile per essenza, anche la Parola proferita partecipa di questa immutabilità. Dio di certo l’adempirà. Dio giura per annunziare Cristo, per manifestare Cristo, per donare Cristo. Cristo è l’oggetto del giuramento di Dio. Il Dio che giura e anche il Dio che accredita Cristo Gesù. Lo accredita in vita, ma anche in morte e dopo la morte. Chi non crede in Cristo, semplicemente non crede in Dio; chi non accoglie Cristo è Dio che non accoglie nella sua Parola di giuramento. Ancora una volta appare chiaro come il vero problema è teologico prima che cristologico ed è cristologico perché teologico.
Veri per partecipazione della divina natura. La verità ontica da verificare con la Parola proferita da Gesù. Dio ci fa veri in Cristo Gesù, perché ci rende partecipi della divina natura. La nostra verità è ontica, cioè partecipazione dell’essere stesso di Dio che è verità. Questa verità di natura ricreata, santificata, perennemente deve essere verificata dalla Parola di Cristo Gesù. È nella verità chi vive secondo la Parola vera. Chi non vive secondo la Parola vera di Cristo Gesù attesta di essere nella falsità. La verità di Dio non abita in lui.
Dalla cristologia alla teologia. Dalla teologia alla cristologia. La vera, profonda, santa, spirituale conoscenza di Cristo Gesù ci dona la vera, profonda, santa, spirituale conoscenza di Dio. Ogni falsa comprensione di Cristo è anche falsa comprensione di Dio. Questo se si parte da Cristo. Se invece si parte da Dio, ogni vera, santa, perfetta, giusta conoscenza di Dio deve sfociare necessariamente nella vera, santa, perfetta, giusta conoscenza di Cristo Gesù. Una falsità in una conoscenza genera falsità nell’altra e viceversa. Se gli errori sono cristologici, lo saranno anche teologici; se lo sono teologici, lo saranno anche cristologici. La Parola è una, la Verità è una. Chi divide e fa due verità: una per Cristo e l’altra per il Dio di Abramo, costui semplicemente è fuori della verità.
La fede in Dio è fede in Cristo. La fede in Cristo è fede in Dio. Poiché l’oggetto essenziale, primario, fondamentale della Parola è Cristo, la vera fede in Dio diviene e si fa vera fede in Cristo. Ma anche: la vera fede in Cristo, diviene e si fa vera fede in Dio. Non ci sono due fedi differenti e separate: una in Cristo, l’altra in Dio. Una sola Parola, un solo Autore, una sola fede, una sola verità, un solo Cristo, un solo Dio. Questa unità deve essere sempre conservata, se si vuole restare nella verità della fede.
Il Dio di Abramo dona Cristo. Chi ci dona Cristo è il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe. Non un altro Dio. Chi crede secondo verità nel Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe deve necessariamente credere in Cristo secondo verità pura e santa. Se la fede nel Dio di Abramo non sfocia in Cristo, quella fede non è perfettamente vera, o è addirittura falsa. La verità della prima conduce alla verità della seconda; dove la verità della prima non conduce alla verità della seconda, essa è semplicemente falsa.
Ancorati al Cielo per mezzo di Cristo. Chi è Cristo Gesù? È Colui che siede alla destra del Padre. Nella sua umanità anche noi siamo alla destra del Padre. In Lui anche noi siamo già nel Cielo; siamo in Lui ben ancorati, ben fissi nel Cielo. In Lui dobbiamo sempre vederci non solo per rimanere ancorati nel Cielo, quanto anche per iniziare un cammino spedito nella santità al fine di giungere nella sua stessa gloria per tutta l’eternità. È questo il fine della nostra vita. Questa la meta da raggiungere. Tutto dobbiamo dare della terra, anche il nostro corpo, alla croce, per poter un giorno essere con Cristo nell’eternità della sua gloria.
Cristo è entrato nel Cielo come precursore. Gesù è nel Cielo. È andato a prepararci un posto, perché dove è Lui siamo anche noi. Lui vi è andato passando attraverso la croce. Anche il cristiano deve giungere alla gloria del Cielo passando attraverso la croce. La croce è la porta stretta che conduce al Cielo. La croce è obbedienza a tutta la volontà del Padre. La croce è vita secondo il Vangelo.
Sommo sacerdote. Gesù è sommo sacerdote della Nuova Alleanza. Anzi: è il Sommo Sacerdote della Nuova Alleanza. Lui è il solo e l’unico. Non ce ne sono altri. Tutti gli altri lo sono perché partecipano del suo unico eterno sacerdozio. Lo sono perché lo esercitano in suo nome e con la sua autorità. Questa verità da sola dona un significato nuovo al Sacerdozio della Nuova Alleanza. Tutti infatti sono sacerdoti perché partecipano l’unico sacerdozio. Questa unità non è esterna; è l’essenza stessa del sacerdozio cristiano. Ogni sacerdote è sacerdote in Cristo, per Cristo, con Cristo, perché partecipe del suo sacerdozio. Chi esercita il sacerdozio che Cristo gli ha partecipato è in comunione con tutti coloro che lo esercitano, ma è in comunione per natura sacramentale. Questa comunione ontica dona il vero significato al presbiterio, anch’esso ricondotto alla fonte della sua unità: la partecipazione di tutti dell’unico sacerdozio che è quello di Cristo Gesù. Il sacerdozio è esercitato in nome di Cristo, non del presbiterio. È Cristo la fonte di ogni unità, non il presbiterio.
Gesù è dal Padre. Per condurre al Padre. Come? Gesù è dal Padre per generazione eterna. È dal Padre perché da Lui inviato per compiere la nostra salvezza. È dal Padre per ricondurci al Padre. Ci conduce al Padre facendoci nascere da acqua e da Spirito Santo, divenendo figli del Padre in Lui, unico Figlio per generazione eterna. Se è dal Padre, è nel Padre, cioè nella sua Parola, la verità del suo essere e della sua missione. È nella Parola del Padre che dobbiamo cercare ogni verità che lo riguarda. Questa è l’unica vera metodologia per chi vuole pervenire alla verità di Cristo. Chi non perviene alla pienezza della verità di Cristo attesta semplicemente che non è nella verità del Padre. Ha un falso Dio chi non possiede il vero Cristo, che è l’unica rivelazione del vero Dio.
Credente.
00Thursday, January 12, 2012 9:49 PM
CAPITOLO SETTIMO





MELCHISEDEK FIGURA DI CRISTO
[1]Questo Melchìsedek infatti, re di Salem, sacerdote del Dio Altissimo, andò incontro ad Abramo mentre ritornava dalla sconfitta dei re e lo benedisse;
Si è detto che Melchisedek compare nella Scrittura una sola volta, in un solo episodio, che riportiamo per intero, un’altra volta, aggiungendovi l’impresa della vittoria di Abramo sui re:
“Al tempo di Amrafel re di Sennaar, di Arioch re di Ellasar, di Chedorlaomer re dell'Elam e di Tideal re di Goim, costoro mossero guerra contro Bera re di Sòdoma, Birsa re di Gomorra, Sinab re di Adma, Semeber re di Zeboim, e contro il re di Bela, cioè Zoar. Tutti questi si concentrarono nella valle di Siddim, cioè il Mar Morto. Per dodici anni essi erano stati sottomessi a Chedorlaomer, ma il tredicesimo anno si erano ribellati. Nell'anno quattordicesimo arrivarono Chedorlaomer e i re che erano con lui e sconfissero i Refaim ad Astarot-Karnaim, gli Zuzim ad Am, gli Emim a Save-Kiriataim e gli Hurriti sulle montagne di Seir fino a El-Paran, che è presso il deserto.
Poi mutarono direzione e vennero a En-Mispat, cioè Kades, e devastarono tutto il territorio degli Amaleciti e anche degli Amorrei che abitavano in Azazon-Tamar. Allora il re di Sòdoma, il re di Gomorra, il re di Adma, il re di Zeboim e il re di Bela, cioè Zoar, uscirono e si schierarono a battaglia nella valle di Siddim contro di esso, e cioè contro Chedorlaomer re dell'Elam, Tideal re di Goim, Amrafel re di Sennaar e Arioch re di Ellasar: quattro re contro cinque. Ora la valle di Siddim era piena di pozzi di bitume; mentre il re di Sòdoma e il re di Gomorra si davano alla fuga, alcuni caddero nei pozzi e gli altri fuggirono sulle montagne.
Gli invasori presero tutti i beni di Sodoma e Gomorra e tutti i loro viveri e se ne andarono. Andandosene catturarono anche Lot, figlio del fratello di Abram, e i suoi beni: egli risiedeva appunto in Sòdoma. Ma un fuggiasco venne ad avvertire Abram l'Ebreo che si trovava alle Querce di Mamre l'Amorreo, fratello di Escol e fratello di Aner i quali erano alleati di Abram. Quando Abram seppe che il suo parente era stato preso prigioniero, organizzò i suoi uomini esperti nelle armi, schiavi nati nella sua casa, in numero di trecentodiciotto, e si diede all'inseguimento fino a Dan. Piombò sopra di essi di notte, lui con i suoi servi, li sconfisse e proseguì l'inseguimento fino a Coba, a settentrione di Damasco. Ricuperò così tutta la roba e anche Lot suo parente, i suoi beni, con le donne e il popolo.
Quando Abram fu di ritorno, dopo la sconfitta di Chedorlaomer e dei re che erano con lui, il re di Sòdoma gli uscì incontro nella Valle di Save, cioè la Valle del re. Intanto Melchisedek, re di Salem, offrì pane e vino: era sacerdote del Dio altissimo e benedisse Abram con queste parole: Sia benedetto Abram dal Dio altissimo, creatore del cielo e della terra, e benedetto sia il Dio altissimo, che ti ha messo in mano i tuoi nemici. Abram gli diede la decima di tutto.
Poi il re di Sòdoma disse ad Abram: Dammi le persone; i beni prendili per te. Ma Abram disse al re di Sòdoma: Alzo la mano davanti al Signore, il Dio altissimo, creatore del cielo e della terra: né un filo, né un legaccio di sandalo, niente io prenderò di ciò che è tuo; non potrai dire: io ho arricchito Abram. Per me niente, se non quello che i servi hanno mangiato; quanto a ciò che spetta agli uomini che sono venuti con me, Escol, Aner e Mamre, essi stessi si prendano la loro parte” (Cfr Gn 14,1-24).
Le verità di questo primo versetto possono essere così riassunte:
Il contesto storico è la vittoria di Abramo sui re che avevano catturato Lot.
In questo contesto e in esso solamente appare la figura di un uomo avvolto dal mistero: Melchisedek.
Melchisedek è re di Salem.
È sacerdote del Dio Altissimo.
Al Dio Altissimo offre pane e vino.
Melchisedek benedice Abramo.
Melchisedek è insieme sacerdote e re. Cristo è sacerdote e re.
Melchisedek è sacerdote del Dio Altissimo. Cristo è sacerdote del Dio Altissimo.
Melchisedek benedice Abramo. Cristo Gesù è la benedizione di ogni uomo.
Melchisedek offre al Dio Altissimo pane e vino. Cristo offre al Dio Altissimo il pane e il vino perché lo trasformi in sacramento di salvezza, nel sacramento del Suo corpo e del Suo Sangue.
Già si può individuare il motivo per cui Cristo Gesù è sacerdote alla maniera di Melchisedek:
perché è re e sacerdote.
Perché offre al Dio Altissimo pane e vino.
Dicendo alla maniera, non significa che vi sia sostanziale identità. La similitudine è nella forma, nella sostanza vi è la più alta dissimilitudine.
È giusto però che seguiamo l’Autore nello sviluppo delle sue argomentazioni:
[2]a lui Abramo diede la decima di ogni cosa; anzitutto il suo nome tradotto significa re di giustizia; è inoltre anche re di Salem, cioè re di pace.
Melchisedek riceve da Abramo la decima di tutto ciò che aveva recuperato in battaglia. Anche questa azione di Abramo ha un significato che presto ci sarà svelato. Anticipandolo, è da dire che è il superiore che benedice l’inferiore.
Melchidesdek è superiore ad Abramo. Ma Abramo non è Abramo, Abramo è tutto il popolo di Dio. Melchisedek è superiore al popolo di Dio e quindi anche ad Aronne e al suo sacerdozio, poiché in Abramo anche Aronne riconosce il sacerdozio di Melchisedek superiore al suo.
Dopo aver dato le notizie storiche, che sono esclusivamente quelle riportate nel capitolo 14 della Genesi, in questi pochissimi versetti, l’Autore aggiunge Lui le proprie considerazioni.
Legge ed interpreta il testo. Questa interpretazione è ispirata, perché fa parte del Testo Sacro del Nuovo Testamento. Essendo ispirata diventa per noi verità su cui possiamo edificare la nostra fede in Cristo Gesù.
Partiamo dal nome:
Melchisedek significa: re di giustizia.
Egli è re di Salem, cioè re di pace.
Sono, questi, i due doni messianici per eccellenza: la giustizia e la pace.
Cristo è sacerdote alla maniera di Melchisedek perché Lui sarà per il mondo intero non solo il re nel cui regno abiteranno la giustizia e la pace, ma lui stesso sarà il datore della giustizia e della pace.
Egli annunzierà la giustizia e la creerà nei cuori. Annunzierà la pace e la darà a tutti coloro che crederanno nella sua Parola.
Cristo è re di giustizia e di pace, perché “autore” di esse, autore però per il mondo intero.
È sufficiente leggere uno solo dei Canti del Servo del Signore di Isaia per convincersi di questa verità.
“Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito su di lui; egli porterà il diritto alle nazioni. Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce, non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta. Proclamerà il diritto con fermezza; non verrà meno e non si abbatterà, finché non avrà stabilito il diritto sulla terra; e per la sua dottrina saranno in attesa le isole. Così dice il Signore Dio che crea i cieli e li dispiega, distende la terra con ciò che vi nasce, dà  il respiro alla gente che la abita e l'alito a quanti camminano su di essa: Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre. Io sono il Signore: questo è il mio nome; non cederò la mia gloria ad altri, né il mio onore agli idoli. I primi fatti, ecco, sono avvenuti e i nuovi io preannunzio; prima che spuntino, ve li faccio sentire. Cantate al Signore un canto nuovo, lode a lui fino all'estremità della terra; lo celebri il mare con quanto esso contiene, le isole con i loro abitanti. Esulti il deserto con le sue città, esultino i villaggi dove abitano quelli di Kedàr; acclamino gli abitanti di Sela, dalla cima dei monti alzino grida. Diano gloria al Signore e il suo onore divulghino nelle isole”. (Cfr. Is. 42,1-12).
Non è forse un inno alla pace, l’altro cantico del Servo, sempre di Isaia?
Ascoltatemi, o isole, udite attentamente, nazioni lontane; il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fino dal grembo di mia madre ha pronunziato il mio nome. Ha reso la mia bocca come spada affilata, mi ha nascosto all'ombra della sua mano, mi ha reso freccia appuntita, mi ha riposto nella sua faretra. Mi ha detto: Mio servo tu sei, Israele, sul quale manifesterò la mia gloria. Io ho risposto: Invano ho faticato, per nulla e invano ho consumato le mie forze. Ma, certo, il mio diritto è presso il Signore, la mia ricompensa presso il mio Dio.
Ora disse il Signore che mi ha plasmato suo servo dal seno materno per ricondurre a lui Giacobbe e a lui riunire Israele, poiché ero stato stimato dal Signore e Dio era stato la mia forza mi disse:
E` troppo poco che tu sia mio servo per restaurare le tribù di Giacobbe e ricondurre i superstiti di Israele. Ma io ti renderò luce delle nazioni perché porti la mia salvezza fino all'estremità della terra. Dice il Signore, il redentore di Israele, il suo Santo, a colui la cui vita è disprezzata, al reietto delle nazioni, al servo dei potenti: I re vedranno e si alzeranno in piedi, i principi vedranno e si prostreranno, a causa del Signore che è fedele, a causa del Santo di Israele che ti ha scelto.
Dice il Signore: Al tempo della misericordia ti ho ascoltato, nel giorno della salvezza ti ho aiutato. Ti ho formato e posto come alleanza per il popolo, per far risorgere il paese, per farti rioccupare l'eredità devastata, per dire ai prigionieri: Uscite, e a quanti sono nelle tenebre: Venite fuori. Essi pascoleranno lungo tutte le strade, e su ogni altura troveranno pascoli. Non soffriranno né fame né sete e non li colpirà né l'arsura né il sole, perché colui che ha pietà di loro li guiderà, li condurrà alle sorgenti di acqua. Io trasformerò i monti in strade e le mie vie saranno elevate. Ecco, questi vengono da lontano, ed ecco, quelli vengono da mezzogiorno e da occidente e quelli dalla regione di Assuan.
Giubilate, o cieli; rallegrati, o terra, gridate di gioia, o monti, perché il Signore consola il suo popolo e ha pietà dei suoi miseri. Sion ha detto: Il Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato. Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se queste donne si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai.
Ecco, ti ho disegnato sulle palme delle mie mani, le tue mura sono sempre davanti a me. I tuoi costruttori accorrono, i tuoi distruttori e i tuoi devastatori si allontanano da te. Alza gli occhi intorno e guarda: tutti costoro si radunano, vengono da te. Com'è vero ch'io vivo oracolo del Signore ti vestirai di tutti loro come di ornamento, te ne ornerai come una sposa. Poiché le tue rovine e le tue devastazioni e il tuo paese desolato saranno ora troppo stretti per i tuoi abitanti, benché siano lontani i tuoi divoratori. Di nuovo ti diranno agli orecchi i figli di cui fosti privata: Troppo stretto è per me questo posto; scostati, e mi accomoderò. Tu penserai: Chi mi ha generato costoro? Io ero priva di figli e sterile; questi chi li ha allevati? Ecco, ero rimasta sola e costoro dove erano?Così dice il Signore Dio: Ecco, io farò cenno con la mano ai popoli, per le nazioni isserò il mio vessillo. Riporteranno i tuoi figli in braccio, le tue figlie saran portate sulle spalle.
I re saranno i tuoi tutori, le loro principesse tue nutrici. Con la faccia a terra essi si prostreranno davanti a te, baceranno la polvere dei tuoi piedi; allora tu saprai che io sono il Signore e che non saranno delusi quanti sperano in me. Si può forse strappare la preda al forte? Oppure può un prigioniero sfuggire al tiranno? Eppure dice il Signore: Anche il prigioniero sarà strappato al forte, la preda sfuggirà al tiranno. Io avverserò i tuoi avversari; io salverò i tuoi figli. Farò mangiare le loro stesse carni ai tuoi oppressori, si ubriacheranno del proprio sangue come di mosto. Allora ogni uomo saprà che io sono il Signore, tuo salvatore, io il tuo redentore e il Forte di Giacobbe” (cfr. Is 49,1-26).
[3]Egli è senza padre, senza madre, senza genealogia, senza principio di giorni né fine di vita, fatto simile al Figlio di Dio e rimane sacerdote in eterno.
L’Autore vede Melchisedek come “una apparizione”, come un mistero che si rende visibile per qualche istante e poi scompare.
Di lui non si conosce né il prima, né il dopo. Appare e scompare in questo brano della Scrittura.
Appare per benedire Abramo e poi scompare. Appare di nuovo nel Salmo per dire che il Figlio di Dio, generato dal Padre è sacerdote alla maniera di Melchisedek e poi scompare di nuovo per tutto l’arco dell’Antico Testamento.
Poi compare un’altra volta in questa Lettera agli Ebrei e poi scompare nuovamente, per non trovare più traccia di Lui.
Quest’uomo è senza legami con questa terra:
senza padre
senza madre
senza genealogia
senza principio di giorni né fine di vita.
Queste quattro caratteristiche ci fanno relazionare Melchisedek solo ed esclusivamente al suo “ministero”, o “funzione”: offre pane e vino al Dio Altissimo, benedice Abramo, è re di giustizia e di pace.
Poiché è senza principio di giorni né fine di vita, l’Autore sposta ora il termine della similitudine. Non è più Cristo Gesù alla maniera di Melchisedek, bensì Melchisedek alla maniera di Cristo.
Melchisedek è alla maniera di Cristo, perché come Cristo Gesù, è senza principio di giorni né fine di vita.
Poiché senza principio di giorni e senza fine di vita, come Cristo, egli è sacerdote in eterno.
L’eternità del sacerdozio di Cristo è fondata sulla sua eternità.
Questa è un’altra differenza con il sacerdozio alla maniera di Aronne. Questo finiva con la morte di chi lo esercitava. Di Aronne si è visto che Lui ha smesso prima di morire di esercitare il suo sacerdozio. Al suo posto è subentrato il figlio.
Non sappiamo però in che modo Melchisedek eserciti il suo sacerdozio eterno. L’autore lo afferma: fatto simile al Figlio di Dio e rimane sacerdote in eterno, ma non lo spiega.
Se lo afferma è vero. Non possiamo però fondare sulla Scrittura Antica questa verità. Dobbiamo accoglierla come rivelazione del Nuovo Testamento.
Il Salmo 109 ci aiuta in questo? Proviamo a leggerlo secondo questa prospettiva:
“Di Davide. Salmo. Oracolo del Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi. Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: Domina in mezzo ai tuoi nemici. A te il principato nel giorno della tua potenza tra santi splendori; dal seno dell'aurora, come rugiada, io ti ho generato.
Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek. Il Signore è alla tua destra, annienterà i re nel giorno della sua ira. Giudicherà i popoli: in mezzo a cadaveri ne stritolerà la testa su vasta terra. Lungo il cammino si disseta al torrente e solleva alta la testa.
L’eternità è affermata. È affermata sia della Persona di Cristo che del suo Sacerdozio:
dal seno dell’aurora, come rugiada, io ti ho generato (cfr. anche il Salmo 2)
Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek.
Il problema interpretativo diventa difficile quando bisogna legare il “per sempre”.
“Al modo di Melchisedek” include anche l’eternità in Melchisedek, o semplicemente l’offerta del pane e del vino?
Oppure il Padre annunzia che Cristo Gesù rimarrà eternamente sacerdote alla sua presenza, non però alla maniera di Aronne, bensì alla maniera di Melchisedek?
Se la soluzione non è possibile desumerla dal Salmo 109, lo si può benissimo trarre da ciò che l’Autore ci dice in questa sua Lettera e cioè che è Melchisedek ora alla maniera di Cristo, cioè eterno come sacerdote e non invece Cristo alla maniera di Melchisedek, per quanto riguarda l’eternità, essendo Melchisedek semplicemente un uomo e nessun uomo può rivestirsi di eternità.
Al di là del fondamento della verità, resta la verità che per noi è quella che ci annunzia sia il Salmo 109 che quanto viene affermato in questo contesto.
Tra Cristo e Melchisedek c’è una identità sia nell’esercizio del sacerdozio (pane e vino) che nella durata (per sempre, in eterno).
Al di là di questo non possiamo aggiungere altro. Per onestà intellettuale dobbiamo semplicemente fermarci.
Al di là di tutto però regna la verità sovrana: è Dio che genera il Figlio e lo costituisce sacerdote per sempre alla maniera di Melchisedek.
Ma è anche Dio che fa Melchisedek simile al Figlio suo e gli conferisce un sacerdozio eterno, anche se ci rimane ignoto il modo come Melchisedek eserciti in eterno questo suo ministero.
[4]Considerate pertanto quanto sia grande costui, al quale Abramo, il patriarca, diede la decima del suo bottino.
L’Autore, come si può facilmente constatare, con saggezza ispirata, ci sta conducendo, prendendoci quasi per mano, a valutare ogni elemento che descrive l’incontro di Abramo con Melchisedek.
Nei versetti precedenti si è soffermato sulla figura di Melchisedek. Ora su ciò che Abramo gli fa e che lui fa ad Abramo.
Abramo dona a Melchisedek la decima di tutto il bottino.
Per gli Ebrei Abramo era tutto. Era il padre dal quale tutti loro discendevano. Era il più grande di tutti loro e tutti loro in qualche modo si vedevano in Abramo.
Abramo, il più grande, dona la decima a Melchisedek.
Possiamo ora comprendere la frase di esordio di questa nuova argomentazione: considerate pertanto quanto sia grande costui.
Grande quanto chi? Più grande di chi?
Il versetto che segue ci offre la risposta:
[5]In verità anche quelli dei figli di Levi, che assumono il sacerdozio, hanno il mandato di riscuotere, secondo la legge, la decima dal popolo, cioè dai loro fratelli, essi pure discendenti da Abramo.
Chi riscuoteva la decima, anche se era offerta al Signore, erano i sacerdoti.
“Ogni decima della terra, cioè delle granaglie del suolo, dei frutti degli alberi, appartiene al Signore; è cosa consacrata al Signore. Se uno vuole riscattare una parte della sua decima, vi aggiungerà il quinto. Ogni decima del bestiame grosso o minuto, e cioè il decimo capo di quanto passa sotto la verga del pastore, sarà consacrata al Signore. Non si farà cernita fra animale buono e cattivo, né si faranno sostituzioni; né si sostituisce un animale all'altro, tutti e due saranno cosa sacra; non si potranno riscattare. Questi sono i comandi che il Signore diede a Mosè per gli Israeliti, sul monte Sinai” (cfr. Lev. 27,30-34).
Il dono della decima è vero atto di adorazione. Si riconosceva il Signore Autore di tutto e a Lui si donava parte del dono che lui aveva dato.
Questa concezione – del ritorno al Signore di parte del dono del Signore – è espressa mirabilmente da Davide, in un suo inno di ringraziamento:
“Il re Davide disse a tutta l'assemblea: Salomone mio figlio, il solo che Dio ha scelto, è ancora giovane e debole, mentre l'impresa è grandiosa, perché la Dimora non è destinata a un uomo ma al Signore Dio. Secondo tutta la mia possibilità ho fatto preparativi per il tempio del mio Dio; ho preparato oro su oro, argento su argento, bronzo su bronzo, ferro su ferro, legname su legname, ònici, brillanti, topàzi, pietre di vario valore e pietre preziose e marmo bianco in quantità. Inoltre, per il mio amore per la casa del mio Dio, quanto possiedo in oro e in argento dò per il tempio del mio Dio, oltre quanto ho preparato per il santuario: tremila talenti d'oro, d'oro di Ofir, e settemila talenti d'argento raffinato per rivestire le pareti interne, l'oro per gli oggetti in oro, l'argento per quelli in argento e per tutti i lavori da eseguirsi dagli artisti. Ora, chi vuole essere generoso oggi per il Signore?
Si dimostrarono volenterosi i capifamiglia, i capitribù di Israele, i capi di migliaia e di centinaia e i dirigenti degli affari del re.
Essi diedero per l'opera del tempio cinquemila talenti d'oro, diecimila darìci, diecimila talenti d'argento, diciottomila talenti di bronzo e centomila talenti di ferro. Quanti si ritrovarono pietre preziose le diedero a Iechièl il Ghersonita, perché fossero depositate nel tesoro del tempio. Il popolo gioì per la loro generosità, perché le offerte erano fatte al Signore con cuore sincero; anche il re Davide gioì vivamente.
Davide benedisse il Signore davanti a tutta l'assemblea. Davide disse: Sii benedetto, Signore Dio di Israele, nostro padre, ora e sempre. Tua, Signore, è la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore e la maestà, perché tutto, nei cieli e sulla terra, è tuo. Signore, tuo è il regno; tu ti innalzi sovrano su ogni cosa. Da te provengono la ricchezza e la gloria; tu domini tutto; nella tua mano c'è forza e potenza; dalla tua mano ogni grandezza e potere. Ora, nostro Dio, ti ringraziamo e lodiamo il tuo nome glorioso.
E chi sono io e chi è il mio popolo, per essere in grado di offrirti tutto questo spontaneamente? Ora tutto proviene da te; noi, dopo averlo ricevuto dalla tua mano, te l'abbiamo ridato. Noi siamo stranieri davanti a te e pellegrini come tutti i nostri padri. Come un'ombra sono i nostri giorni sulla terra e non c'è speranza. Signore nostro Dio, quanto noi abbiamo preparato per costruire una casa al tuo santo nome proviene da te, è tutto tuo. So, mio Dio, che tu provi i cuori e ti compiaci della rettitudine. Io, con cuore retto, ho offerto spontaneamente tutte queste cose. Ora io vedo il tuo popolo qui presente portarti offerte con gioia. Signore, Dio di Abramo, di Isacco e di Israele, nostri padri, custodisci questo sentimento per sempre nell'intimo del cuore del tuo popolo. Dirigi i loro cuori verso di te” (cfr. 1Cro 29,1-18).
I figli di Abramo donano la decima ai loro fratelli sacerdoti, in verità non la donano loro direttamente, direttamente la donano al Signore.
I sacerdoti sono solo i beneficiari della decima, ma non i destinatari. Destinatario è il Signore e il pagamento della decima è vero atto di culto, vera adorazione, vero ringraziamento a Dio.
La riscossione della decima rimane però all’interno del popolo di Dio, della discendenza di Abramo.
È questa la libertà che il popolo si era conquistata, o verso cui lo aveva condotto il Signore.
Pagare ad altri, che non fossero i figli di Abramo, la decima, sarebbe stata per loro azione di sottomissione, di subordinazione, che sarebbe potuto essere visto anche come atto di schiavitù.
Per questo l’Autore con fine saggezza si premura a specificare che la decima era riscossa dai loro fratelli, essi pure discendenti di Abramo.
La decima data e riscossa rimaneva all’interno del popolo, non usciva dal popolo e quindi non c’era alcuna sottomissione o schiavitù a gente estranea, o ad un popolo, o ad un uomo superiore ad essi.
Superiore ad essi c’era solo il Signore e nessun altro.
[6]Egli invece, che non era della loro stirpe, prese la decima da Abramo e benedisse colui che era depositario della promessa. [7]Ora, senza dubbio, è l'inferiore che è benedetto dal superiore.
Cosa succede invece nel caso di Melchisedek?
È verità. Melchisedek non è discendenza di Abramo, non è della stirpe dei figli di Israele. Egli è estraneo alla carne di Abramo.
Costui che è estraneo alla carne di Abramo e in Abramo sarebbero dovute essere benedette tutte le tribù della terra, compresa quella di Melchisedek, benedice Abramo, non è benedetto in Abramo, nella sua discendenza.
Questa è storia. Segue la conclusione dell’Autore: Chi benedice è superiore a chi viene benedetto; il benedetto è inferiore al Benedicente.
Se Abramo è benedetto da Melchisedek, Melchisedek è superiore allo stesso Abramo.
Se è superiore, è superiore in tutto, non in una cosa. È l’essere che è superiore, non questa o quell’altra funzione, ministero, qualità.
Anche il sacerdozio alla maniera di Melchisedek è superiore al sacerdozio secondo Aronne.
Volendo trarre già una qualche conclusione in ordine al tema trattato, dobbiamo senz’altro dire che essendo Cristo sacerdote alla maniera di Melchisedek, non solo è vero sacerdote, ma vive un sacerdozio superiore a quello finora vissuto dallo stesso Aronne e dai suoi diretti discendenti.
Questo è detto per confutare quanti avrebbero potuto pensare che Cristo, non essendo della discendenza di Aronne, mai avrebbe potuto essere sacerdote.
Questa tesi è falsa – e lo si è già visto – per due motivi:
Tutta la fede di Israele non si fonda su una tradizione, bensì sulla Parola attuale che Dio fa risuonare in mezzo al suo popolo.
La Parola attuale di Dio aveva costituito Aronne e i suoi figli Sacerdoti. La stessa Parola aveva preannunziato che anche tra i pagani si sarebbe un giorno preso Sacerdoti e Leviti. L’identica Parola dice che il Figlio di Dio, che non è discendenza di Aronne, è sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek.
L’identica Parola, l’unica e la stessa merita che le venga data una sola fede. È verità la prima Parola, è verità la seconda, è verità la terza. È volontà di Dio la prima Parola, è volontà di Dio la seconda, è volontà di Dio la terza.
Non si può credere vera la prima Parola – quella che parla del Sacerdozio di Aronne e dei suoi discendenti – e non vere le altre due Parole – quelle riguardanti i Pagani e lo stesso Figlio di Dio.
Prima che questione cristologica, come si può constatare, è vera questione di rapporto con la Parola, alla quale va data una sola fede, una sola adesione.
È quanto ci insegna San Paolo nella Seconda Lettera a Timoteo (3,14-16):
“Tu però rimani saldo in quello che hai imparato e di cui sei convinto, sapendo da chi l'hai appreso e che fin dall'infanzia conosci le sacre Scritture: queste possono istruirti per la salvezza, che si ottiene per mezzo della fede in Cristo Gesù. Tutta la Scrittura infatti è ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere, correggere e formare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona”.
Chi fa distinzione tra Parola e Parola nella Scrittura manca di ogni fondamento valido sul quale innalzare la sua fede nel Dio dei Padri.
[8]Inoltre, qui riscuotono le decime uomini mortali; là invece le riscuote uno di cui si attesta che vive.
Altra superiorità di Melchisedek su tutto il popolo di Dio, o dei figli di Israele l’Autore la trova nella differenza che esiste in quanto a vita.
Melchisedek si dice che è vivo. È vivo perché il suo sacerdozio è eterno.
Sull’eternità del suo sacerdozio si è discusso nelle pagine precedenti e si è concluso che per noi vale il fatto che esso viene affermato come rivelazione in questa Lettera, anche se l’analisi del testo contenuto nel Salmo 109 potrebbe anche far intravedere la sua eternità: Tu sei sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek, intendendo alla maniera di Melchisedek proprio l’eternità del suo sacerdozio.
Ripeto: al di là delle possibili interpretazioni di questo testo, l’Autore afferma – ed è per noi vera rivelazione – l’eternità del Sacerdozio di Melchisedek.
È questa la verità sulla quale sta impostando il passo successivo della sua argomentazione e che riguarda proprio l’eternità di Melchisedek come sacerdote dinanzi a Dio.
L’eternità è vita. Melchisedek, se è sacerdote per sempre dinanzi a Dio, è vivo.
Aronne invece e i suoi discendenti sono morti, muoiono, morranno. Il loro non è un sacerdozio eterno, perché finisce con loro.
Uomini mortali pagano la decima ad un uomo che vive, che non muore, che è immortale.
Anche questa è superiorità di Melchisedek su tutto Israele. Israele mortale paga la decima ad un uomo immortale, eterno, che vive per sempre dinanzi a Dio.
[9]Anzi si può dire che lo stesso Levi, che pur riceve le decime, ha versato la sua decima in Abramo: [10]egli si trovava infatti ancora nei lombi del suo antenato quando gli venne incontro Melchìsedek.
In questo versetto è detto semplicemente che in Abramo tutto il popolo di Dio si prostra dinanzi a Melchisedek. Tutto il popolo di Dio paga la decima. Tutto il popolo di Dio è benedetto da Melchisedek.
Se è tutto il popolo di Dio che è benedetto, è benedetto anche Levi che benedice il popolo nel nome del Signore.
Una delle funzioni dei Sacerdoti era proprio questa: benedire il popolo nel nome del Signore.
Ecco il momento che fonda questa norma:
“Il Signore aggiunse a Mosè: Parla ad Aronne e ai suoi figli e riferisci loro: Voi benedirete così gli Israeliti; direte loro: Ti benedica il Signore e ti protegga. Il Signore faccia brillare il suo volto su di te e ti sia propizio. Il Signore rivolga su di te il suo volto e ti conceda pace. Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò” (Cfr. Num 6, 22-27).
Ecco in un altro passo come viene descritta la figura e la missione del Sacerdozio alla maniera di Aronne:
“Egli innalzò Aronne, santo come lui, suo fratello, della tribù di Levi. Stabilì con lui un'alleanza perenne e gli diede il sacerdozio tra il popolo. Lo onorò con splendidi ornamenti e gli fece indossare una veste di gloria. Lo rivestì con tutta la magnificenza, lo adornò con paramenti maestosi: calzoni, tunica e manto. All'orlo della sua veste pose melagrane, e numerosi campanelli d'oro all'intorno, che suonassero al muovere dei suoi passi, diffondendo il tintinnio nel tempio, come richiamo per i figli del suo popolo.
L'ornò con una veste sacra, d'oro, violetto e porpora, capolavoro di ricamo; con il pettorale del giudizio, con i segni della verità, e con tessuto di lino scarlatto, capolavoro di artista; con pietre preziose, incise come sigilli, su castoni d'oro, capolavoro di intagliatore, quale memoriale con le parole incise secondo il numero delle tribù di Israele. Sopra il turbante gli pose una corona d'oro con incisa l'iscrizione sacra, insegna d'onore, lavoro stupendo, ornamento delizioso per gli occhi.
Prima di lui non si erano viste cose simili, mai un estraneo le ha indossate; esse sono riservate solo ai suoi figli e ai suoi discendenti per sempre. I suoi sacrifici vengono tutti bruciati, due volte al giorno, senza interruzione. Mosè lo consacrò e l'unse con l'olio santo. Costituì un'alleanza perenne per lui e per i suoi discendenti, finché dura il cielo: quella di presiedere al culto ed esercitare il sacerdozio e benedire il popolo nel nome del Signore.
Il Signore lo scelse tra tutti i viventi perché gli offrisse sacrifici, incenso e profumo come memoriale e perché compisse l'espiazione per il suo popolo. Gli affidò i suoi comandamenti, il potere sulle prescrizioni del diritto, perché insegnasse a Giacobbe i decreti e illuminasse Israele nella sua legge. E aumentò la gloria di Aronne, gli assegnò un patrimonio, gli riservò le primizie dei frutti, dandogli innanzi tutto pane in abbondanza. Si nutrono infatti delle vittime offerte al Signore che egli ha assegnato ad Aronne e ai suoi discendenti.
Tuttavia non ha un patrimonio nel paese del popolo, non c'è porzione per lui in mezzo al popolo, perché il Signore è la sua parte e la sua eredità. Pincas, figlio di Eleazaro, fu il terzo nella gloria per il suo zelo nel timore del Signore per la sua fermezza quando il popolo si ribellò, egli infatti intervenne con generoso coraggio e placò Dio in favore di Israele. Per questo fu stabilita con lui un'alleanza di pace, perché presiedesse al santuario e al popolo; così a lui e alla sua discendenza fu riservata la dignità del sacerdozio per sempre”. (Cfr. Sir 45, 6-24).
Colui che doveva benedire tutto il popolo nel nome del Signore in Abramo è benedetto da Melchisedek.
Colui al quale Dio gli “assegnò un patrimonio, riservandogli le primizie dei frutti, dandogli innanzi tutto pane in abbondanza – Si nutrono infatti delle vittime offerte al Signore che egli ha assegnato ad Aronne e ai suoi discendenti – proprio costui dona la decima a Melchisedek e da Melchisedek viene anche benedetto.
Viene così confermato – ove ancora ce ne fosse bisogno – che il Sacerdozio di Melchisedek è superiore al Sacerdozio alla maniera di Aronne. È superiore perché Melchisedek nella sua persona e nel suo ministero è superiore ad Aronne, non solo ad Aronne, ma a tutto il popolo di Dio, che in Abramo si sottomette a Melchisedek.
Il Sacerdozio di Cristo che è alla maniera di Melchisedek, non solo è vero sacerdozio, è anche superiore a quello esercitato finora dai figli di Aronne.
Affermato il principio, ora non resta all’Autore che dirci in che cosa il Sacerdozio di Cristo supera e abolisce, o dichiara nullo, il sacerdozio alla maniera di Aronne.
È questo il passaggio, anche, dall’Antica alla Nuova Alleanza.
Credente.
00Thursday, January 12, 2012 9:56 PM
ABOLIZIONE DEL SACERDOZIO LEVITICO
[11]Or dunque, se la perfezione fosse stata possibile per mezzo del sacerdozio levitico – sotto di esso il popolo ha ricevuto la legge – che bisogno c'era che sorgesse un altro sacerdote alla maniera di Melchìsedek, e non invece alla maniera di Aronne?
La domanda che si pone l’Autore è semplice. Questo attesta come la ricerca della verità non può essere fatta, se non rispondendo a delle domande semplici, se non semplicissime.
La semplicità è l’essenza stessa di Dio. La complessità invece è del peccato e della mente che dal peccato viene governata, diretta, soggiogata, schiavizzata.
La semplicità è evidente per se stessa, altrimenti non sarebbe semplice, sarebbe complessa e ciò che è complesso non è semplice, perché non è evidente per se stesso.
Nessuno fa una cosa che sostituisca un’altra, se la cosa da sostituire è perfetta in se stessa, risponde ad ogni requisito e ad essa nulla si può più aggiungere.
Dio annunzia un nuovo Sacerdozio, lo annunzia alla maniera di Melchisedek.
Se il sacerdozio alla maniera di Aronne avesse portato gli uomini alla perfezione, il sacerdozio annunziato alla maniera di Melchisedek si sarebbe senz’altro dimostrato una cosa inutile, un inutile cambiamento. Ciò che è perfetto si può cambiare solo con il più perfetto, con il perfettissimo. Mai si cambia il perfetto con ciò che è imperfetto, o si cambia ciò che è perfetto con un’altra cosa di uguale ed identica portata.
La verità invece è un’altra: il sacerdozio alla maniera di Aronne non portava alla perfezione, lasciava imperfetti coloro che lo vivevano, o lo esercitavano, ma anche lasciava imperfetti coloro per i quali veniva esercitato.
Che il sacerdozio alla maniera di Aronne fosse imperfetto, lo attesta la Parola di Dio, che promette una Nuova Alleanza, perché tutta l’Alleanza Antica, fondata anche sul Sacerdozio alla maniera di Aronne veniva portata avanti nel continuo tradimento e rinnegamento da parte di tutto il popolo.
Ecco come nel contesto del capitolo 31 di Geremia viene annunziata la Nuova Alleanza che Dio stringerà un giorno con il suo popolo:
“In quel tempo - oracolo del Signore - io sarò Dio per tutte le tribù di Israele ed esse saranno il mio popolo. Così dice il Signore: Ha trovato grazia nel deserto un popolo di scampati alla spada; Israele si avvia a una quieta dimora. Da lontano gli è apparso il Signore: Ti ho amato di amore eterno, per questo ti conservo ancora pietà. Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata, vergine di Israele. Di nuovo ti ornerai dei tuoi tamburi e uscirai fra la danza dei festanti. Di nuovo pianterai vigne sulle colline di Samaria; i piantatori, dopo aver piantato, raccoglieranno. Verrà il giorno in cui grideranno le vedette sulle montagne di Efraim: Su, saliamo a Sion, andiamo dal Signore nostro Dio.
Poiché dice il Signore: Innalzate canti di gioia per Giacobbe, esultate per la prima delle nazioni, fate udire la vostra lode e dite: Il Signore ha salvato il suo popolo, un resto di Israele. Ecco li riconduco dal paese del settentrione e li raduno all'estremità della terra; fra di essi sono il cieco e lo zoppo, la donna incinta e la partoriente; ritorneranno qui in gran folla. Essi erano partiti nel pianto, io li riporterò tra le consolazioni; li condurrò a fiumi d'acqua per una strada dritta in cui non inciamperanno; perché io sono un padre per Israele, Efraim è il mio primogenito.
Ascoltate la parola del Signore, popoli, annunziatela alle isole lontane e dite: Chi ha disperso Israele lo raduna e lo custodisce come fa un pastore con il gregge, perché il Signore ha redento Giacobbe, lo ha riscattato dalle mani del più forte di lui. Verranno e canteranno inni sull'altura di Sion, affluiranno verso i beni del Signore, verso il grano, il mosto e l'olio, verso i nati dei greggi e degli armenti. Essi saranno come un giardino irrigato, non languiranno più.
Allora si allieterà la vergine della danza; i giovani e i vecchi gioiranno. Io cambierò il loro lutto in gioia, li consolerò e li renderò felici, senza afflizioni. Sazierò di delizie l'anima dei sacerdoti e il mio popolo abbonderà dei miei beni. Parola del Signore. Così dice il Signore: Una voce si ode da Rama, lamento e pianto amaro: Rachele piange i suoi figli, rifiuta d'essere consolata perché non sono più. Dice il Signore: Trattieni la voce dal pianto, i tuoi occhi dal versare lacrime, perché c'è un compenso per le tue pene; essi torneranno dal paese nemico. C'è una speranza per la tua discendenza: i tuoi figli ritorneranno entro i loro confini. Ho udito Efraim rammaricarsi: Tu mi hai castigato e io ho subito il castigo come un giovenco non domato. Fammi ritornare e io ritornerò, perché tu sei il Signore mio Dio.
Dopo il mio smarrimento, mi sono pentito; dopo essermi ravveduto, mi sono battuto l'anca. Mi sono vergognato e ne provo confusione, perché porto l'infamia della mia giovinezza. Non è forse Efraim un figlio caro per me, un mio fanciullo prediletto? Infatti dopo averlo minacciato, me ne ricordo sempre più vivamente. Per questo le mie viscere si commuovono per lui, provo per lui profonda tenerezza. Oracolo del Signore.
Pianta dei cippi, metti pali indicatori, sta'  bene attenta alla strada, alla via che hai percorso. Ritorna, vergine di Israele, ritorna alle tue città. Fino a quando andrai vagando, figlia ribelle? Poiché il Signore crea una cosa nuova sulla terra: la donna cingerà l'uomo! Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Si dirà ancora questa parola nel paese di Giuda e nelle sue città, quando avrò cambiato la loro sorte: Il Signore ti benedica, o dimora di giustizia, monte santo. Vi abiteranno insieme Giuda e tutte le sue città, agricoltori e allevatori di greggi. Poiché ristorerò copiosamente l'anima stanca e sazierò ogni anima che languisce. A questo punto mi sono destato e ho guardato; il mio sonno mi parve soave.
Ecco verranno giorni dice il Signore nei quali renderò feconda la casa di Israele e la casa di Giuda per semenza di uomini e di bestiame. Allora, come ho vegliato su di essi per sradicare e per demolire, per abbattere e per distruggere e per affliggere con mali, così veglierò su di essi per edificare e per piantare. Parola del Signore. In quei giorni non si dirà più: I padri han mangiato uva acerba e i denti dei figli si sono allegati! Ma ognuno morirà per la sua propria iniquità; a ogni persona che mangi l'uva acerba si allegheranno i denti.
Ecco verranno giorni dice il Signore nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò una alleanza nuova. Non come l'alleanza che ho conclusa con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dal paese d'Egitto, una alleanza che essi hanno violato, benché io fossi loro Signore. Parola del Signore. Questa sarà l'alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo. Non dovranno più istruirsi gli uni gli altri, dicendo: Riconoscete il Signore, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande, dice il Signore; poiché io perdonerò la loro iniquità e non mi ricorderò più del loro peccato.
Così dice il Signore che ha fissato il sole come luce del giorno, la luna e le stelle come luce della notte, che solleva il mare e ne fa mugghiare le onde e il cui nome è Signore degli eserciti: Quando verranno meno queste leggi dinanzi a me dice il Signore allora anche la progenie di Israele cesserà di essere un popolo davanti a me per sempre. Così dice il Signore: Se si possono misurare i cieli in alto ed esplorare in basso le fondamenta della terra, anch'io rigetterò tutta la progenie di Israele per ciò che ha commesso. Oracolo del Signore.
Ecco verranno giorni dice il Signore nei quali la città sarà riedificata per il Signore dalla torre di Cananeèl fino alla porta dell'Angolo. La corda per misurare si stenderà in linea retta fino alla collina di Gàreb, volgendo poi verso Goà. Tutta la valle dei cadaveri e delle ceneri e tutti i campi fino al torrente Cedron, fino all'angolo della porta dei Cavalli a oriente, saranno consacrati al Signore; non sarà più sconvolta né distrutta mai più”.
Il futuro di Israele, e attraverso di esso per il mondo intero, è nel Nuovo che Dio si sta accingendo a fare: Nuova sarà l’Alleanza, Nuovo il Sacerdozio, Nuovo il modo di scrivere la Legge, Nuovo è anche il modo di apprenderla.
Israele è chiamato ad accogliere il nuovo di Dio. Tutti lo dovranno accogliere: Sacerdoti e popolo insieme, perché gli uni e gli altri devono raggiungere la perfezione cui era impossibile pervenire seguendo le regole dell’Antica Alleanza e del Sacerdozio esercitato alla maniera di Aronne.
Volendo ragionare in modo differente, possiamo rispondere a due domande, anche esse semplici:
Israele è perfetto? La risposta è una: no.
Perché non è perfetto? Non è perfetto perché l’Antica Alleanza e il Sacerdozio che veniva esercitato non producevano perfezione.
Erano l’inizio del cammino dell’uomo con Dio, ma non la perfezione di questo cammino.
Dio vuole condurre alla perfezione il suo popolo e ogni uomo e per questo promette una Nuova Alleanza e un Nuovo Sacerdozio.
[12]Infatti, mutato il sacerdozio, avviene necessariamente anche un mutamento della legge.
L’Autore ora sviluppa il suo ragionamento partendo da un dato storico che è insieme un dato di fede.
È questo contesto di fede e di storia che ci consente di comprendere questa sua prima affermazione: mutato il sacerdozio, avviene necessariamente anche un mutamento della legge.
Lo si è già visto:
Con il Salmo 2 e il Salmo 109 vengono unificati nella medesima persona: Sacerdozio e Regalità. Cosa neanche pensabile in Israele.
Nel Salmo 2 è detto del Messia: Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato.
Nel Salmo 109 è detto del Figlio di Dio: dal seno dell'aurora, come rugiada, io ti ho generato. Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek.
Il Figlio di Davide, il Messia, è Figlio di Dio. Il Figlio di Dio, il Messia è sacerdote per sempre alla maniera di Melchisedek.
È questo il primo mutamento della legge.
Come si può constatare non è un mutamento semplice, di poco conto. È un mutamento che trascina dietro di sé il cambiamento di tutto l’ordinamento giuridico e sociale dell’intero popolo dell’Alleanza. È un cambiamento questo che cambia ogni altra cosa in Israele. Tutto Israele è cambiato nel cambiamento della legge sul sacerdozio.
[13]Questo si dice di chi è appartenuto a un'altra tribù, della quale nessuno mai fu addetto all'altare. [14]E` noto infatti che il Signore nostro è germogliato da Giuda e di questa tribù Mosè non disse nulla riguardo al sacerdozio.
In questo versetto viene ribadita la legge del sacerdozio alla maniera di Aronne. Esso era strettamente, anzi rigorosamente, riservato alla Tribù di Levi e tra i discendenti di Levi solo quelli appartenenti alla famiglia di Aronne.
Il Messia invece non è della Tribù di Levi. È invece della Tribù di Giuda.
L’altro cambiamento avverrà con il profeta Isaia, quando si apriranno le porte del sacerdozio ad ogni uomo della terra.
La profezia troverà nella Legge di Cristo il suo compimento.
Il Messia è sacerdote. Anzi possiamo dire che è Messia proprio perché sacerdote. Se non fosse sacerdote, non sarebbe vero messia.
È il sacerdozio che dona al messianismo di Cristo la sua compiutezza, la sua perfezione nella salvezza.
[15]Ciò risulta ancor più evidente dal momento che, a somiglianza di Melchìsedek, sorge un altro sacerdote differente, [16]che non è diventato tale per ragione di una prescrizione carnale, ma per la potenza di una vita indefettibile.
In questi due versetti (15 e 16) delle verità che già si conoscono, una viene ribadita con più grande evidenza.
Il sacerdozio nuovo che nasce, non nasce per ragione di una prescrizione secondo la carne. Esso cioè non è per volontà di uomo.
Nel popolo di Dio anche questo è avvenuto: che una famiglia, un casato, si sia fatto il suo sacerdote, il quale pur essendo discendenza di Levi, non era però discendenza di Aronne e quindi mai avrebbe potuto fare il sacerdote.
Ma lo stesso Libro dei Giudici così termina: “In quel tempo non c’era un re in Israele e ognuno faceva ciò che gli pareva meglio” (Cfr. Giudici, 21,25).
Il Libro dei Giudici, ci riferisce anche questa trasgressione della legge mosaica, secondo la quale il sacerdote non veniva fatto dagli uomini, ma era solo ed esclusivamente per discendenza secondo la carne.
Ma tutto nel popolo di Dio era per discendenza secondo la carne. Solo i profeti sfuggivano a questa legge. Essi erano direttamente chiamati da Dio per la salvezza del suo popolo.
Leggiamo ciò che è riferito nel Libro dei Giudici e capiremo con più facilità quanto l’Autore ci vuole insegnare.
“In quel tempo non c'era un re in Israele e la tribù dei Daniti cercava un territorio per stabilirvisi, perché fino a quei giorni non le era toccata nessuna eredità fra le tribù d'Israele.
I figli di Dan mandarono dunque da Zorea e da Estaol cinque uomini della loro tribù, uomini di valore, per visitare ed esplorare il paese; dissero loro: Andate ad esplorare il Paese! Quelli giunsero sulle montagne di Efraim fino alla casa di Mica e passarono la notte in quel luogo.
Mentre erano presso la casa di Mica, riconobbero la voce del giovane levita; avvicinatisi, gli chiesero: Chi ti ha condotto qua? Che fai in questo luogo? Che hai tu qui? Rispose loro: Mica mi ha fatto così e così, mi da  un salario e io gli faccio da sacerdote. Gli dissero: Consulta Dio, perché possiamo sapere se il viaggio che abbiamo intrapreso avrà buon esito.
Il sacerdote rispose loro: Andate in pace, il viaggio che fate è sotto lo sguardo del Signore. I cinque uomini continuarono il viaggio e arrivarono a Lais e videro che il popolo, che vi abitava, viveva in sicurezza secondo i costumi di quelli di Sidòne, tranquillo e fidente; non c'era nel paese chi, usurpando il potere, facesse qualcosa di offensivo; erano lontani da quelli di Sidòne e non avevano relazione con nessuno. Poi tornarono ai loro fratelli a Zorea e a Estaol e i fratelli chiesero loro: Che notizie portate? Quelli risposero: Alziamoci e andiamo contro quella gente, poiché abbiamo visto il paese ed è ottimo. E voi rimanete inattivi? Non indugiate a partire per andare a prendere in possesso il paese. Quando arriverete là, troverete un popolo che non sospetta di nulla. Il paese è vasto e Dio ve lo ha messo nelle mani; è un luogo dove non manca nulla di ciò che è sulla terra.
Allora seicento uomini della tribù dei Daniti partirono da Zorea e da Estaol, ben armati. Andarono e si accamparono a Kiriat-Iearim, in Giuda; perciò il luogo, che è a occidente di Kiriat-Iearim, fu chiamato e si chiama fino ad oggi l'accampamento di Dan. Di là passarono sulle montagne di Efraim e giunsero alla casa di Mica. I cinque uomini che erano andati a esplorare il paese di Lais dissero ai loro fratelli: Sapete che in queste case c'è un efod, ci sono i terafim, una statua scolpita e una statua di getto? Sappiate ora quello che dovete fare. Quelli si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane levita, cioè alla casa di Mica, e lo salutarono. Mentre i seicento uomini dei Daniti, muniti delle loro armi, stavano davanti alla porta, e i cinque uomini che erano andati a esplorare il paese vennero, entrarono in casa, presero la statua scolpita, l'efod, i terafim e la statua di getto. Intanto il sacerdote stava davanti alla porta con i seicento uomini armati. Quando, entrati in casa di Mica, ebbero preso la statua scolpita, l'efod, i terafim e la statua di getto, il sacerdote disse loro: Che fate?
Quelli gli risposero: Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi e sarai per noi padre e sacerdote. Che cosa è meglio per te, essere sacerdote della casa di un uomo solo oppure essere sacerdote di una tribù e di una famiglia in Israele? Il sacerdote gioì in cuor suo; prese l'efod, i terafim e la statua scolpita e si unì a quella gente.
Allora si rimisero in cammino, mettendo innanzi a loro i bambini, il bestiame e le masserizie. Quando erano già lontani dalla casa di Mica, i suoi vicini si misero in armi e raggiunsero i Daniti. Allora gridarono ai Daniti. Questi si voltarono e dissero a Mica: Perché ti sei messo in armi? Egli rispose: Avete portato via gli dei che mi ero fatti e il sacerdote e ve ne siete andati. Ora che mi resta? Come potete dunque dirmi: Che hai? I Daniti gli dissero: Non si senta la tua voce dietro a noi, perché uomini irritati potrebbero scagliarsi su di voi e tu ci perderesti la vita e la vita di quelli della tua casa! I Daniti continuarono il viaggio; Mica, vedendo che essi erano più forti di lui, si voltò indietro e tornò a casa.
Quelli dunque, presi con sé gli oggetti che Mica aveva fatti e il sacerdote che aveva al suo servizio, giunsero a Lais, a un popolo che se ne stava tranquillo e sicuro; lo passarono a fil di spada e diedero la città alle fiamme. Nessuno le prestò aiuto, perché era lontana da Sidòne e i suoi abitanti non avevano relazioni con altra gente. Essa era nella valle che si estende verso Bet-Recob. Poi i Daniti ricostruirono la città e l'abitarono. La chiamarono Dan dal nome di Dan loro padre, che era nato da Israele; ma prima la città si chiamava Lais.
E i Daniti eressero per loro uso la statua scolpita; Gionata, figlio di Ghersom, figlio di Manàsse, e i suoi figli furono sacerdoti della tribù dei Daniti finché gli abitanti del paese furono deportati. Essi misero in onore per proprio uso la statua scolpita, che Mica aveva fatta, finché la casa di Dio rimase a Silo”. (cfr. Giudici, 18,1-31).
In questi versetti si può constatare come la religiosità abbia già fatto scomparire la retta fede e l’idolatria la vera Parola di Dio. Anche il sacerdozio era caduto in mano agli uomini, che se ne servivano per loro uso e consumo. Non era più ministro di Dio per le cose della salvezza.
Volendo riassumere dobbiamo affermare due verità:
Cristo non si è fatto sacerdote da sé.
Cristo non è stato fatto sacerdote dalla famiglia, o dalla discendenza di Davide. Non è sacerdote per la casa di Davide.
L’autore traduce l’espressione del Salmo 109 con una frase che merita tutta la nostra attenzione: sorge un altro sacerdote differente, per la potenza di una vita indefettibile.
Viene indicata chi è la fonte, dalla quale ha origine questo sacerdote differente. Essa è la potenza di una vita indefettibile. Questa potenza è Dio, non però un altro Dio, ma lo stesso Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, di Mosè, di Davide, dei Profeti. Tutti costoro hanno sempre guardato verso Cristo, Cristo hanno annunziato, Cristo hanno atteso come salvezza e redenzione del popolo di Dio.
Questa potenza è Dio perché solo la vita di Dio è indefettibile. Tutte le altre vite della terra sono tutte defettibili, incamminate verso la morte e la successiva corruzione.
Altra considerazione che si può fare è questa: Gesù, sommo sacerdote, sorge per la potenza di una vita indefettibile per condurre anche noi nella vita indefettibile che lo ha fatto sorgere.
Egli è dalla vita indefettibile per condurre tutti coloro che crederanno in Lui nella stessa vita dalla quale ha avuto “origine”.
Verrebbe così individuata un’altra differenza sostanziale con il sacerdozio alla maniera di Aronne: il suo era solo per l’espiazione dei peccati, ma in nessun modo rendeva il credente partecipe della vita indefettibile di Dio. Con Cristo invece, grazie al suo sacerdozio, si diviene partecipi della divina natura, che è appunto vita indefettibile.
[17]Gli è resa infatti questa testimonianza: Tu sei sacerdote in eterno alla maniera di Melchìsedek.
Sul Salmo 109 si è più volte ritornato. Ora esso è citato dall’Autore per ribadire la verità primaria, o la legge fondamentale del sacerdozio nella Sacra Scrittura.
Nessuno poteva farsi da sé sacerdote. Il sacerdote è scelto da Dio.
Nell’Antico Testamento Dio aveva scelto la casa di Aronne e tutti i suoi discendenti maschi per essere sacerdoti al suo cospetto.
Lo stesso Dio sceglie il Messia, che è il suo Figlio Unigenito, generato da Lui nell’oggi della sua eternità, e lo costituisce sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek.
Cristo non si è autoproclamato sacerdote. E’ stato chiamato dal Padre a questo ministero e a questa missione.
La Scrittura Antica è chiara a riguardo. Non lascia spazi a che possano sorgere dubbi né nel cuore, né nella mente.
[18]Si ha così l'abrogazione di un ordinamento precedente a causa della sua debolezza e inutilità
In questi due versetti (18 e 19) viene indicato il motivo per cui il sacerdozio secondo Aronne è stato abrogato da Dio.
Lo è stato – si dice – a causa della sua debolezza e inutilità.
Perché l’autore dichiara debole e inutile il sacerdozio secondo Aronne? È solo questo un pensiero dell’Autore, oppure si possono trovare tracce di questa debolezza e inutilità già all’interno dell’Antico Testamento?
Se leggiamo con attenzione il capitolo 7 del Profeta Geremia, ci accorgiamo che Dio stesso vede inutile un culto che non approda all’osservanza della Legge. Così è anche nel Profeta Isaia.
I passi che vengono ora riportati meritano tutta la nostra attenzione. Sono essi che ci mostrano dove risiede la debolezza del sacerdozio secondo Aronne.
In Geremia cap. 7,1-34, così è detto: “Questa è la parola che fu rivolta dal Signore a Geremia: Fermati alla porta del tempio del Signore e là pronunzia questo discorso dicendo: Ascoltate la parola del Signore, voi tutti di Giuda che attraversate queste porte per prostrarvi al Signore. Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Migliorate la vostra condotta e le vostre azioni e io vi farò abitare in questo luogo. Pertanto non confidate nelle parole menzognere di coloro che dicono: Tempio del Signore, tempio del Signore, tempio del Signore è questo! Poiché, se veramente emenderete la vostra condotta e le vostre azioni, se realmente pronunzierete giuste sentenze fra un uomo e il suo avversario; se non opprimerete lo straniero, l'orfano e la vedova, se non spargerete il sangue innocente in questo luogo e se non seguirete per vostra disgrazia altri dei, io vi farò abitare in questo luogo, nel paese che diedi ai vostri padri da lungo tempo e per sempre.
Ma voi confidate in parole false e ciò non vi gioverà: rubare, uccidere, commettere adulterio, giurare il falso, bruciare incenso a Baal, seguire altri dei che non conoscevate. Poi venite e vi presentate alla mia presenza in questo tempio, che prende il nome da me, e dite: Siamo salvi! per poi compiere tutti questi abomini.
Forse è una spelonca di ladri ai vostri occhi questo tempio che prende il nome da me? Anch'io, ecco, vedo tutto questo. Parola del Signore. Andate, dunque, nella mia dimora che era in Silo, dove avevo da principio posto il mio nome; considerate che cosa io ne ho fatto a causa della malvagità di Israele, mio popolo. Ora, poiché avete compiuto tutte queste azioni parola del Signore e, quando vi ho parlato con premura e sempre, non mi avete ascoltato e, quando vi ho chiamato, non mi avete risposto, io tratterò questo tempio che porta il mio nome e nel quale confidate e questo luogo che ho concesso a voi e ai vostri padri, come ho trattato Silo.
Vi scaccerò davanti a me come ho scacciato tutti i vostri fratelli, tutta la discendenza di Efraim. Tu poi, non pregare per questo popolo, non innalzare per esso suppliche e preghiere né insistere presso di me, perché non ti ascolterò. Non vedi che cosa fanno nelle città di Giuda e nelle strade di Gerusalemme? I figli raccolgono la legna, i padri accendono il fuoco e le donne impastano la farina per preparare focacce alla Regina del cielo; poi si compiono libazioni ad altri dei per offendermi. Ma forse costoro offendono me oracolo del Signore o non piuttosto se stessi a loro vergogna?
Pertanto, dice il Signore Dio: Ecco il mio furore, la mia ira si riversa su questo luogo, sugli uomini e sul bestiame, sugli alberi dei campi e sui frutti della terra e brucerà senza estinguersi.
Dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Aggiungete pure i vostri olocausti ai vostri sacrifici e mangiatene la carne! In verità io non parlai né diedi comandi sull'olocausto e sul sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dal paese d'Egitto. Ma questo comandai loro: Ascoltate la mia voce! Allora io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo; e camminate sempre sulla strada che vi prescriverò, perché siate felici.
Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio; anzi procedettero secondo l'ostinazione del loro cuore malvagio e invece di voltarmi la faccia mi han voltato le spalle, da quando i loro padri uscirono dal paese d'Egitto fino ad oggi. Io inviai a voi tutti i miei servitori, i profeti, con premura e sempre; eppure essi non li ascoltarono e non prestarono orecchio. Resero dura la loro nuca, divennero peggiori dei loro padri. Tu dirai loro tutte queste cose, ma essi non ti ascolteranno; li chiamerai, ma non ti risponderanno. Allora dirai loro: Questo è il popolo che non ascolta la voce del Signore suo Dio né accetta la correzione. La fedeltà è sparita, è stata bandita dalla loro bocca.
Taglia la tua chioma e gettala via e intona sulle alture un canto lugubre, perché il Signore ha rigettato e abbandonato la generazione che è oggetto della sua ira. Perché i figli di Giuda hanno commesso ciò che è male ai miei occhi, oracolo del Signore. Hanno posto i loro abomini nel tempio che prende il nome da me, per contaminarlo. Hanno costruito l'altare di Tofet, nella valle di Ben-Hinnòn, per bruciare nel fuoco i figli e le figlie, cosa che io non ho mai comandato e che non mi è mai venuta in mente. Perciò verranno giorni oracolo del Signore nei quali non si chiamerà più Tofet né valle di Ben-Hinnòn, ma valle della Strage. Allora si seppellirà in Tofet, perché non ci sarà altro luogo. I cadaveri di questo popolo saranno pasto agli uccelli dell'aria e alle bestie selvatiche e nessuno li scaccerà. Io farò cessare nelle città di Giuda e nelle vie di Gerusalemme le grida di gioia e la voce dell'allegria, la voce dello sposo e della sposa, poiché il paese sarà ridotto un deserto”.
La stessa realtà, anche se con parole differenti, la troviamo in Isaia 1,1-31: “Visione che Isaia, figlio di Amoz, ebbe su Giuda e su Gerusalemme nei giorni di Ozia, di Iotam, di Acaz e di Ezechia, re di Giuda. Udite, cieli; ascolta, terra, perché il Signore dice: Ho allevato e fatto crescere figli, ma essi si sono ribellati contro di me. Il bue conosce il proprietario e l'asino la greppia del padrone, ma Israele non conosce e il mio popolo non comprende.
Guai, gente peccatrice, popolo carico di iniquità! Razza di scellerati, figli corrotti! Hanno abbandonato il Signore, hanno disprezzato il Santo di Israele, si sono voltati indietro; perché volete ancora essere colpiti, accumulando ribellioni? La testa è tutta malata, tutto il cuore langue. Dalla pianta dei piedi alla testa non c'è in esso una parte illesa, ma ferite e lividure e piaghe aperte, che non sono state ripulite, né fasciate, né curate con olio.
Il vostro paese è devastato, le vostre città arse dal fuoco. La vostra campagna, sotto i vostri occhi, la divorano gli stranieri; è una desolazione come Sòdoma distrutta. E` rimasta sola la figlia di Sion come una capanna in una vigna, come un casotto in un campo di cocomeri, come una città assediata. Se il Signore degli eserciti non ci avesse lasciato un resto, già saremmo come Sòdoma, simili a Gomorra.
Udite la parola del Signore, voi capi di Sòdoma; ascoltate la dottrina del nostro Dio, popolo di Gomorra! Che m'importa dei vostri sacrifici senza numero? dice il Signore. Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di giovenchi; il sangue di tori e di agnelli e di capri io non lo gradisco. Quando venite a presentarvi a me, chi richiede da voi che veniate a calpestare i miei atri? Smettete di presentare offerte inutili, l'incenso è un abominio per me; noviluni, sabati, assemblee sacre, non posso sopportare delitto e solennità.
I vostri noviluni e le vostre feste io detesto, sono per me un peso; sono stanco di sopportarli. Quando stendete le mani, io allontano gli occhi da voi. Anche se moltiplicate le preghiere, io non ascolto. Le vostre mani grondano sangue. Lavatevi, purificatevi, togliete il male delle vostre azioni dalla mia vista. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova.
Su, venite e discutiamo, dice il Signore. Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. Se sarete docili e ascolterete, mangerete i frutti della terra. Ma se vi ostinate e vi ribellate, sarete divorati dalla spada, perché la bocca del Signore ha parlato. Come mai è diventata una prostituta la città fedele? Era piena di rettitudine, la giustizia vi dimorava; ora invece è piena di assassini! Il tuo argento è diventato scoria, il tuo vino migliore è diluito con acqua. I tuoi capi sono ribelli e complici di ladri; tutti sono bramosi di regali, ricercano mance, non rendono giustizia all'orfano e la causa della vedova fino a loro non giunge.
Perciò, oracolo del Signore, Dio degli eserciti, il Potente di Israele: Ah, esigerò soddisfazioni dai miei avversari, mi vendicherò dei miei nemici. Stenderò la mano su di te, purificherò nel crogiuolo le tue scorie, eliminerò da te tutto il piombo. Renderò i tuoi giudici come una volta, i tuoi consiglieri come al principio. Dopo, sarai chiamata città della giustizia, città fedele. Sion sarà riscattata con la giustizia, i suoi convertiti con la rettitudine. Tutti insieme finiranno in rovina ribelli e peccatori e periranno quanti hanno abbandonato il Signore.
Vi vergognerete delle querce di cui vi siete compiaciuti, arrossirete dei giardini che vi siete scelti, poiché sarete come quercia dalle foglie avvizzite e come giardino senza acqua. Il forte diverrà come stoppa, la sua opera come scintilla; bruceranno tutte e due insieme e nessuno le spegnerà”.
Non solo viene manifestata l’inutilità del culto. Circa il culto esistono altre due verità che è giusto presentare in questo contesto: In Isaia si parla di un culto contaminato dal peccato e dall’idolatria, mentre in Malachia di un culto peccaminoso e del desiderio di Dio di ricevere un’offerta pura, monda, santa. Ciò che gli offrirà Cristo Gesù.
Isaia così si esprime (cfr. 66,1-4): Così dice il Signore: Il cielo è il mio trono, la terra lo sgabello dei miei piedi. Quale casa mi potreste costruire? In quale luogo potrei fissare la dimora? Tutte queste cose ha fatto la mia mano ed esse sono mie oracolo del Signore . Su chi volgerò lo sguardo? Sull'umile e su chi ha lo spirito contrito e su chi teme la mia parola. Uno sacrifica un bue e poi uccide un uomo, uno immola una pecora e poi strozza un cane, uno presenta un'offerta e poi sangue di porco, uno brucia incenso e poi venera l'iniquità. Costoro hanno scelto le loro vie, essi si dilettano dei loro abomini; anch'io sceglierò la loro sventura e farò piombare su di essi ciò che temono, perché io avevo chiamato e nessuno ha risposto, avevo parlato e nessuno ha ascoltato. Hanno fatto ciò che è male ai miei occhi, hanno preferito quello che a me dispiace”.
Malachia invece così dice (cfr. 1,1-14): Oracolo. Parola del Signore a Israele per mezzo di Malachia. Vi ho amati, dice il Signore. E voi dite: Come ci hai amati? Non era forse Esaù fratello di Giacobbe? oracolo del Signore Eppure ho amato Giacobbe e ho odiato Esaù. Ho fatto dei suoi monti un deserto e ho dato la sua eredità agli sciacalli del deserto. Se Edom dicesse: Siamo stati distrutti, ma ci rialzeremo dalle nostre rovine!, il Signore degli eserciti dichiara: Essi ricostruiranno: ma io demolirò. Saranno chiamati Regione empia e Popolo contro cui il Signore è adirato per sempre. I vostri occhi lo vedranno e voi direte: Grande è il Signore anche al di là dei confini d'Israele.
Il figlio onora suo padre e il servo rispetta il suo padrone. Se io sono padre, dov'è l'onore che mi spetta? Se sono il padrone, dov'è il timore di me? Dice il Signore degli eserciti a voi, sacerdoti, che disprezzate il mio nome. Voi domandate: Come abbiamo disprezzato il tuo nome? Offrite sul mio altare un cibo contaminato e dite: Come ti abbiamo contaminato? Quando voi dite: La tavola del Signore è spregevole e offrite un animale cieco in sacrificio, non è forse un male? Quando voi offrite un animale zoppo o malato, non è forse un male? Offritelo pure al vostro governatore: pensate che l'accetterà o che vi sarà grato? Dice il Signore degli eserciti. Ora supplicate pure Dio perché abbia pietà di voi! Se fate tali cose, dovrebbe mostrarsi favorevole a voi? Dice il Signore degli eserciti.
Oh, ci fosse fra di voi chi chiude le porte, perché non arda più invano il mio altare! Non mi compiaccio di voi, dice il Signore degli eserciti, non accetto l'offerta delle vostre mani! Poiché dall'oriente all'occidente grande è il mio nome fra le genti e in ogni luogo è offerto incenso al mio nome e una oblazione pura, perché grande è il mio nome fra le genti, dice il Signore degli eserciti.
Ma voi lo profanate quando dite: La tavola del Signore è contaminata e spregevole ciò che v'è sopra, il suo cibo. Voi aggiungete: Ah! che pena! Voi mi disprezzate, dice il Signore degli eserciti, e offrite animali rubati, zoppi, malati e li portate in offerta! Posso io gradirla dalle vostre mani? Dice il Signore. Maledetto il fraudolento che ha nel gregge un maschio, ne fa voto e poi mi sacrifica una bestia difettosa. Poiché io sono un re grande, dice il Signore degli eserciti, e il mio nome è terribile fra le nazioni.
È debole e fragile il sacerdozio secondo Aronne perché ciò che si offriva non cambiava il cuore della gente.
È debole e fragile perché non genera santità, non conduce ad una perfezione più grande.
È debole e fragile perché la materia del sacrificio sovente è cosa impura, imperfetta, difettosa, macchiata.
È debole e fragile perché facilmente può essere usato in modo illusorio, vano, ingannevole.
È debole e fragile perché la consistenza non è in se stesso, ma in chi lo offre e in colui per il quale si offre.
È debole e fragile perché sempre di una sostituzione animale si tratta. Un animale non può riscattare un uomo.
È debole e fragile perché la sua origine non è in Dio, ma nell’uomo, anche se Dio si è servito di esso per educare l’uomo al dono della sua vita, del suo cuore, della sua volontà.
Ci si potrebbe chiedere perché il Signore adotta ciò che è dell’uomo e non dona invece subito ciò che è suo. A questa domanda c’è una sola risposta: Dio cammina con l’uomo storico, non con l’uomo metafisico. L’uomo storico è fatto di peccato, di falsità, di menzogna, di tradizione, di usi, di costumi, di forme e modi di concepirsi e di concepire Dio.
Dio si rivela a quest’uomo storico. Quest’uomo storico conduce piano piano alla pienezza della sua rivelazione. Quest’uomo storico deve portare alla perfezione.
L’uomo storico è fatto di tempo. Il tempo è una condizione essenziale dell’uomo e nessuno la può abolire.
Chi abolisce il tempo dal cammino dell’uomo, distrugge semplicemente l’uomo, non lo tira fuori della sua storia per immetterlo nella pienezza della verità di Dio.
Questo vale anche per ogni nostra disposizione pastorale, di ogni norma, di ogni legge.
Dio lavora con l’uomo storico. Dio non conosce l’uomo metafisico. Dio conduce l’uomo verso la verità tutta intera. Ma la verità tutta intera dell’uomo è Dio. Dio conduce l’uomo verso di Lui, pienezza di vita e di ogni verità.
[19]la legge infatti non ha portato nulla alla perfezione e si ha invece l'introduzione di una speranza migliore, grazie alla quale ci avviciniamo a Dio.
È questa una verità che trova in Paolo molto spazio, specie quando si parla della giustificazione nella Lettera ai Galati (3,1-29):
“O stolti Gàlati, chi mai vi ha ammaliati, proprio voi agli occhi dei quali fu rappresentato al vivo Gesù Cristo crocifisso? Questo solo io vorrei sapere da voi: è per le opere della legge che avete ricevuto lo Spirito o per aver creduto alla predicazione? Siete così privi d'intelligenza che, dopo aver incominciato con lo Spirito, ora volete finire con la carne? Tante esperienze le avete fatte invano? Se almeno fosse invano! Colui che dunque vi concede lo Spirito e opera portenti in mezzo a voi, lo fa grazie alle opere della legge o perché avete creduto alla predicazione?
Fu così che Abramo ebbe fede in Dio e gli fu accreditato come giustizia. Sappiate dunque che figli di Abramo sono quelli che vengono dalla fede. E la Scrittura, prevedendo che Dio avrebbe giustificato i pagani per la fede, preannunziò ad Abramo questo lieto annunzio: In te saranno benedette tutte le genti. Di conseguenza, quelli che hanno la fede vengono benedetti insieme ad Abramo che credette. Quelli invece che si richiamano alle opere della legge, stanno sotto la maledizione, poiché sta scritto: Maledetto chiunque non rimane fedele a tutte le cose scritte nel libro della legge per praticarle. E che nessuno possa giustificarsi davanti a Dio per la legge risulta dal fatto che il giusto vivrà in virtù della fede. Ora la legge non si basa sulla fede; al contrario dice che chi praticherà queste cose, vivrà per esse. Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, diventando lui stesso maledizione per noi, come sta scritto: Maledetto chi pende dal legno, perché in Cristo Gesù la benedizione di Abramo passasse alle genti e noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede.
Fratelli, ecco, vi faccio un esempio comune: un testamento legittimo, pur essendo solo un atto umano, nessuno lo dichiara nullo o vi aggiunge qualche cosa. Ora è appunto ad Abramo e alla sua discendenza che furon fatte le promesse. Non dice la Scrittura: e ai tuoi discendenti, come se si trattasse di molti, ma e alla tua discendenza, come a uno solo, cioè Cristo. Ora io dico: un testamento stabilito in precedenza da Dio stesso, non può dichiararlo nullo una legge che è venuta quattrocentotrenta anni dopo, annullando così la promessa. Se infatti l'eredità si ottenesse in base alla legge, non sarebbe più in base alla promessa; Dio invece concesse il suo favore ad Abramo mediante la promessa. Perché allora la legge? Essa fu aggiunta per le trasgressioni, fino alla venuta della discendenza per la quale era stata fatta la promessa, e fu promulgata per mezzo di angeli attraverso un mediatore. Ora non si da  mediatore per una sola persona e Dio è uno solo.
La legge è dunque contro le promesse di Dio? Impossibile! Se infatti fosse stata data una legge capace di conferire la vita, la giustificazione scaturirebbe davvero dalla legge; la Scrittura invece ha rinchiuso ogni cosa sotto il peccato, perché ai credenti la promessa venisse data in virtù della fede in Gesù Cristo. Prima però che venisse la fede, noi eravamo rinchiusi sotto la custodia della legge, in attesa della fede che doveva essere rivelata.
Così la legge è per noi come un pedagogo che ci ha condotto a Cristo, perché fossimo giustificati per la fede. Ma appena è giunta la fede, noi non siamo più sotto un pedagogo. Tutti voi infatti siete figli di Dio per la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo. Non c'è più giudeo né greco; non c'è più schiavo né libero; non c'è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù. E se appartenete a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa”.
La legge non ha portato nulla alla perfezione perché la forza della legge non è in sé, ma in Dio.
Non ha portato nulla alla perfezione anche perché essa non era uno strumento di perfezione.
È strumento di perfezione ciò che trasforma la natura stessa dell’uomo, cambiandola nella sua essenza.
Ciò che non cambia un uomo nella sua essenza in nessun modo può essere strumento di perfezione.
La perfezione è solo nella trasformazione della natura. La natura trasformata trasforma la persona.
Nessuna trasformazione della persona è possibile, senza la trasformazione della natura, principio, fonte e origine di ogni trasformazione.
La legge non aveva questa capacità. Essa indicava un sentiero da percorrere, una via da seguire. Chi avrebbe dovuto seguire questa via era un uomo concepito nel peccato, concupiscente, pieno di malizia.
Questo l’Antico Testamento lo aveva già compreso con Davide, sempre per ispirazione dello Spirito Santo. Davide, nella sua preghiera dopo il peccato, chiede a Dio la creazione di un cuore nuovo. Gli chiede la trasformazione, la “creazione” di una nuova natura. Gli chiede il dono di una nuova essenza. È in questa nuova essenza, è da questa nuova natura che lui potrà iniziare ad essere ciò che Dio si attende e vuole da lui. Il Salmo 50 lo dice con chiarezza:
“Al maestro del coro. Salmo. Di Davide. Quando venne da lui il profeta Natan dopo che aveva peccato con Betsabea. Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia; nella tua grande bontà cancella il mio peccato. Lavami da tutte le mie colpe, mondami dal mio peccato. Riconosco la mia colpa, il mio peccato mi sta sempre dinanzi. Contro di te, contro te solo ho peccato, quello che è male ai tuoi occhi, io l'ho fatto; perciò sei giusto quando parli, retto nel tuo giudizio.
Ecco, nella colpa sono stato generato, nel peccato mi ha concepito mia madre. Ma tu vuoi la sincerità del cuore e nell'intimo m'insegni la sapienza. Purificami con issopo e sarò mondo; lavami e sarò più bianco della neve. Fammi sentire gioia e letizia, esulteranno le ossa che hai spezzato. Distogli lo sguardo dai miei peccati, cancella tutte le mie colpe. Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo. Non respingermi dalla tua presenza e non privarmi del tuo santo spirito. Rendimi la gioia di essere salvato, sostieni in me un animo generoso. Insegnerò agli erranti le tue vie e i peccatori a te ritorneranno. Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza, la mia lingua esalterà la tua giustizia. Signore, apri le mie labbra e la mia bocca proclami la tua lode; poiché non gradisci il sacrificio e, se offro olocausti, non li accetti. Uno spirito contrito è sacrificio a Dio, un cuore affranto e umiliato, Dio, tu non disprezzi. Nel tuo amore fa grazia a Sion, rialza le mura di Gerusalemme. Allora gradirai i sacrifici prescritti, l'olocausto e l'intera oblazione, allora immoleranno vittime sopra il tuo altare.
L’incapacità della legge ci dice che c’è bisogno di essere introdotti da Dio in una speranza migliore. Questa speranza è quella intravista da Davide nella nuova creazione del cuore e dello spirito dell’uomo.
Solo questa è la speranza migliore verso la quale conduce Dio per introdurci pienamente in essa.
È questa speranza l’anelito del cuore. Tuttavia questa speranza migliore solo lo Spirito Santo la può creare nel cuore.
Questa speranza era il cambiamento del cuore, annunziato da Dio per mezzo del profeta: “infonderò il mio Spirito dentro di voi e questi toglierà il vostro cuore di pietra e al suo posto metterà un cuore di carne capace di amare”.
Il passo della profezia così suona esattamente:
“Darò loro un cuore nuovo e uno spirito nuovo metterò dentro di loro; toglierò dal loro petto il cuore di pietra e darò loro un cuore di carne. Vi prenderò dalle genti, vi radunerò da ogni terra e vi condurrò sul vostro suolo. Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre sozzure e da tutti i vostri idoli; vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo i miei statuti e vi farò osservare e mettere in pratica le mie leggi” (Cfr. Ez 11,19; 36,24-27).
Sono queste parole della profezia la speranza migliore, è la preghiera di Davide questa speranza migliore, alla quale solo il Signore può condurre, ma anche che solo il Signore può ispirare in un cuore.
Senza questa speranza migliore tutto è perso, perché l’uomo rimane nella sua vecchia natura e con essa trascina i suoi giorni nel peccato.
Questa speranza migliore ci fa avvicinare a Dio. L’Autore dice: grazie alla quale ci avviciniamo a Dio.
L’avvicinamento a Dio non è semplicemente locale. È un avvicinamento sostanziale. È avvicinamento per cambiamento di natura, di essenza.
È avvicinamento di natura e di essenza, perché non solo è cambiamento della nostra natura e della nostra essenza, è molto più di questo: è partecipazione della divina natura, è immersione della natura di Dio nella nostra e della nostra in Dio e per questa partecipazione noi siamo divinizzati. Questo significa essere, o divenire: nuove creature. La novità non è solo per la trasformazione della nostra natura, ma soprattutto perché la nostra natura trasformata diviene partecipe della natura divina.
È questa l’Antropologia neotestamentaria e senza questa altissima verità della nostra partecipazione alla natura divina, nulla si comprende dell’uomo, ma anche nulla si è capito della redenzione operata da Cristo in nostro favore.
[20]Inoltre ciò non avvenne senza giuramento. Quelli infatti diventavano sacerdoti senza giuramento; [21] costui al contrario con un giuramento di colui che gli ha detto: Il Signore ha giurato e non si pentirà: tu sei sacerdote per sempre.
Cosa aggiungono questi versetti alla questione che l’Autore sta trattando e che riguarda il sacerdozio di Cristo Gesù?
Apparentemente nulla che non sia già stato detto.
Se si parte dalla volontà di Dio, il Dio, lo stesso Dio che ha scelto Aronne come suo sacerdote e ha stabilito la legge che limitava il conferimento del ministero sacerdotale solo ai suoi discendenti maschi...
La Scrittura neanche si pone il problema del sacerdozio delle donne. Quest’idea non esiste neanche come dubbio che ciò sarebbe potuto accadere un giorno. Questo è tanto vero che Baruc dimostra la falsità degli idoli proprio dal fatto che nelle religioni pagane veniva esercitato il sacerdozio dalle donne. Tra i tanti motivi addotti per provare la falsità degli idoli, esiste anche questo. Per avere un’idea chiara, leggiamo tutto il capitolo 6:
“Per i peccati da voi commessi di fronte a Dio sarete condotti prigionieri in Babilonia da Nabucodònosor re dei Babilonesi. Giunti dunque in Babilonia, vi resterete molti anni e per lungo tempo fino a sette generazioni; dopo vi ricondurrò di là in pace. Ora, vedrete in Babilonia idoli d'argento, d'oro e di legno, portati a spalla, i quali infondono timore ai pagani.
State attenti dunque a non imitare gli stranieri; il timore dei loro dei non si impadronisca di voi. Alla vista di una moltitudine che prostrandosi davanti e dietro a loro li adora, pensate: Te dobbiamo adorare, Signore. Poiché il mio angelo è con voi, egli si prenderà cura di voi.
Essi hanno una lingua limata da un artefice, sono indorati e inargentati, ma sono simulacri falsi e non possono parlare. Come si fa con una ragazza vanitosa, prendono oro e acconciano corone sulla testa dei loro dei. Talvolta anche i sacerdoti, togliendo ai loro dei oro e argento, lo spendono per sé, dandone anche alle prostitute nei postriboli. Adornano poi con vesti, come si fa con gli uomini, questi idoli d'argento, d'oro e di legno; ma essi non sono in grado di salvarsi dalla ruggine e dai tarli. Sono avvolti in una veste purpurea, ma bisogna pulire il loro volto per la polvere del tempio che si posa abbondante su di essi. Come un governatore di una regione, il dio ha lo scettro, ma non stermina colui che lo offende. Ha il pugnale e la scure nella destra, ma non si libera dalla guerra e dai ladri. Per questo è evidente che non sono dei; non temeteli, dunque!
Come un vaso di terra una volta rotto diventa inutile, così sono i loro dei, posti nei templi. I loro occhi sono pieni della polvere sollevata dai piedi di coloro che entrano. Come ad uno che abbia offeso un re si tiene bene sbarrato il luogo dove è detenuto perché deve essere condotto a morte, così i sacerdoti assicurano i templi con portoni, con serrature e con spranghe, perché non vengano saccheggiati dai ladri. Accendono loro lumi, persino più numerosi che per se stessi, ma gli dei non ne vedono alcuno. Sono come una delle travi del tempio; il loro interno, come si dice, viene divorato e anch'essi senza accorgersene sono divorati dagli insetti che strisciano dalla terra, insieme con le loro vesti. Il loro volto si annerisce per il fumo del tempio. Sul loro corpo e sulla testa si posano pipistrelli, rondini e altri uccelli e anche i gatti. Di qui potete conoscere che non sono dei; non temeteli, dunque!
L'oro di cui sono adorni per bellezza non risplende se qualcuno non ne toglie la patina; perfino quando venivano fusi, essi non se ne accorgevano. Furono comprati a qualsiasi prezzo, essi che non hanno alito vitale. Senza piedi, vengono portati a spalla, mostrando agli uomini la loro condizione vergognosa; arrossiscono anche i loro fedeli perché, se cadono a terra, non si rialzano più. Neanche se uno li colloca diritti si muoveranno da sé, né se si sono inclinati si raddrizzeranno; si pongono offerte innanzi a loro come ai morti. I loro sacerdoti vendono le loro vittime e ne traggono profitto; anche le mogli di costoro ne pongono sotto sale una parte e non ne danno né ai poveri né ai bisognosi; anche una donna in stato di impurità e la puerpera toccano le loro vittime. Conoscendo dunque da questo che non sono dei, non temeteli!
Come infatti si potrebbero chiamare dei? Perfino le donne presentano offerte a questi idoli d'argento, d'oro e di legno. Nei templi i sacerdoti siedono con le vesti stracciate, la testa e le guance rasate, a capo scoperto. Urlano alzando grida davanti ai loro dei, come fanno alcuni durante un banchetto funebre. I sacerdoti si portan via le vesti degli dei e ne rivestono le loro mogli e i loro bambini. Gli idoli non possono contraccambiare né il male né il bene ricevuto da qualcuno; non possono né costituire né spodestare un re; nemmeno possono dare ricchezze né soldi. Se qualcuno, fatto un voto, non lo mantiene, non se ne curano. Non liberano un uomo dalla morte né sottraggono il debole da un forte. Non rendono la vista a un cieco né liberano un uomo dalle angosce. Non hanno pietà della vedova né beneficano l'orfano. Sono simili alle pietre estratte dalla montagna quegli idoli di legno, indorati e argentati. I loro fedeli saranno confusi. Come dunque si può ritenere e dichiarare che costoro sono dei?
Inoltre, perfino gli stessi Caldei li disonorano; questi infatti quando trovano un muto incapace di parlare lo presentano a Bel pregandolo di farlo parlare, quasi che costui potesse sentire. Costoro, pur rendendosene conto, non sono capaci di abbandonare gli idoli, perché non hanno senno. Le donne siedono per la strada cinte di cordicelle e bruciano della crusca. Quando qualcuna di esse, tratta in disparte da qualche passante, si è data a costui, schernisce la sua vicina perché non fu stimata come lei e perché la sua cordicella non fu spezzata. Quanto avviene attorno agli idoli è menzogna; dunque, come si può credere e dichiarare che costoro sono dei?
Gli idoli sono lavoro di artigiani e di orefici; essi non diventano niente altro che ciò che gli artigiani vogliono che siano. Coloro che li fabbricano non hanno vita lunga; come potrebbero le cose da essi fabbricate essere dei? Essi lasciano ai loro posteri menzogna e ignominia. Difatti, quando sopraggiungono la guerra e le calamità, i sacerdoti si consigliano fra di loro sul come potranno nascondersi insieme con i loro dei. Come dunque è possibile non comprendere che non sono dei coloro che non possono salvare se stessi né dalla guerra né dai mali?
Dopo tali fatti si riconoscerà che gli idoli di legno, indorati e argentati, sono una menzogna; a tutte le genti e ai re sarà evidente che essi non sono dei, ma lavoro delle mani d'uomo e che sono privi di ogni qualità divina. A chi dunque non sarà evidente che non sono dei? Essi infatti non possono costituire un re sul paese né concedere la pioggia agli uomini; non risolvono le contese, né liberano l'oppresso, poiché non hanno alcun potere; sono come cornacchie fra il cielo e la terra. Infatti, se il fuoco si attacca al tempio di questi dei di legno o indorati o argentati, mentre i loro sacerdoti fuggiranno e si metteranno in salvo, essi invece come travi bruceranno là in mezzo. A un re e ai nemici non possono resistere. Come dunque si può ammettere e pensare che essi siano dei?
Né dai ladri né dai briganti si salveranno questi idoli di legno, argentati e indorati, ai quali i ladri con la violenza tolgono l'oro, l'argento e la veste che li avvolge e poi fuggono tenendo la roba; essi non sono in grado di aiutare neppure se stessi. Per questo vale meglio di questi dei bugiardi un re che mostri coraggio oppure un arnese utile in casa, di cui si serve chi l'ha acquistato; anche meglio di questi dei bugiardi è una porta, che tenga al sicuro quanto è dentro la casa o perfino una colonna di legno in un palazzo. Il sole, la luna, le stelle, essendo lucenti e destinati a servire a uno scopo obbediscono volentieri. Così anche il lampo, quando appare, è ben visibile; anche il vento spira su tutta la regione. Quando alle nubi è ordinato da Dio di percorrere tutta la terra, eseguiscono l'ordine; il fuoco, inviato dall'alto per consumare monti e boschi, eseguisce il comando. Gli idoli invece non assomigliano né per l'aspetto né per la potenza a queste cose. Perciò non si deve ritenere né dichiarare che siano dei, poiché non possono né rendere giustizia né beneficare gli uomini. Conoscendo dunque che non sono dei, non temeteli!
Essi non maledicono né benedicono i re; non mostrano alle genti segni nel cielo, né risplendono come il sole, né illuminano come la luna. Le belve sono migliori di loro, perché possono fuggire in un riparo e provvedere a se stesse. Dunque, in nessuna maniera è chiaro per noi che essi sono dei; per questo non temeteli! Come infatti uno spauracchio che in un cocomeraio nulla protegge, tali sono i loro idoli di legno indorati e argentati; ancora, i loro idoli di legno indorati e argentati si possono paragonare a un ramo nell'orto, su cui si posa ogni sorta di uccelli, o anche a un cadavere gettato nelle tenebre. Dalla porpora e dal bisso che si logorano su di loro saprete che non sono dei; infine saranno divorati e nel paese saranno una vergogna. E` migliore un uomo giusto che non abbia idoli, poiché sarà lontano dal disonore.
Si è riportato tutto il pensiero di Baruc (c. 6) perché è giusto possedere in pienezza sulla questione del sacerdozio la mentalità di fede di tutto l’Antico Testamento, differente da ogni altra mentalità religiosa del mondo circostante.
Dio, che ha stabilito la legge, può anche cambiarla e difatti la cambia con il profeta Isaia, quando annunzia che anche tra i pagani si prenderà un giorno sacerdoti e leviti.
Può cambiare la legge sul sacerdozio alla maniera di Aronne, non può cambiare però la legge sul Sacerdozio del Suo Figlio Unigenito, il Suo Messia.
Non la può cambiare su due punti capitali: sulla Persona, sulla modalità:
La Persona è sacerdote in eterno (primo punto capitale).
La Persona è sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek (secondo punto capitale).
In eterno Dio non può cambiare questi due punti. Non li può, perché lo ha giurato: “Il Signore ha giurato e non si pente: Tu sei sacerdote per sempre alla maniera di Melchisedek”.

Credente.
00Thursday, January 12, 2012 9:57 PM
Il Signore ha giurato sulla sua divina essenza, sulla sua verità eterna, sulla sua natura. Ha impegnato la sua verità.
Finché durerà la sua verità – questa è eterna – durerà anche il Sacerdozio di Cristo Gesù alla maniera di Melchisedek.
Durerà perché la Sua Persona è eterna. Essendo eterna la Sua Persona, il Suo Sacerdozio non tramonta, non passa, non viene dato ad altri.
Nel sacerdozio di Aronne c’è successione. In quello di Cristo no. Nessuno è successore di Cristo. Il Papa è vicario di Cristo. I Vescovi sono vicari di Cristo. I Sacerdoti partecipano del Suo Unico ed Eterno Sacerdozio, ma non sono vicari, perché non sono costituiti nella pienezza del sacerdozio di Cristo. Essi non sono né vicari, né successori.
Tutti agiscono in Persona Christi, perché Cristo è il solo, l’unico, il sommo ed eterno sacerdote della Nuova Alleanza.
Poiché non c’è successione nel Sacerdozio di Cristo e non c’è separazione tra il Sacerdozio e Cristo, Persona e Sacerdote sono una cosa sola, essendo Cristo Gesù nella sua natura umana Vero Uomo, non può cambiare la vera umanità di Cristo nell’esercizio eterno del suo sacerdozio. Questa vera umanità deve essere la stessa nel Cielo e sulla terra. Nel Cielo essa è vera umanità maschile, anche sulla terra deve essere vera umanità maschile.
Se fosse vera umanità, ma femminile, avremmo un cambiamento nella “persona” di Cristo e questo porterebbe alla violazione del giuramento fatto da Dio al suo Figlio Unigenito: “Tu sei sacerdote in eterno”. Poiché è nella Persona di Cristo che il suo sacerdozio viene esercitato, la Persona di Cristo è vera umanità maschile. Vera umanità maschile deve rimanere in eterno per chiunque viene scelto per essere in Cristo, sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek.
La stessa argomentazione vale anche per il pane e il vino. La Chiesa non può cambiare la “materia” del sacramento (pane e vino), perché altrimenti cambierebbe la “maniera”. La maniera, l’unica e la sola, è quella di Melchisedek e questa maniera è nell’offerta del pane e del vino. Vero pane, vero vino, vera umanità maschile: sono questi gli elementi eterni del sacerdozio di Cristo.
Poiché Dio ha giurato e non si pente, il sacerdozio di Cristo rimane in eterno in Cristo alla maniera di Melchisedek. Il giuramento impedisce che si possa effettuare un qualche cambiamento, neanche il più piccolo ed insignificante.
Se nel Sacerdozio di Cristo si potesse appartare anche un mutamento di una piccolissima parte, verrebbe a cadere il giuramento e ogni altro cambiamento sarebbe possibile. Invece il giuramento obbliga in tutto e in ogni sua parte, in eterno sarà così.
Anche in questo si dimostra la superiorità del sacerdozio di Cristo su quello di Aronne. Quest’ultimo è tramontato con Cristo. Quello di Cristo rimane in eterno, per sempre.
Se rimane per sempre, in eterno, significa che il suo esercizio può portare alla salvezza tutti coloro che da esso si lasciano servire.
Questa è la grandissima verità da custodire gelosamente nel cuore: con il sacerdozio di Cristo la perfezione è possibile, è reale, è raggiungibile, è già data.
Esso non è né vano, né inutile. Esso è invece efficace, genera alla grazia e alla verità, conduce verso una speranza eterna.
[22]Per questo, Gesù è diventato garante di un'alleanza migliore.
L’Alleanza migliore è la Nuova. Di questa Alleanza alcune cose sono state già anticipate, tutto però sarà esposto nel prossimo capitolo (8), nel quale si parlerà di “nuovo santuario e nuova alleanza”.
Ciò che a noi interessa esaminare e su cui fissare lo guardo, ora, è ciò che l’Autore attesta su Gesù circa questa nuova alleanza, o alleanza migliore.
Di questa alleanza migliore Gesù è il garante.
Il garante è colui che soddisfa per chi è incapace di soddisfare, assumendo e facendo proprio il debito di colui per il quale ha garantito.
Gesù è stato costituito garante di questa alleanza migliore dal Padre suo, ma anche Lui ha accettato, con volontà umana e divina, di prendere su di sé il peccato del mondo.
Lui garantisce, espiando per noi, saldando per noi il debito, le cui condizioni ci erano sfavorevoli, perché nell’impossibilità di poterlo soddisfare.
La garanzia di Cristo non è solo umana, è anche divina. Lui garantisce come vero uomo e vero Dio, anche se paga per noi il debito subendo la passione e la morte nella sua umanità, ma chi subisce la morte nella sua umanità, è la Persona del Figlio di Dio, è Dio che muore per noi, in ragione della sua Incarnazione e della “modalità” dell’unione di Dio con l’uomo, che per incarnazione, nella quale Dio diviene uomo, si fa, non si unisce ad un uomo, con una unione morale, o spirituale.
La sua è “unità” sostanziale che ci fa proclamare che l’uomo è Dio e Dio e l’uomo, in ragione del fatto che una è la Persona, quella eterna del Verbo, due invece sono le nature dell’unica ed eterna Persona, quella divina e quella umana. Veramente uomo, veramente Dio nell’unità di una sola Persona.
Per questo mistero, che la Chiesa chiama unione ipostatica, cioè personale, o nell’unità della Persona, non nella confusione delle nature o nel mutamento dell’una nell’altra, o della trasformazione dell’una nell’altra, Gesù è garante in eterno di quest’alleanza migliore.
Qui però si comincia ad entrare nel vero mistero di Cristo Gesù ed è in ragione di questa sua “nuova essenza”, che è vero, sostanziale mutamento nella Persona del Verbo – ciò che non era lo è divenuto e ciò che era non lo ha perduto, per cui se si vuole parlare correttamente bisogna dire che Dio è Padre, Verbo Incarnato e Spirito Santo – che si può e si deve parlare di garanzia eterna.
La Persona eterna del Verbo, fattasi carne per noi, in ragione della sua eternità, può garantire per sempre in nostro favore. Sempre la Persona eterna del Verbo, in ragione della sua eternità, esercita in nostro favore il suo sacerdozio eterno. Sempre la Persona eterna del Verbo, in ragione della sua umanità, può offrire la sua vita al Padre per la nostra vita.
In Cristo Eterno, tutto diviene eterno, anche l’offerta della sua vita, tutto acquisisce valore eterno, anche il suo sacerdozio. L’eternità è l’essenza di Cristo e tutto in Lui si riveste di eternità: sacerdozio, offerta, garanzia, modalità.
Se si manca di buone basi di verità cristologica, diviene impossibile comprendere quanto l’autore sta affermando su Cristo Gesù. È questo anche il motivo per cui tra comprensione della Scrittura, o interpretazione, e teologia vi deve essere la più stretta connessione. La teologia deve illuminare la Scrittura, la Scrittura a sua volta si deve sempre verificare la verità della Teologia. Scrittura e Teologia devono sempre lasciarsi garantire nella Verità dal Magistero, posto da Cristo a fondamento per il discernimento della verità della Scrittura e della Teologia.
Questa unità di Scrittura, Tradizione (e anche Teologia in quanto essa fa parte della sana e retta tradizione) devono essere una cosa sola, se si vuole pervenire alla comprensione della Rivelazione e del mistero che nella Rivelazione è contenuto in ogni sua pagina.
Il sacerdozio di Cristo non può essere compreso se non a partire dalla verità sulla sua Persona e sull’Unione Ipostatica. È in questa verità la sorgente di ogni altra verità su Cristo, sul suo ministero, sulla sua missione, sulla stessa Chiesa.
[23]Inoltre, quelli sono diventati sacerdoti in gran numero, perché la morte impediva loro di durare a lungo; [24]egli invece, poiché resta per sempre, possiede un sacerdozio che non tramonta.
Questi due versetti (23 e 24) mettono dinanzi ai nostri occhi la differenza sostanziale che esiste tra Aronne, i suoi discendenti e Cristo.
Ancora una volta appare chiaro, evidente, come sia la retta conoscenza che l’Autore ha della Persona di Cristo a portarlo a discernere e ad affermare la differenza, che non è solo accidentale, di forme, è sostanziale, perché differenza sostanziale vi è nella persona.
Chi è differente è la persona. Cristo nella Persona è differente da Aronne e questa differenza è la sua eternità.
Con Aronne è avvenuta la morte e questa lo ha privato del suo sacerdozio.
Con Cristo anche se la morte è avvenuta nella sua umanità – essendo questa separazione della sua anima dal suo corpo, ma non separazione della Persona dal corpo e dall’anima – essa non ha potuto intaccare la sua Persona divina, nella sua divina essenza.
Altra verità è questa: la morte durò per lui solo il tempo di tre giorni. Dopo Lui è risorto e vive nella sua perfezione di vita sia divina che umana, con il corpo immortale, spirituale, incorruttibile, glorioso.
Essendo vivo presso il Padre, come vero uomo e vero Dio, egli è in grado di esercitare nel Cielo il suo sacerdozio in nostro favore.
Il suo sacerdozio non tramonta in ragione della sua persona che non tramonta. La sua persona non tramonta, perché rivestita di eternità. La sua Persona eterna sussiste nella sua natura divina eterna e nella sua natura umana, anch’essa rivestita di immortalità.
Eternamente la Persona divina vive nella natura divina eterna, nella natura umana immortale, a motivo della risurrezione.
Per questo il suo sacerdozio non tramonta. Quello di Aronne è tramontato perché la sua persona non vive più. Nel cielo c’è la sua anima, ma non il suo corpo.
Il sacerdozio è della persona, non è dell’anima, non è del corpo, non è neanche della natura umana di Cristo.
Sacerdote è Cristo, è la sua Persona divina, anche se lo esercita attraverso la sua umanità, perché è la sua umanità che egli offre al Padre, ma offrendo la sua umanità, egli è tutto se stesso che offre. Si può offrire, perché vero uomo, perché solo come vero e perfetto uomo, può sacrificarsi sulla croce per la redenzione eterna dell’uomo.
Offrì il suo corpo, ma nel suo corpo è tutto se stesso che offre, in ragione del mistero che si è compiuto in Lui il giorno della sua incarnazione.
Che ciò sia vero, lo attesta sia il Vangelo secondo Giovanni, che quello secondo Luca:
“In verità, in verità ti dico, noi parliamo di quel che sappiamo e testimoniamo quel che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell'uomo che è disceso dal cielo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio.
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.
Chi viene dall'alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla della terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza; chi però ne accetta la testimonianza, certifica che Dio è veritiero. Infatti colui che Dio ha mandato proferisce le parole di Dio e da  lo Spirito senza misura. Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio incombe su di lui” (cfr. Gv 3,11-21.31-36)
“Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te.
A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L'angelo le disse: Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine.
Allora Maria disse all'angelo: Come è possibile? Non conosco uomo. Le rispose l'angelo: Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio. Allora Maria disse: Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto. E l'angelo partì da lei.
In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo.
Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore” (Lc 1,26-45).
Ognuno avrà capito quanto sia indispensabile una sana, santa, vera cristologia per comprendere cosa è il sacerdozio di Cristo e chi lo esercita e perché esso è eterno e produce un frutto di salvezza eterna per ogni uomo.
La chiave di tutto risiede nel mistero dell’Incarnazione. Quanti non possiedono secondo verità questo mistero, nulla possono comprendere di Dio, di Cristo, della Redenzione, della Salvezza, della Chiesa.
Cristo Gesù è la chiave per la comprensione vera di Dio e dell’uomo. È chiave vera se vera è la conoscenza che si ha di Lui.

Il Signore ci introduca con sempre più alta e profonda conoscenza in questo mistero. Una cosa però penso sia già stata acquisita:
Chi ci è stato dato è il Figlio, non la sua umanità.
Chi ci salva è il Figlio, non la sua umanità.
Chi esercita il suo sacerdozio eterno è il Figlio, non la sua umanità.
Chi è in Cielo è il Figlio, non la sua umanità.
Chi muore in croce è il Figlio, non la sua umanità.
Il Figlio si incarna.
Il Figlio nasce.
Il Figlio opera miracoli e prodigi.
Il Figlio muore.
Il Figlio risuscita.
Il Figlio ascende al Cielo.
Il Figlio è sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek.
Il Figlio è il Redentore del mondo.
Il Figlio è il Messia di Dio.
Il Figlio fa tutto questo nella sua natura umana, allo stesso modo che – la similitudine è sbagliata nella sua essenza perché la Persona di Cristo non è dall’unione della divinità con l’umanità, la Persona di Cristo è preesistente all’incarnazione ed è nella Persona divina che avviene l’unione, perché è la Persona che si incarna – l’anima opera tutto attraverso il corpo – ma la persona umana è dall’unione di anima e di corpo. L’anima non è la persona, il corpo non è la persona.
[25]Perciò può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio, essendo egli sempre vivo per intercedere a loro favore.
Ministero del sacerdote era la grande intercessione a favore delle colpe e dei peccati del popolo.
Faceva questo penetrando nel Santuario, attraversando la tenda, entrando alla presenza del Dio altissimo per compiere l’espiazione delle colpe commesse.
L’espiazione otteneva il perdono e introduceva il peccatore pentito nella vera salvezza di Dio.
Cristo Gesù è entrato nel santuario del cielo, vive nel cielo, è sempre dinanzi alla maestà divina. Ma è vivo e presente dinanzi a Dio come sommo sacerdote di una “alleanza migliore”, cioè della nuova ed eterna alleanza, che è stata sigillata nel suo sangue e nell’offerta, o nel sacrificio della sua vita.
Essendo presente come vero, sommo sacerdote, egli può intercedere per tutti quelli che si accostano a Dio.
Si accostano a Dio per mezzo di Lui, e per mezzo di Lui, per la sua intercessione che è vera intercessione sacerdotale ottengono la salvezza eterna, frutto del suo sacrificio e dell’oblazione monda che Lui ha offerto al Padre suo.
Quello esercitato da Cristo Gesù nel cielo è vero culto reso al Padre, vero atto sacerdotale, quindi vero esercizio attivo – non passivo – del suo sacerdozio.
È vero culto attivo – e non solamente passivo – in ragione dell’ufficio stesso del sacerdote che consisteva non solo nell’offerta del sacrificio, ma anche nella preghiera di intercessione, oltre che nell’insegnamento della legge.
Quella di Cristo è vera preghiera sacerdotale. Vero atto del suo sacerdozio. La sua preghiera attinge però valore di potente intercessione nel dono che egli ha fatto della sua vita al Padre e che è dinanzi al Padre come vero memoriale.
La morte sacrificale di Gesù sulla croce è perennemente dinanzi agli occhi del Padre. È l’atto perfetto dell’amore che è stato offerto alla sua divina maestà in segno di obbedienza, di adorazione, di glorificazione.
Questa morte, questo dono, questo sacrificio, questa offerta dona valore e consistenza, merito alla preghiera di intercessione di Cristo.
Per cui il memoriale della morte di Cristo è esercizio passivo nel Cielo del suo sacerdozio vissuto interamente e in ogni sua ministerialità sulla terra, la preghiera di intercessione è vero esercizio attivo, perché oggi Gesù presenta la sua preghiera al Padre in favore dell’uomo che si accosta al trono della grazia per implorare il perdono dei peccati e la giustificazione delle sue colpe.
Nel cielo vi è come una “ripetizione eterna”, attiva però, non passiva, di quella preghiera che Gesù fece sulla croce: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”. “Padre, perdona loro; dona loro il Tuo Santo Spirito, perché ti vogliono amare. Non hanno la forza e per questo non vi riescono. Tu li ricolmi del tuo Santo Spirito, li trasformi nella loro natura e loro inizieranno ad amarti come io ti amo.”
Essendo il Sacerdote uno, uno è anche il Sacerdozio, poiché Cristo non ha successori, Cristo dal Cielo esercita il suo Sacerdozio attivo anche sulla terra, attraverso il Sacerdozio ministeriale, di quanti sono stati costituiti in Lui, per Lui, con Lui, Sacerdoti della Nuova ed Eterna Alleanza.
Questo sacerdozio però opera efficacemente quanto al dono di grazia solo nella celebrazione dei sacramenti.
Le altre ministerialità di quest’unico sacerdozio – quelle cioè dell’insegnamento e della intercessione – fuori della celebrazione dei sacramenti, operano nella conformazione spirituale a Cristo e questa si ottiene nella santità del ministro.
Poiché il Sacerdozio di Cristo deve essere esercitato perfettamente sia nell’offerta, che nell’insegnamento e nella intercessione, oltre la configurazione sacramentale, occorre che ci sia con Cristo l’altra configurazione, quella nella perfetta santità.
Se questa configurazione non si ottiene, Cristo non può esercitare alla perfezione il suo sacerdozio per noi. Noi priviamo Cristo Gesù dell’uso santo e retto del suo sacerdozio.
Ora senza l’uso santo, retto, giusto del Sacerdozio di Cristo nessuna salvezza sarà mai possibile. Ogni salvezza è per il suo sacerdozio, sacerdozio che egli vive nel cielo e sacerdozio che egli esercita sulla terra tramite coloro che Lui ha associati al suo eterno sacerdozio.
Si manifesta ancora una volta in tutta la sua evidenza come la cristologia è fondamento di ogni verità, anche della verità sacramentale e in modo particolare della verità pastorale.
Cosa è la pastorale se non la continuazione del sacerdozio di Cristo Gesù sulla terra? L’esercizio di questo sacerdozio per operare salvezza deve essere perfetto in ogni sua ministerialità: sacrificio, santificazione, insegnamento.
Questo sacerdozio perfetto e completo Cristo non lo può esercitare se manca la conformazione a Lui nella vita e nella morte, se cioè il sacerdote ministeriale non compie nel suo corpo, nella sua vita, la stessa offerta che Cristo ha fatto al Padre: il dono di tutto se stesso come glorificazione, testimonianza, esaltazione, attestazione della Signoria di Dio.
È in questo dono totale di vita per il compimento perfetto della volontà del Padre che Cristo può vivere oggi il sacerdozio sulla terra e rendere così perfetto il suo sacerdozio celeste.
Quando sacerdozio della terra e sacerdozio del cielo di Cristo Signore sono perfetti, perfettamente oblazione e olocausto della vita dei ministri al Padre, nasce salvezza nel mondo, si vive secondo verità l’alleanza nuova ed eterna che Cristo ha stipulato nel suo sangue presso il Padre.
Il sangue di Cristo deve essere associato al sangue di chiunque ha accolto di essere sacerdote in Cristo, alla maniera di Melchisedek, perché vi sia oggi sulla terra remissione dei peccati, giustificazione, santità.
Sacerdozio della terra, sacerdozio del cielo: un unico sacerdozio.
Sacerdozio di Cristo, sacerdozio ministeriale: un unico sacerdozio.
Cristo e il sacerdote ministeriale: un solo Sacerdote Cristo Gesù che opera ed agisce attraverso il suo ministro
Credente.
00Friday, January 13, 2012 11:05 PM
PERPETUITÀ DEL SACERDOZIO DI CRISTO
[26]Tale era infatti il sommo sacerdote che ci occorreva: santo, innocente, senza macchia, separato dai peccatori ed elevato sopra i cieli;
Ora l’Autore ci dice chi è in verità Cristo Gesù. Finora si è limitato a parlarci del suo sacerdozio eterno alla maniera di Melchisedek.
Ora è il momento di presentarci la persona del sacerdote.
La prima verità che afferma è questa: ciò che lui sta per dire sono le qualità del vero sacerdote. Dicendo questo, dice che quanti erano stati sacerdoti fino al presente, non erano “veri” sacerdoti. Trattasi di verità “ontologica”, non di verità “ministeriale”.
Quanto al ministero che esercitavano era “vero”, “vera” secondo la perfezione ontologica richiesta non era però la persona. “Vero” per potenza di efficacia di grazia e di santificazione non era il culto da essi esercitato. È questo il motivo per cui l’autore dice: “tale era infatti il sommo sacerdote che ci occorreva”. Quale sommo sacerdote ci occorreva? L’Autore ci offre le qualità morali e anche ontologiche che deve possedere il sommo sacerdote della Nuova ed Eterna Alleanza.
Esse necessitano di essere esaminate una per una, perché sono qualità morali ed ontologiche che devono esistere anche nel sacerdozio ministeriale, essendo richiesta la perfetta corrispondenza tra il Sacerdozio di Cristo Gesù e l’altro sacerdozio, quello ministeriale.
Santo: La santità di Cristo non è solamente morale, cioè pieno compimento della volontà del Padre. Questa santità è il frutto dell’altra santità, quella ontologica che è piena e perfetta partecipazione della natura divina.
Cristo Gesù è Dio nella Persona e nella natura divina. È vero uomo nella sua natura umana, legata indissolubilmente alla Persona divina, in quanto è la Persona divina che si è fatta carne, che è divenuta uomo.
La natura umana è resa partecipe della natura divina in modo eccelso, il più alto modo possibile e questa partecipazione dalla teologia è anche chiamata grazia di unione. La natura umana è “parte” della Persona, che è preesistente alla stessa Incarnazione – è infatti la Persona preesistente che si incarna – è in quanto parte, partecipa in un modo eccellente della natura divina.
Questa santità di grazia, di verità, di nuova essenza è trasformata tutta in santificazione, attraverso una crescita costante in sapienza e grazia che caratterizza tutta la vita di Gesù Signore.
Santo per natura, santo per vocazione, santo per obbedienza. In Cristo non conosciamo neanche un piccolissimo peccato veniale. Lui è stato sempre e tutto del Padre, in ogni momento, in ogni cosa, in ogni circostanza, da sempre e per sempre egli è tutto del Padre, sia nella sua Persona divina che nella sua Persona divina incarnata.
Innocente: L’innocenza di Cristo è l’assenza in Lui di ogni peccato veniale. Mai Gesù ha conosciuto la colpa né in parole, né in opere, né in pensieri, né in omissioni. Egli è rimasto sempre nella più pura e più perfetta obbedienza al Padre suo.
Anche la sua innocenza, prima che morale, è ontologica. È concepimento senza peccato originale, è pienezza di grazia fin dal primo istante del suo esistere come vero uomo. Veramente Gesù non ha conosciuto il peccato, mai, di nessun genere, in nessun modo.
Senza macchia: L’impeccabilità di Cristo non è per dono di natura, o semplicemente perché partecipava della grazia di unione ed era reso fin da sempre partecipe della divina natura.
Dai Vangeli sappiamo che anche Lui veniva tentato, che superò ogni genere di tentazione, che mai si lasciò condizionare dalle astuzie di satana, che portò il suo corpo sulla croce per non peccare di menzogna dinanzi a Pilato e ai Sommi Sacerdoti, per non dire dinanzi a loro neanche una parola che non fosse la più pura e assoluta verità.
Cristo Gesù è senza macchia per volontà, perché si oppose a satana, vincendolo, svelando la sua tentazione, rifiutandosi sempre di prestare ascolto alla sua seduzione e al suo inganno.
Anche in questo caso l’impeccabilità di Cristo è duplice: per natura e per volontà. L’impeccabilità per volontà rende stabile in eterno l’impeccabilità di natura.
Separato dai peccatori: La separazione dai peccatori non è né di giudizio, né di condanna, né di allontanamento fisico. Lui si separa dai peccatori perché si separa dal loro peccato, non lo conosce, non lo vuole conoscere.
In tal senso egli è separato, perché mai è entrato in comunione di peccato con un peccatore. È la sua santità che lo separa dai peccatori. Santità e peccato si separano vicendevolmente. Dove c’è la santità non può esistere il peccato e dove c’è il peccato non esiste la santità.
Quella di Cristo non è però separazione fisica, alla maniera di quella dei farisei. Cristo Gesù frequenta i peccatori, ma per attrarli nella sua verità e nella sua grazia, per insegnare loro come si vince il peccato e come si entra nella verità di Dio. Li frequenta per separarli dal peccato, per attrarli nel Vangelo.
Elevato sopra i cieli: L’elevazione sopra i cieli, anche questa, non è solamente morale, come può avvenire con i santi, la cui anima e il cui pensiero spesso è nel cielo.
L’elevazione sopra i cieli è “fisica”, del corpo ed è perenne. Cristo Gesù grazie al suo sangue versato è entrato una volta per tutte nella tenda del cielo, è presso Dio, è fisicamente presso Dio, perché la sua natura fisica, corporea, anche se trasformata interamente in spirito è presso Dio. Presso Dio, più che Aronne nella tenda del convegno, vive il suo sacerdozio per noi, per la nostra redenzione eterna.
[27]egli non ha bisogno ogni giorno, come gli altri sommi sacerdoti, di offrire sacrifici prima per i propri peccati e poi per quelli del popolo, poiché egli ha fatto questo una volta per tutte, offrendo se stesso.
Ancora un’altra differenza tra il sacerdozio alla maniera di Cristo e quello alla maniera di Aronne.
I sommi sacerdoti dell’Antica Alleanza ogni giorno offrivano sacrifici prima per se stessi, per le loro colpe e poi per le colpe di tutto il popolo.
Prima si purificavano e poi purificavano gli altri, tutto il popolo e questa ritualità la esercitavano ogni giorno.
Cristo Gesù non ha bisogno si offrire sacrifici per se stesso, invece offre se stesso in sacrificio e questo lo fa una volta per sempre, per tutte.
Un unico sacrificio, fatto una volta per tutte, offrendo se stesso per la remissione dei peccati, per la Nuova ed Eterna Alleanza: questa l’unicità e la specificità, l’essenza vera del sacrificio di Cristo.
Un solo sacrificio, una sola espiazione, una sola redenzione: nell’offerta che Cristo ha fatto di se stesso al padre una volta per tutte è contenuta la salvezza del mondo intero. Tutta l’umanità da Adamo all’ultimo uomo che verrà sulla terra sarà salvato, se lo vuole, grazie solamente a quest’unico sacrificio di Cristo Gesù, grazie al suo sangue versato e al suo corpo spezzato per la remissione dei peccati e per la stipula della Nuova Alleanza nel suo sangue.
È giusto chiedersi cosa dona tanta efficacia al sacrificio di Cristo e la risposta non può essere che una sola:
L’efficacia viene dalla Persona. La Persona che si offre è Dio. È Dio che sulla croce si offre, perché chi è crocifissa è la Persona Divina, è Dio che pende dalla croce, anche se pende nel suo corpo nato dalla Vergine Maria. Dio si offre offrendo a Dio il suo corpo, la sua vita, versando il suo sangue, corpo e sangue che sono della sua Persona divina, anche se parti della sua natura umana.
Per la salvezza non c’è più bisogno di nessun altro sacrificio. Per la santificazione della persona e del mondo intero è necessario ed è richiesto invece il sacrificio di ogni singolo cristiano.
[28]La legge infatti costituisce sommi sacerdoti uomini soggetti all'umana debolezza, ma la parola del giuramento, posteriore alla legge, costituisce il Figlio che è stato reso perfetto in eterno.
Ancora sulla differenza del sacerdozio di questo da quello dell’Antica Legge.
Con Aronne, i sacerdoti erano uomini nati dalla carne di Adamo, carne di peccato, tendente al peccato, avvolta di fragilità e debolezza.
Questo è lo stato spirituale dell’umanità. Questa debolezza e fragilità è per ogni uomo. Lo confessa Davide nell’Antico Testamento, lo afferma Paolo nel Nuovo.
Di Davide si è già parlato quando si è riportato il Salmo 50, nel quale è detto espressamente: “Nel peccato mi ha concepito mia madre”. Il Peccato è quello originale, che causa come una malattia nella nostra natura umana, una “umana fragilità”. Tutto l’uomo è avvolto da questa umana fragilità: nell’anima, nello spirito, nel corpo.
La stessa cosa dice Paolo, indicando però la via della perfetta guarigione, che è data grazie allo Spirito di Cristo Gesù. Ascoltiamo nella sua argomentazione riportata al c. 7 della Lettera ai Romani:
“O forse ignorate, fratelli parlo a gente esperta di legge che la legge ha potere sull'uomo solo per il tempo in cui egli vive? La donna sposata, infatti, è legata dalla legge al marito finché egli vive; ma se il marito muore, è libera dalla legge che la lega al marito. Essa sarà dunque chiamata adultera se, mentre vive il marito, passa a un altro uomo, ma se il marito muore, essa è libera dalla legge e non è più adultera se passa a un altro uomo. Alla stessa maniera, fratelli miei, anche voi, mediante il corpo di Cristo, siete stati messi a morte quanto alla legge, per appartenere ad un altro, cioè a colui che fu risuscitato dai morti, affinché noi portiamo frutti per Dio.
Quando infatti eravamo nella carne, le passioni peccaminose, stimolate dalla legge, si scatenavano nelle nostre membra al fine di portare frutti per la morte. Ora però siamo stati liberati dalla legge, essendo morti a ciò che ci teneva prigionieri, per servire nel regime nuovo dello Spirito e non nel regime vecchio della lettera. Che diremo dunque? Che la legge è peccato? No certamente! Però io non ho conosciuto il peccato se non per la legge, né avrei conosciuto la concupiscenza, se la legge non avesse detto: Non desiderare.
Prendendo pertanto occasione da questo comandamento, il peccato scatenò in me ogni sorta di desideri. Senza la legge infatti il peccato è morto e io un tempo vivevo senza la legge. Ma, sopraggiunto quel comandamento, il peccato ha preso vita e io sono morto; la legge, che doveva servire per la vita, è divenuta per me motivo di morte. Il peccato infatti, prendendo occasione dal comandamento, mi ha sedotto e per mezzo di esso mi ha dato la morte. Così la legge è santa e santo e giusto e buono è il comandamento. Ciò che è bene è allora diventato morte per me? No davvero! E` invece il peccato: esso per rivelarsi peccato mi ha dato la morte servendosi di ciò che è bene, perché il peccato apparisse oltre misura peccaminoso per mezzo del comandamento.
Sappiamo infatti che la legge è spirituale, mentre io sono di carne, venduto come schiavo del peccato. Io non riesco a capire neppure ciò che faccio: infatti non quello che voglio io faccio, ma quello che detesto. Ora, se faccio quello che non voglio, io riconosco che la legge è buona; quindi non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me.
Io so infatti che in me, cioè nella mia carne, non abita il bene; c'è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio. Ora, se faccio quello che non voglio, non sono più io a farlo, ma il peccato che abita in me.
Io trovo dunque in me questa legge: quando voglio fare il bene, il male è accanto a me. Infatti acconsento nel mio intimo alla legge di Dio, ma nelle mie membra vedo un'altra legge, che muove guerra alla legge della mia mente e mi rende schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra. Sono uno sventurato! Chi mi libererà da questo corpo votato alla morte? Siano rese grazie a Dio per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore! Io dunque, con la mente, servo la legge di Dio, con la carne invece la legge del peccato.
È questa l’umana fragilità, sorta in noi dopo il primo peccato. Da questa fragilità ci libera il Signore, per mezzo del Suo Santo Spirito che ci dona in Cristo Gesù.
Questa umana fragilità non consente di portare nessuna cosa alla perfezione. L’uomo imperfetto non può fare cose perfette. La natura fragile non può offrire al Signore un sacrificio senza macchia, puro, santo.
Dio, nella sua infinita ed eterna misericordia ha pensato fin da sempre come portare a compimento di perfezione ogni cosa: manda nella nostra carne il suo Figlio Unigenito, mandandolo però in una carne santa, pura, senza macchia, innocente.
Il sacerdozio alla maniera di Aronne era solo una figura, non la realtà del vero sacerdozio.
La realtà del vero sacerdozio è Cristo, sommo sacerdote dei beni eterni, di un’alleanza migliore, promesso con giuramento da Dio, non simile ad Aronne, ma alla maniera di Melchisedek, investendolo di un sacerdozio eterno.
Questa investitura è posteriore alla Legge, data con Mosè. Essa è per giuramento, quindi irrevocabile in eterno.
Questa parola del giuramento costituisce il Figlio vero Sacerdote. Alla verità del suo Sacerdozio, alla sua eternità, si aggiunge anche la perfezione.
Il Sacerdozio di Cristo è vero, eterno, perfetto. È vero, eterno e perfetto non perché è un sacerdozio nuovo, ma perché nuova è la Persona che è investita di tanto sacerdozio.
La Persona è il Figlio di Dio, il Suo Figlio unigenito, quello che Dio stesso ha generato nell’eternità e che nel tempo si è fatto carne nel seno della Vergine Maria.
Il Suo Sacerdozio è eterno perché Lui è eterno, immortale.
È vero sacerdozio perché l’offerta che Lui offre è se stesso nella sua verità di santità e di obbedienza.
È perfetto perché donandosi tutto al Padre nella sua umanità e nella sua divinità, niente più deve essere donato. Tutto è stato dato, perché sulla croce è tutta la persona che si dona e la Persona è il Figlio di Dio, è Dio.
È un’eternità divina ed umana insieme.
È una verità divina ed umana insieme.
È una perfezione divina ed umana insieme.
Nulla più si deve aggiungere. Tutto è compiuto, tutto è offerto, tutto è dato, tutto è consegnato, tutto è sacrificato.
Vero olocausto, vera consumazione, perfetto dono, perfetto sacrificio, perché offerto nella santità di Dio e dell’uomo insieme.
È differenza sostanziale – la sostanza è ontologica, non soltanto di perfezione morale, perché è sostanza di Dio – tra il sacerdozio di Cristo e quello vissuto da Aronne.
Al di là di tutto: quello di Aronne era anche fuori di lui. Quello di Cristo è tutto in Lui. Niente è fuori di Cristo in Cristo. Tutto è fuori di Aronne in Aronne e anche questa è differenza sostanziale.
Aronne offre un animale. Cristo offre se stesso, vero sacrificio, vera offerta, vera consumazione in onore e per la gloria del Padre suo.
Credente.
00Friday, January 13, 2012 11:07 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Melchisedek: re, sacerdote, offre pane e vino. Gesù è sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek. Melchisedek è re e sacerdote insieme. Questa è la prima differenza con il sacerdozio alla maniera di Aronne. Aronne era solo sacerdote. Melchisedek offre al Dio Altissimo pane e vino, non offre un sacrificio animale, non versa sull’altare sangue di tori e di vitelli. Aronne entrava nel santuario per compiere il rito dell’espiazione dei peccati con il sangue di tori e di vitelli. Gesù invece non entra nel santuario con nessun animale e non entra in nessun santuario della terra. Lui offre a Dio il pane che è se stesso ed anche il vino che è la sua vita. Il pane e il vino diventano suo Corpo e suo Sangue e vengono offerti a Dio da quanti sono fatti partecipi del suo sacerdozio. Gesù entra nel santuario del cielo una volta per sempre, entra con il proprio sangue. Per questo motivo il sacerdozio di Cristo è simile nella forma a quello di Melchisedek, ma è tanto dissimile nella sostanza. Quello è solo figura. La verità è tutta nel sacerdozio di Cristo Gesù.
Melchisedek benedice Abramo. Benedicendo Abramo, Melchisedek benedice tutto il popolo di Dio. Benedice anche Aronne e il suo sacerdozio. Questo deve significare una cosa sola: la superiorità di Melchisedek nei riguardi di Abramo. Essendo il sacerdozio di Cristo alla maniera di quello di Melchisedek, se ne deduce che Cristo sacerdote è superiore ad Aronne e al suo sacerdozio. È il sacerdozio di Aronne che deve passare al sacerdozio di Cristo, non quello di Cristo a quello di Aronne. Quello di Cristo è vero sacerdozio. Aronne finisce di essere figura di ogni sacerdozio, perché figura, essenza, sostanza, verità ora è solo Gesù Signore.
Re di giustizia. Re di pace. Melchisedek porta un nome che significa: “re di giustizia”, “re di pace”. Cristo Gesù è anche Lui Re di giustizia e di pace. È Re che crea la pace. È Re come Autore. È l’Autore della pace, della giustizia, perché lui è la pace e la giustizia di Dio sulla nostra terra. Chi vuole possedere la pace, chi vuole divenire giusto lo può solo in Lui, con Lui, per Lui. La crea per l’esercizio del suo sacerdozio eterno.
Melchisedek è come un’apparizione. Melchisedek appare e poi scompare. Di Lui niente altro si sa, se non ciò che è raccontato nella Genesi e in quell’incontro fugace con Abramo. Cristo invece è sacerdote eterno. Lui non scompare, non sparisce. Lui è nel cielo. Il suo sacerdozio è eterno a motivo dell’eternità della sua Persona, che è in se stessa Dio. Il suo è l’unico e il solo sacerdozio, perché Lui è il solo e l’unico vero sacerdote dinanzi al Padre suo.
La decima alla luce della fede. La decima vero atto di culto. La decima relazione di subordinazione all’interno della libertà acquisita. L’Autore della Lettera agli Ebrei coglie ogni elemento utile a dimostrare la superiorità di Melchisedek nei confronti di Abramo. Ciò gli serve per attestare la superiorità del Sacerdozio di Cristo nei confronti del Sacerdozio di Aronne. Abramo dona la decima a Melchisedek. Con questo gesto indica dipendenza, sudditanza, manifesta la sua volontà di sottomissione a lui, lo riconosce semplicemente superiore a lui. Questo è il significato della decima. All’interno del popolo di Dio il pagamento della decima era segno di fede e di culto. Si riconosceva Dio Signore, Liberatore, Autore di ogni cosa. Ognuno si sottometteva a Lui offrendogli la decima di ogni cosa, di ogni bene. Abramo riconosce Melchisedek superiore a Lui e gli offre la decima in segno di sottomissione. Sottomettendosi a Melchisedek è tutto il popolo di Dio che sottomette. Anche Aronne è sottomesso a Melchisedek e di conseguenza è sottomesso a Cristo, il cui sacerdozio è alla maniera di Melchisedek.
Una sola è la fede: in ogni Parola di Dio. Non ci sono due fede, una prima di Cristo e una dopo Cristo, una con Lui e una senza di Lui. La fede è una sola, perché una sola è la Parola di Dio. La fede è nella Parola di Dio e in ogni Parola che Dio ha fatto risuonare, fa e farà risuonare sulla nostra terra. Non ci sono due tipi di fede: una fede nella Parola pubblica di Dio e una fede nella Parola privata di Dio. La Parola di Dio è una, perché uno è il Dio che parla. Non c’è cambio di verità tra la Parola pubblica e la Parola privata. Uno è Dio, una è la verità, una è la Parola, una deve essere la fede. Se non partiamo dall’unità e dall’unicità del Dio che parla creeremo confusioni in ordine alla fede e alla verità. La Parola di Dio prima di Cristo guarda verso Cristo che doveva venire. La Parola di Dio con Cristo e dopo Cristo ci parla di Cristo che è venuto. Una sola verità è il contenuto della Parola di Dio: Cristo Gesù nostro Signore.
Melchisedek immortale riceve la decima da uomini mortali: questa è superiorità. Ancora un’altra differenza tra il Sacerdozio di Melchisedek e quello di Aronne. Melchisedek è detto dalla Scrittura “Sacerdote in eterno”. Aronne non è sacerdote in eterno. È sacerdote fino al momento della morte. Melchisedek è superiore ad Aronne anche a motivo della sua immortalità, del suo sacerdozio che non tramonta. Anche Cristo – lo si è già considerato – esercita il suo Sacerdozio eterno a motivo della sua Persona che è eterna.
Benedire il popolo nel nome del Signore. Una delle ministerialità del sacerdozio è quella di benedire il popolo nel nome del Signore. Melchisedek benedice Abramo. Benedicendo Abramo, benedice anche Aronne che era stato preposto da Dio a benedire il suo popolo. Anche per questa via l’Autore dimostra che Melchisedek è superiore a tutto il popolo di Dio e quindi anche Cristo è superiore a tutto il popolo del Signore a motivo della benedizione con la quale egli, come vero sacerdote, benedice il popolo del Signore. Lui benedice l’uomo, dall’uomo non può essere benedetto nel nome del Signore, perché è sempre il superiore che benedice l’inferiore.
Tutto è nella semplicità. L’Autore della Lettera agli Ebrei con argomenti così semplici, perché semplici sono gli elementi che sono in suo possesso, dimostra la realtà e la verità delle cose, di ogni cosa. La sua metodologia va dal semplice al complesso. Lui ci insegna che alla verità si perviene attraverso le vie della semplicità. Tuttavia questa metodologia la può seguire chi ha il cuore semplice, puro, libero. Ma anche la può accogliere chi ha il cuore semplice, libero, puro, amante della verità, autentico ricercatore di essa. Il puro di cuore vede Dio ovunque Dio è. Dio è nella sua Parola e solo chi è puro di cuore lo può scorgere. Chi non è puro nel cuore, mai potrà vedere Dio dove Dio è. Chi non vede Dio là dove Dio è, è segno che il suo cuore non è puro, non è santo, non è giusto, non cerca il Signore con semplicità e purezza.
La legge del cambiamento: dall’imperfezione alla perfezione. Il cammino di Dio con l’uomo è uno solo: dall’imperfezione alla perfezione, dal poco al tutto, dall’inizio della salvezza al suo pieno compimento, ma anche dalla terra al cielo. Chi vuole camminare con Dio, sappia che deve avanzare sempre nella verità, nella carità, nella speranza, in un crescendo sempre più grande, ma anche sempre più puro, più santo. Chi si ferma alla Parola di ieri, sappia che Dio oggi parla per condurre l’uomo verso la verità tutta intera. Anche nella verità c’è un cammino dall’imperfezione alla perfezione, da una conoscenza semplice alla conoscenza complessa.
Il nuovo di Dio. Tutto sarà nuovo. C’è un nuovo di Dio che quotidianamente si apre dinanzi ai nostri occhi e questo nuovo ognuno è chiamato ad accogliere. Nessuno si deve chiudere ad esso. Tutto sarà nuovo per chi si apre al nuovo che Dio gli prepara di giorno in giorno. Tutto invece rimane vecchio per chi si chiude al nuovo di Dio, lo rifiuta, lo combatte, si oppone ad esso.
Il mutamento della legge. Il mutamento della legge del Sacerdozio – da Aronne a Cristo – indica che c’è un cambiamento di perfezione. Si passa da una perfezione morale ad una sostanziale, di natura, ontica, che investe tutto l’essere dell’uomo. Passando da Aronne a Cristo tutto il culto cambia, perché cambia l’essenza stessa del culto, che viene portato nella pienezza della sua verità. Cosa è il culto se non il dono di se stessi a Dio? Questo culto deve essere vissuto nella sostanza stessa dell’uomo che deve darsi a Dio e non più nella figura o nell’immagine di un animale che viene immolato.
È Messia perché Sacerdote. Il messianismo di Cristo non è nell’ordine della regalità, ma nell’ordine del suo sacerdozio. È Messia in quanto vero sacerdote della Nuova Alleanza. È vero Messia, perché in quanto vero Sacerdote, libera il popolo dai suoi peccati e lo conduce nella vera libertà, nella vera pace, nella vera giustizia di Dio. È questa la vera essenza del Messianismo di Cristo Gesù. Ogni altra concezione non è la sua verità.
Per la potenza di una vita indefettibile. Sacerdozio rivestito di debolezza e inutilità. Viene qui manifestata la differenza sostanziale tra Cristo e Aronne. Cristo Gesù agisce dalla potenza e forza della sua divinità, ma anche dalla potenza e forza della sua santità. Quella di Cristo è pienezza di verità, di santità, di giustizia, di obbedienza, di umiltà, di mitezza, di ogni altra virtù. Dalla potenza di questa santità Egli agisce per la nostra santificazione. Aronne invece vive un sacerdozio rivestito di debolezza e di inutilità. È debole perché egli deve offrire prima di tutto per se stesso, per essere liberato dai suoi peccati. È inutile perché non opera alcuna redenzione eterna. C’è infatti bisogno di ripetere continuamente l’offerta. Cristo Gesù invece si offre una volta per tutte e ogni peccato viene cancellato. Questa è la potenza della sua vita indefettibile. Per questa potenza di santità egli santifica il mondo intero.
Dio cammina con l’uomo storico. Il tempo è condizione essenziale dell’uomo. Pastorale e tempo. Uomo storico. Uomo metafisico. L’uomo storico è l’uomo deformato dal suo peccato, frantumato nella sua vera essenza, trasformato dalla sua colpa, immerso in una mentalità che lo conduce verso la morte e mai verso la vita. Dio cammina con quest’uomo. Quest’uomo prende per mano e lo conduce dall’imperfezione alla perfezione, dalla falsità alla verità, dal non ascolto all’ascolto, dalla non fede alla fede, dal non amore all’amore, dalla non speranza alla speranza, dal vizio alla santità, dalla morte alla vita, dalla terra al cielo, dalla solitudine alla comunione, dall’essere contro l’uomo al vivere per gli altri, a consumarsi per i fratelli. Tutto questo lavoro necessita tempo, lungo tempo, fatto di anni, di secoli. Il cammino di Dio con l’uomo è un cammino secolare, mai finito, sempre all’inizio, sempre come al primo giorno. Dio è il più grande maestro di Pastorale, è il Maestro della Pastorale efficace perché Lui cammina senza tempo con un uomo tutto immerso nel tempo. Ogni pastorale è senza tempo e chi è schiavo del tempo nella pastorale, non può agire secondo verità. Chi vuole camminare con Dio sappia che deve sempre trascendere la sua condizione storica ed ogni suo condizionamento, frutto in lui della storia.
La legge non è strumento di perfezione. Cosa è e chi è “strumento” di perfezione? Nella trasformazione della natura. Strumento di perfezione per nuova creazione. La legge antica non è strumento di perfezione perché essa lasciava l’uomo nella sua vecchia natura. Chi invece ci introduce nella perfezione è il sacerdozio di Cristo Gesù. Grazie all’offerta del suo corpo e del suo sangue, per la grazia frutto di questo sacrificio, Dio ci rende partecipi della divina natura, opera in noi una nuova creazione. È questa nuova creazione la vera perfezione dell’uomo e questa si ottiene solo per via sacramentale, non per via esteriore. Essa è opera dello Spirito di Cristo che si posa sopra di noi e ci fa nuove creature in Cristo, per Cristo, con Cristo. Anche questa è differenza sostanziale tra il sacerdozio di Aronne che lascia l’uomo nella sua vecchia natura e il Sacerdozio di Cristo che eleva l’uomo, lo rinnova ontologicamente, lo cambia dentro e fuori, perché semplicemente lo rende partecipe della divina natura. È come se l’uomo venisse immerso nella divina natura per essere totalmente divinizzato, alla stessa maniera che il ferro viene immesso nel fuoco per trasformarsi, divenire fuoco, senza però perdere la sua essenza di ferro.
Chi deve introdurre nella speranza migliore è Dio. La speranza migliore alla quale siamo chiamati è la vita eterna nel Cielo, con Dio, nel suo Paradiso. Chi deve introdurci in questa speranza migliore – migliore della speranza antica che era solo il possesso di una terra – è Dio, secondo la nuova via che è Cristo Gesù. Di questa speranza migliore Cristo Gesù non solo è via, è anche verità e vita. Tutto è Cristo per questa speranza migliore e tutto si compie in Lui, non fuori di Lui.
Avvicinamento a Dio per cambiamento di natura. Avvicinamento a Dio per partecipazione della natura divina. L’antropologia del Nuovo Testamento sostanzialmente diversa da quella dell’Antico testamento. La nostra vocazione è quella di accostarci, di avvicinarci al Signore. Nell’Antico Testamento l’avvicinamento avveniva per volontà. Si accoglieva la volontà di Dio manifestata ed espressa nei comandamenti e si diveniva amici di Dio. L’uomo però rimaneva ancora nella sua vecchia natura. Niente era trasformato in Lui. Nel Nuovo Testamento l’avvicinamento a Dio non è solo per volontà, è anche e soprattutto per natura, nella quale anche la volontà viene trasformata, assieme al cuore, al corpo, all’anima. Nel Nuovo Testamento l’avvicinamento è per partecipazione della divina natura che cambia tutto il nostro essere. Lo cambia sostanzialmente, non solo accidentalmente, o perifericamente. Tutto cambia nell’uomo che diviene partecipe della divina natura, perché la sua sostanza di uomo viene sostanzialmente, ontologicamente cambiata, modificata, trasformata. Questo ci fa dire che c’è una differenza sostanziale tra l’antropologia dell’Antico Testamento e quella del Nuovo. Quella del Nuovo è antropologia perfetta. È perfetta perché siamo inseriti in Cristo che è l’Uomo perfetto. Siamo fatti ad immagine di Cristo, ma in Cristo, siamo conformati a Lui nell’essenza, nella sostanza, nella natura. Questa verità ce ne deve insegnare un’altra: non esiste antropologia valida che non sia o non divenga antropologia cristica. Ogni antropologia che non conduce a Cristo lascia l’uomo nella sua vecchia natura.
Il sacerdozio eterno di Cristo. Alla maniera di Melchisedek. Vera umanità maschile. Nel sacerdozio di Cristo non c’è successione. Non c’è separazione tra il sacerdozio e Cristo. Il sacerdozio di Cristo è eterno in ragione della sua Persona che è eterna. Essendo la sua Persona eterna, tutto ciò che è di Cristo è eterno. Questa verità genera un’altra verità, anch’essa essenziale: nel sacerdozio di Cristo non c’è successione. Il Sacerdozio di Cristo è uno, unico, solo. Non ci sono altri sacerdoti dinanzi a Dio, se non Cristo e Lui solamente. Non c’è separazione tra il Sacerdozio di Cristo e Cristo. Cristo e il suo Sacerdozio sono una cosa sola, inseparabile in eterno. Il sacerdozio Cristo lo esercita nella sua umanità, che è vera umanità maschile. Essendo quella di Cristo vera umanità maschile, essendo anche il suo Sacerdozio di questa vera umanità maschile, essendo infine ogni sacerdote della Nuova Alleanza sacerdote per partecipazione del Sacerdozio di Cristo Gesù, ne consegue un’altra verità anch’essa di primaria importanza: la partecipazione del suo sacerdozio non può avvenire se non nella vera umanità maschile. È questo il motivo, o la ragione, per cui la vera umanità femminile non può essere partecipe del sacerdozio eterno di Cristo Gesù. È per ragioni ontologiche, di natura, di vera umanità maschile, che la vera umanità femminile non può essere resa partecipe di quest’unico sacerdozio. Nel sacerdozio secondo Aronne era il ministero che succedeva. Nel sacerdozio secondo Cristo non succede né il ministero, né la persona. Nel sacerdozio di Cristo c’è solo partecipazione di vera natura maschile a vera natura maschile.
Perché è sacerdozio che non tramonta può portare alla vera salvezza. Non tramonta il Sacerdozio, non tramonta il Sacerdote, non tramonta l’offerta. Uno è il Sacerdozio, uno è il Sacerdote, una è l’offerta. L’efficacia eterna di salvezza è in questa unicità ed eternità di offerta, di sacerdozio, di sacerdote. Chi vuole, può entrare nella salvezza. Essa è veramente efficace.
Garante di un’alleanza migliore. Garanzia per soddisfazione. Il sacerdozio di Cristo è efficace. Tutto è dalla Persona di Cristo. Per la sua eternità e per la sua umanità. L’eternità è l’essenza di Cristo. La garanzia della nostra salvezza è Gesù Signore. Lui garantisce per soddisfazione, per dono di vita. Dona la sua vita per la nostra vita, la sua morte per la nostra risurrezione. Per questo è efficace il Sacerdozio di Cristo Gesù: per il dono di tutto se stesso al Padre per la nostra redenzione eterna. Gesù offre al Padre la sua umanità, che non è umanità di un uomo, è l’umanità di Dio, della seconda Persona della Santissima Trinità. Offrendo il suo corpo, è se stesso che offre al Padre. È questa la grandezza del sacerdozio di Cristo Gesù. La sua umanità è assunta dall’eternità e dalla divinità della Persona, che la offre al Padre per la nostra redenzione eterna. L’eternità è l’essenza stessa di Cristo Gesù ed è in questa sua eternità che si compie la nostra redenzione. Si compie però attraverso la sua umanità, il suo vero corpo. Su queste molteplici verità: Garante di un’alleanza migliore. Garanzia per soddisfazione. Il sacerdozio di Cristo è efficace. Tutto è dalla Persona di Cristo. Per la sua eternità e per la sua umanità. L’eternità è l’essenza di Cristo. È giusto che ognuno di noi acquisisca la più grande pienezza su questa verità. Sarà questa pienezza di verità a liberare la nostra mente dalla confusione che oggi si sta insinuando in molti cuori e che li porta alla relativizzazione di Cristo, a pensarlo uno tra i tanti attraverso cui si può compiere la salvezza. La pienezza della verità e solo essa può preservare il cristiano dal cadere nella falsità e vi cade sempre quando mette Cristo accanto agli altri e gli altri accanto a Cristo Gesù.
Scrittura, Tradizione, Teologia, Magistero. La pienezza della verità avviene e si conquista attraverso l’unità di Scrittura, Tradizione, Magistero, teologia. L’unità deve essere prima di tutto tra l’Antico e il Nuovo Testamento da considerare una sola Parola di Dio. Poi l’unità deve essere tra Parola, Tradizione e Magistero da considerare come un solo cammino di verità in verità, fino alla verità tutta intera. Il cammino è condotto dallo Spirito Santo. È Lui il principio unificatore di Scrittura, Tradizione e Magistero. L’unità deve essere fatta infine tra Verità piena conosciuta e comprensione di essa che avviene attraverso la mediazione teologica. Né fede senza teologia, né teologia senza fede, né fede e né teologia senza la pienezza della verità. Chi riesce a mantenere saldamente unita questa quadruplice via per la conoscenza del mistero della salvezza, costui vivrà sempre nella perfetta, sana, giusta verità di Cristo Gesù, anzi progredirà in essa, camminando di verità in verità e di fede in fede. Ogni qualvolta c’è una separazione all’interno di questa quadruplice via, è la rovina sia per la verità che per la fede.
Tutto in Lui si riveste di eternità: sacerdozio, offerta, garanzia, modalità. In Cristo tutto si riveste di eternità: sacerdozio, offerta, garanzia, modalità. Si riveste di eternità a motivo della Persona che opera tutto questo. Infatti sacerdote è la Persona, non la natura umana, perché il sacerdozio è della Persona, non della natura, anche se il Figlio di Dio lo esercita nella natura umana. È la Persona che lo esercita e la Persona è eterna. Cristo non fu Sacerdote; Cristo è Sacerdote. Cristo non ha offerto se stesso, Cristo offre se stesso, oggi. Cristo non ha garantito per noi ieri, garantisce oggi. Cristo non ha offerto ieri il suo corpo sulla croce, lo offre oggi. Fa tutto questo a motivo della sua eternità. Egli oggi vive il suo sacerdozio eterno a favore dell’umanità intera. Anche su questa verità la chiarezza è di obbligo. Ogni imprecisione ha delle conseguenze deleterie per la salvezza stessa dell’umanità. Oggi in verità tante sono le imprecisioni, le inesattezze, le falsità, gli errori che si professano, si insegnano, o semplicemente si ripetono su Cristo Gesù e sul suo sacerdozio eterno.
Dio ha dato il Figlio suo Unigenito. Che il Sacerdozio di Cristo sia della Persona e non della sola natura umana, lo attesta Cristo Gesù, quando afferma che il Padre ha dato il suo Figlio perché chiunque crede in Lui non muoia, ma abbia la vita nel suo nome. Il dono che il Padre ci ha fatto è il suo Figlio Unigenito il quale è vero Dio e vero uomo, perfetto Dio e perfetto uomo nella sua sola ed unica Persona divina, che è preesistente all’incarnazione, Persona che si fa carne nel seno della Vergine Maria. Dio ha dato il suo Figlio incarnato. Lo ha dato dalla croce. Questa è la verità di Gesù Signore. Altre “verità” non sono di Cristo Gesù. Altre “verità” non vengono dallo Spirito del Signore, ma dalla carne dell’uomo, dal suo sangue.
In Cristo è la chiave di ogni vera conoscenza di Dio e dell’uomo. Dicendo che Cristo è la chiave della vera conoscenza di Dio e dell’uomo si vuole affermare una sola verità: chi vuole conoscere Dio lo potrà conoscere solo in Cristo. Ma anche chi vuole conoscere l’uomo lo può conoscere solo in Cristo Gesù. Il punto culminante della vera conoscenza è la croce di Cristo Signore che rivela quanto grande è l’amore del Padre, ma anche quanto possente sia il peccato dell’uomo. Di tutta questa ricchezza oggi sta scomparendo ogni cosa. Tutto si sta riducendo ad un livellamento senza differenze, in nome di un’antropologia falsa, bugiarda, menzognera, senza carità e senza verità. Da falsi si va da un falso Dio – è il Dio pensato dall’uomo e non da Dio – ; ma anche da falsi si va da un falso uomo – è l’uomo pensato dall’uomo e non da Dio –. La falsità non genera vita, non salva l’uomo, né il cristiano né il pagano. Chi ama veramente l’uomo deve presentarsi dinanzi ad esso con tutta la potenza della verità di Gesù Signore.
Esercizio attivo, non passivo del sacerdozio in Cristo nel Cielo. Cristo nel Cielo esercita il suo sacerdozio eterno in modo attivo e non soltanto passivo. È attivo prima di tutto perché intercede sempre in nostro favore. L’attività primaria del Sacerdote è l’intercessione perché vengano perdonati i peccati. In secondo ordine è attivo a motivo del sacrificio dell’Eucaristia. È Cristo che si offre al Padre, quando la Chiesa lo offre. Non è concepibile l’offerta della Chiesa senza l’offerta di Cristo, che non è fatta solo per l’opera di chi ne partecipa il Sacerdozio, ma perché Cristo stesso si offre al Padre per la nostra redenzione eterna. Infine è attivo perché ancora oggi Cristo si dona nel sacramento dell’altare come cibo della Nuova Alleanza. L’Alleanza viene nuovamente stipulata, o rinnovata, nel momento in cui il cristiano mangia Cristo. Mangia Cristo per divenire ciò che Cristo è: vittima, offerta, olocausto per il Padre suo che è nei cieli.
La forza dell’intercessione è nel sacrificio. Il sacrificio fa divenire la nostra preghiera di intercessione offerta, dono, olocausto. Il sacrificio mostra a Dio, gli rivela quanto vale per noi la cosa che gli chiediamo. Gesù intercede per la nostra salvezza, chiede a Dio la nostra anima. Che valore ha un’anima nella preghiera di Cristo Gesù? La sua morte in croce vale la nostra anima. La sua morte in croce per la nostra anima. Questo è il valore della preghiera di Gesù. Questa anche la sua forza di intercessione. Chi si accosta presso il Signore per chiedere un’anima, deve anche mostrare al Signore quanto vale quell’anima ai suoi occhi. Solo mostrando a Dio il suo valore, Dio è pronto a dare esaudimento alla nostra preghiera.
Conformazione spirituale a Cristo. Nell’offerta di se stessi. Siamo chiamati a conformarci spiritualmente a Cristo. Cristo è colui che si offre al Padre per la salvezza del mondo. Il cristiano che desidera ardentemente conformarsi e configurarsi a Cristo Gesù deve anche lui offrirsi al Padre per la salvezza del mondo. Non c’è conformazione a Cristo senza l’offerta della propria vita. Anche la nostra preghiera rimane senza forza se viene privata della nostra offerta al Padre per la redenzione del mondo.
Verità cristologica, verità sacramentale, verità pastorale. È questa una unità che bisogna ricomporre subito, anzi immediatamente. Non è possibile lavorare con frutti spirituali, senza la ricomposizione di questa unità. Oggi la pastorale è in crisi perché è separata dalla vera conoscenza di Cristo. Anche i sacramenti sono in crisi a motivo della scarsa, o quasi inesistente conoscenza che si ha della verità di Cristo Signore. A tutti è richiesto un grande impegno per la ricomposizione di questa unità. Punto vero di partenza è la conoscenza di Gesù Signore: della sua Persona, della sua missione, dell’opera di salvezza, della sua croce, della sua risurrezione.
Unità di: sacrificio, santificazione, insegnamento. Altra unità da ricomporre subito è questa: unità di sacrificio, di santificazione, di insegnamento. Non può esistere divisione, separazione, allontanamento tra queste tre verità. L’insegnamento è per condurre il cristiano alla santificazione che si compie nel sacrificio di se stesso, nell’oblazione che fa della sua vita al Padre, sia per la sua santificazione che per la conversione del mondo intero. Ogni insegnamento non finalizzato alla santificazione è falso. Ma anche ogni proposito di santificazione senza l’offerta della nostra vita al Padre, anche questa santificazione è falsa, bugiarda, menzognera. Come si può constatare è in questa separazione la causa dello scarso peso del nostro cristianesimo nel mondo contemporaneo.
Unità di sacerdozio celeste e sacerdozio della terra. Altra unità da ricomporre è questa: non ci sono due sacerdozi: uno sulla terra e l’altro nel cielo. Il sacerdozio è uno: quello di Cristo Gesù che lo esercita oggi nel cielo presso il padre suo. Ogni altro sacerdozio che si esercita sulla terra è partecipazione del suo sacerdozio eterno: uno ed unico, il solo. Questo mistero è grande. La salvezza del mondo è dall’unità del sacerdozio. L’unità è nella santità di chi lo esercita, ma anche nella fede e nella pienezza della verità che lo riguarda. Anche su questa unità tante sono le falsità, tanti gli errori. A ciascuno il dovere di entrare nella pienezza della verità e della fede per vivere il suo sacerdozio in pienezza di santità.
Vero sacerdote: santo, innocente, senza macchia, separato dai peccatori, elevato sopra i cieli, ontologicamente. Cristo è tutto non solo per virtù morali. Egli è tutto questo perché partecipe della santità purissima di Dio. Lui è santo per natura e Persona divina. Lui è la seconda Persona della Santissima Trinità e nella sua entità è santità purissima, santissima, immacolata. È santo anche per elevazione morale. Come vero uomo ha osservato, compiuto, realizzato tutta la volontà di Dio nella forma assolutamente più piena e più santa. Questa è la vera santità di Cristo Gesù: è ontologica e morale insieme. Cosa che anche si deve verificare nel cristiano, anche lui chiamato a divenire partecipe sia della natura che della santità di Dio.
Santità ontologica. Innocenza ontologica. Senza macchia ontologica. In quanto vero Dio egli possiede santità, innocenza, purezza, ogni altra virtù per ontologia, cioè per natura. Anche come uomo egli possiede tutto questo per natura. La sua natura fin da sempre è stata ripiena di grazia, di Spirito Santo, di verità. Il Dio Santissimo abita e dimora in un corpo e un’anima anche essi santissimi. Questa verità fa la differenza con ogni altro uomo. Questa verità dice qual è lo specifico di Cristo e solo suo. Ciò che è per natura, lo è anche per volontà, che porta la natura umana al suo massimo e sommo sviluppo, o fruttificazione di santità. È quanto avviene con il cristiano nel battesimo. Anche Lui viene trasformato ontologicamente, nella sua natura dallo Spirito Santo. Deve poi, in tutto come Cristo Gesù, portare la santità ontologica in santità per volontà e in essa crescere ed abbondare per ogni opera buona. La pastorale deve avere questo unico obiettivo: trasformare la santità ontologica in santità di volontà. Aumentare attraverso la santità della volontà la santità ontologica creata nel cristiano per via sacramentale.
Gesù non offre sacrifici per se stesso. Offre se stesso in sacrificio. Anche questo è lo specifico di Cristo Gesù. Egli non offrì alcun sacrificio per se stesso. Lui è santo e immacolato al cospetto di Dio fin dall’eternità. In questa santità è cresciuto fino alla perfezione nella sua natura umana, sempre santissima per ontologia, sempre santissima per volontà. Cristo Gesù invece offre se stesso in sacrificio perché il peccato del mondo venga cancellato e una più grande santità ricominci a fiorire nel nostro mondo. Il cristiano che vuole portare salvezza in questo mondo, deve anche lui percorrere la via di Cristo Gesù: deve portare al sommo della perfezione sia la sua santità ontologica che quella di volontà fino a divenire anche lui in Cristo sacrificio e vittima per il peccato, strumento di riconciliazione e di salvezza per ogni uomo.
Un solo sacrificio, una sola espiazione, una sola redenzione. Anche questa unità deve essere sempre presente dinanzi ai nostri occhi. Tutto è da quell’unico sacrificio della croce e tutto è in quest’unico sacrificio. Uno è il sacrificio, una è la redenzione, una l’espiazione, una la cancellazione del nostro debito. Ciò che è avvenuto una volta per tutte, ora deve essere fatto della persona singola. Questo è fatto solo attraverso la via della fede e della messa in pratica di ogni Parola di Gesù Signore.
Chi si offre è il Figlio di Dio. È giusto che venga ribadito ancora: chi si offre al Padre è Cristo Gesù, il Figlio eterno del Padre, il suo Figlio Unigenito, il Verbo della vita. Si offre nella sua umanità, ma è Lui che si offre, perché è Lui il sacerdote, ma anche la vittima. Si offre come Sacerdote vero, eterno, perfetto. Anche questa verità deve essere sempre presente dinanzi ai nostri occhi. Essa ci permette di comprendere qual è stato il vero sacrificio di Cristo e quale sia stata la vera offerta del Padre, o il suo dono per noi.
In Cristo niente è fuori di Cristo. In Cristo niente è fuori di Cristo, perché è Cristo stesso che si offre. È se stesso che dona al Padre per noi. Questo ci deve insegnare la più alta delle verità: Dio non vuole cose. Dio vuole noi stessi. Dio vuole il dono della nostra vita. Vuole la nostra vita per riempirla di sé. Vuole la nostra vita che sia offerta in redenzione per la salvezza del mondo intero. Come niente è fuori di Cristo, perché tutto è in Lui. Così niente deve essere fuori del cristiano, perché tutto deve essere in lui. Ciò che è in lui è l’offerta di se stesso. Così si compie la redenzione del mondo. Così si portano gli uomini a Dio.
Credente.
00Friday, January 13, 2012 11:09 PM
CAPITOLO OTTAVO

NUOVO SANTUARIO E NUOVA ALLEANZA
[1]Il punto capitale delle cose che stiamo dicendo è questo: noi abbiamo un sommo sacerdote così grande che si è assiso alla destra del trono della maestà nei cieli,
Per ben sette capitoli l’Autore ci ha parlato di Cristo Gesù. Di Lui ci ha detto tante cose. Ora sente la necessità di fare il punto della situazione.
Non vuole che il destinatario si perda dietro le molteplici verità annunziate e per questo manifesta qual è la sua intenzione, la verità centrale che sta trattando e i risultati già ottenuti attraverso la sua argomentazione dottrinale.
Il punto capitale è quello centrale, più che centrale, è il punto dal quale ogni altra argomentazione o verità trae origine. Il punto capitale è quel punto di diramazione di altri punti, di altre vie, è la verità madre di tante altre verità.
Per l’Autore il punto capitale è la grandezza e la perfezione del sacerdozio di Gesù Signore: noi abbiamo un sommo sacerdote così grande che si è assiso alla destra del trono della maestà nei cieli.
Come si può constatare la grandezza del sacerdozio di Cristo Gesù è qui considerata non in base alla sua Persona, bensì in relazione al “luogo” dell’esercizio del culto.
Il motivo di questa comparazione bisogna trovarlo nel sacerdozio secondo Aronne e dei suoi discendenti: tutti costoro entravano (e non sempre) alla presenza del Signore, nel suo tempio sulla terra, in quello di Gerusalemme.
Entravano ed uscivano. Entravano il tempo di fare il rito dell’espiazione e uscivano. Non rimanevano.
Non era possibile rimanere alla presenza di Dio in un luogo così sacro. Neanche si intravedeva il luogo della dimora del Signore, poiché l’incenso ne impediva la vista.
Era questo uno dei significati delle abbondanti incensazioni. Erano in qualche modo segno della nube che attestava la presenza del Signore, ma anche ne impediva la vista.
“Aronne offrirà dunque il proprio giovenco in sacrificio espiatorio per sé e, fatta l'espiazione per sé e per la sua casa, immolerà il giovenco del sacrificio espiatorio per sé. Poi prenderà l'incensiere pieno di brace tolta dall'altare davanti al Signore e due manciate di incenso odoroso polverizzato; porterà ogni cosa oltre il velo. Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, perché la nube dell'incenso copra il coperchio che è sull'arca e così non muoia. Poi prenderà un po’ di sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il coperchio dal lato d'oriente e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al coperchio” (cfr. Lev 16,11-14).
Gesù invece non entra nel “santo dei santi” del tempio della terra, non brucia l’incenso perché non si veda il “Volto del Signore”, e neanche si allontana dal luogo santissimo della presenza del Signore una volta compiuto il rito cui lo abilitava il suo sacerdozio.
Gesù entra nel Santuario del Cielo. Entra, vi rimane. Si siede alla destra del trono della Maestà divina.
È questa una verità fondamentale, essenziale della nostra fede: “Gesù siede alla destra del Padre”. Abita presso di Lui, è con Lui, sta con Lui per sempre.
Alla destra del Padre è assiso per esercitare eternamente il suo sacerdozio, per intercedere per noi.
Questa è la prima, fondamentale, essenziale differenza tra il sacerdozio di Aronne e quello di Cristo Gesù.
Gesù vede il Padre, parla con il Padre, intercede presso il Padre, faccia a faccia. Lui è presso il Padre per esercitare eternamente il suo sacerdozio in nostro favore.
[2]ministro del santuario e della vera tenda che il Signore, e non un uomo, ha costruito.
La differenza la fa il “luogo”, ma anche la “verità” del luogo.
Assiso alla destra del Padre, Gesù è ministro, cioè sacerdote. È Ministro, sacerdote del cielo, perché è nel cielo che Lui si è assiso presso il Padre. È il cielo il luogo della presenza e della dimora di Dio.
Viene ora affermata la seconda differenza.
Il tempio di Gerusalemme non era la vera tenda di Dio. Essa era una “figura” della vera tenda.
La vera tenda, o vera abitazione di Dio è il Paradiso, il Cielo. Ora Cristo entra in questa vera tenda, in questo vero santuario di Dio e di questa vera tenda e santuario egli è ministro, sacerdote.
Questa vera tenda non l’ha costruita un uomo. L’ha costruita Dio.
Se è Dio che l’ha costruita, essa rimane in eterno. Se fosse stata costruita da un uomo, mai sarebbe potuta divenire eterna; sarebbe stata soggetta alle intemperie, sia degli uomini che della natura.
Sappiamo quale sorte fu riservata al tempio di Gerusalemme con la deportazione in Babilonia dei Giudei.
Conosciamo qual è la sorte attuale del grande tempio frequentato anche da Gesù fin dalla sua infanzia.
Di questo tempio rimane solo un muro, detto il “muro del pianto”. Niente altro. La tenda di Dio, figura sulla terra della tenda del cielo non c’è più. Non c’è più il luogo sulla terra della presenza di Dio. Questa la verità che l’Autore vuole insegnare ai suoi destinatari. Gesù è entrato nel vero santuario, nella vera tenda e questa è eterna come Dio è eterno; questa è indistruttibile come Dio è indistruttibile; questa è inaccessibile all’uomo come Dio è inaccessibile nella sua eternità ed infinità, questa è invalicabile dall’uomo.
Cristo invece l’ha valicata, vi è entrato, si è assiso alla destra del Padre, si è assiso come vero ministro del vero santuario, della vera tenda.
Si è assiso per rimanere in eterno, per esercitare in eterno il suo sacerdozio in nostro favore.
È eterno il sacerdozio, il ministero, la tenda, il santuario, l’abitazione. Tutto è eterno in Cristo Gesù.
In Aronne invece tutto era momentaneo: il sacerdozio, la persona, la tenda, il tempio. Momentanea era l’entrata nel tempio perché immediata era l’uscita da esso.
[3]Ogni sommo sacerdote infatti viene costituito per offrire doni e sacrifici: di qui la necessità che anch'egli abbia qualcosa da offrire.
Ci viene ricordato ora qual era il ministero sacerdotale dell’Antica Legge: quello di offrire doni e sacrifici.
Chi vuole può leggere i primi capitoli del Libro del Levitico, nei quali sono contenuti tutti i sacrifici, le oblazioni e le libagioni che dovevano essere offerti a seconda delle differenti circostanze in cui si sarebbe potuta venire a trovare la vita di un uomo, di una famiglia, dell’intera comunità.
Niente viene lasciato alla libera interpretazione, o improvvisazione del sacerdote. Tutto invece è minuziosamente precisato, puntualizzato, specificato.
In questo versetto viene ricordata qual è la costituzione e la ministerialità del sacerdote. Le ricapitoliamo, pur avendone parlato già abbondantemente.
Il sacerdote, o il sommo sacerdote:
viene preso e costituito (prima verità)
per offrire doni e sacrifici (seconda verità)
li offre per se stesso (terza verità)
li offre per gli altri (quarta verità).
Queste quattro verità costituiscono il Sacerdozio alla maniera di Aronne. Quello di Gesù Signore è differente, diverso nella sostanza, e non solo nella forma.
In questo versetto (3) l’Autore vuole che noi riflettiamo sull’offerta che è composta di beni terreni, materiali (animali, farina, olio e altro).
Vuole che consideriamo anche l’altra verità: colui che offre il sacrificio per gli altri, deve offrire anche per se stesso. Anche lui ha bisogno di purificazione, di espiazione, di liberarsi dai peccati e dalle trasgressioni commessi nella Legge del Signore.
È proprio su queste due verità che si fonda la sostanziale differenza con il sacerdozio esercitato da Cristo Gesù. Questa differenza ci porta in una realtà infinitamente diversa. Coglierla diviene essenziale per la nostra fede, che proprio in questa differenza trova la sua verità.
[4]Se Gesù fosse sulla terra, egli non sarebbe neppure sacerdote, poiché vi sono quelli che offrono i doni secondo la legge.
L’affermazione di questo versetto è chiara, limpida in sé.
Gesù non è sacerdote alla maniera di Aronne. Sulla terra egli mai ha esercitato un simile ministero.
Mai Lui ha offerto un dono secondo la legge. Secondo la legge sono altri, e sono anche in abbondanza, quelli che offrono i doni e fanno le offerte, o compiono i riti.
Pensare ad un sacerdozio di Cristo alla maniera di Aronne è cosa impossibile. L’impossibilità è data dalla storia di Cristo e dal non esercizio di un simile sacerdozio.
Anche questa verità è giusto che si colga, si comprenda, si trasformi in fede: Gesù non è stato sacerdote alla maniera di Aronne.
Nella fede ci sono verità al positivo, ma anche verità al negativo. Le verità al negativo servono per dare rilievo e risalto alle verità al positivo.
Dicendo che Gesù non è stato sacerdote alla maniera di Aronne libera la mente da ogni confusione tra il suo Sacerdozio e quello di Aronne.
Quello di Cristo Gesù non è una purificazione del sacerdozio alla maniera di Aronne. È un sacerdozio diverso, differente. È un altro sacerdozio.
Tra i due non c’è alcun punto di contatto, né sulla terra, né nel cielo. Gesù non è venuto per purificare l’esistente, è venuto per creare il nuovo: Nuovo è il Sacerdozio, Nuova è l’Alleanza, Nuovo il Comandamento, Nuovo il Popolo, Nuova la Tenda, Nuova la Verità, Nuova la Grazia. Tutto in Lui è nuovo, perché Nuova ed Eterna è la Persona che opera tutto questo.
L’Incarnazione del Verbo è il Nuovo Assoluto di Dio. Tanto Nuovo, che anche in Dio tutto è Nuovo a partire dall’Incarnazione.
Anche Dio è Nuovo a partire dall’Incarnazione. Prima Dio era solo Dio. Era solo Purissima Divinità. Ora nel Figlio è Purissima Divinità, ma anche Santissima Umanità. Dio è uomo, vero uomo. È Vero Dio, nel Figlio, ma è anche Vero Uomo. È Nuovo per la Nuova Essenza che è divenuto nell’Incarnazione.
[5]Questi però attendono a un servizio che è una copia e un'ombra delle realtà celesti, secondo quanto fu detto da Dio a Mosè, quando stava per costruire la Tenda: Guarda, disse, di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte.
L’Autore fa un passo in avanti, tanto avanti che è prima ancora dell’istituzione del Sacerdozio di Aronne.
La Tenda del Convegno fu costruita da Mosè. Fu però il Signore a ordinare la sua costruzione e anche a fornirgli il modello. Tutto questo è mirabilmente raccontato nel Libro dell’Esodo (c. 25), in questi termini:
“Il Signore disse a Mosè: Ordina agli Israeliti che raccolgano per me un'offerta. La raccoglierete da chiunque sia generoso di cuore. Ed ecco che cosa raccoglierete da loro come contributo: oro, argento e rame, tessuti di porpora viola e rossa, di scarlatto, di bisso e di pelo di capra, pelle di montone tinta di rosso, pelle di tasso e legno di acacia, olio per il candelabro, balsami per unguenti e per l'incenso aromatico, pietre di ònice e pietre da incastonare nell'efod e nel pettorale. Essi mi faranno un santuario e io abiterò in mezzo a loro. Eseguirete ogni cosa secondo quanto ti mostrerò, secondo il modello della Dimora e il modello di tutti i suoi arredi.
Faranno dunque un'arca di legno di acacia: avrà due cubiti e mezzo di lunghezza, un cubito e mezzo di larghezza, un cubito e mezzo di altezza. La rivestirai d'oro puro: dentro e fuori la rivestirai e le farai intorno un bordo d'oro. Fonderai per essa quattro anelli d'oro e li fisserai ai suoi quattro piedi: due anelli su di un lato e due anelli sull'altro.
Farai stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro. Introdurrai le stanghe negli anelli sui due lati dell'arca per trasportare l'arca con esse. Le stanghe dovranno rimanere negli anelli dell'arca: non verranno tolte di lì.
Nell'arca collocherai la Testimonianza che io ti darò.
Farai il coperchio, o propiziatorio, d'oro puro; avrà due cubiti e mezzo di lunghezza e un cubito e mezzo di larghezza.
Farai due cherubini d'oro: li farai lavorati a martello sulle due estremità del coperchio. Fa’ un cherubino ad una estremità e un cherubino all'altra estremità. Farete i cherubini tutti di un pezzo con il coperchio alle sue due estremità. I cherubini avranno le due ali stese di sopra, proteggendo con le ali il coperchio; saranno rivolti l'uno verso l'altro e le facce dei cherubini saranno rivolte verso il coperchio.
Porrai il coperchio sulla parte superiore dell'arca e collocherai nell'arca la Testimonianza che io ti darò. Io ti darò convegno appunto in quel luogo: parlerò con te da sopra il propiziatorio, in mezzo ai due cherubini che saranno sull'arca della Testimonianza, ti darò i miei ordini riguardo agli Israeliti.
Farai una tavola di legno di acacia: avrà due cubiti di lunghezza, un cubito di larghezza, un cubito e mezzo di altezza. La rivestirai d'oro puro e le farai intorno un bordo d'oro.
Le farai attorno una cornice di un palmo e farai un bordo d'oro per la cornice.
Le farai quattro anelli d'oro e li fisserai ai quattro angoli che costituiranno i suoi quattro piedi. Gli anelli saranno contigui alla cornice e serviranno a inserire le stanghe destinate a trasportare la tavola.
Farai le stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro; con esse si trasporterà la tavola.
Farai anche i suoi accessori, piatti, coppe, anfore e tazze per le libazioni: li farai d'oro puro. Sulla tavola collocherai i pani dell'offerta: saranno sempre alla mia presenza.
Farai anche un candelabro d'oro puro. Il candelabro sarà lavorato a martello, il suo fusto e i suoi bracci; i suoi calici, i suoi bulbi e le sue corolle saranno tutti di un pezzo. Sei bracci usciranno dai suoi lati: tre bracci del candelabro da un lato e tre bracci del candelabro dall'altro lato. Vi saranno su di un braccio tre calici in forma di fiore di mandorlo, con bulbo e corolla e così anche sull'altro braccio tre calici in forma di fiore di mandorlo, con bulbo e corolla. Così sarà per i sei bracci che usciranno dal candelabro. Il fusto del candelabro avrà quattro calici in forma di fiore di mandorlo, con i loro bulbi e le loro corolle: un bulbo sotto i due bracci che si dipartano da esso e un bulbo sotto gli altri due bracci e un bulbo sotto i due altri bracci che si dipartano da esso; così per tutti i sei bracci che escono dal candelabro. I bulbi e i relativi bracci saranno tutti di un pezzo: il tutto sarà formato da una sola massa d'oro puro lavorata a martello.
Farai le sue sette lampade: vi si collocheranno sopra in modo da illuminare lo spazio davanti ad esso. I suoi smoccolatoi e i suoi portacenere saranno d'oro puro. Lo si farà con un talento di oro puro, esso con tutti i suoi accessori. Guarda ed eseguisci secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte”.
Era questo il “luogo” della presenza di Dio sulla terra. Da questo “luogo” Dio parlava a Mosè.
Cosa in verità ci vuole dire l’Autore?
Si è detto che tra i due sacerdozi – quello di Cristo e l’altro di Aronne – non c’è alcun punto di contatto. Sono sostanzialmente differenti.
A questa differenza sostanziale apporta un nuovo elemento che serve per distanziarla ancora di più.
La Tenda del Convegno sulla terra era una copia, o un’ombra, o figura delle realtà celesti, cioè della Tenda del Cielo.
Se è figura la Tenda, figura è anche il sacerdozio, figura è l’offerta. Tutto è figura.
La figura non è realtà. È ciò che rinvia alla realtà, non ancora presente, ma che sta per venire, sta per compiersi.
La realtà del Sacerdozio è quello di Cristo. La verità del Sacerdote è Cristo. Tutti gli altri che furono prima di Lui hanno esercitato un ministero che è solo figura di ciò che sarà il vero ministero e sono anche loro un’ombra, una figura del vero sacerdote che è Cristo.
Con questa ulteriore puntualizzazione, l’Autore sposta l’asse della verità da Aronne a Cristo.
Non è più Aronne il punto di riferimento per comprendere il Sacerdozio di Cristo, è il Sacerdozio di Cristo che ci consente di comprendere il Sacerdozio di Aronne e di classificarlo come una figura, un’ombra, ma non la realtà del vero Sacerdozio e del vero Sacerdote che è Cristo Gesù.
Il Sacerdozio di Aronne deve scomparire dalla loro mente, come scompare il buio quando il sole splende in pieno meriggio. Cristo è la luce, Aronne è l’ombra. Appare la luce, scompare l’ombra; appare la realtà, scompare la figura, si eclissa, perde ogni sua consistenza, perché non è realtà, come un’ombra non è la realtà della persona, o della cosa che tratteggia e fa in qualche modo intravedere.
L’ombra però ha la sua importanza. Deve condurci alla realtà. Una volta consegnatici ad essa, deve scomparire, sparire, perché si gusti e si viva solo la verità della realtà.
Il Modello è Cristo. Modello di tutto, di ogni cosa. Modello anche della testimonianza contenuta nella tenda del convegno.
[6]Ora invece egli ha ottenuto un ministero tanto più eccellente quanto migliore è l'alleanza di cui è mediatore, essendo questa fondata su migliori promesse.
In questo versetto l’Autore ci dona tre verità, che ci manifestano con maggiore chiarezza l’essenza stessa del Sacerdozio di Cristo Gesù.
Egli, Gesù, ha ottenuto un ministero più eccellente
Quanto migliore è l’alleanza di cui è mediatore
Essendo questa fondata su migliori promesse
Da quanto viene affermato, si evince una intima connessione tra il Sacerdozio di Cristo, l’Alleanza migliore e le migliori promesse della stessa.
Essendo l’Alleanza migliore, perché migliori sono le promesse è necessario che vi sia anche un sacerdozio capace di portare ogni cosa a compimento.
Sarebbe veramente non senso promettere il “meglio”, stabilire per questo “meglio” promesso una migliore alleanza e poi non avere gli strumenti adatti, capaci di portare a termine, a pienezza di realizzazione quanto promesso e stabilito anche sulla base di un’alleanza.
Essendo le promesse migliori, migliore deve essere l’alleanza, ma soprattutto migliore deve essere il sacerdozio che realizza quanto il Signore ha voluto e sigillato con un patto.
Tuttavia c’è da precisare una verità, non contenuta in questo versetto, ma che deve essere necessariamente messa in luce, in tutta la sua chiarezza.
Dio ha potuto fare migliori promesse e anche annunziare un’alleanza migliore solo in vista di Cristo e del Suo Sacerdozio.
Ora, secondo lo spirito e anche la lettera del Nuovo Testamento, Cristo è stato pensato nella sua Incarnazione fin dall’eternità, prima ancora che Adamo fosse stato creato, Dio aveva già il suo disegno di Incarnazione.
Sempre secondo la lettera e lo spirito del Nuovo Testamento non è Cristo che fu fatto ad immagine di Adamo, è bensì Adamo che fu fatto, pensato ad immagine di Cristo.
Prima è pensato Cristo da Dio, poi Adamo e se Adamo è stato pensato, ciò è stato possibile in Dio in quanto Lui aveva già pensato a Cristo Gesù e lo aveva pensato per essere l’immagine vera di ogni uomo.
Ogni uomo è vero uomo se si fa ad immagine di Cristo Gesù, se realizza se stesso secondo la misura della verità e della carità che sono in Cristo Gesù. Questa è la nostra verità.
Ora se Cristo è prima della creazione dell’uomo, è prima del peccato, prima dell’Antica Alleanza, prima del sacerdozio che la reggeva, prima di ogni altra cosa. Non solo è prima, ma anche dopo. Tutto il dopo della creazione è finalizzato a Lui, deve trovare compimento del suo eterno sacerdozio alla maniera di Melchisedek.
Questa è la verità. Ed è anche questo il motivo per cui le cose migliori sono possibili perché Dio ha già Colui che le realizza.
Avendo chi le realizza, le può anche promettere. Altrimenti sarebbe stato impossibile per il Signore promettere qualcosa di così grande, senza la Persona capace di portare a compimento ogni cosa.
Fermarsi all’Antico Testamento e alle sue istituzioni, anche le più sante, è fermare lo stesso disegno di Dio, non un disegno nato dalla storia, ma l’unico disegno di Dio: quello pensato fin dall’eternità, quello nel quale tutto si rende comprensibile e tutto acquisisce la sua verità, compreso tutto l’Antico Testamento e la storia della salvezza prima della nascita dalla Vergine Maria del Verbo della vita.
Questo ci fa gettare uno sguardo nell’eternità, ci fa andare oltre il tempo e la storia, oltre il peccato e la trasgressione. Ci fa andare al disegno eterno di Dio che ha un solo scopo: quello di fare di ogni uomo sulla terra un’immagine di Cristo Gesù, l’Immagine eterna e storica del vero uomo.
Ma questa immagine non si costruisce fuori di Cristo, bensì in Lui, per Lui e con Lui ed è questa l’essenza primaria, fondamentale del suo Sacerdozio e non solamente quella di espiare i nostri peccati.
Gesù è il Sacerdote che si offre al Padre, ma anche il Sacerdote offerto dal Padre a noi, a noi dato, perché noi in lui ci facciamo, ci offriamo, diventiamo veri della sua stessa verità.
Sono queste le cose migliori contenute nell’alleanza migliore che Dio ha stabilito per noi nel Sangue del suo sommo ed eterno sacerdote, Gesù Cristo nostro Signore. Sacerdote che offre se stesso per noi, Sacerdote che è offerto dal Padre per noi, per la nostra vita e verità eterna.
È questo il suo ministero eccellente. È eccellente perché divino, eterno, stabilito dal Padre prima della creazione del mondo, prima che iniziasse la stessa storia.
[7]Se la prima infatti fosse stata perfetta, non sarebbe stato il caso di stabilirne un'altra.
Viene ora ribadita l’imperfezione della prima Alleanza. Perché allora Dio ha stabilito questa prima Alleanza, pur sapendo e conoscendo la sua imperfezione?
La risposta è già stata data, anche se non in modo chiaro ed esplicito, quando si è parlato dell’uomo storico e dell’uomo metafisico.
L’uomo creato da Dio è avvolto dal tempo. Possiamo dire che si fa nel tempo, perché nel tempo diviene.
Dio prende quest’uomo e con sommo amore, somma cura, somma benevolenza, somma attenzione inizia a condurlo verso la sua più alta umanizzazione.
Dio sa chi è l’uomo. Lo ha fatto a sua immagine e somiglianza. Questa immagine è stata come frantumata dal peccato. Frantumata, ma non distrutta, non abolita, non cancellata.
Si tratta ora di mettere ogni cosa al suo posto, ma non solamente ricucendo il tutto, quanto operando per nuova creazione, per un nuovo inizio della storia dell’umanità e questo nuovo inizio è in Cristo Gesù e nel suo mistero di morte e di risurrezione, di verità e di grazia, di santità e di giustizia. Questo nuovo inizio è nello Spirito Santo che crea la nuova vita nel cuore dell’uomo.
Ecco allora che tutto l’Antico Testamento, in ogni sua istituzione, è una tappa verso Cristo. Tutto il Nuovo invece è una tappa verso la conoscenza della verità tutta intera.
Ancora l’uomo conosce poco di Dio, sa niente di Lui. Sa poco e niente perché ancora poco e niente conosce della Rivelazione.
Lo Spirito Santo che conduce la Chiesa verso la verità tutta intera ancora non ha finito di parlare, di illuminare, di spiegare, di far comprendere.
È questa l’essenza dell’uomo storico: quella di camminare verso Dio nella comprensione della sua verità e mentre cammina nella verità, quella di farsi verità con l’aiuto dello Spirito Santo.
Farsi verità di Cristo in Cristo, con Cristo, per Cristo, nella novità sempre attuale che crea nel suo cuore lo Spirito di Dio.
È questo il motivo per cui fu stabilita la prima Alleanza, come prima tappa verso la pienezza che si ottiene solamente grazie a Cristo e al suo Santo Spirito.
Allora non si può parlare di sostituzione vera e propria. Si deve parlare più correttamente di cammino storico dell’uomo e la storia progredisce da ciò che è imperfetto verso ciò che è perfetto e da ciò che è inefficace verso ciò che è efficace.
Se comprendiamo questo, riusciamo anche a comprendere l’agire di Dio e l’immensa misericordia che ha verso di noi, oggi, ieri, domani, sempre.
[8]Dio infatti, biasimando il suo popolo, dice: Ecco vengono giorni, dice il Signore, quando io stipulerò con la casa d'Israele e con la casa di Giuda un'alleanza nuova;
Viene ora riportato per intero il passo di Geremia (31,31-34), che contiene la promessa del Signore di stringere con il suo popolo una nuova alleanza.
Il passo è già stato riportato per intero nelle pagine precedenti, incluso tutto il capitolo 31.
Ora a noi interessa individuare con esattezza tutti gli elementi di questa nuova alleanza e fare, se possibile, il collegamento con Cristo Gesù.
La prima affermazione dell’Autore è questa: Dio biasimando il suo popolo, dice…
Questo biasimo è la constatazione che un’alleanza fondata solo sulla vecchia natura dell’uomo non può produrre frutti di verità e di giustizia.
Se l’uomo, per la sua natura corrotta dal peccato, potesse osservare tutta la legge di Dio, veramente non ci sarebbe bisogno di altro.
Una verità deve essere chiarita fin da subito.
Il peccato, ogni peccato, non è solamente una violazione esterna della Legge. Se fosse una violazione esterna della Legge, la Legge verrebbe violata, ma l’uomo resterebbe intatto nella sua natura, nella sua essenza.
Il peccato in questo caso sarebbe fuori di lui, non in lui. Lui resterebbe intatto in se stesso e quindi, anche se ha offeso Dio in modo grave, a Dio si chiede perdono e tutto ritornerebbe come prima.
Questo sarebbe il risultato, se il peccato fosse solo una trasgressione di legge, anche della più santa e più sacra.
Invece il peccato non è solamente questo. Non è solamente offesa a Dio e agli uomini, distruzione dell’amicizia con Dio e con gli uomini.
Il peccato è morte: morte nell’anima, nello spirito, nel corpo. Morte nell’intelligenza e nella volontà. Morte nei sentimenti e nelle relazioni. Morte della stessa unità nell’uomo tra le sue facoltà.
Da questa morte non ci si risolleva da sé. Né la Legge ha questa forza di riportare l’uomo nella sua vita vera.
Il biasimo allora diviene constatazione storica di Dio, fatta per mezzo del profeta, di una impossibilità dell’uomo di osservare la Legge, perché la natura corrotta dalla morte, è incapace, non può, non sa, non vede, è cieca, sorda, muta ad ogni richiamo del Signore.
Con Geremia è venuto il momento, poiché i tempi sono maturi, per il Signore di dare pienezza di verità al futuro dell’uomo.
Egli fa tutto questo attraverso una promessa: ecco vengono giorni, dice il Signore, quando io stipulerò con la casa d’Israele e con la casa di Giuda un’alleanza nuova.
È, questa, vera profezia di un avvenimento che si compirà un giorno: sappiamo che si compirà, non sappiamo quando si compirà. Il quando non appartiene alla rivelazione. Alla rivelazione appartiene l’evento.
È l’evento il vero contenuto della profezia. Ogni evento della profezia però si può compiere nel cielo o sulla terra, ma anche in un lontano futuro, come anche immediato.
Le parole usate ci dicono che avverrà di certo, resta però ignota la data del suo compimento: ecco verranno giorni…
Altra verità da sottolineare è questa: ciò che il Signore promette non riguarda solo una parte della discendenza di Abramo, bensì ogni singola tribù dei Figli di Israele.
Che il popolo del Signore sia diviso, questo non implica che l’alleanza si fa con una tribù e si escludano le altre.
La promessa della benedizione nella discendenza di Abramo è con tutti i figli di Abramo. Con tutti loro il Signore stringerà nei giorni che verranno questa alleanza nuova.
Questo ci fa dire che il peccato può anche distruggere il disegno eterno di Dio sull’uomo. Il Signore, però, ha come finalità, scopo, intenzione di ristabilire l’uomo – non un uomo, o quest’uomo – nel suo progetto originario, eterno, stabilito e fondato per lui prima della sua stessa creazione.
Questo ci fa dire anche che il peccato non può mutare la volontà di Dio, perché essa è stata stabilita prima dello stesso peccato.
Ognuno però ha la potestà di rendere nullo per sé il disegno eterno di Dio, ma mai impedire che Dio lo possa realizzare in tutto il suo splendore di vita eterna, vita divina, vita cristica.
Ciò che il Signore farà è la stipula di un’alleanza nuova. È nuova per rapporto a quella antica. Ma non è nuova solamente perché quella è stata e, quindi, è già vecchia, questa sarà e, quindi, è nuova.
È nuova perché nuovi saranno i contenuti di questa alleanza, nuove le promesse. L’Autore ci ha già detto che le promesse sono migliori e per questo l’alleanza è migliore e migliore è anche il sacerdozio sul quale viene stabilita e fondata.
[9]non come l'alleanza che feci con i loro padri, nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dalla terra d'Egitto; poiché essi non son rimasti fedeli alla mia alleanza, anch'io non ebbi più cura di loro, dice il Signore.
È giusto che ci chiediamo in che cosa consistesse esattamente questa alleanza.
Per avere la più perfetta conoscenza possibile, prima presenteremo il testo così come esso è esposto nel Libro dell’Esodo e inseguito lo si analizzerà nei suoi elementi fondamentali.
Ecco Il testo e le modalità dell’alleanza secondo l’Esodo. Si riportano in successione e per intero i capitoli 19.20.21.22.23.24.
Dopo aver preso visione di quanto è avvenuto al Sinai, verranno offerti in sintesi gli elementi costitutivi dell’Alleanza.
Es. 19: “Al terzo mese dall'uscita degli Israeliti dal paese di Egitto, proprio in quel giorno, essi arrivarono al deserto del Sinai. Levato l'accampamento da Refidim, arrivarono al deserto del Sinai, dove si accamparono; Israele si accampò davanti al monte. Mosè salì verso Dio e il Signore lo chiamò dal monte, dicendo: Questo dirai alla casa di Giacobbe e annuncerai agli Israeliti: Voi stessi avete visto ciò che io ho fatto all'Egitto e come ho sollevato voi su ali di aquile e vi ho fatti venire fino a me. Ora, se vorrete ascoltare la mia voce e custodirete la mia alleanza, voi sarete per me la proprietà tra tutti i popoli, perché mia è tutta la terra! Voi sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa. Queste parole dirai agli Israeliti.
Mosè andò, convocò gli anziani del popolo e riferì loro tutte queste parole, come gli aveva ordinato il Signore. Tutto il popolo rispose insieme e disse: Quanto il Signore ha detto, noi lo faremo.
Mosè tornò dal Signore e riferì le parole del popolo. Il Signore disse a Mosè: Ecco, io sto per venire verso di te in una densa nube, perché il popolo senta quando io parlerò con te e credano sempre anche a te. Mosè riferì al Signore le parole del popolo.
Il Signore disse a Mosè: Va’ dal popolo e purificalo oggi e domani: lavino le loro vesti e si tengano pronti per il terzo giorno, perché nel terzo giorno il Signore scenderà sul monte Sinai alla vista di tutto il popolo. Fisserai per il popolo un limite tutto attorno, dicendo: Guardatevi dal salire sul monte e dal toccare le falde. Chiunque toccherà il monte sarà messo a morte. Nessuna mano però dovrà toccare costui: dovrà essere lapidato o colpito con tiro di arco. Animale o uomo non dovrà sopravvivere. Quando suonerà il corno, allora soltanto essi potranno salire sul monte.
Mosè scese dal monte verso il popolo; egli fece purificare il popolo ed essi lavarono le loro vesti. Poi disse al popolo: Siate pronti in questi tre giorni: non unitevi a donna.
Appunto al terzo giorno, sul far del mattino, vi furono tuoni, lampi, una nube densa sul monte e un suono fortissimo di tromba: tutto il popolo che era nell'accampamento fu scosso da tremore. Allora Mosè fece uscire il popolo dall'accampamento incontro a Dio. Essi stettero in piedi alle falde del monte. Il monte Sinai era tutto fumante, perché su di esso era sceso il Signore nel fuoco e il suo fumo saliva come il fumo di una fornace: tutto il monte tremava molto. Il suono della tromba diventava sempre più intenso: Mosè parlava e Dio gli rispondeva con voce di tuono.
Il Signore scese dunque sul monte Sinai, sulla vetta del monte, e il Signore chiamò Mosè sulla vetta del monte. Mosè salì. Poi il Signore disse a Mosè: Scendi, scongiura il popolo di non irrompere verso il Signore per vedere, altrimenti ne cadrà una moltitudine! Anche i sacerdoti, che si avvicinano al Signore, si tengano in stato di purità, altrimenti il Signore si avventerà contro di loro!.
Mosè disse al Signore: Il popolo non può salire al monte Sinai, perché tu stesso ci hai avvertiti dicendo: Fissa un limite verso il monte e dichiaralo sacro.
Il Signore gli disse: Va’, scendi, poi salirai tu e Aronne con te. Ma i sacerdoti e il popolo non si precipitino per salire verso il Signore, altrimenti egli si avventerà contro di loro!. Mosè scese verso il popolo e parlò”.
Es. 20: “Dio allora pronunciò tutte queste parole: Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, ma che dimostra il suo favore fino a mille generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandi.
Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascerà impunito chi pronuncia il suo nome invano.
Ricordati del giorno di sabato per santificarlo: sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che dimora presso di te. Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo ha dichiarato sacro.
Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti da il Signore, tuo Dio. Non uccidere. Non commettere adulterio. Non rubare. Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
Non desiderare la casa del tuo prossimo. Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo.
Tutto il popolo percepiva i tuoni e i lampi, il suono del corno e il monte fumante. Il popolo vide, fu preso da tremore e si tenne lontano. Allora dissero a Mosè: Parla tu a noi e noi ascolteremo, ma non ci parli Dio, altrimenti moriremo!
Mosè disse al popolo: Non abbiate timore: Dio è venuto per mettervi alla prova e perché il suo timore vi sia sempre presente e non pecchiate.
Il popolo si tenne dunque lontano, mentre Mosè avanzò verso la nube oscura, nella quale era Dio. Il Signore disse a Mosè: Dirai agli Israeliti: Avete visto che vi ho parlato dal cielo! Non fate dei d'argento e dei d'oro accanto a me: non fatene per voi! Farai per me un altare di terra e, sopra, offrirai i tuoi olocausti e i tuoi sacrifici di comunione, le tue pecore e i tuoi buoi; in ogni luogo dove io vorrò ricordare il mio nome, verrò a te e ti benedirò. Se tu mi fai un altare di pietra, non lo costruirai con pietra tagliata, perché alzando la tua lama su di essa, tu la renderesti profana. Non salirai sul mio altare per mezzo di gradini, perché là non si scopra la tua nudità.
Es. 21: Queste sono le norme che tu esporrai loro. Quando tu avrai acquistato uno schiavo ebreo, egli ti servirà per sei anni e nel settimo potrà andarsene libero, senza riscatto. Se è entrato solo, uscirà solo; se era coniugato, sua moglie se ne andrà con lui. Se il suo padrone gli ha dato moglie e questa gli ha partorito figli o figlie, la donna e i suoi figli saranno proprietà del padrone ed egli se ne andrà solo. Ma se lo schiavo dice: Io sono affezionato al mio padrone, a mia moglie, ai miei figli; non voglio andarmene in libertà, allora il suo padrone lo condurrà davanti a Dio, lo farà accostare al battente o allo stipite della porta e gli forerà l'orecchio con la lesina; quegli sarà suo schiavo per sempre.
Quando un uomo venderà la figlia come schiava, essa non se ne andrà come se ne vanno gli schiavi. Se essa non piace al padrone, che così non se la prende come concubina, la farà riscattare. Comunque egli non può venderla a gente straniera, agendo con frode verso di lei. Se egli la vuol dare come concubina al proprio figlio, si comporterà nei suoi riguardi secondo il diritto delle figlie. Se egli ne prende un'altra per sé, non diminuirà alla prima il nutrimento, il vestiario, la coabitazione. Se egli non fornisce a lei queste cose, essa potrà andarsene, senza che sia pagato il prezzo del riscatto.
Colui che colpisce un uomo causandone la morte, sarà messo a morte. Però per colui che non ha teso insidia, ma che Dio gli ha fatto incontrare, io ti fisserò un luogo dove potrà rifugiarsi.
Ma, quando un uomo attenta al suo prossimo per ucciderlo con inganno, allora lo strapperai anche dal mio altare, perché sia messo a morte.
Colui che percuote suo padre o sua madre sarà messo a morte.
Colui che rapisce un uomo e lo vende, se lo si trova ancora in mano a lui, sarà messo a morte.
Colui che maledice suo padre o sua madre sarà messo a morte.
Quando alcuni uomini rissano e uno colpisce il suo prossimo con una pietra o con il pugno e questi non è morto, ma debba mettersi a letto, se poi si alza ed esce con il bastone, chi lo ha colpito sarà ritenuto innocente, ma dovrà pagare il riposo forzato e procurargli le cure.
Quando un uomo colpisce con il bastone il suo schiavo o la sua schiava e gli muore sotto le sue mani, si deve fare vendetta. Ma se sopravvive un giorno o due, non sarà vendicato, perché è acquisto del suo denaro.
Quando alcuni uomini rissano e urtano una donna incinta, così da farla abortire, se non vi è altra disgrazia, si esigerà un'ammenda, secondo quanto imporrà il marito della donna, e il colpevole pagherà attraverso un arbitrato.Ma se segue una disgrazia, allora pagherai vita per vita: occhio per occhio, dente per dente, mano per mano, piede per piede, bruciatura per bruciatura, ferita per ferita, livido per livido.
Quando un uomo colpisce l'occhio del suo schiavo o della sua schiava e lo acceca, gli darà la libertà in compenso dell'occhio. Se fa cadere il dente del suo schiavo o della sua schiava, gli darà la libertà in compenso del dente.
Quando un bue cozza con le corna contro un uomo o una donna e ne segue la morte, il bue sarà lapidato e non se ne mangerà la carne. Però il proprietario del bue è innocente. Ma se il bue era solito cozzare con le corna già prima e il padrone era stato avvisato e non lo aveva custodito, se ha causato la morte di un uomo o di una donna, il bue sarà lapidato e anche il suo padrone dev'essere messo a morte. Se invece gli viene imposta una compensazione, egli pagherà il riscatto della propria vita, secondo quanto gli verrà imposto. Se cozza con le corna contro un figlio o se cozza contro una figlia, si procederà nella stessa maniera. Se il bue colpisce con le corna uno schiavo o una schiava, si pagheranno al padrone trenta sicli d'argento e il bue sarà lapidato.
Quando un uomo lascia una cisterna aperta oppure quando un uomo scava una cisterna e non la copre, se vi cade un bue o un asino, il proprietario della cisterna deve dare l'indennizzo: verserà il denaro al padrone della bestia e l'animale morto gli apparterrà.
Quando il bue di un uomo cozza contro il bue del suo prossimo e ne causa la morte, essi venderanno il bue vivo e se ne divideranno il prezzo; si divideranno anche la bestia morta. Ma se è notorio che il bue cozzava già prima e il suo padrone non lo ha custodito, egli dovrà dare come indennizzo bue per bue e la bestia morta gli apparterrà.
Quando un uomo ruba un bue o un montone e poi lo scanna o lo vende, darà come indennizzo cinque capi di grosso bestiame per il bue e quattro capi di bestiame per il montone”.
Es. 22: “Se un ladro viene sorpreso mentre sta facendo una breccia in un muro e viene colpito e muore, non vi è vendetta di sangue. Ma se il sole si era già alzato su di lui, a suo riguardo vi è vendetta di sangue. Il ladro dovrà dare l'indennizzo: se non avrà di che pagare, sarà venduto in compenso dell'oggetto rubato. Se si trova ancora in vita e in suo possesso ciò che è stato rubato, si tratti di bue, di asino o di montone, restituirà il doppio.
Quando un uomo usa come pascolo un campo o una vigna e lascia che il suo bestiame vada a pascolare nel campo altrui, deve dare l'indennizzo con il meglio del suo campo e con il meglio della sua vigna.
Quando un fuoco si propaga e si attacca ai cespugli spinosi, se viene bruciato un mucchio di covoni o il grano in spiga o il grano in erba, colui che ha provocato l'incendio darà l'indennizzo.
Quando un uomo dá  in custodia al suo prossimo argento od oggetti e poi nella casa di questo uomo viene commesso un furto, se si trova il ladro, restituirà il doppio. Se il ladro non si trova, il padrone della casa si accosterà a Dio per giurare che non ha allungato la mano sulla proprietà del suo prossimo. Qualunque sia l'oggetto di una frode, si tratti di un bue, di un asino, di un montone, di una veste, di qualunque oggetto perduto, di cui uno dice: E` questo!, la causa delle due parti andrà fino a Dio: colui che Dio dichiarerà colpevole restituirà il doppio al suo prossimo.
Quando un uomo dá  in custodia al suo prossimo un asino o un bue o un capo di bestiame minuto o qualsiasi bestia, se la bestia è morta o si è prodotta una frattura o è stata rapita senza testimone, tra le due parti interverrà un giuramento per il Signore, per dichiarare che il depositario non ha allungato la mano sulla proprietà del suo prossimo. Il padrone della bestia accetterà e l'altro non dovrà restituire. Ma se la bestia è stata rubata quando si trovava presso di lui, pagherà l'indennizzo al padrone di essa. Se invece è stata sbranata, la porterà in testimonianza e non dovrà dare l'indennizzo per la bestia sbranata.
Quando un uomo prende in prestito dal suo prossimo una bestia e questa si è prodotta una frattura o è morta in assenza del padrone, dovrà pagare l'indennizzo. Ma se il padrone si trova presente, non deve restituire; se si tratta di una bestia presa a nolo, la sua perdita è compensata dal prezzo del noleggio.
Quando un uomo seduce una vergine non ancora fidanzata e pecca con lei, ne pagherà la dote nuziale ed essa diverrà sua moglie. Se il padre di lei si rifiuta di dargliela, egli dovrà versare una somma di denaro pari alla dote nuziale delle vergini.
Non lascerai vivere colei che pratica la magìa.
Chiunque si abbrutisce con una bestia sia messo a morte.
Colui che offre un sacrificio agli dei, oltre al solo Signore, sarà votato allo sterminio.
Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete stati forestieri nel paese d'Egitto.
Non maltratterai la vedova o l'orfano. Se tu lo maltratti, quando invocherà da me l'aiuto, io ascolterò il suo grido, la mia collera si accenderà e vi farò morire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figli orfani.
Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all'indigente che sta con te, non ti comporterai con lui da usuraio: voi non dovete imporgli alcun interesse.
Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimo, glielo renderai al tramonto del sole, perché è la sua sola coperta, è il mantello per la sua pelle; come potrebbe coprirsi dormendo? Altrimenti, quando invocherà da me l'aiuto, io ascolterò il suo grido, perché io sono pietoso.
Non bestemmierai Dio e non maledirai il principe del tuo popolo.
Non ritarderai l'offerta di ciò che riempie il tuo granaio e di ciò che stilla dal tuo frantoio. Il primogenito dei tuoi figli lo darai a me. Così farai per il tuo bue e per il tuo bestiame minuto: sette giorni resterà con sua madre, l'ottavo giorno me lo darai.
Voi sarete per me uomini santi: non mangerete la carne di una bestia sbranata nella campagna, la getterete ai cani”.
Es. 23: “Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviare verso la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo.
Quando incontrerai il bue del tuo nemico o il suo asino dispersi, glieli dovrai ricondurre. Quando vedrai l'asino del tuo nemico accasciarsi sotto il carico, non abbandonarlo a se stesso: mettiti con lui ad aiutarlo.
Non farai deviare il giudizio del povero, che si rivolge a te nel suo processo. Ti terrai lontano da parola menzognera. Non far morire l'innocente e il giusto, perché io non assolvo il colpevole. Non accetterai doni, perché il dono acceca chi ha gli occhi aperti e perverte anche le parole dei giusti.
Non opprimerai il forestiero: anche voi conoscete la vita del forestiero, perché siete stati forestieri nel paese d'Egitto.
Credente.
00Friday, January 13, 2012 11:10 PM
Per sei anni seminerai la tua terra e ne raccoglierai il prodotto, ma nel settimo anno non la sfrutterai e la lascerai incolta: ne mangeranno gli indigenti del tuo popolo e ciò che lasceranno sarà divorato dalle bestie della campagna. Così farai per la tua vigna e per il tuo oliveto.
Per sei giorni farai i tuoi lavori, ma nel settimo giorno farai riposo, perché possano goder quiete il tuo bue e il tuo asino e possano respirare i figli della tua schiava e il forestiero.
Farete attenzione a quanto vi ho detto: non pronunciate il nome di altri dei; non si senta sulla tua bocca!
Tre volte all'anno farai festa in mio onore: Osserverai la festa degli azzimi: mangerai azzimi durante sette giorni, come ti ho ordinato, nella ricorrenza del mese di Abib, perché in esso sei uscito dall'Egitto. Non si dovrà comparire davanti a me a mani vuote. Osserverai la festa della mietitura, delle primizie dei tuoi lavori, di ciò che semini nel campo; la festa del raccolto, al termine dell'anno, quando raccoglierai il frutto dei tuoi lavori nei campi.
Tre volte all'anno ogni tuo maschio comparirà alla presenza del Signore Dio.
Non offrirai con pane lievitato il sangue del sacrificio in mio onore e il grasso della vittima per la mia festa non starà fino al mattino. Il meglio delle primizie del tuo suolo lo porterai alla casa del Signore, tuo Dio. Non farai cuocere un capretto nel latte di sua madre.
Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, ascolta la sua voce e non ribellarti a lui; egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, perché il mio nome è in lui.
Se tu ascolti la sua voce e fai quanto ti dirò, io sarò il nemico dei tuoi nemici e l'avversario dei tuoi avversari. Quando il mio angelo camminerà alla tua testa e ti farà entrare presso l'Amorreo, l'Hittita, il Perizzita, il Cananeo, l'Eveo e il Gebuseo e io li distruggerò, tu non ti prostrerai davanti ai loro dei e non li servirai; tu non ti comporterai secondo le loro opere, ma dovrai demolire e dovrai frantumare le loro stele.
Voi servirete al Signore, vostro Dio. Egli benedirà il tuo pane e la tua acqua. Terrò lontana da te la malattia. Non vi sarà nel tuo paese donna che abortisca o che sia sterile. Ti farò giungere al numero completo dei tuoi giorni. Manderò il mio terrore davanti a te e metterò in rotta ogni popolo in mezzo al quale entrerai; farò voltar le spalle a tutti i tuoi nemici davanti a te. Manderò i calabroni davanti a te ed essi scacceranno dalla tua presenza l'Eveo, il Cananeo e l'Hittita. Non li scaccerò dalla tua presenza in un solo anno, perché il paese non resti deserto e le bestie selvatiche si moltiplichino contro di te. A poco a poco li scaccerò dalla tua presenza, finché avrai tanti figli da occupare il paese.
Stabilirò il tuo confine dal Mare Rosso fino al mare dei Filistei e dal deserto fino al fiume, perché ti consegnerò in mano gli abitanti del paese e li scaccerò dalla tua presenza.
Ma tu non farai alleanza con loro e con i loro dei; essi non abiteranno più nel tuo paese, altrimenti ti farebbero peccare contro di me, perché tu serviresti i loro dei e ciò diventerebbe una trappola per te”.
Es. 24: “Aveva detto a Mosè: Sali verso il Signore tu e Aronne, Nadab e Abiu e insieme settanta anziani d'Israele; voi vi prostrerete da lontano, poi Mosè avanzerà solo verso il Signore, ma gli altri non si avvicineranno e il popolo non salirà con lui.
Mosè andò a riferire al popolo tutte le parole del Signore e tutte le norme. Tutto il popolo rispose insieme e disse: Tutti i comandi che ha dati il Signore, noi li eseguiremo!
Mosè scrisse tutte le parole del Signore, poi si alzò di buon mattino e costruì un altare ai piedi del monte, con dodici stele per le dodici tribù d'Israele.
Incaricò alcuni giovani tra gli Israeliti di offrire olocausti e di sacrificare giovenchi come sacrifici di comunione, per il Signore.
Mosè prese la metà del sangue e la mise in tanti catini e ne versò l'altra metà sull'altare.
Quindi prese il libro dell'alleanza e lo lesse alla presenza del popolo. Dissero: Quanto il Signore ha ordinato, noi lo faremo e lo eseguiremo!
Allora Mosè prese il sangue e ne asperse il popolo, dicendo: Ecco il sangue dell'alleanza, che il Signore ha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!.
Poi Mosè salì con Aronne, Nadab, Abiu e i settanta anziani di Israele. Essi videro il Dio d'Israele: sotto i suoi piedi vi era come un pavimento in lastre di zaffiro, simile in purezza al cielo stesso. Contro i privilegiati degli Israeliti non stese la mano: essi videro Dio e tuttavia mangiarono e bevvero.
Il Signore disse a Mosè: Sali verso di me sul monte e rimani lassù: io ti darò le tavole di pietra, la legge e i comandamenti che io ho scritto per istruirli.
Mosè si alzò con Giosuè, suo aiutante, e Mosè salì sul monte di Dio.
Agli anziani aveva detto: Restate qui ad aspettarci, fin quando torneremo da voi; ecco avete con voi Aronne e Cur: chiunque avrà una questione si rivolgerà a loro. Mosè salì dunque sul monte e la nube coprì il monte.
La Gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni. Al settimo giorno il Signore chiamò Mosè dalla nube. La Gloria del Signore appariva agli occhi degli Israeliti come fuoco divorante sulla cima della montagna.
Mosè entrò dunque in mezzo alla nube e salì sul monte. Mosè rimase sul monte quaranta giorni e quaranta notti”.
L’alleanza consta di quattro elementi, tutti costitutivi di essa, fondamentali, essenziali.
La Promessa di Dio: Ora, se vorrete ascoltare la mia voce e custodirete la mia alleanza, voi sarete per me la proprietà tra tutti i popoli, perché mia è tutta la terra! Voi sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione santa. Ecco, io mando un angelo davanti a te per custodirti sul cammino e per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, ascolta la sua voce e non ribellarti a lui; egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, perché il mio nome è in lui. Se tu ascolti la sua voce e fai quanto ti dirò, io sarò il nemico dei tuoi nemici e l'avversario dei tuoi avversari. Quando il mio angelo camminerà alla tua testa e ti farà entrare presso l'Amorreo, l'Hittita, il Perizzita, il Cananeo, l'Eveo e il Gebuseo e io li distruggerò, tu non ti prostrerai davanti ai loro dei e non li servirai; tu non ti comporterai secondo le loro opere, ma dovrai demolire e dovrai frantumare le loro stele. Voi servirete al Signore, vostro Dio. Egli benedirà il tuo pane e la tua acqua. Terrò lontana da te la malattia. Non vi sarà nel tuo paese donna che abortisca o che sia sterile. Ti farò giungere al numero completo dei tuoi giorni. Manderò il mio terrore davanti a te e metterò in rotta ogni popolo in mezzo al quale entrerai; farò voltar le spalle a tutti i tuoi nemici davanti a te. Manderò i calabroni davanti a te ed essi scacceranno dalla tua presenza l'Eveo, il Cananeo e l'Hittita. Non li scaccerò dalla tua presenza in un solo anno, perché il paese non resti deserto e le bestie selvatiche si moltiplichino contro di te. A poco a poco li scaccerò dalla tua presenza, finché avrai tanti figli da occupare il paese. Stabilirò il tuo confine dal Mare Rosso fino al mare dei Filistei e dal deserto fino al fiume, perché ti consegnerò in mano gli abitanti del paese e li scaccerò dalla tua presenza. Ma tu non farai alleanza con loro e con i loro dei; essi non abiteranno più nel tuo paese, altrimenti ti farebbero peccare contro di me, perché tu serviresti i loro dei e ciò diventerebbe una trappola per te”.
Il Dono della Legge: “Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei di fronte a me”. La Legge consta dei dieci comandamenti, ai quali vengono ad aggiungersi tutte le altre parole contenute nei cc. 20.21.22.23.
L’impegno del popolo: “Quindi prese il libro dell'alleanza e lo lesse alla presenza del popolo. Dissero: Quanto il Signore ha ordinato, noi lo faremo e lo eseguiremo!”.
L’atto di stipula: “Mosè scrisse tutte le parole del Signore, poi si alzò di buon mattino e costruì un altare ai piedi del monte, con dodici stele per le dodici tribù d'Israele. Incaricò alcuni giovani tra gli Israeliti di offrire olocausti e di sacrificare giovenchi come sacrifici di comunione, per il Signore. Mosè prese la metà del sangue e la mise in tanti catini e ne versò l'altra metà sull'altare… Allora Mosè prese il sangue e ne asperse il popolo, dicendo: Ecco il sangue dell'alleanza, che il Signore ha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!”.
Come si può constatare l’Alleanza è un patto, che si fonda su una promessa e su un impegno. La promessa è subordinata all’impegno. Se viene meno l’impegno, anche la promessa di certo verrà meno, perché non vi è più obbligo di osservare l’alleanza stipulata.
L’alleanza è nel segno del sangue. Sappiamo che il sangue è la vita. Una sola vita ormai dovrà esserci: quella di Dio, manifestata nella sua volontà, concretizzata nella Legge.
Se il popolo mantiene fede alla legge della vita, esso sarà sempre nella vita che Dio preparerà per lui. Se invece viene meno alla legge, esso ritornerà nella morte, perché senza osservanza della legge non c’è alleanza e quindi non c’è vita. La fedeltà alla legge manterrà sempre valida l’alleanza e quindi la promessa del Signore in favore del suo popolo.
La promessa, o la vita promessa, è quella contenuta nell’atto di fondazione, o di stipula dell’alleanza.
Come si può constatare tutto è fuori dell’uomo. Ancora Dio non ha posto mano al suo rinnovamento interiore. Per questo occorre una nuova alleanza. Sarà con questa che tutto avverrà nel cuore dell’uomo e niente più fuori di esso.
Il versetto 9 dal quale siamo partiti per cogliere la verità e la consistenza dell’Antica Alleanza ci dice che questa alleanza fu quasi sempre violata, calpestata. Poiché essa è bilaterale, il Signore non poteva mantenere fede alla sua promessa, che era condizionata, subordinata all’osservanza dei comandamenti, o semplicemente di tutta la Legge del Sinai.
L’Autore dice tutto questo con l’espressione: poiché essi non sono rimasti fedeli alla mia alleanza, anch'io non ebbi più cura di loro, dice il Signore.
Come si può constatare tutta l’Alleanza regge sulla Legge, è ai fini della Legge. La Legge è la volontà di Dio.
Israele si impegna a rimanere nella volontà di Dio. Questa è la vera essenza dell’Alleanza.
Tutto però è fuori dell’uomo e l’uomo stesso è lasciato nella sua vecchia natura, in quella che si è fatta dopo il peccato, natura divisa, impossibile da governare, difficile da aggiogare alla Legge di Dio.
Tuttavia lo abbiamo già detto: Dio lavora sempre con un uomo storico e l’uomo storico è quello che non solo è stato concepito nel peccato, ma anche quello che è stato deformato dalla sua cultura, cultura del tempo e dello spazio.
Quest’uomo il Signore prende, quest’uomo educa, quest’uomo forma, con quest’uomo stringe un’alleanza, con quest’uomo cammina. Lavorando e “faticando” con lui giorno e notte di sicuro riuscirà a condurlo dove è suo desiderio che venga condotto.
Con la promessa della Nuova Alleanza ciò che prima era fuori dell’uomo, ora si fa, diviene interiore all’uomo. Prima Dio ha cercato di entrare nel cuore dell’uomo attraverso la Legge, espressione della sua volontà. Ora è Lui stesso che vi entra. Sarà questa “entrata” che rinnoverà l’uomo.
Dio “entra” nell’uomo, perché l’uomo “entri” in Dio. La partecipazione della divina natura è il dono per eccellenza della Nuova Alleanza. Senza nulla anticipare di ciò che Dio ancora non dice espressamente, seguiamo l’Autore nei suoi ragionamenti, deduzioni e conclusioni.
[10]E questa è l'alleanza che io stipulerò con la casa d'Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori; sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo.
Prima la Legge è stata scritta su tavole di Pietra, subito rotte da Mosè a causa dell’infedeltà del popolo, a motivo della immediata violazione dell’Alleanza stipulata qualche giorno prima. È stato sufficiente che Mosè salisse sul Monte di Dio e vi restasse qualche giorno perché il popolo subito si corrompesse e si abbandonasse all’idolatria.
Ecco come sono andati i fatti, in quella prima trasgressione dell’Alleanza, con la conseguenza immediata della rottura delle Tavole della Legge appena consegnate a Mosè.
Es. 32 : Il popolo, vedendo che Mosè tardava a scendere dalla montagna, si affollò intorno ad Aronne e gli disse: Facci un dio che cammini alla nostra testa, perché a quel Mosè, l'uomo che ci ha fatti uscire dal paese d'Egitto, non sappiamo che cosa sia accaduto. Aronne rispose loro: Togliete i pendenti d'oro che hanno agli orecchi le vostre mogli e le vostre figlie e portateli a me. Tutto il popolo tolse i pendenti che ciascuno aveva agli orecchi e li portò ad Aronne. Egli li ricevette dalle loro mani e li fece fondere in una forma e ne ottenne un vitello di metallo fuso. Allora dissero: Ecco il tuo Dio, o Israele, colui che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto!
Ciò vedendo, Aronne costruì un altare davanti al vitello e proclamò: Domani sarà festa in onore del Signore. Il giorno dopo si alzarono presto, offrirono olocausti e presentarono sacrifici di comunione. Il popolo sedette per mangiare e bere, poi si alzò per darsi al divertimento.
Allora il Signore disse a Mosè: Va’, scendi, perché il tuo popolo, che tu hai fatto uscire dal paese d'Egitto, si è pervertito. Non hanno tardato ad allontanarsi dalla via che io avevo loro indicata! Si son fatti un vitello di metallo fuso, poi gli si sono prostrati dinanzi, gli hanno offerto sacrifici e hanno detto: Ecco il tuo Dio, Israele; colui che ti ha fatto uscire dal paese di Egitto.
Il Signore disse inoltre a Mosè: Ho osservato questo popolo e ho visto che è un popolo dalla dura cervice. Ora lascia che la mia ira si accenda contro di loro e li distrugga. Di te invece farò una grande nazione.
Mosè allora supplicò il Signore, suo Dio, e disse: Perché, Signore, divamperà la tua ira contro il tuo popolo, che tu hai fatto uscire dal paese d'Egitto con grande forza e con mano potente? Perché dovranno dire gli Egiziani: Con malizia li ha fatti uscire, per farli perire tra le montagne e farli sparire dalla terra? Desisti dall'ardore della tua ira e abbandona il proposito di fare del male al tuo popolo. Ricòrdati di Abramo, di Isacco, di Israele, tuoi servi, ai quali hai giurato per te stesso e hai detto: Renderò la vostra posterità numerosa come le stelle del cielo e tutto questo paese, di cui ho parlato, lo darò ai tuoi discendenti, che lo possederanno per sempre. Il Signore abbandonò il proposito di nuocere al suo popolo.
Mosè ritornò e scese dalla montagna con in mano le due tavole della Testimonianza, tavole scritte sui due lati, da una parte e dall'altra. Le tavole erano opera di Dio, la scrittura era scrittura di Dio, scolpita sulle tavole. Giosuè sentì il rumore del popolo che urlava e disse a Mosè: C'è rumore di battaglia nell'accampamento.
Ma rispose Mosè: Non è il grido di chi canta: Vittoria! Non è il grido di chi canta: Disfatta! Il grido di chi canta a due cori io sento. Quando si fu avvicinato all'accampamento, vide il vitello e le danze. Allora si accese l'ira di Mosè: egli scagliò dalle mani le tavole e le spezzò ai piedi della montagna.
Poi afferrò il vitello che quelli avevano fatto, lo bruciò nel fuoco, lo frantumò fino a ridurlo in polvere, ne sparse la polvere nell'acqua e la fece trangugiare agli Israeliti. Mosè disse ad Aronne: Che ti ha fatto questo popolo, perché tu l'abbia gravato di un peccato così grande?
Aronne rispose: Non si accenda l'ira del mio signore; tu stesso sai che questo popolo è inclinato al male. Mi dissero: Facci un dio, che cammini alla nostra testa, perché a quel Mosè, l'uomo che ci ha fatti uscire dal paese d'Egitto, non sappiamo che cosa sia capitato.
Allora io dissi: Chi ha dell'oro? Essi se lo sono tolto, me lo hanno dato; io l'ho gettato nel fuoco e ne è uscito questo vitello. Mosè vide che il popolo non aveva più freno, perché Aronne gli aveva tolto ogni freno, così da farne il ludibrio dei loro avversari.
Mosè si pose alla porta dell'accampamento e disse: Chi sta con il Signore, venga da me! Gli si raccolsero intorno tutti i figli di Levi. Gridò loro: Dice il Signore, il Dio d'Israele: Ciascuno di voi tenga la spada al fianco. Passate e ripassate nell'accampamento da una porta all'altra: uccida ognuno il proprio fratello, ognuno il proprio amico, ognuno il proprio parente. I figli di Levi agirono secondo il comando di Mosè e in quel giorno perirono circa tremila uomini del popolo. Allora Mosè disse: Ricevete oggi l'investitura dal Signore; ciascuno di voi è stato contro suo figlio e contro suo fratello, perché oggi Egli vi accordasse una benedizione.
Il giorno dopo Mosè disse al popolo: Voi avete commesso un grande peccato; ora salirò verso il Signore: forse otterrò il perdono della vostra colpa. Mosè ritornò dal Signore e disse: Questo popolo ha commesso un grande peccato: si sono fatti un dio d'oro. Ma ora, se tu perdonassi il loro peccato... E se no, cancellami dal tuo libro che hai scritto!
Il Signore disse a Mosè: Io cancellerò dal mio libro colui che ha peccato contro di me. Ora va’, conduci il popolo là dove io ti ho detto. Ecco il mio angelo ti precederà; ma nel giorno della mia visita li punirò per il loro peccato. Il Signore percosse il popolo, perché aveva fatto il vitello fabbricato da Aronne”.
Ora il Signore promette una cosa inaudita. Egli non scriverà più la Legge su delle tavole di pietra, la scriverà sulla tavola del loro cuore, che non sarà più di pietra, ma di carne.
Nella carne dell’uomo scriverà la legge. La scriverà nella mente, la scriverà nel cuore. La porrà e la imprimerà nell’essenza stessa dell’uomo.
Farà la mente di verità, il cuore di volontà di Dio. Questo può avvenire solo per una sostanziale, essenziale modifica dell’essere stesso dell’uomo.
Darà il Signore una nuova conformazione alla natura dell’uomo. Come ora essa è conformata al peccato e nel peccato, così quando il Signore stipulerà questa nuova alleanza, la mente e il cuore saranno conformati alla verità, alla volontà di Dio, alla Legge. Non si tratta quindi di un cambiamento di “materia” per scrivere la Legge: prima la pietra, ora il cuore e la mente; bensì del cambiamento “nella materia”.
La “materia” questa volta sarà il cuore e la mente dell’uomo, ma sarà la stessa materia ad essere trasformata, mutata, cambiata, fatta nuova.
La novità è questa: essa sarà fatta di volontà del Signore. La sua nuova “carne”, la carne della mente e del cuore sarà una carne intessuta, formata, scritta di volontà di Dio.
Come ora “naturalmente” l’uomo è formato di peccato, di peccato intessuto e quindi la sua natura è attratta dal peccato, perché il peccato chiama il peccato, così con la Nuova Alleanza, la natura dell’uomo formata di verità, di volontà di Dio, di Legge santa, verso la verità è attratta e dalla Legge è conquistata.
Essa vivrà per fare la volontà di Dio allo stesso modo che ora vive per stare lontano dalla volontà di Dio.
Lo si è potuto constatare con il “caso del vitello d’oro”. Mosè sale sul Monte di Dio e il popolo si lascia attrarre dall’idolatria. Lui è nell’intimo senza Dio e da chi non è Dio si lascia attrarre e conquistare.
Neanche Aronne ha potuto fare qualcosa. Non ha potuto fare, perché anche lui impastato di peccato e anche lui tendente per natura all’idolatria.
Il primo frutto di questa Nuova Alleanza è questo: Dio sarà il Signore del popolo, il popolo sceglierà Dio come suo Signore.
Dio sarà del popolo, il popolo sarà di Dio. Saranno l’Uno per l’altro nella verità, nella giustizia, nella Legge, nella vera santità.
Ci sarà un’attrazione reciproca, un dono reciproco. Questo dono e questa attrazione si chiama amore sponsale.
La Nuova Alleanza sarà nel segno dello sposalizio tra Dio e l’umanità, tra Dio e l’uomo, tra Dio è il popolo.
Questo sposalizio non potrà reggersi se non nella legge dell’amore e l’amore è il dono di Dio all’uomo e dell’uomo a Dio. Dono totale, completo, perfetto, eterno.
Dio scrive se stesso nel cuore dell’uomo, si imprime in esso, e l’uomo lo ama di un amore totalizzante il suo essere. Questa è la Nuova Alleanza che Dio promette di stipulare con la casa di Israele e con la casa di Giuda e per mezzo di esse, con tutta l’umanità.
[11]Né alcuno avrà più da istruire il suo concittadino, né alcuno il proprio fratello, dicendo: Conosci il Signore! Tutti infatti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande di loro.
Ciò che il Signore promette nella Nuova Alleanza è qualcosa di veramente inaudito.
Il Signore non è più conosciuto per istruzione, per formazione, per ammaestramento, o anche indottrinamento nel senso più buono del termine. Il Signore sarà conosciuto “naturalmente”. È come se la stessa natura dell’uomo fosse impregnata di vera, autentica conoscenza di Dio.
Qui bisogna operare una piccola distinzione: questa conoscenza di Dio, vera, autentica si differenzia dall’altra, quella dottrinale, che è conoscenza del mistero di Dio attraverso ciò che Dio ha rivelato e detto nel corso dei secoli.
Questa seconda conoscenza è una conoscenza storica, di ciò che è avvenuto, di ciò che è stato detto, di ciò che si è compreso di Dio e di come lo si è compreso. È una conoscenza che noi oggi diremmo teologica.
Altra invece è la conoscenza di cui parla il Signore nella promessa della Nuova Alleanza. Questa conoscenza è sapienziale, è il sentire secondo Dio, l’amare secondo Dio, il volere secondo Dio, il vedere ogni cosa secondo Dio, è relazionarsi con il mondo e con gli uomini secondo la verità di Dio, in ogni tempo, in ogni momento, in ogni relazione, in ogni evento della vita.
Questa conoscenza è sapienziale perché l’uomo gusta Dio in sé, sente il “sapore di Lui” e secondo questo sapore egli agisce.
Si tratta di una conoscenza “non razionalizzabile”, si ha nel cuore, nello spirito, nei sentimenti, nell’anima. Poiché la si ha, secondo essa anche si vive e si agisce sempre e in ogni modo.
Questa conoscenza è dono di Dio, ma perché lo si possa conservare nel cuore e poi vivere sempre e comunque secondo la sua forza di verità, occorre che il cuore dell’uomo sia nella santità, sia cioè sempre nel perfetto amore del suo Dio e per questo occorre che Lui metta ogni impegno a vincere la tentazione, a stare lontano dal peccato, a vivere crescendo ogni giorno di più in grazia, per crescere in sapienza.
È questa conoscenza sapienziale, “naturale”, perché dono di Dio alla nostra natura redenta e santificata in Cristo, la forza del cristianesimo.
Nel cristianesimo non sono le alte scuole di dottrina la sua forza, sono invece i suoi figli che hanno scelto di amare Dio e in questo amore trasmettono tutta la sapienza che è in loro.
Questo ci fa dire che le anime più semplici, quelle che non sanno neanche cosa sia il Vangelo perché mai lo hanno letto, quelle che mai hanno frequentato un corso di catechismo, sono proprio queste che possiedono una coscienza così delicata, così formata, così attenta fino a rasentare lo scrupolo, capace di discernere il bene dal male, il vero dal falso, il giusto dall’ingiusto in una precisione divina.
Dinanzi a queste coscienze bisogna solamene inchinarsi, lodare il Signore, benedirlo e ringraziarlo perché mai abbandona i suoi figli e con vie che solo lui conosce le forma alla scuola della sua sapienza e dona loro il gusto di Sé, della sua verità, del suo mistero, della sua santità, della sua volontà. Dona anche la forza per compiere ciò che di Dio si gusta di giorno in giorno, in un cammino di una sempre più grande santità.
Nessuno dovrà istruire l’altro, perché chi istruisce i cuori è il Signore. Nessuno dovrà formare l’altro, perché chi forma è Dio. Tutti conosceranno il Signore, dal più piccolo al più grande, perché il dono di Dio è veramente per tutti, nessuno escluso, dal momento che la salvezza è per tutti e che Dio non fa preferenze di persone. L’amore è verso tutti, è universale, senza alcuna distinzione né di età, né di cultura, né di luogo, né di alcuna altra motivazione della nostra terra.
Questo significa forse che non ci sia bisogno dell’altra formazione, quella teologica, che è conoscenza esterna, per apprendimento.
Dell’altra abbiamo bisogno, ma solo se questa conoscenza sapienziale è in noi. Se questa manca, l’altra non ci sarà di alcuno aiuto. Sarà una cosa esteriore a noi, come ogni altra conoscenza acquisita, ma in nessun caso toccherà la nostra anima, il nostro cuore, i nostri sentimenti.
Altra verità è questa: ognuno di noi deve chiedere a Dio per sé e per gli altri questo dono, il dono di questa sapienza. Deve chiederlo con preghiera incessante, perché sarà su questa sapienza che si costruirà la propria santificazione.
È infatti questa sapienza che ci dona il vero gusto di Dio; l’altra al massimo potrà servire come punto di confronto, di verifica. In nessun caso l’altra potrà sostituire questa.
Questa conoscenza sapienziale è a fondamento di ogni altra conoscenza e chi non possiede questa, anche se possiede le altre – e sarà veramente difficile che le possa possedere – quelle non lo aiutano in nessun caso nel cammino della sua salvezza, perché non lo portano alla vera santificazione del suo corpo e della sua anima.
Questa conoscenza è dono attuale di Dio. Il Signore lo versa nei nostri cuori, versando quotidianamente il suo Spirito di sapienza, di conoscenza, di scienza, di pietà, di fortezza, di amore, di timore, di santità, di verità, di scienza e di dottrina.
È lo Spirito il creatore nei cuori di questa vera sapienza e conoscenza per trasformazione della nostra natura, secondo quanto detto quando si è parlato del significato della scrittura della legge nel nostro cuore e nella nostra mente.
[12]Perché io perdonerò le loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati.
Ciò che il Signore promette ora è qualcosa di veramente inaudito, nuovo, nuovissimo.
Il Signore promette di perdonare le iniquità del suo popolo, di non ricordarsi più dei suoi peccati.
Il perdono di Dio non avviene solo per la cancellazione del debito, per un atto giuridico. Lui cancella il debito e il peccato non c’è più, la colpa è stata rimessa.
Dio non perdona cancellando solo il peccato. Dio perdona rinnovando l’uomo, trasformandolo, togliendo ed eliminando anche le conseguenze del peccato, di ogni peccato.
A volte le conseguenze fisiche non si possono eliminare, quelle spirituali sì che si possono eliminare. Queste conseguenze il Signore le elimina tutte, perché il suo concetto di perdono è di nuova creazione, di una “fattura” nuova del cuore e della mente dell’uomo.
Se colleghiamo il perdono delle iniquità con la scrittura nel cuore della legge, comprendiamo perfettamente tutti i benefici della Nuova Alleanza promessa al suo popolo per bocca del profeta Geremia.
Questa Nuova Alleanza può essere compresa secondo verità solo se si fa riferimento alla nuova creazione dell’uomo, alla formazione in noi di una vera nuova natura, nuova nascita, nuova vita, nuova essenza, nuova storia, nuova relazione, nuova esistenza dell’uomo.
Tutto questo ci è concesso attraverso una generazione nuova. Questa generazione è vera morte al peccato, vera risurrezione in novità di vita. Questa novità di vita è per nuova nascita: nascita da acqua e da Spirito Santo.
Nel perdono il Signore non ricorda le colpe cancellate. Non le ricorda perché con la rigenerazione è come se il soggetto che ha peccato non esistesse più. C’è, ma è come se non esiste. Non esiste perché è morto al peccato e chi muore, muore con tutta la sua natura e la trasporta nel sepolcro.
Colui che è morto è rinato però a nuova vita. Ora è proprio questa nuova rinascita che fa sì che il peccato non venga più ricordato. Non può più essere ricordato, perché il soggetto che ha peccato è morto, senza però rimanere nella morte: è morto, ma è ritornato in vita.
Questo ci fa dire che la cancellazione delle colpe, o il non ricordo delle iniquità non è solamente un atto della volontà di Dio, che toglie, ma che lascia l’uomo così come egli è: nella sua natura corrotta, di peccato, di male.
Il non ricordo è insieme per cancellazione e per creazione di una nuova natura; è per perdono ma anche per generazione nuova. Chi si veste di una nuova natura, chi viene nuovamente generato, perde il male di cui era avvolto, acquisisce tutta la ricchezza spirituale della nuova nascita, della nuova creazione.
Anche per noi questo implica un modo nuovo di vederci, concepirci, pensarci. Dobbiamo vederci nuovi nella natura e se nuovi, da uomini nuovi dobbiamo anche comportarci. Il nostro operare deve trovare perfetta corrispondenza con il nostro nuovo essere.
Questa è la verità secondo la quale dobbiamo vivere. Sarebbe veramente non senso aver ricevuto la sapienza del cuore come dono di Dio nel suo Santo Spirito, essere rinati a vita nuova, essere stati generati come nuove creature, esser morti al peccato e risorti alla stessa santità e verità di Cristo, se poi tutto questo non lo facciamo divenire forma ed essenza della nostra volontà, dei nostri pensieri, del nostro cuore, della nostra stessa anima.
Possiamo così formulare una prima conclusione: Ci sarà una Nuova Alleanza, ma questa non sarà fuori dell’uomo; sarà tutta e interamente nell’uomo: sarà nel suo cuore, nella sua volontà, in tutto il suo essere.
Questa Nuova Alleanza avverrà per trasformazione del proprio essere di pietra, di peccato, di colpa, di trasgressione in un essere nuovo, rigenerato per la potenza dello Spirito Santo, santificato in Cristo e reso una cosa sola con Lui. Sarà una vera partecipazione della divina natura che ci farà sentire il gusto di Dio e l’amore per la sua sapienza, la sua verità, la sua volontà. Dio comunicherà, darà tutto se stesso all’uomo, l’uomo darà, comunicherà tutto se stesso a Dio, in un crescendo perenne nella sua sapienza e nella carità che sono la fonte di ogni vera vita spirituale.
[13]Dicendo però alleanza nuova, Dio ha dichiarato antiquata la prima; ora, ciò che diventa antico e invecchia, è prossimo a sparire.
Apparentemente questo versetto potrebbe sembrare una logica conclusione. C’è una Nuova Alleanza promessa da Dio. C’è una vecchia alleanza, stipulata con i figli di Israele al monte Sinai con Mosè che non ci sarà più.
C’è il nuovo che avanza, c’è l’antico che retrocede e sparisce. Tutto questo è vero, ma non è questo ciò che l’Autore vuole insegnarci con questa sua frase posta a conclusione del capitolo ottavo.
Riprendiamo il filo del suo discorso che è il Sacerdozio di Cristo Gesù.
Cristo Gesù è Sacerdote alla maniera di Melchisedek per stipulare con Dio e l’umanità intera questa Nuova Alleanza, i cui contenuti di verità e di santità sono stati or ora espressi e manifestati.
Se cade l’Alleanza Antica, cade tutto ciò che è legato ad essa.
Cadono le promesse, cade la benedizione, cade il sacerdozio, cade la legge, cadono le istituzioni. Nelle promesse cade anche il possesso della terra, cade anche il popolo. Tutto cade, tutto sparisce, tutto viene sostituito e chiamato ad inserirsi come parte viva e vitale della Nuova Alleanza.
Si è detto che l’Alleanza Antica consta di quattro parti:
La promessa (= possesso della terra – benedizione)
La legge (= dieci comandamenti)
L’impegno (= eseguire ogni volere del Signore)
Il rito della stipulazione (= sacrificio dell’animale e unione di sangue tra Dio, simboleggiato dall’Altare, ed il popolo)
Queste quattro parti cadono, vengono sostituite dalle nuove parti, che sono anch’esse quattro, secondo lo spirito e la lettera dell’Alleanza.
Se tutto cade, cade tutto ciò che consente a questa Alleanza di rimanere in piedi. Se un solo elemento restasse valido, tutta l’alleanza resterebbe, sarebbe valida e quindi necessiterebbe degli altri elementi, per poter continuare a sussistere.
Invece poiché cadono tutte le parti e tutti i componenti, nessuno ha più bisogno dell’altro componente. Non ha bisogno perché l’alleanza antica non c’è più.
Non ci sarà più il vecchio popolo, non ci sarà più il vecchio sacerdozio, né le vecchie vittime, né le vecchie ritualità, o forme del servizio del culto.
Abrogando l’Antica Alleanza, Dio abroga anche il suo popolo. Se abroga il Suo popolo, tutto ciò che attiene a quel popolo in relazione a Dio è abrogato. Anche Israele se vuole essere di Dio, deve passare nella Nuova Alleanza. È un altro mondo che nasce. Quel mondo destinato a perire ha avuto un unico scopo, una sola finalità: dare a noi Cristo Gesù, perché in Lui, nel Suo sacerdozio, nascesse l’umanità nuova con il nuovo stato dell’amore.
È difficile accogliere questa verità, ma essa è l’unica verità possibile. Altre verità sono impossibili, perché non sono di Dio, ma dell’uomo, il quale vorrebbe ancora ancorarsi all’Antica Alleanza, mentre essa è già stata sostituita dalla Nuova, nella quale tutto è nuovo: sacerdozio, promessa, legge, rito, impegno, conoscenza di ogni impegno.
Muore anche l’uomo vecchio, l’uomo dell’Antica Alleanza perché nella Nuova Alleanza ci sarà posto solo per l’uomo nuovo, creato da Dio in Cristo, per la giustizia vera.
Di questa Nuova Alleanza sommo ed eterno sacerdote alla maniera di Melchisedek è Cristo Signore.
Egli è insieme sommo, eterno, il solo. Tutti gli altri sono chiamati ad esercitarlo in Lui e lo esercitano “in Persona Christi”.
Questa conclusione non è minima, senza significato. Essa è di somma importanza, di vitale importanza per il prosieguo della trattazione.
Credente.
00Friday, January 13, 2012 11:12 PM
TU SEI SACERDOTE PER SEMPRE

Il punto capitale. Quando si insegna la verità di Dio, è giusto, anzi doveroso, tenere sempre presente alla mente il punto capitale, dal quale ogni altra verità prende inizio e anche nel quale essa termina, diviene cioè pienamente vera, perfetta. Sovente accade che si perdono anni e anni in interminabili discussioni proprio perché si perde di vista il punto capitale e ci si addentra in mille altri viottoli che ci allontanano sempre di più dalla pienezza della verità, anzi la oscurano ai nostri occhi e agli occhi del mondo intero. Ognuno è obbligato a conoscere il punto capitale di ogni questione. È questa la sua saggezza. Chi non possiede questa saggezza è semplicemente miope. È un cieco che guida altri ciechi in una buca.
Sommo sacerdote così grande. Il punto capitale della nostra questione è questo: Gesù non solo è Sacerdote della Nuova Alleanza. È l’unico, il solo, l’eterno Sacerdote. Ancora: quello di Gesù è un Sacerdozio efficace: compie la redenzione eterna dell’uomo. Egli è il solo Sacerdote, ma anche il suo è l’unico sacrificio gradito al Signore. Tutto è nel suo Sacerdozio. Tutto è dal suo Sacerdozio. Tutto è per il suo Sacerdozio. Tutto è con il suo Sacerdozio. È questa la verità dalla quale iniziare e nella quale terminare se si vuole progredire nella conoscenza della verità della salvezza.
Differenza di luogo: assiso alla destra del trono della maestà nei cieli. Alla destra del Padre. Differenza del luogo e verità del luogo: vera tenda. Aronne esercitava il suo sacerdozio entrando in una tenda costruita dall’uomo, in un santuario della terra. Cristo Gesù entra nella tenda stessa del Cielo, entra nel Cielo, direttamente alla presenza del Padre suo. Aronne entrava ed usciva dalla tenda. Ora né entra e né esce. Lui è morto e non esercita più alcun sacerdozio. Cristo Gesù è entrato nella tenda e vi è rimasto. Egli esercita il suo sacerdozio in nostro favore in eterno. Egli è sacerdote in eterno alla maniera di Melchisedek. La tenda nella quale entrava Aronne era solamente figura, non realtà. Tutto era figura in Aronne e niente invece era realtà. In Cristo Gesù invece tutto è realtà e niente è figura. Il suo è vero sacerdozio, vero sacrificio, vera tenda, vera espiazione, vera santificazione, vera efficacia, vera redenzione. La verità è l’essenza stessa di Cristo e di tutto ciò che Lui è ed ha fatto, fa e farà per noi.
In Cristo tutto è eterno. In Aronne tutto è temporaneo. Tutto è eterno in Cristo, perché nella sua Persona Cristo Gesù è eterno. Lui è morto, ma è risorto. Ora è nell’eternità del suo corpo e della sua anima, nell’eternità della sua vera umanità nel Cielo. Divenendo uomo, egli eternamente, per sempre si è fatto uomo. Eternamente, per sempre, è stato costituito sacerdote. Eternamente, per sempre esercita il suo ministero presso Dio. Egli è oggi nella tenda celeste presso il Padre e intercede per noi. In Aronne invece tutto era temporaneo, perché temporanea era la sua stessa vita. Ora egli è morto e giace nella morte fino alla consumazione dei secoli. Ora egli non esercita più alcun sacerdozio. Questa è la differenza tra Gesù ed Aronne: l’eternità del sacerdote e dell’offerta; l’eternità del sacerdozio e del suo esercizio.
Costituito per offrire doni e sacrifici. Per gli altri, per se stesso: Aronne. Sostanziale differenza con il Sacerdozio di Cristo Gesù. Secondo la legge il Sacerdote veniva costituito per offrire doni e sacrifici. Il sacerdote alla maniera di Aronne offriva doni e sacrifici per se stesso e per gli altri. Cristo Gesù non offre sacrifici per se stesso, li offre per noi. Non offre tanti sacrifici. Ne offre uno solo. Non lo offre, offrendo cose o animali al Signore. Offre se stesso. Offre la propria vita. Offre il proprio sangue. È anche questa differenza sostanziale tra il sacerdozio di Aronne e quello di Cristo Gesù. Questa verità deve condurci ad un’altra: nella Nuova Alleanza chi vuole offrire qualcosa al Signore non può offrirla fuori di Lui, deve offrirla in Lui, offrendo se stesso, donando la sua vita. È questa l’offerta gradita al Signore.
Storicamente si dimostra che Gesù non è sacerdote alla maniera di Aronne. Nessuna confusione, nessuna commistione tra i due sacerdozi: quello di Cristo e l’altro di Aronne. È un altro sacerdozio. Storicamente si dimostra che Gesù non è sacerdote alla maniera di Aronne, perché Gesù non è discendenza di Aronne. Egli è della Casa di Davide, della tribù di Giuda. La Tribù di Giuda non poteva accedere al sacerdozio, perché questo era riservato solo ai discendenti di Aronne e Aronne era della Tribù di Levi. Nessuna confusione, commistione, nessun errore, nessuna ambiguità dovrà coinvolgere i due sacerdozi. Sono differenti nella sostanza, nella storia, nei modi, nelle forme, nella durata, in tutto, nel cielo e sulla terra. Tutto è diverso. Niente è uguale. Quello di Cristo è semplicemente un altro Sacerdozio. È un altro Sacerdozio per un’altra Alleanza. Questa la sostanza della realtà.
L’Incarnazione è il nuovo assoluto di Dio, in Dio e fuori di Dio. Chi dona novità eterna al Sacerdozio di Cristo è l’Incarnazione. Questa è il nuovo assoluto in Dio e fuori di Dio. È l’assoluto in Dio perché è Dio che si fa uomo. Il Creatore si fa creatura. Colui che crea si fa colui che è creato. Si fa eternamente uomo. In Cristo, Dio è vero uomo e l’uomo è vero Dio. Dio, in Cristo, è vero uomo e vero Dio. L’incarnazione è anche il nuovo assoluto fuori di Dio, nella creazione, perché nessuna altra opera di Dio all’interno della creazione potrà mai essere simile, uguale, o semplicemente paragonabile a questa. È questa la verità dalla quale ogni altra deve essere compresa, spiegata, conosciuta, annunziata, predicata. Questa è la verità che dona verità piena ad ogni altra e senza di essa ogni verità perde di valore.
Tutto è nuovo in Cristo e per Cristo. Cristo, essendo la novità assoluta in Dio e nella creazione, conduce in questa assoluta novità ogni altra cosa. Egli è colui che fa nuove tutte le cose, le fa nuove in Lui e per Lui, non fuori di Lui. Ogni cosa riceve la sua novità per riferimento a Lui e tutto ciò che non viene riferito a Lui resta nella sua vecchia essenza, vecchia natura contaminata e corrosa dal peccato.
Figura è la tenda, figura il sacerdozio, figura l’offerta. La verità è Cristo. Quanto avveniva nell’Antica Alleanza riceveva verità solo se riferito a Cristo che doveva venire. Se non veniva riferito a Cristo, restava senza verità e quindi privo di ogni incidenza nella storia. Cristo è la verità non solo del Nuovo Testamento. È la verità anche dell’Antico. L’Antico vive per Lui, vive in Lui, vive attendendo Lui. Vive sperando in Lui. Lui è la sua verità e senza di Lui non c’è verità per l’Antico Testamento, non c’era e mai ci sarà. Tutto deve guardare a Cristo il prima, il presente, il dopo, il tempo e l’eternità. Quanto non guarda a Cristo rimane nella sua vanità, inutilità, peccato. Rimane semplicemente nella morte. È nella morte quell’uomo che non guarda a Cristo e non diviene con Cristo vita della sua vita e verità della sua verità.
È il Sacerdozio di Cristo punto di riferimento, punto di verità. Tutto diviene nuovo, vero, santo, giusto a motivo del Sacerdozio di Cristo, della sua offerta per la nostra redenzione eterna. È il Sacerdozio di Cristo l’unico punto di riferimento, l’unica verità per tutto il genere umano. Il Sacerdozio Cristo lo ha esercitato sulla croce. La croce diviene per ogni uomo l’unico punto di verità, l’unico punto di riferimento. È dalla croce che si conosce la verità dell’uomo, il suo valore. Si conosce la verità dell’uomo dalla croce, perché chi si offre sulla croce per l’uomo, chi esercita il suo Sacerdozio in nostro favore è Dio nella sua umanità.
Cristo è la luce, Aronne l’ombra. La luce è verità, novità. L’ombra segna che c’è la luce, che esiste, ma fuori di essa. Aronne mostra la luce, indica la luce, invia alla luce. Cristo è la luce, dona la luce, fa luce eterna ogni uomo che crede in Lui. Anche questa è differenza sostanziale tra Cristo Gesù e Aronne. Aronne è figura di Cristo, figura parziale, incompleta.
Ministro per eccellenza. Cristo Gesù è ministro per eccellenza della salvezza, della redenzione, della giustificazione di ogni uomo. È ministro per eccellenza perché è il solo e l’unico ministro. È il ministro eterno. Questa la verità del suo ministero. Altra verità è la sua efficacia. Il suo ministero produce come frutto una redenzione eterna, universale, piena, perfetta. Questa redenzione può condurre alla santità più piena ogni uomo, di ogni razza, lingua, popolo, tribù. Tutti possono essere santificati dal suo Sacerdozio e dalla sua offerta.
Alleanza migliore. Migliori promesse. In virtù del sacerdozio di Cristo Gesù. L’Alleanza è migliore perché migliori sono le promesse. La migliore promessa, dalla quale ogni altra dipende, è la nuova creazione dell’uomo. Da questa nuova creazione tutto è nuovo, tutto può essere fatto nuovo. Dalla creazione nuova dell’uomo l’intero creato sarà chiamato, anche lui, ad un rinnovamento di vita e di benedizione. Questa novità è possibile in virtù del Sacerdozio di Cristo Gesù, della grazia che è frutto del suo sacrificio, dello Spirito Santo che dalla croce si riversa sull’umanità per elevare ogni uomo alla nuova dignità di figlio adottivo di Dio. È lo Spirito del Signore dato ad ogni credente come suo principio di vita eterna la grande novità della Nuova Alleanza.
Cristo Gesù immagine eterna e storica del vero uomo. Cristo Gesù è immagine eterna ed insieme storica del vero uomo, perché il Signore ci ha creati ad immagine del suo Figlio diletto. Ci ha creati guardano Lui, vedendo Lui, creando l’immagine sua in noi. Cristo Gesù è anche immagine storica dell’uomo perché ogni uomo è chiamato a divenire ciò che Cristo è, percorrendo la stessa via di Cristo: la croce, che è perfetta obbedienza alla volontà del Padre nostro che è nei Cieli. Siamo stati creati per realizzare Cristo, in Cristo, con Cristo, per Cristo. Questa è la nostra vocazione.
Offertosi a Dio. Dato a noi. Cristo Gesù ha dato la vita al Padre per noi. Il Padre ha dato Cristo a noi per la nostra salvezza. La salvezza è insieme dono di Cristo e del Padre. Il Padre e Cristo ci donano lo Spirito Santo che forma in noi Cristo e ci conduce verso la perfetta identità o similitudine con Lui.
Il VT tappa verso Cristo. Cristo è la vera vocazione dell’uomo. Cristo è la sua vera immagine. Tutto, per essere se stesso, deve trovare la sua verità in Cristo: Cielo, terra, uomini, mondo inanimato e animato. Se tutto trova la sua verità in Cristo, anche l’Antico Testamento la trova. La trova se passa a Cristo. La trova se si vede una tappa, anche se essenziale, di primaria importanza, verso Cristo. Se l’Antico Testamento non passa a Cristo, esso perde la sua consistenza, la sua verità. Diviene un momento nella storia della salvezza, ma non è la storia della salvezza. Anzi ha perso ogni contatto con la storia della salvezza, perché lo ha perso con la sua verità che è Cristo.
Il Nuovo Testamento tappa verso la verità tutta intera. Neanche il Nuovo Testamento esaurisce il cammino della verità. Esso è tutto proteso verso la verità tutta intera, dono dello Spirito Santo alla mente credente. Chi si ferma alla sola lettera del Nuovo Testamento, anche costui è senza verità, perché senza la pienezza della verità, la verità non è verità, è semplicemente falsità. La teoria della “sola scriptura” è falsa, terribilmente falsa, perché non c’è verità della Scrittura se non unitamente alla Tradizione e al Magistero e Tradizione e Magistero accompagneranno la lettera della Scrittura fino alla consumazione dei secoli. Scrittura, Tradizione, Magistero sono la via attraverso la quale il cristiano è condotto di verità in verità, fino alla verità tutta intera. Fermarsi, o assolutizzare una sola di queste vie, è smarrire ogni cammino. È semplicemente abbandonare la via della verità per consegnarsi alla falsità tutta intera, camminando di falsità in falsità, fino al non ritorno che è la perdizione eterna, o il peccato contro lo Spirito Santo, che è il peccato della falsità assoluta.
Farsi verità di Cristo in Cristo. È questa la nostra vocazione: divenire verità di Cristo in Cristo, santità di Cristo in Cristo, vita di Cristo in Cristo. Cristo Gesù è l’immagine unica, perfetta, santa, immutabile che ognuno è chiamato a realizzare in sé. È questa la santità: la nostra perfetta conformazione a Lui. Per questo è necessario che Lui sia conosciuto nella più alta e piena verità, e in questo abisso di verità l’uomo si immerga perché sia trasformato in essa. Un cristianesimo senza verità, senza la verità di Cristo, senza Cristo Verità, è un cristianesimo di tenebra e non di luce. Dove Cristo Verità non brilla nel cuore del cristiano, lì è il fallimento di ogni cristianesimo.
Alleanza fondata nella vecchia natura dell’uomo. L’Antica Alleanza era fondata sulla vecchia natura dell’uomo, per questo era inefficace quanto alla salvezza. La Nuova invece è fondata sulla creazione di un nuova natura, di un nuovo uomo. In questa novità è tutta la sua efficacia. Per questo motivo, o ragione essenziale, bisogna che tutti passino dall’Antica alla Nuova, che abbandonino la loro vecchia natura per entrare nella nuova natura che è creata in loro dallo Spirito del Signore Gesù.
Cosa è il peccato. Peccato fuori solo dell’uomo? Peccato è morte. Generalmente si ha del peccato una connotazione giuridica. Lo si pensa come “realtà” fuori di noi. Esso è invece realtà dentro di noi, perché è realtà di morte. Con il peccato infatti l’anima perde la carità e la grazia di Dio. Muore alla sua verità, muore alla vita vera, muore alla giustizia, alla pace, a tutto ciò che è frutto in essa della grazia e della verità di Dio. Morendo alla verità e alla grazia, percorre sentieri di falsità e di morte, sentieri che la conducono in baratri sempre più grandi, fino a fare professione di vera disumanità e di ogni altra idolatria. Chi è in questa morte, da se stesso non si può riportare nella vita. Gli occorre il dono della verità e della grazia di Dio; gli occorre che Dio si faccia per l’anima dono di grazia e di verità. È questa la realtà della Nuova Alleanza: Dio in Cristo, per opera dello Spirito Santo, si fa dono di verità e di grazia, l’anima è ricondotta nella verità e nella grazia e sempre per opera dello Spirito Santo cammina di verità in verità e di grazia in grazia fino al compimento della perfetta configurazione con Gesù Signore. Tutti coloro che concepiscono il peccato solo come atto fuori dell’uomo, trasgressione dalle conseguenze solo giuridiche, nulla hanno compreso né di Cristo Gesù, né della sua redenzione. Questa verità, debitamente compresa, santamente vissuta, dona vita e splendore nuovo a tutta la dottrina della soteriologia cristiana, per molti versi ancora ancorata ad una concezione tutta giuridica del peccato.
Il concetto di profezia: ecco verranno giorni… Tra ciò che Dio annunzia e la realtà del fatto annunziato vi è un abisso. Vi è l’abisso della realtà contenuta nella Parola che è sempre inimmaginabile dall’uomo. L’abisso dell’incomprensibilità di ogni profezia sta proprio nell’Incarnazione del Verbo, prima; poi anche nei suoi doni di grazia e di verità. Se non si parte da Dio, nulla si comprenderà mai delle Antiche Profezie, ma anche niente si comprenderà del Vangelo della salvezza. La mente dell’uomo è incapace di comprendere Dio. Poiché è Dio che opera nella sua Parola. Ogni Parola di Vangelo, di Scrittura, dobbiamo pensarla alla maniera di Dio e non secondo la nostra piccola, povera mente. Dio è novità assoluta, santità assoluta, verità assoluta, grazia assoluta. Dio ha posto se stesso nella Parola. Si è posto e vuole realizzare se stesso nell’uomo realizzando la Parola. Questa è l’assoluta novità di Dio e della sua Parola. Poiché Dio vuole realizzare se stesso nel credente, ogni credente fa parte di questa novità assoluta di Dio, ma lui non è questa novità. La novità è sempre oltre se stesso, infinitamente oltre, eternamente oltre, perché Dio infinitamente ed eternamente è sempre oltre l’uomo, oltre ogni uomo, oltre l’intera umanità, oltre la creazione stessa. Fermare Dio nella nostra esperienza, anche se santa, è fare l’infinito finito, l’eterno tempo, il divino umano, l’immenso finito e limitato, l’increato creato. Ogni cosa bisogna pensarla secondo il pensiero eterno di Dio e mai secondo il pensiero di Dio, reso storia nella storia particolare di un uomo.
L’uomo, non un uomo. Anche questa è verità. Dio non è venuto per salvare un uomo, o un popolo. Dio è venuto per salvare l’uomo, l’umanità intera. Dio si è fatto uomo per la salvezza dell’uomo. L’universalità della salvezza è verità eterna della fede in Cristo. Se è verità eterna, ad ogni uomo bisogna dare Cristo. Ad ogni uomo è necessario che venga annunziato. Se non si fa questo, si pecca contro la verità di Dio. Si pecca anche contro la verità dell’uomo e la verità dell’uomo è una sola: la sua vocazione ad essere conforme all’immagine di Gesù Signore. Anche questo mistero bisogna pensarlo secondo il pensiero eterno di Dio e mai secondo il pensiero storico o le forme religiose che la Parola ha assunto nel corso della storia. Tante forme religiose non sono pensiero di Dio. Non essendolo, ogni tempo concesso ad esse, è un tempo sottratto a realizzare nella storia il pensiero eterno del Signore. Anche questo è peccato. Anche questo è lasciarsi fuorviare dalla verità e dal pensiero eterno del Signore.
La volontà di Dio è prima del peccato. Dio è eterno. Nell’eternità di Dio non c’è mutamento di pensiero, o condizionamento da parte della storia. Prima che la storia iniziasse il suo cammino Dio vide la sua creazione, la vide immersa nel peccato. In questa visione eterna, Lui, Dio vide, anzi vede Cristo e la sua Incarnazione, vede l’uomo salvato e redento da Lui, vede il mistero dell’Incarnazione. La salvezza dell’uomo è prima del suo peccato, non dopo, perché prima del peccato dell’uomo è la croce di Cristo Gesù e non dopo.
Nuova perché nuovi sono i contenuti. L’Alleanza è Nuova perché nuovi sono i contenuti, nuova la realtà da essa annunziata, promessa. Nuovo è tutto ciò che Dio si sta accingendo a realizzare per la salvezza dell’uomo. L’Alleanza è Nuova perché fondata sul nuovo assoluto di Dio che è l’Incarnazione del suo Figlio Unigenito per la nostra redenzione eterna. Essa non è Nuova perché succede alla prima. Non è nuova perché viene dopo la prima. La novità non è nell’ordine del tempo, né a motivo di qualche modifica accidentale. È Nuova perché la promessa è tutta nuova, divinamente nuova perché divinamente nuovo sarà fatto l’uomo da essa. In questa novità dobbiamo inserire ogni nostro pensiero. Con questa novità esso dovrà sempre venire verificato. In verità questa verifica non sempre è stata fatta e senza questa verifica è facile, assai facile, avere pensieri non veri, non pienamente veri, falsi, totalmente falsi. La falsità, o la poca verità non danno vita, non generano mai pienezza di vita. Lasciano l’uomo nella morte e lo conducono in una morte sempre più grande. Chi vuole la salvezza dell’uomo, lo deve portare nella verità tutta intera. È la verità tutta intera la via della vita eterna.
La promessa. La Legge. L’impegno. Il rito del sangue. L’Alleanza (Antica e Nuova) consiste di quattro verità: promessa, legge, impegno, sangue. Tra l’Antica e la Nuova in queste quattro verità è avvenuto un cambiamento sostanziale. Per questo cambiamento sostanziale la prima è Antica e la secondo è Nuova. Nella Nuova Alleanza tutto è in Cristo, per Cristo, con Cristo. La promessa è Cristo (divenire come Lui, in Paradiso, nel Cielo, per tutta l’eternità, nella gloria della Sua risurrezione), la Legge è Cristo (è la sua Parola, la sua verità, la sua santità, la sua giustizia da realizzare in noi), anche l’impegno è Cristo (essere solo di Lui e per Lui, divenendo con Lui una sola obbedienza, un solo sacrificio, una sola offerta, una sola morte), il sangue è di Cristo, è quello che Lui ha versato per la nostra redenzione eterna, che è offerto, ma anche bevuto per divenire con Lui una sola vita.
Nella prima Alleanza tutto fuori dell’uomo. Nella Nuova Alleanza tutto ritorna nell’uomo. Nella prima Alleanza tutto era fuori dell’uomo, perché tutto avveniva fuori di lui. Nella Nuova invece tutto è nell’uomo, perché tutto avviene in lui. È lui che è rigenerato, rinnovato, giustificato, santificato, elevato, fatto figlio di Dio, tempio dello Spirito Santo, Corpo di Cristo, vita eterna della sua vita eterna e verità della sua verità. Questa è la straordinaria novità che opera in noi la Nuova Alleanza stipulata nel sangue di Cristo, consumata nel suo sacrificio.
Farà la mente di verità, il cuore di volontà di Dio. Per essenziale modifica dell’essere stesso dell’uomo. Tutta questa ricchezza e abbondanza di grazia, di verità, di novità si compie nella fede dell’uomo come dono iniziale. Tutto però viene affidato all’uomo perché lo porti alla sua più grande fruttificazione e maturazione. Per questo è necessario che lui faccia la sua mente di verità, il suo cuore di santità, la sua volontà di Parola di Cristo. Più si trasformerà in grazia e verità di Gesù Signore, realizzando ogni Parola di Cristo, più la novità di Dio lo avvolgerà e lo trasformerà interiormente ed esteriormente. Tutto dell’uomo manifesterà questa divina novità se si lascerà trasformare dalla Parola di Cristo che lui vivrà tutta e in ogni sua parte. La Nuova Alleanza si compie per essenziale modifica dell’essere stesso dell’uomo, ma questo essere modificato, trasformato è consegnato all’uomo perché lo conduca fino alla gloria della risurrezione in Cristo Gesù. Tutto è da Dio, ma anche tutto è posto nelle mani dell’uomo e nella sua volontà.
Il cambiamento non è della materia, è “nella materia”. Dio scrive se stesso nel cuore. È nella carne dell’uomo che avviene il cambiamento. Dio non crea un’altra carne. Trasforma la carne, perché in essa scrive se stesso, la sua verità, la sua santità, la sua stessa vita. È come se l’uomo si trasformasse in essenza divina. Resta carne, ma tutta impregnata di Dio, di divinità, di verità, di santità, di grazia, di misericordia, di ogni virtù divina. Questo è il mutamento sostanziale che è avvenuto nell’uomo. Secondo questo cambiamento l’uomo deve vivere. Chi non vive secondo la verità di Cristo, attesta semplicemente che il suo modo di essere nella Nuova Alleanza non è quello vero, perché resta fuori di Dio e Dio resta fuori di Lui. Lui ancora non sa, perché non lo vive, che è divenuto veramente partecipe della natura divina. È grande il mistero ed è grande la novità. Di questo mistero e di questa novità è come se l’uomo avesse smarrito la conoscenza.
Conoscenza sapienziale. Conoscenza teologica. La conoscenza del bene e del male. La sapienza vera la vera forza del cristianesimo. Del mistero di Cristo l’uomo deve pervenire alla più alta conoscenza. La conoscenza dovrà essere in lui sapienziale e teologica insieme. È sapienziale se lui gusta il mistero, gusta Cristo, gusta la verità e in Cristo cresce, aumentando quotidianamente il suo amore per Lui, osservando ogni Parola con sempre più grande carità e sacrificio. Questo però da solo non è sufficiente. Questa conoscenza del cuore, deve divenire anche conoscenza della mente e quindi deve trasformarsi in conoscenza teologica, che all’occorrenza si fa parola chiara di verità per rendere ragione della speranza che è in noi. Questa conoscenza produce i suoi frutti se arriva alla perfetta separazione del bene e del male, ma anche alla perfettissima separazione della volontà di Dio dalla volontà dell’uomo, anche nei più piccoli e insignificanti desideri. Quando si giunge a questa distinzione perfettissima, siamo nella vera conoscenza sia sapienziale che teologica. Fino a che questa separazione perfettissima non viene operata, rimaniamo nella non perfetta conoscenza, oppure nella falsità. La forza del cristianesimo è in questa sapienza, in questa conoscenza, in questa perfezione di verità.
Il perdono delle iniquità. Cosa è il perdono di Dio per l’uomo. Perdono e rigenerazione del soggetto. Nuova nascita. Il perdono nella Nuova Alleanza non è solo la remissione della colpa e della pena. Il perdono è purificazione da ogni peccato, ma anche rigenerazione, elevazione, cambiamento dello statuto dello stesso uomo che da creatura viene elevato all’altissima dignità di figlio adottivo di Dio, erede del Paradiso, fruitore di ogni bene divino, ricolmo di grazia e di verità, di saggezza e di santità. Il perdono si fa anche dono e il dono ha il suo culmine nella nuova nascita dell’uomo, rigenerato e costituito una cosa sola, un solo corpo con Gesù Signore.
La Nuova Alleanza è tutta nell’uomo. Dicendo che la Nuova Alleanza è tutta nell’uomo si vuole affermare una sola verità: tutto l’uomo è trasportato in Cristo per assumere la vita di Cristo, la forma di Cristo, per divenire sacrificio di Cristo e santità di Cristo nel mondo. Questa è la nuova realtà e questa nuova realtà investe tutto l’essere dell’uomo, nel cielo e sulla terra, nel tempo e nell’eternità.
Il non ricordo è per cancellazione e per creazione di una nuova natura. Dio promette di non ricordare più il peccato. Il suo non è però un non ricordo per sola cancellazione. È non ricordo per nuova creazione. L’uomo che lo ha commesso non esiste più, perché fatto interamente nuovo in Cristo Gesù. Il non ricordo è per non esistenza di colui che ha commesso il peccato. Anche questa verità è la novità che nasce e si compie in noi a motivo di Cristo Gesù e dell’Alleanza stipulata nel suo sangue, versato per noi dall’alto della croce. Questa verità dovrebbe divenire vita di ogni battezzato, di ogni persona che si accosta al sacramento della Penitenza. Dopo il perdono dei peccati, il cristiano deve sentirsi uomo nuovo dinanzi a Dio, vedersi nella piena novità del suo nuovo essere e da nuovo uomo vivere e relazionarsi con Dio e con i fratelli. O nel cristianesimo si lavora di verità, oppure tutto alla fine si rivelerà inutile, vano, infruttuoso. Senza verità si rimane tralci secchi, pronti per essere gettati nel fuoco eterno.
Tutto cade. Cade tutto per passare al Nuovo: Cade l’Antico Testamento. Cade l’Alleanza Antica, cadono le componenti dell’Antica Alleanza. Cade il popolo. Cade la terra. Cade la ritualità. Cade il sangue. Tutto ciò che è Antico finisce con la Nuova Alleanza: popolo, terra, ritualità, legge, promessa. Tutto è una nuova realtà nella Nuova alleanza: un solo corpo, un solo regno, un solo Vangelo, un solo sangue, una sola vita. Tutto cade perché tutti siamo chiamati a formare un solo Cristo, nella santità, nella verità, nel sacrificio, nella risurrezione, nella vittoria di Cristo Gesù. Lui deve essere tutto in tutti: una cosa sola sulla terra e nel cielo.
Il fine dell’Antica Alleanza: dare Cristo al mondo e darsi dell’Antica Alleanza a Cristo. Alla fine è giusto che ci si chieda: se l’Antica Alleanza è finita per sempre, perché essa è esistita? Perché Dio l’ha posta in essere? La risposta è una sola: per consegnare a noi Cristo secondo la carne; per consegnare se stessa a Cristo secondo lo Spirito di verità e di santità. Essa ha dato al mondo Cristo secondo la carne, Cristo si dona ad essa secondo lo Spirito di verità e di santità. Perché questo avvenga è necessario che essa accolga Cristo e lo accoglie se crede in Lui, Messia di Dio, Redentore del mondo, Salvatore di ogni uomo, il solo con Parole di vita eterna. Cristo Gesù è la vita dell’uomo. L’Antica Alleanza ha dato Cristo vita dell’uomo. Cristo vita dell’uomo si dona all’Antica Alleanza perché tutti possano entrare nella vita.
Credente.
00Sunday, January 15, 2012 3:17 PM
CAPITOLO NONO

CRISTO ENTRA NEL SANTUARIO CELESTE
[1]Certo, anche la prima alleanza aveva norme per il culto e un santuario terreno. [2]Fu costruita infatti una Tenda: la prima, nella quale vi erano il candelabro, la tavola e i pani dell'offerta: essa veniva chiamata il Santo. [3]Dietro il secondo velo poi c'era una Tenda, detta Santo dei Santi, con [4]l'altare d'oro per i profumi e l'arca dell'alleanza tutta ricoperta d'oro, nella quale si trovavano un'urna d'oro contenente la manna, la verga di Aronne che aveva fiorito e le tavole dell'alleanza. [5]E sopra l'arca stavano i cherubini della gloria, che facevano ombra al luogo dell'espiazione. Di tutte queste cose non è necessario ora parlare nei particolari.
Ecco come il Libro dell’Esodo, il Libro dei Re e quello delle Cronache descrivono sia la Tenda del Convegno che lo stesso Tempio di Gerusalemme:
Es. 25: “Il Signore disse a Mosè: Ordina agli Israeliti che raccolgano per me un'offerta. La raccoglierete da chiunque sia generoso di cuore. Ed ecco che cosa raccoglierete da loro come contributo: oro, argento e rame, tessuti di porpora viola e rossa, di scarlatto, di bisso e di pelo di capra, pelle di montone tinta di rosso, pelle di tasso e legno di acacia, olio per il candelabro, balsami per unguenti e per l'incenso aromatico, pietre di ònice e pietre da incastonare nell'efod e nel pettorale.
Essi mi faranno un santuario e io abiterò in mezzo a loro. Eseguirete ogni cosa secondo quanto ti mostrerò, secondo il modello della Dimora e il modello di tutti i suoi arredi.
Faranno dunque un'arca di legno di acacia: avrà due cubiti e mezzo di lunghezza, un cubito e mezzo di larghezza, un cubito e mezzo di altezza. La rivestirai d'oro puro: dentro e fuori la rivestirai e le farai intorno un bordo d'oro. Fonderai per essa quattro anelli d'oro e li fisserai ai suoi quattro piedi: due anelli su di un lato e due anelli sull'altro. Farai stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro. Introdurrai le stanghe negli anelli sui due lati dell'arca per trasportare l'arca con esse. Le stanghe dovranno rimanere negli anelli dell'arca: non verranno tolte di lì. Nell'arca collocherai la Testimonianza che io ti darò.
Farai il coperchio, o propiziatorio, d'oro puro; avrà due cubiti e mezzo di lunghezza e un cubito e mezzo di larghezza. Farai due cherubini d'oro: li farai lavorati a martello sulle due estremità del coperchio. Fa’ un cherubino ad una estremità e un cherubino all'altra estremità. Farete i cherubini tutti di un pezzo con il coperchio alle sue due estremità. I cherubini avranno le due ali stese di sopra, proteggendo con le ali il coperchio; saranno rivolti l'uno verso l'altro e le facce dei cherubini saranno rivolte verso il coperchio. Porrai il coperchio sulla parte superiore dell'arca e collocherai nell'arca la Testimonianza che io ti darò.
Io ti darò convegno appunto in quel luogo: parlerò con te da sopra il propiziatorio, in mezzo ai due cherubini che saranno sull'arca della Testimonianza, ti darò i miei ordini riguardo agli Israeliti.
Farai una tavola di legno di acacia: avrà due cubiti di lunghezza, un cubito di larghezza, un cubito e mezzo di altezza. La rivestirai d'oro puro e le farai intorno un bordo d'oro. Le farai attorno una cornice di un palmo e farai un bordo d'oro per la cornice. Le farai quattro anelli d'oro e li fisserai ai quattro angoli che costituiranno i suoi quattro piedi. Gli anelli saranno contigui alla cornice e serviranno a inserire le stanghe destinate a trasportare la tavola. Farai le stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro; con esse si trasporterà la tavola. Farai anche i suoi accessori, piatti, coppe, anfore e tazze per le libazioni: li farai d'oro puro.
Sulla tavola collocherai i pani dell'offerta: saranno sempre alla mia presenza.
Farai anche un candelabro d'oro puro. Il candelabro sarà lavorato a martello, il suo fusto e i suoi bracci; i suoi calici, i suoi bulbi e le sue corolle saranno tutti di un pezzo. Sei bracci usciranno dai suoi lati: tre bracci del candelabro da un lato e tre bracci del candelabro dall'altro lato. Vi saranno su di un braccio tre calici in forma di fiore di mandorlo, con bulbo e corolla e così anche sull'altro braccio tre calici in forma di fiore di mandorlo, con bulbo e corolla. Così sarà per i sei bracci che usciranno dal candelabro. Il fusto del candelabro avrà quattro calici in forma di fiore di mandorlo, con i loro bulbi e le loro corolle: un bulbo sotto i due bracci che si dipartano da esso e un bulbo sotto gli altri due bracci e un bulbo sotto i due altri bracci che si dipartano da esso; così per tutti i sei bracci che escono dal candelabro. I bulbi e i relativi bracci saranno tutti di un pezzo: il tutto sarà formato da una sola massa d'oro puro lavorata a martello.
Farai le sue sette lampade: vi si collocheranno sopra in modo da illuminare lo spazio davanti ad esso. I suoi smoccolatoi e i suoi portacenere saranno d'oro puro. Lo si farà con un talento di oro puro, esso con tutti i suoi accessori. Guarda ed eseguisci secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte”.
Es. 26: “Quanto alla Dimora, la farai con dieci teli di bisso ritorto, di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto. Vi farai figure di cherubini, lavoro d'artista. Lunghezza di un telo: ventotto cubiti; larghezza: quattro cubiti per un telo; la stessa dimensione per tutti i teli. Cinque teli saranno uniti l'uno all'altro e anche gli altri cinque saranno uniti l'uno all'altro.
Farai cordoni di porpora viola sull'orlo del primo telo all'estremità della sutura; così farai sull'orlo del telo estremo nella seconda sutura.
Farai cinquanta cordoni al primo telo e farai cinquanta cordoni all'estremità della seconda sutura: i cordoni corrisponderanno l'uno all'altro.
Farai cinquanta fibbie d'oro e unirai i teli l'uno all'altro mediante le fibbie, così il tutto formerà una sola Dimora.
Farai poi teli di pelo di capra per costituire la tenda al di sopra della Dimora. Ne farai undici teli. Lunghezza di un telo: trenta cubiti; larghezza: quattro cubiti per un telo. La stessa dimensione per gli undici teli. Unirai insieme cinque teli a parte e sei teli a parte. Piegherai indietro il sesto telo raddoppiandolo sulla parte anteriore della tenda.
Farai cinquanta cordoni sull'orlo del primo telo, che è all'estremità della sutura, e cinquanta cordoni sull'orlo del telo della seconda sutura.
Farai cinquanta fibbie di rame, introdurrai le fibbie nei cordoni e unirai insieme la tenda; così essa formerà un tutto unico. La parte che pende in eccedenza nei teli della tenda, la metà cioè di un telo che sopravanza, penderà sulla parte posteriore della Dimora. Il cubito in eccedenza da una parte, come il cubito in eccedenza dall'altra parte, nel senso della lunghezza dei teli della tenda, ricadranno sui due lati della Dimora per coprirla da una parte e dall'altra.
Farai poi per la tenda una copertura di pelli di montone tinte di rosso e al di sopra una copertura di pelli di tasso.
Poi farai per la Dimora le assi di legno di acacia, da porsi verticali. Dieci cubiti la lunghezza di un'asse e un cubito e mezzo la larghezza. Ogni asse avrà due sostegni, congiunti l'uno all'altro da un rinforzo. Così farai per tutte le assi della Dimora.
Farai dunque le assi per la Dimora: venti assi sul lato verso il mezzogiorno, a sud.
Farai anche quaranta basi d'argento sotto le venti assi, due basi sotto un'asse, per i suoi due sostegni e due basi sotto l'altra asse per i suoi sostegni. Per il secondo lato della Dimora, verso il settentrione, venti assi, come anche le loro quaranta basi d'argento, due basi sotto un'asse e due basi sotto l'altra asse. Per la parte posteriore della Dimora, verso occidente, farai sei assi.
Farai inoltre due assi per gli angoli della Dimora sulla parte posteriore. Esse saranno formate ciascuna da due pezzi uguali abbinati e perfettamente congiunti dal basso fino alla cima, all'altezza del primo anello. Così sarà per ambedue: esse formeranno i due angoli. Vi saranno dunque otto assi con le loro basi d'argento: sedici basi, due basi sotto un'asse e due basi sotto l'altra asse.
Farai inoltre traverse di legno di acacia: cinque per le assi di un lato della Dimora e cinque traverse per le assi dell'altro lato della Dimora e cinque traverse per le assi della parte posteriore, verso occidente. La traversa mediana, a mezza altezza delle assi, le attraverserà da una estremità all'altra. Rivestirai d'oro le assi, farai in oro i loro anelli, che serviranno per inserire le traverse, e rivestirai d'oro anche le traverse. Costruirai la Dimora nel modo che ti è stato mostrato sul monte. Farai il velo di porpora viola, di porpora rossa, di scarlatto e di bisso ritorto. Lo si farà con figure di cherubini, lavoro di disegnatore. Lo appenderai a quattro colonne di acacia, rivestite d'oro, con uncini d'oro e poggiate su quattro basi d'argento.
Collocherai il velo sotto le fibbie e là, nell'interno oltre il velo, introdurrai l'arca della Testimonianza. Il velo sarà per voi la separazione tra il Santo e il Santo dei santi. Porrai il coperchio sull'arca della Testimonianza nel Santo dei santi. Collocherai la tavola fuori del velo e il candelabro di fronte alla tavola sul lato meridionale della Dimora; collocherai la tavola sul lato settentrionale. Poi farai una cortina all'ingresso della tenda, di porpora viola e di porpora rossa, di scarlatto e di bisso ritorto, lavoro di ricamatore.
Farai per la cortina cinque colonne di acacia e le rivestirai d'oro. I loro uncini saranno d'oro e fonderai per esse cinque basi di rame”.
Es. 27: Farai l'altare di legno di acacia: avrà cinque cubiti di lunghezza e cinque cubiti di larghezza. L'altare sarà quadrato e avrà l'altezza di tre cubiti.
Farai ai suoi quattro angoli quattro corni e saranno tutti di un pezzo. Lo rivestirai di rame. Farai i suoi recipienti per raccogliere le ceneri, le sue pale, i suoi vasi per la aspersione, le sue forchette e i suoi bracieri. Farai di rame tutti questi accessori.
Farai per esso una graticola di rame alle sue quattro estremità. La porrai sotto la cornice dell'altare, in basso: la rete arriverà a metà dell'altezza dell'altare.
Farai anche stanghe per l'altare: saranno stanghe di legno di acacia e le rivestirai di rame. Si introdurranno queste stanghe negli anelli e le stanghe saranno sui due lati dell'altare quando lo si trasporta. Lo farai di tavole, vuoto nell'interno: lo si farà come ti fu mostrato sul monte.
Farai poi il recinto della Dimora. Sul lato meridionale, verso sud, il recinto avrà tendaggi di bisso ritorto, per la lunghezza di cento cubiti sullo stesso lato. Vi saranno venti colonne con venti basi di rame. Gli uncini delle colonne e le loro aste trasversali saranno d'argento. Allo stesso modo sul lato rivolto a settentrione: tendaggi per cento cubiti di lunghezza, le relative venti colonne con le venti basi di rame, gli uncini delle colonne e le aste trasversali d'argento. La larghezza del recinto verso occidente avrà cinquanta cubiti di tendaggi, con le relative dieci colonne e le dieci basi. La larghezza del recinto sul lato orientale verso levante sarà di cinquanta cubiti: quindici cubiti di tendaggi con le relative tre colonne e le tre basi alla prima ala; all'altra ala quindici cubiti di tendaggi, con le tre colonne e le tre basi. Alla porta del recinto vi sarà una cortina di venti cubiti, lavoro di ricamatore, di porpora viola, porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto, con le relative quattro colonne e le quattro basi.
Tutte le colonne intorno al recinto saranno fornite di aste trasversali d'argento: i loro uncini saranno d'argento e le loro basi di rame. La lunghezza del recinto sarà di cento cubiti, la larghezza di cinquanta, l'altezza di cinque cubiti; di bisso ritorto, con le basi di rame.
Tutti gli arredi della Dimora per tutti i suoi servizi e tutti i picchetti come anche i picchetti del recinto saranno di rame. Tu ordinerai agli Israeliti che ti procurino olio puro di olive schiacciate per il candelabro, per tener sempre accesa una lampada. Nella tenda del convegno, al di fuori del velo che sta davanti alla Testimonianza, Aronne e i suoi figli la prepareranno, perché dalla sera alla mattina essa sia davanti al Signore: rito perenne presso gli Israeliti di generazione in generazione”.
Es. 28: “Tu fa’ avvicinare a te tra gli Israeliti, Aronne tuo fratello e i suoi figli con lui, perché siano miei sacerdoti; Aronne e Nadab, Abiu, Eleazaro, Itamar, figli di Aronne. Farai per Aronne, tuo fratello, abiti sacri, che esprimano gloria e maestà. Tu parlerai a tutti gli artigiani più esperti, ai quali io ho dato uno spirito di saggezza, ed essi faranno gli abiti di Aronne per la sua consacrazione e per l'esercizio del sacerdozio in mio onore.
Ed ecco gli abiti che faranno: il pettorale e l'efod, il manto, la tunica damascata, il turbante e la cintura. Faranno vesti sacre per Aronne tuo fratello e per i suoi figli, perché esercitino il sacerdozio in mio onore. Essi dovranno usare oro, porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso.
Faranno l'efod con oro, porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto, artisticamente lavorati. Avrà due spalline attaccate alle due estremità e in tal modo formerà un pezzo ben unito. La cintura per fissarlo e che sta sopra di esso sarà della stessa fattura e sarà d'un sol pezzo: sarà intessuta d'oro, di porpora viola e porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto.
Prenderai due pietre di ònice e inciderai su di esse i nomi degli Israeliti: sei dei loro nomi sulla prima pietra e gli altri sei nomi sulla seconda pietra, in ordine di nascita. Inciderai le due pietre con i nomi degli Israeliti, seguendo l'arte dell'intagliatore di pietre per l'incisione di un sigillo; le inserirai in castoni d'oro. Fisserai le due pietre sulle spalline dell'efod, come pietre che ricordino presso di me gli Israeliti; così Aronne porterà i loro nomi sulle sue spalle davanti al Signore, come un memoriale. Farai anche i castoni d'oro e due catene d'oro in forma di cordoni, con un lavoro d'intreccio; poi fisserai le catene a intreccio sui castoni.
Farai il pettorale del giudizio, artisticamente lavorato, di fattura uguale a quella dell'efod: con oro, porpora viola, porpora rossa, scarlatto e bisso ritorto. Sarà quadrato, doppio; avrà una spanna di lunghezza e una spanna di larghezza. Lo coprirai con una incastonatura di pietre preziose, disposte in quattro file. Una fila: una cornalina, un topazio e uno smeraldo: così la prima fila. La seconda fila: un turchese, uno zaffìro e un berillo. La terza fila: un giacinto, un'àgata e un'ametista. La quarta fila: un crisòlito, un ònice e un diaspro. Saranno inserite nell'oro mediante i loro castoni. Le pietre corrisponderanno ai nomi degli Israeliti: dodici, secondo i loro nomi, e saranno incise come sigilli, ciascuna con il nome corrispondente, secondo le dodici tribù.
Poi farai sul pettorale catene in forma di cordoni, lavoro d'intreccio d'oro puro. Farai sul pettorale due anelli d'oro e metterai i due anelli alle estremità del pettorale. Metterai le due catene d'oro sui due anelli alle estremità del pettorale. Quanto alle due altre estremità delle catene, le fisserai sui due castoni e le farai passare sulle due spalline dell'efod nella parte anteriore.
Farai due anelli d'oro e li metterai sulle due estremità del pettorale sul suo bordo che è dalla parte dell'efod, verso l'interno. Farai due altri anelli d'oro e li metterai sulle due spalline dell'efod in basso, sul suo lato anteriore, in vicinanza del punto di attacco, al di sopra della cintura dell'efod.
Si legherà il pettorale con i suoi anelli agli anelli dell'efod mediante un cordone di porpora viola, perché stia al di sopra della cintura dell'efod e perché il pettorale non si distacchi dall'efod.
Così Aronne porterà i nomi degli Israeliti sul pettorale del giudizio, sopra il suo cuore, quando entrerà nel Santo, come memoriale davanti al Signore per sempre. Unirai al pettorale del giudizio gli urim e i tummim. Saranno così sopra il cuore di Aronne quando entrerà alla presenza del Signore: Aronne porterà il giudizio degli Israeliti sopra il suo cuore alla presenza del Signore per sempre. Farai il manto dell'efod, tutto di porpora viola con in mezzo una scollatura per la testa; il bordo attorno alla scollatura sarà un lavoro di tessitore come la scollatura di una corazza, che non si lacera. Farai sul suo lembo melagrane di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto, intorno al suo lembo, e in mezzo porrai sonagli d'oro: un sonaglio d'oro e una melagrana, un sonaglio d'oro e una melagrana intorno all'orlo del manto. Esso rivestirà Aronne nelle funzioni sacerdotali e se ne sentirà il suono quando egli entrerà nel Santo alla presenza del Signore e quando ne uscirà; così non morirà.
Farai una lamina d'oro puro e vi inciderai, come su di un sigillo: Sacro al Signore. L'attaccherai con un cordone di porpora viola al turbante, sulla parte anteriore. Starà sulla fronte di Aronne; Aronne porterà il carico delle colpe che potranno commettere gli Israeliti, in occasione delle offerte sacre da loro presentate. Aronne la porterà sempre sulla sua fronte, per attirare su di essi il favore del Signore.
Tesserai la tunica di bisso. Farai un turbante di bisso e una cintura, lavoro di ricamo. Per i figli di Aronne farai tuniche e cinture. Per essi farai anche berretti a gloria e decoro. Farai indossare queste vesti ad Aronne, tuo fratello, e ai suoi figli. Poi li ungerai, darai loro l'investitura e li consacrerai, perché esercitino il sacerdozio in mio onore.
Farai loro inoltre calzoni di lino, per coprire la loro nudità; dovranno arrivare dai fianchi fino alle cosce. Aronne e i suoi figli li indosseranno quando entreranno nella tenda del convegno o quando si avvicineranno all'altare per officiare nel santuario, perché non incorrano in una colpa che li farebbe morire. E` una prescrizione rituale perenne per lui e per i suoi discendenti”.
Es. 29: “Osserverai questo rito per consacrarli al mio sacerdozio. Prendi un giovenco e due arieti senza difetto; poi pani azzimi, focacce azzime impastate con olio e schiacciate azzime cosparse di olio: di fior di farina di frumento. Le disporrai in un solo canestro e le offrirai nel canestro insieme con il giovenco e i due arieti. Farai avvicinare Aronne e i suoi figli all'ingresso della tenda del convegno e li farai lavare con acqua. Prenderai le vesti e rivestirai Aronne della tunica, del manto dell'efod, dell'efod e del pettorale; lo cingerai con la cintura dell'efod; gli porrai sul capo il turbante e fisserai il diadema sacro sopra il turbante. Poi prenderai l'olio dell'unzione, lo verserai sul suo capo e lo ungerai.
Quanto ai suoi figli, li farai avvicinare, li rivestirai di tuniche; li cingerai con la cintura e legherai loro i berretti. Il sacerdozio apparterrà loro per decreto perenne. Così darai l'investitura ad Aronne e ai suoi figli. Farai poi avvicinare il giovenco davanti alla tenda del convegno. Aronne e i suoi figli poseranno le mani sulla sua testa. Immolerai il giovenco davanti al Signore, all'ingresso della tenda del convegno. Prenderai parte del suo sangue e con il dito lo spalmerai sui corni dell'altare. Il resto del sangue lo verserai alla base dell'altare.
Prenderai tutto il grasso che avvolge le viscere, il lobo del fegato, i reni con il grasso che vi è sopra, e li farai ardere in sacrificio sull'altare. Ma la carne del giovenco, la sua pelle e i suoi escrementi, li brucerai fuori del campo, perché si tratta di un sacrificio per il peccato. Prenderai poi uno degli arieti; Aronne e i suoi figli poseranno le mani sulla sua testa. Immolerai l'ariete, ne raccoglierai il sangue e lo spargerai intorno all'altare. Poi farai a pezzi l'ariete, ne laverai le viscere e le zampe e le disporrai sui quarti e sulla testa.
Allora brucerai in soave odore sull'altare tutto l'ariete. E` un olocausto in onore del Signore, un profumo gradito, una offerta consumata dal fuoco per il Signore. Poi prenderai il secondo ariete; Aronne e i suoi figli poseranno le mani sulla sua testa. Lo immolerai, prenderai parte del suo sangue e ne porrai sul lobo dell'orecchio destro di Aronne, sul lobo dell'orecchio destro dei suoi figli, sul pollice della loro mano destra e sull'alluce del loro piede destro; poi spargerai il sangue intorno all'altare.
Prenderai di questo sangue dall'altare e insieme un pò d'olio dell'unzione e ne spruzzerai Aronne e le sue vesti, i figli di Aronne e le loro vesti: così sarà consacrato lui con le sue vesti e insieme con lui i suoi figli con le loro vesti.
Poi prenderai il grasso dell'ariete: la coda, il grasso che copre le viscere, il lobo del fegato, i due reni con il grasso che vi è sopra, e la coscia destra, perché è l'ariete dell'investitura.
Prenderai anche un pane rotondo, una focaccia all'olio e una schiacciata dal canestro di azzimi deposto davanti al Signore.
Metterai il tutto sulle palme di Aronne e sulle palme dei suoi figli e farai compiere il gesto di presentazione proprio dell'offerta agitata davanti al Signore.
Poi riprenderai ogni cosa dalle loro mani e la brucerai in odore soave sull'altare, sopra l'olocausto, come profumo gradito davanti al Signore: è un'offerta consumata dal fuoco in onore del Signore. Prenderai il petto dell'ariete dell'investitura di Aronne e compirai il gesto di presentazione dell'offerta, agitandola davanti al Signore: sarà la tua porzione.
Consacrerai il petto, presentato con il gesto dell'offerta, e la coscia del contributo, prelevati dall'ariete dell'investitura: queste cose saranno di Aronne e dei suoi figli. Dovranno appartenere ad Aronne e ai suoi figli come porzione loro riservata dagli Israeliti in forza di legge perenne. Perché è un contributo, un prelevamento cioè che gli Israeliti dovranno operare in tutti i loro sacrifici di comunione, un prelevamento dovuto al Signore. Le vesti sacre di Aronne passeranno, dopo di lui, ai suoi figli, che se ne rivestiranno per ricevere l'unzione e l'investitura. Quello dei figli di Aronne, che gli succederà nel sacerdozio ed entrerà nella tenda del convegno per officiare nel santuario, porterà queste vesti per sette giorni. Poi prenderai l'ariete dell'investitura e ne cuocerai le carni in luogo santo.
Aronne e i suoi figli mangeranno la carne dell'ariete e il pane contenuto nel canestro all'ingresso della tenda del convegno. Mangeranno così ciò che sarà servito per fare la espiazione, nel corso della loro investitura e consacrazione. Nessun estraneo ne deve mangiare, perché sono cose sante.
Nel caso che al mattino ancora restasse carne del sacrificio d'investitura e del pane, brucerai questo avanzo nel fuoco. Non lo si mangerà: è cosa santa. Farai dunque ad Aronne e ai suoi figli secondo quanto ti ho comandato. Per sette giorni ne farai l'investitura.
In ciascun giorno offrirai un giovenco in sacrificio per il peccato, in espiazione; toglierai il peccato dall'altare facendo per esso il sacrificio espiatorio e in seguito lo ungerai per consacrarlo. Per sette giorni farai il sacrificio espiatorio per l'altare e lo consacrerai. Diverrà allora una cosa santissima e quanto toccherà l'altare sarà santo.
Ecco ciò che tu offrirai sull'altare: due agnelli di un anno ogni giorno, per sempre. Offrirai uno di questi agnelli al mattino, il secondo al tramonto. Con il primo agnello offrirai un decimo di efa di fior di farina impastata con un quarto di hin di olio vergine e una libazione di un quarto di hin di vino. Offrirai il secondo agnello al tramonto con un'oblazione e una libazione come quelle del mattino: profumo soave, offerta consumata dal fuoco in onore del Signore.
Questo è l'olocausto perenne per le vostre generazioni, all'ingresso della tenda del convegno, alla presenza del Signore, dove io vi darò convegno per parlare con te. Io darò convegno agli Israeliti in questo luogo, che sarà consacrato dalla mia Gloria. Consacrerò la tenda del convegno e l'altare. Consacrerò anche Aronne e i suoi figli, perché siano miei sacerdoti. Abiterò in mezzo agli Israeliti e sarò il loro Dio.
Sapranno che io sono il Signore, il loro Dio, che li ho fatti uscire dal paese d'Egitto, per abitare in mezzo a loro, io il Signore, loro Dio”.
Es. 30: “Farai poi un altare sul quale bruciare l'incenso: lo farai di legno di acacia. Avrà un cubito di lunghezza e un cubito di larghezza, sarà cioè quadrato; avrà due cubiti di altezza e i suoi corni saranno tutti di un pezzo. Rivestirai d'oro puro il suo piano, i suoi lati, i suoi corni e gli farai intorno un bordo d'oro. Farai anche due anelli d'oro al di sotto del bordo, sui due fianchi, ponendoli cioè sui due lati opposti: serviranno per inserire le stanghe destinate a trasportarlo. Farai le stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro.
Porrai l'altare davanti al velo che nasconde l'arca della Testimonianza, di fronte al coperchio che è sopra la Testimonianza, dove io ti darò convegno.
Aronne brucerà su di esso l'incenso aromatico: lo brucerà ogni mattina quando riordinerà le lampade e lo brucerà anche al tramonto, quando Aronne riempirà le lampade: incenso perenne davanti al Signore per le vostre generazioni. Non vi offrirete sopra incenso estraneo, né olocausto, né oblazione; né vi verserete libazione.
Una volta all'anno Aronne farà il rito espiatorio sui corni di esso: con il sangue del sacrificio per il peccato vi farà sopra una volta all'anno il rito espiatorio per le vostre generazioni. E` cosa santissima per il Signore.
Il Signore parlò a Mosè e gli disse: Quando per il censimento farai la rassegna degli Israeliti, ciascuno di essi pagherà al Signore il riscatto della sua vita all'atto del censimento, perché non li colpisca un flagello in occasione del loro censimento. Chiunque verrà sottoposto al censimento, pagherà un mezzo siclo, computato secondo il siclo del santuario, il siclo di venti ghera. Questo mezzo siclo sarà un'offerta prelevata in onore del Signore. Ogni persona sottoposta al censimento, dai venti anni in su, paghi l'offerta prelevata per il Signore.
Il ricco non darà di più e il povero non darà di meno di mezzo siclo, per soddisfare all'offerta prelevata per il Signore, a riscatto delle vostre vite. Prenderai il denaro di questo riscatto ricevuto dagli Israeliti e lo impiegherai per il servizio della tenda del convegno. Esso sarà per gli Israeliti come un memoriale davanti al Signore per il riscatto delle vostre vite.
Il Signore parlò a Mosè: Farai una conca di rame con il piedestallo di rame, per le abluzioni; la collocherai tra la tenda del convegno e l'altare e vi metterai acqua. Aronne e i suoi figli vi attingeranno per lavarsi le mani e i piedi.
Quando entreranno nella tenda del convegno, faranno una abluzione con l'acqua, perché non muoiano; così quando si avvicineranno all'altare per officiare, per bruciare un'offerta da consumare con il fuoco in onore del Signore, si laveranno le mani e i piedi e non moriranno. E` una prescrizione rituale perenne per lui e per i suoi discendenti, in tutte le loro generazioni.
Il Signore parlò a Mosè: Procùrati balsami pregiati: mirra vergine per il peso di cinquecento sicli, cinnamòmo odorifero, la metà, cioè duecentocinquanta sicli, canna odorifera, duecentocinquanta, cassia, cinquecento sicli, secondo il siclo del santuario, e un hin d'olio d'oliva. Ne farai l'olio per l'unzione sacra, un unguento composto secondo l'arte del profumiere: sarà l'olio per l'unzione sacra. Con esso ungerai la tenda del convegno, l'arca della Testimonianza, la tavola e tutti i suoi accessori, il candelabro con i suoi accessori, l'altare del profumo, l'altare degli olocausti e tutti i suoi accessori; la conca e il suo piedestallo.
Consacrerai queste cose, le quali diventeranno santissime: quanto le toccherà sarà santo. Ungerai anche Aronne e i suoi figli e li consacrerai perché esercitino il mio sacerdozio. Agli Israeliti dirai: Questo sarà per voi l'olio dell'unzione sacra per le vostre generazioni.
Non si dovrà versare sul corpo di nessun uomo e di simile a questo non ne dovrete fare: è una cosa santa e santa la dovrete ritenere. Chi ne farà di simile a questo o ne porrà sopra un uomo estraneo sarà eliminato dal suo popolo.
Il Signore disse a Mosè: Procùrati balsami: storàce, ònice, galbano come balsami e incenso puro: il tutto in parti uguali. Farai con essi un profumo da bruciare, una composizione aromatica secondo l'arte del profumiere, salata, pura e santa. Ne pesterai un poco riducendola in polvere minuta e ne metterai davanti alla Testimonianza, nella tenda del convegno, dove io ti darò convegno. Cosa santissima sarà da voi ritenuta. Non farete per vostro uso alcun profumo di composizione simile a quello che devi fare: lo riterrai una cosa santa in onore del Signore. Chi ne farà di simile per sentirne il profumo sarà eliminato dal suo popolo”.
Es. 31: “Il Signore parlò a Mosè e gli disse: Vedi, ho chiamato per nome Bezaleel, figlio di Uri, figlio di Cur, della tribù di Giuda. L'ho riempito dello spirito di Dio, perché abbia saggezza, intelligenza e scienza in ogni genere di lavoro, per concepire progetti e realizzarli in oro, argento e rame, per intagliare le pietre da incastonare, per scolpire il legno e compiere ogni sorta di lavoro.
Ed ecco gli ho dato per compagno Ooliab, figlio di Achisamach, della tribù di Dan. Inoltre nel cuore di ogni artista ho infuso saggezza, perché possano eseguire quanto ti ho comandato: la tenda del convegno, l'arca della Testimonianza, il coperchio sopra di essa e tutti gli accessori della tenda; la tavola con i suoi accessori, il candelabro puro con i suoi accessori, l'altare dei profumi e l'altare degli olocausti con tutti i suoi accessori, la conca con il suo piedestallo, le vesti ornamentali, le vesti sacre del sacerdote Aronne e le vesti dei suoi figli per esercitare il sacerdozio; l'olio dell'unzione e il profumo degli aromi per il santuario. Essi eseguiranno ogni cosa secondo quanto ti ho ordinato”.
Cosa assai utile si rivela anche sapere come era stato concepito e realizzato il tempio di Gerusalemme. Si hanno tre versioni: quella del Primo Libro dei Re, quella del Secondo Libro delle Cronache e l’altra quella che riporta la descrizione del Nuovo Tempio visto da Ezechiele in sostituzione del vecchio tempo, raso al suolo dalla furia distruttrice dei Babilonesi:
1Re 6: “Alla costruzione del tempio del Signore fu dato inizio l'anno quattrocentottanta dopo l'uscita degli Israeliti dal paese d'Egitto, l'anno quarto del regno di Salomone su Israele, nel mese di Ziv, cioè nel secondo mese.
Il tempio costruito dal re Salomone per il Signore, era lungo sessanta cubiti, largo venti, alto trenta. Davanti al tempio vi era un atrio lungo venti cubiti, in base alla larghezza del tempio, ed esteso per dieci cubiti secondo la lunghezza del tempio. Fece nel tempio finestre quadrangolari con grate. Intorno al muro del tempio fu costruito un edificio a piani, lungo la navata e la cella. Il piano più basso era largo cinque cubiti, quello di mezzo sei e il terzo sette, perché le mura esterne, intorno, erano state costruite a riseghe, in modo che le travi non poggiassero sulle mura del tempio.
Per la sua costruzione si usarono pietre lavorate e intere; durante i lavori nel tempio non si udì rumore di martelli, di piccone o di altro arnese di ferro. La porta del piano più basso era sul lato destro del tempio; per mezzo di una scala a chiocciola si passava al piano di mezzo e dal piano di mezzo a quello superiore.
In tal modo Salomone costruì il tempio; dopo averlo terminato, lo ricoprì con assi e travi di cedro. Innalzò anche l'ala laterale intorno al tempio, alta cinque cubiti per piano; la unì al tempio con travi di cedro.
E il Signore parlò a Salomone e disse: Riguardo al tempio che stai edificando, se camminerai secondo i miei decreti, se eseguirai le mie disposizioni e osserverai tutti i miei comandi, uniformando ad essi la tua condotta, io confermerò a tuo favore le parole dette da me a Davide tuo padre. Io abiterò in mezzo agli Israeliti; non abbandonerò il mio popolo Israele.
Terminata la costruzione del tempio, Salomone rivestì all'interno le pareti del tempio con tavole di cedro dal pavimento al soffitto; rivestì anche con legno di cedro la parte interna del soffitto e con tavole di cipresso il pavimento.
Separò uno spazio di venti cubiti, a partire dal fondo del tempio, con un assito di tavole di cedro che dal pavimento giungeva al soffitto, e la cella che ne risultò all'interno divenne il santuario, il Santo dei santi.
La navata di fronte ad esso era di quaranta cubiti. Il cedro all'interno del tempio era scolpito a rosoni e a boccioli di fiori; tutto era di cedro e non si vedeva una pietra. Per l'arca dell'alleanza del Signore fu apprestata una cella nella parte più segreta del tempio.
La cella interna era lunga venti cubiti e alta venti. La rivestì d'oro purissimo e vi eresse un altare di cedro. Salomone rivestì l'interno del tempio con oro purissimo e fece passare, davanti alla cella, un velo che scorreva mediante catenelle d'oro e lo ricoprì d'oro. E d'oro fu rivestito tutto l'interno del tempio, e rivestì d'oro anche tutto l'altare che era nella cella.
Nella cella fece due cherubini di legno di ulivo, alti dieci cubiti. L'ala di un cherubino era di cinque cubiti e di cinque cubiti era anche l'altra ala del cherubino; c'erano dieci cubiti da una estremità all'altra delle ali. Di dieci cubiti era l'altro cherubino; i due cherubini erano identici nella misura e nella forma. L'altezza di un cherubino era di dieci cubiti, così anche quella dell'altro.
Pose i cherubini nella parte più riposta del tempio, nel santuario. I cherubini avevano le ali spiegate; l'ala di uno toccava la parete e l'ala dell'altro toccava l'altra parete; le loro ali si toccavano in mezzo al tempio, ala contro ala. Erano anch'essi rivestiti d'oro.
Ricoprì le pareti del tempio con sculture e incisioni di cherubini, di palme e di boccioli di fiori, all'interno e all'esterno. Ricoprì d'oro il pavimento del tempio, all'interno e all'esterno.
Fece costruire la porta della cella con battenti di legno di ulivo; il frontale e gli stipiti formavano un pentagono. I due battenti erano di legno di ulivo. Su di essi fece scolpire cherubini, palme e boccioli di fiori, che ricoprì d'oro, stendendo lamine d'oro sui cherubini e sulle palme. Lo stesso procedimento adottò per la porta della navata, che aveva stipiti di legno di ulivo a forma quadrangolare. I due battenti erano di legno di abete; un battente era costituito da due pezzi girevoli e così l'altro battente.
Vi scolpì cherubini, palme e boccioli di fiori, che ricoprì d'oro lungo le linee dell'incisione. Costruì il muro del cortile interno con tre ordini di pietre squadrate e con un ordine di tavole di cedro. Nell'anno quarto, nel mese di Ziv, si gettarono le fondamenta del tempio del Signore.
Nell'anno undecimo, nel mese di Bul, che è l'ottavo mese, fu terminato il tempio in tutte le sue parti e con tutto l'occorrente. Salomone lo edificò in sette anni”.
1 Re 7,13-51: “Salomone fece venire da Tiro Chiram, figlio di una vedova della tribù di Nèftali; suo padre era di Tiro e lavorava il bronzo. Era dotato di grande capacità tecnica, di intelligenza e di talento, esperto in ogni genere di lavoro in bronzo. Egli si recò dal re ed eseguì le sue commissioni.
Fuse due colonne di bronzo, ognuna alta diciotto cubiti e dodici di circonferenza. Fece due capitelli, fusi in bronzo, da collocarsi sulla cima delle colonne; l'uno e l'altro erano alti cinque cubiti. Fece due reticolati per coprire i capitelli che erano sopra le colonne, un reticolato per un capitello e un reticolato per l'altro capitello. Fece melagrane su due file intorno al reticolato per coprire i capitelli sopra le colonne; allo stesso modo fece per il secondo capitello. I capitelli sopra le colonne erano a forma di giglio.
C'erano capitelli sopra le colonne, applicati alla sporgenza che era al di là del reticolato; essi contenevano duecento melagrane in fila intorno a ogni capitello. Eresse le colonne nel vestibolo del tempio. Eresse la colonna di destra, che chiamò Iachin ed eresse la colonna di sinistra, che chiamò Boaz. Così fu terminato il lavoro delle colonne.
Fece un bacino di metallo fuso di dieci cubiti da un orlo all'altro, rotondo; la sua altezza era di cinque cubiti e la sua circonferenza di trenta cubiti. Intorno, sotto l'orlo, c'erano cucurbite, dieci per ogni cubito; le cucurbite erano disposte in due file ed erano state colate insieme con il bacino. Questo poggiava su dodici buoi; tre guardavano verso settentrione, tre verso occidente, tre verso meridione e tre verso oriente. Il bacino poggiava su di essi e le loro parti posteriori erano rivolte verso l'interno. Il suo spessore era di un palmo; il suo orlo fatto come l'orlo di un calice era a forma di giglio. Conteneva duemila bat. Fece dieci basi di bronzo, ciascuna lunga quattro cubiti, larga quattro e alta tre cubiti.
Ecco come erano fatte le basi: si componevano di doghe e di traverse incrociate con le doghe. Sulle doghe che erano fra le traverse c'erano leoni, buoi e cherubini; le stesse figure erano sulle traverse. Sopra e sotto i leoni e i buoi c'erano ghirlande a forma di festoni. Ciascuna base aveva quattro ruote di bronzo con gli assi di bronzo; i suoi quattro piedi avevano sporgenze, sotto il bacino; le sporgenze erano di metallo fuso e situate al di là di ogni ghirlanda.
L'estremità della base, dalla parte della sporgenza e sopra, era di un cubito; tale estremità era rotonda, fatta in forma di sostegno, alta un cubito e mezzo; anche su tale estremità c'erano sculture. Le traverse erano di forma quadrata, non rotonda. Le quattro ruote erano sotto le traverse; gli assi delle ruote erano fissati alla base; l'altezza di ogni ruota era di un cubito e mezzo. Le ruote erano lavorate come le ruote di un carro; i loro assi, i loro quarti, i loro raggi e i loro mozzi erano tutti di metallo fuso.
Quattro sporgenze erano sui quattro angoli di ciascuna base; la sporgenza e la base erano di un sol pezzo. Alla cima della base c'era un sostegno rotondo, alto mezzo cubito; alla cima della base c'erano i manici; le traverse e la base erano di un sol pezzo. Sulle sue pareti scolpì cherubini, leoni e palme, secondo gli spazi liberi, e ghirlande intorno.
Fuse le dieci basi in un medesimo stampo, identiche nella misura e nella forma. Fuse poi anche dieci bacini di bronzo; ognuno conteneva quaranta bat ed era di quattro cubiti; un bacino per ogni base, per le dieci basi. Pose cinque delle basi sul lato destro del tempio e cinque su quello sinistro. Pose la vasca sul lato destro del tempio, a sud-est.
Chiram preparò inoltre caldaie, palette e vassoi. E terminò tutte le commissioni del re Salomone per il tempio del Signore, cioè le due colonne, i globi dei capitelli che erano sopra le colonne, i due reticolati per coprire i due globi dei capitelli che erano sopra le colonne, le quattrocento melagrane sui due reticolati, due file di melagrane per ciascun reticolato, le dieci basi e i dieci bacini sulle basi, il bacino e i dodici buoi sotto il bacino, le caldaie, le palette, i vassoi e tutti quei vasi che Chiram aveva fatti al re Salomone per il tempio del Signore; tutto era di bronzo rifinito.
Il re li fece fondere nella valle del Giordano, in suolo argilloso, fra Succot e Zartan. Salomone installò tutti gli arredi in quantità molto grande: non si poteva calcolare il peso del bronzo. Salomone fece anche tutti gli arredi del tempio del Signore, l'altare d'oro, le tavole d'oro su cui si ponevano i pani dell'offerta, i cinque candelabri a destra e i cinque a sinistra di fronte alla cella d'oro purissimo, i fiori, le lampade, gli smoccolatoi d'oro, le coppe, i coltelli, gli aspersori, i mortai e i bracieri d'oro purissimo, i cardini per le porte del tempio interno, cioè per il Santo dei santi, e i battenti d'oro per la navata.
Fu così terminato tutto il lavoro che il re Salomone aveva fatto per il tempio. Salomone presentò le offerte fatte da Davide suo padre, cioè l'argento, l'oro e i vari oggetti; le depositò nei tesori del tempio”.
2Cro 4: “Salomone fece l'altare di bronzo lungo venticinque cubiti, largo venticinque e alto dieci.
Fece la vasca di metallo fuso del diametro di dieci cubiti, rotonda, alta cinque cubiti; ci voleva una corda di trenta cubiti per cingerla. Sotto l'orlo, per l'intera circonferenza, la circondavano animali dalle sembianze di buoi, dieci per cubito, disposti in due file e fusi insieme con la vasca. Questa poggiava su dodici buoi: tre guardavano verso settentrione, tre verso occidente, tre verso meridione e tre verso oriente. La vasca vi poggiava sopra e le loro parti posteriori erano rivolte verso l'interno. Il suo spessore era di un palmo; il suo orlo era come l'orlo di un calice a forma di giglio. Conteneva tremila bat.
Fece anche dieci recipienti per la purificazione ponendone cinque a destra e cinque a sinistra; in essi si lavava quanto si adoperava per l'olocausto. La vasca serviva alle abluzioni dei sacerdoti.
Fece dieci candelabri d'oro, secondo la forma prescritta, e li pose nella navata: cinque a destra e cinque a sinistra.
Fece dieci tavoli e li collocò nella navata, cinque a destra e cinque a sinistra.
Fece il cortile dei sacerdoti, il gran cortile e le porte di detto cortile, che rivestì di bronzo.
Collocò la vasca dal lato destro, a sud-est.
Curam fece le caldaie, le palette e gli aspersori. Egli portò a termine il lavoro, eseguito nel tempio per il re Salomone: le due colonne, i due globi dei capitelli sopra le colonne, i due reticolati per coprire i globi dei capitelli sopra le colonne, le quattrocento melagrane per i due reticolati, due file di melagrane per ogni reticolato per coprire i due globi dei capitelli sopra le colonne, le dieci basi e i dieci recipienti sulle basi, l'unica vasca e i dodici buoi sotto di essa, le caldaie, le palette, i forchettoni e tutti gli accessori che Curam-Abi fece di bronzo splendido per il re Salomone per il tempio.
Il re li fece fondere nella valle del Giordano, nella fonderia, fra Succot e Zereda. Salomone fece tutti questi oggetti in grande quantità da non potersi calcolare il peso del bronzo. Salomone fece tutti gli oggetti destinati al tempio: l'altare d'oro e le tavole, su cui si ponevano i pani dell'offerta, i candelabri e le lampade d'oro da accendersi, come era prescritto, di fronte alla cella, i fiori, le lampade e gli spegnitoi d'oro, di quello più raffinato, i coltelli, gli aspersori, le coppe e i bracieri d'oro fino. Quanto alle porte del tempio, i battenti interni verso il Santo dei santi e i battenti della navata del tempio erano d'oro”.
2Cro 5: “Fu ultimato così quanto Salomone aveva disposto per il tempio. Allora Salomone fece portare gli oggetti consacrati da Davide suo padre e depositò l'argento, l'oro e ogni arredo nel tesoro del tempio. Salomone allora convocò in assemblea a Gerusalemme gli anziani di Israele e tutti i capitribù, i principi dei casati israeliti, per trasportare l'arca dell'alleanza del Signore dalla città di Davide, cioè da Sion.
Si radunarono presso il re tutti gli Israeliti per la festa che cadeva nel settimo mese. Quando furono giunti tutti gli anziani di Israele, i leviti sollevarono l'arca. Trasportarono l'arca e la tenda del convegno e tutti gli oggetti sacri che erano nella tenda; li trasportarono i sacerdoti e i leviti. l re Salomone e tutta la comunità di Israele, convenuta presso di lui, immolavano davanti all'arca pecore e buoi, da non potersi contare né calcolare per il gran numero.
I sacerdoti introdussero l'arca dell'alleanza del Signore al suo posto nella cella del tempio, nel Santo dei santi, sotto le ali dei cherubini.
Difatti i cherubini stendevano le ali sopra l'arca; essi coprivano l'arca e le sue stanghe dall'alto. Le stanghe erano più lunghe, per questo le loro punte si prolungavano oltre l'arca verso la cella, ma non si vedevano di fuori; così è fino ad oggi. Nell'arca non c'era nulla se non le due tavole, che Mosè vi pose sull'Oreb, le tavole dell'alleanza conclusa dal Signore con gli Israeliti quando uscirono dall'Egitto.
Ora avvenne che, usciti i sacerdoti dal Santo tutti i sacerdoti presenti infatti si erano santificati senza badare alle classi mentre tutti i leviti cantori, cioè Asaf, Eman, Idutun e i loro figli e fratelli, vestiti di bisso, con cembali, arpe e cetre stavano in piedi a oriente dell'altare e mentre presso di loro 120 sacerdoti suonavano le trombe, avvenne che, quando i suonatori e i cantori fecero udire all'unisono la voce per lodare e celebrare il Signore e il suono delle trombe, dei cembali e degli altri strumenti si levò per lodare il Signore perché è buono, perché la sua grazia dura sempre, allora il tempio si riempì di una nube, cioè della gloria del Signore.
I sacerdoti non riuscivano a rimanervi per il loro servizio a causa della nube, perché la gloria del Signore aveva riempito il tempio di Dio”.
2Cro 6: “Allora Salomone disse: Il Signore ha deciso di abitare nella nube. Ora io ti ho costruito una casa sublime, un luogo ove tu possa porre per sempre la dimora.
Il re poi si voltò e benedisse tutta l'assemblea di Israele, mentre tutta l'assemblea di Israele stava in piedi e disse: Benedetto il Signore Dio di Israele, che ha adempiuto con potenza quanto aveva predetto di sua bocca a Davide, mio padre: Da quando feci uscire il mio popolo dal paese d'Egitto non mi sono scelto una città fra tutte le tribù di Israele perché mi si costruisse un tempio ove abitasse il mio nome e non mi sono scelto nessuno perché fosse guida del mio popolo Israele; ora mi sono scelto Gerusalemme perché vi dimori il mio nome e mi sono scelto Davide perché governi il mio popolo Israele. Davide mio padre aveva deciso di costruire un tempio al nome del Signore, Dio di Israele, ma il Signore disse a Davide mio padre: Hai deciso di costruire un tempio al mio nome; hai fatto bene a formulare tale progetto; solo che tu non costruirai il tempio, ma tuo figlio, generato da te, costruirà un tempio al mio nome. Il Signore ha attuato la sua parola; sono succeduto infatti a Davide mio padre e siedo sul trono di Israele, come aveva preannunziato il Signore e ho costruito il tempio al nome del Signore, Dio di Israele. Vi ho collocato l'arca dell'alleanza che il Signore aveva conclusa con gli Israeliti.
Egli si pose poi davanti all'altare del Signore, di fronte a tutta l'assemblea di Israele, e stese le mani. Salomone, infatti, aveva eretto una tribuna di bronzo e l'aveva collocata in mezzo al grande cortile; era lunga cinque cubiti, larga cinque e alta tre. Egli vi salì e si inginocchiò di fronte a tutta l'assemblea di Israele. Stese le mani verso il cielo e disse: Signore, Dio di Israele, non c'è Dio simile a te in cielo e sulla terra. Tu mantieni l'alleanza e la misericordia verso i tuoi servi che camminano davanti a te con tutto il cuore. Tu hai mantenuto, nei riguardi del tuo servo Davide mio padre, quanto gli avevi promesso; quanto avevi pronunziato con la bocca l'hai adempiuto con potenza, come appare oggi. Ora, Signore Dio di Israele, mantieni, nei riguardi del tuo servo Davide mio padre quanto gli hai promesso: Non ti mancherà mai un discendente, il quale stia davanti a me e sieda sul trono di Israele, purché i tuoi figli vigilino sulla loro condotta, secondo la mia legge, come hai fatto tu con me. Ora, Signore Dio di Israele, si adempia la parola che tu hai rivolta al tuo servo Davide!
Ma è proprio vero che Dio abita con gli uomini sulla terra? Ecco i cieli e i cieli dei cieli non possono contenerti, tanto meno questa casa che ti ho costruita! Tuttavia volgiti alla preghiera del tuo servo e alla sua supplica, Signore mio Dio; ascolta il grido e la preghiera che il tuo servo innalza a te. Siano i tuoi occhi aperti verso questa casa, giorno e notte, verso il luogo dove hai promesso di porre il tuo nome, per ascoltare la preghiera che il tuo servo innalza in questo luogo. Ascolta le suppliche del tuo servo e del tuo popolo Israele, quando pregheranno in questo luogo. Tu ascoltali dai cieli, dal luogo della tua dimora; ascolta e perdona!
Credente.
00Sunday, January 15, 2012 3:19 PM
Se uno pecca contro il suo prossimo e, perché gli è imposta una maledizione, viene a giurare davanti al tuo altare in questo tempio, tu ascoltalo dal cielo, intervieni e fa’ giustizia fra i tuoi servi; condanna l'empio, facendogli ricadere sul capo la sua condotta, e dichiara giusto l'innocente, rendendogli quanto merita la sua innocenza.
Quando il tuo popolo Israele sarà sconfitto dal nemico perché ha peccato contro di te, se si convertirà e loderà il tuo nome, pregherà e supplicherà davanti a te, in questo tempio, tu ascolta dal cielo, perdona il peccato del tuo popolo Israele e fallo tornare nel paese che hai concesso loro e ai loro padri.
Quando si chiuderà il cielo e non ci sarà pioggia perché hanno peccato contro di te, se ti pregheranno in questo luogo, loderanno il tuo nome e si convertiranno dal loro peccato perché tu li avrai umiliati, tu ascolta dal cielo e perdona il peccato dei tuoi servi e del tuo popolo Israele, ai quali indicherai la strada buona su cui camminare, e concedi la pioggia alla terra, che hai dato in eredità al tuo popolo.
Quando nella regione ci sarà carestia o peste, carbonchio o ruggine, invasione di cavallette o di bruchi, quando il nemico assedierà il tuo popolo nella sua terra o nelle sue città, quando scoppierà un'epidemia o un flagello qualsiasi, ogni preghiera e ogni supplica fatta da un individuo o da tutto il tuo popolo Israele, in seguito alla prova del castigo e del dolore, con le mani tese verso questo tempio, tu ascoltala dal cielo, luogo della tua dimora e perdona, rendendo a ciascuno secondo la sua condotta, tu che conosci il cuore di ognuno, poiché solo tu conosci il cuore dei figli dell'uomo.
Fa’ sì che ti temano e camminino nelle tue vie per tutti i giorni della loro vita nel paese che hai dato ai nostri padri. Anche lo straniero, che non appartiene al tuo popolo Israele, se viene da un paese lontano a causa del tuo grande nome, della tua mano potente e del tuo braccio teso, a pregare in questo tempio, tu ascolta dal cielo, luogo della tua dimora, e soddisfa tutte le richieste dello straniero e tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome, ti temano come il tuo popolo Israele e sappiano che il tuo nome è stato invocato su questo tempio, che io ho costruito.
Quando il tuo popolo uscirà in guerra contro i suoi nemici, seguendo la via per la quale l'avrai indirizzato, se ti pregheranno rivolti verso questa città che ti sei scelta, e verso il tempio che ho costruito al tuo nome, ascolta dal cielo la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia.
Quando peccheranno contro di te –non c'è, infatti, nessuno senza peccato – e tu, adirato contro di loro, li consegnerai a un nemico e i loro conquistatori li deporteranno in un paese lontano o vicino, se, nel paese in cui saranno stati deportati, rientrando in se stessi, si convertiranno a te supplicandoti nel paese della loro prigionia dicendo: Abbiamo peccato, abbiamo agito da malvagi e da empi, se faranno ritorno a te con tutto il cuore e con tutta l'anima, nel paese della loro prigionia ove li avranno deportati e ti supplicheranno rivolti verso il paese che tu hai concesso ai loro padri, verso la città che ti sei scelta e verso il tempio che io ho costruito al tuo nome, tu ascolta dal cielo, luogo della tua dimora, la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia. Perdona al tuo popolo che ha peccato contro di te.
Ora, mio Dio, i tuoi occhi siano aperti e le tue orecchie attente alla preghiera innalzata in questo luogo. Ora, alzati, Signore Dio, vieni al luogo del tuo riposo, tu e l'arca tua potente. Siano i tuoi sacerdoti, Signore Dio, rivestiti di salvezza e i tuoi fedeli esultino nel benessere. Signore Dio, non rigettare il tuo consacrato; ricordati i favori fatti a Davide tuo servo”.
Ez 40: “Al principio dell'anno venticinquesimo della nostra deportazione, il dieci del mese, quattordici anni da quando era stata presa la città, in quel medesimo giorno, la mano del Signore fu sopra di me ed egli mi condusse là.
In visione divina mi condusse nella terra d'Israele e mi pose sopra un monte altissimo sul quale sembrava costruita una città, dal lato di mezzogiorno. Egli mi condusse là: ed ecco un uomo, il cui aspetto era come di bronzo, in piedi sulla porta, con una cordicella di lino in mano e una canna per misurare.
Quell'uomo mi disse: Figlio dell'uomo: osserva e ascolta attentamente e fa’ attenzione a quanto io sto per mostrarti, perché tu sei stato condotto qui perché io te lo mostri e tu manifesti alla casa d'Israele quello che avrai visto.
Ed ecco il tempio era tutto recinto da un muro. La canna per misurare che l'uomo teneva in mano era di sei cubiti, d'un cubito e un palmo ciascuno. Egli misurò lo spessore del muro: era una canna, e l'altezza una canna. Poi andò alla porta che guarda a oriente, salì i gradini e misurò la soglia della porta; era una canna di larghezza. Ogni stanza misurava una canna di lunghezza e una di larghezza, da una stanza all'altra vi erano cinque cubiti: anche la soglia del portico dal lato dell'atrio della porta stessa, verso l'interno, era di una canna.
Misurò l'atrio della porta: era di otto cubiti; i pilastri di due cubiti. L'atrio della porta era verso l'interno. Le stanze della porta a oriente erano tre da una parte e tre dall'altra, tutt'e tre della stessa grandezza, come di una stessa misura erano i pilastri da una parte e dall'altra. Misurò la larghezza dell'apertura del portico: era di dieci cubiti; l'ampiezza della porta era di tredici cubiti.
Davanti alle stanze vi era un parapetto di un cubito, da un lato e dall'altro; ogni stanza misurava sei cubiti per lato. Misurò poi il portico dal tetto di una stanza al suo opposto; la larghezza era di venticinque cubiti; da un'apertura all'altra; i pilastri li calcolò alti sessanta cubiti, dai pilastri cominciava il cortile che circondava la porta.
Dalla facciata della porta d'ingresso alla facciata dell'atrio della porta interna vi era uno spazio di cinquanta cubiti. Le stanze e i pilastri avevano finestre con grate verso l'interno, intorno alla porta, come anche vi erano finestre intorno che davano sull'interno dell'atrio. Sui pilastri erano disegnate palme.
Poi mi condusse nel cortile esterno e vidi delle stanze e un lastricato costruito intorno al cortile; trenta erano le stanze lungo il lastricato. Il lastricato si estendeva ai lati delle porte per una estensione uguale alla larghezza delle porte stesse: era il lastricato inferiore. Misurò lo spazio dalla facciata della porta inferiore da oriente a settentrione alla facciata della porta interna, erano cento cubiti. Poi misurò la lunghezza e la larghezza della porta che guarda a settentrione e conduce al cortile esterno. Le sue stanze, tre da una parte e tre dall'altra, i pilastri, l'atrio avevano le stesse dimensioni della prima porta: cinquanta cubiti di lunghezza per venticinque di larghezza.
Le finestre, l'atrio e le palme avevano le stesse dimensioni di quelle della porta che guarda a oriente. Vi si accedeva per sette scalini: l'atrio era davanti. Di fronte al portico di settentrione vi era la porta, come di fronte a quello di oriente; misurò la distanza fra portico e portico: vi erano cento cubiti. Mi condusse poi verso mezzogiorno: ecco un portico rivolto a mezzogiorno. Ne misurò i pilastri e l'atrio; avevano le stesse dimensioni. Intorno al portico, come intorno all'atrio, vi erano finestre uguali alle altre finestre. Esso misurava cinquanta cubiti di lunghezza per venticinque di larghezza.
Vi si accedeva per sette gradini: il vestibolo stava verso l'interno. Sui pilastri, da una parte e dall'altra, vi erano ornamenti di palme. Il cortile interno aveva un portico verso mezzogiorno; egli misurò la distanza fra porta e porta in direzione del mezzogiorno; erano cento cubiti. Allora mi introdusse nell'atrio interno, per il portico meridionale, e misurò questo portico; aveva le stesse dimensioni.
Le stanze, i pilastri e l'atrio avevano le medesime misure. Intorno al portico, come intorno all'atrio, vi erano finestre. Esso misurava cinquanta cubiti di lunghezza per venticinque di larghezza. Intorno vi erano vestiboli di venticinque cubiti di lunghezza per cinque di larghezza. Il suo vestibolo era rivolto verso l'atrio esterno; sui pilastri c'erano ornamenti di palme; i gradini per i quali si accedeva erano otto. Poi mi condusse al portico dell'atrio interno che guarda a oriente e lo misurò: aveva le solite dimensioni. Le stanze, i pilastri e l'atrio avevano le stesse dimensioni. Intorno al portico, come intorno all'atrio, vi erano finestre. Esso misurava cinquanta cubiti di lunghezza per venticinque di larghezza. Il suo vestibolo dava sull'atrio esterno: sui pilastri, da una parte e dall'altra vi erano ornamenti di palme: i gradini per i quali si accedeva erano otto.
Poi mi condusse al portico settentrionale e lo misurò: aveva le solite dimensioni, come le stanze, i pilastri e l'atrio. Intorno vi erano finestre. Esso misurava cinquanta cubiti di lunghezza per venticinque di larghezza. Il suo vestibolo dava sull'atrio esterno; sui pilastri, da una parte e dall'altra, c'erano ornamenti di palme: i gradini per cui vi si accedeva erano otto. C'era anche una stanza con la porta vicino ai pilastri dei portici; là venivano lavati gli olocausti.
Nell'atrio del portico vi erano due tavole da una parte e due dall'altra, sulle quali venivano sgozzati gli olocausti e i sacrifici espiatori e di riparazione. Altre due tavole erano sul lato esterno, a settentrione di chi entra nel portico, e due tavole all'altro lato presso l'atrio del portico. Così a ciascun lato del portico c'erano quattro tavole da una parte e quattro tavole dall'altra: otto tavole in tutto. Su di esse si sgozzavano le vittime.
C'erano poi altre quattro tavole di pietre squadrate, per gli olocausti, lunghe un cubito e mezzo, larghe un cubito e mezzo e alte un cubito: su di esse venivano deposti gli strumenti con i quali si immolavano gli olocausti e gli altri sacrifici. Uncini d'un palmo erano attaccati all'interno tutt'intorno; sulle tavole si mettevano le carni delle offerte.
Fuori del portico interno, nell'atrio interno, vi erano due stanze: quella accanto al portico settentrionale guardava a mezzogiorno, l'altra accanto al portico meridionale guardava a settentrione. Egli mi disse: La stanza che guarda a mezzogiorno è per i sacerdoti che hanno cura del tempio, mentre la stanza che guarda a settentrione è per i sacerdoti che hanno cura dell'altare: sono essi i figli di Zadòk che, tra i figli di Levi, si avvicinano al Signore per il suo servizio.
Misurò quindi l'atrio: era un quadrato di cento cubiti di larghezza per cento di lunghezza. L'altare era di fronte al tempio.
Mi condusse poi nell'atrio del tempio e ne misurò i pilastri: erano ognuno cinque cubiti da una parte e cinque cubiti dall'altra; la larghezza del portico: tre cubiti da una parte e tre cubiti dall'altra. La lunghezza del vestibolo era di venti cubiti e la larghezza di dodici cubiti. Vi si accedeva per mezzo di dieci gradini; accanto ai pilastri c'erano due colonne, una da una parte e una dall'altra”.
Ez 41: “M'introdusse poi nel santuario e misurò i pilastri: erano larghi sei cubiti da una parte e sei cubiti dall'altra. La porta era larga dieci cubiti e i lati della porta cinque cubiti da una parte e cinque cubiti dall'altra. Misurò quindi il santuario: era lungo quaranta cubiti e largo venti. Andò poi nell'interno e misurò i pilastri della porta, due cubiti, e la porta, sei cubiti; la larghezza della porta, sette cubiti.
Ne misurò ancora la lunghezza, venti cubiti e la larghezza, davanti al santuario, venti cubiti, poi mi disse: Questo è il Santo dei santi. Misurò poi il muro del tempio, sei cubiti; poi la larghezza dell'edificio laterale, quattro cubiti, intorno al tempio. Le celle laterali erano una sull'altra, trenta per tre piani. Per le celle all'intorno, c'erano, nel muro del tempio, rientranze in modo che fossero collegate fra di loro, ma non collegate al muro del tempio.
Salendo da un piano all'altro l'ampiezza delle celle aumentava, perciò la costruzione era più larga verso l'alto. Dal piano inferiore si poteva salire al piano di mezzo e da questo a quello più alto. Io vidi intorno al tempio una elevazione. I fondamenti dell'edificio laterale erano di una canna intera di sei cubiti. La larghezza del muro esterno dell'edificio laterale era di cinque cubiti, come quella dello spazio rimanente. Fra l'edificio laterale del tempio e le stanze c'era una larghezza di venti cubiti intorno al tempio.
Le porte dell'edificio laterale rimanevano sullo spazio libero; una porta dava a settentrione e una a mezzogiorno. Lo spazio libero era cinque cubiti tutt'intorno.
La costruzione che era di fronte allo spazio libero sul lato d'occidente, aveva settanta cubiti di larghezza; il muro della costruzione era tutt'intorno dello spessore di cinque cubiti; la sua lunghezza di novanta cubiti. Poi misurò il tempio: lunghezza cento cubiti; lo spazio libero, edificio e sue mura, anch'essi cento cubiti. La larghezza della facciata del tempio con lo spazio libero, cento cubiti. Misurò ancora la larghezza dell'edificio di fronte allo spazio libero nella parte retrostante, con le gallerie di qua e di là: era cento cubiti. L'interno del santuario, il suo vestibolo, gli stipiti, le finestre a grate e le gallerie attorno a tutti e tre, a cominciare dalla soglia, erano rivestiti di tavole di legno, tutt'intorno, dal pavimento fino alle finestre, che erano velate. Dalla porta, dentro e fuori del tempio e su tutte le pareti interne ed esterne erano dipinti cherubini e palme. Fra cherubino e cherubino c'era una palma; ogni cherubino aveva due aspetti: aspetto d'uomo verso una palma e aspetto di leone verso l'altra palma, effigiati intorno a tutto il tempio.
Da terra fino sopra la porta erano disposti cherubini e palme sulle pareti del santuario. Gli stipiti del santuario erano quadrangolari. Davanti al Santo dei santi c'era come un altare di legno, alto tre cubiti, due cubiti di lunghezza e due di larghezza. Gli angoli, la base e i lati erano di legno. Mi disse: Questa è la tavola che sta davanti al Signore.
Il santuario e il Santo dei santi avevano due porte ciascuno. Ogni porta aveva due battenti e ogni battente si ripiegava in due pezzi: due per un battente e due per l'altro. Sulle porte erano dipinti cherubini e palme come sulle pareti: un portale di legno era sulla facciata dell'atrio all'esterno. Finestre e grate e palme erano da tutt'e due le parti, ai lati del vestibolo, alle celle annesse al tempio e agli architravi”.
Ez 42: “Allora mi fece uscire nell'atrio esterno dal lato settentrionale e mi condusse all'appartamento che sta di fronte allo spazio libero prospiciente l'edificio verso settentrione. Nella facciata aveva una lunghezza di cento cubiti, verso settentrione, e cinquanta cubiti di larghezza.
Di fronte ai venti cubiti dell'atrio interno e di fronte al lastricato esterno, vi era un porticato davanti a un altro porticato a tre piani; davanti alle stanze c'era un corridoio di dieci cubiti di larghezza per cento di lunghezza: le porte delle stanze guardavano a settentrione. Le stanze superiori erano più strette delle inferiori e intermedie, perché i porticati occupavano parte dello spazio. Erano a tre piani, ma non avevano colonne come quelle degli altri, e perciò le stanze superiori erano più strette rispetto a quelle intermedie e a quelle inferiori. Il muro esterno parallelo alle stanze, dal lato del corridoio esterno, aveva, davanti alle stanze, una lunghezza di cinquanta cubiti.
Infatti la lunghezza delle stanze dell'atrio esterno era di cinquanta cubiti, mentre dal lato del tempio era di cento cubiti. In basso le stanze avevano l'ingresso rivolto verso oriente, entrando dall'atrio esterno, sulla larghezza del muro dell'atrio. A mezzogiorno, di fronte allo spazio libero e alla muraglia di cinta, c'erano stanze e, davanti ad esse, un passaggio simile a quello delle stanze poste a settentrione: la lunghezza e la larghezza erano uguali a quelle, come anche le varie uscite e le loro disposizioni; come le porte di quelle, così erano le porte delle stanze che davano a mezzogiorno; una porta era al principio dell'ambulacro, lungo il muro corrispondente, a oriente di chi entra.
Egli mi disse: Le stanze a settentrione e quelle a mezzogiorno, di fronte allo spazio libero, sono le stanze sacre, dove i sacerdoti che si accostano al Signore mangeranno le cose santissime: ivi riporranno le cose santissime, le oblazioni e le vittime di espiazione e di riparazione, perché santo è questo luogo. Quando i sacerdoti vi saranno entrati, non usciranno dal luogo santo verso l'atrio esterno, ma deporranno là le loro vesti con le quali hanno prestato servizio, perché esse sono sante: indosseranno altre vesti e così si avvicineranno al luogo destinato al popolo.
Terminato ch'egli ebbe di misurare l'interno del tempio mi condusse fuori per la porta che guarda a oriente, e misurò la cinta intorno. Misurò il lato orientale con la canna per misurare: era cinquecento canne, in canne da misura, all'intorno. Misurò il lato settentrionale: era cinquecento canne, in canne da misura, all'intorno. Misurò il lato meridionale: era cinquecento canne, con la canna da misura. Si volse al lato occidentale: misurò cinquecento canne con la canna da misura. Da quattro lati egli misurò il tempio; aveva intorno un muro lungo cinquecento canne e largo cinquecento, per separare il luogo sacro da quello profano”.
Ez 43: “Mi condusse allora verso la porta che guarda a oriente ed ecco che la gloria del Dio d'Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria. La visione che io vidi era simile a quella che avevo vista quando andai per distruggere la città e simile a quella che avevo vista presso il canale Chebàr. Io caddi con la faccia a terra. La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a oriente.
Lo spirito mi prese e mi condusse nell'atrio interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio. Mentre quell'uomo stava in piedi accanto a me, sentii che qualcuno entro il tempio mi parlava e mi diceva: Figlio dell'uomo, questo è il luogo del mio trono e il luogo dove posano i miei piedi, dove io abiterò in mezzo agli Israeliti, per sempre. E la casa d'Israele, il popolo e i suoi re, non profaneranno più il mio santo nome con le loro prostituzioni e con i cadaveri dei loro re e con le loro stele, collocando la loro soglia accanto alla mia soglia e i loro stipiti accanto ai miei stipiti, così che fra me e loro vi era solo il muro, hanno profanato il mio santo nome con tutti gli abomini che hanno commessi, perciò li ho distrutti con ira.
Ma d'ora in poi essi allontaneranno da me le loro prostituzioni e i cadaveri dei loro re e io abiterò in mezzo a loro per sempre. Tu, figlio dell'uomo, descrivi questo tempio alla casa d'Israele, perché arrossiscano delle loro iniquità; ne misurino la pianta e, se si vergogneranno di quanto hanno fatto, manifesta loro la forma di questo tempio, la sua disposizione, le sue uscite, i suoi ingressi, tutti i suoi aspetti, tutti i suoi regolamenti, tutte le sue forme e tutte le sue leggi: mettili per iscritto davanti ai loro occhi, perché osservino tutte queste norme e tutti questi regolamenti e li mettano in pratica.
Questa è la legge del tempio: alla sommità del monte, tutto il territorio che lo circonda è santissimo; ecco, questa è la legge del tempio.
Queste sono le misure dell'altare in cubiti, di un cubito e un palmo ciascuno. La base era di un cubito di altezza per un cubito di larghezza: il suo bordo intorno era un palmo. Tale lo zoccolo dell'altare. Dalla base che posava a terra fino alla piattaforma inferiore vi erano due cubiti di altezza e un cubito di larghezza: dalla piattaforma piccola alla piattaforma più grande vi erano quattro cubiti di altezza e un cubito di larghezza. Il focolare era di quattro cubiti e sul focolare vi erano quattro corni. Il focolare era dodici cubiti di lunghezza per dodici di larghezza, cioè quadrato. La piattaforma superiore era un quadrato di quattordici cubiti di lunghezza per quattordici cubiti di larghezza, con un orlo intorno di mezzo cubito, e la base, intorno, di un cubito: i suoi gradini guardavano a oriente.
Egli mi parlò: Figlio dell'uomo, dice il Signore Dio: Queste sono le leggi dell'altare, quando verrà costruito per offrirvi sopra il sangue.
Ai sacerdoti leviti della stirpe di Zadòk, che si avvicineranno a me per servirmi, tu darai parola del Signore Dio un giovenco per l'espiazione. Prenderai di quel sangue e lo spanderai sui quattro corni dell'altare, sui quattro angoli della piattaforma e intorno all'orlo. Così lo purificherai e ne farai l'espiazione. Prenderai poi il giovenco del sacrificio espiatorio e lo brucerai in un luogo appartato del tempio, fuori del santuario. Il secondo giorno offrirai, per il peccato, un capro senza difetto e farai la purificazione dell'altare come hai fatto con il giovenco. Terminato il rito della purificazione, offrirai un giovenco senza difetti e un montone del gregge senza difetti.
Tu li presenterai al Signore e i sacerdoti getteranno il sale su di loro, poi li offriranno in olocausto al Signore. Per sette giorni sacrificherai per il peccato un capro al giorno e verrà offerto anche un giovenco e un montone del gregge senza difetti. Per sette giorni si farà l'espiazione dell'altare e lo si purificherà e consacrerà. Finiti questi giorni, dall'ottavo in poi, i sacerdoti immoleranno sopra l'altare i vostri olocausti, i vostri sacrifici di comunione e io vi sarò propizio>>. Oracolo del Signore Dio”.
Ez 44: “Mi condusse poi alla porta esterna del santuario dalla parte di oriente; essa era chiusa. Mi disse: Questa porta rimarrà chiusa: non verrà aperta, nessuno vi passerà, perché c'è passato il Signore, Dio d'Israele. Perciò resterà chiusa. Ma il principe, il principe siederà in essa per cibarsi davanti al Signore; entrerà dal vestibolo della porta e di lì uscirà.
Poi mi condusse per la porta settentrionale, davanti al tempio. Guardai ed ecco la gloria del Signore riempiva il tempio. Caddi con la faccia a terra e il Signore mi disse: Figlio dell'uomo, sta’  attento, osserva bene e ascolta quanto io ti dirò sulle prescrizioni riguardo al tempio e su tutte le sue leggi; sta’  attento a come si entra nel tempio da tutti gli accessi del santuario. Riferirai a quei ribelli, alla gente d'Israele: Così dice il Signore Dio: Troppi sono stati per voi gli abomini, o Israeliti! Avete introdotto figli stranieri, non circoncisi di cuore e non circoncisi di carne, perché stessero nel mio santuario e profanassero il mio tempio, mentre mi offrivate il mio cibo, il grasso e il sangue, rompendo così la mia alleanza con tutti i vostri abomini. Non vi siete presi voi la cura delle mie cose sante ma avete affidato loro, al vostro posto, la custodia del mio santuario.
Così dice il Signore Dio: Nessuno straniero, non circonciso di cuore, non circonciso nella carne, entrerà nel mio santuario, nessuno di tutti gli stranieri che sono in mezzo agli Israeliti. Anche i leviti, che si sono allontanati da me nel traviamento d'Israele e hanno seguito i loro idoli, sconteranno la propria iniquità; serviranno nel mio santuario come guardie delle porte del tempio e come servi del tempio; sgozzeranno gli olocausti e le vittime del popolo e staranno davanti ad esso pronti al suo servizio.
Poiché l'hanno servito davanti ai suoi idoli e sono stati per la gente d'Israele occasione di peccato, perciò io ho alzato la mano su di loro parola del Signore Dio ed essi sconteranno la loro iniquità. Non si avvicineranno più a me per servirmi come sacerdoti e toccare tutte le mie cose sante e santissime, ma sconteranno la vergogna degli abomini che hanno compiuti. Affido loro la custodia del tempio e ogni suo servizio e qualunque cosa da compiere in esso.
I sacerdoti leviti figli di Zadòk, che hanno osservato le prescrizioni del mio santuario quando gli Israeliti si erano allontanati da me, si avvicineranno a me per servirmi e staranno davanti a me per offrirmi il grasso e il sangue. Parola del Signore Dio. Essi entreranno nel mio santuario e si avvicineranno alla mia tavola per servirmi e custodiranno le mie prescrizioni. Quando entreranno dalle porte dell'atrio interno, indosseranno vesti di lino; non porteranno alcun indumento di lana, quando essi eserciteranno il ministero alle porte dell'atrio interno e nel tempio. Porteranno in capo turbanti di lino e avranno mutande ai fianchi: non si cingeranno di quanto provochi il sudore. Quando usciranno nell'atrio esterno verso il popolo, si toglieranno le vesti con le quali hanno ufficiato e le deporranno nelle stanze del santuario: indosseranno altre vesti per non comunicare con esse la consacrazione al popolo. Non si raderanno il capo, né si lasceranno crescere la chioma, ma avranno i capelli normalmente tagliati. Nessun sacerdote berrà vino quando dovrà entrare nell'atrio interno. Non prenderanno in sposa una vedova, né una ripudiata, ma solo una vergine della stirpe d'Israele: potranno sposare però una vedova, se è la vedova di un sacerdote.
Indicheranno al mio popolo ciò che è santo e ciò che è profano e gli insegneranno ciò che è mondo e ciò che è immondo. Nelle liti essi saranno i giudici e decideranno secondo le mie leggi. In tutte le mie feste osserveranno le mie leggi e i miei statuti e santificheranno i miei sabati. Nessuno di essi si avvicinerà a un cadavere per non rendersi immondo, ma potrà rendersi immondo per il padre, la madre, un figlio, una figlia, un fratello o per una sorella non maritata: dopo essersi purificato, gli si conteranno sette giorni e quando egli rientrerà nel luogo santo, nell'atrio interno per servire nel santuario, offrirà il suo sacrificio espiatorio. Parola del Signore Dio.
Essi non avranno alcuna eredità. Io sarò la loro eredità: non sarà dato loro alcun possesso in Israele; io sono il loro possesso. Saranno loro cibo le oblazioni, i sacrifici espiatori, i sacrifici di riparazione; apparterrà loro quanto è stato votato allo sterminio in Israele. La parte migliore di tutte le vostre primizie e ogni specie di offerta apparterranno ai sacerdoti: così darete al sacerdote le primizie dei vostri macinati, per far posare la benedizione sulla vostra casa. I sacerdoti non mangeranno la carne di alcun animale morto di morte naturale o sbranato, di uccelli o di altri animali”.
Si è voluto riportare tutto ciò che riguardava il tempio e l’esercizio del culto, prima perché ognuno fosse messo in condizione di farsi un giudizio da se stesso sulla complessità del culto e sulla sua altissima sacralità.
In secondo luogo perché ognuno comprendesse la libertà cui ora Cristo ci chiama. La libertà è questa: tutto ora è nell’uomo, perché con Cristo tutto è nell’uomo e niente è fuori dell’uomo.
La nostra fede non ha templi esterni, non ha culto esterno, non ha forme esterne.
Il culto è quello di Cristo, lo stesso, identico, senza alcuna differenza: l’offerta in Lui di noi stessi, di tutto noi stessi, fino al martirio, atto supremo del culto dell’uomo, nella consacrazione della propria vita a Lui, per attestare che Lui solo è il Signore e Dio della nostra vita, cui va tutta la nostra obbedienza.
Tempio nuovo di Dio è il cristiano e dovunque c’è un cristiano, lì è il tempio di Dio, lì abita Dio, lì si possono celebrare i sacramenti. Questo non significa che non possono esistere luoghi in cui i cristiani possono riunirsi insieme. Così attestano gli Atti degli Apostoli: “Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno” (At 2,42-45).
Con la Nuova Alleanza, tutto questo mondo finisce. È dichiarato nullo da Dio. Finisce cioè quanto è riportato nei vv. 1-5: “Certo, anche la prima alleanza aveva norme per il culto e un santuario terreno. Fu costruita infatti una Tenda: la prima, nella quale vi erano il candelabro, la tavola e i pani dell'offerta: essa veniva chiamata il Santo. Dietro il secondo velo poi c'era una Tenda, detta Santo dei Santi, con l'altare d'oro per i profumi e l'arca dell'alleanza tutta ricoperta d'oro, nella quale si trovavano un'urna d'oro contenente la manna, la verga di Aronne che aveva fiorito e le tavole dell'alleanza. E sopra l'arca stavano i cherubini della gloria, che facevano ombra al luogo dell'espiazione”.
[6]Disposte in tal modo le cose, nella prima Tenda entrano sempre i sacerdoti per celebrarvi il culto; [7]nella seconda invece solamente il sommo sacerdote, una volta all'anno, e non senza portarvi del sangue, che egli offre per se stesso e per i peccati involontari del popolo.
Circa questa prescrizione, ecco il testo nella sua interezza. Anche di questa complessità è giusto che ognuno si faccia una sua propria idea. Anche questa prescrizione è stata abolita per sempre.
Lev 16: “Il Signore parlò a Mosè dopo che i due figli di Aronne erano morti mentre presentavano un'offerta davanti al Signore. Il Signore disse a Mosè: Parla ad Aronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualunque tempo nel santuario, oltre il velo, davanti al coperchio che è sull'arca; altrimenti potrebbe morire, quando io apparirò nella nuvola sul coperchio.
Aronne entrerà nel santuario in questo modo: prenderà un giovenco per il sacrificio espiatorio e un ariete per l'olocausto. Si metterà la tunica sacra di lino, indosserà sul corpo i calzoni di lino, si cingerà della cintura di lino e si metterà in capo il turbante di lino. Sono queste le vesti sacre che indosserà dopo essersi lavato la persona con l'acqua. Dalla comunità degli Israeliti prenderà due capri per un sacrificio espiatorio e un ariete per un olocausto.
Aronne offrirà il proprio giovenco in sacrificio espiatorio e compirà l'espiazione per sé e per la sua casa. Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all'ingresso della tenda del convegno e getterà le sorti per vedere quale dei due debba essere del Signore e quale di Azazel. Farà quindi avvicinare il capro che è toccato in sorte al Signore e l'offrirà in sacrificio espiatorio;
invece il capro che è toccato in sorte ad Azazel sarà posto vivo davanti al Signore, perché si compia il rito espiatorio su di lui e sia mandato poi ad Azazel nel deserto.
Aronne offrirà dunque il proprio giovenco in sacrificio espiatorio per sé e, fatta l'espiazione per sé e per la sua casa, immolerà il giovenco del sacrificio espiatorio per sé. Poi prenderà l'incensiere pieno di brace tolta dall'altare davanti al Signore e due manciate di incenso odoroso polverizzato; porterà ogni cosa oltre il velo. Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, perché la nube dell'incenso copra il coperchio che è sull'arca e così non muoia.
Poi prenderà un po’ di sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il coperchio dal lato d'oriente e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al coperchio. Poi immolerà il capro del sacrificio espiatorio, quello per il popolo, e ne porterà il sangue oltre il velo; farà con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del giovenco: lo aspergerà sul coperchio e davanti al coperchio. Così farà l'espiazione sul santuario per l'impurità degli Israeliti, per le loro trasgressioni e per tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda del convegno che si trova fra di loro, in mezzo alle loro impurità.
Nella tenda del convegno non dovrà esserci alcuno, da quando egli entrerà nel santuario per farvi il rito espiatorio, finché egli non sia uscito e non abbia compiuto il rito espiatorio per sé, per la sua casa e per tutta la comunità d'Israele.
Uscito dunque verso l'altare, che è davanti al Signore, compirà il rito espiatorio per esso, prendendo il sangue del giovenco e il sangue del capro e bagnandone intorno i corni dell'altare. Farà per sette volte l'aspersione del sangue con il dito sopra l'altare; così lo purificherà e lo santificherà dalle impurità degli Israeliti. Quando avrà finito l'aspersione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare, farà accostare il capro vivo.
Aronne poserà le mani sul capo del capro vivo, confesserà sopra di esso tutte le iniquità degli Israeliti, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li riverserà sulla testa del capro; poi, per mano di un uomo incaricato di ciò, lo manderà via nel deserto. Quel capro, portandosi addosso tutte le loro iniquità in una regione solitaria, sarà lasciato andare nel deserto.
Poi Aronne entrerà nella tenda del convegno, si toglierà le vesti di lino che aveva indossate per entrare nel santuario e le deporrà in quel luogo. Laverà la sua persona nell'acqua in luogo santo, indosserà le sue vesti e uscirà ad offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo e a compiere il rito espiatorio per sé e per il popolo. E farà ardere sull'altare le parti grasse del sacrificio espiatorio.
Colui che avrà lasciato andare il capro destinato ad Azazel si laverà le vesti, laverà il suo corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo. Si porterà fuori del campo il giovenco del sacrificio espiatorio e il capro del sacrificio, il cui sangue è stato introdotto nel santuario per compiere il rito espiatorio, se ne bruceranno nel fuoco la pelle, la carne e gli escrementi. Poi colui che li avrà bruciati dovrà lavarsi le vesti e bagnarsi il corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo.
Questa sarà per voi una legge perenne: nel settimo mese, nel decimo giorno del mese, vi umilierete, vi asterrete da qualsiasi lavoro, sia colui che è nativo del paese, sia il forestiero che soggiorna in mezzo a voi. Poiché in quel giorno si compirà il rito espiatorio per voi, al fine di purificarvi; voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti al Signore.
Sarà per voi un sabato di riposo assoluto e voi vi umilierete; è una legge perenne. Il sacerdote che ha ricevuto l'unzione ed è rivestito del sacerdozio al posto di suo padre, compirà il rito espiatorio; si vestirà delle vesti di lino, delle vesti sacre. Farà l'espiazione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare; farà l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della comunità. Questa sarà per voi legge perenne: una volta all'anno, per gli Israeliti, si farà l'espiazione di tutti i loro peccati”. E si fece come il Signore aveva ordinato a Mosè.
Altra osservazione – oltre quella della totale abolizione di ognuna di queste norme – è la seguente: tutto questo si può comprendere solo se si accoglie la storicità dell’uomo assieme all’altra verità che: Dio opera con l’uomo storico, fatto di tradizioni, immerso in usi e costumi da lui stesso pensati, istituiti, immaginati.
Dio non abolisce la storicità dell’uomo, la purifica, la eleva, le dona un significato di salvezza.
Verità da tenere sempre presente è anche questa: una norma assai semplice e pura all’origine, a causa del peccato dell’uomo e della sua mentalità intrisa di errore e di tanta idolatria, può anche impossessarsi della verità santa di Dio e rovinarla, confonderla, mescolarla con il suo vizio.
Per questo è necessaria la perenne azione dello Spirito Santo che conduca la Chiesa verso la verità tutta intera e giorno per giorno liberi lo stesso cristiano da tutte le sovrastrutture con le quali ha reso irriconoscibile il Vangelo di Dio.
Il peccato dell’uomo si è intromesso, si intromette, si intrometterà sempre nella bellezza e nella purezza della verità di Dio, del suo Vangelo, per corromperlo.
Il peccato ha tanta potenza da annullare, vanificare, eludere lo stesso comandamento di Dio, il suo Vangelo e fare tutto questo in nome di Dio e del Vangelo.
Ce lo insegna Cristo Gesù nel capitolo 7 del Vangelo secondo Marco (7,1-23):
“Allora si riunirono attorno a lui i farisei e alcuni degli scribi venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani immonde, cioè non lavate i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavate le mani fino al gomito, attenendosi alla tradizione degli antichi, e tornando dal mercato non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, stoviglie e oggetti di rame quei farisei e scribi lo interrogarono: Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani immonde?
Ed egli rispose loro: Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto: Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano essi mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini. Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini.
E aggiungeva: Siete veramente abili nell'eludere il comandamento di Dio, per osservare la vostra tradizione. Mosè infatti disse: Onora tuo padre e tua madre, e chi maledice il padre e la madre sia messo a morte. Voi invece dicendo: Se uno dichiara al padre o alla madre: è Korbàn, cioè offerta sacra, quello che ti sarebbe dovuto da me, non gli permettete più di fare nulla per il padre e la madre, annullando così la parola di Dio con la tradizione che avete tramandato voi. E di cose simili ne fate molte.
Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: Ascoltatemi tutti e intendete bene: non c'è nulla fuori dell'uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall'uomo a contaminarlo.
Quando entrò in una casa lontano dalla folla, i discepoli lo interrogarono sul significato di quella parabola. E disse loro: Siete anche voi così privi di intelletto? Non capite che tutto ciò che entra nell'uomo dal di fuori non può contaminarlo, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va a finire nella fogna? Dichiarava così mondi tutti gli alimenti. Quindi soggiunse: Ciò che esce dall'uomo, questo sì contamina l'uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono le intenzioni cattive: fornicazioni, furti, omicidi, adultèri, cupidigie, malvagità, inganno, impudicizia, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dal di dentro e contaminano l'uomo”.
Fino all’ultimo uomo che nascerà sulla nostra terra, ci sarà sempre il peccato dell’uomo che tenterà di oscurare la bellezza santissima e purissima del Vangelo di Dio. In questa tentazione cadono moltissimi figli della Chiesa.
La storicità dell’uomo messa nelle mani di Dio e a Lui affidata con vero atto di consegna alla sua volontà, porta l’uomo verso una novità sempre più grande che è il compimento in lui della verità tutta intera verso cui chiama e conduce lo Spirito del Signore.
La storicità dell’uomo, messa nelle mani dell’uomo e affidata al suo peccato, lo conduce e lo spinge verso tutto ciò che è vecchio ed esteriore allo stesso uomo.
La novità dell’uomo è l’uomo nuovo, non le cose nuove che Lui fa. La novità dell’uomo nella creazione dell’uomo è opera solo dello Spirito di Dio.
Ogni cosa che l’uomo fa e che è fuori di sé, deve esprimere sempre la sua novità. Poiché la novità dell’uomo non è una cosa acquisita, ma sempre da acquisire, ognuno è obbligato a lasciare ciò che è di ieri, perché oggi assuma la veste della bellezza della grazia e della verità che lo Spirito Santo ha preparato per lui, perché la indossi e mostri al mondo intero la bellezza di Dio che opera cose nuove, cioè sante, attraverso di lui.
[8]Lo Spirito Santo intendeva così mostrare che non era ancora aperta la via del santuario, finché sussisteva la prima Tenda.
Rileggiamo ancora una volta l’intera argomentazione dell’Autore dal v.1 al v. 7 e troveremo la spiegazione a quanto ci vuole dire con questo v. 8:
“Certo, anche la prima alleanza aveva norme per il culto e un santuario terreno. Fu costruita infatti una Tenda: la prima, nella quale vi erano il candelabro, la tavola e i pani dell'offerta: essa veniva chiamata il Santo. Dietro il secondo velo poi c'era una Tenda, detta Santo dei Santi, con l'altare d'oro per i profumi e l'arca dell'alleanza tutta ricoperta d'oro, nella quale si trovavano un'urna d'oro contenente la manna, la verga di Aronne che aveva fiorito e le tavole dell'alleanza. E sopra l'arca stavano i cherubini della gloria, che facevano ombra al luogo dell'espiazione. Di tutte queste cose non è necessario ora parlare nei particolari. Disposte in tal modo le cose, nella prima Tenda entrano sempre i sacerdoti per celebrarvi il culto; nella seconda invece solamente il sommo sacerdote, una volta all'anno, e non senza portarvi del sangue, che egli offre per se stesso e per i peccati involontari del popolo”.
C’è una prima Tenda: “Nella quale vi erano il candelabro, la tavola e i pani dell'offerta: essa veniva chiamata il Santo”.
C’è una seconda Tenda: “Dietro il secondo velo poi c'era una Tenda, detta Santo dei Santi, con l'altare d'oro per i profumi e l'arca dell'alleanza tutta ricoperta d'oro, nella quale si trovavano un'urna d'oro contenente la manna, la verga di Aronne che aveva fiorito e le tavole dell'alleanza”.
L’Autore ora dice: “Lo Spirito Santo intendeva così mostrare che non era ancora aperta la via del santuario, finché sussisteva la prima Tenda”.
Se intendiamo per prima Tenda tutto l’Antico Testamento e per seconda Tenda il santuario del cielo, l’interpretazione diviene chiara, semplice, vera: finché dura la prima l’alleanza non è possibile per alcuno entrare nel Santuario del Cielo.
Dio cosa fa? Abolisce la prima l’Alleanza con tutto ciò che ad essa è legato e da essa dipende, e apre la via del Santuario del Cielo.
Apre cioè la via al Nuovo Culto, alla Nuova Realtà che dal Culto Nuovo scaturisce.
Questa interpretazione è suffragata dallo stesso Autore che così dice ai versetti seguenti (9 e 10):
[9]Essa infatti è una figura per il tempo attuale, offrendosi sotto di essa doni e sacrifici che non possono rendere perfetto, nella sua coscienza, l'offerente, [10]trattandosi solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, tutte prescrizioni umane, valide fino al tempo in cui sarebbero state riformate.
La Tenda, che in senso allargato è tutto l’Antico Testamento e in modo particolare il culto e il sacerdozio, è solamente una figura, non la realtà cui chiama il Signore e verso cui conduce.
Perché è una figura e non la realtà?
L’Autore lo dice con queste brevi aggiunte di chiarificazione:
Perché “venivano offerte sotto di essa doni e sacrifici che non possono rendere perfetto, nella sua coscienza, l'offerente”
Perché “si trattava solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, tutte prescrizioni umane, valide fino al tempo in cui sarebbero state riformate”.
Come si può constatare le due aggiunte di chiarificazione dicono tutta l’inefficacia del culto che si offriva nell’Antica Alleanza.
I motivi dell’inefficacia sono due:
Le offerte che venivano fatte non rendevano perfetto nella sua coscienza l’offerente. Non potevano renderlo. Mai avrebbero potuto.
Le offerte e i sacrifici erano prescrizioni umane. Queste avevano un’unica validità, ma solo momentanea.
La loro validità era questa: atto di adorazione e di confessione del nome di Dio Santo, anzi Santissimo, che manifestava tutta la divina Trascendenza in mezzo al suo popolo.
Inoltre l’Autore aggiunge che tutte queste prescrizioni erano in se stessa transitorie. Sarebbero servite per accompagnare l’uomo solo per un tratto di strada. Finito questo tratto, sarebbero dovute essere abbandonate, per assumere il Nuovo Culto, il Nuovo Sacerdozio, la Nuova Realtà che genera l’Uomo Nuovo, in tutto perfetto nella coscienza, secondo la volontà di Dio.
Ancora una volta riemerge che tutto ciò che è fuori dell’uomo non rinnova l’uomo. Tutto ciò che è fuori di Dio neanche rinnova l’uomo.
L’uomo è rinnovato se riportato in Dio. Si riporta l’uomo in Dio, riportando Dio nell’uomo. Riportando, o portando, non la sua volontà, ma la sua natura.
In questo senso si comprende il processo stesso dell’Incarnazione. Con essa Dio porta la natura umana in Sé, la costituisce parte di Sé, parte della Persona preesistente del Figlio.
Nella Persona del Figlio tutta la natura umana è riportata in Dio e Dio nella natura umana.
Tutto l’uomo in Cristo è dato a Dio e tutto Dio si dona all’uomo. In Cristo c’è il sacrificio di Dio per l’uomo, ma c’è anche il sacrificio dell’uomo per il Suo Dio.
È questo il vero culto, il nuovo culto. Diventando in Cristo un solo corpo, l’uomo è messo nella nuova condizione di poter offrire il vero sacrificio al Padre, il sacrificio di Cristo, attraverso il suo corpo.
Così nel corpo di ogni cristiano ancora una volta tutto Cristo si offre a Dio e all’uomo, si offre per la gloria di Dio e per la salvezza dell’umanità.
È il culto che non è fuori dell’uomo, ma nell’uomo: volontà, sentimenti, cuore, spirito, mente, corpo, anima, tutto è dato al Padre, tutto consegnato a Lui, tutto a Lui sacrificato.
È questa la purificazione della coscienza: togliere la propria vita a se stessi e consegnarla interamente a Dio, per il compimento della sua volontà in noi.
L’offerta antica manifestava questa esigenza, ma non la compiva. La manifestava nell’offerta dell’animale e nel suo sacrificio, ma non la trasformava in realtà, perché l’uomo non era capace ancora di offrire se stesso.
Non era capace perché ancora non inserito pienamente in Cristo, nel suo Sacerdozio, nel quale solo è possibile compiere l’oblazione di sé, di tutto se stesso, nel perfetto compimento della volontà del Padre.
La volontà del Padre è una sola: l’offerta di noi stessi a Lui, la consegna della nostra vita alla sua divina Maestà. In questa consegna è la salvezza, perché solo questa consegna è sacrificio gradito a Dio che produce frutti di vera novità a favore del mondo intero. In questa logica è possibile comprendere il sacrificio richiesto ad Abramo.
Cosa chiede il Signore ad Abramo? Chiede che consegni tutto se stesso a Lui: il suo presente, il suo passato, il suo futuro. È questa la fede di cui si parlerà nei capitoli che seguiranno.
Ma è anche questa la fede che è richiesta a questi uomini e a queste donne cui è indirizzata la Lettera.
Essi sono chiamati a consegnare la loro vita alla Nuova Realtà che Dio vuole creare in loro per mezzo di Colui che Lui stesso ha costituito sommo ed eterno sacerdote della Nuova Alleanza.
Se non fanno questo passaggio, loro rimangono in tutto ciò che era già destinato a perire fin dal suo sorgere, essendo solo figura e non realtà, e che con l’avvento della realtà di Cristo è già sparito.
Non è più neanche figura, perché ormai brilla la luce radiosa della realtà che è Gesù