Luigi's Mansion 2 HD Vieni ad acchiappare i fantasmi con noi su Award & Oscar!
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

SCRITTORI CRISTIANI di fama mondiale

Last Update: 8/5/2014 7:14 PM
Author
Print | Email Notification    
3/10/2011 9:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Kierkegaard:

 angoscia, disperazione, fede
Scritto da B. J. Guetta   


Nella filosofia di Kierkegaard appare evidente che la categoria fondamentale dell'esistenza sia la possibilità.
Nelle opere “Il concetto dell'angoscia” e “La malattia mortale” Kierkegaard tratteggia la condizione di inquietudine e insicurezza dell'uomo dovuti proprio alla sua condizione di incertezza di fronte alla possibilità.

  • L'angoscia

L'angoscia è un senso di vertigine suscitato dalla libertà.
L'uomo, trovandosi a scegliere per sè, sa di avere davanti a sè una possibilità assoluta: tutto è possibile. Eppure egli sente anche che, ove tutto è possibile, niente lo è: la possibilità diventa pertanto negativa, perchè si configura come la possibilità dello scacco, dell'errore, del nulla.
Di qui l'angoscia: essa è considerata la condizione naturale dell'uomo, la cui libertà è limitata dall'ignoranza di ciò che può succedere.
L'angoscia riguarda esplicitamente il rapporto del singolo col mondo che lo circonda, vissuto con difficoltà a causa della fondamentale incertezza che comporta; diversamente accade per la cosiddetta malattia mortale, cioè per la disperazione.

  • La disperazione

La disperazione ha origine secondo Kierkegaard nel rapporto del singolo con se stesso e-contrariamente all'angoscia, determinata dalla coscienza della possibilità-sembra nascere dal senso dell'impossibilità.
L'io può infatti scegliere di volere o non volere se stesso: nel primo caso, l'individuo che scelga di realizzarsi fino in fondo si trova necessariamente a confronto con la propria limitatezza e con l'impossibilità di compiere il proprio volere; nel secondo, invece, l'individuo che rifiuta se stesso si imbatte in una impossibilità ancora più radicale. In entrambi casi il singolo affronta il proprio fallimento ed è afflitto dalla malattia mortale (vivere la propria morte).

  • La Fede 

L'unico esito positivo per l'angoscia e per la disperazione è la fede. Nella fede infatti si risolve l'esperienza della possibilità del nulla e della malattia mortale, perchè l'uomo può aggrapparsi a Dio e delegare a Lui la propria possibilità.
La fede è infatti il gesto esistenziale con cui l'uomo va al di là di ogni tentativo di comprensione razionale della realtà, affidandosi a Dio e accettando anche ciò che appare assurdo alla ragione: fede è per Kierkegaard paradosso, perchè supera la capacità di comprensione umana.
La verità della fede è una verità soggettiva, non perchè relativa o variabile, ma perchè fondata sul rapporto del singolo con Dio.


In breve:

ANGOSCIA

 

DISPERAZIONE

Singolo nei confronti del mondo

 

Singolo nei confronti di se stesso

Libertà assoluta e ignoranza del futuro

 

Limitatezza e impossibilità

FEDE

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
Come la Madonna mi ha donato la fede (5 posts, agg.: 10/28/2010 10:08 AM)
La mia storia in evoluzione (4 posts, agg.: 1/5/2011 9:38 PM)
TESTIMONIANZE DI EX MUSSULMANI (8 posts, agg.: 7/12/2021 3:01 PM)
EX MUSSULMANI TESTIMONIANO AVENDO LA LIBERTA' DI FARLO (1 post, agg.: 3/9/2012 4:51 PM)
Povera testimonianza (2 posts, agg.: 4/10/2012 4:49 PM)
testimonianza (1 post, agg.: 11/9/2012 1:29 PM)
 
*****************************************
Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:29 AM. : Printable | Mobile - © 2000-2024 www.freeforumzone.com