New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

LA COMUNITA' DI S.EGIDIO

Last Update: 3/31/2021 2:08 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
2/9/2010 6:24 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

 

La Comunità di Sant’Egidio nasce a Roma nel 1968, all’indomani del Concilio Vaticano II. Oggi è un movimento di laici a cui aderiscono più di 50.000 persone, impegnato nella comunicazione del Vangelo e nella carità a Roma, in Italia e in più di 70 paesi dei diversi continenti. E' "Associazione pubblica di laici della Chiesa". Le differenti comunità, sparse nel mondo, condividono la stessa spiritualità e i fondamenti che caratterizzano il cammino di Sant’Egidio:


 
La preghiera,che accompagna la vita di tutte le comunità a Roma e nel mondo e ne costituisce un elemento essenziale. La preghiera è il centro e il luogo primario dell’orientamento complessivo della vita comunitaria.

La comunicazione del Vangelo, cuore della vita della Comunità, che si estende a tutti coloro che cercano e chiedono un senso nella vita.

La solidarietà con i poveri, vissuta come servizio volontario e gratuito, nello spirito evangelico di una Chiesa che è "Chiesa di tutti e particolarmente dei poveri" (Giovanni XXIII).

L'ecumenismo, vissuto come amicizia, preghiera e ricerca dell'unità tra i cristiani del mondo intero.

Il dialogo, indicato dal Vaticano II come via della pace e della collaborazione tra le religioni, ma anche come modo di vita e come metodo per la riconciliazione nei conflitti.
 
Come è nata
La Comunità di Sant'Egidio è nata a Roma nel 1968, per iniziativa di un giovane, allora meno che ventenne, Andrea Riccardi. Iniziò riunendo un gruppo di liceali, come era lui stesso, per ascoltare e mettere in pratica il Vangelo. La prima comunità cristiana degli Atti degli Apostoli e Francesco d'Assisi sono stati i primi punti di riferimento.
   
Il piccolo gruppo iniziò subito ad andare nella periferia romana, tra le baracche che in quegli anni cingevano Roma e dove vivevano molti poveri, e cominciò un doposcuola pomeridiano (la “Scuola popolare”, oggi “Scuole della pace” in tante parti del mondo) per i bambini.
 
Da allora la comunità è molto cresciuta, e oggi è diffusa in più di 70 paesi di 4 continenti. Anche il numero dei membri della comunità è in crescita costante. Oggi sono circa 50.000, ma è assai difficile calcolare il numero di quanti in modo diverso sono raggiunti dalle diverse attività di servizio della comunità, come pure di quanti collaborano in maniera stabile e significativa proprio al servizio ai più poveri e alle altre attività svolte da Sant'Egidio senza farne parte in senso stretto.
 
La scuola popolare

[Edited by Credente 3/31/2021 2:06 PM]
OFFLINE
2/9/2010 6:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote










Amicizia con i poveri

Terza “opera” caratteristica di Sant'Egidio, autentico fondamento e impegno quotidiano fin dagli inizi è il servizio ai più poveri, vissuto nella forma dell'amicizia. I primi studenti che nel '68 presero a riunirsi attorno alla Parola di Dio, sentirono come il Vangelo non poteva essere vissuto lontano dai poveri: i poveri per amici e il Vangelo buona notizia per i poveri. Nacque così il primo dei servizi della comunità, quando ancora non aveva preso il nome di Sant'Egidio: la scuola popolare, che si chiamava così perché non era solo un doposcuola per i bambini emarginati delle baraccopoli romane, come il “Cinodromo”, lungo il Tevere, nella zona sud di Roma. Da allora le scuole popolari si sono moltiplicate, a Roma e in tutte le città in cui è presente la comunità, con un'attenzione particolare ai bambini più svantaggiati e in condizione più difficile.

Secondo quanto si legge nel capitolo 25 del Vangelo di Matteo, questa amicizia si è allargata ad altri poveri: handicappati, fisici e mentali, persone senza fissa dimora, stranieri immigrati, malati terminali; e a diverse situazioni: carceri, istituti per anziani, campi nomadi, campi per rifugiati. Lungo questi anni si è sviluppata una sensibilità verso ogni forma di povertà, vecchia e nuova o emergente, come anche verso povertà non tradizionali, come quella rappresentata in molti Paesi europei da anziani soli anche quando benestanti.

Sant'Egidio si identifica con i suoi fratelli più piccoli in tutti i poveri, senza esclusione, che per questo sono a pieno titolo i familiari della comunità. Dovunque c'è una comunità di Sant'Egidio, da Roma a San Salvador, dal Camerun al Belgio, all'Ucraina o all'Indonesia, c'è sempre amicizia e familiarità con i poveri. Nessuna comunità, neppure la più giovane è cosi piccola o debole da non poter aiutare altri poveri. E' l'obolo della vedova che ha un grande valore davanti al Signore (Mc. 12, 41).

 

[Edited by Credente 11/3/2020 9:35 AM]
OFFLINE
2/9/2010 6:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Comunicare il Vangelo

La seconda “opera” della comunità, il suo secondo fondamento, è la comunicazione dei Vangelo. E' il Vangelo stesso, infatti, la buona notizia da condividere con gli altri, il tesoro prezioso, la lanterna che non può essere nascosta. Il Vangelo non è un patrimonio esclusivo, ma è una responsabilità in più per i membri della comunità, chiamati a comunicarlo. Nell'esperienza di Sant'Egidio essere discepoli e vivere e comunicare la Parola di Gesù sono sinonimi. Si tratta di un'esperienza di gioia e di festa, come nel Vangelo di Luca, quando i settantadue discepoli tornarono felici dicendo: “Signore, anche i demoni si sottomettono a noi nel tuo nome” (Lc. 10, 17). E' l'esperienza di ogni discepolo e di ognuno nella Comunità di Sant'Egidio, che ha portato, in questi anni, a vivere una “fraternità missionaria” in molte parti del mondo.

Icona del Santo Volto
Chiesa

OFFLINE
2/9/2010 6:27 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Comunità senza frontiere e senza muri

L'amicizia tra persone di culture e nazioni differenti è il modo quotidiano in cui si esprime questa fraternità internazionale che è al tempo stesso apertura al mondo e appartenenza ad un'unica famiglia, quella dei discepoli.


 


In un mondo che, alla fine del secondo millennio, esalta i confini e le differenze, nazionali e culturali, fino a farne motivo antico e nuovo di conflitto, le comunità di Sant'Egidio testimoniano l'esistenza di un destino comune non solo dei cristiani, ma di tutti.

Ci sono comunità più giovani e comunità più anziane, alcune sono più numerose e radicate di altre, come pure alcune sono più conosciute di altre nell'ambiente in cui vivono, ma tutte si sforzano di essere e davvero rappresentano un'unica famiglia attorno a Gesù.

Quella di Roma è la più anziana. Come prima comunità, svolge in questo senso un servizio alla comunione e alle comunità più nuove, senza altri limiti e confini che “quelli della carità”, come indicato a Sant'Egidio da papa Giovanni Paolo II per il 25° anniversario della comunità, nel 1993. Questa unità si esprime in una comunione e solidarietà concreta tra i fratelli e le sorelle, che si sono rivelate come la migliore forma di organizzazione della vita e dell’attività della comunità stessa.


 



[Edited by Credente 11/3/2020 9:43 AM]
OFFLINE
2/9/2010 6:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il servizio alla pace e all'umanizzazione del mondo

L'amicizia con i poveri ha condotto Sant'Egidio a comprendere meglio come la guerra sia la madre di tutte le povertà. E' così che amare i poveri, in molte situazioni, è diventato lavorare per la pace, per proteggerla dove è minacciata, per aiutare a ricostituirla, facilitando il dialogo, là dove è andato perduto. I mezzi di questo servizio alla pace e alla riconciliazione sono quelli poveri della preghiera, della parola, della condivisione di situazioni di difficoltà, l'incontro e il dialogo.

Anche dove non si può lavorare per la pace, la Comunità cerca di realizzare la solidarietà e l'aiuto umanitario alle popolazioni civili che più soffrono a causa della guerra.

Sono questi, forse, gli aspetti più conosciuti di Sant'Egidio, quelli di cui anche i mass media a volte parlano senza metterne sempre in luce, come capita, la continuità con l'aiuto ai più poveri presente nella comunità fin dai suoi inizi e la radice evangelica.

Alcuni membri della comunità sono stati facilitatori o mediatori veri e propri in conflitti fratricidi durati più di dieci anni, come in Mozambico, o più di trenta, come in Guatemala. L'Africa più povera attraversata dalla guerra, come anche i Balcani, ma non solo, sono nella memoria e al centro delle preoccupazioni e dell'impegno di Sant'Egidio. Anche attraverso esperienze di questo tipo è cresciuta la fiducia di Sant'Egidio nella “forza debole” della preghiera e nel potere di cambiamento della non violenza e della persuasione. Sono aspetti della vita dello stesso Signore Gesù, da lui vissuti fino alla fine.

 

In questa direzione la Comunità si pone costantemente al servizio del dialogo ecumenico e interreligioso. Dal 1987 in poi Sant'Egidio è impegnata a livello internazionale e di base per continuare in meeting, incontri e nella preghiera, il cosiddetto “spirito di Assisi”.

E' nel solco di questa urgenza evangelica che si colloca la recente battaglia per una moratoria mondiale di tutte le esecuzioni capitali dall'anno 2000, che la comunità ha intrapreso a livello internazionale assieme ad altre organizzazioni. E' un passaggio importante, che vede uno sforzo di particolare intensità di Sant'Egidio e di tutti i suoi membri in ogni parte dei mondo in cui sono presenti, per l'affermazione del valore della vita senza eccezioni, a tutti i livelli.

Hanno la medesima radice evangelica, mentre si esprimono come proposta a tutti gli uomini e a tutte le donne di buona volontà, indipendentemente dal credo religioso, anche altre iniziative umanitarie, come quella contro le mine anti uomo, ovvero il concreto aiuto ai profughi e alle vittime di guerre e carestie, come in Sud Sudan, Burundi, Albania e Kosovo, o le recenti azioni a sostegno delle popolazioni colpite in Centro America dall'uragano Mitch, o per la liberazione di schiavi, dove questa pratica inumana è ancora utilizzata.



 





[Edited by Credente 11/3/2020 9:49 AM]
OFFLINE
2/9/2010 6:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

28/01/2010

Parigi, Francia - Un Convegno che rafforza la collaborazione con le Figlie della Carità

Dal 18 al 22 gennaio si è svolto a Parigi un Convegno internazionale di formazione che ha visto riuniti rappresentanti della Comunità di Sant'Egidio e delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli.

La sede del Convegno è stata la Casa Generalizia delle Figlie della Carità in Rue du Bac, accanto al famoso e frequentato santuario della Medaglia miracolosa.

Tra le Suore Vincenziane e la Comunità di Sant'Egidio si è instaurata ormai da anni una felice e proficua collaborazione, che ha consentito di sviluppare DREAM in diversi paesi africani.

Oggi le Figlie della Carità, in collaborazione con Sant'Egidio, gestiscono dei centri DREAM in Mozambico, Nigeria, Camerun, Kenya, Repubblica Democratica del Congo. E stanno per aprirne un altro in Tanzania.

Il Convegno ha rappresentato un grande momento di condivisione tra le due famiglie, quella vincenziana e quella di Sant'Egidio, unite da una passione comune per i poveri e per l’Africa e da una visione non rassegnata dei problemi dell’oggi, una visione che si apre con fiducia al futuro.

E’ su queste basi che si è lavorato per cinque giorni con impegno, analizzando problematiche relative ai diversi centri DREAM africani ed interrogandosi su come vivere ed affrontare le opportunità e le sfide che si profilano per i prossimi anni.


OFFLINE
1/19/2019 11:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

OFFLINE
3/31/2021 2:00 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

LAVORO E DISABILITA'

Il lavoro è nella vita di tutti una realtà importante, ma per chi è disabile assume una valenza ulteriore: libera le migliori energie e restituisce dignità.

Oggi trovarlo non è facile per nessuno e parlare di inserimento di persone con disabilità può sembrare quasi un lusso o un problema da affrontare in tempi migliori.
Ma la difficoltà a trovare un lavoro è proprio uno dei sintomi della mancata inclusione sociale delle persone con disabilità, anche se in Italia da anni esiste una legge la n. 68 del 1999 che garantisce l’inserimento lavorativo.
Il lavoro rimane un sogno segreto che potrebbe dare sapore alla vita e diventare, come per tutti, una opportunità unica per il proprio futuro.

Sin dall’inizio la Comunità di Sant’Egidio nell’amicizia con le persone con disabilità ha voluto farsi carico delle difficoltà e delle attese di ognuno e uno dei problemi affrontati è stato quello del lavoro. L’esperienza ricorrente era quella della formazione infinita: tirocini o corsi di formazione che alla fine non portavano a nessuno sbocco lavorativo.
Il sogno era quello di un futuro diverso da costruire insieme, disabili e non, amici, che hanno preso sul serio una profonda domanda di aiuto.
Per provare a rispondere a questa domanda nel 1991 è stata costituita una  cooperativa sociale la Società Cooperativa sociale “Pulcinella - Lavoro” a r.l.,  con la finalità di  favorire l’inserimento lavorativo, aprendo a Trastevere un piccolo locale dove all'inizio quattro disabili con i loro amici di Sant’Egidio hanno affrontato la sfida al mondo del lavoro.
La scelta di investire nel campo della ristorazione si è rivelata adeguata e ha permesso negli anni di allargarsi: nel 1998 il locale  si  sposta nella sede attuale di Piazza di S. Egidio, dove nasce la Trattoria de Gli Amici.

Ristorazione di qualità in un ambiente umano accogliente. Questa è la “Trattoria de Gli Amici”. Il suo menù reinterpreta la tradizione romana con alcune note originali.
Negli anni è cresciuto il numero di disabili che lavorano nel locale: alcuni in cucina collaborando con lo chef;  altri impegnati nel servizio in sala. Un gruppo di persone della Comunità di Sant’Egidio collabora in forma volontaria nella gestione del ristorante e affianca i disabili impiegati nella Trattoria.
Ma far lavorare le persone con disabilità è un vantaggio. I disabili sono il cuore dell’iniziativa e, con il loro tratto umano simpatico e l’amore per il lavoro la caratterizzano ed offrono al ristorante un’identità che lo rende attraente e competitivo. Redditività, concorrenza, produttività sono elementi presenti all’interno della Trattoria, e  sono gli stessi di qualsiasi luogo di lavoro, ma c’è un ingrediente in più, l’amicizia, che ha un effetto sorprendentemente dirompente. Le domande che sono sul dorso delle magliette dei camerieri: “Capace? Idoneo? Abile?” potrebbero essere rivolte a tutti, e la risposta, sul petto: “Amico” (semplicemente Amico) esprime in maniera sintetica una nuova cultura e una nuova concezione di disabilità

Negli anni, in molti non solo in Italia si sono ispirati all'esperienza della Trattoria degli Amici ed al suo mix di coraggio imprenditoriale e di innovazione sociale.

Nel 2017, nel cuore della città di Anversa,  ha aperto il bar "Amici, Coffee & Books". 
Anche in questo caso alla gestione partecipano persone disabili.

Un locale accogliente, in cui è possibile non solo prendere un caffè, ma anche mangiare ottimi dolci, e dare un'occhiata ai libri. Questo locale vuole essere un modello di inclusione nel mondo del lavoro.

Credere nelle potenzialità di crescita e di perfezionamento delle persone con disabilità significa infatti investire nella formazione. Vengono dunque  organizzati regoarmente corsi che coinvolgono persone con disabilità provenienti da ambiti diversi: dalla scuola alberghiera, dai servizi del territorio e da associazioni che si occupano di disabilità. Numerosi degli stagisti sono oggi impiegati presso mense, ristoranti e altri locali.
 

L’esperienza di Santì'Egidio ha fatto emergere con chiarezza che le persone con disabilità rappresentano una risorsa per il mondo del lavoro:  non solo perchè possono lavorare in modo professionale, ma mostrano di essere motivati in maniera seria e profonda, fattore che ne esalta la capacità di relazione, supplisce ad eventuali difficoltà e crea un ambiente ed un rapporto con i clienti che - particolarmente nel campo della ristorazione - mostra di essere ricco di opportunità per i locali in cui lavorano.
 


OFFLINE
3/31/2021 2:08 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

la Comunità di Sant'Egidio  offre aiuto attraverso le distribuzioni alimentari e il sostegno scolastico.
Due modi concreti per reagire alle diseguaglianze aggravate dalla pandemia.


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
*****************************************
Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:57 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2021 www.freeforumzone.com